Carrier IQ, indagini federali

Il management della società spiona e le agenzie del Congresso statunitense si incontrano e discutono: Carrier IQ sostiene di aver chiesto l'incontro, fonti interne parlano invece di indagini in corso
Il management della società spiona e le agenzie del Congresso statunitense si incontrano e discutono: Carrier IQ sostiene di aver chiesto l'incontro, fonti interne parlano invece di indagini in corso

Dopo il coinvolgimento conclamato dell’FBI nello scandalo Carrier IQ , arriva ora la conferma ufficiale del fatto che le autorità federali statunitensi sono pienamente coinvolte nella faccenda e intendono analizzare fino in fondo le pratiche di data logging del rootkit per gadget mobile realizzato dalla società.

Si viene dunque a sapere che il management di Carrier IQ è stato impegnato in un meeting con la Federal Trade Commission e la Federal Communications Commission, le due agenzie federali indipendenti a salvaguardia della concorrenza, della libertà delle comunicazioni e del rispetto della privacy degli utenti.

La politica era già stata coinvolta nell’ affaire Carrier IQ grazie all'”ultimatum” inviato dal senatore Al Franken, e sia FTC che FCC vorranno certamente conoscere i dettagli dell’operato della discussa società che si dice orgogliosa di installare surrettiziamente il proprio software di logging su centinaia di milioni di cellulari nel mondo.

Per quanto riguarda i dettagli dell’incontro, al momento non è dato sapere nulla: è avvenuto a porte chiuse. Carrier IQ ribadisce la propria volontà di “trasparenza” nei confronti di autorità e pubblico e dice di aver chiesto essa stessa il meeting con FTC e FCC. Fonti interne a FTC, però, sostengono che nei confronti di Carrier IQ sia stata ufficialmente avviata un’indagine.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 12 2011
Link copiato negli appunti