CD protetti, arriva il nuovo Cactus

CD protetti, arriva il nuovo Cactus

Midbar porta sul mercato una nuova protezione per i CD audio che, a suo dire, garantirà la riproducibilità dei dischi su PC e Mac e sarà invulnerabile alle più note tecniche di cracking, compreso il trucchetto del pennarello
Midbar porta sul mercato una nuova protezione per i CD audio che, a suo dire, garantirà la riproducibilità dei dischi su PC e Mac e sarà invulnerabile alle più note tecniche di cracking, compreso il trucchetto del pennarello


Roma – Proclamando il grande successo ottenuto dalla sua tecnologia anti-copia nota come Cactus Data Shield (CDS), la stessa impiegata su 30 milioni di CD audio in tutto il mondo, l'israeliana Midbar ha annunciato di aver iniziato la commercializzazione, a partire dallo scorso luglio, di una seconda versione dei propri sistemi di protezione, conosciuta come “CDS-200”.

Midbar ha spiegato che i CD che impiegano lo schema di protezione CDS-200 possono essere riprodotti sui computer, fra cui finalmente anche i Mac, attraverso un player proprietario. In futuro, dunque, la famigerata tecnologia Cactus non dovrebbe più creare guai – come il blocco del sistema – a chi volesse ascoltare la musica appena acquistata sul proprio PC o Mac.

Come più volte spiegato in passato, la tecnologia CDS fa in modo di alterare i dati registrati su CD in modo tale da renderne “impossibile” – o forse sarebbe meglio dire difficoltosa – la masterizzazione.

Midbar ha poi orgogliosamente affermato che la nuova versione del suo meccanismo anti-copia non è più vulnerabile a quel banale trucchetto con cui, come si è riportato lo scorso maggio , era possibile “sproteggere” un CD protetto con CDS o Key2Audio semplicemente applicando un post-it o tracciando una riga di pennarello su di una certa area del disco.

La piccola azienda israeliana si è ora detta al lavoro sulla messa a punto di una terza versione della propria tecnologia anti-copia, la CDS-300, che, grazie all'adozione di un meccanismo di digital rights management, consentirà agli utenti di copiare la propria musica su hard disk all'interno di “un ambiente sicuro”: questo significa che se non si avranno i diritti per riprodurre i brani e non si disporrà di un player (hardware o software) in grado di gestire il DRM, si rimarrà a bocca asciutta. Cracker permettendo, naturalmente…

Midbar sostiene di aver appena “risolto tutti i problemi di riproduzione fino ad oggi conosciuti” nella protezione CDS-200, la stessa che è stata adottata per la prima volta da UMG in alcuni dei suoi più recenti album. Con questo aggiornamento Midbar sembra pronta a sfidare tutti i detrattori della sua tecnologia e smentire le lamentele che consumatori e audiofili avevano avanzato nei confronti di una protezione che non sembrava garantire la riproducibilità dei CD su tutti i player in circolazione e che, a parere di alcuni, comprometteva la qualità della musica.

“Il risultato dell'aggiornamento al CDS-200 – afferma Midbar in un comunicato – mostra come questa protezione sia ora vicina a garantire la compatibilità al 100% su una larga scala di dispositivi differenti inclusi lettori CD, car stereo, dispositivi CD portatili, DVD, PC e sistemi audio professionali”.

“Il sistema – continua Midbar – ha anche dimostrato di mantenere la qualità del suono della registrazione originale”.

Ora la parola passa al mercato.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 08 2002
Link copiato negli appunti