Cassandra Crossing/ Il DRM viola la privacy

di Marco Calamari - I jukebox legali possono sapere molto, ma proprio tanto, dei propri clienti, a cui vengono proposti contenuti in salsa DRM e in violazione delle normative sulla privacy. Ne parla il Progetto Winston Smith

Roma – Caro prof. Pizzetti, il suo Ufficio è già intervenuto su questioni che impattano pesantemente la privacy legate all’avvento delle nuove tecnologie, sia emanando provvedimenti che stabilendo interpretazioni ufficiali della normativa. Il Progetto Winston Smith, che mi onoro di rappresentare in questa sede, vorrebbe attirare la Sua attenzione su un crescente problema di possibile violazione di alcuni requisiti essenziali di protezione dei dati personali, fortemente garantiti dalla 196/2003.

Questi requisiti sono largamente ignorati dalle attuali implementazioni dei Digital Rights Management System che vengono usati estensivamente nei music store (il cui capostipite è iTunes di Apple) e nei player multimediali (hardware come iPod di Apple o Zune di Microsoft, oppure software come Apple Quicktime Player o Microsoft Media Player).

Come Le sarà ben noto, questi siti vendono musica protetta con sistemi DRM (proprietari ed incompatibili tra loro) che si appoggiano a sistemi operativi ed hardware proprietario.

Il processo di vendita dei prodotti digitali come la musica, svolto mediante e-commerce e DRM utilizzati “in serie”, è molto invasivo della privacy in quanto la stessa organizzazione viene in possesso dei dati anagrafici ed economici dell’acquirente, delle sue preferenze di fruizione, e di una quantità variabile della configurazione hardware e software utilizzata per fruire dei prodotti.

Secondo una nostra valutazione, nessuno dei sistemi commerciali attualmente in possesso di quote di mercato significative (tutti di sviluppo esterno all’U.E.) rispetta alcuni principi guida dei trattamenti di dati personali. In particolare:

– il diritto alla conoscenza dettagliata e preventiva dei dati che vengono trattati
– il diritto all’accesso, alla rettifica ed alla cancellazione dei propri dati
– il diritto alla conoscenza ed alla negazione caso per caso della fornitura dei dati quando vengano trasmessi durante l’ascolto della musica con trasmissione del titolo e dei dati associati

Alcuni di questi aspetti sono anche immediatamente deducibili dagli stessi accordi di licenza che vengono conclusi durante l’acquisto, l’installazione od il primo utilizzo di questi sistemi.

Ci permettiamo quindi di suggerire, ove questa non sia già una priorità del Suo Ufficio, una attività conoscitiva ed ispettiva dell’esistente, seguito dalle misure correttive che l’Uffico riterrà di adottare, sia in sede italiana che comunitaria.

A nostro parere l’emanazione di linee guida di sviluppo e di comportamento dei music store e dei relativi sistemi DRM che non contrastino con la 196/2003, unita una presa di posizione pubblica sul tema, sarebbero misure utili e necessarie.

Cogliamo infine l’occasione per invitarla al convegno e-privacy 2007, che si svolgerà a Firenze il 18 e 19 maggio.

Per il Progetto Winston Smith ,
Marco Calamari

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    "...alcuni esemplari di orangutango..."Orangutango?!? E che sarebbe un "orangutango"?Su quale dizionario, enciclopedia o bestiario medievale avete trovato un "orangutango", benedetti fanciulli??A.
  • Pumbaa scrive:
    Maaaaa
    Timon, pensi che faranno qualche bel giochino anche per noi?
    • Timon scrive:
      Re: Maaaaa
      - Scritto da: Pumbaa
      Timon, pensi che faranno qualche bel giochino
      anche per
      noi?Pumbaa, è da tempo immemorabile che gli umani ci lasciano giocare con la loro spazzatura. Ora continua a spingere l'amaca e passami il frullato di coleotteri.
  • Anonimo scrive:
    Roba da scimmie?
    Quindi troppo complicati per il livello medio del lettore di PI. (anonimo)
  • Anonimo scrive:
    Non capisco...
    "Più riusciamo a comprendere il processo cognitivo degli orangutango - spiega un funzionario, Tara Stoinski - più riusciremo a capire di cosa hanno bisogno per sopravvivere nel proprio habitat". Questa affermazione mi lascia perplesso. Gli oranghi sono sopravvissuti benissimo fino ad adesso nel loro habitat. Forse perché il loro habitat era intatto e magari adesso non lo è più.Sicuramente questa ricerca è utile per capire meglio la loro intelligenza, ma state certi che se li lasciate tranquilli nel loro habitat (integro) sopravviveranno benissimo.Fabio D.
  • Pejone scrive:
    ATTENTI: questo gioco da dipendenza
    E' uno scherzo naturalmente però la leggenda narra che questo semplicissimo gioco in flash dia dipendenza...http://www.k2xl.com/games/boomshine/ps: ma si può arrivare oltre il livello 12??
    • SiN scrive:
      Re: ATTENTI: questo gioco da dipendenza
      - Scritto da: Pejone
      E' uno scherzo naturalmente però la leggenda
      narra che questo semplicissimo gioco in flash dia
      dipendenza...

      http://www.k2xl.com/games/boomshine/

      ps: ma si può arrivare oltre il livello 12??No, non si può.Al 12 livello ti da il punteggio finale.il mio è 248-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 aprile 2007 13.15-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Una volta mi sono filmato mentre giocavo
    Ho messo la telecamera portatile sullo scaffalino del pc, e mi sono filmato mentre giocavo prima a Silent Hill e poi a Max Paine... ebbene, se non avessi visto il risultato con i miei occhi, non ci crederei...Dopo circa 4 ore di gioco la faccia si muoveva per conto proprio, come una specie di melma gelatinosa in preda agli spasmi della morte, gli occhi erano fissi e vitrei, con guizzi improvvisi a destra e sinistra, la lingua, di un insano colore violaceo, guizzava ripetutamente fuori dalle labbra rigonfie, sfiorando la punta del naso, mentre una ciocca di capelli unta di sudore oscillava in preda al delirio, all'unisono con la mia voce stridula.Provate a riprendervi quando giocate, e' divertente ! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Una volta mi sono filmato mentre gio
      lascia perdere e trovati una fidanzata dai......
      • Anonimo scrive:
        Re: Una volta mi sono filmato mentre gio
        - Scritto da:
        lascia perdere e trovati una fidanzata dai.........non so... quando provo ad avvicinarmi ad una ragazza per giocarci un po', quella fugge strepitando in modo isterico... :forse dipende dal dopobarba ? (newbie)
        • Anonimo scrive:
          Re: Una volta mi sono filmato mentre gio
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          lascia perdere e trovati una fidanzata dai......

          ...non so... quando provo ad avvicinarmi ad una
          ragazza per giocarci un po', quella fugge
          strepitando in modo isterico...
          :

          forse dipende dal dopobarba ? (newbie)Il tuo o quello della ragazza? :
      • Anonimo scrive:
        Re: Una volta mi sono filmato mentre gio
        - Scritto da:
        lascia perdere e trovati una fidanzata dai......Io una volta mi sono filmato mentre scopavo, ed è successa la medesima cosa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Una volta mi sono filmato mentre gio
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          lascia perdere e trovati una fidanzata dai......

          Io una volta mi sono filmato mentre scopavo, ed è
          successa la medesima cosa.
          è spuntato uno che ti ha detto di trovarti una fidanzata...?
      • Anonimo scrive:
        Re: Una volta mi sono filmato mentre gio
        - Scritto da:
        lascia perdere e trovati una fidanzata dai......Che originale, la solita uscita stantia.Trovati un cervello.
Chiudi i commenti