Cina: i provider sorveglino gli utenti

Nel nuovo pacchetto di misure dedicato alla governance di Internet è previsto un ruolo attivo per gli ISP. Saranno loro a dover sorvegliare cosa i netizen si dicono e scrivono. E a segnalarlo alle autorità

Roma – Sembra un piano di controllo finemente organizzato quello che le autorità cinesi hanno deciso di attuare per monitorare le attività condotte in Rete dai cittadini. Solo qualche giorno fa la Cina era vicina all’approvazione di una legge che prevede l’identificazione di tutti i navigatori digitali per evitare, secondo i vertici di Pechino, attività fraudolente come il furto d’identità o specifiche violazioni della privacy. A rafforzare la stretta sul flusso delle informazioni in circolazione su Internet la Cina ha ora approvato a stretto giro un nuovo pacchetto di misure che impongono ai service provider un ruolo attivo nella segnalazione e repressione dei contenuti considerati “illegali”.

Secondo l’agenzia di informazione nazionale Xinhua, i fornitori di connettività avranno il compito di “interrompere istantaneamente la trasmissione” di qualsiasi informazione sgradita, non prima di averne dato conto alle autorità . Oltre a richiedere i dati identificativi, i fornitori di servizi dovranno dunque vigilare sui contenuti in circolazione tra i netizen cinesi.

Le nuove disposizioni concederanno nuovi poteri ai dipartimenti di supervisione, inclusi i mezzi tecnici per prevenire, interrompere e punire coloro che lederanno la privacy online . Gli utenti che si accorgeranno di presunte violazioni da parte dei network a cui si è iscritti e che lamentano disturbi causati dall’invio di messaggi pubblicitari avranno il diritto di chiedere ai service provider l’eliminazione dei dati segnalati nonché altre misure per interrompere tali pratiche. In base alle norme inserite nel nuovo pacchetto legislativo approvato dal nuovo leader Xi Jinping, i trasgressori possono incorrere in sanzioni , compresa la confisca dei guadagni illeciti, revoche delle licenze e la chiusura dei siti Web, così come il divieto di esercitare in futuro attività legate a Internet.

La nuova stretta cinese sulle connessioni alla Rete rivela, secondo alcuni, il timore che le autorità di Pechino nutrono nei confronti delle possibilità offerte dall’ecosistema digitale. “Sono ancora molto paranoici sul potenziale effetto destabilizzante di Internet”, afferma Willy Lam , osservatore politico all’Università Cinese di Hong Kong, il quale mette in luce le difficoltà rappresentate dalla volontà di controllare il gigantesco flusso di contenuti: “sono sul punto di perdere il monopolio sull’informazione, ma ancora desiderosi di controllare la diffusione delle opinioni”.

Misure che, come già sottolineato dalla più grande azienda di Internet nazionale, Sina Corp, avranno l’effetto di “ridurre sensibilmente” il traffico sui principali social media cinesi.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CiccioQuant aCiccia scrive:
    AVete mai, dico mai...
    ... sentito o visto un bimbo scandalizzarsi, protestare e restare traumatizzato per aver visto nudità/sesso?Io no.Di "adulti", invece tanti.Il padre:"He's 5 years old. Maybe when he's 18 or 20, maybe he won't know anything about it, but he's not going to forget about this tomorrow," Giles said.Segnamoci questo episodio che magari tra 15 anni questo imbraccia il mitra e fa fuori tutti e daranno sicuramente la colpa ai XXXXX che ha visto sul DS quando aveva 5 anni....Ma FARE EFFETTIVAMENTE I GENITORI, invece di semplicemente ca**re fuori i figli dal buco e poi sbattersene, no eh?!
  • Attonito scrive:
    Articolo basato sul nulla
    Brava Cri Cri, stai imparando. Pochi mesi e farai le scarpe al maestro.
  • Wolf01 scrive:
    Il contenuto sta sulla SD non sul DS
    In ogni caso, i contenuti non vengono salvati sul 3DS, ma vengono salvati sulla scheda SD, che può essere allegata o no (se è nuovo ce ne dovrebbe essere una di 2 o 4GB).In questo caso potrebbe anche essere stata inserita per i test da un impiegato GS e dimenticata lì, comprata contenente già le immagini (è capitato in passato pure con virus allegati) oppure il padre, notando l'assenza della SD su un 3DS usato e ignorando il consiglio del commesso GS di acquistarne una, potrebbe averne presa una dalla sua collezione dimenticandosi di brasare i suoi pornazzi.
  • Giollo scrive:
    Titolo
    Si dice UN Nintendo 3DS.
    • ChickenBaluba scrive:
      Re: Titolo
      - Scritto da: Giollo
      Si dice UN Nintendo 3DS.In realtà "console" è femminile, quindi si dice una.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 dicembre 2012 21.32-----------------------------------------------------------
      • Giollo scrive:
        Re: Titolo
        Lo so, ma ci sono regole non scritte che nascono da sole riguardo i nomi delle console. Una leggenda narra che se dici/scrivi l'articolo sbagliato, quello diverso dal voler comune, potresti perdere l'udito per sempre.
      • Aleb scrive:
        Re: Titolo
        Ma Nintendo DS è neutrale, per cui si può dire come si vuole.
  • max scrive:
    poco professionali
    Al di la delle osservazioni d'opportunità etica sull'episodio di altri commenti secondo me il problema qui è il controllo qualità nella procedura di "ricondizionamento".Cosa significa "ricondizionamento" per la catena Gamestop? Nell'accezione comune significherebbe consegnare all'acquirente un prodotto usato che ha tuttavia superato test di controllo e funzionalità hardware e software per ripristinare le condizioni iniziali di fabbrica e all'occorenza è stato anche riparato.Ora...se una console portatile...non è nemmeno stata formattata e aggiornata...significa ..semplicemente..che nel loro controllo qualità...la procedura di "ricondizionamento" consiste solo in una generica ispezione estetica e operativa.Oggi è un'immagine XXXXX...domani sarà una console che si rompe dopo 5 minuti d'uso....E le loro garanzie...lasciano il tempo che trovano...se lavorano in questa maniera. Non comprategli roba usata...
  • ottomano scrive:
    e che p@lle!
    1-Quando regalo una cosa a mio figlio è mia premura controllare che non ci siano contenuti inadatti, soprattutto se è roba usata.2-E' sucXXXXX che su milioni di console vendute una è risultata non correttamente ripulita.3-Se un bimbo guarda casualmente un immagine di nudità non muore di certo. Fino a non molti anni fa era comune che in famiglie povere e con case piccole i bambini dormissero nella stessa camera dei genitori... mia nonna, la cui famiglia era povera, mi raccontava che aveva "beccato" i suoi a farlo mentre lei dormiva nel letto di fianco. Oggi ci fa una risata su, non è mica cascato il mondo! :|4-A pensar male si fa peccato... Chi mi assicura che quelle immagini non le abbia messe proprio quel papà al fine di scucire una lauta ricompensa da GameStop?
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: e che p@lle!
      Hai ragione su tutto (e povera tua nonna!), del resto questo genitore poteva di sicuro controllare prima, o, nel dubbio comprare una console nuova...tanto con i prezzi che fa Gamesh*t non è che gli sarebbe costata tanto di più!
      • prova123 scrive:
        Re: e che p@lle!
        Ci sono migliori offerte in generale nei centri commerciali che a Gamesp*t. Un tempo Gamesp*t era una valida alternativa, ora tutto a prezzo pieno o comunque costoso. Dietro l'apparente aspetto spartano il prezzo non è all'altezza dell'aspetto. Un pò come un tempo nei cestoni che contenevano offerte oggi cestoni con prodotti a prezzo pieno. Quando vedete un offertone verificate anche negli altri centri commerciali, si risparmia tranquillamente anche il 30/35 %. Ovvviamente non aspettate di arrivare ad un mese dalle festività comandate. ;)
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: e che p@lle!
          - Scritto da: prova123
          Ci sono migliori offerte in generale nei centri
          commerciali che a Gamesp*t. Un tempo Gamesp*t era
          una valida alternativa, ora tutto a prezzo pieno
          o comunque costoso. Dietro l'apparente aspetto
          spartano il prezzo non è all'altezza
          dell'aspetto. Un pò come un tempo nei cestoni che
          contenevano offerte oggi cestoni con prodotti a
          prezzo pieno. Quando vedete un offertone
          verificate anche negli altri centri commerciali,
          si risparmia tranquillamente anche il 30/35 %.
          Ovvviamente non aspettate di arrivare ad un mese
          dalle festività comandate.
          ;)Gamesh*t è conveniente solo ai bambocci che portano indietro Assasins Creed Whatever o Fifa2030 dopo 2-3 giorni che l'hanno comprato, per poi comprarsi scontato il nuovo gioco da terminare dopo pochi giorni! Tra l'altro l'usato al GS è trattato da schifo (graffi, perfino sulle cartucce del DS/3DS!), ed i prezzi sono folli...
    • Claudio scrive:
      Re: e che p@lle!
      In scandinavia i genitori fanno sesso con la porta aperta e e vetri scoperti; si fanno liberamente osservare da figli piccoli e parenti. La privacy lì non interessa a nessuno.
    • Claudio scrive:
      Re: e che p@lle!
      In scandinavia i genitori fanno sesso con la porta aperta e e vetri scoperti; si fanno liberamente osservare da figli piccoli e parenti. La privacy lì non interessa a nessuno.
      • faccio nomi e cognomi scrive:
        Re: e che p@lle!
        il sesso è bello
      • Icestorm scrive:
        Re: e che p@lle!
        - Scritto da: Claudio
        In scandinavia i genitori fanno sesso con la
        porta aperta e e vetri scoperti; si fanno
        liberamente osservare da figli piccoli e parenti.
        La privacy lì non interessa a
        nessuno.Urca... se solo non fossi un tipo un po' freddoloso e scarsino in lingue straniere... quasi quasi varrebbe la pena trasferirsi! :-)
Chiudi i commenti