Chrome 15 esce dal canale Dev

Disponibile per il download una nuova versione Beta del browser Google. Rinnovata la gestione della pagina Nuova Scheda

Roma – A pochi giorni di distanza dal Chrome 14 stabile, Google rilascia la beta della quindicesima incarnazione del browser. Con questa versione, disponibile per Windows, Mac, Linux e Chrome Frame, debutta anche un diverso stile per la pagina Nuova Scheda .

La modalità grafica attuale divide in tre sezioni distinte le web app di Chrome, i siti più visitati e anche i preferiti: fino a ieri i bookmark non erano compresi. I pulsanti ai lati della pagina consentono di passare da una sezione all’altra. Il software di navigazione salva l’ultima visualizzazione utilizzata per poi riproporla al riavvio. Con la freccia nell’angolo in basso a destra è invece possibile richiamare le schede chiuse di recente.

La riprogettazione comprende anche la possibilità di organizzare gli spazi a piacimento, in modo intuitivo. È possibile trascinare col mouse i vari elementi e raggrupparli in una ulteriore categoria personalizzata, in modo da tenere sotto lo stesso tetto pagine web e applicazioni incentrate sul medesimo argomento.

Le altre novità introdotte da Chrome 15 riguardano un ulteriore miglioramento della funzione che sincronizza la history della Omnibox (tutto ciò che è stato digitato nella barra di ricerca-indirizzi) e l’abilitazione di default per l’API Javascript che permette la modalità fullscreen.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Questa è la pubblicazione ufficiale.
    http://pages.cs.wisc.edu/~shravan/imc2011-rayanchu.pdfMi prometto di rileggerlo con attenzione perchè il dettaglio non è semplicissimo. Ma da quanto ho capito serve fondamentalmente ad <b
    identificare </b
    disturbi non-wifi mediante la scheda di rete wifi standard commerciale 802.11. Fondamentalmente sarebbe utilizzata come un analizzatore di spettro a basso costo per rivelare sorgenti di disturbo non-Wifi. Se ho capito bene non effettua alcuna azione di filtro o salto di frequenza ... ma devo leggere con più attenzione. Sospendo il giudizio.
  • ruppolo scrive:
    Titolo fuorviante
    Il dispositivo non elimina, non ammazza e non fa piazza pulita di niente.Semplicemente SCAPPA, usando la stesse metafora di chi ha scritto il titolo.Scappa su territori LIBERI.
  • paolo_del_b ene scrive:
    Airshark, per un WiFi ammazza-interferen
    è GNU General Public License ? ovvero è Software Libero ? se si bene, altrimenti non mi interessa
Chiudi i commenti