Cassandra Crossing/ Tecnocontrollo? Più facile in Italia

di Marco Calamari - Le notizie di cronaca lo confermano, ed è questo anche il parere di chi indaga: di fatto Internet da strumento di libertà si sta trasformando nel più comodo tool di controllo sociale mai esistito

Roma – Su “Il Giornale” di sabato 18 novembre è apparso un ordinario articolo di documentazione del mondo di Internet, notoriamente covo di criminali e quant’altro. L’articolo, dal poco promettente titolo Nella Rete dei guardoni la violenza fa il pieno di clic , contiene tuttavia una vera e propria perla ; leggere invece di non leggere si rivela, come al solito, una buona idea. La perla consiste in un virgolettato che riporta la dichiarazione di un dirigente della Polizia delle Comunicazioni. Attenzione, ho detto “perla” non “buona notizia”.

Il virgolettato recita:
L’interattività di Internet (…) ci aiuta anche a prevenire e reprimere reati. Come il video delle violenze nella scuola di Torino: non sarebbero mai state scoperte se non fossero state messe in Internet. E rintracciare i colpevoli nel mondo virtuale, se sono in Italia, è più facile che nel reale.

C’è da ritenere che l’autore dell’articolo abbia usato a proposito le virgolette, e che quindi il discorso sia riportato letteralmente; anche il parere espresso è di persona certo competente e bene informata sullo specifico. E allora? Non c’è da gioire che la tecnologia abbia aiutato la giustizia a risolvere (speriamo) un altro caso ed assicurare alla giustizia dei colpevoli?
In una parola: no.

Non c’è da essere contenti che la Rete, da strumento di libertà e comunicazione, si sia trasformata in strumento di tecnocontrollo. Come cittadini onesti ed individui liberi c’è solo da aver paura. Sono anni che i sistemi di controllo basati sulla memorizzazione automatica di dati stanno annullando la nostra vita privata.

La Rete si sta trasformando in un raffinato, potente, economico, enorme strumento di controllo sociale; questo accade non spontaneamente, ma grazie ad una parallela realizzazione di potenti strumenti legali, di leggi che permettono di sfruttare caratteristiche tecniche esistenti (ad esempio i log dei server) trasformandole in strumenti di tecnocontrollo.

L’emanazione di queste leggi e direttive è ahimé un fenomeno globale, ma in Italia siamo più realisti del Re, ed attualmente guidiamo, sotto vari aspetti, la classifica dei paesi con le leggi più restrittive delle libertà individuali. Il decreto Pisanu, con la sua data retention attualmente senza limiti, ne è l’aspetto più eclatante.

L’unica soddisfazione di una Cassandra è poter almeno dimostrare che aveva ragione. Non lo dico soltanto io, ma lo dicono anche utenti esperti nell’uso quotidiano di questi strumenti.

Termino con un’immagine in stile cyberpunk.
“Ti muovi nella matrice tra luci ed ombre, lungo una strada tracciata da altri verso il futuro; invece di esplorare segui la strada e ti lasci guidare. In lontananza appare un cartello stradale illuminato dai fari; mentre si avvicina le lettere diventano piu chiare. C’è scritto Benvenuti nel 1984 .”

Marco Calamari

Le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • PinguinoMannaro scrive:
    Re: Puntualizziamo
    Allora secondo te il futuro della TV via internet è più simile a YouTube (fai da te assoluto) rispetto che alla De Filippi spedita via Web.Comunque devi anche considerare che i video web si guardano volontariamente mentre la TV convenzionale spesso resta accesa e seguita distrattamente (con la coda dell'occhio).Personalmente penso che la TV su telefonino non ha senso .... guardare un film su un display di 2 pollici ...... :$ [hai ragione]Quindi in genere ti do ragione.Il futuro sarà un sviluppo dell'attuale web condito con molti video brevi 'fai da te' o meno, e materiale a pagamento ma di alta qualità[sperando che nessuno sia disposto a pagare per vedere la De Filippi].
    • rockroll scrive:
      Re: Puntualizziamo
      - Scritto da: PinguinoMannaro
      Allora secondo te il futuro della TV via internet
      è più simile a YouTube (fai da te assoluto)
      rispetto che alla De Filippi spedita via
      Web.

      Comunque devi anche considerare che i video web
      si guardano volontariamente mentre la TV
      convenzionale spesso resta accesa e seguita
      distrattamente (con la coda
      dell'occhio).

      Personalmente penso che la TV su telefonino non
      ha senso .... guardare un film su un display di 2
      pollici ...... :$ [hai
      ragione]

      Quindi in genere ti do ragione.

      Il futuro sarà un sviluppo dell'attuale web
      condito con molti video brevi 'fai da te' o meno,
      e materiale a pagamento ma di alta
      qualità

      [sperando che nessuno sia disposto a pagare per
      vedere la De
      Filippi].
      Quasi d'accordo (e grazie per la risposta). Il futuro sarà un sviluppo dell'attuale web condito con molti video brevi 'fai da te' o meno, e materiale a pagamento ma di alta qualità , certamente, ma a questo aggiungerei un volume non secondario di materiale gratuito a qualità intermedia (praticamente un DTT) immesso su WEB da TV generaliste italiane ed estere, sostanzialmente film non 1.a visione, reportages giornalistici ed inchieste varie, programmi musicali, culturali/scientifici, e purtroppo altro di cui faremmo volentieri a meno come spettacoli alla DeFilippi/G.F./Soap/S.Remo, dibattiti ed accapigliamenti politici, e pubblicità varie imposte comunque.Personalmente non chiedo altro rispetto a quel che abbiamo ed è alla portata di tutti: poter ricevere via WEB (e quindi scegliere liberamente) emissioni TV gratuite da tutto il mondo, da NetWork o "dal basso" che siano, si spera con adeguato BitRate, e sopratutto poter ricevere via WEB (e quindi registrare liberamente su HD/DVD) in qualità per lo meno DTT, quel che adesso riceviamo via antenna TV.Teniamo presente che i nostri attuali onestissimi monitor, anche CRT, hanno già possibilità di display praticamente ad Alta definizione! Il sottoscritto si sta facendo un'ottima videoteca personale (Divx 720x576 1300bps senza pubblicità) ricavata da registrazioni serali/notturne programmate da SK TV DVB-T + Analog. relativa a film non prima visione ma comunque molto belli (azione, thriller, fantascienza ... almeno un paio selezionabili per serata, nell'ordine da Ret4 Ita1 Rai2 Can5). L'unico problema è che da DVB-T a volte anomalie e black-out di propagazione onde radio possono sfasare tutto il restante di una registrazione peraltro perfetta (la cosa più comune è asincronia audio/video non sempre correggibile), mentre da analogica il disturbo resta circoscritto al punto incriminato. Ma il giorno che tali trasmissioni viaggeranno su WEB, evidentemente in banda larga, oltretutto liberando l'etere da intasamenti e lasciandolo disponibile a servizi mobili, cosa posso/possiamo volere di più? Queste considerazioni sono forse OT, ma le ho riportate perchè possono essere utili a tutti.Se poi voglio immettere qualcosa di mio (dal basso), ben volentieri venga ogni futura miglior possibilità, benchè quanto già è possibile va benone.Bye-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 novembre 2006 17.53-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Puntualizziamo

      vedere la De Filippi].ma la o lo? non è un trans operato?
  • Anonimo scrive:
    La più grande invenzione dopo il Browser
    Il Democracy Player è la più grande invenzione dopo il Browser!! Rivoluzionerà il web!!
  • Anonimo scrive:
    I nomi cambiano tutto
    Tempo fa quando si parlava dei podcast/vidcast tutti dicevano: ma che cagata i podcast, che scemata, sai che roba bla bla... Solo perché la parola non piaceva.Poi viene fuori l'articolo su Democracy player e tutti: WOW che figata!!!!Quando Democracy non è altro che un player che usa lo stesso identico principio del podcasting: raccogliere feed rss con link a dei video tra degli enclosures.
  • pippozzo scrive:
    Ma quanta RAM!!
    Ieri sera l'ho scaricato e provato.Carino, veloce nel trovare e mostrare i canali."Massì, lo tengo per un po' per vedere come va,se escono magari dei canali italiani, ecc..."Poi ho detto: "vediamo un po' quanta ram si ciuccia?" 278(duecentosettantotto) MEGAAA!!! In più ha un altro processo attivo chiamato Democracy Downloader, o qualcosa del genere, da 11 Mega .Ma è allucinante!! Ma neanche Firefox(aperto per 1 giorno) più 3dsmax in rendering occupano tanta ram!Conclusione: disinstallato in 1 nanosecondo.Non mi sembra molto democratico nei confronti degli altri programmi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quanta RAM!!
      - Scritto da: pippozzo
      Ieri sera l'ho scaricato e provato.
      Carino, veloce nel trovare e mostrare i canali.
      "Massì, lo tengo per un po' per vedere come va,
      se escono magari dei canali italiani, ecc..."
      Poi ho detto: "vediamo un po' quanta ram si
      ciuccia?"

      278(duecentosettantotto) MEGAAA!!!

      In più ha un altro processo attivo chiamato
      Democracy Downloader, o qualcosa del genere,
      da 11 Mega .

      Ma è allucinante!!
      Ma neanche Firefox(aperto per 1 giorno) più
      3dsmax in rendering occupano tanta
      ram!

      Conclusione: disinstallato in 1 nanosecondo.
      Non mi sembra molto democratico nei
      confronti degli altri
      programmi...
      Va bene, ma tieni presente che è una beta. Sulla mia machina ad esempio occupa 100 mega.
      • pippozzo scrive:
        Re: Ma quanta RAM!!

        Va bene, ma tieni presente che è una beta. Sulla
        mia machina ad esempio occupa 100
        mega.Infatti mi sembrava strano. Mah... può darsi che sia il mio pc...Comunque preciso che quando ho controllato laram occupata non avevo nessun video in play.Il programma era aperto e basta.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quanta RAM!!
          Ciao, guarda che la ram è fatta per essere usata... non è che se sta vuota il pc va più veloce. Basta che non si riempe tutta, per il resto più ram occupi più è BEN usata (nel senso che è usata per qualcosa... non vuota per niente).Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quanta RAM!!
            - Scritto da:
            Ciao, guarda che la ram è fatta per essere
            usata... non è che se sta vuota il pc va più
            veloce. Basta che non si riempe tutta, per il
            resto più ram occupi più è BEN usata (nel senso
            che è usata per qualcosa... non vuota per
            niente).
            CiaoBasta non averne "solo" 256 come me...Per Linux c'è? (Dual Boot)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quanta RAM!!
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Ciao, guarda che la ram è fatta per essere

            usata... non è che se sta vuota il pc va più

            veloce. Basta che non si riempe tutta, per il

            resto più ram occupi più è BEN usata (nel senso

            che è usata per qualcosa... non vuota per

            niente).

            Ciao

            Basta non averne "solo" 256 come me...
            Per Linux c'è? (Dual Boot)Si si, ed è fantastico! Nell'ultima ubuntu io l'ho installato usando automatix
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quanta RAM!!
      - Scritto da: pippozzo
      Ieri sera l'ho scaricato e provato.
      Carino, veloce nel trovare e mostrare i canali.
      "Massì, lo tengo per un po' per vedere come va,
      se escono magari dei canali italiani, ecc..."
      Poi ho detto: "vediamo un po' quanta ram si
      ciuccia?"

      278(duecentosettantotto) MEGAAA!!!
      sì, fare un player con la codebase di mozilla mi sembra abbastanza delirante, sembra che abbiano passato mesi per cercare cosa poteva essere MENO adatto :-)
  • fedemello scrive:
    e una plug in democracy in word press?
    ottima intervista. complimenti.sarebbe davvero interessante se riuscissero a creare una specie di plug-in democracy per word press. perchè visto che chi smanetta a tempo perso spesso ha un blog, e su word press video se possono pubblicare, è un po ' troppo sbattimento aprire anche un canale tv.se invece un plug in democracy permettesse di gestire il proprio canale embedded all'interno del proprio blog (così come si fa, per dire con ANIGA o le altre gallerie di immagini) allora sì che si sarebbe da divertirsi.(generazioneblog.it)
    • Anonimo scrive:
      Re: e una plug in democracy in word pres
      Basta che wordpress supporti l'enclosure nell'rss (ma non mai usato wordpress, non so)
      • Anonimo scrive:
        Re: e una plug in democracy in word pres
        - Scritto da:
        Basta che wordpress supporti l'enclosure nell'rss
        (ma non mai usato wordpress, non
        so)Lo supporta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Puntualizziamo
    mmm a me questo post ricorda molto i finanziatori della xerox con le facce schifate davanti al mouse o a chi pensava che al mondo si sarebbero venduti al massimo 4 o 5 computer.la TV e' MORTA e presto (qualche anno) ci sara' la convergenza (che c'e' gia' in parte ora con VOIP che sta sostituendo piano piano il fisso), i contenuti video fatti da persone comuni avranno un valore aggiunto rispetto ai contenuti ad alto budget ma assolutamente sterili e senza cuore (defilippici) se pensi che i podcast siano inutili comprati un ipod video e inizia a giocarci per 3 giorni, non potrai piu' farne a meno .. d'accordo con te invece riguardo i mer*afonini saluti
  • Anonimo scrive:
    Ma ci sono canali in italiano?
    Vedi oggetto.Grazie
  • Anonimo scrive:
    La liberta' prima della democrazia: DRM?
    Essendo un rivoluzionario per natura amo qualunque progetto rivoluzionario. Però la democrazia è una cosa e la libertà un'altra. Il frutto della rivoluzione potrebbe essere la libertà, non è detto che sia la democrazia. Poter condividere la propria video-esperienza è un fatto di libertà, più che di democrazia. Un software non mi convincerà mai della sua "democrazia", non so mai cosa c'è dentro... Comunque volevo commentare la risposta sul DRM. Non capisco l'ostracismo verso i DRM. L'unica soluzione per far decollare qualsiasi iniziativa in grado di sostenersi passa da li, e non è detto che la cessione della licenza non possa avvenire a costo zero...federicorocchi
Chiudi i commenti