Cassandra Crossing/ Cittadini di debole Costituzione

di Marco Calamari - Continua ad accadere che qualunque personaggio pubblico si senta in diritto, e quasi in dovere, di affrontare problemi inesistenti e, incapace di accendere una console, tuoni contro il problema dei videogame violenti

Roma – È da anni che i nostri rappresentanti istituzionali non mancavano di sorprenderci periodicamente con prese di posizione ed iniziative che rivelavano una ignoranza totale delle questioni pratiche della Rete, nonché di quelle teoriche e filosofiche della società dell’informazione. Alcuni di essi ammettevano candidamente la loro totale impotenza di fronte ad un computer, e con questo ci intenerivano e suscitavano talora istinti materni (o paterni) che portavano a dimenticare il loro ruolo di nostre guide e padroni, e ad assolverli invece come si farebbe con un fanciullo.

Le cose sono parecchio cambiate nell’ultimo paio di anni. Dapprima alcuni rappresentanti parlamentari più illuminati hanno cominciato ad interessarsi dei temi legati alla società dell’informazione, interagendo talora su un piano di parità con esperti e luminari del settore, cosa che suggeriva una maggiore cultura sull’argomento. Il continuo ripetersi di fatti e fatterelli di attualità porta pero’ a trarre una diversa conclusione; infatti gli excursus della politica in Rete sembrano sempre dettati solo da contingenti convenienze pubblicitarie, o dallo schierarsi con precise cordate economiche e politiche.

Sembra infatti che i nostri politici, ed una recentissima quanto autorevole dichiarazione ce lo conferma, continuino ad essere completamente intimiditi dall’uso pratico dei computer.

Come possano prendere precise posizioni su questioni tecnologiche e legali così complesse resta un mistero, anche se l’esito disastroso di alcune iniziative porterebbe a trarre una precisa conclusione, e cioè che le due cose siano una conseguenza dell’altra.

Per chi non ci avesse fatto attenzione, viviamo in un paese di bella ma debole Costituzione, dove i diritti costituzionali individuali ed inalienabili sono sempre e comunque cancellati ogni volta che una contingenza legata all’attualità od una necessità pubblica lo suggeriscano. Gli ultimi 30 anni ci hanno condotto da una legge Reale ad una nuova anagrafe fiscale con assoluta omogeneità da questo punto di vista. È vero che la nostra Costituzione resta bellissima anche se attuata solo in parte; preoccupante è appunto il fatto che tra le parti meno attuate ci siano proprio quelle che sanciscono i diritti civili.

Così continua ad accadere che qualunque personaggio pubblico si senta in diritto, e quasi in dovere, di affrontare problemi inesistenti, e che giovani signore incapaci di accendere una console tuonino contro il problema dei videogame violenti e riuniscano commissioni parlamentari e tavoli di concertazione per risolvere il grave problema appena inventato. Come? Ipotizzando ovviamente di restringere il diritto degli italiani maggiorenni a comprare videogiochi, peraltro ancora non usciti sul mercato.

Il bello è che questi videogiochi riproducono situazioni che già purtroppo abbiamo visto nella realtà, da Cogne al satanismo minorile delittuoso, e che giornali e televisioni accessibili anche ai lattanti hanno documentato insistentemente e morbosamente per scritto, in audio, in video.

Ovviamente questa iniziativa cadrà (ci mancherebbe altro) nel vuoto in cui sono cadute innumerevoli altre simili, ma nel frattempo contribuirà a mantenere il mito di una Rete abitata come sempre da terroristi, pedofili, ed ora anche fanciulle minorenni assassine e sataniste. Nel frattempo i tanti cittadini italiani abituali frequentatori della Rete dovranno continuare a subire divieti e censure immotivati, ed essere a disagio o peggio quando come tali interagiscono con la società e lo Stato.

Signor Presidente, invece di dichiararsi a disagio con i computer e preoccupato per i videogame violenti, si prenda qualche ora (ne bastano poche) per prendere confidenza con il computer che ha in ufficio, specialmente navigando in Rete. Vada su Wikipedia, esplori il Progetto Gutemberg, provi ad usare Google, legga qualche maillist sui diritti civili e su quelli che lottano per difendere i diritti di tutti, cerchi i siti di chi vuole far circolare il sapere e magari provare a cambiare un pezzettino di mondo.

Ne troverà più li che in mille incontri, convegni e riunioni. Potrà anche scambiare opinioni ed informazioni con persone che mai avrebbe raggiunto, tutti suoi elettori. E Lei che puo’ faccia anche una comunicazione ai suoi colleghi deputati per esortarli a fare, anche per una sola volta, altrettanto, facendosi magari assistere dai loro figli.

Potrà cosi evitare le inutili preoccupazioni sul diffondersi dei videogiochi violenti, e magari aprire invece una commissione di inchiesta parlamentare sui deleteri effetti sociali di “C’è posta per te”. Potrà anche evitare la pubblicità elettorale negativa che esternazioni di questo tipo provocano nei cittadini italiani della Rete.

Potrà anche iniziare a preoccuparsi di questioni riguardanti la censura della Rete in Italia, più importante e talora più grave di quella cinese che ha riempito la bocca a tanti suoi colleghi. E potrà anche aiutarci a rendere la nostra costituzione un po’ meno gracile ed un po’ piu sana ed attuata.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    marketing e pubblicita'...
    Adesso, con questo polverone, tutti vorranno vedere questo gioco che non avrebbe venduto un granche'.
  • Anonimo scrive:
    Perché il Giappone è "hentai"?
    Tra i paesi tecnologicamente avanzati è l'unico che non abbia subito una forte influenza da parte dei cristianisti sessuofobici... (Con sessuofobia si intende la paura ad affrontare qualsiasi azione o pensiero relativi alla sessualità. È considerata una patologia ed è spesso dovuta a traumi infantili o ad una educazione troppo rigida e tarpante. Solo raramente è riconosciuta come una patologia da chi ne soffre. Corrisponde, in generale, ad un comportamento limitato per quanto riguarda i rapporti sociali e rigido nei confronti della sessualità altrui, vista spesso come indecente o peccaminosa.)
    • Alucard scrive:
      Re: Perché il Giappone è "hentai"?
      - Scritto da:
      Tra i paesi tecnologicamente avanzati è l'unico
      che non abbia subito una forte influenza da parte
      dei cristianisti sessuofobici... (Con sessuofobia
      si intende la paura ad affrontare qualsiasi
      azione o pensiero relativi alla sessualità. È
      considerata una patologia ed è spesso dovuta a
      traumi infantili o ad una educazione troppo
      rigida e tarpante. Solo raramente è riconosciuta
      come una patologia da chi ne soffre. Corrisponde,
      in generale, ad un comportamento limitato per
      quanto riguarda i rapporti sociali e rigido nei
      confronti della sessualità altrui, vista spesso
      come indecente o
      peccaminosa.)Non proprio. Per esempio tutti gli hentai che escono in giappone (e anche i porno ma non so se tutti) presentano censura difatti le versioni uncensored sono rippate da dvd-usa. Tra l'altro, seppur lo yuri e lo yaoi siano due generi abbastanza apprezzati su carta, l'omosessualità non è proprio vista di buon occhio.
      • kotaro scrive:
        Re: Perché il Giappone è "hentai"?
        - Scritto da: Alucard

        Non proprio. Per esempio tutti gli hentai che
        escono in giappone (e anche i porno ma non so se
        tutti) presentano censura difatti le versioni
        uncensored sono rippate da dvd-usa. Tra l'altro,
        seppur lo yuri e lo yaoi siano due generi
        abbastanza apprezzati su carta, l'omosessualità
        non è proprio vista di buon
        occhio.Non corretto su molti punti. Illustrare la posizione del Giappone su queste cose non e' facile, non sempre la posizione ufficiale e' poi quella praticata.1)Censure sugli hentai e porno in genere.La legislazione giapponese non richiede la censura sui genitali in generale, ma solo sull'atto sessuale .... eppure spesso e volentieri la censura e' applicata sempre sui genitali. Questa non e' censura per legge, ma autocensura (chi ha detto che i giapponesi sono strani? :D ). Cmq la censura e' applicata in maniera diversa a seconda dell'autore (e' un autocensura, si risponde a se stessi ...) o del contesto, il pene puo' essere totalmente censurato, parzialmente censurato (il glande ad esempio), non censurato quando non e' in erezione o anche quando e' in erezione ma non si vede il glande o non c'e' atto sessuale o .... etc etc etc ... etc etc ....D'altra parte non ho mai visto una censura del contesto da parte dei giapponesi (a parte rarissimi casi) e non a caso negli hentai si trovano anche storie di stupro o mutilazioni.2) Omossesualita' in GiapponeLa cultura giapponese non e' mai stata omofoba, purche' questa non andasse a creare problemi "dinastici", in pratica l'importante era fare i figli, il resto non importava. Senza contare il successo che hanno avuto (e hanno tuttora) i personaggi ambigui nella cultura giapponese.Cio' non vuol dire che la vita dei gay, Ora, sia piu' facile che in altri paesi, dopo tutto anche loro sono stati influenzati dalla nostra cultura sessuofobica.bye bye
  • Anonimo scrive:
    Panorama Copia Gamesradar
    http://forumgamesradar.futuregamer.it/printthread.php?t=441403http://forumgamesradar.futuregamer.it/printthread.php?t=334879
    • tdimax scrive:
      Re: Panorama Copia Gamesradar
      Complimentoni. Datata 28-03-2006. Un grosso applauso a Panorama.Che la vergogna cali su Panorama con il massimo dello sdegno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Panorama Copia Gamesradar
        - Scritto da: tdimax
        Complimentoni. Datata 28-03-2006.
        Un grosso applauso a Panorama.

        Che la vergogna cali su Panorama con il massimo
        dello
        sdegno.la vergogna non è sufficente.una bella denunzia ora non gliela leva nessuno.procedo.
  • Anonimo scrive:
    RECENSIONE COPIATA
    http://forumgamesradar.futuregamer.it/showthread.php?t=441403&page=3Per vedere il thread usate la cache (geek)
  • Anonimo scrive:
    intanto i preti...
    stuprano le ragazzine..solo che quella e' la realta.ma nessuno si scandalizza.cronaca di oggi.
    • Anonimo scrive:
      Re: intanto i preti...
      I preti possono stuprare le ragazzine, infatti i preti pedofili "beccati" non vanno mai in galera.Probabilmente deve essere qualche clausola vessatoria dell'ultimo concordato...
      • danieleMM scrive:
        Re: intanto i preti...

        I preti possono stuprare le ragazzine, infatti i
        preti pedofili "beccati" non vanno mai in
        galera.
        Probabilmente deve essere qualche clausola
        vessatoria dell'ultimo
        concordato...se non ricordo male possono scegliere di venir giudicati internamente alla chiesa..che poi perdona il "pentito"potrei sbagliarmi, non sono esattamente "religioso"inoltre conosco persone assolutamente "devote al signore" che sostengono sia giusto che anche in questi casi sia la chiesa a giudicarli, e che se capiscono devono essere perdonati dal signore...e poi si sa.. basta confessarsi e passa tutto..
  • Anonimo scrive:
    Rule Of Rose: questione di policy.
    Il gioco è stato considerato offensivo, ingiurioso o lesivo della dignità delle persone ed è quindi contrario alla policy che regola il governo in carica.Se a commercializzarlo è un utente registrato questi può accedere in "modifica" e cambiare il gioco: in questo caso tornerà visibile a tutti dopo il vaglio della Commissione bicamerale per l'Infanzia. Ragazzi ... c'è la policy anche fuori di qua! C'è un cazzo da fare, è inutile che vi lamentate!
  • Anonimo scrive:
    Re: Avevo 13 anni, e comprai un bel porn
    quindi tu se l'unico che comrpa i giornali prono
    • Anonimo scrive:
      Re: Avevo 13 anni, e comprai un bel porn
      - Scritto da:
      quindi tu se l'unico che comrpa i giornali pronosi parla di parecchi anni fa; io comprai i primi porno quando andavo in citta' e facevo la prima superiore, prima di allora andavo alle medie ed ero vicino a casa e non avevo queste possibilita'; alle medie ce li passavamo come merce rara (eravamo un paesotto sotto venezia);in seguito sono cresciuto a suon di cartoni sui robotton giapponesi e videogiochi e crmageddon era per me un cult, funziona ancora in hires tramite un wrapper che emula le vecchie 3dfx, ho gicato anche altri giochi similari ma non mi soddisfacevano.Adesso mi trovo coinvolto nelle battaglie per i diritti civili.......
      • Anonimo scrive:
        Re: Avevo 13 anni, e comprai un bel porn
        E tu chi sei? La cavia universale? Ciò che non fa male a te non può farne agli altri?
        • Anonimo scrive:
          Re: Avevo 13 anni, e comprai un bel porn
          - Scritto da:
          E tu chi sei? La cavia universale? Ciò che non fa
          male a te non può farne agli
          altri?e allora non è colpa dei giochi ma chi mette in condizione i minori di 16 di acquistarli... sveglia
          • Anonimo scrive:
            Re: Avevo 13 anni, e comprai un bel porn

            e allora non è colpa dei giochi ma chi mette in
            condizione i minori di 16 di acquistarli...
            svegliaE se ti svegliassi tu? Vuoi darci a bere che sei così ingenuo da non sapere come funzionano le cose? L'amico di 17 anni va a fare spesa e poi passa il tutto pure ai bambini di 5 anni!Comunque fate come credete, a me non frega un cazzo, ma dimostrate comunque di essere dei coglioni che fanno ingrassare i soliti noti: Rule of Rose sta già andando esaurito su prenotazione. Il giornalista di Panorama poteva starsene zitto e questa merda passava sotto l'uscio senza tante storie. Voi però potevate dimostrarvi più intelligenti del giornalista suddetto![img]http://inchiostro.theeyes.org/wp-content/uploads/2006/06/Merda.jpeg[/img]
    • Anonimo scrive:
      Re: Avevo 13 anni, e comprai un bel porn


      quindi tu se l'unico che comrpa i giornali pronopiu' che "prono" sono "porno" :D e comunque si parla davvero di tantissimi anni fa.All'epoca internet era testuale (e intendo SOLO testuale), la gente manco sapeva che esistesse, e per scaricarti una foto in risoluzione bassa ci mettevi dai 20 ai 40 minuti...C'erano i M.U.D., che forse tu non conosci, e la "guerra d'intrusione" con i B.O. (perche' di antivirus non se ne vedeva uno gratis manco per caso...) ma sono tempi che ricordo con piacere in ogni caso :)
  • Anonimo scrive:
    Italiani popolo di vecchi
    Agli italiani piace censurare!Vogliono censurare le idee degli altri e spesso riescono perche' questo e' un paese pieno di vecchi e con una mentalita' da vecchi illiberali.D'altro canto non si conosce altra democrazia che ha una costituzione dove si dice : "repubblica fondata sul lavoro" invece di un moderno e liberale "repubblica fondata sulla liberta' di pensiero e di espressione di tutti i suoi cittadini".La censura viene applicata a qualunque cosa sia considerata contraria alla morale buonista di questa cultura cattolico-buonista imperante.Addirittura dei politici,che edivedentemente non hanno di meglio da fare,esprimono il loro patetico ostracismo contro un videogioco(anche walter veltroni si e' espresso contro questo videogioco)che molto probabilmente sarebbe rimasto nell'ombra senza tutta questa pubblicita'.Di sicuro ora ci giochero',solo per andare contro a queste stupide censure che si abbattono su chi,come me,e' piu' che maggiorenne e quindi dovrebbe essere piu' che legittimato nel suo diritto di scegliere cosa volere o non volere acquistare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Italiani popolo di vecchi

      "repubblica fondata
      sul lavoro" invece di un moderno e liberale
      "repubblica fondata sulla liberta' di pensiero e
      di espressione di tutti i suoi cittadini"Perché? Mi sembra al passo con i tempi: il lavoro produce introiti, la libertà di pensiero e di espressione invece può danneggiare l'economica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Italiani popolo di vecchi
      - Scritto da:
      Agli italiani piace censurare!Vogliono censurare
      le idee degli altri e spesso riescono perche'
      questo e' un paese pieno di vecchi e con una
      mentalita' da vecchi illiberali.Infatti l' Italia è diventato il paese con più vecchi di tutta Europa.E si sa, i vecchi sono anche rincoglioniti.Adesso sti rincoglioniti pensano e dicono pure che la terza età è bella come esser giovani e vorrebbero addirittura tornare al lavoro.Le case farmaceutiche fano business su sti ringoglioniti con creme e intrugli stirarughe e beveroni con radicali più o mno liberi e mostrano in TV sti mostri tirati a lucido finti sorridenti che si presentano come pupattoli ringiovaniti all' improvviso sviolinando di quant' è bello invecchiare....Ma dove caXXo credono di essere? Fanno finta di non sapere per paura che hanno già un piede nella fossa e non hanno la decenza di farsi da parte tranquillamente aspeettando la naturale dipartita.
      • Anonimo scrive:
        Re: Italiani popolo di vecchi
        Tranquillo,presto arrivera' la loro ora e nemmeno se ne accorgeranno, spero almeno che con il cambio generazionale, salgano su giovani con un po 'di cervello che hanno davvero a cuore i problemi del nostro paese senza perdersi in queste stronzate!Micchan
        • tdimax scrive:
          Re: Italiani popolo di vecchi
          - Scritto da:
          Tranquillo,
          presto arrivera' la loro ora e nemmeno se ne
          accorgeranno, spero almeno che con il cambio
          generazionale, salgano su giovani con un po 'di
          cervello che hanno davvero a cuore i problemi del
          nostro paese senza perdersi in queste
          stronzate!

          MicchanTemo che invece saliranno i soliti figli/amici/parenti/simpatizzanti di quelli che ci sono ora.. (by J Ax)
      • Anonimo scrive:
        Re: Italiani popolo di vecchi
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Agli italiani piace censurare!Vogliono censurare

        le idee degli altri e spesso riescono perche'

        questo e' un paese pieno di vecchi e con una

        mentalita' da vecchi illiberali.

        Infatti l' Italia è diventato il paese con più
        vecchi di tutta
        Europa.
        E si sa, i vecchi sono anche rincoglioniti.
        Adesso sti rincoglioniti pensano e dicono pure
        che la terza età è bella come esser giovani e
        vorrebbero addirittura tornare al
        lavoro.
        Le case farmaceutiche fano business su sti
        ringoglioniti con creme e intrugli stirarughe e
        beveroni con radicali più o mno liberi e mostrano
        in TV sti mostri tirati a lucido finti sorridenti
        che si presentano come pupattoli ringiovaniti
        all' improvviso sviolinando di quant' è bello
        invecchiare....
        Ma dove caXXo credono di essere? Fanno finta di
        non sapere per paura che hanno già un piede nella
        fossa e non hanno la decenza di farsi da parte
        tranquillamente aspeettando la naturale
        dipartita.Giusto.I vecchi sono rincoglioniti e se ne devono annaà.
  • Anonimo scrive:
    non giocate a rule of rose
    [ ]Cari 14-15enni, non giocate a rule of rose perchè è un gioco perverso e potrebbe farvi male.Per fortuna ora c'è chi veglierà su di voi e non ve lo farà comprare, perchè anche se è già per over16 tanto lo comprereste ugualmente vero?Piuttosto andatevi a fumare una bella sigaretta VM18 che vi fa tanto bene e sono vendute a cani e porci.[ ]
    • Anonimo scrive:
      Re: non giocate a rule of rose
      PS:dimenticavo..GRAZIE SONY per questo splendido 2006oltre al DRM con rootkit,alle batterie esplosive,e ad aver rovinato i miei due anni di attesa con quella cagata di film su silent hillora non pubblichi in italia il gioco che aspetto da 1 anno.Grazie sony, sei la migliore.
      • Anonimo scrive:
        Re: non giocate a rule of rose
        - Scritto da:
        PS:

        dimenticavo..

        GRAZIE SONY per questo splendido 2006

        oltre al DRM con rootkit,
        alle batterie esplosive,
        e ad aver rovinato i miei due anni di attesa con
        quella cagata di film su silent
        hill
        ora non pubblichi in italia il gioco che aspetto
        da 1
        anno.

        Grazie sony, sei la migliore.La societa' che pubblica il gioco e' in comunella con la Sony nipponica, altrimenti i diritti per la pubblicazione non sarebbero stati concessi ;)Quindi diciamo solo che la Sony ha preferito mandare avanti una piccola societa' "semi-fittizzia" in previsione di questo scandalo .Scandalo che poi non ha fatto altro che creare Hype per il gioco.Tutto programmato ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: non giocate a rule of rose
      Accendi al tv e sorbiti i programmi a elevato livello culturale che questi si offre, sic.La tv e' intoccabile e allora scaricano su tutto il resto.
      • Anonimo scrive:
        Re: non giocate a rule of rose
        - Scritto da:
        Accendi al tv e sorbiti i programmi a elevato
        livello culturale che questi si offre,
        sic.Hai ragione. Però è un nonsense lamentarsi della merda che ti spacciano in tv e difendere quella che ti propina Sony e che ti vende pure a caro prezzo.Non che mi meravigli, visto che in questo forum sapete solo mettere sul piatto il disco del "vietato vietare" come al solito.
        • Anonimo scrive:
          Re: non giocate a rule of rose
          mah... cmq non è vero che la tv è in toccabile, molti film vengono censurati in TV
          • The_GEZ scrive:
            Re: non giocate a rule of rose
            Ciao Anonimo !
            mah... cmq non è vero che la tv è in toccabile,
            molti film vengono censurati in
            TVGià ... ma per il motivo diametralmente opposto !
          • Anonimo scrive:
            Re: non giocate a rule of rose
            bhe, mi ricordo che american PIE 2 era stato smacciulato per benino per far contenti i benpensanti
          • Anonimo scrive:
            Re: non giocate a rule of rose
            - Scritto da:
            bhe, mi ricordo che american PIE 2 era stato
            smacciulato per benino per far contenti i
            benpensantiQuando censurano roba in tv, lo fanno perche' hanno interesse a tener buona la frangia catto/benpensate.Pero' certi abomini che si vedono (tipo le culonze,tetteronze a gambe spalancate mentre fanno balletti e altre cose inutili) non vengono tagliate.Ne' tantomeno vengono tagliati altri programmi che sono sicuramente diseducativi (grandi fratelli e mariadefilippiintesta).Ma si sa, il Dio Denaro...
          • Anonimo scrive:
            Re: non giocate a rule of rose
            ma i film non sono TVè cinema, è un po' diverso.
    • Anonimo scrive:
      Re: non giocate a rule of rose
      - Scritto da:
      [ ]

      Cari 14-15enni, non giocate a rule of rose perchè
      è un gioco perverso e potrebbe farvi
      male.
      Per fortuna ora c'è chi veglierà su di voi e non
      ve lo farà comprare, perchè anche se è già per
      over16 tanto lo comprereste ugualmente
      vero?

      Piuttosto andatevi a fumare una bella sigaretta
      VM18 che vi fa tanto bene e sono vendute a cani e
      porci.

      [ ]
      E mi raccomando, guardate gli "educativi" programmi televisivi che ci propongono ultimamente le grandi reti nazionali; divertitevi con le grida e gli insulti a Buona Domenica, alla Pupa e il Secchione e a Domenica In; gioite guardando L'Isola dei Famosi, dove gente già sistemata economicamente vince ulteriori centinaia di migliaia di euro; guardate con ammirazione su quelle stesse reti le campagne per la ricerca contro il cancro (leggasi Teleton e simili) dove chiedono i soldi a noi spettatori, poiché i loro (tranne per Rai, dove sono sempre i nostri grazie al canone) li hanno già spesi per fare quei bellissimi programmi e per darli ai loro riveriti ospiti e/o vincitori; e non dimenticate i telegiornali, dove possiamo sentirci raccontare senza problemi la storia di un uomo ucciso staccandogli la testa per poi passare agli interessantissimi servizi sul matrimonio di Tom Cruise e Kate Holmes, dannandoci disperati per sapere quale abito vestirà; riverite i signori giornalisti, capaci di andare dopo poche ore dai parenti di persone assassinate per chiedere se sono pronte a "perdonare" o "che cosa provano", e non pensate che siano sadici, perché loro non giocavano con videogames violenti come voi oggi; votate e ammirate politici che vanno in Parlamento sniffando cocaina ed eroina per poi approvare leggi che classificano come spacciatori dei ragazzini che girano con qualche pericolosissimo e mortale spinello in tasca;Ora scusate, devo uscire per andare a uccidere alcuni passanti, ho appena finito di giocare a GTA San Andreas e credo che mi abbia contaminato il cervello trasformandomi in un folle omicida.--------Piccola considerazione personale sull'ipocrisia della società italiana ;)Bye
  • Anonimo scrive:
    io ora lo proverò
    per una serie di motivi:1) tutto sto putiferio mi ha incuriosito2) l'idiozia che sta dietro a questa censura mi induce ancora di più ad andarci contro, perchè è ridicola, come è ridicola la persona che ha proposto una cosa del genere(e come sono ridicoli tutti i ministri che abbiamo avuto e abbiamo in fatto di tecnologie)3) mi piacciono i giochi horrorPotessi tappezzerei la macchina a questa furbona di poster di rule of rose.Sono in vena di crociate oggi.ed è pure venerdì 17, un ottimo inizio
    • Anonimo scrive:
      Re: io ora lo proverò
      - Scritto da:
      per una serie di motivi:
      1) tutto sto putiferio mi ha incuriosito
      2) l'idiozia che sta dietro a questa censura mi
      induce ancora di più ad andarci contro, perchè è
      ridicola, come è ridicola la persona che ha
      proposto una cosa del genere(e come sono ridicoli
      tutti i ministri che abbiamo avuto e abbiamo in
      fatto di
      tecnologie)
      3) mi piacciono i giochi horror

      Potessi tappezzerei la macchina a questa furbona
      di poster di rule of
      rose.

      Sono in vena di crociate oggi.

      ed è pure venerdì 17, un ottimo inizioEsattamente,sono anche io un fan dei survival, da RE a SH, il 24 se tutto va bene uscira', e io ci giochero', anche se fosse il gioco peggiore e mal realizzato del mondo, lo avro' e me ne vantero' solo per fare un torto a tutta quella gente bigotta e stolta che ha messo su la solita caccia alle streghe e luoghi comuni!Non decideranno mai quei sozzoni politici, cosa e' giusto che io debba o non debba vedere o giocare!Micchan
      • Anonimo scrive:
        Re: io ora lo proverò

        Non decideranno mai quei sozzoni politici, cosa
        e' giusto che io debba o non debba vedere o
        giocare!

        MicchanInfatti (furbone) dovresti essere abbastanza acuto da capire che stai solo facendo gli affari di Sony che si sta già fregando le mani.La cosa migliore da fare sarebbe, quando il gioco uscirà (perchè uscirà), lasciarlo sugli scaffali come hanno fatto in giappone, fregandotene della campagna pubblicitaria che stanno regalando al gioco.
        • tdimax scrive:
          Re: io ora lo proverò
          - Scritto da:


          Non decideranno mai quei sozzoni politici, cosa

          e' giusto che io debba o non debba vedere o

          giocare!



          Micchan

          Infatti (furbone) dovresti essere abbastanza
          acuto da capire che stai solo facendo gli affari
          di Sony che si sta già fregando le
          mani.
          La cosa migliore da fare sarebbe, quando il gioco
          uscirà (perchè uscirà), lasciarlo sugli scaffali
          come hanno fatto in giappone, fregandotene della
          campagna pubblicitaria che stanno regalando al
          gioco.In pratica bisogna decidere se darla vinta a Sony o ai politici! Giusto? Se lo compro faccio il gioco di sony, se non lo compro faccio il gioco dei pro-censura?Allora sai cosa faccio? Travolgo entrambe le categorie con un azzurro torrente e lascio che sia IO a decidere se è un gioco che vale la pena oppure no.
          • Anonimo scrive:
            Re: io ora lo proverò

            Allora sai cosa faccio? Travolgo entrambe le
            categorie con un azzurro torrente e lascio che
            sia IO a decidere se è un gioco che vale la pena
            oppure
            no.Fai sempre gli affari di Sony. Non si scappa, stai solo girando il tuo buchetto del culo da una parte o dall'altra. Tu non decidi un cazzo, non l'hai ancora capito? A meno che tu non ti procuri una copia pirata, allora in quel caso hai una scappatoia.
          • Anonimo scrive:
            Re: io ora lo proverò
            - Scritto da:


            Allora sai cosa faccio? Travolgo entrambe le

            categorie con un azzurro torrente e lascio che

            sia IO a decidere se è un gioco che vale la pena

            oppure

            no.

            Fai sempre gli affari di Sony. Non si scappa,
            stai solo girando il tuo buchetto del culo da una
            parte o dall'altra. Tu non decidi un cazzo, non
            l'hai ancora capito? A meno che tu non ti procuri
            una copia pirata, allora in quel caso hai una
            scappatoia.l'azzurro torrente non deve esserti familiare, deduco ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: io ora lo proverò
            - Scritto da: tdimax

            - Scritto da:




            Non decideranno mai quei sozzoni politici,
            cosa


            e' giusto che io debba o non debba vedere o


            giocare!





            Micchan



            Infatti (furbone) dovresti essere abbastanza

            acuto da capire che stai solo facendo gli affari

            di Sony che si sta già fregando le

            mani.

            La cosa migliore da fare sarebbe, quando il
            gioco

            uscirà (perchè uscirà), lasciarlo sugli scaffali

            come hanno fatto in giappone, fregandotene della

            campagna pubblicitaria che stanno regalando al

            gioco.

            In pratica bisogna decidere se darla vinta a Sony
            o ai politici! Giusto? Se lo compro faccio il
            gioco di sony, se non lo compro faccio il gioco
            dei
            pro-censura?

            Allora sai cosa faccio? Travolgo entrambe le
            categorie con un azzurro torrente e lascio che
            sia IO a decidere se è un gioco che vale la pena
            oppure
            no.Genio! (Pur con la faccia di Merda)
  • Anonimo scrive:
    Questo gioco non lo compro!
    Basta, è inutile che insistete a pubblicizzare questo videogioco, io non lo compro!Non mi piace ed è pure obsoleto...R.Asnago Fans (l'unico che abbiamo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo gioco non lo compro!
      - Scritto da:
      Basta, è inutile che insistete a pubblicizzare
      questo videogioco, io non lo
      compro!
      Non mi piace ed è pure obsoleto...

      R.Asnago Fans (l'unico che abbiamo)Liberissimo di non acquistarlo, come io devo essere libero di comprarlo se mi gira di farlo! :)Micchan
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo gioco non lo compro!
        penso che la sua fosse ironia sul fatto che ste polemiche alla fine sono sempre pubblicità per il gioco in questione
  • Anonimo scrive:
    Tanto in Italia...
    In Italia abbiamo i ministri più incompetenti possibile! Sarà per preservarli dal prendere decisioni intelligenti?Oltre a questo ministro vorrei ricordare la melandri, visco e il nostro vecchio, caro amico urbani ;D
    • Anonimo scrive:
      Re: Tanto in Italia...
      - Scritto da:
      In Italia abbiamo i ministri più incompetenti
      possibile! Sarà per preservarli dal prendere
      decisioni
      intelligenti?
      Oltre a questo ministro vorrei ricordare la
      melandri, visco e il nostro vecchio, caro amico
      urbani
      ;DSecondo me li selezionano geneticamente, di generazione in generazione, cosi' da ottenere l'incrocio perfetto.Hai presente gli incroci di razza ? ecco, proprio quelli :D(ovviamente come requisito di base deve esserci una comprovata abilita' nel trovare problemi inesistenti e nel risolverlri usando metodi aggressivi che ledono i diritti dei cittadini, nonche' una spiccata tendenza a fare i comodi dei moralisti (clericali o meno).Selezione genetica.La nuova frontiera della politica di consumo.
  • Wakko Warner scrive:
    Due cose
    1) Sono maggiorenne e non decidete voi cosa posso o non posso vedere, con cosa possa o non possa perdere il mio tempo o come possa o non possa spendere i miei soldi2) Se sono un genitore e decido che va bene che mio figlio minorenne giochi a Rule of Rose o altro gioco allora mio figlio _giocherà_ a tale gioco, indipendentemente dalle vostre ridicole fobie, dalla vostra schifosa morale e dalle vostre inutili convinzioniSe volete fare la mamma e il papà fatelo pure, ma NON su di me e NON sui miei ipotetici figli... oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un fucile e incominciare a far rispettare i propri diritti inalienabili con la forza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Due cose
      Hai ragione da vendere,peccato che i soliti cialtroni ipocriti bigotti pensano poloticanti solo a far bella figura, e quale migliore pretesto quello di farsi belli con i videogiochi! Mastella poi, che di vg non ci capisce una mazza cerca di rifarsi dopo la stronzata dell'indulto!Gia', perche con tutti i problemi che ha il nostro paese, e' molto meglio parlare di queste cose futili anziche' di cose serie!Comunque per rassicurare i fan sei survival, almeno per ora, il gioco uscira' il 24 novembre, per conto di 505 gamestreet e non sa sony, (come in america ha fatto atlus)!Speriamo bene! Mal che vada, essendo in formato multilingua, lo si dovrebbe trovare dappertutto lo stesso giorno nei fiumi di bit o sul mulo!Tristezza pero' a sentire semrpe queste cose! :sMicchan
      • NoWone scrive:
        Re: Due cose
        - Scritto da:
        Quella dei videogiochi e' si in espansione e ha
        un grande business, ma non lo e' ancora
        abbastanza evidentemente, (se persino sony si e'
        ritirata dalla distribuzione di quel titolo
        cedendolo a un'altro, e' come se in parte un po'
        gliel' avesse data vinta!) e poi hai ragione, a
        loro dei bambini non frega nulla, gli interessa
        solo che guardino la tv e i vg li distolgono dal
        loro mezzo di disinformazione, pubblicita', e
        controllo delle masse
        preferito!La lobby dei VG è la stessa del cinema e della musica. Gli editori sono gli stessi, i distributori fanno capo alle stesse compagnie. Io credo che quella di Rule of Rose sia proprio una mossa per poter dare risalto a questo altro lato del loro business.Io sono convinto che Sony avesse dei dubbi sul distribuire o meno RoR da noi (sono un videogiocatore da tanti anni e mi tengo abbastanza informato), e quando il governo gli ha dato l'occasione di fare pubblicità al prodotto costo 0 non se l'è lasciata scappare. Tantissimi altri giochi non sono stati mai distribuiti da noi ufficialmente perchè "scomodi" ma realmente perchè per l'editore non erano un buon affare. RoR non fa differenza: in Giappone ha venduto pochino, e dalla "critica" è stato accolto freddamente. Non un bel presupposto: meglio investire in pubblicità sul titolo (anche in maniera surretizia, come in questo caso), e lasciarlo distribuire da qualche compagnia satellite. Sicuramente ci guadagnano di più.
        Il controllo pegi a livello europeo esista gia'
        da un pezzo e classifica i giochi in base all'eta
        e al genere, purtroppo il menefreghismo dei
        gentiori di oggi e' palese! Gli darebbero pure un
        film porno pur di toglierseli dalle palle! Con
        gente irrespondabile cosi', un figlio che cresce
        senza l'amore e le attenzioni che meriterebbe,
        che cosa pretendi che
        diventi?Un film porno all'età giusta (quando inizi naturalmente ad interessarti al sesso, diciamo nell'adolescenza) fa molti meno danni di tante altre ca*ate (perdonatemi, ma è davvero così che si chiamano) che i figli vedono in Tv al giorno d'oggi. Esampio? Reality, amici, telafacciovederemanonteladaròmai, quei programmi patinati lì. Un film porno (ripeto, preso dal verso giusto) ti può insegnare ad avere un po' meno paura del sesso e ad essere meno frustrato. E dà il destro a un genitore "sveglio" per toglierti qualche dubbio che naturalmente ti verrà. Amici ti serve a farti comprare oggetti su oggetti ed a farti capire che se vuoi avere successo devi essere come quelli che vedo in TV - spesso con effetti tremendi sulla tua vita di adolescente (chi ha detto anoressia?).
        Ma come dicevo, per i politicanti fa piu' comodo
        prendere di mira un videogioco per i propri
        tornaconti personali, anziche' sensibilizzare le
        famiglie che quello che stanno facendo con i
        propri figli e' la strada
        sbagliata!
        Ovviamente non tutti i genitori sono cosi', per
        carita'!Sono convinto che chi vuole avere un figlio debba mettersi in testa che poi ne diventa genitore (= responsabile). Sembra una cosa palese ma pochi ci pensano. Dovrebbe quindi prendersi l'onere di aiutare il figlio/a a screscere ANCHE seguendo quello che ascolta/guarda/gioca, esattamente come tiene d'occhio le compagnie che frequenta. Questo è il mio parere.Pace.NW
    • Anonimo scrive:
      Re: Due cose
      - Scritto da: Wakko Warner
      1) Sono maggiorenne e non decidete voi cosa posso
      o non posso vedere, con cosa possa o non possa
      perdere il mio tempo o come possa o non possa
      spendere i miei
      soldiDi fatto pero' si. Sei maggiorenne ma non comandi.
      2) Se sono un genitore e decido che va bene che
      mio figlio minorenne giochi a Rule of Rose o
      altro gioco allora mio figlio _giocherà_ a tale
      gioco, indipendentemente dalle vostre ridicole
      fobie, dalla vostra schifosa morale e dalle
      vostre inutili convinzioniSi ma ti tocca comunque doverti confrontare con chi vorrebbe educare i figli al posto tuo.
      Se volete fare la mamma e il papà fatelo pure, ma
      NON su di me e NON sui miei ipotetici figli...
      oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un
      fucile e incominciare a far rispettare i propri
      diritti inalienabili con la forza.Fossero davvero inalienabili, la forza non servirebbe.
      • tdimax scrive:
        Re: Due cose
        - Scritto da:

        - Scritto da: Wakko Warner

        1) Sono maggiorenne e non decidete voi cosa
        posso

        o non posso vedere, con cosa possa o non possa

        perdere il mio tempo o come possa o non possa

        spendere i miei

        soldi


        Di fatto pero' si. Sei maggiorenne ma non comandi.
        No ma comando ciò che riguarda la MIA vita e la vita di chi è sotto la mia responsabilità. Guardo quello che voglio guardare e gioco a quello a cui voglio giocare. Voi mi imponete di non giocarci? Me lo farò arrivare dall'UK il 24 novembre stesso, e la loro schifosa censura sarà tempo perso.Guardare un film o giocare a un QUALUNQUE videogioco NON

        2) Se sono un genitore e decido che va bene che

        mio figlio minorenne giochi a Rule of Rose o

        altro gioco allora mio figlio _giocherà_ a tale

        gioco, indipendentemente dalle vostre ridicole

        fobie, dalla vostra schifosa morale e dalle

        vostre inutili convinzioni

        Si ma ti tocca comunque doverti confrontare con
        chi vorrebbe educare i figli al posto
        tuo.


        Se volete fare la mamma e il papà fatelo pure,
        ma

        NON su di me e NON sui miei ipotetici figli...

        oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un

        fucile e incominciare a far rispettare i propri

        diritti inalienabili con la forza.

        Fossero davvero inalienabili, la forza non
        servirebbe.Purtroppo la forza non serve perchè ci si lamenta tanto ma alla fine sono sempre i soliti 4 "pirla" che si danno da fare.E finiamo sempre per prenderlo in quel posto...Ci vuole sommossa, rivoluzione, insomma bisogna AGIRE PUBBLICAMENTE contro la censura. Iniziamo modificando la lettera del lettore alla Dottoressa e mandandola veramente con tanto di nominativi e firme. Magari inoltrandone anche delle copie ai giornali locali e non.Sarebbe un buon inizio...
    • Anonimo scrive:
      Re: Due cose

      oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un
      fucile e incominciare a far rispettare i propri
      diritti inalienabili con la
      forza.vedi come si arriva a ragionare, facendo videogiochi violenti?
      • danieleMM scrive:
        Re: Due cose

        vedi come si arriva a ragionare, facendo
        videogiochi
        violenti?era provocatorio....almeno lui ci arriva a ragionare
      • Anonimo scrive:
        Re: Due cose
        - Scritto da:


        oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un

        fucile e incominciare a far rispettare i propri

        diritti inalienabili con la

        forza.



        vedi come si arriva a ragionare, facendo
        videogiochi
        violenti?
        (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Due cose
      - Scritto da: Wakko Warner
      oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un
      fucile e incominciare a far rispettare i propri
      diritti inalienabili con la
      forza.ROTFL.Portati la carta d'identità, mi raccomando. Quando avranno finito con te (piu' o meno mezzo secondo) non sarai tanto riconoscibile: 3 pallottole da 9mm in pieno volto, o un 7.62 NATO in mezzo alla fronte.Cosa ti illudi di poter fare contro il potere dello Stato? Hai perso prima ancora di cominciare a giocare.Diritti "inalienabili"? Te li tolgono con un decreto quando vogliono, come vogliono. Non farti illusioni: come cittadino, sei un bene da comprare e vendere. Quando diventerai scomodo, sarai annientato.
    • tdimax scrive:
      Re: Due cose
      - Scritto da: Wakko Warner
      oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un
      fucile e incominciare a far rispettare i propri
      diritti inalienabili con la
      forza.Caro Wakko, purtroppo non esiste un fucile tanto grosso e potente... Per ora l'unica (e tortuosa) via per farci rispettare è mostrare questa gente al suo stesso pubblico per quello che è veramente..
    • Anonimo scrive:
      Re: Due cose
      - Scritto da: Wakko Warner
      1) Sono maggiorenne e non decidete voi cosa posso
      o non posso vedere, con cosa possa o non possa
      perdere il mio tempo o come possa o non possa
      spendere i miei
      soldi

      2) Se sono un genitore e decido che va bene che
      mio figlio minorenne giochi a Rule of Rose o
      altro gioco allora mio figlio _giocherà_ a tale
      gioco, indipendentemente dalle vostre ridicole
      fobie, dalla vostra schifosa morale e dalle
      vostre inutili
      convinzioni

      Se volete fare la mamma e il papà fatelo pure, ma
      NON su di me e NON sui miei ipotetici figli...
      oppure è già arrivata l'ora di imbracciare un
      fucile e incominciare a far rispettare i propri
      diritti inalienabili con la
      forza.Invece ti sbagli e tanto.Parli senza avere la minima idea di quale effetto può fare su un ragazzino di 10 anni (solo per fare un esempio) un gioco come "Rule of Rose".Il problema dei videogiochi violenti, al limite del sadismo esiste. E "Rule of rose" è uno di questi. Se venisse ritirato dal mercato sarei molto contento proprio perché mi piacciono i videogiochi. Qui siamo al limite dello snuff, con l'aggravante della partecipazione al gioco sadico. Se riguarda persone adulte e mature (e non dico maggiorenni) è un conto, ma per il resto non c'è davvero nulla su cui scherzare.Se tu fossi davvero un genitore e lasciassi dei figli piccoli con un gioco simile farebbero bene a toglierti la potestà dei figli. Ma evidentemente non hai figli e quindi non capisci.
      • Wakko Warner scrive:
        Re: Due cose
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Ottima argomentazione, mi hai convinto.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • NoWone scrive:
        Re: Due cose
        - Scritto da:
        Invece ti sbagli e tanto.
        Parli senza avere la minima idea di quale effetto
        può fare su un ragazzino di 10 anni (solo per
        fare un esempio) un gioco come "Rule of
        Rose".

        Il problema dei videogiochi violenti, al limite
        del sadismo esiste. E "Rule of rose" è uno di
        questi.

        Se venisse ritirato dal mercato sarei molto
        contento proprio perché mi piacciono i
        videogiochi. Qui siamo al limite dello snuff, con
        l'aggravante della partecipazione al gioco
        sadico. Se riguarda persone adulte e mature (e
        non dico maggiorenni) è un conto, ma per il resto
        non c'è davvero nulla su cui
        scherzare.

        Se tu fossi davvero un genitore e lasciassi dei
        figli piccoli con un gioco simile farebbero bene
        a toglierti la potestà dei figli. Ma
        evidentemente non hai figli e quindi non
        capisci.Sono d'accordo con te, ma secondo me non ci si sta capendo. E' giusto dire che RoR è un gioco con una tematica che non è adatta ad un bambino di 10 anni, ed è proprio per questo che non glie lo si dovrebbe vendere, ed è proprio per questo che come dici tu un genitore coscenzioso controllerebbe con cosa giocano i figli. Però se io maggiorenne volessi comprarlo dovrei poterlo trovare.Quello che dico io è che il prodotto non è adatto a dei minori, ma non è giusto che o maggiorenni non possano fruirne.Tutto questo fermo restando quello che ho affermato nel mio precedente post.Pace.NW
  • Anonimo scrive:
    Sai cosa se ne fanno della tua lettera..
    Lo sai vero?Quella fente appartiene a altri mondi, non è gente normale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
      - Scritto da:
      Lo sai vero?

      Quella fente appartiene a altri mondi, non è
      gente
      normale.Almeno si sono mosse, oltre alcuni redattori delle testate di videogame, anche le varie associazioni del mondo ludico (gamecon,etc..)!Certo, se una petizione per cose piu 'serie gia' non basta, figuriamoci qualche lettera, ma pur sempre meglio di niente!Ci vorrebbe un discorso chiarificatore televisivo, che ponesse a confronto le due parti, associazioni della tutela dei minori, politici ed esperti di videogame del settore, in un dibattito dove si metta in gioco la verita' e non le solite menzogne e luoghi comuni e si cerchi di trovare un accordo comune per non ledere la liberta' anche di gente che piu' bambina non e', ma ama semplicmenete i videogiochi e li considera vere opere d'arte ludiche!Ci vorrebbe si, e lo so che a fatti e' difficile portare la cosa in tv... ma almeno che si provi!Micchan
      • Anonimo scrive:
        Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
        L'italia e' patria dell'illegalita'.Il motivo per cui vogliono applicare questo genere di censura e' che cosi', gli utenti interessati, si rivolgono al mercato nero per acquistare i giochi.Li scaricano.Li comprano dal marocchino.Li comprano sottobanco nei negozi.Etc...Italia = politica dell'inutilita' e dell'illegalita'.E' bastato vedere i danni che hanno fatto con l'indulto.Per salvare il culo a 3 loro amici, delle persone sono morte e altre hanno subito reati di ogni genere.Italia = politica dell'inutilita' e dell'illegalita'.Questo abbiamo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
      Sono l'autore della lettera... oh sì che lo so che cosa se ne faranno, e sono quasi certo che la Serafini NON leggerà la mia mail. Ma intanto sono contento di averla scritta e che Punto Informatico l'abbia pubblicata, perchè oggi come oggi sono sempre più convinto che siano le persone normali a doversi muovere per cambiare le cose, vedi la petizione per i costi di ricarica dei cellulari per esempio.Se molti altri faranno quello che ho fatto io, non credo che potranno ignorarci del tutto.Un saluto a tutti.Andrea
      • Anonimo scrive:
        Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
        - Scritto da:
        Sono l'autore della lettera... oh sì che lo so
        che cosa se ne faranno, e sono quasi certo che la
        Serafini NON leggerà la mia mail. Ma intanto sono
        contento di averla scritta e che Punto
        Informatico l'abbia pubblicata, perchè oggi come
        oggi sono sempre più convinto che siano le
        persone normali a doversi muovere per cambiare le
        cose, vedi la petizione per i costi di ricarica
        dei cellulari per
        esempio.

        Se molti altri faranno quello che ho fatto io,
        non credo che potranno ignorarci del
        tutto.

        Un saluto a tutti.

        AndreaSe sei l'autore, complimenti per la lettera, veramente ben scritta!Mi rammarico solo che queste parole finiscano come ogni altra lettera scritta da parte di noi comuni cittadini verso le istituzioni & co., nel cestino (probabilmente perche' non sanno aprire le email e le cancellano direttamente)!Complimenti ancora!Micchan
        • tdimax scrive:
          Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
          - Scritto da:

          Se sei l'autore, complimenti per la lettera,
          veramente ben
          scritta!UP!!!!
          Mi rammarico solo che queste parole finiscano
          come ogni altra lettera scritta da parte di noi
          comuni cittadini verso le istituzioni & co., nel
          cestino (probabilmente perche' non sanno aprire
          le email e le cancellano
          direttamente)!Proviamo a girarne delle copie anche ai nostri giornali locali con tanto di nominativi e firme! Diamoci da fare, difendiamo i nostri diritti maledizione!Se abbiamo anche solo la minima possibilità che qualcosa cambi, allora VALE LA PENA DI TENTARE perchè noi magari no, ma i nostri figli meritano di vivere in un mondo migliore di questo..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2006 11.11-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Grazie a tutti per i complimenti!
            Grazie a tutti per i complimenti (sono di nuovo l'autore). Io spero davvero che il tutto non finisca nel nulla, anche se sono scettico. l'ho fatto perchè mi sono stufato di ingoiare e stare zitto.Se mai mi risponderà la Dott.ssa Serafini, vi assicuro che manderò la risposta a PI, sperando che me la pubblichino di nuovo, altrimenti la storia la sto scrivendo anche sul mio blog traccesurete.splinder.comGrazie di nuovo a tutti specialmente a PI per avermi dato la possibilità di esprimere pubblicamente "il mio pensiero"Andrea
      • Anonimo scrive:
        Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
        Ti faccio anche io i complimenti per la lettera, oramai non sanno più che fare per sbattersene della TRAGICA realtà e così fanno passare per tragici pure i videogames, io pure gioco ai da quando avevo 8 anni sin dai tempi del commodore 64 e non mi vergogno a dire che non ho mai visto un gioco divertente come Grand Theft Auto, eppure sono una normalissima persona che fa onestamente il proprio lavoro e non farebbe del male ad una mosca, spero che si mettano in testa che i problemi stanno nella realtà e non nei videogames.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Sai cosa se ne fanno della tua lette
          Le lettere e le petizioni le tengono in considerazione SOLO se ci sono interessi dietro.Quella dei telefonini, per esempio, ha incontrato il favore delle associani dei consumatori, che sanno di poter vincere e quindi rastrellare un po' di "fama".Tanto per farvi capire : sapete quante lettere e quanti "voti" ai sondaggi di repubblica sono arrivati per la manovra dell'indulto ?Migliaia.La manovra e' stata fatta lo stesso.A nessuno conveniva opporsi.Se per i giochi decideranno che c'e' piu' convenienza nel vendere roba sottoposta a censura...finira' come tutti sappiamo.
  • Anonimo scrive:
    Se non interviene il pretazzo....
    I gamer possono stare tranquilli.Se lui invece decide di prendere di mira i videogames segnalandoli ai suoi fans, allora saran caXXi amari.
Chiudi i commenti