Chronos, il WiFi sicuro senza password

I ricercatori del MIT propongono un nuovo modo di gestire le reti wireless, una tecnologia che mira a rendere più sicure le connessioni e ad eliminare il bisogno di usare le password. La privacy? Un orpello
I ricercatori del MIT propongono un nuovo modo di gestire le reti wireless, una tecnologia che mira a rendere più sicure le connessioni e ad eliminare il bisogno di usare le password. La privacy? Un orpello

Il Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del MIT ha presentato Chronos, ovvero la proposta di un sistema di connessione WiFi innovativo che elimina le password rendendo al contempo più sicura l’identificazione dei singoli utenti.

Diversamente dagli ordinari meccanismi di connessione all’hot-spot wireless più vicino, infatti, Chronos istruisce il router per l’identificazione dell’utente basata sull’analisi del traffico radio: i tempi necessari a inviare e ricevere i pacchetti di dati vengono usati per calcolare la posizione in cui si trova il dispositivo client.

I meccanismi di analisi di Chronos sono 20 volte più accurati rispetto alle tecniche già esistenti, sostiene il team guidato dal professor Dina Katab, mentre nei test sul campo i ricercatori hanno identificato i dispositivi degli utenti con una percentuale del 94 per cento; in uno scenario da locale pubblico, invece, la capacità del sistema di distinguere i clienti dalle persone all’esterno ha un’accuratezza del 97%.

Chronos offre un sistema di identificazione sicuro degli utenti delle reti WiFi, un meccanismo utilizzabile anche per tenere debitamente a distanza i droni/UAV dalle persone e la possibilità di ritrovare un dispositivo smarrito, ma la possibilità di tracciare individualmente un utente certo non piacerà ai difensori della privacy.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 04 2016
Link copiato negli appunti