Chrome: novità per sicurezza e prestazioni (Gemini nel 2024)

Chrome: novità per sicurezza e prestazioni (Gemini nel 2024)

Subito nuove funzionalità per sicurezza e prestazioni, nel 2024 l'integrazione di Gemini: importanti novità per il browser Google Chrome.
Chrome: novità per sicurezza e prestazioni (Gemini nel 2024)
Subito nuove funzionalità per sicurezza e prestazioni, nel 2024 l'integrazione di Gemini: importanti novità per il browser Google Chrome.

Ha preso il via questa settimana la distribuzione di alcune novità per Chrome che hanno come obiettivi incrementare la sicurezza degli account e migliorare le prestazioni durante le sessioni online. L’obiettivo, come sempre, è quello di offrire agli utenti un’esperienza all’altezza delle aspettative, intervenendo su aspetti chiave.

Sicurezza e prestazioni, i mantra di Chrome

La prima è quella che fa riferimento a Safety Check (Controllo di Sicurezza), ora in esecuzione in background sui computer desktop. Questo permette al browser di fornire avvisi in tempo reale in caso di anomalie: la compromissione di una password salvata, il rilevamento di un’estensione potenzialmente dannosa e la richiesta di autorizzazioni da parte dei siti. I messaggi compariranno nel menu principale, quello accessibile mediante click sul pulsante a forma di tre puntini posizionato nell’angolo superiore destro dell’interfaccia.

Il sistema sarà poi in grado di revocare i permessi, ad esempio per l’accesso alla geolocalizzazione o al microfono, per i siti non visitati a lungo. Ancora, segnalerà la ricezione ripetuta delle notifiche dalle fonti alle quali non si accede frequentemente, così che possano essere disabilitate in modo semplice.

Safety Check (Controllo di Sicurezza) aiuterà a gestire le notifiche in Chrome

Un’altra funzionalità inedita che raggiungerà tutti gli utenti nel corso delle prossime settimane è legata alla gestione delle schede aperte, particolarmente utile per chi è solito navigare su molte pagine in contemporanea. Sarà possibile salvare i gruppi che le raccolgono, attribuendo loro un nome e riattivandoli in un secondo momento.

Chrome permetterà di salvare i gruppi di schede aperte

L’IA di Gemini arriverà nel browser

In chiusura del post che annuncia le novità appena descritte, Google cita l’arrivo di Gemini nel browser. È il modello IA che il gruppo di Mountain View ha presentato nelle scorse settimane, già alla base della versione di Bard accessibile dagli Stati Uniti.

Chrome si arricchirà dunque di funzionalità inedite legate all’intelligenza artificiale, già dalla prima parte del 2024. Ci sarà tempo e modo per analizzarle.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 dic 2023
Link copiato negli appunti