Chi collauda Napster-a-pagamento?

L'azienda sta cercando i beta-tester per il nuovo servizio di file-sharing, quello che tra poche settimane trasformerà il più celebre dei sistemi di scambio-file in un sistemone a pagamento. O in un sistemino, se rimarranno pochi utenti
L'azienda sta cercando i beta-tester per il nuovo servizio di file-sharing, quello che tra poche settimane trasformerà il più celebre dei sistemi di scambio-file in un sistemone a pagamento. O in un sistemino, se rimarranno pochi utenti


Web – “Esamina il Nuovo Napster! Sii il primo a vedere il nuovo servizio in abbonamento. Se sei interessato ad essere scelto come beta tester, forniscici il tuo indirizzo di posta elettronica. Altre informazioni arriveranno a breve”. Così in queste ore “canta” la home page di Napster.

Il sistemone di file-sharing debutterà nelle prossime settimane, come noto, in una nuova veste lungamente annunciata, che consentirà l’accesso al sistema di scambio-file soltanto a coloro che avranno pagato un abbonamento, la cui entità va ancora definita con certezza. Quel che si sa finora è quanto ha detto il CEO di Napster, Hank Berry, accennando a diverse tipologie di sottoscrizione, il cui costo andrà dai 2 ai 6 dollari al mese circa.

Ma se il sistema in abbonamento potrà consentire a Napster, forse, di trovare una via all’accordo con le multinazionali della musica, grazie al versamento di royalty sulla musica distribuita, in realtà rappresenta un vero e proprio “salto nel buio”. Non è affatto detto, come hanno sottolineato in molti e come lo stesso Berry ha ammesso di recente, che su Napster rimarranno in tanti. E tutti sappiamo che il sistema di scambio-file risulta tanto più “ricco” quanto più numerosi sono gli utenti che frequentano il suo servizio.

E non è un mistero che, in questi mesi, siano molti i sistemi alternativi che hanno messo in piedi ricche e affollate comunità di utenti che scambiano file in modo del tutto gratuito Non solo, sono diversi i “player” di questo mercato che intendono realizzare servizi a pagamento, in abbonamento, con diverse modalità di sottoscrizione.

Napster è oltretutto assillato da vistosi problemi riguardanti i filtri utilizzati per tentare di impedire che i suoi utenti scambino i file musicali indicati come “intoccabili” dai discografici. I filtri sono infatti o troppo poco efficienti, e consentono di scambiare comunque anche i file “bannati”, o lo sono troppo, e vanno ben oltre il dovuto. Anche per questo, sulla home page di Napster, campeggia un testo che avverte: “I filtri vengono cambiati di continuo per escludere la musica che, chi possiede il diritto d’autore vuole che venga esclusa, ma questo spesso si traduce nell’escludere anche altra musica”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 05 2001
Link copiato negli appunti