CBDC UK: Bank of England con Google, Visa e PayPal

CBDC UK: Bank of England con Google, Visa e PayPal

Coinvolti nel progetto, tra gli altri, anche Google, Visa, Mastercard e PayPal: ora la banca centrale britannica conferma di voler fare sul serio.
Coinvolti nel progetto, tra gli altri, anche Google, Visa, Mastercard e PayPal: ora la banca centrale britannica conferma di voler fare sul serio.

Così come la BCE, anche la Bank of England sta seriamente pensando a una CBDC. Non è la prima volta che si associa il nome della banca centrale britannica a un progetto per l'emissione di una Central Bank Digital Currency, ma questa volta Londra ufficializza il coinvolgimento di alcuni nomi importanti provenienti dal mondo tecnologico e Fintech, confermando di voler perseguire l'obiettivo poggiando sulle loro competenze e senza perdite di tempo.

I big Tech e Fintech per la CBDC britannica

Dando seguito a quanto anticipato in primavera, sono stati comunicati i nomi di coloro che parteciperanno all'iniziativa battezzata CBDC Engagement and Technology Forums: ci sono rappresentanti di Google (Diana Layfield, President of Partnerships EMEA), Visa (Charlotte Hogg, CEO Europe), Mastercard (Jorn Lambert, Chief Digital Officer), PayPal (Paul Bances, Global Head of Blockchain and Cryptocurrency Development), Morgan Stanley (Arun Kohli, COO EMEA) e NatWest Group (Paul Thwaite, CEO).

La volontà dichiarata è quella di valutare la possibilità di emettere una moneta digitale di stato, interessata da dinamiche differenti rispetto a quelle che attualmente regolano la circolazione di criptovalute come Bitcoin, come messo nero su bianco nel comunicato ufficiale da cui riprendiamo di seguito un estratto in forma tradotta.

Questo forum potrebbe rappresentare un importante punto di svolta, per la Bank of England, al fine di creare una valuta digitale di stato, ben lontana da Bitcoin, essendo quest'ultima ripetutamente criticata dal governatore della banca centrale Andrew Bailey.

Il rapporto tra il Regno Unito e il mondo delle criptovalute non è stato fin qui sempre idilliaco e privo di tensioni: nei mesi scorsi, la Financial Conduct Authority locale, è stata la prima autorità a intervenire sull'exchange Binance, oggetto poi anche di un monito lanciato dalla nostrana Consob.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti