Cassandra Crossing/ AGCOM, dieci anni dopo

di M. Calamari - In queste ore sono in molti a strepitare per questioni che dovrebbero preoccuparci da anni. Il regolamento AGCOM è solo un sintomo della malattia che sta cambiando il mondo in peggio

Roma – Dieci anni or sono, anzi, di più, per l’esattezza 3755 giorni or sono, il babbo di Cassandra (non Priamo) iniziava la sua collaborazione con questa testata con un articolo recante il ponderoso titolo di Economia della scarsità ed economia dell’abbondanza .

L’articolo, pur occupandosi di temi apparentemente tra loro molto distanti quali economia, e-book ed OGM, era centrato sull’importanza di una presa di coscienza sul problema del copyright e della libera circolazione dell’informazione, chiedendo a tutti, con molta convinzione e forse altrettanta ingenuità, di assumere una posizione che considerasse anche gli interessi delle persone e della società, e non unicamente fattori economici incidentali.
Auspicava che la cultura, in tutti i suoi aspetti, fosse considerata sempre e comunque un diritto sociale e la sua massima diffusione un vantaggio per la società nel suo complesso.
Non si trattava di una posizione particolarmente rivoluzionaria: le biblioteche pubbliche, non a caso oggi in crisi, dove chiunque poteva accedere gratuitamente a gran parte dello scibile umano, erano già da secoli considerate in quasi tutti i paesi occidentali dei pilastri della società.

Dieci anni fa l’effetto rivoluzionario dell’avvento della società dell’informazione era già perfettamente chiaro agli addetti ai lavori ed agli operatori economici della cultura: non lo era invece affatto a livello di coloro che possiamo chiamare in questo caso sia “cittadini” che “consumatori”.

Il problema, anzi, la barriera da rendere visibile, non necessariamente da abbattere completamente, era quella degli effetti nefasti e perversi che l’abuso delle varie forme di controllo e limitazione alla libera circolazione delle informazioni e della cultura, quali diritto d’autore, brevetti, copyright e proprietà intellettuale, avrebbe avuto sulla società e sulla cultura stessa.
Nessuno sembrava averlo capito allora.
Nessuno sembra averlo capito oggi.

Al contrario, tutti sembrano convinti di vivere in una crescente abbondanza di informazione e cultura e, tranne poche eccezioni, non percepiscono quanto possano essere nefasti gli effetti di questo controllo informativo che potremmo riassumere, con un suo uso esteso, nella dizione “proprietà intellettuale”.
Il fatto che invenzioni, medicine, musica, letteratura, cultura, genoma vegetale, animale ed umano siano “proprietà” di qualcuno, e lo siano per durate ridicolmente, anzi tragicamente lunghe sembra solo un problema secondario, se non addirittura un “diritto” di chi la cultura la produce.

Non è necessario essere su posizioni estremistiche per sostenere che si tratta di una perversione sociale, che ancora pochi decenni or sono sarebbe sembrata contro natura. Allora come adesso era perfettamente chiaro che un autore o un inventore aveva il diritto di vivere del suo lavoro, come un idraulico o un neurochirurgo, e che doveva esistere ed essere imposta una forma legale che glielo consentisse.
Ma la cessione dei diritti a multinazionali che non creano niente ma vivono e prosperano con rendite di posizione e dalla durata irragionevole, come la negazione di cure e cultura praticamente gratuite a larghe fasce degli abitanti del Pianeta, sarebbe stata considerata, se non uno scandalo almeno un’importatissimo argomento di discussione.
Chissà cosa ne scriverebbero Marx o Keynes se producessero oggi “Il Capitale” o “La Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse e della moneta”.

Ma per chiudere il tema di oggi, che diritto avete di meravigliarvi e protestare tardivamente per iniziative anomale e lesive dei diritti civili come il regolamento AGCOM ?
In particolare perché certi personaggi sembrano “cadere dal pero” e si stracciano le vesti, come se il regolamento AGCOM fosse solo una deleteria ed isolata iniziativa la cui eliminazione risolverebbe ogni problema?
Si tratta invece “solo” del sintomo di una malattia dell’intera società, che diventa tanto più grave quanto più l’informazione diventa una risorsa indispensabile.

Il babbo di Cassandra, dieci anni dopo, può solo concludere di non aver convinto praticamente nessuno, cosa certo non stupefacente.

Gli resta però incomprensibile come si continui, in sedi certo non sospettabili, a guardare il dito e non la luna, a discutere su dettagli incidentali come il regolamento AGCOM e non sulla reale malattia che affligge il mondo delle idee e della cultura nella società dell’informazione.

Questa malattia ha un nome preciso, si chiama “proprietà intellettuale”.
Il resto, tutto il resto, incluso il regolamento AGCOM, sono solo logiche conseguenze.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari
Cassandra Crossing/ Scuola formazione e pensiero

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Eugenio Guastatori scrive:
    Aria Frittissima
    Mi piaccono questi articoli senza ne capo ne coda.Per quanto riguarda l'editoria elettronica, concordo pienamente, potevano gettare un occhio di riguardo anche agli ebook che sono più ecologici (ma stranamente non economici). È strano anche perché il parlamento è pieno di giovani ed un emendamentino da parte dei giovani dei vari schieramenti, penso sarebbe passato senza difficoltà anche tra gli anziani pachidermi.Per quanto riguarda il resto, a parte che non ho capito chi è la "figlia di fico" , citata nell'articolo (per chi lo ha letto ovviamente), ricordo semplicemente che l'articolo inerente la "Google Tax" era un tentativo di far pagare le tasse anche ad associazioni che lavorano in italia come fossero italiane, ma hanno sede all'estero (visto che la maggior parte degli italiani continuano a non volerle pagare e altri non ci riescono più ). Hanno visto che non funzionava ed è stato criticato anche da Renzi, quindi pare lo abbiano ritirato. Ci si potrebbe fare un dibattito ventennale, me il sunto è piuttosto povero.Per quanto riguarda la questione AGCOM che può essere effettivamente vista un abuso di potere, pericoloso per la libertà di espressione e la democrazia, ricordo che Scorza ne aveva parlato ben 10 anni fa, infatti, si tratta di una decisione autonoma, che mette in pratica il DL 90 del 2003, firmata da Ciampi e presentata in prima persona da Silvio Berlusconi.Mi spiace che certi giornalucoli di provincia in numerosi articoli si dimentichino sempre di citare certi particolari si vedono ragionamenti arzigogolati per cercare di far capire ciò che non è e raggiungere particolari obiettivi politici. Pare che lo facciano per propaganda politica spicciola e non per stabilire la verità dei fatti e se lo fanno è perché di solito funziona.
    • Leguleio scrive:
      Re: Aria Frittissima

      Mi piaccono questi articoli senza ne capo ne coda."Mi piacciono questi articoli senza né capo né coda."Si chiamano "pastoni", in gergo giornalistico: http://www.treccani.it/vocabolario/pastone/
      Per quanto riguarda il resto, a parte che non ho
      capito chi è la <i
      "figlia di fico" </i
      , citata
      nell'articolo (per chi lo ha letto ovviamente),Scambiare una foglia di fico per una "figlia di fico", è da Mantellini. Ma come mai non leggono l'articolo, ma come mai? (newbie)Il concetto è: si mettono le mani avanti contro le critiche di incompetenza e di scarso interesse al tema nominando consulenti esperti nel campo di ogni orientamento. Certo, se i consulenti non hanno alcun peso è come se non ci fossero. Tanto valeva non nominarli nemmeno. :|
      ricordo semplicemente che l'articolo inerente la
      "Google Tax" era un tentativo di far pagare le
      tasse anche ad associazioni che lavorano in
      italia come fossero italiane, ma hanno sede
      all'estero (visto che la maggior parte degli
      italiani continuano a non volerle pagare e altri
      non ci riescono più ). Hanno visto che non
      funzionava ed è stato criticato anche da Renzi,
      quindi pare lo abbiano ritirato. Allora, lo hanno modificato in nottata: l'obbligo di aprire una partita Iva per le aziende che operano in Italia non sussiste più. Sussiste solo per chi vende pubblicità e per chi fa affari connessi col diritto d'autore.Ora la palla passa all'aula.
      Per quanto riguarda la questione AGCOM che può
      essere effettivamente vista un abuso di potere,
      pericoloso per la libertà di espressione e la
      democrazia, ricordo che Scorza ne aveva parlato
      ben 10 anni fa, infatti, si tratta di una
      decisione autonoma, che mette in pratica il DL 90
      del 2003, firmata da Ciampi e presentata in prima
      persona da Silvio
      Berlusconi.Allora, quel decreto stabiliva che l'Autorità avesse un potere sanzionatorio proprio in questa materia. Il regolamento in sé è stato posto alla consultazione pubblica il 25 luglio di quest'anno, e approvato al termine della consultazione pochi giorni fa. E presdelcons era proprio Letta.
      Mi spiace che certi giornalucoli di provincia in
      numerosi articoli si dimentichino sempre di
      citare certi particolari si vedono ragionamenti
      arzigogolati per cercare di far capire ciò che
      non è e raggiungere particolari obiettivi
      politici.No, nei casi di giornalucoli, di provincia e no, lo scopo è solo quello di attrarre tanti clic in poco tempo. Strategia ben rodata, era già stata messa in atto 15 giorni fa con l'assurda pretesa che la Medusa film avesse fatto chiudere un portale sociale russo per... un singolo film scaricabile da lì. Il quale singolo film era campione di incassi, incidentalmente, quindi anche solo per curiosità la gente leggeva l'articolo.Le tecniche di persuasione occulta al clic funzionano così.
      Pare che lo facciano per propaganda politica
      spicciola e non per stabilire la verità dei fatti
      e se lo fanno è perché di solito
      funziona.La verità è noiosa. Nessun quotidiano resiste alla tentazione di condirla con tratti da telenovela o da film western.
      • Eugenio Guastatori scrive:
        Re: Aria Frittissima


        Allora, quel decreto stabiliva che l'Autorità
        avesse un potere sanzionatorio proprio in questa
        materia. Il regolamento in sé è stato posto alla
        consultazione pubblica il 25 luglio di
        quest'anno, e approvato al termine della
        consultazione pochi giorni fa. E presdelcons era
        proprio Letta.
        Ok, su questo hai perfettamente ragione.In realtà mi riferivo a certi articoli del FQ (citato da Mantellini) che hanno titolato roba tipo : "Il PD vuole censurare Internet" , citando in primis la proposta della WebTax che non ha molto a che vedere con la censura (più con la tipica legislazione celebrolesa italiana) e poi a seguito nello stesso articolo, senza alcun riferimento preciso al regolamento AGCOM invocando censura e forconi vari.Poiché (bonariamente) sono convinto che <s
        la maggior parte dei </s
        i giornalisti abbiano almeno una vaga idea di ciò che scrivono, ho come l'idea che, il fatto di non aver spiegato nello stesso articolo che i poteri giudiziari, fossero stati dati all'AGCOM da una legge di 10 anni fa (e che all'epoca suscitò parecchie dimenticate polemiche), abbia un preciso scopo, che non è quello di stabilire i fatti così come sono ma di sparare nel mucchio per ottenere precisi scopi politici.Personalmente posso anche condividere tali scopi politici, il problema è che fondare le proprie rivoluzioni sul populismo, senza volontariamente chiarire le questioni serie che nascondono, non porta ad un miglioramento della situazione ma anzi tende a far disperdere in rivoli di discorsi senza senso, ogni tentativo di cambiamento ed ho l'impressione che questo sia l'unico vero scopo finale.
        • Leguleio scrive:
          Re: Aria Frittissima

          In realtà mi riferivo a certi articoli del FQ
          (citato da Mantellini) che hanno titolato roba
          tipo : "Il PD vuole censurare Internet" , citando
          in primis la proposta della WebTax che non ha
          molto a che vedere con la censura (più con la
          tipica legislazione celebrolesa italiana) e poi a
          seguito nello stesso articolo, senza alcun
          riferimento preciso al regolamento AGCOM
          invocando censura e forconi
          vari.

          Poiché (bonariamente) sono convinto che
          <s
          la maggior parte dei </s
          i
          giornalisti abbiano almeno una vaga idea di ciò
          che scrivono, ho come l'idea che, il fatto di non
          aver spiegato nello stesso articolo che i poteri
          giudiziari, fossero stati dati all'AGCOM da una
          legge di 10 anni fa (e che all'epoca suscitò
          parecchie dimenticate polemiche), abbia un
          preciso scopo, che non è quello di stabilire i
          fatti così come sono ma di sparare nel mucchio
          per ottenere precisi scopi
          politici.

          Personalmente posso anche condividere tali scopi
          politici, il problema è che fondare le proprie
          rivoluzioni sul populismo, senza volontariamente
          chiarire le questioni serie che nascondono, non
          porta ad un miglioramento della situazione ma
          anzi tende a far disperdere in rivoli di discorsi
          senza senso, ogni tentativo di cambiamento ed ho
          l'impressione che questo sia l'unico vero scopo
          finale.Ti seguo, ma in Italia è sempre andata così. Indignati per i motivi sbagliati. A volte per genuina ignoranza, a volte strumentalizzati da organi come il FQ.Del resto il proverbio dice "se non puoi picchiare il cavallo, picchia la sella". Molti responsabili dello sfacelo italiano non ci sono più. E contro qualcuno bisogna sfogarsi. :|
        • panda rossa scrive:
          Re: Aria Frittissima
          - Scritto da: Eugenio Guastatori

          Poiché (bonariamente) sono convinto che
          <s
          la maggior parte dei </s
          i
          giornalisti abbiano almeno una vaga idea di ciò
          che scrivono, I giornalisti hanno una vaga idea di quello che scrivono solo quando parlano di gossip.Per gli argomenti tecnici o scientifici, i giornalisti NON HANNO LA BENCHEMINIMA IDEA di quello che scrivono.Copiano beceramente o passano il testo al traduttore di google e lo inseriscono senza neppure rileggerlo.
      • panda rossa scrive:
        Re: Aria Frittissima
        - Scritto da: Leguleio
        Il concetto è: si mettono le mani avanti contro
        le critiche di incompetenza e di scarso interesse
        al tema nominando consulenti esperti nel campo di
        ogni orientamento. Certo, se i consulenti non
        hanno alcun peso è come se non ci fossero. Tanto
        valeva non nominarli nemmeno.
        :|Se li nomini li devi anche pagare come minimo fifty fifty.

        Allora, lo hanno modificato in nottata: l'obbligo
        di aprire una partita Iva per le aziende che
        operano in Italia non sussiste più. Sussiste solo
        per chi vende pubblicità e per chi fa affari
        connessi col diritto
        d'autore.
        Ora la palla passa all'aula. Il che significhera la fine di questi affari alla luce del sole.

        Allora, quel decreto stabiliva che l'Autorità
        avesse un potere sanzionatorio proprio in questa
        materia. Il regolamento in sé è stato posto alla
        consultazione pubblica il 25 luglio di
        quest'anno, e approvato al termine della
        consultazione pochi giorni fa. E presdelcons era
        proprio Letta. Presidente nominato dai poteri centrali, non certo espressione di una democratica elezione.Giusto per la precisione.

        Mi spiace che certi giornalucoli di
        provincia
        in

        numerosi articoli si dimentichino sempre di

        citare certi particolari si vedono
        ragionamenti

        arzigogolati per cercare di far capire ciò
        che

        non è e raggiungere particolari obiettivi

        politici.

        No, nei casi di giornalucoli, di provincia e no,
        lo scopo è solo quello di attrarre tanti clic in
        poco tempo. Strategia ben rodata, era già stata
        messa in atto 15 giorni fa con l'assurda pretesa
        che la Medusa film avesse fatto chiudere un
        portale sociale russo per... un singolo film
        scaricabile da lì. Il quale singolo film era
        campione di incassi, incidentalmente, quindi
        anche solo per curiosità la gente leggeva
        l'articolo.Guarda che era vero. Ci sono i dati degli incassi al botteghino.
        Le tecniche di persuasione occulta al clic
        funzionano così.Le tecniche di persuasione al click prevedono un paio di tette.La gente non sa leggere: guarda solo le figure.

        Pare che lo facciano per propaganda politica

        spicciola e non per stabilire la verità dei
        fatti

        e se lo fanno è perché di solito

        funziona.

        La verità è noiosa. Nessun quotidiano resiste
        alla tentazione di condirla con tratti da
        telenovela o da film
        western.La verita' e' sintetica, non noiosa.Per scrivere la verita' basta il titolo dell'articolo.Se l'articolo poi contiene tratti da telenovela o da film western, non lamentiamoci se non lo legge nessuno.
        • Leguleio scrive:
          Re: Aria Frittissima

          Certo, se i consulenti non

          hanno alcun peso è come se non ci fossero.
          Tanto

          valeva non nominarli nemmeno.

          :|
          Se li nomini li devi anche pagare come minimo
          fifty
          fifty.Spese di rappresentanza. :)Un tempo c'erano le auto blu, spesso più d'una, oggi vanno forte i consulenti informatici. :D

          Ora la palla passa all'aula.

          Il che significhera la fine di questi affari alla
          luce del
          sole.Non ho capito la frase. Il voto in aula è palese, ma è probabile il voto di fiducia... siamo lì. :
          Il regolamento in sé è stato posto
          alla

          consultazione pubblica il 25 luglio di

          quest'anno, e approvato al termine della

          consultazione pochi giorni fa. E presdelcons
          era

          proprio Letta.
          Presidente nominato dai poteri centrali, non
          certo espressione di una democratica
          elezione.
          Giusto per la precisione.In Italia il presidente del consiglio non è nominato dagli elettori. Per disposizione costituzionale. Lo hanno fatto credere con gli ultimi due sistemi elettorali, il mattarellum e il porcellum, ma era un bluff. E secondo me, se avessero posto la questione del nome del presidente del consiglio sulla scheda elettorale alla Corte costituzionale sarebbe stato bocciato anche quello. Ma era un dettaglio, nessuno fra i ministri dell'interno e i Presidenti della repubblica lo ha mai preso sul serio, e nemmeno valeva la pena sottoporlo a quella corte.In Italia il presidente del Consiglio è deciso dal presidente della Repubblica, e solo da lui.

          No, nei casi di giornalucoli, di provincia e
          no,

          lo scopo è solo quello di attrarre tanti
          clic
          in

          poco tempo. Strategia ben rodata, era già
          stata

          messa in atto 15 giorni fa con l'assurda
          pretesa

          che la Medusa film avesse fatto chiudere un

          portale sociale russo per... un singolo film

          scaricabile da lì. Il quale singolo film era

          campione di incassi, incidentalmente, quindi

          anche solo per curiosità la gente leggeva

          l'articolo.

          Guarda che era vero. Ci sono i dati degli incassi
          al
          botteghino.Certo che era vero che gli incassi erano più che ottimi.. Ma non era vero, e francamente inverosimile, che la Medusa film mandasse una richiesta di blocco di un portale russo per <B
          un solo film </B
          . Che tra l'altro stava andando benissimo, non era certo una priorità. Non sarebbe mai stata accolta.


          Pare che lo facciano per propaganda
          politica


          spicciola e non per stabilire la verità
          dei

          fatti


          e se lo fanno è perché di solito


          funziona.



          La verità è noiosa. Nessun quotidiano resiste

          alla tentazione di condirla con tratti da

          telenovela o da film

          western.

          La verita' e' sintetica, non noiosa.
          Per scrivere la verita' basta il titolo
          dell'articolo.
          Se l'articolo poi contiene tratti da telenovela o
          da film western, non lamentiamoci se non lo legge
          nessuno.No no, lo leggono. E poi fanno ragionamenti sbagliati sul relativo forum. ma questo è voluto, i ragionamenti sbagliati attirano più clic dei ragionamenti giusti, perché puntano alla pancia del lettore.
  • Ubunto scrive:
    Renzi elimina la webtax
    così ho sentito alla radio. Ieri notte, su sollecito di Matteo Renzi, l'emendamento google-tax è stato ritirato.EDIT: macchè, l'hanno solo modificata limitandola alla pubblicità.E' incredibile quanto sia autolesionista ed ottuso il PD.Fra questa della webtax, la tangente SIAE e l'incapacità di prendere il regolamento AGCOM e pulircisi il XXXX, davvero non riuscirei a crederci. Se non fosse la realtà.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 dicembre 2013 12.31-----------------------------------------------------------
    • il peggio scrive:
      Re: Renzi elimina la webtax
      - Scritto da: Ubunto
      EDIT: macchè, l'hanno solo modificata limitandola
      alla
      pubblicità.
      E' incredibile quanto sia autolesionista ed
      ottuso il
      PD.
      Fra questa della webtax, la tangente SIAE e
      l'incapacità di prendere il regolamento AGCOM e
      pulircisi il XXXX, davvero non riuscirei a
      crederci. Se non fosse la
      realtà.ma scusa, non mi dirai che volevi anche votarli spero!no perché se vuoi ti regalo un martello da muratore col quale potrai agilmente farti del male, senza bisogno di andare alle urne :Dche tragedia che tragedia...PS: almeno il comportamento dei fan dell'evasore si spiega col fatto che sono dei delinquenti: ma questi qui vogliono pure passare per onesti :)
    • Aleb scrive:
      Re: Renzi elimina la webtax

      E' incredibile quanto sia autolesionista ed
      ottuso il
      PD.O meglio, in cattiva fede.
  • Francesco scrive:
    Ci sono o ci fanno
    Sono almeno 15 anni che la sinistra italiana rema contro lo sviluppo digitale, dai tempi della sciagurata privatizzazione della Telecom.Non credo ci sia dietro un disegno, è solo l'inettitudine di gente cresciuta a slogan e che non sa fare altro che motteggiare.
  • tucumcari scrive:
    capiamoci subito
    Vuoi fare anche oggi la figura del XXXXX o ti prendi una "pausa di riflessione"?[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/7/79/Tweety.png/200px-Tweety.png[/img]
  • Gennarino B scrive:
    Fino a 3 anni fa
    Quando c'era Berlusconi ogni leggina contro internet (perche' le faceva) rimbombava giustamente nei grandi giornaloni, da repubblica alla stampa, come "inacettabili attacchi alla liberta' della rete e favoritismi verso la televisione orpello del passato".Ecco, ora che B. non c'e' quasi piu', com'e' che le leggine anti-internet le fa TALI E QUALI E PURE PEGGIO pure il partito dei "progressisiti" nel COMPLETO SILENZIO/ASSENSO dei suoi giornaloni di riferimento?attendo lumi dagli illuminati elettori di parte politica.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Fino a 3 anni fa
      lasciamo perdere repubblica che è finge di essere imparziale, ma poi è palesemente di parte del versante opposto.
    • rockroll scrive:
      Re: Fino a 3 anni fa
      - Scritto da: Gennarino B
      Quando c'era Berlusconi ogni leggina contro
      internet (perche' le faceva) rimbombava
      giustamente nei grandi giornaloni, da repubblica
      alla stampa, come "inacettabili attacchi alla
      liberta' della rete e favoritismi verso la
      televisione orpello del
      passato".

      Ecco, ora che B. non c'e' quasi piu', com'e' che
      le leggine anti-internet le fa TALI E QUALI E
      PURE PEGGIO pure il partito dei "progressisiti"
      nel COMPLETO SILENZIO/ASSENSO dei suoi giornaloni
      di
      riferimento?

      attendo lumi dagli illuminati elettori di parte
      politica.Hai centrato un situazione di fatto che a molti (circa il 50% degli italioti) fa scomodo ammettere o anche solo prendere in considerazione. Non sto difendendo il Berluska (dispregiativamente il nano per quel 50%), non ne avrei motivo, sto solo denunciando il comportamento unilaterale che tu hai rimarcato. Alla faccia dell'imparzialità (... della Giustizia, aggiungerei ...) Due pesi e due misure. Così vanno le cose in un'Italietta silenziosamente sbilanciata a sinistra di fatto. un apolitico
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Fino a 3 anni fa
        Non direi che sia sbilanciata a "sinistra" anche perchè se permetti uno come B, difficilmente lo si trovava altrove in italia, con tanti pendenze giudiziarie e con uno stormo di avocati e altro a fargli la legge per salvarli la faccia.Per il resto, "la sinistra" non è sicuramente meglio, visto che fino a prova contraria non ha mai tentato di fermarlo seriamente quando poteva, non è un caso se adesso "la sinistra" cerca di dare peste e corna a l'unica alternativa che è riuscita ad entrare in parlamento.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Fino a 3 anni fa
      contenuto non disponibile
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Fino a 3 anni fa
        Mi ricorda molto certi politoghi da 160 caratteri su twitter che ora fa il parallelismo M5s+ù = Berlusconipdlforzaitalia fratto fascisti.Come anche la storia del "fanno i buffoni con i nostri soldi", per vedere cosa hanno fatto e costa provano a fare, basterebbe poco ad informarsi, giusto per avere una semplice idea.Se poi la gente si limita a leggere i quotidiani (quelli che non erano filo B, ora sono contro m5s a livelli ridicoli, tanto più che pure alcuni giornalisti free lance che lavorano si sono interrogati su questo accanimento, pure quelli che son sempre stati critici su grillo e co.) e i TG, in un paese dove la libertà di stampa e semi inesistente, l'unico paese "semi libero" d'europa....
        • max scrive:
          Re: Fino a 3 anni fa
          Ma che quotidiani... basta leggere il blog di Grillo. Si sputa in faccia da solo.Tu, a proposito, lo leggi il blog di Grillo?
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Fino a 3 anni fa
            - Scritto da: max
            Ma che quotidiani... basta leggere il blog di
            Grillo. Si sputa in faccia da
            solo.
            Tu, a proposito, lo leggi il blog di Grillo?Io non mi limito a leggere un solo posto, ma in tutta onesta nel blog di grillo non ci sono robe da "si spunta in faccia da solo", almeno che uno non si limita a quel che dicono certi giornalisti o a chiavi di lettura personali.Del resto quel sito ha i suoi limiti sopratutto per un movimento politico che aspira ad esistere al di fuori di Grillo.
    • krane scrive:
      Re: Fino a 3 anni fa
      - Scritto da: Gennarino B
      il partito dei "progressisiti"Chi ????
    • Eugenio Guastatori scrive:
      Re: Fino a 3 anni fa


      attendo lumi dagli illuminati elettori di parte
      politica.Mi spiace, non sono di parte politica però due articoli più sotto c'è Calamari che ci dice che l'AGCOM agisce in base ad un DL (70/2003) che è di 10 anni e indovina chi era primo ministro e presentatore del decreto ?
      • Gennarino B scrive:
        Re: Fino a 3 anni fa
        Sempre colpa di Berlusconi insomma.Ma fatela finita, il PD si sta confermando un'immondezzaio uguale.
        • Eugenio Guastatori scrive:
          Re: Fino a 3 anni fa
          - Scritto da: Gennarino B
          Sempre colpa di Berlusconi insomma.Ma che ne so, io non l'ho manco nominato, l'hai nominato tu.Personalmente non penso che Berlusconi sia stato o sia il male dell'Italia, io penso che sia un uomo particolarmente sfortunato che quando succede qualche ca..ata per misteriosi motivi, si trova sempre di mezzo.Prendi per esempio il DL che ha dato poteri giudiziari ad AGCOM (citata dalla stessa nella stesura del regolamento), che sarebbe questo :http://www.interlex.it/testi/dlg0370.htmNon ho mica detto che colpa sua se il suo nome appare in fondo, subito dopo il Presidente della Repubblica di allora o il fatto che la sua famiglia sia la principale beneficiaria delle leggi stringenti sul copyright in quanto possiede la principale azienda televisiva privata italiana, è tutta una serie di sfortunatissime coincidenze e basta.
  • TEOFILATTO DEI LEONZI scrive:
    APRITE GLI OCCHI
    Mi raccomando.Alle prossime elezioni votate partito democratico.APRITE GLI OCCHI! PER FAVORE ! APRITE GLI OCCHI!Questi non meglio di berlusconi
  • Anti scrocconi scrive:
    per una volta concordo
    Questa è una delle rarissime volte (forse la prima) in cui concordo con le opinioni di P.I. e dei suoi fan. Dubito capiterà di nuovo a breve.
    • gennaro scrive:
      Re: per una volta concordo
      - Scritto da: Anti scrocconi
      Questa è una delle rarissime volte (forse la
      prima) in cui concordo con le opinioni di P.I. e
      dei suoi fan. Dubito capiterà di nuovo a
      breve.potremmo parlarne davanti a un kebab :)
  • Andrea Ganduglia scrive:
    No alla #webtax
    Petizione contro #webtax su Change.org: http://goo.gl/ZQ51Pv. Firma e fai girare, grazie! #nowebtax
    • Leguleio scrive:
      Re: No alla #webtax

      Petizione contro #webtax su Change.org:
      http://goo.gl/ZQ51Pv. Firma e fai girare, grazie!
      #nowebtaxLe petizioni online, a differenza che negli Usa, non hanno alcun valore. O si fanno petizioni su carta, con firme su carta, o si lascia perdere.
      • MacGeek scrive:
        Re: No alla #webtax
        - Scritto da: Leguleio

        Petizione contro #webtax su Change.org:

        http://goo.gl/ZQ51Pv. Firma e fai girare,
        grazie!

        #nowebtax

        Le petizioni online, a differenza che negli Usa,
        non hanno alcun valore. O si fanno petizioni su
        carta, con firme su carta, o si lascia
        perdere.Poi magari change.org non ha nemmeno la partita iva italiana e Letta ti manda gli sgherri
        • Leguleio scrive:
          Re: No alla #webtax



          Petizione contro #webtax su Change.org:


          http://goo.gl/ZQ51Pv. Firma e fai
          girare,

          grazie!


          #nowebtax



          Le petizioni online, a differenza che negli
          Usa,

          non hanno alcun valore. O si fanno petizioni
          su

          carta, con firme su carta, o si lascia

          perdere.

          Poi magari change.org non ha nemmeno la partita
          iva italiana e Letta ti manda gli
          sgherriEh sì. Oltre a non servire a nulla, ti becchi una multa salata. E non è detto che quelli che hanno firmato fino a lì abbiano volta di dividere l'importo equamente.
          • tucumcari scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio



            Petizione contro #webtax su
            Change.org:



            http://goo.gl/ZQ51Pv. Firma e fai

            girare,


            grazie!



            #nowebtax





            Le petizioni online, a differenza che
            negli

            Usa,


            non hanno alcun valore. O si fanno
            petizioni

            su


            carta, con firme su carta, o si lascia


            perdere.



            Poi magari change.org non ha nemmeno la
            partita

            iva italiana e Letta ti manda gli

            sgherri

            Eh sì. Oltre a non servire a nulla, ti becchi una
            multa salata. E non è detto che quelli che hanno
            firmato fino a lì abbiano volta di dividere
            l'importo
            equamente.Ma certo la multa per la petizione...In base a quale legge o norma?Legù facci capire ma quando scrivi queste baggianate ci credi pure?
      • Etype scrive:
        Re: No alla #webtax
        - Scritto da: Leguleio
        Le petizioni online, a differenza che negli Usa,
        non hanno alcun valore. O si fanno petizioni su
        carta, con firme su carta, o si lascia
        perdere.Quindi tutte quelle che riguardano l'europa sono fasulle ?Change.org non è dello stesso parere,con tanto di risultati...
        • Leguleio scrive:
          Re: No alla #webtax


          Le petizioni online, a differenza che negli Usa,

          non hanno alcun valore. O si fanno petizioni su

          carta, con firme su carta, o si lascia

          perdere.

          Quindi tutte quelle che riguardano l'europa sono
          fasulle
          ?Mai parlato di fasulle. Sono totalmente inutili, per chi sa cos'è una petizione vera.
          Change.org non è dello stesso parere,con tanto di
          risultati...Nemmeno EType è d'accordo quando gli dico che si deve far vedere da uno bravo. È nella natura delle cose.
          • krane scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Nemmeno EType è d'accordo quando gli dico
            che si deve far vedere da uno bravo. È
            nella natura delle cose.Potresti farlo andare dal tuo, ma forse ha gia' troppo lavoro o abitate lontani...
          • 44 sgabbi in fila per 6 scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Leguleio


            Nemmeno EType è d'accordo quando gli dico

            che si deve far vedere da uno bravo. È

            nella natura delle cose.

            Potresti farlo andare dal tuo, ma forse ha gia'
            troppo lavoro o abitate
            lontani...è piuttosto ovvio oltretutto che il suo non è bravo.
          • tagliatelle di sgabbio scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: 44 sgabbi in fila per 6
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Leguleio




            Nemmeno EType è d'accordo quando gli
            dico


            che si deve far vedere da uno bravo.
            È


            nella natura delle cose.



            Potresti farlo andare dal tuo, ma forse ha
            gia'

            troppo lavoro o abitate

            lontani...
            è piuttosto ovvio oltretutto che il suo non è
            bravo.06/10
          • Etype scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Mai parlato di fasulle. Sono totalmente inutili,
            per chi sa cos'è una petizione vera.Che senso ha fare una petizione che non arriva da nessuna parte,dopo un paio non se ne farebbero più,giusto ?
            Nemmeno EType è d'accordo quando gli dico che si
            deve far vedere da uno bravo.Non ne ho bisogno,tu si invece ...e anche parecchio.
            È nella natura
            delle
            cose.Ecco speriamo che la natura faccia il suo dovere con te ...
          • Leguleio scrive:
            Re: No alla #webtax


            Mai parlato di fasulle. Sono totalmente inutili,

            per chi sa cos'è una petizione vera.

            Che senso ha fare una petizione che non arriva da
            nessuna parte,dopo un paio non se ne farebbero
            più,giusto
            ?Non sono nella mente bacata di quelli che fanno certe cose, né ci tengo. Chiedilo a loro, sono più vicini al tuo modo di pensare.Posso solo dire che fare un programma per creare milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta volerlo.

            Nemmeno EType è d'accordo quando gli dico che si

            deve far vedere da uno bravo.

            Non ne ho bisogno,tu si invece ...e anche
            parecchio.Povera stella!
          • Etype scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Non sono nella mente bacata di quelli che fanno
            certe cose, né ci tengo.quindi hai messo la XXXXXXXta del giorno tanto per pavoneggiarti :)
            Chiedilo a loro, sono
            più vicini al tuo modo di
            pensare.pillole di arroganza :D :D :D
            Posso solo dire che fare un programma per creare
            milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta
            volerlo.veramente devi dare email e compilare alcuni campi altrimenti neanche è accettata
            Povera stella!povero te :D
          • tucumcari scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Posso solo dire che fare un programma per creare
            milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta
            volerlo.No non ti crediamo. :DForse non ti sei ancora reso conto che devi confermare le firme una per una su indirizzi di e-mail diversi dove ricevi la richiesta di conferma.è un pochino più complicato che spacciarsi per "Savio Saverio" su PI.Tutto è perfettibile naturalmente ma nel tuo caso specifico (come è evidente a tutti) il gap tra il "basta volerlo" e il "poterlo fare" è incolmabile. ;)
          • tucumcari scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Posso solo dire che fare un programma per creare
            milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta
            volerlo.No non ti crediamo.Forse non ti sei ancora reso conto che devi confermare le firme una per una su indirizzi di e-mail diversi dove ricevi la richiesta di conferma.è un pochino più complicato che spacciarsi per "Savio Saverio" su PI.Tutto è perfettibile naturalmente ma nel tuo caso specifico (come è evidente a tutti) il gap tra il "basta volerlo" e il "poterlo fare" è incolmabile.
          • Etype scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Non sono nella mente bacata di quelli che fanno
            certe cose, né ci tengo.Eh beh abbiamo tutta l'intelligenza del creato su PI, si chiama Legu :D
            Chiedilo a loro, sono
            più vicini al tuo modo di
            pensare.E tu che parli a fare,neanche pensi ...
            Posso solo dire che fare un programma per creare
            milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta
            volerlo.Un programma ? Ma sai almeno come funziona Change.org ? :DInnazitutto ti viene richiesto una email che poi dovrai confermare oltre ai tuoi dati.
          • krane scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Leguleio

            Non sono nella mente bacata di quelli che fanno

            certe cose, né ci tengo.
            Eh beh abbiamo tutta l'intelligenza del creato su
            PI, si chiama Legu
            :DMa anche Fiber :D
          • panda rossa scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Leguleio
            Posso solo dire che fare un programma per creare
            milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta
            volerlo.Non basta volerlo, bisogna anche essere capaci.E i ragazzi di oggi, cosi' abituati alle app, non sono cosi' bravi a scriptare.


            Nemmeno EType è d'accordo quando gli
            dico che
            si


            deve far vedere da uno bravo.



            Non ne ho bisogno,tu si invece ...e anche

            parecchio.

            Povera stella!E ancora una volta, mancanza di argomentazioni per controbattere.
          • Leguleio scrive:
            Re: No alla #webtax


            Posso solo dire che fare un programma per
            creare

            milioni di firme è un gioco da ragazzi, basta

            volerlo.

            Non basta volerlo, bisogna anche essere capaci.
            E i ragazzi di oggi, cosi' abituati alle app, non
            sono cosi' bravi a
            scriptare.Non pretendo che la cosa sia alla portata di tutti. Basta che lo faccia uno, e il contatore delle adesioni balza in alto a piacimento.
            E ancora una volta, mancanza di argomentazioni
            per
            controbattere.A volte fare gli spiritosi è l'unica reazione possibile. Davanti a obiezioni del genere "Il droghiere dice che la sua merce è buona"... bah.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: No alla #webtax
            Uno dimostra che sbagli è tu vai con gli insulti, complimenti.
          • krane scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Sg@bbio
            Uno dimostra che sbagli è tu vai con gli insulti,
            complimenti.Quoto.
          • tucumcari scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Sg@bbio
            Uno dimostra che sbagli è tu vai con gli insulti,
            complimenti.Non solo si lamenta pure che <b
            gli altri </b
            lo insultano.Ovviamente :s è un <b
            un insulto feroce </b
            mettere in luce le sue debolezze.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: No alla #webtax
            Intanto la redazione dorme.
          • Etype scrive:
            Re: No alla #webtax
            - Scritto da: Sg@bbio
            Uno dimostra che sbagli è tu vai con gli insulti,
            complimenti.Legu non ama essere contraddetto,lui insulta per primo e poi si lamenta che gli altri rispondono,non è neanche la prima volta ....
  • Copyright cancro della Cultura scrive:
    Copyright cancro della Cultura
    Copyright cancro della Cultura How Can Somebody Who Loves Culture Possibly Defend The Copyright Monopoly?https://torrentfreak.com/how-can-somebody-who-loves-culture-possibly-defend-the-copyright-monopoly-130929The Hole in Our Collective Memory: How Copyright Made Mid-Century Books Vanishhttp://www.theatlantic.com/technology/archive/2013/07/the-hole-in-our-collective-memory-how-copyright-made-mid-century-books-vanish/278209[img]http://cdn.theatlantic.com/static/mt/assets/science/assets_c/2013/07/neweditions650-thumb-650x317-128315.jpg[/img] Copyright cancro della Cultura p)
  • Hakira scrive:
    Democrazia Cinese
    Se io Irlandese vendo un programma dall' Irlanda e l' utente italiano me lo paga con Paypal vorrei vedere come fa l' Italia a farmi pagare tasse...Forse oscurera' il sito del venditore ?Forse e' la Cina il paese di cui stiamo parlando ?Insomma dove siamo ?
  • Johb scrive:
    Sgovernanti
    L'accattonaggio fiscale di uno stato già morto e sgovernato da un pirLetta.
  • mario scrive:
    tasse
    dunque vediamo: se io acquisto un'immagine (prodotto ormai completamente virtuale) su un sito per esempio della Nuova Zelanda e lo pago in bitcoin come pago le tasse relative alla transazione? e come fa uno stato a verificare che:1) sia avvenuta la transazione2) siano state pagate correttamente le tasse?Credo che tutta la normativa internazionale a riguardo debba essere unificata e aggiornata.
    • italo deffendi scrive:
      Re: tasse
      Credo che ci sia una differenza sostanziale nella gestione finanziaria, ad esempio ho meno obblighi se rimango sotto una certa cifra, altri se il mio volume di affari e paragonabile a quello di uno stato di media grandezza. Non sono un critico ad oltranza, ritengo che tecnicamente quanto fa' Google sia incredibile ed al limite della fantascienza. Non di meno nelle costituzioni di tutti i paese democratici si partecipa in pase alle proprie possibilita' inclusa la Chiesa e google.
    • Carlo scrive:
      Re: tasse
      Abbiamo il 90% dei politici che sono analfabeti informatici e tu parli di Bitcoin :)
    • Zarc0car scrive:
      Re: tasse
      - Scritto da: mario
      dunque vediamo: se io acquisto un'immagine
      (prodotto ormai completamente virtuale) su un
      sito per esempio della Nuova Zelanda e lo pago in
      bitcoin come pago le tasse relative alla
      transazione? e come fa uno stato a verificareNon puoi più comprare online in Nuova Zelanda, ai sensi della nuova Webtax: è proibito per legge acquistare online all'estero.Non essendo nella norma specificata la valuta di acquisto (Euro o Bitcoin) suppongo che non ci siano scappatoie.La webtax pertanto non è una tassa, è un obbligo per le imprese di acquistare SOLO ED ESCLUSIVAMENTE da soggetti con p.iva italiana.Qualsiasi transazione online per acquisti b2b all'estero diventerà illegale fra qualche giorno. Ed è così che morirà l'Italia.
      • MacGeek scrive:
        Re: tasse
        - Scritto da: Zarc0car
        - Scritto da: mario

        dunque vediamo: se io acquisto un'immagine

        (prodotto ormai completamente virtuale) su un

        sito per esempio della Nuova Zelanda e lo pago
        in

        bitcoin come pago le tasse relative alla

        transazione? e come fa uno stato a verificare

        Non puoi più comprare online in Nuova Zelanda, ai
        sensi della nuova Webtax: è proibito per legge
        acquistare online
        all'estero.

        Non essendo nella norma specificata la valuta di
        acquisto (Euro o Bitcoin) suppongo che non ci
        siano
        scappatoie.

        La webtax pertanto non è una tassa, è un obbligo
        per le imprese di acquistare SOLO ED
        ESCLUSIVAMENTE da soggetti con p.iva
        italiana.

        Qualsiasi transazione online per acquisti b2b
        all'estero diventerà illegale fra qualche giorno.Beh, non proprio illegale. Non puoi comprarla come azienda. Non la scarichi dalle tasse come spesa. La paghi "in nero", insomma. O sbaglio?
        • Roberto Esposito scrive:
          Re: tasse
          un azienda NON può comprare in nero... lo può fare un privato ma un'azienda ha la necessità di giustificare le proprie spese come i propri utili, se compro da te un servizio in nero come faccio poi a venderlo ad un cliente italiano o ad usarlo..quando mi chiederanno dove l'ho comprato?le problematiche delle aziende sono diverse da quelle private, un privato continuerà a comprare servizi fuori italia, nessuno gli dirà mai niente, ma i "numeri" li muovono le aziende che spendono molto nei servizi on-line...e che da domani dovranno farsi una sede propria all'estero per poter continuare a vivere e saltare così il problema...perché come al solita fatta la legge trovato l'inganno, ma andiamo avanti così...
          • mario scrive:
            Re: tasse
            - Scritto da: Roberto Esposito
            un azienda NON può comprare in nero... ma va?lo può
            fare un privato ma un'azienda ha la necessità di
            giustificare le proprie spese come i propri
            utili, se compro da te un servizio in nero come
            faccio poi a venderlo ad un cliente italiano lo vendo in nero?o ad
            usarlo..quando mi chiederanno dove l'ho
            comprato?non tutto è concreto o visibile
            le problematiche delle aziende sono diverse da
            quelle private, un privato continuerà a comprare
            servizi fuori italia, nessuno gli dirà mai
            niente, ma i "numeri" li muovono le aziende che
            spendono molto nei servizi on-line...e che da
            domani dovranno farsi una sede propria all'estero
            per poter continuare a vivere e saltare così il
            problema...questa si è una buona soluzione, Lussemburgo?perché come al solita fatta la legge
            trovato l'inganno, ma andiamo avanti
            così...
          • MacGeek scrive:
            Re: tasse
            Non pensavo alla rivendita. Pensavo al mio caso che pago 36$/anno per un provider USA. Forse è meno la scocciatura di pagarli di tasca propria che di stare a cercare un altro provider (italiano) equivalente.
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: tasse
            - Scritto da: MacGeek
            Non pensavo alla rivendita. Pensavo al mio caso
            che pago 36$/anno per un provider USA. Forse è
            meno la scocciatura di pagarli di tasca propria
            che di stare a cercare un altro provider
            (italiano)
            equivalente.Lo penso anch'io.E se dovessi rivenderli, di sicuro aumenterei il prezzo finale al cliente.
      • Mario scrive:
        Re: tasse
        - Scritto da: Zarc0car
        - Scritto da: mario

        dunque vediamo: se io acquisto un'immagine

        (prodotto ormai completamente virtuale) su un

        sito per esempio della Nuova Zelanda e lo pago
        in

        bitcoin come pago le tasse relative alla

        transazione? e come fa uno stato a verificare

        Non puoi più comprare online in Nuova Zelanda, ai
        sensi della nuova Webtax: è proibito per legge
        acquistare online
        all'estero.

        Non essendo nella norma specificata la valuta di
        acquisto (Euro o Bitcoin) suppongo che non ci
        siano
        scappatoie.

        La webtax pertanto non è una tassa, è un obbligo
        per le imprese di acquistare SOLO ED
        ESCLUSIVAMENTE da soggetti con p.iva
        italiana.

        Qualsiasi transazione online per acquisti b2b
        all'estero diventerà illegale fra qualche giorno.


        Ed è così che morirà l'Italia.Sarà anche illegale ma se loro mi inviano una mail con allegato l'immagine e io pago con bit coin chi si accorge di cosa è sucXXXXX?
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: tasse
          - Scritto da: Mario
          - Scritto da: Zarc0car

          - Scritto da: mario


          dunque vediamo: se io acquisto
          un'immagine


          (prodotto ormai completamente virtuale)
          su
          un


          sito per esempio della Nuova Zelanda e
          lo
          pago

          in


          bitcoin come pago le tasse relative alla


          transazione? e come fa uno stato a
          verificare



          Non puoi più comprare online in Nuova
          Zelanda,
          ai

          sensi della nuova Webtax: è proibito per
          legge

          acquistare online

          all'estero.



          Non essendo nella norma specificata la
          valuta
          di

          acquisto (Euro o Bitcoin) suppongo che non ci

          siano

          scappatoie.



          La webtax pertanto non è una tassa, è un
          obbligo

          per le imprese di acquistare SOLO ED

          ESCLUSIVAMENTE da soggetti con p.iva

          italiana.



          Qualsiasi transazione online per acquisti b2b

          all'estero diventerà illegale fra qualche
          giorno.





          Ed è così che morirà l'Italia.
          Sarà anche illegale ma se loro mi inviano una
          mail con allegato l'immagine e io pago con bit
          coin chi si accorge di cosa è
          sucXXXXX?Dipende da come giustifichi quell'uscita dal conto aziendale per acquisto di bitcoin.Sotto che voce la metti? Riciclaggio?
          • panda rossa scrive:
            Re: tasse
            - Scritto da: Albedo 0,9

            Dipende da come giustifichi quell'uscita dal
            conto aziendale per acquisto di
            bitcoin.
            Sotto che voce la metti? Riciclaggio?Nella stessa voce sotto cui metti tutti gli altri beni immateriali, dal sistema operativo, al software, alle app, agli mp3, ai divx...Poi se mi stai dicendo che i videotechini fanno riciclaggio, potrei anche darti ragione.
      • panda rossa scrive:
        Re: tasse
        - Scritto da: Zarc0car
        - Scritto da: mario

        dunque vediamo: se io acquisto un'immagine

        (prodotto ormai completamente virtuale) su un

        sito per esempio della Nuova Zelanda e lo pago
        in

        bitcoin come pago le tasse relative alla

        transazione? e come fa uno stato a verificare

        Non puoi più comprare online in Nuova Zelanda, ai
        sensi della nuova Webtax: è proibito per legge
        acquistare online
        all'estero.Posso ricevere regali dalla nuova zelanda?Posso fare donazioni in nuova zelanda?Se la risposta alle domande di cui sopra e' SI, SI, allora siamo a posto.
        La webtax pertanto non è una tassa, è un obbligo
        per le imprese di acquistare SOLO ED
        ESCLUSIVAMENTE da soggetti con p.iva
        italiana.Ma chissenefrega delle imprese.Io mica sono una impresa.
        Qualsiasi transazione online per acquisti b2b
        all'estero diventerà illegale fra qualche giorno.
        Ed è così che morirà l'Italia.E allora che muoia.Due giorni di lutto e poi si ricomincia.
  • italo deffendi scrive:
    IVA e tasse
    Ma a Voi sembra normale che aziende delle dimensioni di Google, Dell, HP, Microsoft ecc. non paghino le tasse dove raccolgono decine di miliardi di Euro ?. A voi sembra normale che aprendo una succursale in Irlanda non abbiano nemmeno gli obblighi fiscali del veterniario sotto casa mia?. Credete veramente che si possa tradferire liberamente ogni anno decine di miliardi di Euro di roialti dallla controllata europea alla filiale americana senza conseguenze per l'economia dello stato in cui vivete.Non sono un sostenitore di Boccia, ma credo che quando parliamo di evasione fiscale dobbiamo parlare anche di quella legalizzata attraverso norme di carattere sovra nazionale che consentono, a chi ha risorse ed avvocati di trovare soluzioni di questo tipo.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: IVA e tasse
      contenuto non disponibile
      • krane scrive:
        Re: IVA e tasse
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Hai ragione: Ora tutti iservizi online
        aumentaranno il prezzo del 20% solo per i
        consumatori italiani.
        Contento?Non solo, ma per lo stesso principio FIAT non pagherebbe piu' le tasse in italia per le auto che vende in tutto il mondo...
        • italo deffendi scrive:
          Re: IVA e tasse
          Perché pensi che se l fiat vende un'auto in austria non paga l'iva e il concessionario non ha l'obbligo di avere un bilancio, cosa che in irlanda invece non e' richiesta.
          • mario scrive:
            Re: IVA e tasse
            - Scritto da: italo deffendi
            Perché pensi che se l fiat vende un'auto in
            austria non paga l'iva e il concessionario non ha
            l'obbligo di avere un bilancio, cosa che in
            irlanda invece non e'
            richiesta.peccato che Italia, Austria e Irlanda sono tutte nazioni UE assoggettate alle stesse norme europee
        • fiat scrive:
          Re: IVA e tasse
          http://www.huffingtonpost.it/2013/05/22/fiat-industrial-si-taglia-le-tasse-spostando-la-sede-fiscale-a-londra_n_3319667.html
          • krane scrive:
            Re: IVA e tasse
            - Scritto da: fiat
            http://www.huffingtonpost.it/2013/05/22/fiat-indusHahahahaE il governo se la prende con google !
      • easy scrive:
        Re: IVA e tasse
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Hai ragione: Ora tutti iservizi online
        aumentaranno il prezzo del 20% solo per i
        consumatori
        italiani.
        Contento?Quante aziende decideranno che i guadagni che hanno in italia non sono abbastanza proficui rispetto alle tasse che gli toccherà pagare, e verremo, per l'ennesima volta, tagliati fuori da "investimenti" che potrebbero portare sviluppo progresso e magari col tempo, anche nuovi posti di lavoro?Allora si avrebbe senso la partita iva italiana, ma se le aziende non saranno libere di testare il nostro mercato, mai e poi mai troveranno una via di investimento nel popolo italiota.Senza contare tutto il contorno di attività videoludico/culturali da cui saremo esclusi.O magari è proprio questo l'obiettivo?
        • krane scrive:
          Re: IVA e tasse
          - Scritto da: easy
          - Scritto da: unaDuraLezione

          Hai ragione: Ora tutti iservizi online

          aumentaranno il prezzo del 20% solo per i

          consumatori italiani.

          Contento?
          Quante aziende decideranno che i guadagni che
          hanno in italia non sono abbastanza proficui
          rispetto alle tasse che gli toccherà pagare, e
          verremo, per l'ennesima volta, tagliati fuori da
          "investimenti" che potrebbero portare sviluppo
          progresso e magari col tempo, anche nuovi posti
          di lavoro?
          Allora si avrebbe senso la partita iva italiana,
          ma se le aziende non saranno libere di testare il
          nostro mercato, mai e poi mai troveranno una via
          di investimento nel popolo italiota.
          Senza contare tutto il contorno di attività
          videoludico/culturali da cui saremo
          esclusi.
          O magari è proprio questo l'obiettivo?E non dimentichiamoci che l'italia vende un sacco di vino italiano all'estero, quei proventi con la teorica nuova legge li vedremmo ancora ? O se li beccherebbero gli stati dove viene venduto ?
          • Leguleio scrive:
            Re: IVA e tasse

            E non dimentichiamoci che l'italia vende un sacco
            di vino italiano all'estero, quei proventi con la
            teorica nuova legge li vedremmo ancora ? Credo di sì, perché il commercio via internet di vino ancora non è così comune, e questa legge riguarda solo il commercio web. Si usano ancora agenti che fanno il giro degli importatori e propongono le loro offerte.
          • krane scrive:
            Re: IVA e tasse
            - Scritto da: Leguleio

            E non dimentichiamoci che l'italia

            vende un sacco di vino italiano

            all'estero, quei proventi con la

            teorica nuova legge li vedremmo

            ancora ?
            Credo di sì, perché il commercio via
            internet di vino ancora non è così
            comune, e questa legge riguarda solo
            il commercio web. Si usano ancora
            agenti che fanno il giro degli
            importatori e propongono le loro
            offerte.Guarda che riempiamo la francia di vino venduto via internet...
          • Leguleio scrive:
            Re: IVA e tasse



            E non dimentichiamoci che l'italia


            vende un sacco di vino italiano


            all'estero, quei proventi con la


            teorica nuova legge li vedremmo


            ancora ?


            Credo di sì, perché il commercio via

            internet di vino ancora non è così

            comune, e questa legge riguarda solo

            il commercio web. Si usano ancora

            agenti che fanno il giro degli

            importatori e propongono le loro

            offerte.
            Guarda che riempiamo la francia di vino venduto
            via
            internet...Ullallà. È così conveniente? Dammi un link, se esiste.
          • tucumcari scrive:
            Re: IVA e tasse
            - Scritto da: Leguleio



            E non dimentichiamoci che l'italia



            vende un sacco di vino italiano



            all'estero, quei proventi con la



            teorica nuova legge li vedremmo



            ancora ?




            Credo di sì, perché il commercio via


            internet di vino ancora non è così


            comune, e questa legge riguarda solo


            il commercio web. Si usano ancora


            agenti che fanno il giro degli


            importatori e propongono le loro


            offerte.


            Guarda che riempiamo la francia di vino
            venduto

            via

            internet...

            Ullallà. È così conveniente? Dammi un link,
            se
            esiste.Ce ne sono a iosa!Questo è uno dei più prestigiosi..http://www.italianwinemerchants.com/
    • MESCAL. scrive:
      Re: IVA e tasse
      - Scritto da: italo deffendi
      Ma a Voi sembra normale che aziende delle
      dimensioni di Google, Dell, HP, Microsoft ecc.
      non paghino le tasse dove raccolgono decine di
      miliardi di Euro ?. A voi sembra normale che
      aprendo una succursale in Irlanda non abbiano
      nemmeno gli obblighi fiscali del veterniario
      sotto casa mia?. Credete veramente che si possa
      tradferire liberamente ogni anno decine di
      miliardi di Euro di roialti dallla controllata
      europea alla filiale americana senza conseguenze
      per l'economia dello stato in cui
      vivete.
      Non sono un sostenitore di Boccia, ma credo che
      quando parliamo di evasione fiscale dobbiamo
      parlare anche di quella legalizzata attraverso
      norme di carattere sovra nazionale che
      consentono, a chi ha risorse ed avvocati di
      trovare soluzioni di questo
      tipo.La colpa non e' di google, amazon, etc... ma di quegli IDIOTI che hanno costruito un' Europa con i piedi,...fatta di tanti stati tutti con differente tassazione fiscale. Ma ci voleva un genio per immaginare che tutte le aziende estere avrebbero piazzato la residenza fiscale nei paesi con tassazione piu' bassa? Se in Italia da domani ci fosse una liberalizzazione fiscale per tutte le regioni e mettiamo che il Molise mettesse una tassazione fissa al 10% cosa dovrebbe impedire a centinaia di aziende italiane di trasferirsi in Molise? E sarebbe evasione fiscale? No...
    • Carlo scrive:
      Re: IVA e tasse
      A te sembra normale che se tutta l'europa facesse come l'italia un fornitore di servizi web che volesse offrire i propri servizi a livello europeo dovrebbe aprirsi 25 partite iva?E se io fornitore italiano volessi offrire solo servizi all'estero, secondo te, le tasse non me le farebbero pagare (anche) in italia?Secondo te un produttore di vino italiano quando lo esporta all'estero le tasse a chi le paga?
      • panda rossa scrive:
        Re: IVA e tasse
        - Scritto da: Carlo
        A te sembra normale che se tutta l'europa facesse
        come l'italia un fornitore di servizi web che
        volesse offrire i propri servizi a livello
        europeo dovrebbe aprirsi 25 partite
        iva?
        E se io fornitore italiano volessi offrire solo
        servizi all'estero, secondo te, le tasse non me
        le farebbero pagare (anche) in
        italia?
        Secondo te un produttore di vino italiano quando
        lo esporta all'estero le tasse a chi le
        paga?Tu non sei il Carlo che conosciamo tutti qua dentro, vero?Dici cose troppo di buon senso e ti esprimi in buon italiano per essere lui.
        • thebecker scrive:
          Re: IVA e tasse
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Carlo

          A te sembra normale che se tutta l'europa
          facesse

          come l'italia un fornitore di servizi web che

          volesse offrire i propri servizi a livello

          europeo dovrebbe aprirsi 25 partite

          iva?

          E se io fornitore italiano volessi offrire
          solo

          servizi all'estero, secondo te, le tasse non
          me

          le farebbero pagare (anche) in

          italia?

          Secondo te un produttore di vino italiano
          quando

          lo esporta all'estero le tasse a chi le

          paga?

          Tu non sei il Carlo che conosciamo tutti qua
          dentro,
          vero?
          Dici cose troppo di buon senso e ti esprimi in
          buon italiano per essere
          lui.e poi nel suo discorso condivisibile non ha messo parole tipo ladri o ladroni quindi non e' il famoso Carlo di PI ma un utente di buon senso e inteligente.... :D
          • gasu scrive:
            Re: IVA e tasse
            - Scritto da: thebecker
            non e' il famoso Carlo [...] e inteligente.... lo si capisce, da comee, guarda la genteee
            :D
          • krane scrive:
            Re: IVA e tasse
            - Scritto da: thebecker
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Carlo
            e poi nel suo discorso condivisibile non ha messo
            parole tipo ladri o ladroni quindi non e' il
            famoso Carlo di PI ma un utente di buon senso e
            inteligente....
            :DQuoto, qua su PI e' pericoloso firmarsi Carlo :D
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: IVA e tasse
        - Scritto da: Carlo
        A te sembra normale che se tutta l'europa facesse
        come l'italia un fornitore di servizi web che
        volesse offrire i propri servizi a livello
        europeo dovrebbe aprirsi 25 partite
        iva?
        E se io fornitore italiano volessi offrire solo
        servizi all'estero, secondo te, le tasse non me
        le farebbero pagare (anche) in
        italia?
        Secondo te un produttore di vino italiano quando
        lo esporta all'estero le tasse a chi le
        paga?Fammi un favore, registrati, in modo che ti si possa riconoscere. Altrimenti rischi che ti scambiamo per il leghista figlio di mafioso.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 dicembre 2013 16.59-----------------------------------------------------------
    • MacGeek scrive:
      Re: IVA e tasse
      - Scritto da: italo deffendi
      Ma a Voi sembra normale che aziende delle
      dimensioni di Google, Dell, HP, Microsoft ecc.
      non paghino le tasse dove raccolgono decine di
      miliardi di Euro ?. A voi sembra normale che
      aprendo una succursale in Irlanda non abbiano
      nemmeno gli obblighi fiscali del veterniario
      sotto casa mia?. Credete veramente che si possa
      tradferire liberamente ogni anno decine di
      miliardi di Euro di roialti dallla controllata
      europea alla filiale americana senza conseguenze
      per l'economia dello stato in cui
      vivete.È l'Europa bello. MERCATO UNICO. Oppure no. O stiamo dentro o usciamo. Per me a questo punto è meglio uscire. Ma meglio ancora è cacciare a calci in c*lo questi criminali ed incapaci politici.
    • Roberto Esposito scrive:
      Re: IVA e tasse
      Non mi sembra normale, come non mi sembra normale che un ubriaco possa andare in giro in auto, ma non per questo vieto la macchina a tutti!
    • rockroll scrive:
      Re: IVA e tasse
      - Scritto da: italo deffendi
      Ma a Voi sembra normale che aziende delle
      dimensioni di Google, Dell, HP, Microsoft ecc.
      non paghino le tasse dove raccolgono decine di
      miliardi di Euro ?. A voi sembra normale che
      aprendo una succursale in Irlanda non abbiano
      nemmeno gli obblighi fiscali del veterniario
      sotto casa mia?. Credete veramente che si possa
      tradferire liberamente ogni anno decine di
      miliardi di Euro di roialti dallla controllata
      europea alla filiale americana senza conseguenze
      per l'economia dello stato in cui
      vivete.
      Non sono un sostenitore di Boccia, ma credo che
      quando parliamo di evasione fiscale dobbiamo
      parlare anche di quella legalizzata attraverso
      norme di carattere sovra nazionale che
      consentono, a chi ha risorse ed avvocati di
      trovare soluzioni di questo
      tipo.Quello che stai dicendo, oltretutto descrivendolo con conseguenze ben più drammatiche del reale, è la difesa di una forma di protezionismo non più ammissibile in epoca attuale: il progresso (o involuzione che sia), con relativi benefici e malefici inevitabilmente connessi, non lo puoi fermare ai parametri che fanno momentaneamente comodo con leggine italiche "alla Boccia". E comunque, ammesso che tali italianate portino qualche vantaggio al momento, vai tranquillo che ci si ritorceranno ampiamente contro nel tempo, ed anche in immediato generano comunque effetti secondari negativi, e forse non proprio secondari, dipende dall'ottica del punto dal quale li guardi!
  • giuda scrive:
    miopia?
    non c'è nessuna miopia in letta, a meno che chi lo scrive non ce la voglia vedere, è semplicemente un esecutore di ordini europei, lo hanno capito perfino i piddini più pidocchiosi ed acritici
    • 585 scrive:
      Re: miopia?
      - Scritto da: giuda
      non c'è nessuna miopia in letta, a meno che chi
      lo scrive non ce la voglia vedere, è
      semplicemente un esecutore di ordini europei, lo
      hanno capito perfino i piddini più pidocchiosi ed
      acriticiE non scordarti dele SKIE KIMIKI!
    • 585 scrive:
      Re: miopia?
      - Scritto da: giuda
      non c'è nessuna miopia in letta, a meno che chi
      lo scrive non ce la voglia vedere, è
      semplicemente un esecutore di ordini europei, lo
      hanno capito perfino i piddini più pidocchiosi ed
      acriticiSicuro non sia un esecutore degli ordini dei RETTILIANI IMMIGRATI BANKIERI DI SION? :o
    • 585 scrive:
      Re: miopia?
      - Scritto da: giuda
      non c'è nessuna miopia in letta, a meno che chi
      lo scrive non ce la voglia vedere, è
      semplicemente un esecutore di ordini europei, lo
      hanno capito perfino i piddini più pidocchiosi ed
      acriticiEh sì, è tutto un complotto come tutto il resto di tutto...PS: censurate anche questo, mi raccomando...
      • controlli scrive:
        Re: miopia?
        Io la smetterei con sta storia del "è tutto un complotto". Non fai ridere nessuno ma ti rendi semplicemente ridicolo. NSA che controlla tutto il traffico mondiale? Scommetto che anche allora scrivevi "è tutto un gomblottoooooo". Ridicolo!
        • krane scrive:
          Re: miopia?
          - Scritto da: controlli
          Io la smetterei con sta storia del "è tutto un
          complotto". Non fai ridere nessuno ma ti rendi
          semplicemente ridicolo. NSA che controlla tutto
          il traffico mondiale? Scommetto che anche allora
          scrivevi "è tutto un gomblottoooooo".
          Ridicolo!Sei parte del complotto :| :@
    • Carlo scrive:
      Re: miopia?
      Ma cosa dici, se ci va bene l'europa non ci sanzionerà per questa mossa.
  • Etype scrive:
    Censura
    weee ma si cancellano pensieri non favorevoli a questo governo come niente fosse eh ...
  • AxAx scrive:
    PayPal
    Cioè non si potrà più usare PayPal?
  • Etype scrive:
    Eurodittatura
    Miopia digitale di Letta ? fosse solo quella digitale...Ma ci vuole tanto per capire che questo governo non eletto,autoreferenziato, sta facendo gli interessi delle elite finanziarie e dei grandi industriali ?Con il loro modo di fare disincentivano ciò che serve veramente al popolo,si lascia marcire le fondamenta della società VOLUTAMENTE.Vogliono sempre dare la loro versione dei fatti,sotto la quale il popolo si deve uniformare per fare i loro comodi.Si sta cercando d'imbrigliare internet perchè è l'unico luogo dove ancora puoi esprimenre liberamente la tua opinione ed avere larghi consensi,questa cosa a loro non piace,vogliono avere il controllo su tutto....se qualcosa non piace semplicemente va rimossa.Questa è dittatura 2.0,ci vogliamo ancora stupire se un governo che fa gli interessi dei potenti e impone la fame al suo suo stesso popolo, avvallato da un presidente complice,tira fuori questi mezzucci per far credere che quello attuale è il sistema migliore per uscire fuori dalla crisi ? Colpo di stato bello e buono con il consenso del capo dello stato.Dalle mie parti si chiama tradimento della patria,ma cosa vuoi che sia ...
  • Leguleio scrive:
    Precisazione
    "Così è difficile meravigliarsi troppo alla notizia che Francesco Boccia, deputato del PD, è infine riuscito a far approvare una assurda norme che obbligherà qualsiasi azienda Internet a dotarsi di Partita Iva italiana."Approvata in commissione bilancio, non ancora approvata dall'aula.
    • gianni scrive:
      Re: Precisazione
      "obbligherà qualsiasi azienda Internet a dotarsi di Partita Iva italiana"no è peggioobbligerà qualsiasi ditta italiana che vuole coprare servizi internet (sito pubblicità etc) a NON PAGARE UNA DITTA ESTERA. solo una con p.i. italianaperche obbligare una azienda internet giapponese ad aprire una pi italiana la vedo un po dura, poi che Letta le racconti lo sappiamo tutti.cosa succederà? che qualsiasi ditta con una filiale estero (la maggior parte) pagerà dall estero all estero TUTTO cio che gira in internet. lasciando agli italiani ancor meno di prima. ottima mossa come al solito ci rimettono i piu piccoli
      • Leguleio scrive:
        Re: Precisazione

        "obbligherà qualsiasi azienda Internet a dotarsi
        di Partita Iva
        italiana"
        no è peggio
        obbligerà Obbligherà.
        qualsiasi ditta italiana che vuole
        coprare Comprare.
        servizi internet (sito pubblicità etc) a
        NON PAGARE UNA DITTA ESTERA. solo una con p.i.
        italiana

        perche obbligare Perché obbligare.
        una azienda internet giapponese
        ad aprire una pi italiana la vedo un po dura, Un po' dura.
        poi
        che Letta le racconti lo sappiamo
        tutti.Veramente la proposta è di Boccia. Ci sono controversie anche nel suo partito:http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/16/web-tax-divide-pd-renzi-da-nuvola-digitale-a-quella-di-fantozzi-boccia-polemiche-inutili/815223/
        cosa succederà? che qualsiasi ditta con una
        filiale estero Con una filiale all'estero.
        (la maggior parte) pagerà dall
        estero all estero Pagherà dall'estero all'estero.
        TUTTO cio Tutto ciò.
        che gira in internet.
        lasciando agli italiani ancor meno di
        prima.
        ottima mossa come al solito ci rimettono i piu
        piccoliI più piccoli.
        • gianni scrive:
          Re: Precisazione
          gli accenti della mia tastiera me se li son presi equitaGlia...anche il tempo da perdere
          • Leguleio scrive:
            Re: Precisazione

            gli accenti della mia tastiera me se li son presi
            equitaGlia...
            anche il tempo da perdereAh! :DInvece noi lettori che ci caviamo gli occhi per ricostruire il tuo italiano privo di punteggiatura e di accenti di tempo e di pazienza ne abbiamo da buttar via.
          • ferro di stiro elastico scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: Leguleio
            Ah! :D
            Invece noi lettori che ci caviamo gli occhi per
            ricostruire il tuo italiano Noi? Parla per te: solo chi ha l'elasticità mentale di un ferro da stiro, ha problemi a leggere quanto scritto.
          • Leguleio scrive:
            Re: Precisazione

            Noi? Parla per te: solo chi ha l'elasticità
            mentale di un ferro da stiro, ha problemi a
            leggere quanto
            scritto.Che elasticità mentale ha un ferro da stiro? Mai misurata. (newbie)
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: Leguleio

            Noi? Parla per te: solo chi ha l'elasticità

            mentale di un ferro da stiro, ha problemi a

            leggere quanto

            scritto.

            Che elasticità mentale ha un ferro da stiro? Mai
            misurata.
            (newbie)http://covers.box3.net/newsimg/dvdmov/max1314574172-front-cover.jpg
          • qwoto scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: ferro di stiro elastico
            - Scritto da: Leguleio


            Ah! :D

            Invece noi lettori che ci caviamo gli occhi
            per

            ricostruire il tuo italiano

            Noi? Parla per tequoto
  • Thepassenge r scrive:
    Sai che novità
    L'uso del web va scoraggiato, o usato solo per quello che dicono loro, è uno strumento di propaganda e libera informazione che fa paura agli europeisti che stanno attuando il loro piano di mandare a rotoli e prosciugare interi stati per i loro criminali intenti economici e di potere.Ignoranza digitale nelle scuole, infrastruttura italiana lasciata marcire, satura e vecchia, filtri di stato ovunque.Questo governo di larghe intese (ma larghe intese non ci sono mai state, è sempre stato un partito unico) non fa altro che confermare quello che è, un apparato per fare soldi a spese dei poveri e portare a termine la distruzione sociale ed economica del nostro paese.
    • Etype scrive:
      Re: Sai che novità
      condivido in toto...
    • Europeto scrive:
      Re: Sai che novità
      - Scritto da: Thepassenge r
      L'uso del web va scoraggiato, o usato solo per
      quello che dicono loro, è uno strumento di
      propaganda e libera informazione che fa paura
      agli europeisti che stanno attuando il loro piano
      di mandare a rotoli e prosciugare interi stati
      per i loro criminali intenti economici e di
      potere.
      Ignoranza digitale nelle scuole, infrastruttura
      italiana lasciata marcire, satura e vecchia,
      filtri di stato
      ovunque.
      Questo governo di larghe intese (ma larghe intese
      non ci sono mai state, è sempre stato un partito
      unico) non fa altro che confermare quello che è,
      un apparato per fare soldi a spese dei poveri e
      portare a termine la distruzione sociale ed
      economica del nostro
      paese.centrano qualkosa anke le skie kimiki????????????????????????
Chiudi i commenti