Cassandra Crossing/ Internet, il Vaticano ed i pedofili

di Marco Calamari - Il vespaio suscitato dal servizio della BBC spinge alcuni politici a chiedere prudenza, vista la posta in gioco. Quella prudenza che non viene riservata alla rete, ovvero a una posta ben più alta

Roma – Come tutti ormai sapranno, è disponibile in Rete un servizio giornalistico della BBC , ormai vecchio di un anno, che si occupa dei processi e delle condanne di alcuni sacerdoti cattolici per reati connessi alla pedofilia.

La ventilata messa in onda di questo servizio, che personalmente giudico interessante e ben fatto, in una trasmissione curata da Michele Santoro ha prodotto un prevedibile scompiglio, che osservato dall’estero non ci ha fatto fare sicuramente una bella figura. Uno dei commenti più calzanti è stato: “Si fa tanta confusione per una cosa già visibile in Internet”.

Piero Fassino, segretario dei DS, noto per la sua pacatezza, ha dichiarato “Quando si affronta un tema così sensibile, ci vuole attenzione perché l’impatto di qualsiasi immagine, notizia o commento richiede equilibrio”.
Fassino si riferisce ovviamente al Vaticano ma vorrei suggerirgli, e suggerire a noi tutti, un momento di riflessione per un’altra entità diversa dal Vaticano (o meglio dalla Chiesa Cattolica) ed associata, spesso in maniera strumentale e quasi sempre a sproposito, a reati a sfondo pedofilo.

Modificherei quindi la frase, molto generica, precisandola come segue: “Quando si affrontano gli importanti e sensibili temi dei reati a sfondo pedofilo, ci vuole molta attenzione, perché l’impatto emotivo di qualunque immagine, notizia o commento fa scattare nella maggioranza delle persone giustificati ma anche primitivi sentimenti di protezione della prole. Questi onorevoli sentimenti portano spesso a sospendere il giudizio razionale ed agire in maniera irrazionale, dannosa e suscettibile di strumentalizzazioni; queste ultime possono talvolta essere usate per manipolare l’equilibrio di potere tra doveri verso la società e diritti civili individuali”.

Quanto sopra è solo la trasformazione di un discorso pieno di sottintesi nato per il caso Vaticano e pedofilia in uno equivalente, ma esplicito e dettagliato, adatto anche al caso “Rete e pedofilia”.

Sarebbe sia doveroso che vantaggioso per la nostra classe politica usare la stessa attenzione ed accuratezza riservata al Vaticano anche verso la Rete ed i suoi abitanti. Dopotutto, gli utenti della Rete si avviano ad essere la maggioranza dei cittadini del mondo sviluppato, ed anche a superare il numero dei membri di qualunque singolo partito, religione, culto o setta.

È pacifico che i politici debbano cercare il consenso per mestiere, ma troppo spesso la loro azione tipica è inseguire rozzamente il fatto di attualità, esprimendosi in maniera incisiva sui media e poi agendo di conseguenza solo finché i riflettori sono accesi. Molto rumore, poca classe, nessuna efficacia; mi chiedo su quanti elettori questo modo di agire faccia veramente un effetto positivo.

Un umile suggerimento è, ad esempio, quello di non privilegiare i commenti sulle “battute di pesca” effettuate in Rete a caccia di pedoguardoni o pedopornodetentori (non di pedofili, quelli li si deve cercare in famiglia ed in situazioni di subordinazione), di evitare la criminalizzazione della Rete con la stessa cura con cui si evita quella del Vaticano, e di agire con prudenza e rispetto della presunzione di innocenza anche quando si parla di indagini nel mondo reale.

La convenienza del parlare ed agire con prudenza è infatti dimostrata da alcuni recenti fatti di cronaca sempre riguardanti presunti reati di pedofilia. E la convenienza ad uscire da questo ed altri luoghi comuni tanto popolari quanto falsi come la contrapposizione tra privacy e sicurezza, molto ben descritta in questo articolo , dovrebbe essere evidente a qualunque servitore pubblico non intenda promuovere una società basata sul terrore e sul controllo.

Dare invece visibilità e risonanza, e magari agire in difesa dei diritti civili di chi vive in Rete (e fuori), sarebbe probabilmente più pagante, se non nel breve sicuramente a medio termine. Il mio voto, insieme a quelli di molti altri, ne sarebbe fortemente attratto. Il mio rispetto anche.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Era ora
    La scrittura olografica era stata messa a punto sul finire del 1985 (se non erro), l'articolo era apparso su Scientific American e poi ripubblicato su Le Scienze nel mese di Febbraio dell'anno successivo.Invece di scrivere e leggere un singolo bit, due fasci laser si intersecano su di una singola cella olografica e ne leggono il contenuto, una sorta di bitmap, una griglia di pixel monocromatica dove ad ogni pixel corrisponde il valore 1 o 0 (bianco o nero).Insomma anziché leggere un singolo bit, il prototipo realizzato nel 1985 ne leggeva 8*8 tutti insieme.C'erano alcuni problemi mica da ridere. Primo: i dischi non potevano essere troppo larghi, perché il fascio laser di interferenza (necessario per ricostruire l'immagine olografica) non riusciva ad illuminare tutto il disco. Inoltre il materiale utilizzato (niobato di litio) era difficile da produrre, costoso e poco stabile.Poco piu' di 20 anni dopo, finalmente, ecco le memorie olografiche.A quanto leggo verrà utilizzato un solo raggio laser (mah) e il solito disco.Pure che sony non riuscirà a imporre il suo standard, la tecnica olografica è il futuro delle memorie ottiche.Sullo stesso layer dove un dvd mette 37 gigabit, un disco olografico puo' metterne 2406, bit più bit meno (300giga). Probabilmente la tecnica usata da Sony, a laser singolo, non permette griglie troppo grandi, se la capacità annunciata è di 500gb totali, ma è comunuque un buon inizio.Prima di dire che ce ne facciamo di tutta 'sta roba, a chi mai serviranno 500giga di spazio...Ecco la risposta:virtualizzazione.creo il mio computer virtuale, lo riempio di tutto il software che mi serve per le presentazioni, le demo, pucchiacche e cotillon, salvo su olodisc e... mi basteranno 500giga? Speriamo di si.GT
  • Enjoy with Us scrive:
    Sony Inaffidabile
    Se fosse vero che sono sul punto di commercializzare una nuova tecnologia 10 volte superiore al Blu - Ray 500Gb Vs 50Gb, perchè mai Sony continua ad ostinarsi a spingere il Blu - Ray, potrebbe da subito spingere per la nuova tecnologia che allora si avrebbe tutti i numeri per spazzare via HD Dvd e DVD normali.Evidentemente le cose non stanno così e questo è solo l'ennesimo annuncio sensazionalistico, dietro il quale ci sono ancora almeno 6 -7 anni di ricerche prima di ottenere forse un qualcosa di commerciabile
    • Anonimo scrive:
      Re: Sony Inaffidabile
      Infatti hanno detto che ci stanno lavorano, mica che mettono sta cosa nel mercato, domani ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sony Inaffidabile
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Se fosse vero che sono sul punto di
      commercializzare una nuova tecnologia 10 volte
      superiore al Blu - Ray 500Gb Vs 50Gb,No scusa dove hai letto che è sul punto di commercializzare questa tecnologia??
      perchè mai
      Sony continua ad ostinarsi a spingere il Blu -
      Ray, potrebbe da subito spingere per la nuova
      tecnologia che allora si avrebbe tutti i numeri
      per spazzare via HD Dvd e DVD
      normali.Probabilmente perchè ci vorranno ancora tanti anni per rendere stabile questa tecnologia..
      Evidentemente le cose non stanno così Bhe le cose stanno esattamente come sono scritte nell'articolo e non sono NE DI PIU ne di meno.
      e questo è
      solo l'ennesimo annuncio sensazionalistico,
      dietro il quale ci sono ancora almeno 6 -7 anni
      di ricerche prima di ottenere forse un qualcosa
      di
      commerciabileGià è proprio uno di quegli annunci.. perchè dove hai letto il contrario?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sony Inaffidabile
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Se fosse vero che sono sul punto di
      commercializzare una nuova tecnologia 10 volte
      superiore al Blu - Ray 500Gb Vs 50Gb, perchè mai
      Sony continua ad ostinarsi a spingere il Blu -
      Ray, potrebbe da subito spingere per la nuova
      tecnologia che allora si avrebbe tutti i numeri
      per spazzare via HD Dvd e DVD
      normali.
      Evidentemente le cose non stanno così e questo è
      solo l'ennesimo annuncio sensazionalistico,
      dietro il quale ci sono ancora almeno 6 -7 anni
      di ricerche prima di ottenere forse un qualcosa
      di
      commerciabile6-7 anni ? Vorrai scherzare, spero. Entro il 2011-2012 avremo HDU da 300,000GB .. così ha promesso Seagate ed anche Hitachi.Ben prima di quella data saranno già necessari supporti ottici molto più capienti dei BD. HD-DVD è una presa per i fondelli, 15/30GB di formato contro 25/50GB del BD, è palese che BD sia superiore.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sony Inaffidabile
        - Scritto da:

        HD-DVD è una presa per i fondelli, 15/30GB di
        formato contro 25/50GB del BD, è palese che BD
        sia superiore.Se l'unico criterio di scelta fosse la misura... Per esempio, leggevo che la produzione di HD-DVD richiede interventi minori sugli impianti attuali, con minimi costi da ammortizzare. Ben diverso il Blue disc, che richiede importanti costi per ri-attrezzare la linea produttiva. Il costo al Gigabyte non è un criterio di scelta secondario, per chi deve decidere per l'acquisto di migliaia di esemplari. :)
    • Guybrush scrive:
      Re: Sony Inaffidabile
      - Scritto da: Enjoy with Us[...]
      commerciabileNo, ti sbagli.La tecnologia olografica affonda le sue radici nel passato. Se ne parlava gia' nel 1985, come minimo.C'erano diversi problemi riguardo il suo utilizzo e piano piano li stanno elmiminando.GT
  • Anonimo scrive:
    ma la tecnologia olografica?
    su cosa si basa?come funziona?
  • Anonimo scrive:
    Sony ha fallito
    Pessima societa' :
  • Anonimo scrive:
    Ma quali sono le reali capacità?
    No a Sony. :DSony è un disastro. :Il colosso giapponese ha progettato un nuovo modo di fregare la clientela. :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono le reali capacità?
      - Scritto da:
      No a Sony. :D

      Sony è un disastro. :

      Il colosso giapponese ha progettato un nuovo modo
      di fregare la clientela.
      :@cos'è, una nuova forma di talibano da centro sociale?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono le reali capacità?
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        No a Sony. :D



        Sony è un disastro. :



        Il colosso giapponese ha progettato un nuovo
        modo

        di fregare la clientela.

        :@

        cos'è, una nuova forma di talibano da centro
        sociale?forse qualcuno che detesta la ricerca ad alto livello, un depresso?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono le reali capacità?
      ma è un bot che scrive questa roba o dietro c'e' qualcuno di umano (cioè teoricamente in grado di pensare e ragionare)?- Scritto da:
      No a Sony. :D

      Sony è un disastro. :

      Il colosso giapponese ha progettato un nuovo modo
      di fregare la clientela.
      :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono le reali capacità?
        - Scritto da:

        ma è un bot che scrive questa roba o dietro c'e'
        qualcuno di umano (cioè teoricamente in grado di
        pensare e
        ragionare)?

        - Scritto da:

        No a Sony. :D



        Sony è un disastro. :



        Il colosso giapponese ha progettato un nuovo
        modo

        di fregare la clientela.

        :@secondo me è una grammatica del polygen, e nemmeno di qualità :
  • Anonimo scrive:
    Ci risiamo!
    L'ennesimo annuncio !Prima C-3D (poi acquistata dalla stessa Sony se non mi sbaglio, e praticamente scomparsa)Poi altri ed altri ancora...http://www.vnunet.com/vnunet/news/2152827/holographic-storageMa ci sono reali difficoltà per produrre sta roba?Oppure vogliono solo spremerci con l'attuale tecnologia fino al midollo prima di portare alla luce questa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci risiamo!
      - Scritto da:
      L'ennesimo annuncio !

      Prima C-3D (poi acquistata dalla stessa Sony se
      non mi sbaglio, e praticamente
      scomparsa)

      Poi altri ed altri ancora...

      http://www.vnunet.com/vnunet/news/2152827/holograp


      Ma ci sono reali difficoltà per produrre sta roba?

      Oppure vogliono solo spremerci con l'attuale
      tecnologia fino al midollo prima di portare alla
      luce
      questa?Perchè credi che HD-DVD e Blu-Ray siano stati inventati da poco ? Esistevano prima della commercializzazione dei masterizzatori CD, sono rimasti prototipi per molto tempo. -
      http://www.usbyte.com/common/history_of_storage.htm1987 A 1-gigabit-per-square-inch magneto-optical recording with a blue-wavelength gas laser was demonstrated. A few years later, in , the same recording density barrier was broken for magnetic recording with the help of the first magnetoresistive (MR) head.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci risiamo!
      Già.... sono anni che si va avanti:http://punto-informatico.it/cerca.asp?s=fluorescent+media&B=CERCA&t=4
Chiudi i commenti