Chiesto l'oscuramento di un altro sito pedofilo

A richiedere l'immediato intervento della Polizia Postale è Giorgia Meloni, vicepresidente della Camera, secondo cui un sito individuato da un'agenzia in queste ore va chiuso subito. L'Agenzia spiega: è un network pedofilo

Roma – Suscita scandalo e riprovazione un altro sito di ispirazione pedofila preso di mira ieri da Giorgia Meloni, vicepresidente della Camera dei Deputati, che si è appellata al senso di responsabilità di tutti e ha chiesto l’immediato intervento della Polizia Postale per oscurare o almeno impedire l’accesso a quel sito.

“In attesa di un tempestivo intervento degli organi competenti – ha spiegato Meloni – mi rivolgo al senso di responsabilità civile di ognuno di noi ed a quello di tutti coloro che dispongono di competenze tecniche informatiche necessarie a rendere questo vergognoso sito inaccessibile”.

Il sito in questione, citato dal vicepresidente Meloni, è puellula.com, visibile anche in italiano e individuato inizialmente proprio in queste ore dall’agenzia Asg Media .

In un servizio su quel sito, l’agenzia spiega che il sito “espone tanto di candela blu in segno di “solidarietà” ai pedofili e pubblica una vera e propria guida alla vita del pedofilo, “Living with Pedophilia: A Practical Guide or A Childlover’s Guide to Sanity”, spiega come è possibile aggregarsi ad una comunità con la quale condividere le esperinze le immagini e i video”.

A detta dell’agenzia, inoltre, “dal sito Puellula, gestito da un uomo che crede che i bambini già dall’età di sei mesi siano in grado di acconsentire ad un rapporto sessuale, è possibile collegarsi ad un network internazionale, http://nld.puellula.com/Main.html, dal quale è possibile accedere a molteplici siti forum e blog di persone che definiscono la loro attività “The human Face of Pedophilia”, il volto umano della pedofilia, nella quale peró, di umano non c’è proprio niente”.

Secondo Asg da questi siti è questione di pochi clic raggiungere foto di “bambini e bambine” e anche di “modelli giovanissimi che indossano intimo o costumi”.

Nei giorni scorsi, come si ricorderà, il ministro Gentiloni era intervenuto per tentare di oscurare il sito che promuoveva il 23 giugno scorso il cosiddetto “Boy Love Day”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco Panetta scrive:
    Terraforming - Marteforming
    Prima di arrivare a Terraformare Marte dovremmo assicurarci di non Marteformare la Terra :)
  • ma una cosa scrive:
    Re: Noi Verdi siamo contrari!
    MA andateve a fanXXXX, veramente.Fate ridere i polli
  • mmorselli scrive:
    ...................
    (per errore, cancellare grazie)certo che questo forum ci vuole la laurea in ingegneria per usarlo senza sbagliare :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 giugno 2007 23.48-----------------------------------------------------------
  • mmorselli scrive:
    E le radiazioni ?
    Marte non ha un campo magnetico, quindi non saremmo protetti dalle radiazioni solari... inventeranno una cremina ?La gravità di marte dovrebbe essere comunque molto piacevole per uno nato sulla terra... :)
    • Luca scrive:
      Re: E le radiazioni ?
      sarà + debole di quello della terra, ma dubito che non ce l'abbia proprio...
    • mmorselli scrive:
      Re: E le radiazioni ?
      - Scritto da: Luca
      sarà + debole di quello della terra, ma dubito
      che non ce l'abbia
      proprio...3 decimillesimi di quello terrestre, praticamente come dire che non ce l'ha... Inoltre quel poco che c'è non è globale come quello terrestre, ma localizzato in piccole aree del pianeta. Il campo magnetico della terra è dato dal nucleo di metallo fuso che gira e forma una dinamo, Marte in passato ne aveva uno simile, ma raffreddandosi ha esaurito il suo effetto. Radiazioni solari e raggi cosmici passano allegramente.Per questo motivo suppongo che su Marte, anche se si terraformasse, non si potrà girare senza tuta spaziale o senza rimanere all'interno di una cupola...A meno che quando si parla di effetto serra non si parli di una coltre così spessa da fermare anche le particelle ad alta energia... sarebbe un pianeta un po' triste però, sempre grigio, peggio di Londra :)
  • Kirk scrive:
    scienziato presuntuoso
    Basta osservare il delicatissimo equilibrio della Terra che è gia compromesso per l'inquinamento. Come puo essere resa stabile l'atmosfera di un pianeta attualmente sterile ? Se tutto ciò fosse realizzabile credo che Marte diverrebbe ancora più inospitale di adesso, dove gli elementi naturali sarebbero scatenati e violentissimi. Uno spreco di soldi e di risorse. Si dedicassero a cose piu serie.
  • Nome Cognome scrive:
    e luna...
    40 anni fa andammo sulla luna (forse ;) ) poi più nulla... e dovremmo andare su marte? ho grossi dubbi in proposito
  • Marvho scrive:
    e se invece pensassimo a cose piu serie?
    mi stupisco nel vedere a dove arriva l'immaginazione della gente....ma se invece di fantasticare su queste cretinate si pensasse a come risolvere i problemi dell'africa ad esempio??o la fame nel mondo, o l'uguaglianza dei popoli....naaaa troppo difficile eh??asd
    • Stargazer scrive:
      Re: e se invece pensassimo a cose piu serie?
      Non proprio più che altro non è economicamente vantaggiosoè più vantaggioso invece stuprarne il territorio per ricavarne tutti gli elementi di cui è ricco, uranio in primis
  • SardinianBoy scrive:
    evviva marte!!!!!!
    mmm.....vediamo...nel 2100 ...magari sarò morto..avrò 134 anni...però vale la pena aspettare!eheheheh :-D
  • Filumena Marturano scrive:
    è semplice
    Il metodo è più semplice di quanto si pensi. Basta inviare su Marte un grosso sacchetto della spazzatura con dentro Giuliano Ferrara. Gli agenti atmosferici disintegreranno il sacchetto in pochi minuti scoprendo il contenuto di carne e materiali organici non meglio identificati. A questo punto le radiazioni provocheranno la putrefazione dell'immane cumulo di frattaglie con contorno di fagiolini e si creerà un piccolo laghetto artificiale di "brodo primordiale" (nella fattispecie, doppio brodo). Così da quel fango, da quella melma putrida nascerà il primo organismo monocellulare (uno spermatozoo di Bagnasco, l'ultimo dei sopravvissuti). In un primo momento si riprodurrà in modo agamico, come è tradizione nella Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Poi subentrerà la conoscenza del bene e del male, il frutto proibito, l'Opus Dei, lo IOR, il Banco Ambrosiano. E inizierà la riproduzione sessuata, il senso del peccato, il senso di colpa, la punizione divina: Rocco Buttiglione. Certo ci vorranno milioni e milioni di anni fino alla nascita del primo essere intelligente, ma il disegno intelligente di Dio non sbaglia mai. Così in un grosso baccello simile in tutto all'invasione degli ultracorpi si formerà pian piano la "creatura". Inizialmente una massa informe e gelatinosa, prenderà poi le sembianze di Paola Binetti, un ibrido che si riproduce mediante spore (vedi foto: http://www.senato.it/ulivo/fotosenatori/binetti.gif)
  • Laverio scrive:
    Marte non è poi così abitabile.
    Tutti pensano all'abitabilità della Luna, di Marte, di qualche ameno asteroide, eppure nessuno si ricorda che la gravità del primo è poco più di 1/3 di quella terrestre, per non parlare della Luna e degli eventuali asteroidi.Carino si per fare i capitomboli, ma non di certo per far crescere le future famiglie ex-terrestri, che sarebbero confinate lì per sempre (un eventuale rientro sul pianeta madre avrebbe effetti disastrosi sia per un sistema circolatorio che osseo sviluppatosi a bassa gravità).Ma tanto, vuoi che da qui a trentanni, qualcuno non sviluppi un sistema di gravità artificiale... "Scotty, one to beam aboard!"
    • Stargazer scrive:
      Re: Marte non è poi così abitabile.
      Dovranno anche escogitare come poter combattere i venti simil tornado un po' fuori dalla norma anchehttp://barsoom.msss.com/mars_images/moc/8_10_99_releases/moc2_171/moc2_171d_msss.jpg
  • codroipo scrive:
    Tanto fra due giorni
    nessuno si ricorderà più neanche chi sia il signor wood e lui si sarà fatto il suo bravo giro di conferenze e raccolto la relativa questua.
    • Awesome scrive:
      Re: Tanto fra due giorni
      - Scritto da: codroipo
      nessuno si ricorderà più neanche chi sia il
      signor wood e lui si sarà fatto il suo bravo giro
      di conferenze e raccolto la relativa
      questua.Quoto!
  • ... scrive:
    Fastidiosi contrattempi
    L'atmosfera di marte è una cavolata, il vero contrattempo è che le nazioni sulla terra (USA in testa) preferiscono organizzare guerre un po' qua un po' là per ridare slancio alle loro economie malate. 30 anni per avere la "grande primavera", potranno sembrare pochi per gli scienziati che ragionano in termini di milioni di anni, ma una nazione in 30 anni può andare in bancarotta quindi non mi stupisco che i fondi vengano dirottati dalla ricerca spaziale a quella militare.Ma forse un po' se la cercano anche le varie nasa e co.: quali esperimenti hanno fatto per confermare anche solo metà delle loro teorie ?Se qualcuno chiedesse loro dati precisi, su eventuali sviluppi nello spazio quali potrebbero essere le loro risposte ? Pochi e sparuti pareri su fatti che forse non vedranno neanche i nostri nipoti ?I 100 anni di sto qua o le previsioni di qualche scrittore di fantascienza degli anni 80 non poi così diverse tranne per il fatto che lo scrittore non s'è messo a studiare per metà della sua esistenza per giungere allo stesso risultato.
    • anonimo01 scrive:
      Re: Fastidiosi contrattempi
      - Scritto da: ...
      L'atmosfera di marte è una cavolata, il vero
      contrattempo è che le nazioni sulla terra (USA in
      testa) preferiscono organizzare guerre un po' qua
      un po' là per ridare slancio alle loro economie
      malate. :D per ora!tra un po' c'è da divertirsi, prepara i popcorn!
      30 anni per avere la "grande primavera", potranno
      sembrare pochi per gli scienziati che ragionano
      in termini di milioni di anni, ma una nazione in
      30 anni può andare in bancarotta quindi non mi
      stupisco che i fondi vengano dirottati dalla
      ricerca spaziale a quella
      militare.che, al momento attuale, coincide.è un po' presto per dir(ve)lo, ma in cina hanno un paio di idee divertenti al proposito...
      Ma forse un po' se la cercano anche le varie nasa
      e co.: quali esperimenti hanno fatto per
      confermare anche solo metà delle loro teorie
      ?teorie?
      Se qualcuno chiedesse loro dati precisi, su
      eventuali sviluppi nello spazio quali potrebbero
      essere le loro risposte ? Pochi e sparuti pareri
      su fatti che forse non vedranno neanche i nostri
      nipoti
      ?eh? pochi sparuti dati????tieni, e considera che questo è uno dei pochi db accessibili all'esterno (le cose fiche mica le spiattellano ai 4 venti):http://starbase.jpl.nasa.gov/archive/proprio pochi, eh?
      I 100 anni di sto qua o le previsioni di qualche
      scrittore di fantascienza degli anni 80 non poi
      così diverse tranne per il fatto che lo scrittore
      non s'è messo a studiare per metà della sua
      esistenza per giungere allo stesso
      risultato....hai poche idee ma confuse!dai su, non è colpa tua O)
      • ... scrive:
        Re: Fastidiosi contrattempi
        Si si proprio confuse. In TV ci fanno vedere l'Enterprise mentre nella realtà fino a pochi anni fa si continuava a rattoppare la MIR. Decenni fa c'erano le basi sulla luna e le aquile mentre nella realtà si continua ad usare un bidone conosciuto come space shuttle che è capace di saltare in aria per un nonnulla.Mi spiace dirlo ma le nostre agenzie spaziali non hanno molto da mettere in mostra e non mi stupisco che si preferisca finanziare una guerra tribale in qualche buco dell'Africa piuttosto che razzi con la speranza di incrociare i Vulcaniani.
  • FIRETORNADO scrive:
    quanti...
    ..di noi potranno confermarlo?pochi penso...a quando in bermuda sulla luna...?questo mi pare piu promettente...
    • Shabadà scrive:
      Re: quanti...
      OT: Mi pare normale che Aran Banjo non voglia colonizzare marte, visto quello che gli è capitato l'ultima volta...(scusate l'inutilità, ma non ho saputo resistere... Attacco Solare!)
      • xxx scrive:
        Re: quanti...
        ghghgh aveveo pensato alla stessa cosa.."scappa aran scappa da marte.. aggghhh""maledetti meganoidi.. mi vendicherò."ps da giovane quante pippe pensando a beuty e reika..
    • taddeo scrive:
      Re: quanti...
      - Scritto da: FIRETORNADO
      ..di noi potranno confermarlo?
      pochi penso...Quando sono nati i nostri nonni, la speranza di vita decisamente più bassa di quella che loro hanno raggiunto. Chissà ... C'è pero' anche da dire che loro non si nutrivano in maniera schifosa come facciamo noi oggi, e facevano più moto ...
      a quando in bermuda sulla luna...?
      questo mi pare piu promettente...La luna non ha abbastanza gravità per trattenere un'atmosfera :(
    • pelliccia nell'uovo scrive:
      Re: quanti...
      - Scritto da: AranBanjo
      Più che a colonizzare altri pianeti, potrebbero
      pensare di sistemare questo dove abitiamo adesso.ma cosa vuoi sistemare, nell'articolo:""Sebbene al momento questo tipo di scenario difficilmente riscuoterà l'interesse degli investitori, Wood resta ottimista""finché penseremo alla vita in termini economici non ci sarà speranza. bisogna essere bravi a vendersi, il resto non conta, neanche la vita.
Chiudi i commenti