Chi ha comprato uno smartphone Android?

Dati sull'andamento del mercato mobile statunitense, un sondaggio sulla fedeltà al marchio e un report sugli App Store che più fruttano per gli sviluppatori

Roma – Secondo uno studio Nielsen il mercato degli smartphone Android è cresciuto di altri tre punti percentuali, negli Stati Uniti. I dati aggiornati ad agosto indicano che il 43 per cento degli smartphone circolanti è un googlefonino. E che negli ultimi tre mesi più della metà degli acquirenti mobile, il 56 per cento, ha scelto uno smartphone Android.

A quanto pare il nuovo risultato non è stato raggiunto sottraendo una fetta di torta ad iPhone, che continua sempre a detenere il 28 per cento del mercato smartphone, ma approfittando del calo di Windows Phone e BlackBerry, crollati rispettivamente a 6 e 9 punti durante l’estate.

Anche Cole Brodman di T-Mobile conferma la vasta diffusione del sistema androide sul territorio USA: il 90 per cento degli smartphone venduti dall’operatore telefonico, durante tutto l’arco dell’anno, monta software Google. Il restante 10 per cento viene attribuito ad “altro”, come i BlackBerry per gli utenti aziendali.

Un altro recente sondaggio, condotto da UBS Investment Research , si concentra invece sulla fedeltà al marchio. I numeri dicono che il 39 per cento degli utenti HTC continua ad acquistare uno smartphone della stessa casa, quando arriva il momento di cambiare modello. Circa il 90 per cento delle persone che possiede un iPhone preferisce invece restare con Apple.

I produttori con il più basso livello di fidelizzazione della clientela sono stati Nokia e Motorola. Tuttavia, come riscontrato dai dati di vendita, anche Research In Motion sta perdendo popolarità sul lungo termine. A quanto pare, solo 33 per cento degli utenti BlackBerry ha intenzione di passare ad un nuovo dispositivo RIM nel futuro.

I consulenti di Evans Data sottolineano invece le reali possibilità di guadagno per le software house che puntano sui vari sistemi mobile, e BlackBerry esce a testa alta da questa ultima indagine. Per ora, sviluppare per il sistema RIM paga meglio che lavorare per gli ecosistemi Android e Apple.

Sul Blackberry “App World”, dedicato prevalentemente alle utility di produttività aziendale, è infatti possibile tenere i prezzi sensibilmente più alti, rispetto ad un negozio affollato incentrato sul mercato consumer. Gli sviluppatori BlackBerry non sono molti, ma appunto per questo si spartiscono tutto il bottino.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lorenzo bellinati scrive:
    pensiri liberi su notizie come questa
    ci sta parlare di queste tecniche , ma non chiamatele innovazioni ... non riesco a capire perchè ci sia poco interesse mediatico sull'alimentazione elettrica .... e sulle tecnologie usate per aumentare la capacità delle batterie o supercondensatori ... sento spesso dire da molti " ma vuoi mettere sentire il canto del motore ???" dovreste parlarne e ridicolizzare queste idee pazze .... " il canto del motore " uguale " il cigno canta prima di morire"
    • Alberto Rossi scrive:
      Re: pensiri liberi su notizie come questa
      hai ragione il rombo del motore significa emissioni nocive e dannose.Specie le auto a benzina (o benzene) che catalizzano poco e niente.Però occorre fare un distinguo: il diesel si dice produca molto pm10 ed è stato criminalizzato per questo... non è perché rende troppo bene? (siccome consuma poco carburante i petrolieri lo odiano).Nessuno parla del pm generato dai freni e dai pneumatici? ma si facciano furbi...Bus e Tir dovrebbero controllarli meglio non le euro 3 - 4 - 5 diesel...Non parliamo poi dei riscaldamenti a gasolio...ciaociao
    • Oppio dei Popoli scrive:
      Re: pensiri liberi su notizie come questa
      Il "canto del motore" e' una cosa oggettiva. C'e' a chi piace quel rumore e a chi non piace.E il fatto che piaccia è indipendente dall'inquinamento.Quando in autostrada mi supera una lambo "tirando" io apro il finestrino perchè fa sussultare sentire quel suono. Se andasse ad acqua facendo lo stesso suono, mi piacerebbe lo stesso e si chiamerebbe lo stesso "canto del motore". :)
  • Luca Ferrabue scrive:
    Auto Ecologica
    Buongiorno, oggi esistono i volontari, gli esperti, le tecnologie, i fondi ( attraverso il cruwdfunding ) per l'automobile ecologica 100%, si potrebbe aprire un blog di discussione per iniziare l'attivita'. Grazie Bye Luca
  • Emilio Lussu scrive:
    ditelo alle fabbriche auto
    Un po di anni fa postai un commento sull'argomento "auto ad energie alternative: elettriche, a combustibile biologico, ad acqua, ad idrogeno etc.. ", già Beppe Grillo aveva detto che esistevano, non disse che era possibile acquistarle, ma che perlomeno i prototipi esistevano e fece una dimostrazione davanti alla fiat portandone un esemplare per "invitare" l'azienda a dedicare investimenti verso questi prototipi e iniziare ad abbandonare la produzione di quelle a derivati dal petrolio. Apriti cielo! Alcuni mi assalirono con commenti deridendomi e prendendomi per pazzo, ma dove avevo letto queste bufale, diccelo che andiamo a comprarcene una!
  • Luigi Zamprotta scrive:
    Daihatsu Cuore 1000 km
    Invece di parlare di starvaganze non è meglio parlare di una utilitaria che ha percorso 1000 km con un pieno di energia elettrica grazie al suo pacco batterie al litio?http://www.autoblog.it/post/27229/daihatsu-mira-la-piccola-elettrica-ha-percorso-1000-km-con-una-sola-ricarica
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Daihatsu Cuore 1000 km
      In effetti per l'uso cittadino un auto elettrica sarebbe l'ideale. La gente prende la macchina anche per fare solo 2 o 3 km in città, si risparmierebbero un sacco di soldi e di inquinamento.
      • andreano scrive:
        Re: Daihatsu Cuore 1000 km
        Sì ma con quella del caffè fai benzina al bar :)PS - Quelle elettriche non le mettono in commercio perchè a qualcuno conviene... non metterle MAI!!!
    • lapalisse scrive:
      Re: Daihatsu Cuore 1000 km
      sì ma la novità qui dov'è?A me è piaciuta molto questa idea della macchina ecologica che non consuma davvero NULLA perchè va coi residui della moka!!!!Spettacolo!!!
    • harvey scrive:
      Re: Daihatsu Cuore 1000 km
      A una velocità media di 36 km ...Il problema delle auto elettriche e' sempre il costo, che e' troppo grande e la normativa (in italia non puoi convertire un'auto in elettrica)
      • Alberto Rossi scrive:
        Re: Daihatsu Cuore 1000 km
        La novità di una auto elettrica del genere sarebbe che con il fotovoltaico, di giorno, la ricarichi. Il caffé per far andare milioni di auto dov'è? Siamo realisti....L'aria compressa è una stupidata, vedi il caso eolo... se comprimi enormi quantità di aria e la espandi essa si raffredda al punto da far grippare qualunque propulsore.Per non parlare dell'enorme pressione dei serbatoiIl pacco batterie di questa auto è formato da tante mini batterie (un pò come quelle dei cellulari): produrla in grande serie ne abbatterebbe enormemente i costi.Al limite il pacco batterie lo si affitta e si paga un canone mensile, non sarebbe meglio? Il petrolio attualmente è usato per stabilizzare il mondo economicamente, se lo togli di mezzo scoppia la terza guerra mondiale (Usa senza profitti, Russia senza profitti, Medio oriente senza profitti, Sudamerica senza profitti).E' una decisione più politica che tecnica...Per quanto riguarda il litio è in grandi quantità in.... Afganistan.http://www.ilpost.it/2010/06/14/lafghanistan-e-una-miniera/Non è l'oppio né il petrolio il motivo per cui siamo lì.Se non ci fossimo noi ci sarebbe la Cina (serve molto per l'industria elettronica).I falsi moralismi servono a poco purtroppo."Il fine giustifica i mezzi" (attribuita a Machiavelli sec. XV)Ciao
        • harvey scrive:
          Re: Daihatsu Cuore 1000 km
          - Scritto da: Alberto Rossi
          La novità di una auto elettrica del genere
          sarebbe che con il fotovoltaico, di giorno, la
          ricarichi.Dipende tutto da quanto costa produrre le batterie. Tutto quaPer ora costano tanto, rendono poco e soprattutto nessuno vuol lasciare il petrolio (pensa solo l'economia in delirio quando si smetterà di pagare le tasse sul carburante)
          Il pacco batterie di questa auto è formato da
          tante mini batterie (un pò come quelle dei
          cellulari): produrla in grande serie ne
          abbatterebbe enormemente i
          costi.Fino a quando non vedo un prezzo non mi pronuncio
          Al limite il pacco batterie lo si affitta e si
          paga un canone mensile, non sarebbe meglio?Se costa più della benzina, perche' farlo?Visto la minor autonomia e le minori prestazioni. E il dover mettere ogni sera nel garage a caricare le batterie
          • Alberto Rossi scrive:
            Re: Daihatsu Cuore 1000 km
            Minor autonomia? E' equivalente ad un serbatoio di carburante.1000 km a 40 km/hoppure 500 km a 80 km/h (in città è perfetto).Si devono standardizzare i battery pack rendendoli estraibili nel sotto scocca (misure max mid e mini) si va al distributore ed anziché fare il pieno cambi il battery pack. paghi un canone e questro aumenta se cambi il battery pack di frequente (altrimenti te lo carichi a casa tua).Non c'è la volontà politica tutto qui, è un problema mondiale.Nessun movimento politico vuol fare questo, altrimenti finisce il mangia-mangia.ciao
          • harvey scrive:
            Re: Daihatsu Cuore 1000 km
            - Scritto da: Alberto Rossi
            Minor autonomia? E' equivalente ad un serbatoio
            di
            carburante.Che ad ogni pieno diminuisce ...
            1000 km a 40 km/h

            oppure 500 km a 80 km/h (in città è perfetto).Quindi non fa più di 80km/h? In città e' perfetto solo se stai nel centro storico...Ovviamente ammettendo che sia cosi' lineare l'autonomia (cosa che dubito fortemente)
            Si devono standardizzare i battery pack
            rendendoli estraibili nel sotto scocca (misure
            max mid e mini) si va al distributore ed anziché
            fare il pieno cambi il battery pack. paghi un
            canone e questro aumenta se cambi il battery pack
            di frequente (altrimenti te lo carichi a casa
            tua).Cioè dai una cosa deperibile e ne prendi un'altra. Insomma non e' proprio una buona idea ....Fino a quando ci saranno le batterie che finiscono la vedo inapplicabile questa cosa
            Non c'è la volontà politica tutto qui, è un
            problema
            mondiale.Oltre che e' difficilmente applicabile. Soprattutto con queste metodologie semplicistiche e approssimative
            Nessun movimento politico vuol fare questo,
            altrimenti finisce il
            mangia-mangia.Qua non si parla di politica, ma di economia
  • Angelo Garavagno scrive:
    Nulla di nuovo
    Ma non è lo stesso sistema a "Gasogeno" che si usava durante la seconda Guerra Mondiale. Mio nonno aveva una Lancia Artena che aveva il bruciatore a legna di fianco, sul predellino?. Si andava veloci e lontano.Il caffè esausto altro non è che legno.
    • andreano scrive:
      Re: Nulla di nuovo
      no, i residui della moka con il legno non centrano nulla :)Qui entra una particolare reazione di combustione che genera toluene e che ha lostesso effetto sul motore di un propulsore a sulfinilbisBella idea, faremo benzina al BAR ;)
    • harvey scrive:
      Re: Nulla di nuovo
      No, il caffè non serve a nulla. Ma vuoi mettere che soddisfazione un'auto che fa pure il caffè :D
  • alberto panucci scrive:
    cars
    Ma quendo le mettiamo sul mercato?ormai si sà, potremmo camminare anche con le macchine ad acqua,ma poi quelli del petrolio non vendono e diventano 'poveri'.a costo della nostra stessa vita.....
  • Sandro kensan scrive:
    Meglio la Birò
    meglio la birò.
  • Surak 2.0 scrive:
    3km?
    Cavoli...se porto l'auto sopra una collina media toscana faccio molta più strada e velocemente. Mo' brevetto l'auto a gravità, va!
    • malto scrive:
      Re: 3km?
      - Scritto da: Surak 2.0
      Cavoli...se porto l'auto sopra una collina media
      toscana faccio molta più strada e velocemente.
      Mo' brevetto l'auto a gravità,
      va!e come "range extender" una bella zuppa di legumi...
    • andrea.g scrive:
      Re: 3km?
      Eolo, la prima auto ad aria compressa , faceva ben più chilometri che non questi. E poi, mi pare che 3 siano pochi, quindi mi pare un dato errato
      • harvey scrive:
        Re: 3km?
        Faceva più chilometri ma andava più piano.E soprattutto tanta pubblicità per un'auto con grossi problemi tecnici dietro nascosti fino alla fine
  • anonimo scrive:
    Lancia Aprilia a Gassogeno (1941)
    Qualcuno dice che aveva prestazioni simili 70 anni fa.http://auto-moto-epoca.blogspot.com/2009/01/lancia-aprilia-gassogeno-1941.html
    • Guybrush scrive:
      Re: Lancia Aprilia a Gassogeno (1941)
      - Scritto da: anonimo
      Qualcuno dice che aveva prestazioni simili 70
      anni
      fa.
      http://auto-moto-epoca.blogspot.com/2009/01/lancia240km con 40kg di carbone.Considerando la densità del carbone di legna che è < di quella dell'acqua, il "serbatoio" si ciulava 60-70 litri di spazio.Dettagli a parte il "gassificatore" funzionava benino sugli autobus del servizio pubblico, che così sopperivano alla carenza di nafta dovuta all'embargo.La lancia aprilia era pesantuccia ed il suo motore non era il massimo dell'efficienza.Adattando la tecnologia di allora ad un veicolo moderno probabilmente si ottiene qualcosa di meglio, ma comunque non si riesce a superare il record del motore a metano che con 11-12kg di carburante permette ad un motore da 1200cc di viaggiare per 280-290km.1kg di metano costa circa 85-90cent, la carbonella molto di più.GT
      • Angelo Garavagno scrive:
        Re: Lancia Aprilia a Gassogeno (1941)
        Non era carbonella, ma quadrotte di legna "forte" Rovere ad esempio, andava molto meglio della carbonella in quanto distillava alcool metilico, combustibile molto buono. Ora quel tipo di legna la puoi trovare nei Pellets oppure nei Tronchetti pressati(circa 5.000 KCal/Kg).D'accordo sull'enorme ingombro e sull'aspetto orribile.Angelo garavagno
    • andrea.g scrive:
      Re: Lancia Aprilia a Gassogeno (1941)
      - Scritto da: anonimo
      Qualcuno dice che aveva prestazioni simili 70
      anni
      fa.
      http://auto-moto-epoca.blogspot.com/2009/01/lanciainteressante!
    • mchollyons scrive:
      Re: Lancia Aprilia a Gassogeno (1941)
      beppe grillo in un video parlava di una ford degli anni 30 che andava con un biofuel derivato dalla canapa, e pure la carrozzeria era fatta con fibra di carbonio derivata dalla canapa..
  • Lollino scrive:
    Tutto bello, ma...
    ...manca il dato più importante: quanti kg di legna e caffè servono per coprire quella distanza??? Se no l'articolo è un po' inutile...non dal punto di vista dell'invenzione ovviamente, ma da quello delle performance sì...
    • ephestione scrive:
      Re: Tutto bello, ma...
      indipendentemente da quanta legna e fondi di caffé sono serviti, costano sempre meno che 30 litri di benza!Ogni volta che vado al discount ci penso: ma perché non inventano l'auto a latte parzialmente scremato? 49c al litro invece di 1.45...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2011 10.54-----------------------------------------------------------
      • harvey scrive:
        Re: Tutto bello, ma...
        Strano che non ti e' venuto l'idea di fare l'auto ad urina.Pensa la butti pure via!!!!
        • ephestione scrive:
          Re: Tutto bello, ma...
          Vedi, ti spiego un paio di cose sulla fisiologia: l'urina, un liquido di scarto del corpo umano, è per sua stessa natura "povera", proprio perché, dopo milioni di anni di evoluzione, la natura ha fatto in modo tale che gli sprechi della macchina "organismo vivente" fossero minimi.Utilizzarla come fonte energetica per un veicolo a motore sarebbe quindi un proposito fallimentare.Il latte però, d'altra parte, è un liquido sviluppato appositamente per essere molto denso in energia, infatti è l'unico alimento che dà la madre al figlio nei primi anni di vita, quando le richieste energetiche al fine di alimentare gli esplosivi fenomeni metabolici in corso sono più elevate.Quindi, mentre voler convertire in energia l'urina sarebbe una battaglia persa, fare altrettanto col latte non è per niente una cretinata. E sicuramente non sarebbe inquinante.
          • maranric scrive:
            Re: Tutto bello, ma...
            - Scritto da: ephestione
            Vedi, ti spiego un paio di cose sulla fisiologia:
            l'urina, un liquido di scarto del corpo umano, è
            per sua stessa natura "povera", oddio vista l'incredibile credulità con cui credi veramente si possa fare un'auto a LATTE faresti meglio a levarti il tono da saccente eh
            Il latte però, d'altra parte, è un liquido
            sviluppato appositamente per essere molto denso
            in energia, infatti è l'unico alimento che dà la
            madre al figlio nei primi anni di vita, quando le
            richieste energetiche al fine di alimentare gli
            esplosivi fenomeni metabolici in corso sono più
            elevate.Peccato che confondi un'auto con un essere umano : il latte di XXXXX intero ha pochissime calorie, solo 63 per 100ml...ovvero 630 al litro. Quindi ha un potere calorico quasi 17 volte inferiore alla benzina. E' quindi chiaro che è impossibile far funzionare qualcosa con un liquido così povero.
            Quindi, mentre voler convertire in energia
            l'urina sarebbe una battaglia persa, fare
            altrettanto col latte non è per niente una
            cretinata. Invece sarebbe un'incredibile cretinata. Altrettanto incredibile è che qualcuno possa pensare che sia fattibile.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 ottobre 2011 14.37-----------------------------------------------------------
          • ephestione scrive:
            Re: Tutto bello, ma...
            ahi, quanta energia sprecata, anche con quella potresti alimentare un'auto :PPlonk.
          • maranric scrive:
            Re: Tutto bello, ma...
            - Scritto da: ephestione
            ahi, quanta energia sprecata, anche con quella
            potresti alimentare un'autouuu che bella battuta...
            :P
            Plonk.ah ecco, tu dici cagate e poi te ne scappi dietro a un plonk..che vergogna eh...impara ad accettare la realtà invece di tapparti occhi e orecchie
  • uno qualsiasi scrive:
    Auto a Coca Cola e Mentos
    Avete dimenticato di citare questa:[yt]i-hXcRtbj1Y[/yt]
  • pjt scrive:
    Va lontano ma...
    ... dopo tutti quel caffè arriva moooooolto nervosa! :-P
Chiudi i commenti