ChatGPT batte i medici? Per molti dà diagnosi migliori

ChatGPT batte i medici? Per molti dà diagnosi migliori

Sempre più persone si affidano a ChatGPT per i problemi di salute. Secondo molti utenti l'AI azzecca le diagnosi meglio dei medici.
ChatGPT batte i medici? Per molti dà diagnosi migliori
Sempre più persone si affidano a ChatGPT per i problemi di salute. Secondo molti utenti l'AI azzecca le diagnosi meglio dei medici.

L’AI e la salute è un tema che divide i medici e gli operatori sanitari. Ma le persone non aspettano il loro parere e si affidano al chatbot di OpenAI per avere informazioni, diagnosi e chiarimenti su ciò che i medici dicono loro. Un nuovo studio su 2.000 adulti americani rivela che il 52% di loro ha chiesto a un sistema di intelligenza artificiale come ChatGPT di valutare i propri sintomi. E la maggior parte di loro dice che il chatbot ha azzeccato.

Più della metà dei partecipanti (52%) ha ammesso di aver sottoposto i propri sintomi a un modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) come ChatGPT, sperando in una diagnosi”, racconta la società che ha fatto l’indagine, UserTesting. “Di questi, l’81% ha ottenuto una diagnosi dall’LLM e, quando ha confrontato la diagnosi con quella del medico, l’84% ha confermato che la diagnosi era corretta”.

Gli americani sembrano riporre molta fiducia nell’AI. Mentre quasi metà degli inglesi e un terzo degli australiani si dichiarano scettici sull’intelligenza artificiale per qualsiasi attività legata alla salute, solo il 6% degli americani la pensa così. Alcune delle attività che delegheremmo all’IA sono semplici, come fissare appuntamenti o coordinarsi con le farmacie, ma il 53% di noi “si affiderebbe all’IA per suggerire piani di cura”.

ChatGPT come alternativa sanitaria negli USA

Non stupisce che gli americani cerchino soluzioni sanitarie alternative ai tradizionali rapporti medico-paziente e ospedale, visto che 26 milioni di persone non hanno un’assicurazione sanitaria e che, tra chi ce l’ha, i ticket costosi o la difficoltà di avere appuntamenti rendono allettanti le alternative. Inoltre, in molte zone rurali e urbane degli Stati Uniti mancano del tutto opzioni sanitarie locali e accessibili, a prescindere dallo status assicurativo.

La crescente diffusione dei deserti sanitari o anche solo della semplice mancanza di accesso in America implica che i sistemi AI come ChatGPT saranno integrati nel percorso sanitario per fornire l’assistenza su larga scala necessaria all’invecchiamento del Paese”, dice Lija Hogan, responsabile della strategia di ricerca di UserTesting.

Tuttavia, quando siamo veramente malati, probabilmente abbiamo bisogno di un medico e di esami medici specifici per malattie che si possono scoprire solo con analisi del sangue o altri esami non disponibili con la tecnologia medica indossabile di livello consumer. La tecnologia di consumo potrebbe arrivare anche a questo, ma ci sono cose che solo i medici possono fare. Chi ha una macchina per la risonanza magnetica o una radiografia a casa?

Medici e AI

La soluzione migliore potrebbe essere una collaborazione sinergica tra medici e intelligenza artificiale. Da un lato, i sistemi AI sempre attivi e continuamente aggiornati possono fornire informazioni e suggerimenti sanitari di prima linea, attraverso dispositivi indossabili e app. Dall’altro, gli esperti umani rimangono un fondamentale strato di controllo, capaci di interpretare al meglio tutti i dati che l’AI raccoglie e analizza.

Secondo Hogan, è responsabilità di medici e sviluppatori tecnologici trovare l’equilibrio migliore, in modo che l’intelligenza artificiale supporti e faciliti – non sostituisca – il rapporto umano tra medico e assistito. Solo attraverso questa collaborazione virtuosa l’AI potrà diventare uno strumento prezioso per migliorare l’assistenza sanitaria, e non un freddo sostituto del giudizio umano.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 8 gen 2024
Link copiato negli appunti