Come sconfiggere l'ipovisione nel Web

di Ileana Vescovi ? Quando si realizza un sito web si è davvero disposti a renderlo inutilizzabile da chi ha problemi di vista? Breve viaggio nei problemi dell'ipovisione e nelle (facili) soluzioni

Roma ? È stato un problema rimosso a lungo ma ora, con la complicità di normative nazionali e internazionali ed una maggiore consapevolezza della rete, molti sono i webmaster che si muovono per non escludere dal proprio lavoro, dai propri siti web, chi ha problemi di ipovisione.

Sono problemi che si possono sconfiggere, dando corpo ad una architettura dell’ipovisione nel web. Di solito quando si pensa ad una persona ipovedente si è soliti paragonarla ad una persona con un visus ridotto e con qualche difetto visivo e che per aiutarla sia sufficiente ingrandire i caratteri di testo ad un’ altezza molto elevata, così da permettergli una più agevole e veloce lettura.

Purtroppo non è così semplice, perché vi sono molti livelli e gradi di ipovisione e fattori esterni i quali possono agire favorevolmente o sfavorevolmente a seconda di innumerevoli variabili, indipendenti dal soggetto ipovedente o con qualche problema visivo. Una lista frammentata delle patologie più semplici e conosciute potrebbe includere:
Cecità di tipo lieve (vede solo le ombre)
Cecità di tipo grave (assenza totale di qualsiasi tipo di stimolo alla percezione visiva).
Cecità ad alcuni colori (meglio conosciuto come fenomeno del daltonismo),
Ipovisione

Ognuna di queste patologie richiede tipologie di adeguamento alla navigazione del web differenti: con supporti di tipo tiflo-informatici, ad esempio sintesi vocale utile non solo nell’ambito della cecità ma anche nell’ambito cognitivo (vedi dislessici, disgrafici, discalcuglismo. spastici con gravi difficoltà motorie, ecc.) per rendere, si spera, la navigazione più autonoma possibile e più semplice all’utente.

Il web deve tenere conto dell’utente e del momento in cui la pagina viene caricata sul suo browser.

E l’utente, come accennato, è soggetto a numerose variabili legate all’ambiente in cui opera, come il tipo di postazione di lavoro (tavolo, scrivania), la luminosità della stanza e del piano di lavoro, la grandezza o meno del monitor, il numero di pixel del monitor del proprio PC, da cui dipendono anche nitidezza di immagini e testi, periferiche hardware e software.

A tal proposito vorrei rivolgermi a tutti i progettisti di Pagine Web, o Webmaster, o web-design i quali svolgono a mio parere un lavoro molto dinamico ed interessante, ma anche di grande attenzione, poiché sono loro il “motore” del web e i responsabili del livello di gradimento di un sito, il quale determina in modo positivo o negativo il numero di visitatori dei siti web.

Grazie alla legge 4/2004 ossia la legge Stanca, la quale prevede che i siti delle pubbliche amministrazioni siano adeguati alle norme di accessibilità per permettere l’accesso anche alle persone disabili e anziane, ciò fa sì che a poco a poco il numero di internauti (fruitori della rete) cresca sempre più e questo fenomeno potrebbe rivelarsi molto conveniente per tutti, ma in primis per il marketing: per far ciò i web-designer dovrebbero puntare tutto sull’accessibilità e l’usabilità del web. Quello di cui tutti noi ci dobbiamo fare carico e lavorare con criterio e con una giusta logica è l’architettura delle pagine web, affinché i nostri siti raggiungano un alto livello di usabilità e di conseguenza visitabilità . In quest’ottica i siti delle pubbliche amministrazioni e i siti che offrono servizi pubblici dovrebbero “adottare” una architettura standard , tale da favorire una memorizzazione di tipo logico-cognitivo più intuitiva e quindi permettere una navigazione veloce, chiara, intuitiva ma soprattutto non eccessivamente stressante a livello visivo e a livello di logica-cognitiva, in tal modo saranno ricordati con piacere e con un pizzico di simpatia dall’utente il quale con piacere ed entusiasmo si farà promotore del sito tramite la sua “rete di conoscenze”, e continuerà a visitarlo.

Proviamo ad immaginare di parlare con un webmaster che debba adeguare il proprio sito web alle regole WAI (Web Accessibility Initiative) e chieda a noi consigli su come impaginare le informazioni sul proprio sito, o meglio chieda a noi quale sarebbe il modo migliore per distribuire architettonicamente i contenuti perché la visualizzazione sia la più efficace grazie ad un layout più accomodante a livello visivo ma anche più intuitivo. Ecco le risposte che potremmo dare:

– Lasciare un’altezza congrua di margine bianco in cima alle pagine tale da permettere a tutti gli utenti e soprattutto ai ciechi ed ipovedenti e agli screen-reader di poter leggere: “vuoto” , in tal modo si può agevolare maggiormente nell’ utente, il concetto di organicità visus spaziale dei contenuti presenti all’interno delle pagine.

– Disporre le barre di navigazione sempre in verticale e mai in orizzontale poiché la visualizzazione dei contenuti delle barre di navigazione possono apparire molto difficoltose da visualizzare sia per gli utenti, che per le tecnologie assistive in supporto ai non vedenti (Gli screen- reader hanno al loro interno un sistema di lettura delle pagine web circolare).

– Le barre di navigazione dovrebbero essere posizionate all’interno del sito sempre a sinistra dello schermo e mai a destra, perché potrebbero indurre gli utenti in confusione creando in loro un disorientamento di tipo visus-spaziale dell’organizzazione della pagina.

– La verticalizzazione dei frame restringe il campo di visualizzazione su cui l’utente ipovedente si deve concentrare per cercare di visualizzare al meglio il contenuto.

– La verticalizzazione delle barre di navigazione agevola maggiormente l’utente nella lettura dei contenuti, in quanto il campo visivo su cui l’utente si deve concentrare è più delimitato. È chiaro che quando uno sceglie di cliccare sopra ad un argomento, gli apparirà una pagina di testo anche lunga: starà al singolo individuo leggerne il contenuto o meno in base al suo interesse.

– Usare caratteri tipo: Times New Roman, Arial, Unicodess, MS, Arial Narrow, Arial Unicode.

– Il servizio di iscrizione alle news letter o ad eventuali news group deve essere sempre in basso a destra.

– Inserire all’interno del sito la modalità ?cercà: questa modalità è fondamentale per gli utenti non vedenti, in quanto agevola e velocizza la ricerca d’informazioni all’interno delle pagine del sito, senza dovere utilizzare i comandi impartiti da tastiera, che in taluni casi potrebbero rallentare la ricerca.

– Tutti i siti dovrebbero avere posizionati in basso al centro pagina i pulsanti i quali ti permettono di far scorrere in altezza il testo contenuto all’interno della pagina (Pagina SU o Pagina GIÙ) nonché i pulsanti i quali ti permettono di far girare le pagine di testo.

– Scegliere colori di sfondo del testo uniti e che possiedano un ottimo contrasto. Come ad esempio sfondo giallo testo blu, o viceversa, sfondo lilla e testo nero, sfondo blu e testo azzurro, sfondo arancione-scuro testo nero/bianco sfondo nero testo giallo/azzurro/ lilla/ bianco. Ma anche colori chiari solo ed esclusivamente per gli sfondi, tali da illuminare lo sfondo per poter far risaltare maggiormente il testo ma rigorosamente colori scuri per i testi. Es: sfondo azzurrino, testo nero ben marcato.

– Evitare immagini o scritte FLASH perché oltre a disturbare la vista agli utenti ipovedenti, affetti da nistagno, possono indurre, in persone affette da epilessie, delle crisi foto sensibili alla percezione di determinati colori.

– Usare sempre l’HTML o XHTML: sono gli unici formati compatibili con gli screen-reader utilizzati dagli utenti con deficit visivi e anche da utenti con deficit di tipo cognitivo lieve.

– Si consiglia di evitare l’inserimento del quoting all’interno dei newsgroup e delle liste di discussione, in quanto questo tipo di elemento può venir considerato dagli utenti con difficoltà visive un ostacolo per l’usabilità dei suddetti servizi offerti da alcuni siti, in oltre il quoting non è determinante ai fini dello sviluppo delle pagine web.

– Scegliere un sistema di label semplice, per permettere una maggior comprensione dei contenuti dei testi presenti all’interno delle pagine e dei link.

Ileana Vescovi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marina la carrubba scrive:
    non sapevo nulla ma
    grande articolo. complimenti.concordo sul finale.
  • Anonimo scrive:
    Lameroni al tappeto
    E' inutile cercare di nascondere la propria identita' con queste minchiate.... tanto ti sgamano. Ma quando questi lameroni lo impareranno?
  • Anonimo scrive:
    Da chi dovremmo tutelarci?
    Restrinzioni controlli, intercettazioni, ... Ma per cercare cosa?I mandanti delle stragi dell'11 settembre li conosciamo tutti e sono ancora sulle loro potrone. Le stragi, il terrorismo e la paura sono servite a giustificare spese militari e guerre preventive.
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno fatto bene !!!!
    - Scritto da:

    - Scritto da:

    E finiamola con tutto questo perbenismo di

    facciata infarcito di retorica pseudolibertaria:
    Allora vattene pure tu, che sei reazionario al
    pari dei partecipanti ai siti di
    estrema-vattelapesca.porc... sintetico ed efficace :|
  • Anonimo scrive:
    e i tordi.. scenario prossimo venturo
    Lettura non adatta ad un pubblico di tordi che ancora crede a babbo natale, alle favole della mamma, ai buoni e cattivi, ai rossi e neri.A parer mio a piccoli passi ma inesorabilmente stiamo andando verso un governo globale dittatoriale che vede in cima il potere americano e il resto sudditi e colonie. Dove sarà impossibile avere idee differenti pena imputazioni di islamofascista, antiamericani, antiebreo e condanna a morte. In america c'è ancora e non è un caso. Fantapolitica, oh certo!!! Il problema è che il giorno che non lo dovesse essere più sarà troppo tardi per tutti. Alcuni mali è bene prevenirli, anche quando non si è certi che siano presenti o meno, perchè dopo c'è la cancrena e non rimane che il taglio netto. Se non è così qualcuno mi deve spiegare perchè le libertà individuali e ideologiche politiche sono sempre più ristrette (solo le libertà sodomitiche sono in espansione d'altra parte al potere se il popolo si rantola nel porcile cosa cazzo gli frega anzi meglio almeno stanno lontani dalle stanze dei bottoni). A questo corrisponde una crescita esponenziale e globalizzante del potere economico capitalista che indirizza sempre di più le linee governative di tutti i paesi dell'occidente e che ordina le guerre nei paesi dove la sottomissione all'economia globale (chiamata a presa di culo "democrazia") non è ancora avvenuta (questi dato che non rispettano le leggi capitaliste padronali sono definiti stati canaglia e terroristi perchè lì bill gates morirebbe di fame). Questo vale anche in Italia dove ci ritroviamo con un finto governo "comunista", "rosso" o "di sinistra" che dir si voglia che fa le guerre di bush e espade l'economia ultraliberista grazie ai servi americani Schioppa e Bersani (dei veri uomini di sinistra non c'è che dire e meno male che il pericolo capitalista era berluskopone ora che ci sono i "comunisti" possiamo finalmente asservirci al potere globale usa senza esitazione). L'Italia con i finti "sinistri" o con i finti "destri" è sempre più una colonia usa e i tordi stanno a guardare.
    • Anonimo scrive:
      Re: e i tordi.. scenario prossimo ventur
      - Scritto da:
      A parer mio a piccoli passi ma inesorabilmente[...]Quindi tu dici che i magistrati tedeschi non dovevano sequestrare i PC corrispondenti agli IP da cui provenivano le richieste illegali.Perchè avrebbero dovuto trattare questi PC in modo differente da tutti gli altri della rete?Tu mi risponderai, perchè "si sa" che TOR fa passare tutto .Ma allora mi basta installare il server di TOR, rendere pubblica la cosa e la polizia non deve osare venirmi a trovare perchè, "si sa", TOR fa passare tutto?Non trovi che sia assurdo?Io installo un server TOR e poi mi metto a fare (nella migliore delle ipotesi) spamming ed altro *anche senza usare il server TOR* tanto il mio IP è intoccabile, perchè "si sa" che sono un exit node.Lo capisci che il trattamento riservato ai server TOR è lo stesso riservato a tutti gli altri PC coinvolti nella vicenda?Era un fottuto *ATTO DOVUTO*.Sarebbe stato *MOLTO* più ecclatante il contrario.Cerca di ragionare sulle vicende prima di scrivere a valanga.Magari aspetta di capire cosa decideranno le autorità tedesche in merito alle responsabilità.In quel momento si saprà se c'è da preoccuparsi o meno.
      • Anonimo scrive:
        Re: e i tordi.. scenario prossimo ventur
        Premesso: Non sono quello che ha aperto il 3d- Scritto da:
        - Scritto da:

        A parer mio a piccoli passi ma inesorabilmente
        [...]
        Perchè avrebbero dovuto trattare questi PC in
        modo differente da tutti gli altri della
        rete?
        Tu mi risponderai, perchè "si sa" che TOR fa
        passare
        tutto .
        Ma allora mi basta installare il server di TOR,
        rendere pubblica la cosa e la polizia non deve
        osare venirmi a trovare perchè, "si sa", TOR fa
        passare
        tutto?un exit node è pubblico, quindi venirti a trovare per una richiesta proveniente da Tor è un attacco a Tor e non a te
        Non trovi che sia assurdo?Dipende. Dovremmo sapere (io non lo so come funziona) se la richiesta che parte dal server su cui è installatto l'exit node Tor parte con lo stesso IP che il server usa per una normale connessione. E se partendo dallo stesso server ci si può connettere in rete direttamente dallo stesso exit node, senza passare altri nodi della rete Tor. Se ciò non è possibile in teoria avrebbero dovuto sequestrare tutti i server tranne quello da cui proveniva la richiesta! E dipende da che cosa hanno sequestrato: hanno sequestrato solo il server o anche tutto quello che hanno trovato e che non ha nulla a che fare con la rete Tor?
        Io installo un server TOR e poi mi metto a fare
        (nella migliore delle ipotesi) spamming ed altro
        *anche senza usare il server TOR* tanto il mio IP
        è intoccabile, perchè "si sa" che sono un exit
        node.Non so se tu conosci come funziona Tor. Se usi Tor esci dal tuo exit node? E lo stesso IP lo usi per una normale connessione? Se a queste domande rispondi no, allora il sequestro era ingiustificato

        Lo capisci che il trattamento riservato ai server
        TOR è lo stesso riservato a tutti gli altri PC
        coinvolti nella
        vicenda?
        Era un fottuto *ATTO DOVUTO*.Dipende. Perché se è come ipotizzo io allora avrebbero dovuto sequestrare TUTTI i server Tor

        Sarebbe stato *MOLTO* più ecclatante il contrario.
      • Anonimo scrive:
        Re: e i tordi.. scenario prossimo ventur
        - Scritto da:

        Quindi tu dici che i magistrati tedeschi non

        dovevano sequestrare i PC corrispondenti agli IP

        da cui provenivano le richieste

        illegali.

        Ma io non dico nulla O)

        Non so cosa hai letto del mio discorso che
        pensavo si capisse aveva valore generale non era
        chiaramente tecnico/legislativo, non era
        necessariamente scritto riguardo alla particolare
        vicenda Io il tuo discorso lo capisco benissimo, lo condivido a tratti, ma non me lo puoi usare per innescare una rivoluzione a seguito di un atto dovuto ed inevitabile.
        • Anonimo scrive:
          Re: e i tordi.. scenario prossimo ventur
          - Scritto da:
          Prima di tutto ti ripeto che tu non capisci che
          il mio non è un discorso particolare sulla
          vicenda ma generale su un andazzo. Tu continui a
          non tenere conto della situazione generale di
          forte limitazione delle libertà di
          espressione.Invece capisco benissimo quello che stai facendo.Ti stai attacando ad atti dovuti per lamentarti di quanto loro sono cattivi.Loro sono "cattivi", ma non nel caso di questo atto dovuto.

          Mi dai un link dove si mostra come fanno?

          Un link di cosa non capisco se vuoi ti spiego
          come funziona Tor? Altrimenti vai sul sito
          ufficiale e vedrai c'è scritto lì come funziona e
          cosa
          fa.Che mostra come fanno a risalire ad un client.Se si può fare qualcuno saprà come.O semplicemente ti affidi alla frase fatta "c'è sempre un modo"?
          L'articolo mi pare che riporti il fatto che in
          Germania vogliono smantellare Tor, la storia
          della pedofilia è una scusa altrimenti si
          limiterebbero ad arrestare i pedofili. Invece
          mettono in discussione tutto
          Tor.

          Cito dall'articolo:
          "Rimane invece realistica l' ipotesi di un'azione
          esemplare ed intimidatoria nei confronti della
          comunità Tor tedesca. "E' l'ipotesi di Marco Calamari, che vale quanto la mia.E vale molto meno di quella di alcuni gestori di server TOR tedeschi che dichiarano che non c'è stato alcun crackdown contro la rete Tor.Come dimostra ampiamente il fatto che a parte, i pochi casi dell'articolo, i server Tor tedeschi non sono stati toccati.
  • Anonimo scrive:
    e questo?
    http://www.spooktech.com/teledev/enginma100.shtml
  • Anonimo scrive:
    promemoria
    "Non si tratta di stabilire se la guerra sia legittima o se invece non lo sia. La vittoria non è possibile.La guerra non è fatta per essere vinta: è fatta per non finire mai.Una società gerarchica è possibile solo se si basa su povertà e ignoranza. Questa nuova giustificazione della guerra appartiene al passato.Di norma lo sforzo bellico persegue lo scopo di tenere la società al limite della sopravvivenza. La guerra viene combattuta dalla classe dominante contro le classi subalterne. La guerra non ha per oggetto la vittoria, ma la conservazione dell'ordinamento sociale."
    • Anonimo scrive:
      Re: promemoria
      Ora che hai visto la Tv è ora di andare a nanna.... :D :D :D :D
      • anonimo anonimo scrive:
        Re: promemoria
        - Scritto da:
        Ora che hai visto la Tv è ora di andare a
        nanna.... :D :D :D
        :Dasino!solo alla tv potevi pensare leggendo una citazione tratta dal LIBRO "1984" scritto da George Orwellapri qualche libro, ogni tanto.spegni la tv e accendi il cervello.
    • anonimo anonimo scrive:
      Re: promemoria
      - Scritto da:
      "Non si tratta di stabilire se la guerra sia
      legittima o se invece non lo sia. La vittoria non
      è
      possibile.
      La guerra non è fatta per essere vinta: è fatta
      per non finire
      mai.

      Una società gerarchica è possibile solo se si
      basa su povertà e ignoranza. Questa nuova
      giustificazione della guerra appartiene al
      passato.

      Di norma lo sforzo bellico persegue lo scopo di
      tenere la società al limite della sopravvivenza.
      La guerra viene combattuta dalla classe dominante
      contro le classi subalterne. La guerra non ha per
      oggetto la vittoria, ma la conservazione
      dell'ordinamento
      sociale."ottima citazione! Utilissima a descrivere e far capire la situazione attuale (cit. di 1984 di George Orwell)
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno fatto bene !!!!

    Quanto al "simpatico" parallelo tra la Germania
    attuale e quella nazista c'è da vergognarsi a far
    certi paragoni che offendono un intero popolo. No
    comment sul paragone con l'America del dopo 11
    settembre. Per certi commenti ci sono i siti di
    estrema-dx ed estrema-sx, stranamente scrivono le
    stesse cose... per favore evitateceli su un sito
    che si dovrebbe occupare di
    informatica.Ma non ti accorgi che sei tu estremista? Mentre i libertari stanno esattamente al centro? Su certe cose certi estremisti di destra e talvolta di sinistra vedono giusto. Mica tutto è bianco o tutto nero.Ricordati dei 50000 omosessuali castrati nei democratici stati uniti prima degli anni sessanta e non so il numero di quelli incarcerati
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene !!!!
      - Scritto da:


      Quanto al "simpatico" parallelo tra la Germania

      attuale e quella nazista c'è da vergognarsi a
      far

      certi paragoni che offendono un intero popolo.
      No

      comment sul paragone con l'America del dopo 11

      settembre. Per certi commenti ci sono i siti di

      estrema-dx ed estrema-sx, stranamente scrivono
      le

      stesse cose... per favore evitateceli su un sito

      che si dovrebbe occupare di

      informatica.

      Ma non ti accorgi che sei tu estremista? Mentre i
      libertari stanno esattamente al centro? Su certe
      cose certi estremisti di destra e talvolta di
      sinistra vedono giusto. Mica tutto è bianco o
      tutto
      nero.

      Ricordati dei 50000 omosessuali castrati nei
      democratici stati uniti prima degli anni sessanta
      e non so il numero di quelli
      incarcerati
      :-o
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene !!!!
      - Scritto da:


      Quanto al "simpatico" parallelo tra la Germania

      attuale e quella nazista c'è da vergognarsi a
      far

      certi paragoni che offendono un intero popolo.
      No

      comment sul paragone con l'America del dopo 11

      settembre. Per certi commenti ci sono i siti di

      estrema-dx ed estrema-sx, stranamente scrivono
      le

      stesse cose... per favore evitateceli su un sito

      che si dovrebbe occupare di

      informatica.

      Ma non ti accorgi che sei tu estremista? Mentre i
      libertari stanno esattamente al centro? Su certe
      cose certi estremisti di destra e talvolta di
      sinistra vedono giusto. Mica tutto è bianco o
      tutto
      nero.in quale universo parallelo ?!!!!

      Ricordati dei 50000 omosessuali castrati nei
      democratici stati uniti prima degli anni sessanta
      e non so il numero di quelli
      incarceratiRicordiamoci le lotte per i diritti civili negli Stati Uniti nello stesso periodo....Qualche altra sparata antiamericana?
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene !!!!
        - Scritto da:
        - Scritto da:




        Quanto al "simpatico" parallelo tra la
        Germania


        attuale e quella nazista c'è da vergognarsi a

        far


        certi paragoni che offendono un intero popolo.

        No


        comment sul paragone con l'America del dopo 11


        settembre. Per certi commenti ci sono i siti
        di


        estrema-dx ed estrema-sx, stranamente scrivono

        le


        stesse cose... per favore evitateceli su un
        sito


        che si dovrebbe occupare di


        informatica.



        Ma non ti accorgi che sei tu estremista? Mentre
        i

        libertari stanno esattamente al centro? Su certe

        cose certi estremisti di destra e talvolta di

        sinistra vedono giusto. Mica tutto è bianco o

        tutto

        nero.


        in quale universo parallelo ?!!!!




        Ricordati dei 50000 omosessuali castrati nei

        democratici stati uniti prima degli anni
        sessanta

        e non so il numero di quelli

        incarcerati

        Ricordiamoci le lotte per i diritti civili negli
        Stati Uniti nello stesso periodo....
        Qualche altra sparata antiamericana?Difatti le uniche cose buone dell'america sono le rivoluzioni che il popolo fa contro il governo. E sarà sempre così se continuiamo in questo modo. Speriamo solo di vivere abbastanza per vedere com'è la verità dell'11 settembre.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene !!!!

      Ma non ti accorgi che sei tu estremista? Mentre i
      libertari stanno esattamente al centro? Su certe
      cose certi estremisti di destra e talvolta di
      sinistra vedono giusto. Mica tutto è bianco o
      tutto
      nero.peccato che non hai firmato.ti avrei ammollato un bel puntacchione di PI.proprio in regalo regaloso: sei una rarità pensante.
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno fatto bene !!!!


    E giù di retoricona. Se senti tutti questi occhi
    che ti guardano scendi in piazza e protesta,
    prendendoti la responsabilità di quello che fai.
    Magari scopri che viviamo in un Paese
    democratico.Democratico di nome, ma il comportamento può variare
    Tutte storie nei regimi totalitari non si creano
    certo il problema di freenet o tor, ti tirano giù
    la porta e finisci in galera per molto meno. E chi ti dice che grazie alle leggi speciali tu non venga battezzato per le tue idee?Come sempre la pedofilia è L'UNICO APPIGLIO DI VOI... CENSORI (newbie)la parola pedofilia non è mai stata pronunciata sui giornali prima di internet.... Questo la dice lunga. I pedofili ci sono sempre stati e continuano a fare indisturbati nella realtà quel che han sempre fatto, mentre nuovi eroi e nuovi inquisitori grazie a internet vivono il loro piccolo momento di gloria. Basta un minimo di infarinatura di psicologia che la tentazione morbosa di parlare/occuparsi di sesso non è solo questione di audience, ma condiziona tutto. C'è chi non potendo occuparsi di contenuti legali ne approfitta occuparsi di contenuti illegali... E su questa continua e non so quanto utile occupazione marciate anche voi, i paladini della giustizia.HEIL COMPAGNO!
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene !!!!
      - Scritto da:




      E giù di retoricona. Se senti tutti questi occhi

      che ti guardano scendi in piazza e protesta,

      prendendoti la responsabilità di quello che fai.

      Magari scopri che viviamo in un Paese

      democratico.

      Democratico di nome, ma il comportamento può
      variare


      Tutte storie nei regimi totalitari non si creano

      certo il problema di freenet o tor, ti tirano
      giù

      la porta e finisci in galera per molto meno.

      E chi ti dice che grazie alle leggi speciali tu
      non venga battezzato per le tue
      idee?

      Come sempre la pedofilia è L'UNICO APPIGLIO DI
      VOI... CENSORI
      (newbie)

      la parola pedofilia non è mai stata pronunciata
      sui giornali prima di internet.... Questo la dice
      lunga. I pedofili ci sono sempre stati e
      continuano a fare indisturbati nella realtà quel
      che han sempre fatto, mentre nuovi eroi e nuovi
      inquisitori grazie a internet vivono il loro
      piccolo momento di gloria.

      Basta un minimo di infarinatura di psicologia che
      la tentazione morbosa di parlare/occuparsi di
      sesso non è solo questione di audience, ma
      condiziona tutto. C'è chi non potendo occuparsi
      di contenuti legali ne approfitta occuparsi di
      contenuti illegali... E su questa continua e non
      so quanto utile occupazione marciate anche voi, i
      paladini della
      giustizia.

      HEIL COMPAGNO!"compagni" "camerati" o "soci in affari" a nessuno di loro non frega niente della sicurezza. Tutti vogliono una cosa sola, più controllo e più potere. Per ottenerlo, usano la paura. Per chi governa in una democrazia la paura è solo un modo di ottenere consenso. Invece per quelli che scrivono in nome della sicurezza, quando non sono attivisti politici coatti sono comunque povera gente a cui è stata inculcata della propaganda
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene !!!!
        - Scritto da:

        - Scritto da:







        E giù di retoricona. Se senti tutti questi
        occhi


        che ti guardano scendi in piazza e protesta,


        prendendoti la responsabilità di quello che
        fai.


        Magari scopri che viviamo in un Paese


        democratico.



        Democratico di nome, ma il comportamento può

        variare




        Tutte storie nei regimi totalitari non si
        creano


        certo il problema di freenet o tor, ti tirano

        giù


        la porta e finisci in galera per molto meno.



        E chi ti dice che grazie alle leggi speciali tu

        non venga battezzato per le tue

        idee?



        Come sempre la pedofilia è L'UNICO APPIGLIO DI

        VOI... CENSORI

        (newbie)



        la parola pedofilia non è mai stata pronunciata

        sui giornali prima di internet.... Questo la
        dice

        lunga. I pedofili ci sono sempre stati e

        continuano a fare indisturbati nella realtà quel

        che han sempre fatto, mentre nuovi eroi e nuovi

        inquisitori grazie a internet vivono il loro

        piccolo momento di gloria.



        Basta un minimo di infarinatura di psicologia
        che

        la tentazione morbosa di parlare/occuparsi di

        sesso non è solo questione di audience, ma

        condiziona tutto. C'è chi non potendo occuparsi

        di contenuti legali ne approfitta occuparsi di

        contenuti illegali... E su questa continua e non

        so quanto utile occupazione marciate anche voi,
        i

        paladini della

        giustizia.



        HEIL COMPAGNO!


        "compagni" "camerati" o "soci in affari" a
        nessuno di loro non frega niente della sicurezza.
        Tutti vogliono una cosa sola, più controllo e più
        potere. Per ottenerlo, usano la paura. Per chi
        governa in una democrazia la paura è solo un modo
        di ottenere consenso. Invece per quelli che
        scrivono in nome della sicurezza, quando non sono
        attivisti politici coatti sono comunque povera
        gente a cui è stata inculcata della
        propagandaOgni tanto spegnetela la tv...
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno fatto bene !!!!
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:










          E giù di retoricona. Se senti tutti questi

          occhi



          che ti guardano scendi in piazza e protesta,



          prendendoti la responsabilità di quello che

          fai.



          Magari scopri che viviamo in un Paese



          democratico.





          Democratico di nome, ma il comportamento può


          variare






          Tutte storie nei regimi totalitari non si

          creano



          certo il problema di freenet o tor, ti
          tirano


          giù



          la porta e finisci in galera per molto
          meno.






          E chi ti dice che grazie alle leggi speciali
          tu


          non venga battezzato per le tue


          idee?





          Come sempre la pedofilia è L'UNICO APPIGLIO DI


          VOI... CENSORI


          (newbie)





          la parola pedofilia non è mai stata
          pronunciata


          sui giornali prima di internet.... Questo la

          dice


          lunga. I pedofili ci sono sempre stati e


          continuano a fare indisturbati nella realtà
          quel


          che han sempre fatto, mentre nuovi eroi e
          nuovi


          inquisitori grazie a internet vivono il loro


          piccolo momento di gloria.





          Basta un minimo di infarinatura di psicologia

          che


          la tentazione morbosa di parlare/occuparsi di


          sesso non è solo questione di audience, ma


          condiziona tutto. C'è chi non potendo
          occuparsi


          di contenuti legali ne approfitta occuparsi di


          contenuti illegali... E su questa continua e
          non


          so quanto utile occupazione marciate anche
          voi,

          i


          paladini della


          giustizia.





          HEIL COMPAGNO!





          "compagni" "camerati" o "soci in affari" a

          nessuno di loro non frega niente della
          sicurezza.

          Tutti vogliono una cosa sola, più controllo e
          più

          potere. Per ottenerlo, usano la paura. Per chi

          governa in una democrazia la paura è solo un
          modo

          di ottenere consenso. Invece per quelli che

          scrivono in nome della sicurezza, quando non
          sono

          attivisti politici coatti sono comunque povera

          gente a cui è stata inculcata della

          propaganda


          Ogni tanto spegnetela la tv...uhm mi sa che hanno ragione loro e che sia tu quello che dovrebbe spegnere la tv e leggere qualche libro
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto bene !!!!
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:













            E giù di retoricona. Se senti tutti questi


            occhi




            che ti guardano scendi in piazza e
            protesta,




            prendendoti la responsabilità di quello
            che


            fai.




            Magari scopri che viviamo in un Paese




            democratico.







            Democratico di nome, ma il comportamento può



            variare








            Tutte storie nei regimi totalitari non si


            creano




            certo il problema di freenet o tor, ti

            tirano



            giù




            la porta e finisci in galera per molto

            meno.









            E chi ti dice che grazie alle leggi speciali

            tu



            non venga battezzato per le tue



            idee?







            Come sempre la pedofilia è L'UNICO APPIGLIO
            DI



            VOI... CENSORI



            (newbie)







            la parola pedofilia non è mai stata

            pronunciata



            sui giornali prima di internet.... Questo la


            dice



            lunga. I pedofili ci sono sempre stati e



            continuano a fare indisturbati nella realtà

            quel



            che han sempre fatto, mentre nuovi eroi e

            nuovi



            inquisitori grazie a internet vivono il loro



            piccolo momento di gloria.







            Basta un minimo di infarinatura di
            psicologia


            che



            la tentazione morbosa di parlare/occuparsi
            di



            sesso non è solo questione di audience, ma



            condiziona tutto. C'è chi non potendo

            occuparsi



            di contenuti legali ne approfitta occuparsi
            di



            contenuti illegali... E su questa continua e

            non



            so quanto utile occupazione marciate anche

            voi,


            i



            paladini della



            giustizia.







            HEIL COMPAGNO!








            "compagni" "camerati" o "soci in affari" a


            nessuno di loro non frega niente della

            sicurezza.


            Tutti vogliono una cosa sola, più controllo e

            più


            potere. Per ottenerlo, usano la paura. Per chi


            governa in una democrazia la paura è solo un

            modo


            di ottenere consenso. Invece per quelli che


            scrivono in nome della sicurezza, quando non

            sono


            attivisti politici coatti sono comunque povera


            gente a cui è stata inculcata della


            propaganda





            Ogni tanto spegnetela la tv...

            uhm mi sa che hanno ragione loro e che sia tu
            quello che dovrebbe spegnere la tv e leggere
            qualche
            libroC'è un bel libro che fa capire come il capitalismo abbia già realizzato il "comunismo" e ora stia realizzando il "nazismo"Il secolo sterminato
          • Anonimo scrive:
            C'è un bel libro che fa capire come il
            capitalismo abbia già realizzato il "comunismo" e
            ora stia realizzando il
            "nazismo"

            Il secolo sterminato grazie!
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto bene !!!!
            - Scritto da:

            Ogni tanto spegnetela la tv...

            uhm mi sa che hanno ragione loro e che sia tu
            quello che dovrebbe spegnere la tv e leggere
            qualche
            libroah, gli rispondi in modo sensato ad una cosa del genere?santo subito!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno fatto bene !!!!
          - Scritto da:
          Ogni tanto spegnetela la tv...ogni tanto guarda qualcosa altro oltre ai pornazzi, dai
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene !!!!
      - Scritto da:




      E giù di retoricona. Se senti tutti questi occhi

      che ti guardano scendi in piazza e protesta,

      prendendoti la responsabilità di quello che fai.

      Magari scopri che viviamo in un Paese

      democratico.

      Democratico di nome, ma il comportamento può
      variare
      Certo certo, siamo sotto un'orribile dittatura...

      Tutte storie nei regimi totalitari non si creano

      certo il problema di freenet o tor, ti tirano
      giù

      la porta e finisci in galera per molto meno.

      E chi ti dice che grazie alle leggi speciali tu
      non venga battezzato per le tue
      idee??!!!! Pssss ti svelo un segreto l'Italia è un Paese democratico...
      Come sempre la pedofilia è L'UNICO APPIGLIO DI
      VOI... CENSORI
      (newbie)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) Ma leggetevi gli articoli prima di commentarli, di cosa si parla ?

      la parola pedofilia non è mai stata pronunciata
      sui giornali prima di internet.... Questo la dice
      lunga. Suppongo tu sia nato dopo il 1990, la cronaca nera non è nata con internet purtroppo....I pedofili ci sono sempre stati e
      continuano a fare indisturbati nella realtà quel
      che han sempre fatto, mentre nuovi eroi e nuovi
      inquisitori grazie a internet vivono il loro
      piccolo momento di gloria.
      Il momento di gloria lo vivono i pedofili che grazie al web si possono trasmettere migliaia di immagini di bambini abusati....
      Basta un minimo di infarinatura di psicologia che
      la tentazione morbosa di parlare/occuparsi di
      sesso non è solo questione di audience, ma
      condiziona tutto. C'è chi non potendo occuparsi
      di contenuti legali ne approfitta occuparsi di
      contenuti illegali... E su questa continua e non
      so quanto utile occupazione marciate anche voi, i
      paladini della
      giustizia.La psicologia da salotto lasciala ai salotti tv che è meglio,non mi sembri molto portato....

      HEIL COMPAGNO!Ah,ah,ah, molto spiritoso...(si fa per dire) se non altro è bipartisan. :D :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno fatto bene !!!!

    Allora vattene pure tu, che sei reazionario al
    pari dei partecipanti ai siti di
    estrema-vattelapesca.E' arrivato il difensore della libertà di parola (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno fatto bene !!!!
    Q8 TUTTO
  • Anonimo scrive:
    Ma che gente siete?
    Noto con profondo disgusto che il forum di punto informatico e' frequentato piu' da capre che da persone...Il solo pensiero che esista gente capace di frasi tipo `hanno fatto bene, tor deve sparire` mi getta nello sconforto e il pessimismo nei confronti dell'italica salvezza, cresce...Salutinon autenticato
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che gente siete?
      Gente che non accetta che si faccia retorica buonista quando siamo di fronte a un reato grave.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che gente siete?
        - Scritto da:
        Gente che non accetta che si faccia retorica
        buonista quando siamo di fronte a un reato
        grave.facendo retorica d'altro tipo
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che gente siete?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Gente che non accetta che si faccia retorica

          buonista quando siamo di fronte a un reato

          grave.

          facendo retorica d'altro tipoDe che ? qui c'è un reato...
          • anonimo anonimo scrive:
            Re: Ma che gente siete?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Gente che non accetta che si faccia retorica


            buonista quando siamo di fronte a un reato


            grave.



            facendo retorica d'altro tipo

            De che ? qui c'è un reato...qui dove?a casa tua?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che gente siete?
        - Scritto da:
        Gente che non accetta che si faccia retorica
        buonista quando siamo di fronte a un reato
        grave.ti aiuto..va:tanto va la gatta al lardo, che ci lascia lo zampinoper un punto martin perse la cappaqui.. gatta ci covarosso di sera bel tempo si spera.. at salutt'
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno fatto bene !!!!
    Forse il paragone tra le due "Germanie" non è poi così campato in aria, visto che uno dei motti preferiti di Hitler era: "Se fai ciò che devi, non hai niente da nascondere".Ora, senza voler andare a parlare di neurolinguistica e degli effetti che hanno certe parole (devi, niente, ecc), dato che se sapeste certe cose forse non nascerebbero nemmeno certe discussioni (ma è facile esser convinti e fare i moralisti quando le informazioni di cui si dispone sono quelle che sono: *Libertà è un concetto molto profondo* - *Chi ci governa è tutto fuorché gente onesta [le denunce lo dimostrano -fossero anche vere per metà-, ed io da certa gente non accetto controlli e morale]* - *La stessa morale è un concetto mooolto profondo [a tal proposito consiglio libri di Nietzsche, oltre che a quelli cristiani, così da avere modo di riflettere liberamente, e scegliere liberamente]).Certe discussioni non tengono conto oltretutto di mooooltissimi fattori:Steganos (ditta tedesca), offre a pagamento gli stessi prodotti (Steganos internet anonym). PERCHè NON SUBISCE LO STESSO TRATTAMENTO? Questo dovrebbe perlomeno far riflettere i perbenisti ad ogni costo.Io sono sempre più convinto che è la consapevolezza che può darci la crescita che tutti vorremmo ... ma qualcuno, ovviamente, la pensa in maniera diversa.Meglio mantenere tutti ad un alto tasso e livello di stupidità, è più facile il controllo da parte di coloro che spendono milioni di euro a notte, e vengono visti come detentori del diritto di imporre la (propria) democrazia.Ed è meglio che mi fermo quì, tanto quelli in grado di capire hanno capito, ... gli altri cliccheranno su quota è metteranno sul prossimo messaggio:
    Ed è meglio che mi fermo quìBRAVO!!!Bhe, vi rispondo sin da ora:GRAZIE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene !!!!
      - Scritto da:
      Forse il paragone tra le due "Germanie" non è poi
      così campato in aria, visto che uno dei motti
      preferiti di Hitler era: "Se fai ciò che devi,
      non hai niente da
      nascondere".

      Ora, senza voler andare a parlare di
      neurolinguistica e degli effetti che hanno certe
      parole (devi, niente, ecc), dato che se sapeste
      certe cose forse non nascerebbero nemmeno certe
      discussioni (ma è facile esser convinti e fare i
      moralisti quando le informazioni di cui si
      dispone sono quelle che sono: *Libertà è un
      concetto molto profondo* - *Chi ci governa è
      tutto fuorché gente onesta [le denunce lo
      dimostrano -fossero anche vere per metà-, ed io
      da certa gente non accetto controlli e morale]* -
      *La stessa morale è un concetto mooolto profondo
      [a tal proposito consiglio libri di Nietzsche,
      oltre che a quelli cristiani, così da avere modo
      di riflettere liberamente, e scegliere
      liberamente]).
      Certe discussioni non tengono conto oltretutto di
      mooooltissimi
      fattori:
      Steganos (ditta tedesca), offre a pagamento gli
      stessi prodotti (Steganos internet anonym).

      PERCHè NON SUBISCE LO STESSO TRATTAMENTO? Questo
      dovrebbe perlomeno far riflettere i perbenisti ad
      ogni
      costo.
      Io sono sempre più convinto che è la
      consapevolezza che può darci la crescita che
      tutti vorremmo ... ma qualcuno, ovviamente, la
      pensa in maniera
      diversa.
      Meglio mantenere tutti ad un alto tasso e livello
      di stupidità, è più facile il controllo da parte
      di coloro che spendono milioni di euro a notte, e
      vengono visti come detentori del diritto di
      imporre la (propria)
      democrazia.

      Ed è meglio che mi fermo quì, tanto quelli in
      grado di capire hanno capito, ... gli altri
      cliccheranno su quota è metteranno sul prossimo
      messaggio:


      Ed è meglio che mi fermo quì

      BRAVO!!!


      Bhe, vi rispondo sin da ora:
      GRAZIE!!!Tutti così prolissi ? :) Punto uno: il liceo l'abbiam fatto pure noi, per fortuna "qualcosina" di più, per cui evitaci la lezioncina, tanto più che la ricostruzione storica è veramente esilarante se basata su un aforisma.Punto due: Steganos non è incriminata perchè non fa nulla di illegale,la crittografia non è illegale, qui invece abbiamo materiale pedoporno che esce da nodi tor da qui le perquisizioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene !!!!


        Tutti così prolissi ? :) Punto uno: il liceo
        l'abbiam fatto pure noi, per fortuna "qualcosina"
        di più, per cui evitaci la lezioncina, tanto più
        che la ricostruzione storica è veramente
        esilarante se basata su un aforisma.Punto due:
        Steganos non è incriminata perchè non fa nulla di
        illegale,la crittografia non è illegale, qui
        invece abbiamo materiale pedoporno che esce da
        nodi tor da qui le perquisizioni.

        Nessuno a parlato di crittografia, ma di internet anonym, che è l'equivalente di tor (nè più, nè meno), e poi non è certo al liceo che insegnano a pensare, al massimo t'insegnano ad aver paura dei voti, e ad imparare a memoria quello che vogliono insegnarti.E t'ho detto tanto anche senza "prolissità"!
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene !!!!


        Tutti così prolissi ? :)almeno qualcuno che usa adeguatamente la propria lingua (italiana) c'è.certo, evviva chi sa sintetizzare.preferisco chi si spiega che chi fa sparate non argomentate.
        Punto uno: il liceo
        l'abbiam fatto pure noi, per fortuna "qualcosina"
        di più, per cui evitaci la lezioncina, tanto più
        che la ricostruzione storica è veramente
        esilarante se basata su un aforisma.se la tua autorevolezza è basata sull'azzittire gli altri dicendo di avere studiato (che poi chi ha detto che l'altro tipo aveva fatto il liceo... boh) sicuramente ci hai convinto.bravo, voto per te.
        Punto due:
        Steganos non è incriminata perchè non fa nulla di
        illegale,la crittografia non è illegale, qui
        invece abbiamo materiale pedoporno che esce da
        nodi tor da qui le perquisizioni.infatti chi ha parlato di steganos secondo me sbaglia... nessuno ha "chiuso tor" ma ha attaccato chi tiene in piedi tor, ovvero la rete stessa... attraverso una intimidazione; si vede che steganos non usa questo sistema e non c'è bisogno di attaccarla... o non è efficace o ha una backdoor su richiesta ad ogni modo non hanno fatto chiudere o attaccato chi distribuisce tor, ma gli utenti.un po' (ok, esempio all'antica, dato che non esiste più) come non far chiudere winmx.com, ma venire a casa di chi lo usa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil

    Forse quella bassa percentuale di traffico legale
    su Tor ha la stessa funzione della pallottola a
    salve messa a caso in uno dei fucili usati dal
    plotone d'esecuzione: tutti i tiratori possono
    lecitamente pensare "non sono stato
    io"Lo puo' pensare solo chi non ha mai sparato. Non avendo rinculo...
    • Nabla scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      - Scritto da:


      Forse quella bassa percentuale di traffico
      legale

      su Tor ha la stessa funzione della pallottola a

      salve messa a caso in uno dei fucili usati dal

      plotone d'esecuzione: tutti i tiratori possono

      lecitamente pensare "non sono stato

      io"

      Lo puo' pensare solo chi non ha mai sparato. Non
      avendo
      rinculo...Cavoli non si finisce mai di imparare.Vedi, io non avevo mai sparato e non avevo mai pensato che si sentisse la differenza tra proiettile normale e a salve.Mi viene quasi il dubbio che sia una leggenda metropolitana.Nabla
  • reXistenZ scrive:
    Sulla citazione del tizio con i baffetti
    D'altra parte proprio in Germania un tizio con i baffetti ...La trovo una citazione di cattivo gusto, fuori luogo e irrilevante. SOlo io ho avuto questa impressione?L'articolo era ben scritto, riferiva i fatti, informando della situazione contingente e in base a questi formulava delle ipotesi, ragionevoli.Con quest uscita retorica l'autore si è allontanato dal ruolo del cronista e commentatore onesto preferendo lanciarsi in apologhi retorici dettati più dal furore dell'ideologia che dall'amore della verità storica. Una scelta legittima, ma ahimé molto, molto infelice.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sulla citazione del tizio con i baff
      - Scritto da: reXistenZ
      D'altra parte proprio in Germania un tizio con i
      baffetti
      ...


      La trovo una citazione di cattivo gusto, fuori
      luogo e irrilevante. SOlo io ho avuto questa
      impressione?

      L'articolo era ben scritto, riferiva i fatti,
      informando della situazione contingente e in base
      a questi formulava delle ipotesi,
      ragionevoli.

      Con quest uscita retorica l'autore si è
      allontanato dal ruolo del cronista e commentatore
      onesto preferendo lanciarsi in apologhi retorici
      dettati più dal furore dell'ideologia che
      dall'amore della verità
      storica.

      Una scelta legittima, ma ahimé molto, molto
      infelice.Se poi si considera che, dato che il nodo TOR aveva richiesto materiale illegale (ovviamente per conto di un client), l'atto di indagine *è dovuto*...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sulla citazione del tizio con i baff
        - Scritto da:
        Se poi si considera che, dato che il nodo TOR
        aveva richiesto materiale illegale (ovviamente
        per conto di un client), l'atto di indagine *è
        dovuto*...Secondo te la citazione è stata fatta perché la polizia non doveva fare un indagine dovuta, oppure perché negli ultimi tempi ci sono chiari attacchi nei confronti di tecnologie simili nascosti dietro l'evergreen "se non hai nulla da nascondere"?Nessuno ce l'ha con l'azione della polizia che fa solo il suo dovere applicando le legge (o l'interpretazione delle leggi da parte di magistrati).Ogni tanto ho il sentore che qui dentro bazzichi qualcuno a cui piacerebbe che alla polizia fossero dati ampi poteri discrezionali che esulano dalla semplice applicazione della legge ;) D'altra parte siamo tutti esseri umani, e se fossi un poliziotto avrei un sacco di idee per svolgere in maniera più pratica ed efficace il mio lavoro ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Sulla citazione del tizio con i baff
          - Scritto da:
          Secondo te la citazione è stata fatta perché la
          polizia non doveva fare un indagine dovuta,
          oppure perché negli ultimi tempi ci sono chiari
          attacchi nei confronti di tecnologie simili
          nascosti dietro l'evergreen "se non hai nulla da
          nascondere"?Se l'atto è dovuto è dovuto e finisce lì. Per ora.Per lamentarsi bisognerà aspettare l'esito (assoluzione piena? Legge antiTor?)Eh no, non sarà più tardi allora di quanto lo è oggi.Onestamente tirare in ballo, per un atto dovuto, persone che hanno cercato di sterminare una popolazione non è un paragone felice.No no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sulla citazione del tizio con i baff
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Secondo te la citazione è stata fatta perché la

            polizia non doveva fare un indagine dovuta,

            oppure perché negli ultimi tempi ci sono chiari

            attacchi nei confronti di tecnologie simili

            nascosti dietro l'evergreen "se non hai nulla da

            nascondere"?

            Se l'atto è dovuto è dovuto e finisce lì.
            Per ora.
            Per lamentarsi bisognerà aspettare l'esito
            (assoluzione piena? Legge
            antiTor?)E chi lo dice che per lamentarsi bisogna aspettare? Quando le leggi sono fatte non è semplice toglierle, specie se il popolo è bue. Meglio iniziare a lamentarsi ora che cercare di fare capire perché la legge antitor non doveva essere fatta.
            Eh no, non sarà più tardi allora di quanto lo è
            oggi.Le opinioni sono come i buchi del deretano: tutti ne hanno uno, quindi?
            Onestamente tirare in ballo, per un atto dovuto,
            persone che hanno cercato di sterminare una
            popolazione non è un paragone
            felice.
            No no.non si sta tirando in ballo le persone che hanno fatto un atto dovuto e non le si sta paragonando a quelle che hanno cercato di sterminare una pololazioneno no
          • Anonimo scrive:
            Re: Sulla citazione del tizio con i baff

            E chi lo dice che per lamentarsi bisogna
            aspettare? Ti racconterò una storiella.Stai andando a 140km/h e sei omosessuale.Vivi in un paese dove il limite di velocità è 130km/h, è lecito essere omosessuali, ma a qulacuno in alto sono antipatici gli omosessuali.La polizia ti ferma.Hai due possibili risposte:-"Mi scusi signor poliziotto se andavo a 140" -"Hey, maledetti sbirri, non è colpa mia se sono omosessuale, i vostri mandanti sono tnato bastardi che Hitler in persona correrebbe a nascondersi!"Beh, io sceglierei la prima risposta, Calamari sceglierebbe la seconda (rotfl).Nella remota ipotesi che mi avvessero arrestato per il secondo motivo, non avrei comunque potuto farci nulla.
          • anonimo anonimo scrive:
            Re: Sulla citazione del tizio con i baff
            - Scritto da:

            E chi lo dice che per lamentarsi bisogna

            aspettare?

            Ti racconterò una storiella.

            Stai andando a 140km/h e sei omosessuale.
            Vivi in un paese dove il limite di velocità è
            130km/h, è lecito essere omosessuali, ma a
            qulacuno in alto sono antipatici gli
            omosessuali.

            La polizia ti ferma.
            Hai due possibili risposte:
            -"Mi scusi signor poliziotto se andavo a 140"
            -"Hey, maledetti sbirri, non è colpa mia se sono
            omosessuale, i vostri mandanti sono tnato
            XXXXXXXX che Hitler in persona correrebbe a
            nascondersi!"

            Beh, io sceglierei la prima risposta, Calamari
            sceglierebbe la seconda
            (rotfl).

            Nella remota ipotesi che mi avvessero arrestato
            per il secondo motivo, non avrei comunque potuto
            farci
            nulla.ma sei così dalla nascita ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sulla citazione del tizio con i baff
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Secondo te la citazione è stata fatta perché la

            polizia non doveva fare un indagine dovuta,

            oppure perché negli ultimi tempi ci sono chiari

            attacchi nei confronti di tecnologie simili

            nascosti dietro l'evergreen "se non hai nulla da

            nascondere"?

            Se l'atto è dovuto è dovuto e finisce lì.
            Per ora.
            Per lamentarsi bisognerà aspettare l'esito
            (assoluzione piena? Legge
            antiTor?)

            Eh no, non sarà più tardi allora di quanto lo è
            oggi.

            Onestamente tirare in ballo, per un atto dovuto,
            persone che hanno cercato di sterminare una
            popolazione non è un paragone
            felice.
            No no.non troppo infelice visto che hanno potuto farlo grazie allo stato di polizia che avevano creato senza che quasi nessuno se ne accorgesse
          • Anonimo scrive:
            Re: Sulla citazione del tizio con i baff
            - Scritto da:
            non troppo infelice visto che hanno potuto farlo
            grazie allo stato di polizia che avevano creato
            senza che quasi nessuno se ne
            accorgesseVisto che sei un attento osservatore storico e politico, dovresti notare che le condizioni attuali della Germania (e dell'intero pianeta) sono talmente differenti che le cose che dite non stanno nè in cielo nè in terra.*Per un atto dovuto*, poi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sulla citazione del tizio con i baff
      - Scritto da: reXistenZ
      D'altra parte proprio in Germania un tizio con i
      baffetti
      ...


      La trovo una citazione di cattivo gusto, fuori
      luogo e irrilevante. SOlo io ho avuto questa
      impressione?

      L'articolo era ben scritto, riferiva i fatti,
      informando della situazione contingente e in base
      a questi formulava delle ipotesi,
      ragionevoli.

      Con quest uscita retorica l'autore si è
      allontanato dal ruolo del cronista e commentatore
      onesto preferendo lanciarsi in apologhi retorici
      dettati più dal furore dell'ideologia che
      dall'amore della verità
      storica.

      Una scelta legittima, ma ahimé molto, molto
      infelice.Non sono per niente daccordo. In compenso rilevo il solito meccanismo fazioso per denigrare le opinioni di altri: bollare come retorico e ideologico un argomento.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sulla citazione del tizio con i baff
        - Scritto da:
        Non sono per niente daccordo. In compenso rilevo
        il solito meccanismo fazioso per denigrare le
        opinioni di altri: bollare e sottolineo il tuo "bollare".con la stessa velocità e senza pensarci un attimo, si appiccica un'etichetta e non si motivaSBAM, etichettaSBAM altra etichetta.irrilevante perchè?retorico e basta? (a parte che la retorica a servizio della chiarezza non è un male, anzi, è un valore positivo) ... motiviamolo, altrimenti a me pare che non sia vero, anzi, l'opposto.e poi il "cattivo gusto"... questa è una mossa astuta... è una cosa totalmente istintiva quanto senza un vero significato: è come storcere la muscolatura del volto per comporre il viso tipico della sensazione di DISGUSTO: basta vederla e subito si ha una sensazione negativa.ma ha un valore?è motivata?è una motivazione condivisibile?io non ci ho visto nessunissimo cattivo gusto.
        come retorico e
        ideologico un
        argomento.fosse anche ideologico, comunque non c'è nulla che non funzioni nell'articolo.ci vedo un monito: il classico delle Cassandre, purtroppo, come Marco ben sa :(
      • reXistenZ scrive:
        Re: Sulla citazione del tizio con i baff

        Non sono per niente daccordo. In compenso rilevo
        il solito meccanismo fazioso per denigrare le
        opinioni di altri: bollare come retorico e
        ideologico un
        argomento.Rileggi ciò che ho scritto, noterai che anche il tuo intervento è fuori luogo: ho ritenuto (non "bollato", come dici tu) retorico e ideologico un commento, non un argomento.Che poi la citazione sia retorica, mi sembra che si possa tranquillamente convenire insiemehttp://www.demauroparavia.it/93001Per la qualificazione di ideologico, ho semplicemente espresso una mia opinione, così come ha fatto Calamari.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sulla citazione [...]
      - Scritto da: reXistenZ
      D'altra parte proprio in Germania un tizio con i
      baffetti
      ...


      La trovo una citazione di cattivo gusto
      , fuori
      luogo e irrilevante. SOlo io ho avuto questa
      impressione?direi di no, l'hanno avuta molti.Del resto so che quelle tre paroline magiche paiono dare un certo "tono" al tuo giudizio... ma è alquanto soggettivo e questo si che è irrilevante :)usare "irrilevante" è mooolto molto geek e quindi fa fico :)Del resto se entrassimo nel merito vedremmo che non significa nulla e che quindi non vale una ceppa. Il cattivo gusto è alquanto soggettivo, del resto bisogna vedre quanto c'azzecca: e c'azzecca eccome: il paragone calza a pennello perchè - come altri hanno detto in giro per i vari thread - mentre c'era il nazismo non sapevano di essere nel nazismo. Il paragone sulla dinamica e il monito sui pericoli verso i quali rischiamo di andare ad infilarci è tutt'altro che fuori luogo.Il cattivo gusto poi non c'entra proprio niente: sono i baffetti che non ti piacciono? O il tizio? Preferivi citato direttamente il nazismo o Adolf Hitler? Sarebbe stato comunque calzante, come paragone. Rilevante e niente affatto fuori luogo è vedere il parallellismo tra le due dinamiche. [...] cut pezzo col quale sei d'accordo
      Con quest uscita retorica l'autore si è
      allontanato dal ruolo del cronista e commentatore
      onesto questo è un tuo giudizio. Ed è rilevante tanto quanto il metro di paragone utilizzato da Calamari. Secondo me conoscere il passato e, una volta tanto, fare tesoro dell'esperienza e della cultura, sarebbe quanto mai opportuno.
      preferendo lanciarsi in apologhi retoriciil retore e l'oratore fanno buon uso della parola; sai da te che Calamari non è un impostore. E' solo che non condividi l'ultima parte... e allora dovresti onestamente ammettere che non è un ciarlatano.
      dettati più dal furore dell'ideologia che
      dall'amore della verità
      storica.la verità storica è documentata e citata.il paragone è suo.che sia rilevante è a mio giudizio vero, a tuo giudizio non vero.Direi che per te il tuo giudizio vale di più ;-)
      Una scelta legittima, ma ahimé molto, molto
      infelice.Questo secondo te. E secondo me no.Per avvalorare le tue tesi sul metodo e il metro di Marco, credo serva qualcosa di più che una impressione o un po' di stizza.
      • reXistenZ scrive:
        Re: Sulla citazione [...]

        il retore e l'oratore fanno buon uso della
        parola; sai da te che Calamari non è un
        impostore. E' solo che non condividi l'ultima
        parte... e allora dovresti onestamente ammettere
        che non è un
        ciarlatano.Ho mai detto questo? Rileggi ciò che ho scritto, e forse ammetterai che la tua osservazione è gratuita, oltre che ingiusta.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sulla citazione [...]
          - Scritto da: reXistenZ

          il retore e l'oratore fanno buon uso della

          parola; sai da te che Calamari non è un

          impostore. E' solo che non condividi l'ultima

          parte... e allora dovresti onestamente ammettere

          che non è un

          ciarlatano.

          Ho mai detto questo? Rileggi ciò che ho scritto,
          e forse ammetterai che la tua osservazione è
          gratuita, oltre che
          ingiusta.
          aaah :)ti ringrazio.rileggi già che ha scritto Calamari e troverai tutto il tu commento gratuito, oltre che ingiusto ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sulla citazione del tizio con i baff
      - Scritto da: reXistenZ
      La trovo una citazione di cattivo gusto, fuori
      luogo e irrilevante. SOlo io ho avuto questa
      impressione?Be' si', senza esagerare, comunque, anche a me ha dato fastidio.
    • anonimo anonimo scrive:
      Re: Sulla citazione del tizio con i baffetti
      - Scritto da: reXistenZ
      D'altra parte proprio in Germania un tizio con i
      baffetti
      ...


      La trovo una citazione di cattivo gusto, fuori
      luogo e irrilevante. SOlo io ho avuto questa
      impressione?
      sì, SOLO tu.il tizio coi baffetti è pertinente con la discussioneinfatti avrai letto di vari utenti che ripetono la famosa frase nazista (copyright di Goebbels) "Se non hai nulla da nascondere non hai niente da temere" la frase di Goebbels venne poi usata durante ogni rastrellamento delle SS.riguardo al motivo del sequestro dell'exit node dubito si tratti di lotta alla CP , è semmai quasi certamente una azione di contrasto e controllo a movimenti noglobal/pacifisti/anarchici ecc cioè semplice repressione contro utenti onesti.quella del "indaghiamo un caso di CP" è stata solo una scusa per ottenere la collaborazione dei gestori dei nodi e per narcotizzare il pubblico (che come vedo molti di quella parte di pubblico narcotizzato con sucXXXXX è corso sui blog a dire "fanno bene a 'chiedere' TOR" )
  • Anonimo scrive:
    Il senso del sequestro?
    Non potevano farsi loro dei nodi tor e poi sequestrarsi i loro di PC?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il senso del sequestro?
      - Scritto da:
      Non potevano farsi loro dei nodi tor e poi
      sequestrarsi i loro di
      PC?Non si può risalire al client.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
    - Scritto da: Nabla

    Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i gestori
    di nodi Tor a mettere a disposizione il proprio
    pc e la propria banda per attività quasi sempre
    illecite.
    Lo dici tu.Vedi vietare un qualcosa di legale perchè può essere usato in modo illegale non è un modo di procedere corretto.Buttiamo tutte le macchine fotografiche perchè possono essere usate per far foto ai bambini.Gettiamo le penne, perchè possono disegnarli.Smussiamo tutti i coltelli, perchè possono ucciderli.Tagliamoci il pene, perchè può stuprarli.Sopprimiamo tor, perchè può condurre qualcuno verso di loro.Chiaro ?
    • Nabla scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      - Scritto da:

      - Scritto da: Nabla



      Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i gestori

      di nodi Tor a mettere a disposizione il proprio

      pc e la propria banda per attività quasi sempre

      illecite.


      Lo dici tu.

      Vedi vietare un qualcosa di legale perchè può
      essere usato in modo illegale non è un modo di
      procedere
      corretto.

      Buttiamo tutte le macchine fotografiche perchè
      possono essere usate per far foto ai
      bambini.
      Gettiamo le penne, perchè possono disegnarli.
      Smussiamo tutti i coltelli, perchè possono
      ucciderli.
      Tagliamoci il pene, perchè può stuprarli.
      Sopprimiamo tor, perchè può condurre qualcuno
      verso di
      loro.

      Chiaro ?No non è chiaro.Una macchina fotografica o una penna vengono usate nella stragrande maggioranza dei casi in modo perfettamente legale.Questo non si può dire della rete Tor (e Freenet)Io non sto criticando la singola persona che utilizza Tor per fini legalissimi o il sistema di anonimizzazione.Mi domando solamente come affronti moralmente la questione un gestore di nodo Tor sapendo che attraverso il suo pc passa ogni sorta di attività illecita (mista ad attività lecita ben inteso).Qui non stiamo parlando si un misero 1% che commette illciti...Nabla
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
        - Scritto da: Nabla


        - Scritto da:



        - Scritto da: Nabla





        Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i
        gestori


        di nodi Tor a mettere a disposizione il
        proprio


        pc e la propria banda per attività quasi
        sempre


        illecite.




        Lo dici tu.



        Vedi vietare un qualcosa di legale perchè può

        essere usato in modo illegale non è un modo di

        procedere

        corretto.



        Buttiamo tutte le macchine fotografiche perchè

        possono essere usate per far foto ai

        bambini.

        Gettiamo le penne, perchè possono disegnarli.

        Smussiamo tutti i coltelli, perchè possono

        ucciderli.

        Tagliamoci il pene, perchè può stuprarli.

        Sopprimiamo tor, perchè può condurre qualcuno

        verso di

        loro.



        Chiaro ?


        No non è chiaro.

        Una macchina fotografica o una penna vengono
        usate nella stragrande maggioranza dei casi in
        modo perfettamente
        legale.

        Questo non si può dire della rete Tor (e Freenet)

        Io non sto criticando la singola persona che
        utilizza Tor per fini legalissimi o il sistema di
        anonimizzazione.
        Mi domando solamente come affronti moralmente la
        questione un gestore di nodo Tor sapendo che
        attraverso il suo pc passa ogni sorta di attività
        illecita (mista ad attività lecita ben
        inteso).

        Qui non stiamo parlando si un misero 1% che
        commette
        illciti...

        Nabla
        E' il modus operandi ad essere sbagliato, intrinsecamente scorretto, fallace, compromissivo a scapito dei "buoni", inutile nei confronti di tutti gli altri.Rimane d'altro canto curioso come tu possa esprimere con tanta precisione giudizi percentuali su un qualcosa che per sua natura (che converrai necessariamente essere anonima, altrimenti non staremmo a discutere) sfugge a tali statistiche, chiamiamole pure senza scarto d'errore congetture.
  • Anonimo scrive:
    PARAGONE...
    Il paragone che mi viene in mente.....Un ladro parte da Roma per andare a compiere un furto a Firenze. Ci sono sospetti che sia passato per l'A1, allora la polizia chiude l'autostrada.
    • Anonimo scrive:
      Re: PARAGONE...
      - Scritto da:

      Il paragone che mi viene in mente.....
      Un ladro parte da Roma per andare a compiere un
      furto a Firenze. Ci sono sospetti che sia passato
      per l'A1, allora la polizia chiude
      l'autostrada.si chiamano posti di bloccoe stai tranquillo che se c'è una soffiata su un certo modello di macchina e colore... e tu ce l'hai uguale, ti fermano, garantito.
    • Anonimo scrive:
      Re: PARAGONE...
      - Scritto da:

      Il paragone che mi viene in mente.....
      Un ladro parte da Roma per andare a compiere un
      furto a Firenze. Ci sono sospetti che sia passato
      per l'A1, allora la polizia chiude
      l'autostrada.Non ho capito nulla. Paragone di che? Uno è costretto a usare l'autostrada? Uno è costretto ad andare in macchina?
      • Anonimo scrive:
        Re: PARAGONE...
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        Il paragone che mi viene in mente.....

        Un ladro parte da Roma per andare a compiere un

        furto a Firenze. Ci sono sospetti che sia
        passato

        per l'A1, allora la polizia chiude

        l'autostrada.

        Non ho capito nulla. Paragone di che? Uno è
        costretto a usare l'autostrada? Uno è costretto
        ad andare in
        macchina?Non abbiamo capito nulla. Che intendi con queste domande?
  • Anonimo scrive:
    Ocorrerebbe comunque un controllore...
    E' triste dover nascondere informazioni al proprio governo, occorrerebbe potersi fidare e demandare ad esso il controllo di tutto il traffico "privato" sulla rete in modo che si possa avere la propria privacy ma allo stesso tempo non si possa utilizzare i canali di comunicazione per scopi illeciti.Utopia?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ocorrerebbe comunque un controllore.
      Sì, direi proprio di sì
    • Anonimo scrive:
      Re: Ocorrerebbe comunque un controllore.
      - Scritto da:
      E' triste dover nascondere informazioni al
      proprio governo, occorrerebbe potersi fidare e
      demandare ad esso il controllo di tutto il
      traffico "privato" sulla rete in modo che si
      possa avere la propria privacy ma allo stesso
      tempo non si possa utilizzare i canali di
      comunicazione per scopi
      illeciti.

      Utopia?Anche se fosse Dio il controllore, uno deve avere il diritto di non essere controllato per quando cadrà il governo di Dio. Per lo stesso motivo quindi per cui si vuole controllo: la prevenzione.Perché un governo deve mettere a rischio la futura incolumità dei suoi cittadini?E basta con questa storia di vedere la rete come lo strumento più pericoloso per fare illeciti. La rete è principalmente uno strumento di informazione. Per fare un illecito uno deve uscire dalla rete. Per gli illeciti puramente virtuali, come truffe online, pishing ecc, l'anonimato e la crittografia non sono il problema ma la soluzione!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ocorrerebbe comunque un controllore.
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        E' triste dover nascondere informazioni al

        proprio governo, occorrerebbe potersi fidare e

        demandare ad esso il controllo di tutto il

        traffico "privato" sulla rete in modo che si

        possa avere la propria privacy ma allo stesso

        tempo non si possa utilizzare i canali di

        comunicazione per scopi

        illeciti.



        Utopia?


        Anche se fosse Dio il controllore, uno deve avere
        il diritto di non essere controllato per quando
        cadrà il governo di Dio. Per lo stesso motivo
        quindi per cui si vuole controllo: la
        prevenzione.
        Perché un governo deve mettere a rischio la
        futura incolumità dei suoi
        cittadini?

        E basta con questa storia di vedere la rete come
        lo strumento più pericoloso per fare illeciti.
        La rete è principalmente uno strumento di
        informazione. Per fare un illecito uno deve
        uscire dalla rete. Per gli illeciti puramente
        virtuali, come truffe online, pishing ecc,
        l'anonimato e la crittografia non sono il
        problema ma la
        soluzione!Gran bella cosa!, quella che hai detto!Il discorso di informazioni che comunque potrebbe passare in mano a governi che non sono "democratici" :$ come quello attuale è un argomento che pochi riescono a vedere.Un motivo in più per difendere la privacy
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
    - Scritto da: Nabla
    Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i gestori
    di nodi Tor a mettere a disposizione il proprio
    pc e la propria banda per attività quasi sempre
    illecite.Lasciando stare il discorso di Tor per un momento...Ti ricordo che lo scambio di fotografie pedopornografiche solo recentemente è diventato un illecito... mi pare addirittura solo dal 1997.Che poi tu lo consideri moralmente discutibile è un conto, ma c'è parecchia differenza fra scambiarsi a titolo gratuito delle immagini senza fare del male a nessuno e rapire e violentare qualcuno (ed è più o meno la stessa differenza che passa fra scaricarsi MP3 a titolo personale e vendere materiale pirata)... differenza che è più comodo non fare. È molto più semplice fare finta che siano tutti dei maniaci piuttosto che intervenire là dove si fa veramente del male, e fino a prova contraria, una foto, non ha mai ucciso nessuno... specie se consideri che la legge sulla pedopornografia attuale considera pedopornografia anche foto scattate al mare o addirittura foto che "assomigliano" ad immagini pedopornografiche... senza contare che con un 14enne tu legalmente ci puoi fare sesso... ma non puoi scattarci una foto!La realtà è che si è preso un obiettivo lodevole (difendere i bambini) e lo si è distorto al fine di imporre la morale di qualcuno su tutti gli altri, quindi io contesto anche questo tuo concetto di illegalità come sinonimo di "bene" e "male" e anzi, seppur il bene dei bambini sia anche una mia priorità, non la uso come scusa per fare le mie guerre private a ciò che non capisco e/o non condivido né tantomeno per far del male a delle persone che un bambino non lo hanno nemmeno mai toccato con un dito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      - Scritto da:
      - Scritto da: Nabla

      Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i gestori

      di nodi Tor a mettere a disposizione il proprio

      pc e la propria banda per attività quasi sempre

      illecite.

      Lasciando stare il discorso di Tor per un
      momento...

      Ti ricordo che lo scambio di fotografie
      pedopornografiche solo recentemente è diventato
      un illecito... mi pare addirittura solo dal
      1997.

      Che poi tu lo consideri moralmente discutibile è
      un conto, ma c'è parecchia differenza fra
      scambiarsi a titolo gratuito delle immagini senza
      fare del male a nessuno e rapire e violentare
      qualcuno (ed è più o meno la stessa differenza
      che passa fra scaricarsi MP3 a titolo personale e
      vendere materiale pirata)... differenza che è più
      comodo non fare.
      Ti quoto, dall'abuso vero e proprio il modus operandi del vietare si sta allargando alle foto reali, ai disegni, ai veicoli e domani chissà.
    • yuri80 scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      se le cose stanno cosi' non c'e' problema se il tuo vicino di ombrellone al mare scatta qualche foto a tuo figlio di 5 anni mentre scava una buchetta nella sabbia....giusto? ...tanto poi le mette su internet per qualcuno a cui piace..A parte l'ironia(polemica) capisco che dia fastidio l'intrusione forzata della polizia(e in questo son d'accordo con voi..)..ma in qualche modo bisogna controllare..allora si propongano metodi non invasivi.Oppure ci sentiamo in colpa perche' scambiamo file illegali (musica,film ecc..) e non vogliamo che la finanza lo sappia?? Allora mettiamoci nei panni di chi ha scritto la canzone.Noi vogliamo aggirare la siae ma freghiamo l'autore..Bisogna essere + obiettivi(e onesti) al di la delle ideologie.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
        - Scritto da: yuri80
        se le cose stanno cosi' non c'e' problema se il
        tuo vicino di ombrellone al mare scatta qualche
        foto a tuo figlio di 5 anni mentre scava una
        buchetta nella sabbia....giusto?E che danno fa? Nessuno.Quindi no, non avrei nulla in contrario.
        ...tanto poi le
        mette su internet per qualcuno a cui
        piace..Ancora... che danno fa?
        A parte l'ironia(polemica) capisco che dia
        fastidio l'intrusione forzata della polizia(e in
        questo son d'accordo con voi..)..ma in qualche
        modo bisogna controllare..allora si propongano
        metodi non
        invasivi.Cioè, siccome non ci sono metodi non invasivi allora i metodi invasivi sono ok?
        Oppure ci sentiamo in colpa perche' scambiamo
        file illegali (musica,film ecc..) e non vogliamo
        che la finanza lo sappia?? Allora mettiamoci nei
        panni di chi ha scritto la canzone.Noi vogliamo
        aggirare la siae ma freghiamo
        l'autore..Un momento "freghiamo l'autore"... quando l'autore pretende di essere pagato A VITA (ma anche oltre!) per un lavoro che lo ha impegnato metti anche un mese... bé... mi sembra che chi "frega" qualcosa sia qualcun altro... visto che in nessun lavoro tu vieni pagato in eterno per qualcosa che hai fatto... tranno con il copyright... che, ti ricordo, inizialmente era LIMITATO a 20 anni di durata... e poi BASTA.
        Bisogna essere + obiettivi(e onesti) al di la
        delle
        ideologie.Io lo sono sempre.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      Per fortuna è un reato e non un'illecito... e poi fiamola con questa storielle del "che male fa". dietro quelle foto c'è un'abuso vero ed il far circolare quelle foto fa aumentare il numero di abusi che si commettono nel mondo reale per scattare quelle foto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
        - Scritto da:
        Per fortuna è un reato e non un'illecito... e poi
        fiamola con questa storielle del "che male fa".
        dietro quelle foto c'è un'abuso vero ed il far
        circolare quelle foto fa aumentare il numero di
        abusi che si commettono nel mondo reale per
        scattare quelle
        foto.Link ?No perche' di solito si legge che le due cose non hanno granche relazione.Del resto in percentuale la pedofilia non e' aumentata clamorosamente all'aumento del numero di connessioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Per fortuna è un reato e non un'illecito... e
          poi

          fiamola con questa storielle del "che male fa".

          dietro quelle foto c'è un'abuso vero ed il far

          circolare quelle foto fa aumentare il numero di

          abusi che si commettono nel mondo reale per

          scattare quelle

          foto.

          Link ?Ma per favore :D :D :D
          No perche' di solito si legge che le due cose non
          hanno granche
          relazione.

          Del resto in percentuale la pedofilia non e'
          aumentata clamorosamente all'aumento del numero
          di
          connessioni.Si chiama legge della domanda e dell'offerta, pare sia alla base della nostra società. Sul fatto che non ci sia stato un aumento non andrei a raccontarlo nei Paesi dell'est, ci sono state vagonate di indagini e condanne,sai dove finivano le immagini ? Su internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Per fortuna è un reato e non


            un'illecito... e poi fiamola con


            questa storielle del "che male fa".


            dietro quelle foto c'è un'abuso vero


            ed il far circolare quelle foto fa


            aumentare il numero di abusi che si


            commettono nel mondo reale per


            scattare quelle foto.

            Link ?
            Ma per favore :D :D :D

            No perche' di solito si legge che le

            due cose non hanno granche relazione.

            Del resto in percentuale la pedofilia non e'

            aumentata clamorosamente all'aumento del

            numero di connessioni.
            Si chiama legge della domanda e dell'offerta,Ed esisteva anche prima.
            pare sia alla base della nostra società. Sul
            fatto che non ci sia stato un aumento non
            andrei a raccontarlo nei Paesi dell'est, ci
            sono state vagonate di indagini e condanne,
            sai dove finivano le immagini ? Su internet.C'erano anche prima, le immagini finivano nelle edicole o via posta agli interessati.I paesi in cui si puo' andare a fare turismo sessuale c'erano e ci sono ancora, quindi ripeto : cosa cambia ?Questo e' solo un modo per demonizzare internet, che in realta' e' un media come un altro e che qualcuno vorrebbe poter controllare piu' di altri.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
        - Scritto da:
        Per fortuna è un reato e non un'illecito... e poi
        fiamola con questa storielle del "che male fa".
        dietro quelle foto c'è un'abuso vero ed il far
        circolare quelle foto fa aumentare il numero di
        abusi che si commettono nel mondo reale per
        scattare quelle
        foto.LOLDai, sentiamo di che abuso si tratterebbe.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
        - Scritto da:
        dietro quelle foto c'è un'abuso veroDove, nella tua immaginazione?Dove sarebbe l'abuso in foto scattate in spiaggia?Dove sarebbe l'abuso in foto fatte con il consenso non solo del minore, ma anche del genitore?Ti faccio un esempio... Sciuscià (mi pare si scriva così), è un film che si è anche preso un oscar... ci sono scene di minori assolutamente nudi... e non uno o due... ma DECINE. Nessuno di loro ha subito abusi, tutti hanno partecipato volontariamente. E non è il solo esempio.Anche oggi ci sono autori che ritraggono o fotografano nudi di adolescenti e bambini, e nessuno di loro subisce alcun abuso.Quindi l'abuso dove sta? Nella tua testa?
        ed il far
        circolare quelle foto fa aumentare il numero di
        abusi che si commettono nel mondo reale per
        scattare quelle
        foto.Ma per piacere!Questa è la stessa scusa di "chi scarica un MP3 lo ruba", stessa identica scusante... ma anzi... peggio visto che chi viene "beccato" a scaricarsi queste foto viene trattato come un assassino se non peggio.Gli abusi, quelli veri, sono quelli di coloro che sfruttano la tua stessa paura per far del male a chi del male non lo ha mai fatto... quello sì che è un abuso... e mi auguro, me lo auguro veramente, che tali individui paghino per la loro violenza... questa sì, reale... non immaginaria o ipotetica.
  • Anonimo scrive:
    Signor Calamari meno sensazionalismo!
    Da http://tor.eff.orgThis is not a "crackdown on Tor", as has been widely reported. This seems to be part of a wide sweep on computers associated by IP address with a large child porn bust. There does not seem to be any specific targeting of Tor Tor is used by journalists, human rights activists, dissident bloggers, and a vast array of blameless users.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
    La rete di thor non e' stata concepita per aiutare i pedofili e lo stesso vale pre freenet, semplicemente anche loro sfruttano entrambe le rete, ma possibile che sia solo questo a fare notizia?E tutto il resto dove lo mettiamo?
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
    Ti rispondo citando Mike Godwin:
    Marco Ravich
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      - Scritto da:
      Ti rispondo citando Mike Godwin:
      di Internet, anche se è ancora troppo piccola per
      potersi
      collegare.
      Ecco cosa mi preoccupa. Mi preoccupa il fatto che
      fra 10 o 15 anni, lei verrà da me e mi dirà:
      "papà, dov'eri quando hanno tolto la libertà di
      parola in Internet?"




      Marco RavichEra a scrivere luoghi comuni su PI.
    • Nabla scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      - Scritto da:
      Ti rispondo citando Mike Godwin:
      di Internet, anche se è ancora troppo piccola per
      potersi
      collegare.
      Ecco cosa mi preoccupa. Mi preoccupa il fatto che
      fra 10 o 15 anni, lei verrà da me e mi dirà:
      "papà, dov'eri quando hanno tolto la libertà di
      parola in Internet?"




      Marco RavichSe non erro a costui avevano già risposto in questo modo (cito a memoria):"e dov'eri papà quando grazie a Freenet i pedofili che mi hanno stuprata si son passati informazioni e hanno usato questa rete per passarsi le mie foto ??"Nabla
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil

        "e dov'eri papà quando grazie a Freenet i
        pedofili che mi hanno stuprata si son passati
        informazioni e hanno usato questa rete per
        passarsi le mie foto
        ??"ero a reiscriverti alla scuola di volley o al catechismo o a chiedere alla famiglia dello zio di tenerti ancora mentre sono via e sono state le persone presenti nei luoghi di cui sopra che ti hanno stuprata (secondo le statistiche quasi il 90%) ma mentre tutti sono alla ricerca di pretesti per censurare le comunicazioni ( e la censura é sempre altrove e quasi sempre in paesi comunisti e/o non proni alle multinazionali, mai nel nostro) di tutelarti nei luoghi dove corri DAVVERO pericolo non frega niente a nessuno
        • Anonimo scrive:
          Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
          Difesa fiacca: il fatto che un reato possa aver luogo anche altrove non giustifica l'aiuto di chi lo commette su internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:
            Difesa fiacca: il fatto che un reato possa aver
            luogo anche altrove non giustifica l'aiuto di
            chi lo commette su internet.Cosi' un mezzo non e' responsabile di chi commette il reato... Ne' gli altri utilizzatori.Altrimenti si potrebbero denunciare fabbricanti d'armi, martelli, coltelli e gestori di autostrade.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Difesa fiacca: il fatto che un reato possa aver

            luogo anche altrove non giustifica l'aiuto di

            chi lo commette su internet.

            Cosi' un mezzo non e' responsabile di chi
            commette il reato... Ne' gli altri
            utilizzatori.

            Altrimenti si potrebbero denunciare fabbricanti
            d'armi, martelli, coltelli e gestori di
            autostrade.Infatti hanno colpito chi con quel mezzo ha aiutato chi ha commesso il reato e non tutta la rete. Si volesse si potrebbe risolvere il problema di certificare i contenuti anche domani, ma non si vuole e dunque ben vengano le indagini.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Difesa fiacca: il fatto che un reato


            possa aver luogo anche altrove non


            giustifica l'aiuto di chi lo commette su


            internet.

            Cosi' un mezzo non e' responsabile di chi

            commette il reato... Ne' gli altri

            utilizzatori.

            Altrimenti si potrebbero denunciare

            fabbricanti d'armi, martelli, coltelli e

            gestori di autostrade.
            Infatti hanno colpito chi con quel mezzo ha
            aiutato chi ha commesso il reato e non tutta
            la rete. E allora dov'e' il problema ?
            Si volesse si potrebbe risolvere il
            problema di certificare i contenuti
            anche domani, ma non si vuole e dunque
            ben vengano le indagini. Tanto, come hai detto prima li beccano con tor o senza... Allora qual'e' il problema di Tor ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:



            Difesa fiacca: il fatto che un reato



            possa aver luogo anche altrove non



            giustifica l'aiuto di chi lo commette su



            internet.



            Cosi' un mezzo non e' responsabile di chi


            commette il reato... Ne' gli altri


            utilizzatori.



            Altrimenti si potrebbero denunciare


            fabbricanti d'armi, martelli, coltelli e


            gestori di autostrade.


            Infatti hanno colpito chi con quel mezzo ha

            aiutato chi ha commesso il reato e non tutta

            la rete.

            E allora dov'e' il problema ?Chiedilo a chi ha scritto l'articolo. :) Per me il problema non esiste,la polizia tedesca ha fatto bene.


            Si volesse si potrebbe risolvere il

            problema di certificare i contenuti

            anche domani, ma non si vuole e dunque

            ben vengano le indagini.


            Tanto, come hai detto prima li beccano con tor o
            senza... Allora qual'e' il problema di Tor
            ???Nessun problema se tizio fa routing di materiale pedoporno la polizia gli fa una visita in casa...
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil

            Nessun problema se tizio fa routing di materiale
            pedoporno la polizia gli fa una visita in
            casa...quindi per lo stesso principio l'isp è responsabile di ciò che scarico...ci hanno già provato ci hanno già provato, non ti preoccupare
          • Nabla scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:


            Nessun problema se tizio fa routing di materiale

            pedoporno la polizia gli fa una visita in

            casa...


            quindi per lo stesso principio l'isp è
            responsabile di ciò che
            scarico...

            ci hanno già provato ci hanno già provato, non ti
            preoccupareGiusta osservazione ma secondo me è errato paragonare 2 cose con "incidenza illecita" differente.Un conto e' l'ISP o la stessa linea telefonica dove a fronte di 1 che commette un reato ce ne sono 10.000 che utilizzano il servizio in modo lecito.Un conto e' una rete che viene utilizzata perlopiù in modo illegale.Ripeto: dubito che uno usi TOR per andare a far ricerche universitarie su google.Nabla
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil

            Difesa fiacca: il fatto che un reato possa aver
            luogo anche altrove non giustifica l'aiuto di chi
            lo commette su
            internet.no, dimostrazione efficace della scarsa onestà intelletuale di certew posizioni: diffondere le foto di un abuso é meno grave di commettere tale abuso, ma si persegue solo la diffusione di informazioni e non la facoltà di commettere abusi, dunque l'obiettivo é la libertà d'informazione, capito o ti serve un disegnino ?
          • Nabla scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil

            no, dimostrazione efficace della scarsa onestà
            intelletuale di certew posizioni: diffondere le
            foto di un abuso é meno grave di commettere tale
            abuso, ma si persegue solo la diffusione di
            informazioni e non la facoltà di commettere
            abusi, dunque l'obiettivo é la libertà
            d'informazione, capito o ti serve un disegnino
            ?
            Non m'è mai piaciuto giustificare un reato dicendo "c'è sempre qualcosa di peggio" altrimenti sarebbe lecito lasciare liberi gli assassini visto che in giro ci sono serial killers.Poi io m'ero soffermato maggiormente sulla questione morale di chi gestisce un nodo sapendo che, quasi sicuramente, attraverso/grazie al suo pc passa ogni genere di nefandezza.E' come scavare un tunnel che collega due stati in nome della libertà di movimento di persone e merci... e poi non interrogarsi sul fatto che attraverso tale tunnel sfuggono a controlli doganali armi, droga e schiavi.Questione morale appuntoNabla
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da: Nabla


            no, dimostrazione efficace della scarsa onestà

            intelletuale di certew posizioni: diffondere le

            foto di un abuso é meno grave di commettere tale

            abuso, ma si persegue solo la diffusione di

            informazioni e non la facoltà di commettere

            abusi, dunque l'obiettivo é la libertà

            d'informazione, capito o ti serve un disegnino

            ?




            Non m'è mai piaciuto giustificare un reato
            dicendo "c'è sempre qualcosa di peggio"
            altrimenti sarebbe lecito lasciare liberi gli
            assassini visto che in giro ci sono serial
            killers.Limitare la privacy è peggio di certi reati "virtuali", soprattutto se tali per leggi approvate e mai lette dai parlamentari,( come è successo per il patriot act che nessuno ha letto e tutti hanno approvato )

            Poi io m'ero soffermato maggiormente sulla
            questione morale di chi gestisce un nodo sapendo
            che, quasi sicuramente, attraverso/grazie al suo
            pc passa ogni genere di
            nefandezza.Quando mai! Le nefandezze non passano! Al max passa la notizia o l'immagine della nefandezza. Quella sì che danneggia le persone!

            E' come scavare un tunnel che collega due stati
            in nome della libertà di movimento di persone e
            merci... e poi non interrogarsi sul fatto che
            attraverso tale tunnel sfuggono a controlli
            doganali armi, droga e
            schiavi.Ma quali armi e droga!


            Questione morale appunto


            Nabla
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil

            Non m'è mai piaciuto giustificare un reato
            dicendo "c'è sempre qualcosa di peggio"
            altrimenti sarebbe lecito lasciare liberi gli
            assassini visto che in giro ci sono serial
            killers.Questo ragionamento è una tua invenzione e non si capisce in che modo lo ricolleghi al resto del discorso.
            E' come scavare un tunnel che collega due stati
            in nome della libertà di movimento di persone e
            merci... e poi non interrogarsi sul fatto che
            attraverso tale tunnel sfuggono a controlli
            doganali armi, droga e
            schiavi.Quindi? chiudiamo tutte le frontiere, i valichi, tunnel, ponti, collegamenti navali, aeroporti, visto che armi droga e schiavi sfuggono quotidianamente ai controlli in tutti i paesi del mondo?Non mi pare che *nella realtà* si reagisca così.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
            - Scritto da:
            Difesa fiacca: il fatto che un reato possa aver
            luogo anche altrove non giustifica l'aiuto di chi
            lo commette su
            internet.Argomentazione visionaria: in internet è un po' difficile stuprare
  • Anonimo scrive:
    Sequestrati alcuni exit node...
    Risaliranno anche ai client? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sequestrati alcuni exit node...
      No..per quello se la prendono coi proprietari...per quello si scagliando contro tor...è come vendere macchine senza immatricolarle...se uno schiaccia una vecchia non risali + a chi è stato...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sequestrati alcuni exit node...
        - Scritto da:
        No..per quello se la prendono coi
        proprietari...per quello si scagliando contro
        tor...è come vendere macchine senza
        immatricolarle...se uno schiaccia una vecchia non
        risali + a chi è
        stato...Lol, se uno schiaccia una vecchia, lo beccano anche se non ha la targa.Comunque... mi spiegheresti come faccio a schiacciare una vecchia con IE6?Devo aggiornarlo al 7?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sequestrati alcuni exit node...
        - Scritto da:
        No..per quello se la prendono coi
        proprietari...per quello si scagliando contro
        tor...è come vendere macchine senza
        immatricolarle...se uno schiaccia una vecchia non
        risali + a chi è
        stato...per questo il povero cristo viene beccato se fa una microcazzata, mentre uno che piazza un'autobomba RUBA LA MACCHINAper questo chi deve organizzare attentati RUBA I CELLULARI, RUBA I COMPUTER e ruba tutto quello che potrebbe condurre a loro personalmente.persino i pedofili, a mio avviso, saputo che le macchine digitali sono rintracciabili perchè lasciano "la firma" , ruberanno le macchine digitali (o si serviranno di materiale rubato)mentre la gente normale verrà monitorata, il terrorista passerà col triciclo e parlerà a VOCE con chi gli serve.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sequestrati alcuni exit node...
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          No..per quello se la prendono coi

          proprietari...per quello si scagliando contro

          tor...è come vendere macchine senza

          immatricolarle...se uno schiaccia una vecchia
          non

          risali + a chi è

          stato...

          per questo il povero cristo viene beccato se fa
          una microcazzata, mentre uno che piazza
          un'autobomba RUBA LA
          MACCHINA

          per questo chi deve organizzare attentati RUBA I
          CELLULARI, RUBA I COMPUTER e ruba tutto quello
          che potrebbe condurre a loro
          personalmente.

          persino i pedofili, a mio avviso, saputo che le
          macchine digitali sono rintracciabili perchè
          lasciano "la firma" , ruberanno le macchine
          digitali (o si serviranno di materiale
          rubato)Per firma intendi gli exif ?Se quella è la firma allora....
        • Anonimo scrive:
          Re: Sequestrati alcuni exit node...

          mentre la gente normale verrà monitorata, il
          terrorista passerà col triciclo e parlerà a VOCE
          con chi gli
          serve.Q
    • Anonimo scrive:
      Re: Sequestrati alcuni exit node...
      - Scritto da:
      Risaliranno anche ai client? :)Non si può.
  • Anonimo scrive:
    sei omosessuale?
    o bisessuale?Usa Tor!Non serve ripensare all'uomo dai baffetti, quando in america negli anni 50 hanno castrato 50000 omosessuali(Fonte: Piergiorgio Odifreddi, Il matematico impertinente) e fino agli anni sessanta gli stessi andavano in prigione. Ora si sta tornando indietro, e con la data retention, le tue lettere d'amore potrebbero costarti care.save the coglioni friendComunque viva Cecchi Paone e quelli che hanno il coraggio per le proprie idee, nonostante tutta la merda che gli piove addosso dall'alto dei cieli del perbenismo
    • Anonimo scrive:
      Re: sei omosessuale?

      in america negli anni 50 hanno castrato 50000
      omosessuali(Fonte: Piergiorgio Odifreddi, Il
      matematico impertinente) e fino agli anni
      sessanta gli stessi andavano in prigione.Bei tempi
      • Anonimo scrive:
        Re: sei omosessuale?
        - Scritto da:


        in america negli anni 50 hanno castrato 50000

        omosessuali(Fonte: Piergiorgio Odifreddi, Il

        matematico impertinente) e fino agli anni

        sessanta gli stessi andavano in prigione.

        Bei tempiche grandissimo pezzodimm(troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: sei omosessuale?
      - Scritto da:
      o bisessuale?

      Usa Tor!internet ha facilitato di molto la vita alle persone socialmente poco accettate, questo è un fatto.sentivo alla radio parecchie testimonianze di omosessuali che dicevano chiaramente "ma che credete? mica puoi andare fuori col cartello, per incontrare un po' di gente come te... non è facile!"e lo capisco, cavolo.me lo sono sempre chiesto... io vedo una gnocca e ci provo ... ma un omosessuale rischia sempre un cartone in faccia, se non ha una particolare sensibilità, credo.Come fai? boh!!
      Non serve ripensare all'uomo dai baffetti, quando
      in america negli anni 50 hanno castrato 50000
      omosessuali(Fonte: Piergiorgio Odifreddi, Il
      matematico impertinente)e la sua fonte?
      e fino agli anni
      sessanta gli stessi andavano in prigione.già :(
      Ora si sta tornando indietro, e con la data
      retention, le tue lettere d'amore potrebbero
      costarti
      care.forse fai dello spirito... però secondo me non ci vai mica tanto lontano
      save the coglioni friend

      Comunque

      viva Cecchi Paone e quelli che hanno il coraggio
      per le proprie idee, nonostante tutta la merda
      che gli piove addosso dall'alto dei cieli del
      perbenismouh?che successe?è ricchione?non lo sapevo.comunque chissenefrega (oddio: curioso lo sono, adesso; intendo che sono fatti suoi e se a lui sta bene sta bene anche a me) si però adesso mi hai incuriosito. CHe ha fatto cecchi?
      • Anonimo scrive:
        Re: sei omosessuale?
        - Scritto da:
        uh?
        che successe?
        è ricchione?

        non lo sapevo.
        comunque chissenefrega sia chiaro che ho sempre, senza alcun disprezzo, fatto uso di tutte le parole comuni (e volgari, già) usate per "omosessuale".del resto impari queste parole quando hai 7 anni... difficile fare tanto i raffinati...cià
      • Anonimo scrive:
        Re: sei omosessuale?

        si però adesso mi hai incuriosito. CHe ha fatto
        cecchi?Cecchi Paone è un grande ma pure un grande culattone.
        • Anonimo scrive:
          Re: sei omosessuale?
          - Scritto da:


          si però adesso mi hai incuriosito. CHe ha fatto

          cecchi?


          Cecchi Paone è un grande ma pure un grande
          cu*attone.Sbaglio o la cassazione ha da poco dato una bastonata ha chi ha usato pubblicamente il termine "frocio"?Sarebbe interessante vedere se quanto scritto sopra si configuri come diffamazione a mezzo stampa o roba simile...
  • Anonimo scrive:
    JAP
    Cosa è questa cosa della backdoor di JAP? :|Io in passato l'ho usato tranquillamente ma il mio antivirus (freeware, per carità) non si è mai accorto di trojan all'interno del programma...
    • Anonimo scrive:
      Re: JAP
      nessuna bckdr nel programma, da quello che ho capito dall'informativa, semplicemente i server JAP si riserverebbero il diritto di non anonimizzare determinati IP su ordine della Polizia e comunque per periodi di tempo limitati, previsti dalle leggi di Dtsclnd. Se non sei indagato quindi dovresti poter usare JAP in modo efficaceIl problema di JAP è solo uno, che il grado di anonimato dipende dal numero degli utenti, e sono pochi
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
    - Scritto da: Nabla

    Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i gestori
    di nodi Tor a mettere a disposizione il proprio
    pc e la propria banda per attività quasi sempre
    illecite.Anche a me evngono in mente i maestri di vita Simpsons... ricordate la puntata del barone birra? Homer per andare contro una legge ingiusta (proibizionismo fuori luogo) si diede alla distillazione di birra...
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
      Già alla fine la risposta è: "perché forse non tutti hanno la mentalità ITALIANA (appena posso me ne approfitto, noi siamo tutti furbacchioni, ecc. ecc.)" e pensa invece alla democrazia, e altre simili incomprensibili astrazioni, e ancora qualcuno fa fatica a capirlo.... :(Achab
  • Anonimo scrive:
    Complimeti
    L'articolo e' fantastico, peccato che la gente sia cosi' ignorante da non capire parole come:CrittografiabackdoorToranonimizzatoreTorLiberta' diritti civili:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimeti
      - Scritto da:
      L'articolo e' fantastico, peccato che la gente
      sia cosi' ignorante da non capire parole
      come:
      Crittografia
      backdoor
      Tor
      anonimizzatore
      Tor
      Liberta'
      diritti civili

      :'(cercale sul dizionario.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimeti
      - Scritto da:
      L'articolo e' fantastico, peccato che la gente
      sia cosi' ignorante da non capire parole
      come:
      Crittografia
      backdoor
      Tor
      anonimizzatore
      Tor
      Liberta'
      diritti civili

      :'(Più che altro che sembra che la gente ultimamente non capisca le due ultimi parole. Anche fuori da internette :
      • Anonimo scrive:
        Re: Complimeti


        CrittografiaScritto col critto (ora bisogna vedere che è il critto)

        backdoordietro la porta

        TorIl dio del tuono, figlio di Odino (hanno tralasciato un h)

        anonimizzatorepistola data in dotazione all'equipaggio dell'enterprise

        TorVedi sopra

        Liberta' E quella che arriva con le bombe americane

        diritti civiliDiritti congedati
      • Anonimo scrive:
        Re: Complimeti
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        L'articolo e' fantastico, peccato che la gente

        sia cosi' ignorante da non capire parole

        come:

        Crittografia

        backdoor

        Tor

        anonimizzatore

        Tor

        Liberta'

        diritti civili



        :'(

        Più che altro che sembra che la gente ultimamente
        non capisca le due ultimi parole. Anche fuori da
        internette :
        Io veramente e COMPLIMETI la parola che non ho capito
  • Anonimo scrive:
    Tor & CD
    Da quando è stata introdotta la tassa sui cd vergini per "ripagare" preventivamente i lesi diritti di coloro le cui opere protette potevano essere copiate su tali cd molta gente ha fatto molto clamore.La presunzione di colpevolezza è la medesima.Accanirsi contro TOR è la stessa identica cosa che tassare tutti i cd vergini perchè qualcuno potrebbe farne un uso illegale.A questo punto perchè non decidiamo di far fare un paio di giorni di carcere a tutti quelli che hanno usato GPG anche solo per mandare una mail criptata con la ricetta dei biscotti della nonna ? In questo modo riusciremmo a far fare un po' di galera anche al vostro criminale preferito ...
    • =Blackout= scrive:
      Re: Tor & CD
      vedo che ogni tanto posta pure qualcuno intelligene in questi forum :)
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: Tor & CD
        - Scritto da: =Blackout=
        vedo che ogni tanto posta pure qualcuno
        intelligene in questi forum
        :)Siamo pericolosamente prossimi alla battuta di caccia aziendale di Fantozzi, dove in mancanza di prede si iniziò a sparare al ragionier Coniglietto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tor & CD
      - Scritto da:
      Da quando è stata introdotta la tassa sui cd
      vergini per "ripagare" preventivamente i lesi
      diritti di coloro le cui opere protette potevano
      essere copiate su tali cd molta gente ha fatto
      molto
      clamore.

      La presunzione di colpevolezza è la medesima.
      Non c'entra la presunzione di colpevolezza: bisogna garantire che la magistratura POSSA individuare l'identità di chiunque, nella vita reale come fuori, e quindi ci dovrebbero essere delle leggi che abbiano per principio l'impedire di nascondere A TUTTI la propria identità, nemmeno indagando o altro, quando si è in un luogo pubblico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tor & CD
        - Scritto da:
        Non c'entra la presunzione di colpevolezza:
        bisogna garantire che la magistratura POSSA
        individuare l'identità di chiunque, nella vita
        reale come fuori, e quindi ci dovrebbero essere
        delle leggi che abbiano per principio l'impedire
        di nascondere A TUTTI la propria identità,
        nemmeno indagando o altro, quando si è in un
        luogo pubblico.E lo capisci che se qualsiasi nostra azione smette di essere anonima, se i dati di tutto quello che facciamo vengono incrociati con un nostro profilo dettagliato, si da in mano all'industria l'arma per meglio catalogarci e venderci qualsiasi cosa, e ai politici quella per meglio controllarci e capire chi andremo a votare?
  • Anonimo scrive:
    Tor resiste
    Direi che è davvero un ottimo test, pian piano i nodi tornano su. Grande Tor, lo sviluppo e' ottimo, questa notizia in realta' ci fa vedere la potenzzz de torr. Affascinante
  • whitemagic scrive:
    Speaking of it.....
    visto che si parla di Democrazia e non di argomenti esoterici, cioè per adepti, vuole questa redazione spiegare al vil popolo lettore del suo blasonato Quotidiano di Internet la sostanza del suo articolo di apertura di di oggi e cioè cosa è la rete Tor?
    • Anonimo scrive:
      Re: Speaking of it.....
      è un quotidiano su internet, non il quotidiano del paese vai su google e lo trovi
    • Anonimo scrive:
      Re: Speaking of it.....
      - Scritto da: whitemagic
      visto che si parla di Democrazia e non di
      argomenti esoterici, cioè per adepti, vuole
      questa redazione spiegare al vil popolo lettore
      del suo blasonato Quotidiano di Internet la
      sostanza del suo articolo di apertura di di oggi
      e cioè cosa è la rete
      Tor?usare gli strumenti che ci sono e' troppo veh?http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1430903buona lettura
    • Anonimo scrive:
      Re: Speaking of it.....
      - Scritto da: whitemagic
      visto che si parla di Democrazia e non di
      argomenti esoterici, cioè per adepti, vuole
      questa redazione spiegare al vil popolo lettore
      del suo blasonato Quotidiano di Internet la
      sostanza del suo articolo di apertura di di oggi
      e cioè cosa è la rete
      Tor?In due righe, in italiano:http://it.wikipedia.org/wiki/TORpiù approfondito, in inglese:http://en.wikipedia.org/wiki/Tor_%28anonymity_network%29
      • whitemagic scrive:
        Re: Speaking of it..... Grazie
        ... molto gentili ho capito:Tor è un posto dove si può giocare a guardia e ladri con il TCP... spero che nessuno si faccia male!
    • Anonimo scrive:
      Re: Speaking of it.....
      - Scritto da: whitemagic
      visto che si parla di Democrazia e non di
      argomenti esoterici, cioè per adepti, vuole
      questa redazione spiegare al vil popolo lettore
      del suo blasonato Quotidiano di Internet la
      sostanza del suo articolo di apertura di di oggi
      e cioè cosa è la rete
      Tor?ciao vilpopolo :)mi pare che te la tiri tu da nobilone ;)dato che questo è il quotidiano di internet... usa internet ;)ci sono dei link, basta cliccare.e poi se non vuoi googlare c'è wikipedia ... fatta dalla gente per la gente.:)divertiti ;)e non blasonarti troppo, che poi diventi cieco!
  • Anonimo scrive:
    Re: nazistificazione
    Perche' non diciamo anche COMUNISTI (vedi Cina, Cuba, etc...)
    • Anonimo scrive:
      Re: nazistificazione
      Concesso
    • Anonimo scrive:
      Re: nazistificazione
      - Scritto da:
      Perche' non diciamo anche COMUNISTI (vedi Cina,
      Cuba,
      etc...)ZITTO! COME TI PERMETTI!! NON FARE IL FALSO COMPAGNO SENNO' SONO CAXXI... E A BUON INTENDITOR...
      • Anonimo scrive:
        Re: nazistificazione
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Perche' non diciamo anche COMUNISTI (vedi Cina,

        Cuba,

        etc...)

        ZITTO! COME TI PERMETTI!! NON FARE IL FALSO
        COMPAGNO SENNO' SONO CAXXI... E A BUON
        INTENDITOR...qualsiasi persona intelligente ti direbbe che li di buono per il popolo non c'è niente.e qualsiasi comunista "che si sta acculturando" (ne ho trovato uno terrificante!!!) ti direbbe che oggi in Cina c'è fascismo, non comunismo.io so che qui non si sta affatto male.PER ORA
  • Anonimo scrive:
    This is not a "crackdown on Tor",
    http://tor.eff.org/index.html.en#NewsSep 11 2006: Last week, a few Tor exit nodes were seized by the German police in a massive sting against child pornography. From our friends on the ground in Germany, we hear that dozens and dozens of other computers unrelated to Tor may have been seized too. So far as we know, only six of those were Tor servers. We have heard from the server operators. None of them has been charged. We hope that this is just a misunderstanding that can be solved by educating German law enforcement about Tor. This is not a "crackdown on Tor", as has been widely reported. This seems to be part of a wide sweep on computers associated by IP address with a large child porn bust. There does not seem to be any specific targeting of Tor Tor is used by journalists, human rights activists, dissident bloggers, and a vast array of blameless users. We hope that the volunteer Tor server operators in Germany will get their equipment back after this has blown over, and there will be no action against Tor. Please contact Shava Nerad for more press information. If you are a Tor server operator in Germany, please contact Julius Mittenzwei for more information.
    • Anonimo scrive:
      Re: This is not a "crackdown on Tor",
      mah punti di vista la sostanza è quella e dobbiamo prepararci
      • Anonimo scrive:
        Re: This is not a "crackdown on Tor",
        - Scritto da:

        mah punti di vista la sostanza è quella e
        dobbiamo
        prepararciPiu' che altro credo che la comunita' Tor abbia tutto l'interesse a dire che non e' un attacco a Tor
        • Anonimo scrive:
          Re: This is not a "crackdown on Tor",
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          mah punti di vista la sostanza è quella e

          dobbiamo

          prepararci

          Piu' che altro credo che la comunita' Tor abbia
          tutto l'interesse a dire che non e' un attacco a
          Tore perchè?
  • Anonimo scrive:
    Non solo quello con i baffetti......
    .....ci fu anche quello con i 'baffoni', che seppe fare molto meglio ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo quello con i baffetti......
      - Scritto da:
      .....ci fu anche quello con i 'baffoni', che
      seppe fare molto meglio
      ;)per non parlare di "giorgio cespuglio" ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo quello con i baffetti......
      stalin era crudele , forse anche piu' di hitler ,ma almeno era abbastanza sano di mente ...chiunque ha letto mein kampf sa che hitler era pazzo .
      • Anonimo scrive:
        Re: Non solo quello con i baffetti......
        - Scritto da:
        stalin era crudele , forse anche piu' di hitler ,
        ma almeno era abbastanza sano di mente ...
        chiunque ha letto mein kampf sa che hitler era
        pazzo
        .COSA???Stalin sano di mente???Ero convinto che non ci credesse più neanche un comunista e invece... eccoti che arriva l'ascaro che si è scordato di aggiornarsi sugli ultimi avvenimenti storici.Stalin era un paranoico che ha fatto uccidere milioni di russi... dico russi... non dei nemici, ma esclusivamente quelli che lui avrebbe dovuto difendere e rappresentare.Se Hitler era pazzo, Stalin era suo fratello maggiore.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non solo quello con i baffetti......
          Vabbè se Stalin era sano di mente lo è anche Charles Manson...Ed anche molti politici italiani direi :p
        • Anonimo scrive:
          Re: Non solo quello con i baffetti......

          eccoti che arriva l'ascaro
          Ti faccio notare che chiamare qualcuno "Ascaro" é un complimento.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non solo quello con i baffetti......
            - Scritto da:


            eccoti che arriva l'ascaro



            Ti faccio notare che chiamare qualcuno "Ascaro" é
            un
            complimento.Infatti non voleva essere sicuramente un insulto."Ascaro" sta anche per fedele servitore, nonostante tutto.C'è chi pensa che credere e obbedire ciecamente a qualcuno o a qualche idea non sia cosa sbagliata.Non per me ovviamente, ma sono felice e sereno di essere in minoranza e lungi da me criminalizzare gli altri che la pensano diversamente da me.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non solo quello con i baffetti......
        - Scritto da:
        stalin era crudele , forse anche piu' di hitler ,
        ma almeno era abbastanza sano di mente ...
        chiunque ha letto mein kampf sa che hitler era
        pazzo
        .Sano di mente Stalin? : Leggiti qualche libro di storia: stalin era paranoico. Di quelli forti, da internare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non solo quello con i baffetti......
          [OT, ma lo è tutto il thread] Se anche Stalin non era sano di mente e in Russia la mentalità mafiosa dei russi e l'ignoranza del popolo ha favorito l'insediarsi dei FURBI al potere questo non significa che tutto il pensiero di sinistra è sbagliato, la parità di diritti è sempre meglio del diritto di nascita, la tutela dei deboli è sempre meglio della legge del più forte, il rispetto della cultura è sempre meglio della buzzurria degli arroganti, caro il mio destroide, e fatela finita con queste polemiche sterili, tanto siete tutti schierati, da una parte o dall'altra. Se invece prevalesse la RAGIONE, non ci sarebbe bisogno di queste distinzioni..... me l'avete proprio strappata dal cuore!Achab
          • Anonimo scrive:
            Re: Non solo quello con i baffetti......
            Direi piu strappata dal culo visto che hai detto una marea di cagate ;)- Scritto da:
            [OT, ma lo è tutto il thread] Se anche Stalin non
            era sano di mente e in Russia la mentalità
            mafiosa dei russi e l'ignoranza del popolo ha
            favorito l'insediarsi dei FURBI al potere questo
            non significa che tutto il pensiero di sinistra è
            sbagliato, la parità di diritti è sempre meglio
            del diritto di nascita, la tutela dei deboli è
            sempre meglio della legge del più forte, il
            rispetto della cultura è sempre meglio della
            buzzurria degli arroganti, caro il mio destroide,
            e fatela finita con queste polemiche sterili,
            tanto siete tutti schierati, da una parte o
            dall'altra. Se invece prevalesse la RAGIONE, non
            ci sarebbe bisogno di queste
            distinzioni.


            .... me l'avete proprio strappata dal cuore!
            Achab
          • Anonimo scrive:
            Re: Non solo quello con i baffetti......
            - Scritto da: un troll
            Direi piu strappata dal culo visto che hai detto
            una marea di cagate
            ;)Bravo, ti sei qualificato da solo ;)Achab
          • Anonimo scrive:
            Re: Non solo quello con i baffetti......
            - Scritto da:
            Direi piu strappata dal culo visto che hai detto
            una marea di cagate
            ;)Beh, che dire, quando uno ha la forza delle argomentazioni... :s :( :$
        • Anonimo scrive:
          Re: Non solo quello con i baffetti......
          infatti ho detto abbastanza sano di mente ...ma voi , l'avete mai letto mein kampf?
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: Non solo quello con i baffetti......
        - Scritto da:

        ma almeno era abbastanza sano di mente ...OMFG!!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) Si trovano di quelle chicche qui sul forum di PI!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 14.32-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Non solo quello con i baffetti......
        - Scritto da:
        stalin era crudele , forse anche piu' di hitler ,
        ma almeno era abbastanza sano di mente ...Questa me la stampo e me la incornicio. Ti spiace?
        chiunque ha letto mein kampf sa che hitler era pazzoPer non parlare del "contorno"
      • Anonimo scrive:
        Re: Non solo quello con i baffetti......
        IO LEGGO SOLO LINUX E COMPANYE MI BUMMOoN tHe oWnZ
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Non solo quello con i baffetti......
      - Scritto da:
      .....ci fu anche quello con i 'baffoni', che
      seppe fare molto meglio
      ;)E' proprio obbligatorio scegliere tra i due, o magari aggiungendo gli squilibrati neocon al novero dei papabili?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo quello con i baffetti......
      Le sorti della guerra (per uccidere lo schifoso nazista con i baffetti e lo schifoso fascista con la pelata) sono combiate dopo la battaglia di Stalingrado e la controffensiva sul Don.Ringrazia l'Armata Rossa e l'URSS di Stalin.
    • soulista scrive:
      Re: Non solo quello con i baffetti......
      - Scritto da:
      .....ci fu anche quello con i 'baffoni', che
      seppe fare molto meglio
      ;)Il fatto é che "quello con i baffetti" era appoggiato e protetto dai Truman e Eisenhouer (non so come si scriva), da Churchill e dal primo ministro inglese dell'epoca... Churchill: tossicomane con un ego grande quanto la sua panza deve la vittoria su Hitler, oltre al fatto che Hitler era un grande stratega quanto io un grande trombatore. alla sua incoscienza che gli fece prendere rischi che nessun ministro sano di mente andrebbe a prendersi... ah!... e pure stretto amico di Mussolini, col quale scambiava missive affettuose, con la raccomandazione di combattere il pericolo comunista con tutte le armi possibili!Le dittature di Hitler e Mussolini andavano bene a tutti, finché non iniziarono a pretendere qualcosa di più... infatti il dittatore Franco (aiutato da Hitler nel suo colpo di stato) é rimasto in piedi finchè non é stato assassinato dai "terroristi" dell'ETA.(fonte: raieducational2, via satellite)
  • Anonimo scrive:
    Marco sempre al top.
    Non posso che ringraziarti.Sempre preciso, puntuale, pertinente.Fosse anche solo per noi quattro-cinque imbecilli , ti esorto a non mollare e a darci sempre ottima informazione senza compromessi.Grazie!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Marco sempre al top.
      q! :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Marco sempre al top.
        Anch' io devo dire che condivido in pieno lo spirito e la sostanza dell'articolo, un complimento anche da me :)Achab
    • Anonimo scrive:
      Re: Marco sempre al top.
      - Scritto da:
      Non posso che ringraziarti.
      Sempre preciso, puntuale, pertinente.

      Fosse anche solo per noi quattro-cinque imbecilli
      , ti esorto a non mollare e a darci sempre ottima
      informazione senza
      compromessi.

      Grazie!!!QiT!
  • pierob scrive:
    un invito ad approfondire
    Non vuole essere una risposta a casteredandblue ma soltanto un invito ad approfondire. Mi scuso se cito dei libri.Giorgio Agamben, Stato di eccezione, Bollati Boringhieri, Torino 2003Gustavo Zagrebelsky, Imparare la democrazia, La Bibblioteca di Repubblica, Roma 2005Noam Chomsky, Presidente Bush, Rizzoli, Milano 2004David Lyon, Massima sicurezza, Sorveglianza e "guerra al terrorismo", Raffaello Cortina Ed., Milano 2005.Saluti Piero
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa li spinge ad aiutare un pedofil
    - Scritto da: Nabla

    Già, mi son sempre chiesto cosa spinga i gestori
    di nodi Tor a mettere a disposizione il proprio
    pc e la propria banda per attività quasi sempre
    illecite.te lo chiedi perche non hai soppesato bene l'articolo. la citazione nazista non era li' a caso. Non pensare alle cose eclatanti venute nella seconda parte dell'attivita' del baffetto, ma quelle nella prima. Cioè di istituzionalizzare (ossia rendere LEGGE) il combattimento di certi comportamenti/posizioni/ecc. Quindi, in altri termini, su TOR possono passare attività illegali, ok. Ma bisogna anche definire se queste cose che qualcuno ha posto come "fuori legge", sono anche da considerare abberrazioni di una classe politica corrotta e demente o cose oggettivamente deprecate dal senso comune (della ns societa' occidentale).ES: le leggi antipedofilia. Ovviamente tutti considerano giusto punire uno stupro a un bambino, MA possiamo dire altrettanto del possesso di una foto di uno "che sembra minore" o che "e' una rappresentazione digitale di un bambino (ossia non e' una foto, e' un oggetto 2D)"? Perche le leggi anche quello prevedono.Esempi simili si possono fare sulle libertà consentite ai consumatori sui prodotti digitali (film, canzoni, sw, ecc).Per non parlare poi di casi dove la liberta' stessa di comunicare è vietata (e su PI spesso si trovano articoli su questo).
  • Santos-Dumont scrive:
    Link utile
    Non tanto per chi già conosce quanto serve per tutelarsi, ma piuttosto per i profani che vorrebbero leggere un'introduzione alle tecniche crittografiche e ai vari tipi di software disponibili:http://www.ecn.org/kriptoniteUna interessante analisi delle contromisure all'invadenza dei "superprotettori dell'umanità". (cylon)P.S. Con Linux Tor funziona molto meglio che con Windows XP ;) quasi non percepisco differenze nella velocità di caricamento delle pagine da parte di Firefox.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 04.57-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Link utile
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Non tanto per chi già conosce quanto serve per
      tutelarsi, ma piuttosto per i profani che
      vorrebbero leggere un'introduzione alle tecniche
      crittografiche e ai vari tipi di software
      disponibili:
      http://www.ecn.org/kriptonite
      Una interessante analisi delle contromisure
      all'invadenza dei "superprotettori dell'umanità".
      (cylon)

      P.S. Con Linux Tor funziona molto meglio che con
      Windows XP ;) quasi non percepisco differenze
      nella velocità di caricamento delle pagine da
      parte di
      Firefox.ma se usi tor per INVIARE e non solo per navigare... (ok, i pacchetti entrano ed escono) ... intendo per fare ad esempio un upload, o postare in un blog , newsgroup o altro di simile...si pole?
      • Anonimo scrive:
        Re: Link utile
        - Scritto da:

        - Scritto da: Santos-Dumont

        Non tanto per chi già conosce quanto serve per

        tutelarsi, ma piuttosto per i profani che

        vorrebbero leggere un'introduzione alle
        tecniche


        crittografiche e ai vari tipi di software

        disponibili:

        http://www.ecn.org/kriptonite

        Una interessante analisi delle contromisure

        all'invadenza dei "superprotettori
        dell'umanità".

        (cylon)



        P.S. Con Linux Tor funziona molto meglio che con

        Windows XP ;) quasi non percepisco differenze

        nella velocità di caricamento delle pagine da

        parte di

        Firefox.

        ma se usi tor per INVIARE e non solo per
        navigare... (ok, i pacchetti entrano ed escono)
        ... intendo per fare ad esempio un upload, o
        postare in un blog , newsgroup o altro di
        simile...

        si pole?La connessione è bidirezionale, anche per navigare occorre INVIARE i pacchetti di risposta (ack)http://www.checkpoint.com/support/technical/online_ug/firewall-14.0/images/miscseca.gif
        • Anonimo scrive:
          Re: Link utile
          - Scritto da:
          La connessione è bidirezionale, anche per
          navigare occorre INVIARE i pacchetti di risposta
          (ack)http://www.checkpoint.com/support/technical/oPer non parlare delle "GET" che il browser invia per specificare quale risorsa si cerca nel server O)La differenza di GET e POST (richiesta o invio risorse) è semplicemente sintattica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Link utile


            Per non parlare delle "GET" che il browser invia
            per specificare quale risorsa si cerca nel server

            O)

            La differenza di GET e POST (richiesta o invio
            risorse) è semplicemente
            sintattica.(newbie)(newbie)(newbie)si parlava di TCP/IP e layer bassi ...non di GET e POST del protocollo Http
          • Anonimo scrive:
            Re: Link utile
            - Scritto da:



            Per non parlare delle "GET" che il browser invia

            per specificare quale risorsa si cerca nel
            server



            O)



            La differenza di GET e POST (richiesta o invio

            risorse) è semplicemente

            sintattica.

            (newbie)(newbie)(newbie)
            si parlava di TCP/IP e layer bassi ...

            non di GET e POST del protocollo HttpDove hai letto che si parlava di livelli bassi?Hai letto le richiesta originale?" intendo per fare ad esempio un upload, o postare in un blog , newsgroup o altro di simile... "secondo te, si fanno con un ack o con un post le cose che ha richiesto (assumendo che per il NG utilizza un servizio WEB)?Senza ack TOR (e il 99.9% delle applicazioni tcp/ip) non funzionerebbe neppure, è ovvio che chi ha fatto quella domanda non si riferisse a quello.
      • anonimo anonimo scrive:
        Re: Link utile
        - Scritto da:

        - Scritto da: Santos-Dumont

        Non tanto per chi già conosce quanto serve per

        tutelarsi, ma piuttosto per i profani che

        vorrebbero leggere un'introduzione alle
        tecniche


        crittografiche e ai vari tipi di software

        disponibili:

        http://www.ecn.org/kriptonite

        Una interessante analisi delle contromisure

        all'invadenza dei "superprotettori
        dell'umanità".

        (cylon)



        P.S. Con Linux Tor funziona molto meglio che con

        Windows XP ;) quasi non percepisco differenze

        nella velocità di caricamento delle pagine da

        parte di

        Firefox.

        ma se usi tor per INVIARE e non solo per
        navigare... (ok, i pacchetti entrano ed escono)
        ... intendo per fare ad esempio un upload, o
        postare in un blog , newsgroup o altro di
        simile...

        si pole?e cosa credi che stia usando io per postare ? :)come vedi tor funzia perfettamente .
    • Anonimo scrive:
      Re: Link utile
      Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 04.57
      --------------------------------------------------per xp c'è il pacchetto precompilato vidalia che non richiede la configurazione di privoxy in quanto privoxy è già configurato, invece con linux te lo devi configurare da te. Poi c'è torpark, anch'esso già configurato per la privacy (tranne i permessi ai cookies). Manca qualcosa?
  • Anonimo scrive:
    GARANTISMO = Logica spicciola....
    Traspare da vari post l'allusione che TOR = CRIMINALEsinceramente lo trovo banale e scontato..alcuni esempi...se devi connetterti alla tua banca e fare un accredito usi SSL ???se devi logarti su un sistema remoto usi SSH ???se devi inviare un email con una progetto importate usi OpenPGP ???Queste sono gli accorgimenti minimi del caso idem per TORse voi navigare senza che la comp. X o Y sappia che dentifricio prediligi... Afferrato il concetto.. !!!???bye (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: GARANTISMO = Logica spicciola....
      - Scritto da:
      Traspare da vari post l'allusione che TOR =
      CRIMINALE
      sinceramente lo trovo banale e scontato..
      alcuni esempi...
      se devi connetterti alla tua banca e fare un
      accredito usi SSL
      ???
      se devi logarti su un sistema remoto usi SSH ???
      se devi inviare un email con una progetto
      importate usi OpenPGP
      ???

      Queste sono gli accorgimenti minimi del caso idem
      per
      TOR
      se voi navigare senza che la comp. X o Y sappia
      che dentifricio prediligi...


      Afferrato il concetto.. !!!???

      bye (linux)sembri ignorare le considerazioni dell'articolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: GARANTISMO = Logica spicciola....
      garantismo sulla sicurezza da non confondere con il garantismo del diritto che già sta scomparendo senza bisogno di detrattori
  • Anonimo scrive:
    "..diritti civili in Rete dopo l'11-9.."
    Tralasciando per un momento il contenuto specifico della notizia, vorrei sapere, se possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari per evitare restrizioni alle nostre libertà ed allo stesso tempo garantire una maggiore sicurezza e prevenzione verso le minacce del terrorismo post 11 Settembre.(è la stessa domanda che ho posto ieri al Sig. Mantellini su questi forum)Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in particolare modo i "grandi sistemi", senza mai proporre qualcosa di concreto.Ieri, per la stessa domanda, ho ottenuto come unica risposta un "Non facciamo niente, niente restrizioni niente difese, lasciamo stare tutto come era", per la cronaca.ps: questa storia dei sequestri dei nodi Tor non ha nulla a che fare col terrorismo, ma visto che è stato tirato in ballo l'11 Settembre credo che questo post in qualche maniera possa essere In Topic.Tralascio del tutto il paragone con Hitler ed il Nazismo tanto caro anche a Wakko (il paragone, non il nazismo :D ).. :sCiao e scusatemi se passo spesso per provocatore, mi sembra di avere idee "normali" (termine brutto, diciamo "condivise da tanti altri") ma su Internet ormai mi son fatto l'idea che a scrivere siano perlopiù quelli le cui idee nella vita reale passerebbero se non per strane, diciamo "colorite" (non mi riferisco all'articolo in questione).. senza offesa ovviamente.. è una constatazione personale..Ciao. :D .
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Ciao e scusatemi se passo spesso per provocatore,
      mi sembra di avere idee "normali" (termine
      brutto, diciamo "condivise da tanti altri") ma su
      Internet ormai mi son fatto l'idea che a scrivere
      siano perlopiù quelli le cui idee nella vita
      reale passerebbero se non per strane, diciamo
      "colorite" (non mi riferisco all'articolo in
      questione).. senza offesa ovviamente.. è una
      constatazione
      personale..Diciamo che hai usato degli eufemismi. Pure io ho notato questo effetto Internet
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Tralascio del tutto il paragone con Hitler ed il
      Nazismo tanto caro anche a Wakko (il paragone,
      non il nazismo :D )..
      :s
      Non si parla degli assenti, sapendo (e tu lo sai) che non potranno replicare.
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da:

        - Scritto da: casteredandblue

        Tralascio del tutto il paragone con Hitler ed il

        Nazismo tanto caro anche a Wakko (il paragone,

        non il nazismo :D )..

        :s



        Non si parla degli assenti, sapendo (e tu lo sai)
        che non potranno
        replicare.Non ne sono così sicuro.
        • Anonimo scrive:
          Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da: casteredandblue


          Tralascio del tutto il paragone con Hitler ed
          il


          Nazismo tanto caro anche a Wakko (il paragone,


          non il nazismo :D )..


          :s






          Non si parla degli assenti, sapendo (e tu lo
          sai)

          che non potranno

          replicare.

          Non ne sono così sicuro.No lo sai bene che non ci sono in questo periodo e forse chissà per quanto tempo, quindi non mi pare tanto "giusto" il tuo comportamento.
          • Anonimo scrive:
            Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da: casteredandblue



            Tralascio del tutto il paragone con Hitler
            ed

            il



            Nazismo tanto caro anche a Wakko (il
            paragone,



            non il nazismo :D )..



            :s









            Non si parla degli assenti, sapendo (e tu lo

            sai)


            che non potranno


            replicare.



            Non ne sono così sicuro.

            No lo sai bene che non ci sono in questo periodo
            e forse chissà per quanto tempo, quindi non mi
            pare tanto "giusto" il tuo
            comportamento. :D scrivi di non esserci? Ah no, era la tua segreteria? :s
          • Anonimo scrive:
            Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-




            Non si parla degli assenti, sapendo (e tu lo


            sai)



            che non potranno



            replicare.





            Non ne sono così sicuro.



            No lo sai bene che non ci sono in questo periodo

            e forse chissà per quanto tempo, quindi non mi

            pare tanto "giusto" il tuo

            comportamento.

            :D scrivi di non esserci? Ah no, era la tua
            segreteria?
            :svi denuncio all'associazione protezione umorismo
          • Anonimo scrive:
            Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da: casteredandblue




            Tralascio del tutto il paragone con Hitler

            ed


            il




            Nazismo tanto caro anche a Wakko (il

            paragone,




            non il nazismo :D )..




            :s












            Non si parla degli assenti, sapendo (e tu lo


            sai)



            che non potranno



            replicare.





            Non ne sono così sicuro.



            No lo sai bene che non ci sono in questo periodo

            e forse chissà per quanto tempo, quindi non mi

            pare tanto "giusto" il tuo

            comportamento.

            :D scrivi di non esserci? Ah no, era la tua
            segreteria?
            :sNon ci sono "loro" riferito a Wakko & co
    • soulista scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in
      particolare modo i "grandi sistemi", senza mai
      proporre qualcosa di
      concreto.ma... DILLO TU cosa dovrebbero fare i governi di alternativo, visto che quello che stanno facendo ora NON STA FUNZIONANDO!ah... evidentemente tu sei tra quelli che vogliono 1000 anni di Reich...Cito dai mastri di vita, i Simpson:dopo il primo e unico arrivo di un orso a Springfield, la cittadinanza richiede misure drastiche. Viene allora istituita la pattuglia orsi con i soldi dei contribuenti.Homer: "NIENTE ORSI IN GIRO! La pattuglia-orsi sta funzionado!"Lisa. "Il tuo é un ragionamento capzioso, papà"Homer (accarezzandole la testa). "grazie tesoro"Lisa (stizzita, raccoglie un sasso): "secondo la tua logica questo sasso terrebbe lontane le tigri"Homer: "e come funziona?"Lisa: "NON FUNZIONA! é soltanto uno stupido sasso... ma io non vedo nessuna tigre, e tu?"
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da: soulista

        - Scritto da: casteredandblue


        Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in

        particolare modo i "grandi sistemi", senza mai

        proporre qualcosa di

        concreto.

        ma... DILLO TU cosa dovrebbero fare i governi di
        alternativo, visto che quello che stanno facendo
        ora NON STA
        FUNZIONANDO!

        ah... evidentemente tu sei tra quelli che
        vogliono 1000 anni di
        Reich...



        Cito dai mastri di vita, i Simpson:

        dopo il primo e unico arrivo di un orso a
        Springfield, la cittadinanza richiede misure
        drastiche. Viene allora istituita la pattuglia
        orsi con i soldi dei
        contribuenti.

        Homer: "NIENTE ORSI IN GIRO! La pattuglia-orsi
        sta
        funzionado!"
        Lisa. "Il tuo é un ragionamento capzioso, papà"
        Homer (accarezzandole la testa). "grazie tesoro"
        Lisa (stizzita, raccoglie un sasso): "secondo la
        tua logica questo sasso terrebbe lontane le
        tigri"
        Homer: "e come funziona?"
        Lisa: "NON FUNZIONA! é soltanto uno stupido
        sasso... ma io non vedo nessuna tigre, e
        tu?"mai vista citazione più dotta utilizzata nel momento più opportuno! QiT!
      • Cavallo GolOso scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da: soulista
        Cito dai mastri di vita, i Simpson:

        dopo il primo e unico arrivo di un orso a
        Springfield, la cittadinanza richiede misure
        drastiche. Viene allora istituita la pattuglia
        orsi con i soldi dei
        contribuenti.

        Homer: "NIENTE ORSI IN GIRO! La pattuglia-orsi
        sta
        funzionado!"
        Lisa. "Il tuo é un ragionamento capzioso, papà"
        Homer (accarezzandole la testa). "grazie tesoro"
        Lisa (stizzita, raccoglie un sasso): "secondo la
        tua logica questo sasso terrebbe lontane le
        tigri"
        Homer: "e come funziona?"
        Lisa: "NON FUNZIONA! é soltanto uno stupido
        sasso... ma io non vedo nessuna tigre, e
        tu?"LOLgrazie :')
      • Riot scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-

        Cito dai mastri di vita, i Simpson:

        dopo il primo e unico arrivo di un orso a
        Springfield, la cittadinanza richiede misure
        drastiche. Viene allora istituita la pattuglia
        orsi con i soldi dei
        contribuenti.

        Homer: "NIENTE ORSI IN GIRO! La pattuglia-orsi
        sta
        funzionado!"
        Lisa. "Il tuo é un ragionamento capzioso, papà"
        Homer (accarezzandole la testa). "grazie tesoro"
        Lisa (stizzita, raccoglie un sasso): "secondo la
        tua logica questo sasso terrebbe lontane le
        tigri"
        Homer: "e come funziona?"
        Lisa: "NON FUNZIONA! é soltanto uno stupido
        sasso... ma io non vedo nessuna tigre, e
        tu?"Homer: "Voglio comprare il tuo sasso."Lisa fa per ribattere qualcosa ma poi accetta.;)
    • avvelenato scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.
      Io penso che con le nuove tecnologie si possa trovare il dna del generale Bava Beccaris per poterlo clonare, sarebbe l'ideale per garantire sia sicurezza e prevenzione (dello stato dai cittadini), sia maggior libertà (degli oligopoli costituiti di fregare la povera gente).
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      intelligence *sul campo* .sviluppo economico nei paesi dove i terroristi vengono reclutati .guerra mediatica .i terroristi non si sconfiggono su internet .
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da:
        intelligence *sul campo* .
        sviluppo economico nei paesi dove i terroristi
        vengono reclutati
        .
        guerra mediatica .
        i terroristi non si sconfiggono su internet .Appunto!!Maledizione, hai capito che ora sono *queste* le idee strane? Quelle di Casteredandblue sono normali!! Anche un bambino, _non_ottenebrato_ si accorge che sono tutti palliativi, tutte balle, che tutte queste "misure eccezionali" a tutto servono fuorché a contrastare l'attività di qualsivoglia organizzazione terroristica, reale o ipotetica, ma no! chi si chiede: "ma non sarà che ci stanno prendendo un pochino per il cu_o" è un anormale... ed è proprio per questo modo di pensare della collettività che è possibile che accada quello che è accaduto: guerre in irak e afghanistan quando i (presunti)terroristi dell'11/9 erano 15 sauditi e 4 egiziani... Ma se lo dice Bush, con tutta l'autorevolezza che lo contraddistingue, lui, ex (quanto ex?) alcolizzato, figlio di una delle più potenti famiglie di petrolieri del mondo, in affari coi bin laden da non so quante decide di anni... più autorevole di così! Ma no, se noti queste (e altre 9999) stranezze, sei anormale.Se ti bevi le teorie più fantasiose, colorite (queste si) e piene di contraddizioni sei normale. Se invece provi a ragionare sei strano, ti danno del complottista, ti insultano.Gente che magari non ha mai letto un libro di storia. Che magari ha due fiorentine belle spesse e con l'osso sugli occhi da decenni.Ma in realtà penso che qui nel forum, chi insulta chiunque osi mettere in dubbio la versione ufficiale sia in realtà uno o al massimo due pazzi scriteriati e/o prezzolati, anche perché in effetti non ho ancora visto opporre uno ed un solo argomento da codesti 'paladini' della verità.(newbie)
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      La questione è piu' tosto semplice: non essendoci una minaccia globale maggiore a partire dall'11/9 2001, non si vede perchè si debba maggiorare la restrizione delle libertà individuali.Oltre cio', fino a prova contraria, l'assioma 'piu' controllo == piu' sicurezza' e' particolarmente stupido, oltre che falso. Se mai e' vero il contrario, ovvero ' maggiore liberta' == maggiore sicurezza'.Poichè io - individuo - sono piu' sicuro, e piu' tutelato, quando ho la libertà di difendermi da chi che sia. Non quando questa libertà mi viene limitata dallo stato di emergenza di turno
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da:
        Poichè io - individuo - sono piu' sicuro, e piu'
        tutelato, quando ho la libertà di difendermi da
        chi che sia. questa è la scusa per armare il paese, però, non dimentichiamolo.e - secondo la tesi di alcuni - basta iniettare PAURA in un popolo armato, per peggiorare la situazione generale.
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-

      Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in
      particolare modo i "grandi sistemi", senza mai
      proporre qualcosa di
      concreto.Oppure parlare senza aver letto no? I primi link che ho trovatohttp://punto-informatico.it/p.asp?id=1435973http://punto-informatico.it/p.asp?id=1430903http://punto-informatico.it/p.asp?id=1419584http://punto-informatico.it/p.asp?id=1458697http://punto-informatico.it/p.asp?id=1592613Le soluzioni ci sono e le propone proprio il Calamaro
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-


      Tralascio del tutto il paragone con Hitler ed il
      Nazismo tanto caro anche a Wakko (il paragone,
      non il nazismo :D )..
      :s
      Wakko :| Pronunciando questo nome potresti avere la polizia in casa tra pochi minuti! Se non usi Tor sei fregato amico! (anonimo)
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.

      (è la stessa domanda che ho posto ieri al Sig.
      Mantellini su questi
      forum)

      Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in
      particolare modo i "grandi sistemi", senza mai
      proporre qualcosa di
      concreto.

      Ieri, per la stessa domanda, ho ottenuto come
      unica risposta un "Non facciamo niente, niente
      restrizioni niente difese, lasciamo stare tutto
      come era", per la
      cronaca.

      ps: questa storia dei sequestri dei nodi Tor non
      ha nulla a che fare col terrorismo, ma visto che
      è stato tirato in ballo l'11 Settembre credo che
      questo post in qualche maniera possa essere In
      Topic.


      Tralascio del tutto il paragone con Hitler ed il
      Nazismo tanto caro anche a Wakko (il paragone,
      non il nazismo :D )..
      :s


      Ciao e scusatemi se passo spesso per provocatore,
      mi sembra di avere idee "normali" (termine
      brutto, diciamo "condivise da tanti altri") ma su
      Internet ormai mi son fatto l'idea che a scrivere
      siano perlopiù quelli le cui idee nella vita
      reale passerebbero se non per strane, diciamo
      "colorite" (non mi riferisco all'articolo in
      questione).. senza offesa ovviamente.. è una
      constatazione
      personale..

      Ciao
      . :D .Dici: Senza soluzioni alternative bisogna farsi andare bene la soluzione che c'è... Con la stessa logica, invertendo i termini, potremmo dire invece che bisogna farsi andare bene la soluzione alternativa, visto che la soluzione non c'è.Come vedi la tua è una logica assolutamente inutile.
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da:
        Come vedi la tua è una logica assolutamente
        inutile.Non è inutile, è inesistente :(
    • Cavallo GolOso scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-

      - Scritto da: casteredandblueUna delle cose che mi lasciano più perplesso forse è la frase "ma su Internet ormai mi son fatto l'idea che a scrivere siano perlopiù quelli le cui idee nella vita reale passerebbero se non per strane, diciamo "colorite". Dimenticando per un attimo che ci stai scrivendo pure tu leggiamola con "a telefono" al posto di "su internet" e ne troveremo tutta l'assurdità, non trovi caster?Oppure "la gente con i capelli X" (corti, scuri, chiari, biondi, con le treccine, rasta, rasati...) Quanto valore hanno queste considerazioni allora?Spesso sono le persone che scrivono i LIBRI a non poter entrare in un bar e poter sparare due cazzate in allegria... perchè? Perchè per non essere considerati strani bisogna essere mediocri e uniformarsi alla media.Chiedilo ad un qualsiasi arabo o cinese che voglia aprire un locale... ascolta e ripete, ascolta e ripete. La gente dice cazzate? Lui le ripete. Magari pensa peste e corna di te, ma non lo dice, magari è un ingegnere in patria, ma non lo lascia trasparire: deve vendere panini, far entrare la gente, sorridere... come al bar da Gianni ... al posto di Gianni c'è Hu-Wong... e così fa "discorsi normali".Questo (non esporre le idee non conformi alla media pubblica) fa si che la gente dica "sei uno normale".Certo, poi non consideriamo che spesso studiamo a scuola o per conto nostro come "esemplare", migliore, superiore il pensiero di chi normale non è , di chi ha detto qualcosa di difforme dal pensiero corrente, talvolta di "rivoluzionario" (che non è una parola negativa)... Il fantozzi che dice "questa è una cagata pazzesca" è l'unico che parla, mentre il pubblico prima silente, poi acclama.Naturalmente è poi magari l'unico a finire con le ginocchia sui ceci... ma sotto sotto il suo pensiero era condiviso, anche se per timore non veniva espresso. Comprensibile, il timore, ma non diamogli valore: va compatito, non condannato... ma elogiarlo addirittura e renderlo una base per valutare positivamente la media del pensiero mondiale, mi pare un po' troppo.La gente spesso non esprime pensieri, che tuttavia formula continuamente.
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.escludi internet e la data retention e poni questa domanda a chi dovrebbe prevenire il crimine nelle strade e in città, tradizionalmente, da sempre.Sta cambiando qualcosa negli ultimi 40 anni?Si fa qualcosa? Pensa a Napoli... hai visto che succede?Iniziamo da li.Vedrai che in una città dove per i nostri stessi connazionali nuocere agli altri non è la norma, ci saranno anche meno possibilità per crimini più gravi, complotti e macchinazioni terroristiche.Tutto questo senza mai citare o muovere un dito contro internet.Provenzano usava i pizzini, mica internet, giusto?Inoltre: sai che una cosa è sbagliata. Indicarla e non farla, non significa trovare l'alternativa. Ma continuare a fare quella sbagliata significa fregarsene del tutto, a mio avviso.
      (è la stessa domanda che ho posto ieri al Sig.
      Mantellini su questi
      forum)ho trovato risposte a questa domanda. Quelle che ignori mi pare siano sempre quelle che ti ricordano che se non hai una soluzione, questo non ti vieta di riconoscere una soluzione sbagliata e deleteria e di porvi fine.Se sei malato di cancro, salassi e sanguisughe non sono la soluzione. Per ora però il cancro si cura ben poco. Questo ci vieta di riconoscere che un elettroshock o le sanguisughe (un tempo considerate un trattamento medico efficace) siano da evitarsi assolutamente?No. Dunque non è necessario conoscere la cura per il cancro per dire che le sanguisughe non si devono usare.E non è necessario avere la soluzione al terrorismo internazionale per dire che distruggere la libertà e lo stato di diritto, il progresso sociale e politico in europa a colpi di emergenza non è una condotta accettabile.Non fare niente non è la soluzione... ma non fiatare solo perchè non hai una alternativa è altrettanto irresponsabile.
      Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in
      particolare modo i "grandi sistemi", senza mai
      proporre qualcosa di
      concreto.Meglio partire dalle cose semplici. Oppure dobbiamo pensare che "siccome è semplice non si fa"?Io prima di iniziare a costruire un palazzo preferisco ricordarmi che ingerire catrame non fa bene alla salute , oppure che fare il cemento usando la farina non è conveniente. E' semplice, però lo faccio PRIMA delle cose complesse (o complicate).
      ps: questa storia dei sequestri dei nodi Tor non
      ha nulla a che fare col terrorismo, ma visto che
      è stato tirato in ballo l'11 Settembre credo che
      questo post in qualche maniera possa essere In
      Topic.Ok, nessuno ti metterà alla gogna nella pubblica piazza per questo OT, però tu non ignorare il motivo per il quale è stato menzionato l'11 settembre: ci sono argomenti-chiave che vengono usati come pretesti per forzare in modo autoritario lo stato di diritto che è invece una di quelle componenti fondamentali che diciamo di voler difendere, magari dal terrorismo, dall'islam, dallo straniero ... dal nemico.Allora noi non dobbiamo attaccarlo. Qualsiasi cosa decidiamo di fare, non intacchiamo le nostre libertà: non si capisce come proprio chi dice queste parole ("hanno vinto quando ci fanno cambiare il nostro stile di vita, sono nemici della libertà, odiano la nostra cultura") poi sia proprio chi mette in atto per primo modifiche, forzature, apra crepe e dia inizio ad incrinature, spaccature... faccia traballare ciò che dice di difendere.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 11.12-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 11.12
        --------------------------------------------------Sei un grande. Bravissimo.
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 11.12
        --------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 11.12
        --------------------------------------------------QUOTO TUTTOLa riservatezza la lasciano a chi non sa che farsene, e agendo nel mondo reale, non ha nessun tipo di controllo e può fare tutti i danni che vuole senza prevenzione. (Eccetto che negli aeroporti forse e dove ci sono i poliziotti di quartiere :D ) La tolgono invece a quelli che ne hanno bisogno per non essere imbavagliati. Sarebbe come togliere la segretezza del voto, nelle urne e in parlamento. Esattamente la stessa cosa.
      • cico scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da: Cavallo GolOsoMolto bravo! Ottima sintesi ricca di analogie semplici ma efficaci.
        • Anonimo scrive:
          Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
          sarà il solito calamaro :D
          • Cavallo GolOso scrive:
            Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
            - Scritto da:
            sarà il solito calamaro :DNon avresti potuto fami un complimento più grande.Ma ovviamente non è così ;)E mi associo a chi lo ringrazia!
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da: Cavallo GolOso

        - Scritto da: casteredandblueottimo post.ovviamente quoto tutto,e noto che in questo forum vi sono ancora persone con la testa in funzione.molto bene.ancora complimenti,ciao(amiga)
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.
      [cut]bisogna chiedersi se la sicurezza assoluta è proprio quello che vuoi ed è proprio la cosa più importante.pensaci bene qual'è la prima causa di morte accidentale: gli attentati terroristici?No, la prima causa di morte accidentale sono gli incidenti automobilistici, eppure questi non sono considerati nulla di speciale e nessuno mai rinuncerebbe alla libertà di potersi muovere con l'indipendenza che da' l'automobile.Ora, vale la pena di correre maggiori rischi se si vuole conservare la libertà di parola e il diritto alla riservatezza? io penso di sì.bisogna agire favorendo l'eliminazione della povertà (che si riconduce a ridefinire i diritti delle persone giuridiche(i.e. aziende multinazionali che prosciugano il mondo) e non di quelle fisiche), non togliendo la libertà alla gente.
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.minacce del terrorismo, eh?forse potrebbe essere interessante rimuovere dal campo di gioco non solo i terroristi, quanto anche chi li abbia creati e/o plasmati.Se come ti e' gia' stato fatto notare la prima causa di morte nei nostri paesi sono le automobili, le malattie cardiopatiche, l'obesita' e rimanere vittima di un atto terroristico si avvicina alla probabilita' di essere colpiti da un fulmine (capita, certo, ma quante volte?) vale forse la pena ricordare PERCHE' siamo arrivati a questo punto:http://loosechange911.comhttp://milwaukee.indymedia.org/en/2006/05/205461.shtmlhttp://nomoregames.net
      • Anonimo scrive:
        Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
        - Scritto da:
        e rimanere vittima di un atto terroristico si
        avvicina alla probabilita' di essere colpiti da
        un fulmine Non scherziamo.E' molto più probabile essere uccisi (non semplicemente colpiti) da un fulmie che da un terrorista.Curiosamente non ci sono progetti di costruire enormi cupole protettive sopra le nostre città...
        • Anonimo scrive:
          Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
          - Scritto da:
          - Scritto da:


          e rimanere vittima di un atto terroristico si

          avvicina alla probabilita' di essere colpiti da

          un fulmine

          Non scherziamo.
          E' molto più probabile essere uccisi (non
          semplicemente colpiti) da un fulmie che da un
          terrorista.molto più probabile è solo un eufemismo, parliamo di ordini di grandezza con il numero di vittime attuali
          Curiosamente non ci sono progetti di costruire
          enormi cupole protettive sopra le nostre
          città...ehehhehehe 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-

      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.la trasparenza degli atti governativi, la stampa libera e nessun anatema su notizie scomode, la non ingerenza di nazioni e corporation nella sovranità degli stati esteri, una giustizia non influenzabile dallo status degli indagati
      Mi sembra troppo semplice criticare sempre, in
      particolare modo i "grandi sistemi", senza mai
      proporre qualcosa di concreto.cioé meglio un'idea di cacca che nessuna idea ?allora sei a posto
    • reXistenZ scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-

      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.Perché tu ti senti minacciato dal terrosimo dopo l'11 settembre 2001?
      Ieri, per la stessa domanda, ho ottenuto come
      unica risposta un "Non facciamo niente, niente
      restrizioni niente difese, lasciamo stare tutto
      come era", per la
      cronaca.Infatti, mi sembra la risposta più intelligente.Vorrei ribaltare il discorso: pensi che quello che è stato fatto dal nostro e da altri governi sia equilibrato e ti faccia sentire più al riparo dal terrorismo?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 settembre 2006 19.06-----------------------------------------------------------
    • mr_setter scrive:
      Re: "..diritti civili in Rete dopo l'11-
      - Scritto da: casteredandblue
      Tralasciando per un momento il contenuto
      specifico della notizia, vorrei sapere, se
      possibile, qual è la ricetta del Sig. Calamari
      per evitare restrizioni alle nostre libertà ed
      allo stesso tempo garantire una maggiore
      sicurezza e prevenzione verso le minacce del
      terrorismo post 11
      Settembre.Ma davvero credi alla favola delle minacce terroristiche musulmane al mondo occidentale?Un piccolo approfondimento sulla tipologia e sui rapporti economico-politici della nomenclatura arabo-musulmana fatta a braccetto con quella statunitense in questi ultimi 15 anni ti sarebbe illuminante...LV&P O)
  • Anonimo scrive:
    senza imputazioni
    prima li arrestano poi cercano le prove:| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :| :|
    • Anonimo scrive:
      Re: senza imputazioni
      Cosa pretendi??? Mi sembra logico! Se non hai un colpevole come fai a produrre le prove...Bush è il maestro di tutto ciò: ha pensato tre settimane (citazione da Farheneit 9/11) "Who did screw me?", poi ha ripiegato su Bin Laden e figurati che in un incentro che ha sciolto (dicono loro) i pilastri delle due torri (acciaio inox 18/10) sono riusciti a trovare i passaporti dei dirottatori. Certo che in Arabia Saudita sono avanti! :P Fanno i passaporti in amianto per rendere i terroristi rintraciabili. Se questa non è civiltà!
      • Anonimo scrive:
        Re: senza imputazioni
        - Scritto da:
        figurati che in un incentro che ha sciolto
        (dicono loro) i pilastri delle due torri (acciaio
        inox 18/10)Nessun ha mai detto che l'acciaio si e' sciolto, ti sfido a trovare le documentazioni a riguardo. Per far cedere una struttura in acciaio basta che questo diventi debole.A 1000°C ha soltanto il 10% della normale capacità di carico. Fai un po' te...
        sono riusciti a trovare i passaporti
        dei dirottatori.Storia lanciata e poi ritirata come falsa.Informati meglio.
        Se questa non è civiltà!Gia', legittima la tua rabbia, il mondo e' molto malvagio peccato che hai detto cose false e questo ti toglie punti.
        • Anonimo scrive:
          Re: senza imputazioni
          - Scritto da:
          - Scritto da:


          figurati che in un incentro che ha sciolto

          (dicono loro) i pilastri delle due torri
          (acciaio

          inox 18/10)

          Nessun ha mai detto che l'acciaio si e' sciolto,
          ti sfido a trovare le documentazioni a riguardo.
          Per far cedere una struttura in acciaio basta che
          questo diventi
          debole.
          A 1000°C ha soltanto il 10% della normale
          capacità di carico. Fai un po'
          te...Hai detto una bella cazzata. Renditene conto.Dove sono andati a sbattere gli aerei c'erano persona affacciate sullo squarcio che chiedevano aiuto, c'erano anche persone sui piani superiori ed inferiori. Che chiedevano aiuto. E c'erano pure i pompieri a quei piani che tramite radio hanno communicato "qui l'incendio è stato spento senza problemi, ma ci sono molti feriti".Forse i pilastri portanti delle torri si sono "indeboliti" a 1000°C ... ma quelle persone non di certo. Probabilmente avrebbero dovuto costruire le TwinTower con persone e non con acciaio cosi da reggere meglio ad un incendio.Aggiungo che 3 edifici del complesso del WTC sono crollati per incendi, e mai nessun palazzo moderno, neppure nei paesi in via di sviluppo è MAI crollato per un incendio.Ma il 9/11 sono accaduti i "miracoli"-cellulari che prendono perfettamente a 10000 metri di quota.-palazzi che crollano per piccoli incendi (vedi WTC7)-aviazione militare tenuta a terra.-aerei che evaporano nell'impatto con il suolo (vedi united93 in confronto ad altri incidenti aerei)mi fermo perchè solo un mentecatto può credere alla versione ufficiale di quello che è accaduto il 9/11 negli States.nota: patriot act
          • Anonimo scrive:
            Re: senza imputazioni
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:




            figurati che in un incentro che ha sciolto


            (dicono loro) i pilastri delle due torri

            (acciaio


            inox 18/10)



            Nessun ha mai detto che l'acciaio si e' sciolto,

            ti sfido a trovare le documentazioni a riguardo.

            Per far cedere una struttura in acciaio basta
            che

            questo diventi

            debole.

            A 1000°C ha soltanto il 10% della normale

            capacità di carico. Fai un po'

            te...

            Hai detto una bella cazzata. Renditene conto.
            Dove sono andati a sbattere gli aerei c'erano
            persona affacciate sullo squarcio che chiedevano
            aiuto, c'erano anche persone sui piani superiori
            ed inferiori. Che chiedevano aiuto.Ma tu lo sai che c'erano degli incendi nei palazzi?
            E c'erano
            pure i pompieri a quei piani che tramite radio
            hanno communicato "qui l'incendio è stato spento
            senza problemi, ma ci sono molti
            feriti"."qui" dove?A proposito, il fumo, tutti barbeque, giusto?E il carburante di aereo, non bruciava vero?E i testimoni che riportano di furiosi incendi mentono giusto?A proposito di mentecatti, ehehe
            Forse i pilastri portanti delle torri si sono
            "indeboliti" a 1000°C ... ma quelle persone non
            di certo. Probabilmente avrebbero dovuto
            costruire le TwinTower con persone e non con
            acciaio cosi da reggere meglio ad un
            incendio.

            Aggiungo che 3 edifici del complesso del WTC sono
            crollati per incendi, e mai nessun palazzo
            moderno, neppure nei paesi in via di sviluppo è
            MAI crollato per un
            incendio.Per forza, erano tutti di cemento.Ma mai nessun palazzo di metallo ha ricevuto lo schianto di un aereo.
            Ma il 9/11 sono accaduti i "miracoli"Si, la poca intelligenza e' scomparsa.
            -cellulari che prendono perfettamente a 10000
            metri di
            quota.Erano telefoni di bordo, quelli prendono.E si sa da un pezzo che hanno usato quelli.
            -palazzi che crollano per piccoli incendi (vedi
            WTC7)Piccolissimi, davvero come le tue prove, peccato per le foto che testimoniano il contrario.
            -aviazione militare tenuta a terra.Nel 1999, l'intercettazione dell'aereo di Payne Stewart richiese settantasei minuti.Anche nell'era post-11 settembre, il 5 gennaio 2002, un Cessna 172R rubato riuscì a sorvolare la base aerea McDill del Comando Centrale statunitense e il pilota, il quindicenne Charles Bishop, andò intenzionalmente a schiantarsi al ventottesimo piano del grattacielo Bank of America a Tampa, in Florida, prima ancora che il NORAD fosse allertato. L'allarme raggiunse il NORAD alle 17:13, circa dieci minuti dopo lo schianto; i caccia furono allertati alle 17:16. Decollarono dalla base di Homestead, a circa 430 km di distanza, alle 17:21, e iniziarono il pattugliamento sopra Tampa alle 17:45.Giugno 2002 un Cessna 182 entrò nello spazio aereo della Casa Bianca, ma gli F-16 della base di Andrews ricevettero l'ordine di decollo sette minuti dopo e decollarono diciassette minuti dopo l'allarme.Tutto vero, provato, accaduto. Come vedi, non fecero in tempo.
            -aerei che evaporano nell'impatto con il suolo
            (vedi united93 in confronto ad altri incidenti
            aerei)Non e' evaporato un bel nulla.In gran parte e' bruciato e non tutto, ci sono tanti resti, e grandi, che ignori perche' sei di parte.Proprio come accade in altri incidenti aerei che tu ignori.http://photos1.blogger.com/blogger/936/3013/1600/elalcrash1092www.jpghttp://aviation-safety.net/database/record.php?id=19921004-2
            mi fermo perchè solo un mentecatto può credere
            alla versione ufficiale di quello che è accaduto
            il 9/11 negli States.Infatti. Quello che ti dico si basa su tutti i dati raccolti dalla stampa indipendente di tutto il globo.
          • m00f scrive:
            Re: senza imputazioni
            Sei molto informato ma ho dei dubbi.perchè al pentagono c'era solo un foro di meno di 3m di diametro e tutte le finestre intorno erano perfettamente intatte?com'è possibile che 2 perfetti imbecilli che non avevano mai pilotato un 757 siano riusciti a farli compiere manovre da squadriglia acrobatica?perchè le migliaia di cam rivolte verso il pentagono sono svanite nel nulla?perchè c'è gente (tipo il benzinaio di fronte al pentagono) che sono stati "consigliati" su quel che avrebbero dovuto raccontare?dove sono finiti la coda ed i motori dell'aereo schiantato in campagna?di aerei che si schiantano su palazzi ce ne sono a vagonate nel corso della storia e mai si è visto un palazzo crollare per questo motivo.perchè tutti i famigliari delle vittime del 9/11 sono incazzati neri e dicono che le commissioni d'inchiesta hanno sparato merda su merda?
          • Anonimo scrive:
            Re: senza imputazioni
            - Scritto da: m00f
            di aerei che si schiantano su palazzi ce ne sono
            a vagonate nel corso della storia e mai si è
            visto un palazzo crollare per questo
            motivo.Guarda... io non credo alla versione ufficiale... però di aerei con la massa di quelli schiantatisi sull twin e *soprattutto* con quella velocità, non se ne sono mai visti nella storia.L'energia cinetica di un oggetto in movimento è 0.5*massa*velicità al quadrato... Sai a quanto viaggiavano gli aerei? 800km/h.
          • Anonimo scrive:
            Re: senza imputazioni
            sono stato un debunker.poi nell'arco di due giorni ho visto LooseChange 2ed (film di un'ora e rotti), reperibile all'URL http://loosechange911.com/e letto le note di Reynolds, amministrazione Bush negli anni 2001-2002:http://milwaukee.indymedia.org/en/2006/05/205461.shtmlehttp://nomoregames.net/e ancorahttp://911truth.org/911rtt/events.htmlFrancamente, dato l'argomento, nei confronti di ambedue le verita' possibili, forse sarebbe il caso di piantarla con stupidi contrasti, "mentecatti", "ehehehe" ed altre amenita' di questo tipo.Tor o non Tor, Windows o Linux....
          • Anonimo scrive:
            Re: senza imputazioni
            http://luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=1404
  • Anonimo scrive:
    La tutela della privacy
    Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è nell'interesse collettivo la violazione parziale, limitata a pochi soggetti autorizzati, della privacy di qualcuno, questa non può e non deve essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone in automatico la privacy di chi lo usa al di sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta quindi la decisione tedesca, e speriamo nella messa al bando per legge di TOR
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy
      - Scritto da:
      Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è
      nell'interesse collettivo la violazione parziale,
      limitata a pochi soggetti autorizzati, della
      privacy di qualcuno, questa non può e non deve
      essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone
      in automatico la privacy di chi lo usa al di
      sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non
      può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta
      quindi la decisione tedesca, e speriamo nella
      messa al bando per legge di
      TORAlla stessa stregua mettiamo al bando le automobili magari perchè sono usate per le rapine o meglio ancora la produzione di armi; la decisione individuale di quello che si fà con gli oggetti di produzione non può essere messa di sopra ad ogni altra cosa.*update*Facciamoci installare tutti una bella telecamera.
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è

        nell'interesse collettivo la violazione
        parziale,

        limitata a pochi soggetti autorizzati, della

        privacy di qualcuno, questa non può e non deve

        essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone

        in automatico la privacy di chi lo usa al di

        sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non

        può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta

        quindi la decisione tedesca, e speriamo nella

        messa al bando per legge di

        TOR

        Alla stessa stregua mettiamo al bando le
        automobili magari perchè sono usate per le rapine
        o meglio ancora la produzione di armi; la
        decisione individuale di quello che si fà con gli
        oggetti di produzione non può essere messa di
        sopra ad ogni altra
        cosa.
        *update*La questione è completamente diversa. L'uso di TOR non consente alla legge né a chi la deve far rispettare di intervenire in ogni caso, sia che commetta reato che non lo commetta. L'utilizzo della macchina per fare la rapina, o delle armi o di quello che vuoi non pone il delinquente al di fuori della legge. TOR, se lasciato prosperare, crea eserciti di persone che vivono fuori dal controllo della legge.
        Facciamoci installare tutti una bella
        telecamera.Nessuno dei seri oppositori di TOR prospetta un futuro di controllo globalizzato, ma nemmeno un futuro in cui non vi possa essere nessuna forma di controllo. C'è un abisso tra le due cose.
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy

          crea eserciti di persone che vivono fuori dal
          controllo della legge.ho un'orgasmo all'idea quindi
          C'è un abisso tra le due
          cose.e cosi assurdo come l'umanita si scava la fossa da sola quindi
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy
          Senti gli eserciti di persone che vivono fuori dal controllo della legge li trovi ogni giorno disperati davanti alle piazze delle stazioni, nel parcheggio del Lidl seduti su un gradino a bere birra e organizzare qualche furto.TOR non è che uno strumento come gli altri per cercare di proteggere un minimo la propria privacy.Le minacce all'occidente sono quasi tutte fasulle. Come molto fumosi sono questi video di Al Quaeda che arrivano puntualissimi poco prima dell'11/9 proprio per massimizzare l'effetto amplificato dall'anniversario dell'evento.Il fatto è che l'azione mediatica dei governi che vogliono il controllo sull'informazione per poter meglio indirizzare commercio e industria, e accrescere il potere politico è talmente pressante e ossessiva che ormai ha paura dei terroristi islamici pure l'abitante di Boccachiavica in provincia di Mantova, che mai e poi mai andrà nella metropolitana di Londra, o volerà negli USA.Ma quello che più mi deprime è il fatto che il cittadino di Boccachiavica sarà disposto ad andare a votare per svendere la propria libertà, per paura di minacce che non lo toccheranno mai nella sua insulza vita di campagna (con tutto il rispetto per la vita di campagna e i contadini).C'è un problema di fondo di proporzioni che la gente non riesce a comprendere quando la sua mente è offuscata e non va aldilà del box che contiene il cinescopio del proprio televisore.E cioè che ogni anno in qualsiasi paese muoiono ben oltre quelle 3000 persone morte negli attentati dell'11/9. E che quelle 3000 persone non valgono l'annullamento di diritti e libertà di milioni di altri individui in tutto il mondo.Senza contare che se realmente organizzati da fanatici islamici, perché ci sono grossi dubbi e cose poco chiare in tutti questi attentati specie quello nella metropolitana di Londra del quale si hanno pochi dettagli sulla dinamica dell'attentato, l'incazzatura dei fanatici islamici non arriva così casuale, per una pazzia collettiva mistico-religiosa, ma dopo decenni di sfruttamento e impoverimento delle popolazioni medio-orientali che hanno ricchezze come il petrolio che devono essere depredate dalle multinazionali, e ben poco resta a loro per migliorare le proprie condizioni di vita.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Senti gli eserciti di persone che vivono fuori
            dal controllo della legge li trovi ogni giorno
            disperati davanti alle piazze delle stazioni, nel
            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a bere
            birra e organizzare qualche
            furto.
            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il carabiniere di turno chiede i documenti e accerta l'identità di queste persone. Se non ha i documenti, vieni prelevato e ti fermano finché non riescono ad accertare chi sei. Con TOR questo non si può fare.
            TOR non è che uno strumento come gli altri per
            cercare di proteggere un minimo la propria
            privacy.
            Non si parla di proteggere un minimo ma di girare completamente anonimi, senza nessuna possibilità di identificazione, in rete. Sono due cose distinte.
          • Riot scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il
            carabiniere di turno chiede i documenti e accerta
            l'identità di queste persone. Se non ha i
            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché
            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR questo
            non si può
            fare.Esatto. Si chiamano indagini. Non sono mai una cosa semplice e quando lo sono vuol dire che sei in uno stato di polizia.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da: Riot

            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il

            carabiniere di turno chiede i documenti e
            accerta

            l'identità di queste persone. Se non ha i

            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché

            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR
            questo

            non si può

            fare.

            Esatto. Si chiamano indagini. Non sono mai una
            cosa semplice e quando lo sono vuol dire che sei
            in uno stato di
            polizia.Non serve il mandato di un giudice per accertare l'identità di una persona in strada. Ed inoltre vorrei far presente che TOR rende impossibili anche le indagini
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da: Riot


            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il


            carabiniere di turno chiede i documenti e

            accerta


            l'identità di queste persone. Se non ha i


            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché


            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR

            questo


            non si può


            fare.



            Esatto. Si chiamano indagini. Non sono mai una

            cosa semplice e quando lo sono vuol dire che sei

            in uno stato di

            polizia.

            Non serve il mandato di un giudice per accertare
            l'identità di una persona in strada. Ed inoltre
            vorrei far presente che TOR rende impossibili
            anche le
            indaginie io vorrei farti presente che in alcuni stati ciò è solo il riflesso di un giro di vite conseguente l'11 settembrenegli stati uniti, ad esempio, hanno sempre preso per pazzi quei paesi dove dovevi girare con la carta d'identitàoggi non hanno ancora fatto digerire completamente la cosa alla popolazione, ma intanto se ti rifiuti di collaborare per gli accertamenti ti portano in centraleirrilevante in ogni caso, considerando la semplicità per avere documenti falsi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da: Riot



            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il



            carabiniere di turno chiede i documenti e


            accerta



            l'identità di queste persone. Se non ha i



            documenti, vieni prelevato e ti fermano
            finché



            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR


            questo



            non si può



            fare.





            Esatto. Si chiamano indagini. Non sono mai una


            cosa semplice e quando lo sono vuol dire che
            sei


            in uno stato di


            polizia.



            Non serve il mandato di un giudice per accertare

            l'identità di una persona in strada. Ed inoltre

            vorrei far presente che TOR rende impossibili

            anche le

            indagini

            e io vorrei farti presente che in alcuni stati
            ciò è solo il riflesso di un giro di vite
            conseguente l'11
            settembre

            negli stati uniti, ad esempio, hanno sempre preso
            per pazzi quei paesi dove dovevi girare con la
            carta
            d'identità
            L'identità comunque la potevano accertare, anche se non c'era l'obbligo di avere documenti con sé.
            oggi non hanno ancora fatto digerire
            completamente la cosa alla popolazione, ma
            intanto se ti rifiuti di collaborare per gli
            accertamenti ti portano in
            centrale

            irrilevante in ogni caso, considerando la
            semplicità per avere documenti
            falsiAvere documenti falsi è reato.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Avere documenti falsi è reato.certamente quindi non ne teniamo conto nell'equazionecercare di applicare la logica stretta alla sociologia non porta a nulla, o porta solo ad aberrazioni
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Avere documenti falsi è reato.

            certamente quindi non ne teniamo conto
            nell'equazioneInvece ne tengo conto, eccome. TOR è l'equivalente dei documenti falsi su internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Avere documenti falsi è reato.



            certamente quindi non ne teniamo conto

            nell'equazione

            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è
            l'equivalente dei documenti falsi su
            internet.Niente di più falso. Ragionamento capziosissimo.Vaneggi?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            Avere documenti falsi è reato.





            certamente quindi non ne teniamo conto


            nell'equazione



            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è

            l'equivalente dei documenti falsi su

            internet.

            Niente di più falso. Ragionamento capziosissimo.
            Vaneggi?Per cosa usi tor se non per nascondere la tua vera identità? E a cosa servono i documenti falsi se non a nascondere la tua vera identità?No, spiegmalo tu, che sono curioso.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:




            Avere documenti falsi è reato.







            certamente quindi non ne teniamo conto



            nell'equazione





            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è


            l'equivalente dei documenti falsi su


            internet.



            Niente di più falso. Ragionamento capziosissimo.

            Vaneggi?

            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua
            vera identità? E a cosa servono i documenti falsi
            se non a nascondere la tua vera
            identità?TOR funziona quasi esattamente come la posta. Internet funziona come la posta ma con le buste trasparenti e la garanzia di sapere in maniera quasi precisa attraverso quali mani la busta è passata.TOR quasi esattamente come la posta perché per la posta normale c'é la possibilità di aprire il plico in ogni punto che transita (sia autorità che postali che fregano l'assegno), mentre in TOR puoi aprire il plico solo dal nodo che esce in chiaro in poi.Internet di sapere in maniera quasi precisa attraverso quali mani passa la busta perché c'é sempre la possibilità di modificare i log.Non capisco proprio per quale motivo chi si scandalizza per l'impossibilità di rintracciare l'identità via TOR, non si scandalizzi del fatto che non lo si possa fare con la posta ordinaria.E dire che nel mondo reale si consumano ben più reati (e di ben altra entità) di quanti non se ne consumino su interdet :
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:





            Avere documenti falsi è reato.









            certamente quindi non ne teniamo conto




            nell'equazione







            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è



            l'equivalente dei documenti falsi su



            internet.





            Niente di più falso. Ragionamento
            capziosissimo.


            Vaneggi?



            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua

            vera identità? E a cosa servono i documenti
            falsi

            se non a nascondere la tua vera

            identità?

            TOR funziona quasi esattamente come la posta.
            No, i dettagli tencnici non mi interessano e li conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per cui utilizzi TOR. Sto aspettando.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            Sono ancora un'altroIo uso tor per accedere al mio computer dentro la "lan" di fastweb dall'esterno e per criptare tutto i dati che mi scambio con codesto server, per navigare senza che i webmaster dei siti sappiano vita morte e miracoli del mio IP e, quindi, non ritrovarmi pieno di spamming, per essere sicuro che il mio homebanking sia davvero sicuro e, perchè no, per avere una conversazione davvero privata con la mia fidanzata via chat.Ma visto che sei tanto informato tu per cosa lo usi?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Sono ancora un'altro

            Io uso tor per accedere al mio computer dentro la
            "lan" di fastweb dall'esterno e per criptare
            tutto i dati che mi scambio con codesto server,
            per navigare senza che i webmaster dei siti
            sappiano vita morte e miracoli del mio IP e,
            quindi, non ritrovarmi pieno di spamming, per
            essere sicuro che il mio homebanking sia davvero
            sicuro e, perchè no, per avere una conversazione
            davvero privata con la mia fidanzata via
            chat.
            Ma visto che sei tanto informato tu per cosa lo
            usi?da quando i siti che conoscono il tuo ip possono fare spam?Credevo ci volesse l'indirizzo email.. :DDai almeno inventane di migliori..Immagino che, sempre per conversare con la tua fidanzata, come telefono tu ti sia comprato un cryptophone..Se è così, altro che Tor, ti consiglio uno psichiatra, devi curare la paranoia.. :sps: per far shopping in centro usi un passamontagna?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            da quando i siti che conoscono il tuo ip possono
            fare spam?Da quando, la maggior parte degli utenti usa Outlook e tramite scriptini magligni è possibile accedere alla sua rubrica. Sapere un IP di un client winzozz con una certa versione di IE aiuta parecchio. Oltretutto sai che in quel momento è collegato.
            Credevo ci volesse l'indirizzo email.. :DBeata ignoranza.
            Dai almeno inventane di migliori..Ci proverò, ma mi sa che mi batti.
            Immagino che, sempre per conversare con la tua
            fidanzata, come telefono tu ti sia comprato un
            cryptophone..No, ma mi sta sul piffero che quelli della M$ abbiano tutto loggato sul loro server quando uso MSN. Una criptatina mi fa sentire più protetto.
            Se è così, altro che Tor, ti consiglio uno
            psichiatra, devi curare la
            paranoia..Tor è gratis, sai com'è.Semplicemente non vedo perchè mi dovrei fidare di sconosciuti, tu ti fidi di tutti quelli che incontri per strada?
            ps: per far shopping in centro usi un
            passamontagna?No, ma non uso le tessere punti. La carta di credito, ahimè si, ma che ci vuoi fare è tanto comoda.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            da quando i siti che conoscono il tuo ip possono

            fare spam?

            Da quando, la maggior parte degli utenti usa
            Outlook e tramite scriptini magligni è possibile
            accedere alla sua rubrica. Sapere un IP di un
            client winzozz con una certa versione di IE aiuta
            parecchio. Oltretutto sai che in quel momento è
            collegato.Tu usi outlook e ie? No, e allora non portarmela come motivazione all'uso di Tor, è una falsità.

            Credevo ci volesse l'indirizzo email.. :D

            Beata ignoranza.Dato per vero quanto hai scritto prima, nella stragrande maggioranza dei casi, sì, ci vuole un indirizzo email.

            Dai almeno inventane di migliori..

            Ci proverò, ma mi sa che mi batti. :s

            Immagino che, sempre per conversare con la tua

            fidanzata, come telefono tu ti sia comprato un

            cryptophone..

            No, ma mi sta sul piffero che quelli della M$
            abbiano tutto loggato sul loro server quando uso
            MSN. Una criptatina mi fa sentire più
            protetto.pensi che ai server msn freghi qualcosa di quel che dite tu e la tua fidanzatina?? Ah si, usi Tor per questo :|

            Se è così, altro che Tor, ti consiglio uno

            psichiatra, devi curare la

            paranoia..

            Tor è gratis, sai com'è.
            Semplicemente non vedo perchè mi dovrei fidare di
            sconosciuti, tu ti fidi di tutti quelli che
            incontri per
            strada?Allo stesso modo noi comunità in cui vivi non ci fidiamo di te che usi Tor e sei sopra la legge.Ti sei fregato con le tue stesse parole. ;)

            ps: per far shopping in centro usi un

            passamontagna?

            No, ma non uso le tessere punti. La carta di
            credito, ahimè si, ma che ci vuoi fare è tanto
            comoda.Sei un controsenso, su internet spingi per l'anonimato stile brigante e poi usi carte di credito? :o
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Tu usi outlook e ie? No, e allora non portarmela
            come motivazione all'uso di Tor, è una
            falsità.Criptatura preventiva, e non mi risulta sia un reato.
            Dato per vero quanto hai scritto prima, nella
            stragrande maggioranza dei casi, sì, ci vuole un
            indirizzo
            email.Davvero? hi hi hi
            pensi che ai server msn freghi qualcosa di quel
            che dite tu e la tua fidanzatina?? Ah si, usi Tor
            per questo
            :|Mai sentito parlare questioni di principio? E se venissero rubate? E se le leggessero i dipendenti per farsi 4 risate? Perchè dovrei fidarmi?
            Allo stesso modo noi comunità in cui vivi non ci
            fidiamo di te che usi Tor e sei sopra la
            legge.1° Parla solo per te, non sei una comunità ma un individuo. 2° Citami la legge, please. A me non risulta nessuna legge in tal senso.
            Ti sei fregato con le tue stesse parole. ;)Quindi tu ti fidi di chiunque o di nessuno? Non hai risposto. Inoltre prendere una mia domanda e farla diventare un mio pensiero è una distorsione della realtà. Le domande servono per capire come gli altri pensano.
            Sei un controsenso, su internet spingi per
            l'anonimato stile brigante e poi usi carte di
            credito?E' lo stile brigante che non collima. Comunque vivo in questo mondo e a qualche compromesso son costretto. Mai pensato di diventare Ghandi o santo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:
            pensi che ai server msn freghi qualcosa di
            quel che dite tu e la tua fidanzatina?? Ah
            si, usi Tor per questo
            :|Leggiti il rapporto della commissione europea su echelon e puoi farti un'idea di cosa puo' fare un'organizzazione in grado di intercettare informazioni.

            Semplicemente non vedo perchè mi dovrei

            fidare di sconosciuti, tu ti fidi di

            tutti quelli che incontri per strada?
            Allo stesso modo noi comunità in cui vivi
            non ci fidiamo di te che usi Tor e sei
            sopra la legge.Ma tu, comunita' in cui viviamo, ti fidi di te ?Cosa intendi per comunita' ? Il tuo quartiere ? Il tuo paese ? Il tuo stato ? La comunita' europea ? La Nato ?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:


            pensi che ai server msn freghi qualcosa di

            quel che dite tu e la tua fidanzatina?? Ah

            si, usi Tor per questo

            :|

            Leggiti il rapporto della commissione europea su
            echelon e puoi farti un'idea di cosa puo' fare
            un'organizzazione in grado di intercettare
            informazioni.



            Semplicemente non vedo perchè mi dovrei


            fidare di sconosciuti, tu ti fidi di


            tutti quelli che incontri per strada?

            Allo stesso modo noi comunità in cui vivi

            non ci fidiamo di te che usi Tor e sei

            sopra la legge.

            Ma tu, comunita' in cui viviamo, ti fidi di te ?
            Cosa intendi per comunita' ? Il tuo quartiere ?
            Il tuo paese ? Il tuo stato ? La comunita'
            europea ? La Nato
            ?Quoto : qui tutti parlano di una non ben precisata comunita', ma non si specifica mai di chi dovremmo fidarci.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            No, i dettagli tencnici non mi interessano e li
            conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per cui
            utilizzi TOR. Sto
            aspettando.(sono un altro)Comunicare.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            No, i dettagli tencnici non mi interessano e li

            conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per cui

            utilizzi TOR. Sto

            aspettando.

            (sono un altro)
            Comunicare.Comunicare lo puoi fare anche senza tor. TOR non aggiunge nulla da questo punto di vista. Quindi non è questa la risposta.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Comunicare lo puoi fare anche senza tor. TOR non
            aggiunge nulla da questo punto di vista. Quindi
            non è questa la
            risposta.Sbagliato.TOR non mi toglie nulla da questo punto di vista, quindi lo posso preferire esattamente come preferisco l'auto al motorino.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Comunicare lo puoi fare anche senza tor. TOR non

            aggiunge nulla da questo punto di vista. Quindi

            non è questa la

            risposta.

            Sbagliato.
            TOR non mi toglie nulla da questo punto di
            vista, quindi lo posso preferire esattamente come
            preferisco l'auto al
            motorino.No. Tra auto e motorino fai una scelta alternativa. TOR lo usi in AGGIUNTA ai tuoi normali strumenti, eppure secondo te non aggiunge e non toglie nulla. Strano vero? Potevi anche non usarlo quindi. O forse il motivo per cui usi TOR non è il semplice comunicare... forse manca qualcosa dopo comunicare, o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            No. Tra auto e motorino fai una scelta
            alternativa. TOR lo usi in AGGIUNTA ai tuoi
            normali strumenti, eppure secondo te non aggiunge
            e non toglie nulla. Strano vero? Potevi anche non
            usarlo quindi. esattamente come la decalcomania sulla fiancata dell'auto.
            O forse il motivo per cui usi TOR
            non è il semplice comunicare... forse manca
            qualcosa dopo comunicare, o
            no?Ah, anche, per esempio mandare una lettera d'amore alla mia ragazza che vive a pechino senza avere la certezza che qualche muso giallo con la stella sul berretto si legga quello che scrivo...Dici che dovrebbe essere proibito?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            No. Tra auto e motorino fai una scelta

            alternativa. TOR lo usi in AGGIUNTA ai tuoi

            normali strumenti, eppure secondo te non
            aggiunge

            e non toglie nulla. Strano vero? Potevi anche
            non

            usarlo quindi.

            esattamente come la decalcomania sulla fiancata
            dell'auto.
            Però, tutte queste persone che usano TOR solo per abbellire la propria comunicazione. A me suona molto ipocrita come risposta, comunque l'accetto e non proseguo oltre. Non avrebbe scopo.

            O forse il motivo per cui usi TOR

            non è il semplice comunicare... forse manca

            qualcosa dopo comunicare, o

            no?

            Ah, anche, per esempio mandare una lettera
            d'amore alla mia ragazza che vive a pechino senza
            avere la certezza che qualche muso giallo con la
            stella sul berretto si legga quello che
            scrivo...

            Dici che dovrebbe essere proibito?LOL. Il muso giallo la leggerebbe comunque. Al massimo dovresti criptare la mail, non rendere la tua comunicazione anonima.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:




            No, i dettagli tencnici non mi interessano e
            li


            conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per cui


            utilizzi TOR. Sto


            aspettando.



            (sono un altro)

            Comunicare.

            Comunicare lo puoi fare anche senza tor. TOR non
            aggiunge nulla da questo punto di vista. Quindi
            non è questa la
            risposta.No. Tu implichi che l'utilizzo di TOR sia solo al fine di non rivelare l'identità alle autorità. TOR invece protegge anche dagli abusi fatti dagli ISP, o dai postali se più ti aggrada.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:






            No, i dettagli tencnici non mi interessano e

            li



            conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per
            cui



            utilizzi TOR. Sto



            aspettando.





            (sono un altro)


            Comunicare.



            Comunicare lo puoi fare anche senza tor. TOR non

            aggiunge nulla da questo punto di vista. Quindi

            non è questa la

            risposta.

            No. Tu implichi che l'utilizzo di TOR sia solo al
            fine di non rivelare l'identità alle autorità.
            TOR invece protegge anche dagli abusi fatti dagli
            ISP, o dai postali se più ti
            aggrada.Che abusi degli ISP? Sei loggato per cinque anni PER LEGGE nel momento in cui ti connetti ad internet, prima di qualsiasi nodo tor.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            - Scritto da:








            No, i dettagli tencnici non mi
            interessano
            e


            li




            conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per

            cui




            utilizzi TOR. Sto




            aspettando.







            (sono un altro)



            Comunicare.





            Comunicare lo puoi fare anche senza tor. TOR
            non


            aggiunge nulla da questo punto di vista.
            Quindi


            non è questa la


            risposta.



            No. Tu implichi che l'utilizzo di TOR sia solo
            al

            fine di non rivelare l'identità alle autorità.

            TOR invece protegge anche dagli abusi fatti
            dagli

            ISP, o dai postali se più ti

            aggrada.

            Che abusi degli ISP? Sei loggato per cinque anni
            PER LEGGE nel momento in cui ti connetti ad
            internet, prima di qualsiasi nodo
            tor.abusi degli ISP che possono tracciare sia il tuo traffico, sia i siti che visitisuccede con la telefonia mobile (ti ricordo gli speciali dell'Espresso) non si capisce perché dovrebbe essere differente con internet
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Che abusi degli ISP? Sei loggato per cinque anni
            PER LEGGE nel momento in cui ti connetti ad
            internet, prima di qualsiasi nodo
            tor.questo e un abuso quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:






            Avere documenti falsi è reato.











            certamente quindi non ne teniamo conto





            nell'equazione









            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è




            l'equivalente dei documenti falsi su




            internet.







            Niente di più falso. Ragionamento

            capziosissimo.



            Vaneggi?





            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua


            vera identità? E a cosa servono i documenti

            falsi


            se non a nascondere la tua vera


            identità?



            TOR funziona quasi esattamente come la posta.



            No, i dettagli tencnici non mi interessano e li
            conosco. Ti ho chiesto qual'è lo scopo per cui
            utilizzi TOR. Sto
            aspettando.Scusa non sono interessato ad un discorso unidirezionale e capzioso che vuole solo arrivare forzatamente a dimostrare un'equivalenza palesemente sbagliata. Aspetta quanto vuoi, io giochetto è finito.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua
            vera identità? E a cosa servono i documenti falsi
            se non a nascondere la tua vera
            identità?

            No, spiegmalo tu, che sono curioso.(sono un altro)infatti i documenti da portarsi apresso sono una cazzata spaventosa, che in stati molto più (mi fa schifo usare questa parola, visto che è la stessa usata in iraq etc etc) democratici come Inghilterra o Filandia per fare dei nomi, non esistono....e ora continuate pure a ragionare come se il mondo fosse nel vostro giardino, mi raccomando...
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua

            vera identità? E a cosa servono i documenti
            falsi

            se non a nascondere la tua vera

            identità?



            No, spiegmalo tu, che sono curioso.

            (sono un altro)
            infatti i documenti da portarsi apresso sono una
            cazzata spaventosa, che in stati molto più (mi fa
            schifo usare questa parola, visto che è la stessa
            usata in iraq etc etc) democratici come
            Inghilterra o Filandia per fare dei nomi, non
            esistono.
            Sono curioso di sapere se in Inghilterra o in Finlandia è reato oppure no cercare di nascondere la propria vera identità alle forze dell'ordine, documenti o non documenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Sono curioso di sapere se in Inghilterra o in
            Finlandia è reato oppure no cercare di nascondere
            la propria vera identità alle forze dell'ordine,
            documenti o non
            documenti.hai il diritto di rimanere in silenzio.qui no, se ti chiedono "chi sei" devi rispondere.altrimenti son razzi amari...
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Sono curioso di sapere se in Inghilterra o in

            Finlandia è reato oppure no cercare di
            nascondere

            la propria vera identità alle forze dell'ordine,

            documenti o non

            documenti.

            hai il diritto di rimanere in silenzio.
            qui no, se ti chiedono "chi sei" devi rispondere.
            altrimenti son razzi amari...Strano, ero convinto della stessa cosa anche all'estero. Prova andare in UK e se ti chiedono i documenti non rispondere e non presentare i documenti. Poi vediamo cosa succede.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            Che non hanno la carta d'identità in UK. Se un poliziotto ti chiede un nome deve fidarsi e partire dal presupposto che dici la verità. Se ha un fondato motivo per non crederti allora può fare accertamenti, ma solo dietro una ragione, non a caso come qui da noi.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua


            vera identità? E a cosa servono i documenti

            falsi


            se non a nascondere la tua vera


            identità?





            No, spiegmalo tu, che sono curioso.



            (sono un altro)

            infatti i documenti da portarsi apresso sono una

            cazzata spaventosa, che in stati molto più (mi
            fa

            schifo usare questa parola, visto che è la
            stessa

            usata in iraq etc etc) democratici come

            Inghilterra o Filandia per fare dei nomi, non

            esistono.



            Sono curioso di sapere se in Inghilterra o in
            Finlandia è reato oppure no cercare di nascondere
            la propria vera identità alle forze dell'ordine,
            documenti o non
            documenti.Considerando che l'utilizzo di TOR non è reato, e considerando la tua equivalenza tra le cose, possiamo tranquillamente affermare che non sia reato :D
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua

            vera identità? E a cosa servono i documenti
            falsi

            se non a nascondere la tua vera

            identità?



            No, spiegmalo tu, che sono curioso.

            (sono un altro)
            infatti i documenti da portarsi apresso sono una
            cazzata spaventosa, che in stati molto più (mi fa
            schifo usare questa parola, visto che è la stessa
            usata in iraq etc etc) democratici come
            Inghilterra o Filandia per fare dei nomi, non
            esistono.

            ...e ora continuate pure a ragionare come se il
            mondo fosse nel vostro giardino, mi
            raccomando...a ma guarda che io sono assolutamente daccordo, infatti ho già puntualizzato che secondo me non dovrebbe essere cosìma qui c'é qualcuno a cui forse fa comodo poterlo fare ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua
            vera identità? E a cosa servono i documenti falsi
            se non a nascondere la tua vera
            identità?

            No, spiegmalo tu, che sono curioso.Lo vedi che ragioni in maniera capziosa?Avere documenti falsi è un reato.Quindi, chi è che si prende la briga di procurarsi documenti falsi così, tanto per fare?Di norma, lo fa chi ha intenzione di commettere un reato oppure chi lo ha già commesso, per sfuggire alle fdo.Usare TOR non è reato, quindi io posso usarlo per avere qualche garanzia o illusione di anonimato in rete, anche senza avere intenzione di compiere illeciti, semplicemente per essere anonimo.Chi compie crimini informatici o altri illeciti usando l'informatica e la rete, finora lo ha fatto senza l'ausilio di tor.La comunità di tor ha tutto l'interesse ad impedire che questo (utilizzare tor x commettere illeciti) accada, xkè altrimenti qualche provvedimento sarebbe senz'altro preso. Ma la repressione/messa al bando a priori di uno strumento di tutela della privacy in nessun modo può essere vista come soluzione ai problemi virtuali o reali che siano, come dire: visto che non riusciamo a beccare i colpevoli e ad evitare che vengano commesse rapine, stupri, traffici di armi e di droga, attentati ecc, chiudiamo tor.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Per cosa usi tor se non per nascondere la tua

            vera identità? E a cosa servono i documenti
            falsi

            se non a nascondere la tua vera

            identità?



            No, spiegmalo tu, che sono curioso.

            Lo vedi che ragioni in maniera capziosa?
            Avere documenti falsi è un reato.
            Quindi, chi è che si prende la briga di
            procurarsi documenti falsi così, tanto per
            fare?Lo faccio per proteggere la mia privacy, così vado al supermercato, faccio le tesse raccolta punti e non vengo schedato. Poi quando firmo i contratti con la ditta xyz sono sicuro che non mi arriverà la loro posta pubblicitaria a casa. Ci sono diecimila buone ragioni per girare con documenti falsi, o no? Mica colpa mia se qualcuno che gira con i documenti falsi lo fa per truffare...
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Lo faccio per proteggere la mia privacy, così
            vado al supermercato, faccio le tesse raccolta
            punti e non vengo schedato. Poi quando firmo i
            contratti con la ditta xyz sono sicuro che non mi
            arriverà la loro posta pubblicitaria a casa. Ci
            sono diecimila buone ragioni per girare con
            documenti falsi, o no? Mica colpa mia se qualcuno
            che gira con i documenti falsi lo fa per
            truffare...Dunque, l'equivalenza TOR-documenti falsi te la sei inventata tu, ci possono essere delle analogie ma non c'è equivalenza.Inoltre, avere documenti falsi è un reato, usare TOR no.Quindi siamo daccapo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            Lo faccio per proteggere la mia privacy, così

            vado al supermercato, faccio le tesse raccolta

            punti e non vengo schedato. Poi quando firmo i

            contratti con la ditta xyz sono sicuro che non
            mi

            arriverà la loro posta pubblicitaria a casa. Ci

            sono diecimila buone ragioni per girare con

            documenti falsi, o no? Mica colpa mia se
            qualcuno

            che gira con i documenti falsi lo fa per

            truffare...

            Dunque, l'equivalenza TOR-documenti falsi te la
            sei inventata tu, ci possono essere delle
            analogie ma non c'è
            equivalenza.
            Inoltre, avere documenti falsi è un reato, usare
            TOR
            no.
            Quindi siamo daccapo.Acciderbolina, non me n'ero accorto. Allora depenalizziamolo! Deve essermi garantita la privacy, quindi devo avere diritto a presentare documenti falsi e girare con il passamontagna! Solo perché giro con documenti falsi non significa che voglio commettere reati.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Acciderbolina, non me n'ero accorto. Allora
            depenalizziamolo! Deve essermi garantita la
            privacy, quindi devo avere diritto a presentare
            documenti falsi e girare con il passamontagna!
            Solo perché giro con documenti falsi non
            significa che voglio commettere
            reati.Orpovè, ti si dice che l'analogia tra le due cose è una tua invenzione e tu continui a basarci sopra il dibattito.Allora, visto che ne sei così convinto, spiega perfavore perché vedi le due cose analoghe al 100%.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:




            Acciderbolina, non me n'ero accorto. Allora

            depenalizziamolo! Deve essermi garantita la

            privacy, quindi devo avere diritto a presentare

            documenti falsi e girare con il passamontagna!

            Solo perché giro con documenti falsi non

            significa che voglio commettere

            reati.

            Orpovè, ti si dice che l'analogia tra le due cose
            è una tua invenzione e tu continui a basarci
            sopra il
            dibattito.
            Allora, visto che ne sei così convinto, spiega
            perfavore perché vedi le due cose analoghe al
            100%.Già spiegato. Avere documenti falsi e/o girare con il passamontagna è nel 95% dei casi è un modo per evitare di essere identificati da CHIUNQUE, compresi quindi poliziotti o altre persone che lecitamente potrebbero accertare la tua identità. Sei una persona anonima, senza identità.L'uso di TOR è al 95% un modo per impedire, in Internet, la possibilità a CHIUNQUE di risalire alla tua vera identità. Si chiama sistema di ANONIMIZZAZIONE per questo motivo o sabglio?Gli strumenti sono diversi ma il fine è il medesimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Già spiegato. Avere documenti falsi e/o girare
            con il passamontagna è nel 95% dei casi è un modo
            per evitare di essere identificati da CHIUNQUE,
            compresi quindi poliziotti o altre persone che
            lecitamente potrebbero accertare la tua identità.
            Sei una persona anonima, senza
            identità.
            L'uso di TOR è al 95% un modo per impedire, in
            Internet, la possibilità a CHIUNQUE di risalire
            alla tua vera identità. Si chiama sistema di
            ANONIMIZZAZIONE per questo motivo o
            sabglio?

            Gli strumenti sono diversi ma il fine è il
            medesimo.Sono un'altro, ma il dubbio mi assale, dov'è il reato?I passamontagna non son vietati, mi sembra: se voglio ci vado in giro. Quale legge violo?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Sono un'altro, ma il dubbio mi assale, dov'è il
            reato?
            I passamontagna non son vietati, mi sembra: se
            voglio ci vado in giro. Quale legge
            violo?E' lecito indossarlo solo per ripararsi dal freddo od altri motivi analoghi (specificati dalla legge!).Non puoi andartene in giro d'estate per la città indossandolo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            E' lecito indossarlo solo per ripararsi dal
            freddo od altri motivi analoghi (specificati
            dalla
            legge!).ma la legge e stata creata per protteggere o rompere le palle alla gente ?????
            Non puoi andartene in giro d'estate per la città
            indossandolo.ma se io mi sveglio alla mattina e mi gira di girare a 45° con passamontagna cosa te ne importa a te ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            E' lecito indossarlo solo per ripararsi dal

            freddo od altri motivi analoghi (specificati

            dalla

            legge!).
            ma la legge e stata creata per protteggere o
            rompere le palle alla gente
            ?????
            La prima che hai detto, anche se ti sfuggono i motivi. Ma non è importante che tu li capisca, fa nulla.

            Non puoi andartene in giro d'estate per la città

            indossandolo.
            ma se io mi sveglio alla mattina e mi gira di
            girare a 45° con passamontagna cosa te ne importa
            a te
            ?????A me piacerebbe andare in giro d'estate con un bazooka carico in mano ma non lo posso fare. Cosa importerà ai poliziotti, tanto non lo devo mica usare!
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            ma la legge e stata creata per protteggere o

            rompere le palle alla gente

            ?????



            La prima che hai detto, anche se ti sfuggono i
            motivi. Ma non è importante che tu li capisca,
            fa
            nulla.mi sento piu sicuro anzi sono felice di vivere in questo mondo quindi

            ma se io mi sveglio alla mattina e mi gira

            di

            girare a 45° con passamontagna cosa te ne
            importa

            a te

            ?????

            A me piacerebbe andare in giro d'estate con un
            bazooka carico in mano ma non lo posso fare.
            Cosa
            importerà ai poliziotti, tanto non lo devo
            mica
            usare!appunto mi sono sempre chiesto perche non posso girare col cingolato e con i razzi sul tetto quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            A me piacerebbe andare in giro d'estate con un

            bazooka carico in mano ma non lo posso fare.

            Cosa

            importerà ai poliziotti, tanto non lo devo

            mica

            usare!
            appunto mi sono sempre chiesto perche non posso
            girare col cingolato e con i razzi sul tetto
            quinditu parti da un presupposto mai fidarsi io da quello contrario fidarsi della responsabilita delle personele persone vanno educate alla responsabilita non ad essere delle pecore impauritesolo che in questo modo non ci sarebbe bisogno di un'autorita di controllola societa responsabile e autocosciente di regolerebbe da sola senza bisogno di una gerarchia
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:


            A me piacerebbe andare in giro d'estate con un


            bazooka carico in mano ma non lo posso fare.


            Cosa


            importerà ai poliziotti, tanto non lo devo


            mica


            usare!

            appunto mi sono sempre chiesto perche non posso

            girare col cingolato e con i razzi sul tetto

            quindi
            tu parti da un presupposto mai fidarsi io da
            quello contrario fidarsi della responsabilita
            delle
            persone
            le persone vanno educate alla responsabilita non
            ad essere delle pecore
            impaurite
            solo che in questo modo non ci sarebbe bisogno di
            un'autorita di
            controllo
            la societa responsabile e autocosciente di
            regolerebbe da sola senza bisogno di una
            gerarchiaSi chiama utopia. La natura umana non funziona così, non siamo robot e quello che dici non tiene conto della natura intrinseca dell'uomo
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Si chiama utopia.niente impedisce di sognare
            La natura umana non funziona
            così, non siamo robot e quello che dici non
            tiene
            conto della natura intrinseca dell'uomosono cosciente dei limiti finiti a problemi infiniti
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            E' lecito indossarlo solo per ripararsi dal

            freddo od altri motivi analoghi (specificati

            dalla

            legge!).
            ma la legge e stata creata per protteggere o
            rompere le palle alla gente
            ?????questo lo può dire solo chi l'ha fatta.

            Non puoi andartene in giro d'estate per la città

            indossandolo.
            ma se io mi sveglio alla mattina e mi gira di
            girare a 45° con passamontagna cosa te ne importa
            a te
            ?????A me nulla. La legge prevede che tu venga fermato per un controllo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            ma se io mi sveglio alla mattina e mi gira di

            girare a 45° con passamontagna cosa te ne
            importa

            a te

            ?????

            A me nulla. La legge prevede che tu venga
            fermato
            per un
            controllo.continuo a non capire la logica della legge quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            E' lecito indossarlo solo per ripararsi dal

            freddo od altri motivi analoghi (specificati

            dalla

            legge!).
            ma la legge e stata creata per protteggere o
            rompere le palle alla gente
            ?????


            Non puoi andartene in giro d'estate per la città

            indossandolo.
            ma se io mi sveglio alla mattina e mi gira di
            girare a 45° con passamontagna cosa te ne importa
            a te
            ?????Perché sbraiti tesorina?A lui può anche non importare un bel niente, ma è proibito dalla legge.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            proibito dalla
            legge.spiegami la logica di questa proibizione perche a me sfugge
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            proibito dalla

            legge.
            spiegami la logica di questa proibizione perche a
            me
            sfuggeLeggiti un po' di libri di storia e capirai (forse, la speranza c'è sempre) le motivazioni che hanno fatto nascere la legge. Ti do anche un suggerimento: guarda solo nel dopoguerra.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            suggerimento: guarda solo nel
            dopoguerra.storia falsata ??????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Già spiegato. Avere documenti falsi e/o girare
            con il passamontagna è nel 95% dei casi è un
            modo
            per evitare di essere identificati da
            CHIUNQUE,esatto stai facendo dei progressi
            compresi quindi poliziotti o altre persone che
            lecitamente potrebbero accertare la tua
            identità.ma lecitamente che cosa ?????
            Sei una persona anonima, senza
            identità.e quindi ?????cos'e si ha sempre paura di quello che non si conosce ?????
            L'uso di TOR è al 95% un modo per impedire, in
            Internet, la possibilità a CHIUNQUE di
            risalire
            alla tua vera identità. Si chiama sistema di
            ANONIMIZZAZIONE per questo motivo o
            sabglio?quindi ?????
            Gli strumenti sono diversi ma il fine è il
            medesimo.vivere senza che qualcuno ti rompa le palle appena ti giri giudicandoti per come ti vesti o per come mangi quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Già spiegato. Avere documenti falsi e/o girare

            con il passamontagna è nel 95% dei casi è un

            modo

            per evitare di essere identificati da
            CHIUNQUE,
            esatto stai facendo dei progressi


            compresi quindi poliziotti o altre persone che

            lecitamente potrebbero accertare la tua

            identità.
            ma lecitamente che cosa ?????


            Sei una persona anonima, senza

            identità.
            e quindi ?????
            cos'e si ha sempre paura di quello che non si
            conosce
            ?????


            L'uso di TOR è al 95% un modo per impedire, in

            Internet, la possibilità a CHIUNQUE di
            risalire

            alla tua vera identità. Si chiama sistema di

            ANONIMIZZAZIONE per questo motivo o

            sabglio?
            quindi ?????


            Gli strumenti sono diversi ma il fine è il

            medesimo.
            vivere senza che qualcuno ti rompa le palle
            appena ti giri giudicandoti per come ti vesti o
            per come mangi
            quindiAIUTOOOO!!!! E' TORNATO IL SIGNOR QUINDI!!!! :s :( :'( (anonimo) (newbie) (ghost) :o :| :p :D :)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Acciderbolina, non me n'ero accorto. Allora
            depenalizziamolo! Deve essermi garantita la
            privacy, quindi devo avere diritto a presentare
            documenti falsi e girare con il passamontagna!
            Solo perché giro con documenti falsi non
            significa che voglio commettere
            reati.finalmente ci stai arrivando a vedere la luce quindise io ho voglia di girare con passamontagna e documenti falsi che ***** di diritto ha lo stato se non faccio niente di sospetto a fermarmi e chiedermi spiegazioni ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Acciderbolina, non me n'ero accorto. Allora

            depenalizziamolo! Deve essermi garantita la

            privacy, quindi devo avere diritto a presentare

            documenti falsi e girare con il passamontagna!

            Solo perché giro con documenti falsi non

            significa che voglio commettere

            reati.
            finalmente ci stai arrivando a vedere la luce
            quindi
            se io ho voglia di girare con passamontagna e
            documenti falsi che ***** di diritto ha lo stato
            se non faccio niente di sospetto a fermarmi e
            chiedermi spiegazioni
            ?????Forse ti sfugge la relazione tra te, lo stato e le leggi. Non posso aiutarti in questo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Acciderbolina, non me n'ero accorto. Allora


            depenalizziamolo! Deve essermi garantita la


            privacy, quindi devo avere diritto a
            presentare


            documenti falsi e girare con il passamontagna!


            Solo perché giro con documenti falsi non


            significa che voglio commettere


            reati.

            finalmente ci stai arrivando a vedere la luce

            quindi

            se io ho voglia di girare con passamontagna e

            documenti falsi che ***** di diritto ha lo stato

            se non faccio niente di sospetto a fermarmi e

            chiedermi spiegazioni

            ?????

            Forse ti sfugge la relazione tra te, lo stato e
            le leggi. Non posso aiutarti in
            questo.Una legge votata senza che nessuno l'abbia letta non è una legge seria. Tale il patriot act e tante altre leggi. Forse non conosci bene la politica per prendere a modello etico del tuo comportamento le leggi. Io personalmente rispetto certe leggi solo perché vi sono costretto
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Io personalmente rispetto
            certe leggi solo perché vi sono
            costrettoidem
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Forse ti sfugge la relazione tra te, lo stato e
            le leggi.io essere supremo essendo cittadino lo stato e le leggi sono sotto di me ?????
            Non posso aiutarti in
            questo.zu zu un minimo di aiuto
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Avere documenti falsi è un reato.perche lo stato ha deciso di dare una carta d'identita addiritura biometrica anche a chi non la vuole
            Quindi, chi è che si prende la briga di
            procurarsi documenti falsi così, tanto per
            fare?
            Di norma, lo fa chi ha intenzione di
            commettere
            un reato oppure chi lo ha già commesso, per
            sfuggire alle
            fdo.qualsiasi atteggiamento umano dev'essere inquadrato in una norma ?????e le anomalie ?????vabbe il tuo post era pro liberta come mio comunque ormai ho scritto la frasequindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            E a cosa servono i documenti falsi
            se non a nascondere la tua vera
            identità?appunto servono a questol'ipotesi da cui tu invece parti che chiunque nasconda la sua identita sia malvaggio e sbagliata
            No, spiegmalo tu, che sono curioso.spiegamelo perche io dovrei dare conto alla polizia di chi sono dove abito ecc
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            E a cosa servono i documenti falsi

            se non a nascondere la tua vera

            identità?
            appunto servono a questo
            l'ipotesi da cui tu invece parti che chiunque
            nasconda la sua identita sia malvaggio e
            sbagliata
            Mai detto. Dove l'hai letta?

            No, spiegmalo tu, che sono curioso.
            spiegamelo perche io dovrei dare conto alla
            polizia di chi sono dove abitoPer consentire alla polizia di garantire l'incolumità di tutti, compresa quindi anche la tua. Pensa un po' ma succede in tutte le nazioni del mondo che io conosco che i poliziotti hanno il diritto di accertarsi dell'identità delle persone, anche se non in tutti è richiesta la carta d'identità. Ma questo forum sembra qualcosa di assurdo anche questo, poiché comincio a sospettare che molti di voi non vedano altro che i propri interessi.Ringrazia invece che non abbiano diritti ben peggiori, come succede in america, dove ti possono arrestare per 24/48 ore in base al solo sospetto, senza diritto all'avvocato.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy



            E a cosa servono i documenti falsi


            se non a nascondere la tua vera


            identità?

            appunto servono a questo

            l'ipotesi da cui tu invece parti che

            chiunque

            nasconda la sua identita sia malvaggio e

            sbagliata



            Mai detto. Dove l'hai letta?io il senso della tua frase l'ho capito cosi


            No, spiegmalo tu, che sono curioso.

            spiegamelo perche io dovrei dare conto alla

            polizia di chi sono dove abito

            Per consentire alla polizia di garantire
            l'incolumità di tutti, compresa quindi anche
            la
            tua.ma se io non ho fatto niente ne voglio che la polizia garantisca la mia di incolumita se non ho fatto niente che diritto ha la polizia di chiedere chi sono dove abito ?????
            Pensa un po' ma succede in tutte le nazioni
            del mondo che io conosco che i poliziotti
            hanno
            il diritto di accertarsi dell'identità delle
            persone, anche se non in tutti è richiesta la
            carta d'identità.posso comprendere se mi prendono a svaligiare una banca e comincio a correre pero se cammino per la strada che diritto hanno di fermarmi e chiedermi che ne so dove sta andando ????? sono fatti miei dove sto andando
            Ma questo forum sembra qualcosa di assurdo
            anche
            questo, poiché comincio a sospettare che molti
            di
            voi non vedano altro che i propri
            interessi.per fortuna non sono interessi che "contano" ;)
            Ringrazia invece che non abbiano diritti ben
            peggiori, come succede in america, dove ti
            possono arrestare per 24/48 ore in base al
            solo
            sospetto, senza diritto
            all'avvocato.ti racconto un episodio, mi fermo in un parcheggio di un supermercato, resto in macchina per ascoltare una cosa alla radio, passa una pattuglia di carabinieri, fa retromarcia si mette davanti a me, mi intima quasi con le pistole di uscire dalla macchina e mi chiede perche sto fermo, cosa sto facendo, di aprire il bagagliaio, hanno controllato i documenti, eccdopo quando non hanno trovato niente vabbe hanno salutato e se ne sono andati pero che DIRITTO avevano di fare questo controllo ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Ringrazia invece che non abbiano diritti ben
            peggiori, come succede in america, dove ti
            possono arrestare per 24/48 ore in base al solo
            sospetto, senza diritto
            all'avvocato.leggi speciali degli anni di piombo queste sconosciute?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Ringrazia invece che non abbiano diritti ben

            peggiori, come succede in america, dove ti

            possono arrestare per 24/48 ore in base al solo

            sospetto, senza diritto

            all'avvocato.

            leggi speciali degli anni di piombo queste
            sconosciute?Non siamo negli anni di piombo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            leggi speciali degli anni di piombo queste

            sconosciute?

            Non siamo negli anni di piombo.si mo sparano all'uranio impoverito (manco l'uranio e piu ricco di questi tempi quindi)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Ringrazia invece che non abbiano diritti ben


            peggiori, come succede in america, dove ti


            possono arrestare per 24/48 ore in base al
            solo


            sospetto, senza diritto


            all'avvocato.



            leggi speciali degli anni di piombo queste

            sconosciute?

            Non siamo negli anni di piombo.ma le leggi lì sono rimaste, con tanto di beneplacido referendario del popolino bove in alcuni casi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:




            Ringrazia invece che non abbiano diritti
            ben




            peggiori, come succede in america, dove ti




            possono arrestare per 24/48 ore in base al


            solo




            sospetto, senza diritto




            all'avvocato.







            leggi speciali degli anni di piombo queste



            sconosciute?





            Non siamo negli anni di piombo.



            ma le leggi lì sono rimaste, con tanto di

            beneplacido referendario del popolino bove in

            alcuni

            casi

            Non mi risulta che ti possano arrestare per 48
            ore basandosi su semplici sospetti senza
            possibilità di chiamare l'avvocato.per tutte le 48 senza avvocato non saprei, ma la discrezionalità su semplici sospetti mi pare ci sia ancorapotrei sbagliarmi
            Quello che è rimasto è l'obbligo della carta
            d'identità, non certo un dramma e anzi, una cosa
            ragionevole.mica tantoalle solite: se me la dimentico io a casa e trovo uno stronxo finisco in questura, zio carlo latitante da 15 anni ne ha 48 di carte d'identità
            Molto peggio il rimasuglio di epoca fascista
            sulla libertà di
            espressione.non so a quale rimasuglio tu ti riferisca, ma la libertà di espressione in questo paese per quanto mi riguarda è morta con leggi di qualche anno fa
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            per tutte le 48 senza avvocato non saprei, ma la
            discrezionalità su semplici sospetti mi pare ci
            sia
            ancora

            potrei sbagliarmiLa chiamata dell'avvocato è sempre consentita, e una discrezionalità ampia come quella statunitense non c'è... a meno di smentite.


            Quello che è rimasto è l'obbligo della carta

            d'identità, non certo un dramma e anzi, una cosa

            ragionevole.

            mica tanto

            alle solite: se me la dimentico io a casa e trovo
            uno stronxo finisco in questura, zio carlo
            latitante da 15 anni ne ha 48 di carte
            d'identità
            Il massimo che è successo a me è stato che mi hanno accompagnato fino a casa per ottenere la carta d'identità. Sarò stato fortunato però con le forze dell'ordine ho quasi sempre ottenuto rapporti umani. Quasi sempre perché lo stronzo lo trovi ovunque.
            non so a quale rimasuglio tu ti riferisca, Al codice Rocco
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Non mi risulta che ti possano arrestare per 48
            ore basandosi su semplici sospetti senza
            possibilità di chiamare l'avvocato.Aggiornati: dopo il patrioct act, promulgato dopo l'11-9-01 possono anche buttarti giù la p orta e portarti via da casa mentre sei a cena con la famiglia, basandosi su un semplice sospetto.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Non mi risulta che ti possano arrestare per 48

            ore basandosi su semplici sospetti senza

            possibilità di chiamare l'avvocato.

            Aggiornati: dopo il patrioct act, promulgato dopo
            l'11-9-01 possono anche buttarti giù la p orta e
            portarti via da casa mentre sei a cena con la
            famiglia, basandosi su un semplice
            sospetto.Rileggi i messaggi a cui vuoi rispondere. Il contesto era l'ITALIA
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Avere documenti falsi è reato.



            certamente quindi non ne teniamo conto

            nell'equazione

            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è
            l'equivalente dei documenti falsi su
            internet.No. TOR è l'equivalente di una cassetta per la posta che non ti chiede le impronte digitali per farti imbucare una lettera.Basta con questa analogia dei documenti, la polizia va in giro per le strade e chiede i documenti proprio come ora può andare in giro per i bocchettoni degli ISP a chiedere l'identità di chi era connesso con un certo IP ad una certa ora.Nel mondo reale quando una lettera è giunta a destinazione è irrilevante che la polizia possa chiedere i documenti alle persone o che queste possano esibire documenti falsi.L'unica cosa che possono fare è quella di cercare eventuali impronte digitali sulla lettera (ma bastano i guanti), di analizzare la grafia (se non si tratta di ritagli di giornale come sempre avviene).Se si tratta di un foglio stampato tramite stampante possono verificare se si tratta di una di quelle laser che occultano un numero seriale sul foglio stesso.Al massimo possono risalire al coumune da cui la lettera è partita, cosa anche questa facilmente aggirabile andando ad imbucare in un grande città.Ovvio poi che gli esegeti dello stato di polizia e del grande fratello che tutto controlla cercheranno di introdurre la cassetta della posta che rileva le impronte.Magari con in più una discreta telecamera puntata su tutte le cassette di posta casomai qualcuno riuscisse ad avere delle impronte false da esibire alla cassetta.Uhm però anche con la telecamera potrebbero mettere un'elaborata maschera facciale, molto meglio togliere le cassette e dare in gestione le poste alla polizia. Quella postale, appunto :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            - Scritto da:



            Avere documenti falsi è reato.





            certamente quindi non ne teniamo conto


            nell'equazione



            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è

            l'equivalente dei documenti falsi su

            internet.

            No. TOR è l'equivalente di una cassetta per la
            posta che non ti chiede le impronte digitali per
            farti imbucare una
            lettera.
            Assolutamente no. Se vuoi fare questo paragone, in internet tutte le cassette postali spediscono solo se usi le impronte digitali. Impronte digitali che vengono usate dalla polizia per risalire al mittente. TOR ti da le impronte digitali di qualcun'altro.
            Basta con questa analogia dei documenti, la
            polizia va in giro per le strade e chiede i
            documenti proprio come ora può andare in giro per
            i bocchettoni degli ISP a chiedere l'identità di
            chi era connesso con un certo IP ad una certa
            ora.
            Con TOR la polizia non può arrivare a te nemmeno se ti vede commettere un reato in tempo reale. E' questo il problema che non volete capire.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:





            - Scritto da:




            Avere documenti falsi è reato.







            certamente quindi non ne teniamo conto



            nell'equazione





            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è


            l'equivalente dei documenti falsi su


            internet.



            No. TOR è l'equivalente di una cassetta per la

            posta che non ti chiede le impronte digitali per

            farti imbucare una

            lettera.



            Assolutamente no. Se vuoi fare questo paragone,
            in internet tutte le cassette postali spediscono
            solo se usi le impronte digitali. Impronte
            digitali che vengono usate dalla polizia per
            risalire al mittente. TOR ti da le impronte
            digitali di
            qualcun'altro.Tu manco sai di cosa stai parlando : TOR ti da solo le impronte digitali del postino che per ultimo ha toccato la missiva prima che fosse consegnata al destinatario.Internet, senza TOR, ti da le impronte digitali di tutti quelli che hanno toccato la missiva a partire da chi ha imbucato.Per quanto riguarda il fatto che tutte le cassette postali spediscono solo previa verifica delle impronte digitali l'ho già detto quindi inutile che tu lo ripeta come un pappagallo.

            Basta con questa analogia dei documenti, la

            polizia va in giro per le strade e chiede i

            documenti proprio come ora può andare in giro
            per

            i bocchettoni degli ISP a chiedere l'identità di

            chi era connesso con un certo IP ad una certa

            ora.



            Con TOR la polizia non può arrivare a te nemmeno
            se ti vede commettere un reato in tempo reale. E'
            questo il problema che non volete
            capire.Nemmeno nel mondo reale può farlo a meno che non metta agenti davanti a tutte le cassette delle lettere e faccia aprire tutte le missive (perché per capire in tempo reale che ci sia un reato deve anche aprire e leggere la missiva).
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:







            - Scritto da:





            Avere documenti falsi è reato.









            certamente quindi non ne teniamo conto




            nell'equazione







            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è



            l'equivalente dei documenti falsi su



            internet.





            No. TOR è l'equivalente di una cassetta per la


            posta che non ti chiede le impronte digitali
            per


            farti imbucare una


            lettera.






            Assolutamente no. Se vuoi fare questo paragone,

            in internet tutte le cassette postali spediscono

            solo se usi le impronte digitali. Impronte

            digitali che vengono usate dalla polizia per

            risalire al mittente. TOR ti da le impronte

            digitali di

            qualcun'altro.

            Tu manco sai di cosa stai parlando :

            TOR ti da solo le impronte digitali del postino
            che per ultimo ha toccato la missiva prima che
            fosse consegnata al
            destinatario.
            Cioé quelle di qualcun'altro che per di più è omertoso.



            Con TOR la polizia non può arrivare a te nemmeno

            se ti vede commettere un reato in tempo reale.
            E'

            questo il problema che non volete

            capire.

            Nemmeno nel mondo reale può farlo a meno che non
            metta agenti davanti a tutte le cassette delle
            lettere e faccia aprire tutte le missive (perché
            per capire in tempo reale che ci sia un reato
            deve anche aprire e leggere la
            missiva).Non ci siamo. I reati tramite posta non avvengono in tempo reale.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            - Scritto da:









            - Scritto da:






            Avere documenti falsi è reato.











            certamente quindi non ne teniamo conto





            nell'equazione









            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è




            l'equivalente dei documenti falsi su




            internet.







            No. TOR è l'equivalente di una cassetta per
            la



            posta che non ti chiede le impronte digitali

            per



            farti imbucare una



            lettera.









            Assolutamente no. Se vuoi fare questo
            paragone,


            in internet tutte le cassette postali
            spediscono


            solo se usi le impronte digitali. Impronte


            digitali che vengono usate dalla polizia per


            risalire al mittente. TOR ti da le impronte


            digitali di


            qualcun'altro.



            Tu manco sai di cosa stai parlando :



            TOR ti da solo le impronte digitali del postino

            che per ultimo ha toccato la missiva prima che

            fosse consegnata al

            destinatario.



            Cioé quelle di qualcun'altro che per di più è
            omertoso.Come dire che se chiedo il pizzo, o minaccio qualcuno, il postino è omertoso perché consegna le missive senza chiedersi cosa transiti dentro esse.





            Con TOR la polizia non può arrivare a te
            nemmeno


            se ti vede commettere un reato in tempo reale.

            E'


            questo il problema che non volete


            capire.



            Nemmeno nel mondo reale può farlo a meno che non

            metta agenti davanti a tutte le cassette delle

            lettere e faccia aprire tutte le missive (perché

            per capire in tempo reale che ci sia un reato

            deve anche aprire e leggere la

            missiva).

            Non ci siamo. I reati tramite posta non avvengono
            in tempo
            reale.Nemmeno quelli con TOR. Si tratta solo di tempi di latenza differenti dovuti al sistema di comunicazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            - Scritto da:











            - Scritto da:







            Avere documenti falsi è reato.













            certamente quindi non ne teniamo conto






            nell'equazione











            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è





            l'equivalente dei documenti falsi su





            internet.









            No. TOR è l'equivalente di una cassetta
            per

            la




            posta che non ti chiede le impronte
            digitali


            per




            farti imbucare una




            lettera.












            Assolutamente no. Se vuoi fare questo

            paragone,



            in internet tutte le cassette postali

            spediscono



            solo se usi le impronte digitali. Impronte



            digitali che vengono usate dalla polizia per



            risalire al mittente. TOR ti da le impronte



            digitali di



            qualcun'altro.





            Tu manco sai di cosa stai parlando :





            TOR ti da solo le impronte digitali del
            postino


            che per ultimo ha toccato la missiva prima che


            fosse consegnata al


            destinatario.






            Cioé quelle di qualcun'altro che per di più è

            omertoso.

            Come dire che se chiedo il pizzo, o minaccio
            qualcuno, il postino è omertoso perché consegna
            le missive senza chiedersi cosa transiti dentro
            esse.
            Il postino farà il possibile per aiutare la polizia ad identificare il colpevole nell'eventualità, fornendo tutti i dettagli in suo possesso, poiché lo scopo del postino non è rendere gli altri anonimi (scopo principale di TOR) ma solo consegnare lettere. Sarei proprio curioso di sapere quanto sarebbero disposti i possessori di server TOR a collaborare con la polizia in caso fosse stato compiuto un reatot tramite i loro nodi.

            Non ci siamo. I reati tramite posta non
            avvengono

            in tempo

            reale.

            Nemmeno quelli con TOR. Si tratta solo di tempi
            di latenza differenti dovuti al sistema di
            comunicazione.Questo è arrampicarsi sugli specchi. Lo sappiamo tutti, e lo sapeva Einstein prima di noi, che non esiste la simultaneità. Ciò nonostante, tarandosi sull'uomo, uno dei due sistemi di comunicazione può essere usato in modo sincrono, consentendo reati in tempo reale, mentre l'altro solo in modo asincrono.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            curioso di sapere quanto sarebbero disposti i
            possessori di server TOR a collaborare con la
            polizia in caso fosse stato compiuto un reatot
            tramite i loro
            nodi.bisogna concordare su cos'e reatomolte delle cose che oggi non lo sono dovrebbero esserlo e viceversa quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            curioso di sapere quanto sarebbero disposti i

            possessori di server TOR a collaborare con la

            polizia in caso fosse stato compiuto un reatot

            tramite i loro

            nodi.
            bisogna concordare su cos'e reatoPrendiamone uno che è sempre stato considerato reato, credo in ogni cultura, così tagliamo la testa al toro: il furto.Sarei curioso di sapere quanto collaborerebbero spontaneamente con la polizia i possessori dei nodi TOR sapendo che diverse persone hanno usato i loro nodi per rubare online senza farsi rintracciare.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            bisogna concordare su cos'e reato

            Prendiamone uno che è sempre stato considerato
            reato, credo in ogni cultura, così tagliamo la
            testa al toro: il
            furto.

            Sarei curioso di sapere quanto collaborerebbero
            spontaneamente con la polizia i possessori dei
            nodi TOR sapendo che diverse persone hanno usato
            i loro nodi per rubare online senza farsi
            rintracciare.concordando su questo reato io lo fareisu quello che invece non considero reato no
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            curioso di sapere quanto sarebbero disposti i


            possessori di server TOR a collaborare con la


            polizia in caso fosse stato compiuto un reatot


            tramite i loro


            nodi.


            bisogna concordare su cos'e reato

            Prendiamone uno che è sempre stato considerato
            reato, credo in ogni cultura, così tagliamo la
            testa al toro: il
            furto.

            Sarei curioso di sapere quanto collaborerebbero
            spontaneamente con la polizia i possessori dei
            nodi TOR sapendo che diverse persone hanno usato
            i loro nodi per rubare online senza farsi
            rintracciare.rubare significa sottrarre fisicamente qualche cosa, non si può fare con TOR 8)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Con TOR la polizia non può arrivare a te nemmeno
            se ti vede commettere un reato in tempo reale. E'
            questo il problema che non volete
            capire.E quindi perchè una cosa potrebbe essere usata in maniera illegale la vietiamo?Allora vietiamo:le automobili che vanno a più di 130Km/h -
            eccesso di velocitài masterizzatori -
            CD/DVD piratagli stereo con più di 20watt -
            disturbo della quiete pubblicale videocamere/teleobbiettivi -
            possibilità di riprendere persone contro la loro volontàPoi magari facciamo un'escalation:mutande blu -
            a me non piaccionousare il velo -
            non piace a tanti italiani e lo dice la tivvùl'ordine dei giornalisti -
            potrebbero dire cose sgraditeDevo andare avanti? Non ti accorgi che per ogni libertà, quelle vere, a cui rinunci permetti che ti controllino sempre di più? Mettiti in fila per tre e diventa il primo della classe. Ma quando sei arrivato uno a che ti serve?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Con TOR la polizia non può arrivare a te nemmeno

            se ti vede commettere un reato in tempo reale.
            E'

            questo il problema che non volete

            capire.

            E quindi perchè una cosa potrebbe essere usata in
            maniera illegale la
            vietiamo?
            Nuovamente ricadiamo in un difetto: non si sta parlando di potenzialità di commettere il reato ma di potenzialità nel risalire all'identità nel caso venga commesso, o anche solo per verifica.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Nuovamente ricadiamo in un difetto: non si sta
            parlando di potenzialità di commettere il reato
            ma di potenzialità nel risalire all'identità nel
            caso venga commesso, o anche solo per
            verifica.E perchè dovrebbe esistere questa possibilità? Quand'è che nella nostra costituziuone è stato dato questo mandato alla polizia? In quale legge c'è scritto che deve essere così?Se voglio rimanere anonimo la costituzione mi garantisce la privacy, dov'è scritta la deroga a questa norma per le _eventuali_ [e sottolineo eventuali] indagini? Cavoli dei poliziotti trovare le prove, nel caso.La libertà del cittadino è d'impiccio al controllo della polizia e della politica della mia vita? Tanto meglio! Chi gli ha chiesto di metterci il naso?Smettiamola di credere che il malcostume che sta dilagando in italia sia legge, è solo malcostume. Speriamo solo che non sfoci in qualcosa di peggio.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            E perchè dovrebbe esistere questa possibilità?
            Quand'è che nella nostra costituziuone è stato
            dato questo mandato alla polizia? In quale legge
            c'è scritto che deve essere
            così?
            Se voglio rimanere anonimo la costituzione mi
            garantisce la privacy, dov'è scritta la deroga
            a
            questa norma per le _eventuali_ [e sottolineo
            eventuali] indagini? Cavoli dei poliziotti
            trovare le prove, nel
            caso.
            La libertà del cittadino è d'impiccio al
            controllo della polizia e della politica della
            mia vita? Tanto meglio! Chi gli ha chiesto di
            metterci il
            naso?applausi quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Con TOR la polizia non può arrivare a te
            nemmeno


            se ti vede commettere un reato in tempo reale.

            E'


            questo il problema che non volete


            capire.



            E quindi perchè una cosa potrebbe essere usata
            in

            maniera illegale la

            vietiamo?



            Nuovamente ricadiamo in un difetto: non si sta
            parlando di potenzialità di commettere il reato
            ma di potenzialità nel risalire all'identità nel
            caso venga commesso, o anche solo per
            verifica.esattamente come per la posta non puoi farlo, quindi perché ti scandalizza tanto?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Avere documenti falsi è reato.



            certamente quindi non ne teniamo conto

            nell'equazione

            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è
            l'equivalente dei documenti falsi su
            internet.
            ....possiamo ancora abolire il timbro postale sul francobollo e sostituirlo con l'impronta digitale del mittente. Possiamo ancora abolire anche le postazioni telefoniche pubbliche.... E poi?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Avere documenti falsi è reato.



            certamente quindi non ne teniamo conto

            nell'equazione

            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è
            l'equivalente dei documenti falsi su
            internet.
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Avere documenti falsi è reato.



            certamente quindi non ne teniamo conto

            nell'equazione

            Invece ne tengo conto, eccome. TOR è
            l'equivalente dei documenti falsi su
            internet.
            Con Tor chiunque scrive con te SA che sei anonimo. C'è una bella differenza!( dico scrive e non "parla" perché non si presenta a te direttamente e tu non puoi nulla contro il tuo interlocutore se lui non te lo permette attivamente ed è quindi dovere di chiunque proteggere il proprio computer onde evitare che gli entrino a fare danni, più che essere un dovere di chi si connette magari con le migliori intenzioni, quello di essere spiato. O mettiamo telecamere e microfoni ovunque, così in qualsiasi momento puoi essere identificato pur non essendo presenti le forse dell'ordine) Anche la polizia dunque SA che sei anonimo. Con i documenti falsi NON LO SA. Tor inoltre si lascia identificare e bannare da chi non vuole accettare comunicazioni o connessioni anonime. I nodi Tor in uscita infatti non possono essere ignoti
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Anche la polizia dunque SA che sei anonimo. Con
            i
            documenti falsi NON LO SA.aboliamo i documenti quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Senti gli eserciti di persone che vivono fuori

            dal controllo della legge li trovi ogni giorno

            disperati davanti alle piazze delle stazioni,
            nel

            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a bere

            birra e organizzare qualche

            furto.



            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il
            carabiniere di turno chiede i documenti e accerta
            l'identità di queste persone. Se non ha i
            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché
            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR questo
            non si può fare.Si tratta di ipocrisia bella e buona oppure sei davvero così naive?Per le bande criminali che vivono fuori della legge, procurarsi documenti falsi e più facile che andare al tabaccaio a prendere una prepagata.Quante volta hai letto di qualche pregiudicato latitante che se la spassava allegramente in giro con documenti falsi e che addirittura andava e veniva dal paese?Tant'é per i tuoi "accertamenti"...
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Senti gli eserciti di persone che vivono fuori


            dal controllo della legge li trovi ogni giorno


            disperati davanti alle piazze delle stazioni,

            nel


            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a
            bere


            birra e organizzare qualche


            furto.






            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il

            carabiniere di turno chiede i documenti e
            accerta

            l'identità di queste persone. Se non ha i

            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché

            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR
            questo

            non si può fare.

            Si tratta di ipocrisia bella e buona oppure sei
            davvero così
            naive?

            Per le bande criminali che vivono fuori della
            legge, procurarsi documenti falsi e più facile
            che andare al tabaccaio a prendere una
            prepagata.
            Procurarsi identità false è un reato in sé. L'equivalente, ovvero l'utilizzo di TOR per procurarsi una falsa identità telematica non lo è. Attualmente. Implicitamente mi stai dando ragione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Senti gli eserciti di persone che vivono
            fuori



            dal controllo della legge li trovi ogni
            giorno



            disperati davanti alle piazze delle
            stazioni,


            nel



            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a

            bere



            birra e organizzare qualche



            furto.









            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il


            carabiniere di turno chiede i documenti e

            accerta


            l'identità di queste persone. Se non ha i


            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché


            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR

            questo


            non si può fare.



            Si tratta di ipocrisia bella e buona oppure sei

            davvero così

            naive?



            Per le bande criminali che vivono fuori della

            legge, procurarsi documenti falsi e più facile

            che andare al tabaccaio a prendere una

            prepagata.



            Procurarsi identità false è un reato in sé.
            L'equivalente, ovvero l'utilizzo di TOR per
            procurarsi una falsa identità telematica non lo
            è. Attualmente. Implicitamente mi stai dando
            ragione.
            Non non è così, stai facendo inutilmente il cavilloso ma purtroppo non ho più tempo per stare qui a rispondere. Se ne avrò la possibilità, elaborerò questa sera.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            Senti gli eserciti di persone che vivono

            fuori




            dal controllo della legge li trovi ogni

            giorno




            disperati davanti alle piazze delle

            stazioni,



            nel




            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a


            bere




            birra e organizzare qualche




            furto.












            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il



            carabiniere di turno chiede i documenti e


            accerta



            l'identità di queste persone. Se non ha i



            documenti, vieni prelevato e ti fermano
            finché



            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR


            questo



            non si può fare.





            Si tratta di ipocrisia bella e buona oppure
            sei


            davvero così


            naive?





            Per le bande criminali che vivono fuori della


            legge, procurarsi documenti falsi e più facile


            che andare al tabaccaio a prendere una


            prepagata.






            Procurarsi identità false è un reato in sé.

            L'equivalente, ovvero l'utilizzo di TOR per

            procurarsi una falsa identità telematica non lo

            è. Attualmente. Implicitamente mi stai dando

            ragione.



            Non non è così, stai facendo inutilmente il
            cavilloso ma purtroppo non ho più tempo per stare
            qui a rispondere. Se ne avrò la possibilità,
            elaborerò questa
            sera.Non è essere cavillosi, cercare di nascondere l'identità alle forze dell'ordine nella vita reale è reato. TOR fa la stessa cosa in Internet. Aspetto la tua risposta.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Non è essere cavillosi, cercare di nascondere
            l'identità alle forze dell'ordine nella vita
            reale è reato.ma se io non ho nessun comportamento sospetto di nessun genere che diritto ha la polizia di chiedermi di identificarmi ?????e poi cos'e sospetto che ne so cammino per strada lo guardo negli occhi e questo mi chiede di identificarmi ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Non è essere cavillosi, cercare di nascondere

            l'identità alle forze dell'ordine nella vita

            reale è reato.
            ma se io non ho nessun comportamento sospetto di
            nessun genere che diritto ha la polizia di
            chiedermi di identificarmi
            ?????
            e poi cos'e sospetto che ne so cammino per strada
            lo guardo negli occhi e questo mi chiede di
            identificarmi
            ?????Ma cosa sei, un ragazzino di 14 anni? Scusa tanto, ma sono gli stessi ragionamenti di tanti ragazzini 14enni che ho conosciuto. La polizia ha tutto il diritto di accertare la tua identità, non occorre nessun magistrato, ed è un tuo obbligo esibire i dovuti documenti per accertare la tua identità. Fine della questione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Ma cosa sei, un ragazzino di 14 anni? Scusa
            tanto, ma sono gli stessi ragionamenti di tanti
            ragazzini 14enni che ho conosciuto. La polizia ha
            tutto il diritto di accertare la tua identità,
            non occorre nessun magistrato, ed è un tuo
            obbligo esibire i dovuti documenti per accertare
            la tua identità. Fine della
            questione.E proprio perché tu non sei giovane dai per scontato questo stato di cose.Lo sai che in Inghilterra fino a qualche anno fa l'anonimato era un diritto e camminare per strada senza documenti un diritto sacrosanto?Lo è stato anche in Italia per un periodo finché negli anni di piombo non abbiamo perso questi diritti.Anche se l'Italia ha avuto anche altri fenomeni (mafia, camorra, secessionisti del nord-est, ecc).
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            tutto il diritto di accertare la tua identità,
            non occorre nessun magistrato, ed è un tuo
            obbligo esibire i dovuti documenti per accertare
            la tua identità. Fine della
            questione.spiega perche e giusto cosi quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:





            Senti gli eserciti di persone che vivono


            fuori





            dal controllo della legge li trovi ogni


            giorno





            disperati davanti alle piazze delle


            stazioni,




            nel





            parcheggio del Lidl seduti su un
            gradino
            a



            bere





            birra e organizzare qualche





            furto.















            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il




            carabiniere di turno chiede i documenti e



            accerta




            l'identità di queste persone. Se non ha i




            documenti, vieni prelevato e ti fermano

            finché




            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR



            questo




            non si può fare.







            Si tratta di ipocrisia bella e buona oppure

            sei



            davvero così



            naive?







            Per le bande criminali che vivono fuori
            della



            legge, procurarsi documenti falsi e più
            facile



            che andare al tabaccaio a prendere una



            prepagata.









            Procurarsi identità false è un reato in sé.


            L'equivalente, ovvero l'utilizzo di TOR per


            procurarsi una falsa identità telematica non
            lo


            è. Attualmente. Implicitamente mi stai dando


            ragione.






            Non non è così, stai facendo inutilmente il

            cavilloso ma purtroppo non ho più tempo per
            stare

            qui a rispondere. Se ne avrò la possibilità,

            elaborerò questa

            sera.

            Non è essere cavillosi, cercare di nascondere
            l'identità alle forze dell'ordine nella vita
            reale è reato. TOR fa la stessa cosa in Internet.
            Aspetto la tua
            risposta.è un reato come lo sono altre leggi aberranti promulgate durante gli anni di piombo e che avremmo dovuto lasciarci alle spalle da un bel pezzoper quanto mi riguarda non dovrebbe essere un reato, come non dovrebbe esistere l'apologia ed altre cosetteche posso dirti a questo punto? certamente cercheranno di estendere il reato anche a TOR perché l'analogia è calzanteciononostante non posso fare a meno di pensare che ciò non sia giusto e di rilevare che mentre nel mondo reale l'occultamento della propria identità è molto semplice e permette di perpetrare reati efferati di ogni genere, l'occultamento dell'identità virtuale tramite TOR permette di fornire uno scudo a quelli che sarebbero perseguitati politici nel mondo reale (o potenziali, un domani a fronte di un ordine nuovo e di una montagna di dati disponibili per via della data retention)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Senti gli eserciti di persone che vivono fuori

            dal controllo della legge li trovi ogni giorno

            disperati davanti alle piazze delle stazioni,
            nel

            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a bere

            birra e organizzare qualche

            furto.



            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il
            carabiniere di turno chiede i documenti e accerta
            l'identità di queste persone. Se non ha i
            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché
            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR questo
            non si può
            fare.Che cavolata! Quello che si dicono in un'orecchio non lo possono sapere nemmeno i poliziotti. Togliere l'anonimato in rete è come costringere tutti a parlare con un microfono. Cosa impraticabile nella realtà. Tor oltrettutto non cifra nemmeno la comunicazione, si limita a far perdere le tracce della fonte di una connessione. Nella realtà chi entra e chi esce da casa tua nessuno lo deve sapere. Se vogliono impedirti di essere anonimo possono sempre impedirti di accedere alla rete liberamente, ma sulla base di riscontri oggettivi reali di attività illegali, non per fare prevenzione. La prevenzione è cultura, non può diventare repressione. Troppo facile come soluzione e quindi del tutto inutile!
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Senti gli eserciti di persone che vivono fuori


            dal controllo della legge li trovi ogni giorno


            disperati davanti alle piazze delle stazioni,

            nel


            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a
            bere


            birra e organizzare qualche


            furto.






            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il

            carabiniere di turno chiede i documenti e
            accerta

            l'identità di queste persone. Se non ha i

            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché

            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR
            questo

            non si può

            fare.

            Che cavolata! Quello che si dicono in un'orecchio
            non lo possono sapere nemmeno i poliziotti.TOR impedisce la stessa identificazione della persona, è questo il problema, non solo il suo ascolto.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:



            Senti gli eserciti di persone che vivono
            fuori



            dal controllo della legge li trovi ogni
            giorno



            disperati davanti alle piazze delle
            stazioni,


            nel



            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a

            bere



            birra e organizzare qualche



            furto.









            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il


            carabiniere di turno chiede i documenti e

            accerta


            l'identità di queste persone. Se non ha i


            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché


            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR

            questo


            non si può


            fare.



            Che cavolata! Quello che si dicono in
            un'orecchio

            non lo possono sapere nemmeno i poliziotti.
            TOR impedisce la stessa identificazione della
            persona, è questo il problema, non solo il suo
            ascolto.
            Quindi temi che qualcuno travestito da tor si metta a fare rapine ???
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:



            - Scritto da:




            Senti gli eserciti di persone che vivono

            fuori




            dal controllo della legge li trovi ogni

            giorno




            disperati davanti alle piazze delle

            stazioni,



            nel




            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a


            bere




            birra e organizzare qualche




            furto.












            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il



            carabiniere di turno chiede i documenti e


            accerta



            l'identità di queste persone. Se non ha i



            documenti, vieni prelevato e ti fermano
            finché



            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR


            questo



            non si può



            fare.





            Che cavolata! Quello che si dicono in

            un'orecchio


            non lo possono sapere nemmeno i poliziotti.


            TOR impedisce la stessa identificazione della

            persona, è questo il problema, non solo il suo

            ascolto.



            Quindi temi che qualcuno travestito da tor si
            metta a fare rapine
            ???Rapine telematiche, ovvero svuotare conti correnti altrui. O anche comprare materiale pedopornografico. O violare sistemi informatici di sicurezza. Possibilissimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Quindi temi che qualcuno travestito da tor si

            metta a fare rapine ???
            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti
            correnti altrui. O anche comprare materiale
            pedopornografico. O violare sistemi informatici
            di sicurezza.
            Possibilissimo.Se e' in grado di fare cose del genere non ha bisogno di usare Tor... Meglio una serie di passaggi in ssh con shell remote.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            Quindi temi che qualcuno travestito da tor si


            metta a fare rapine ???


            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti

            correnti altrui. O anche comprare materiale

            pedopornografico. O violare sistemi informatici

            di sicurezza.

            Possibilissimo.

            Se e' in grado di fare cose del genere non ha
            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di
            passaggi in ssh con shell
            remote.Meglio o peggio è poco influente. Può consentire ai colpevoli di reati di non essere individuati. Scusa se è poco.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:





            Quindi temi che qualcuno travestito da tor
            si



            metta a fare rapine ???




            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti


            correnti altrui. O anche comprare materiale


            pedopornografico. O violare sistemi
            informatici


            di sicurezza.


            Possibilissimo.



            Se e' in grado di fare cose del genere non ha

            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di

            passaggi in ssh con shell

            remote.

            Meglio o peggio è poco influente. Può
            consentire ai colpevoli di reati di non
            essere individuati.
            Scusa se è poco.Quindi eliminiamo anche il sistema della posta pubblica poiche' e' possibile mandare una lettera in modo anonimo ???Smettiamo di vendere armi e coltelli perche' qualcuno li puo' usare per le rapine ?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:







            Quindi temi che qualcuno travestito da tor

            si




            metta a fare rapine ???






            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti



            correnti altrui. O anche comprare materiale



            pedopornografico. O violare sistemi

            informatici



            di sicurezza.



            Possibilissimo.





            Se e' in grado di fare cose del genere non ha


            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di


            passaggi in ssh con shell


            remote.



            Meglio o peggio è poco influente. Può

            consentire ai colpevoli di reati di non

            essere individuati.

            Scusa se è poco.

            Quindi eliminiamo anche il sistema della posta
            pubblica poiche' e' possibile mandare una lettera
            in modo anonimo
            ???

            Smettiamo di vendere armi e coltelli perche'
            qualcuno li puo' usare per le rapine
            ?Dimenticavo: smettiamo anche di vendere i giornali perche' quante volte i ritagli sono stati usati per comporre lettere anonime ???
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:







            Quindi temi che qualcuno travestito da tor

            si




            metta a fare rapine ???






            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti



            correnti altrui. O anche comprare materiale



            pedopornografico. O violare sistemi

            informatici



            di sicurezza.



            Possibilissimo.





            Se e' in grado di fare cose del genere non ha


            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di


            passaggi in ssh con shell


            remote.



            Meglio o peggio è poco influente. Può

            consentire ai colpevoli di reati di non

            essere individuati.

            Scusa se è poco.

            Quindi eliminiamo anche il sistema della posta
            pubblica poiche' e' possibile mandare una lettera
            in modo anonimo
            ???
            Ho già risposto: nel caso della posta pubblica il danno per la società è inferiore ai benefici. Se tutti usassero la posta per commettere reati verrebbero applicate misure analoghe.
            Smettiamo di vendere armi e coltelli perche'
            qualcuno li puo' usare per le rapine
            ?Non c'entra nulla con la questione. Il punto non è il reato commesso, ma l'impossibilità di individuare chi commette reati.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            - Scritto da:









            Quindi temi che qualcuno travestito da
            tor


            si





            metta a fare rapine ???








            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti




            correnti altrui. O anche comprare
            materiale




            pedopornografico. O violare sistemi


            informatici




            di sicurezza.




            Possibilissimo.







            Se e' in grado di fare cose del genere non
            ha



            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di



            passaggi in ssh con shell



            remote.





            Meglio o peggio è poco influente. Può


            consentire ai colpevoli di reati di non


            essere individuati.


            Scusa se è poco.



            Quindi eliminiamo anche il sistema della posta

            pubblica poiche' e' possibile mandare una
            lettera

            in modo anonimo

            ???



            Ho già risposto: nel caso della posta pubblica il
            danno per la società è inferiore ai benefici. Se
            tutti usassero la posta per commettere reati
            verrebbero applicate misure
            analoghe.


            Smettiamo di vendere armi e coltelli perche'

            qualcuno li puo' usare per le rapine

            ?

            Non c'entra nulla con la questione. Il punto non
            è il reato commesso, ma l'impossibilità di
            individuare chi commette
            reati.Aboliamo il carnevale e bruciamo le fabbriche di maschere o obblighiamo direttamete la gente a girare nuda ?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            - Scritto da:











            Quindi temi che qualcuno travestito da

            tor



            si






            metta a fare rapine ???










            Rapine telematiche, ovvero svuotare
            conti





            correnti altrui. O anche comprare

            materiale





            pedopornografico. O violare sistemi



            informatici





            di sicurezza.





            Possibilissimo.









            Se e' in grado di fare cose del genere non

            ha




            bisogno di usare Tor... Meglio una serie
            di




            passaggi in ssh con shell




            remote.







            Meglio o peggio è poco influente. Può



            consentire ai colpevoli di reati di non



            essere individuati.



            Scusa se è poco.





            Quindi eliminiamo anche il sistema della posta


            pubblica poiche' e' possibile mandare una

            lettera


            in modo anonimo


            ???






            Ho già risposto: nel caso della posta pubblica
            il

            danno per la società è inferiore ai benefici. Se

            tutti usassero la posta per commettere reati

            verrebbero applicate misure

            analoghe.




            Smettiamo di vendere armi e coltelli perche'


            qualcuno li puo' usare per le rapine


            ?



            Non c'entra nulla con la questione. Il punto non

            è il reato commesso, ma l'impossibilità di

            individuare chi commette

            reati.

            Aboliamo il carnevale e bruciamo le fabbriche di
            maschere o obblighiamo direttamete la gente a
            girare nuda
            ?Non c'entra nulla con la discussione. Comunque il carnevale è un'eccezione, visto che la legge impedisce di girare con il volto coperto. Appunto perché deve essere sempre possibile capire la tua identità a chi di dovere.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Non c'entra nulla con la discussione. Comunque il
            carnevale è un'eccezione, visto che la legge
            impedisce di girare con il volto coperto. Appunto
            perché deve essere sempre possibile capire la tua
            identità a chi di
            dovere.E il gabibbo?Chi cazzo si nasconde lè dentro?Perchè non loarrestano? sono 18 anni che scorrazza per tutta l'italia con quella maschera.Al rogoooooooooo!
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Non c'entra nulla con la discussione. Comunque
            il

            carnevale è un'eccezione, visto che la legge

            impedisce di girare con il volto coperto.
            Appunto

            perché deve essere sempre possibile capire la
            tua

            identità a chi di

            dovere.

            E il gabibbo?
            Chi cazzo si nasconde lè dentro?
            Perchè non loarrestano? sono 18 anni che
            scorrazza per tutta l'italia con quella
            maschera.
            Al rogoooooooooo!vedo che hai finito le argomentazioni serie e quindi cominci a citare buffoni.se vuoi la risposta seria: lo studio mediaset non è un luogo pubblico. A casa tua puoi metterti anche il passamontagna se vuoi, così come se vuoi mettere nella tua lan dei server tor non vedo il perché non dovresti poterlo fare.Il problema, come per il passamontagna, è quando vai fuori dalla tua casa con esso, e con tor, quando esci su internet usandolo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            se vuoi la risposta seria: lo studio mediaset non
            è un luogo pubblico.Davvero grande lo studio di mediaset, non se ne vedono i confini in certe inquadrature!L'hai mai guardata striscia la notizia?Non credo.
            Il problema, come per il passamontagna, è quando
            vai fuori dalla tua casa con esso, e con tor,
            quando esci su internet
            usandolo.No. per ora il problema è solo il passamontagna (e il gabibbo). La legge non dice nulla riguardo a TOR.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            se vuoi la risposta seria: lo studio mediaset
            non

            è un luogo pubblico.

            Davvero grande lo studio di mediaset, non se ne
            vedono i confini in certe
            inquadrature!
            L'hai mai guardata striscia la notizia?
            Non credo.
            Lo studio mediaset è un luogo privato. Comunque l'identità del gabibbo la sanno tutti, quindi direi che è tutto tranne che anonimo.

            Il problema, come per il passamontagna, è quando

            vai fuori dalla tua casa con esso, e con tor,

            quando esci su internet

            usandolo.

            No. per ora il problema è solo il passamontagna
            (e il gabibbo). La legge non dice nulla riguardo
            a
            TOR.Per ora. Però il parallelo c'è, quindi non ti sorprendere se prima o poi diventerà illegale.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Lo studio mediaset è un luogo privato. ah sì??? Anche le mille piazze, comuni, scuole, uffici e quant'altro ha visitato?Ma tu li vedi i servizi o vedi solo quello che vuoi?Comunque
            l'identità del gabibbo la sanno tutti, quindi
            direi che è tutto tranne che
            anonimo.Ma come cazzo fai a saperlo, visto che è coperto!Chissà quante volte c'era sotto un altro (secondo te non si ammala mai?)
            Per ora. Però il parallelo c'è, quindi non ti
            sorprendere se prima o poi diventerà
            illegale.Io non mi sorprendo di nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:





            Quindi temi che qualcuno travestito da tor
            si



            metta a fare rapine ???




            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti


            correnti altrui. O anche comprare materiale


            pedopornografico. O violare sistemi
            informatici


            di sicurezza.


            Possibilissimo.



            Se e' in grado di fare cose del genere non ha

            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di

            passaggi in ssh con shell

            remote.

            Meglio o peggio è poco influente. Può consentire
            ai colpevoli di reati di non essere individuati.
            Scusa se è
            poco.Potremmo anche obbligare la gente a girare nuda perche' non nasconda armi o a non avere proprieta', cosi' puoi arrestare direttamente chiunque possieda qualcosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:







            Quindi temi che qualcuno travestito da tor

            si




            metta a fare rapine ???






            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti



            correnti altrui. O anche comprare materiale



            pedopornografico. O violare sistemi

            informatici



            di sicurezza.



            Possibilissimo.





            Se e' in grado di fare cose del genere non ha


            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di


            passaggi in ssh con shell


            remote.



            Meglio o peggio è poco influente. Può consentire

            ai colpevoli di reati di non essere individuati.

            Scusa se è

            poco.

            Potremmo anche obbligare la gente a girare nuda
            perche' non nasconda armi o a non avere
            proprieta', cosi' puoi arrestare direttamente
            chiunque possieda
            qualcosa.Non hai centrato il problema
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            - Scritto da:









            Quindi temi che qualcuno travestito da
            tor


            si





            metta a fare rapine ???








            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti




            correnti altrui. O anche comprare
            materiale




            pedopornografico. O violare sistemi


            informatici




            di sicurezza.




            Possibilissimo.







            Se e' in grado di fare cose del genere non
            ha



            bisogno di usare Tor... Meglio una serie di



            passaggi in ssh con shell



            remote.





            Meglio o peggio è poco influente. Può
            consentire


            ai colpevoli di reati di non essere
            individuati.


            Scusa se è


            poco.



            Potremmo anche obbligare la gente a girare nuda

            perche' non nasconda armi o a non avere

            proprieta', cosi' puoi arrestare direttamente

            chiunque possieda

            qualcosa.

            Non hai centrato il problemaSai quante armi / droga / evidenze di illegalita' si possono nascondere sotto i vestiti ? Non hai visto bouling columbine he ?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            - Scritto da:











            Quindi temi che qualcuno travestito da

            tor



            si






            metta a fare rapine ???










            Rapine telematiche, ovvero svuotare
            conti





            correnti altrui. O anche comprare

            materiale





            pedopornografico. O violare sistemi



            informatici





            di sicurezza.





            Possibilissimo.









            Se e' in grado di fare cose del genere non

            ha




            bisogno di usare Tor... Meglio una serie
            di




            passaggi in ssh con shell




            remote.







            Meglio o peggio è poco influente. Può

            consentire



            ai colpevoli di reati di non essere

            individuati.



            Scusa se è



            poco.





            Potremmo anche obbligare la gente a girare
            nuda


            perche' non nasconda armi o a non avere


            proprieta', cosi' puoi arrestare direttamente


            chiunque possieda


            qualcosa.



            Non hai centrato il problema

            Sai quante armi / droga / evidenze di illegalita'
            si possono nascondere sotto i vestiti ? Non hai
            visto bouling columbine he
            ?E quindi? Si parla di possibilità di recuperare l'identità alle forze dell'ordine e magistratura, non di impossibilità a commettere reati.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:



            - Scritto da:




            - Scritto da:





            Senti gli eserciti di persone che vivono


            fuori





            dal controllo della legge li trovi ogni


            giorno





            disperati davanti alle piazze delle


            stazioni,




            nel





            parcheggio del Lidl seduti su un
            gradino
            a



            bere





            birra e organizzare qualche





            furto.















            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il




            carabiniere di turno chiede i documenti e



            accerta




            l'identità di queste persone. Se non ha i




            documenti, vieni prelevato e ti fermano

            finché




            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR



            questo




            non si può




            fare.







            Che cavolata! Quello che si dicono in


            un'orecchio



            non lo possono sapere nemmeno i poliziotti.




            TOR impedisce la stessa identificazione della


            persona, è questo il problema, non solo il suo


            ascolto.






            Quindi temi che qualcuno travestito da tor si

            metta a fare rapine

            ???


            Rapine telematiche, ovvero svuotare conti
            correnti altrui. O anche comprare materiale
            pedopornografico. O violare sistemi informatici
            di sicurezza.
            Possibilissimo.Per ognuno di questi reati si sono altri modi per perseguirli e/o contrastarli. Tagliare la testa al Tor è solo un modo di ostacolare la libertà di comunicazione. Per esempio mettere un firewall sul proprio computer è meglio che pretendere che ad ogni conessione ognuno ti mandi i propri documenti autenticati
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            comunicazione. Per esempio mettere un firewall
            sul proprio computer è meglio che pretendere che
            ad ogni conessione ognuno ti mandi i propri
            documenti
            autenticatinon sei un burocrate vero ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Senti gli eserciti di persone che vivono
            fuori



            dal controllo della legge li trovi ogni
            giorno



            disperati davanti alle piazze delle
            stazioni,


            nel



            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a

            bere



            birra e organizzare qualche



            furto.









            Non è vero. Se arriva il poliziotto o il


            carabiniere di turno chiede i documenti e

            accerta


            l'identità di queste persone. Se non ha i


            documenti, vieni prelevato e ti fermano finché


            non riescono ad accertare chi sei. Con TOR

            questo


            non si può


            fare.



            Che cavolata! Quello che si dicono in
            un'orecchio

            non lo possono sapere nemmeno i poliziotti.

            TOR impedisce la stessa identificazione della
            persona, è questo il problema, non solo il suo
            ascolto.
            Se la comunicazione è cifrata dall'inizio alla fine identificare l'autore a che ti serve? E viceversa se scopri la comunicazione a che ti serve colpire il mittente? Comunicare è reato forse? Anche se io dico che voglio dire pubblicamente che voglio uccidere il tale non sono perseguibile se poi non lo faccio.Se invece è solo una minaccia individuale, basta una lettera anonima, o una mail cifrata. Nella lettera ci poi mettere l'antrace, nella mail no. Tor ristabilisce soltanto un minimo di equilibrio rispetto all'ingerenza della tecnologia nelle comunicazioni private.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            Ma per favore ! Le sinistre sono dietro il tentato colpo di stato dell' 11 Settembre 2001. Gli attentati furono organizzati ai tempi del '68ino Clinton, fu l'amministrazione Clinton a permettere ai terroristi islamici di invadere il paese come mai prima, fu l'amministrazione Clinton a mettere a capo dei servizi segreti e militari persone che impedissero ogni reazione nel giorno dell'attacco. E la classica tattica della sinistra con cui si indottrinano gli adepti come te è quello di dare fumo negli occhi alla gente dicendo che ciò che la sinistra ha fatto è stato fatto dagli avversari, è un classico che si ripete nella storia, i comunisti e derivati '68ini fanno le porcate e poi accusano le destre di aver commesso questo e quello se gli va male e non riescono ad ottenere il risultato prefisso.- Scritto da:
            Senti gli eserciti di persone che vivono fuori
            dal controllo della legge li trovi ogni giorno
            disperati davanti alle piazze delle stazioni, nel
            parcheggio del Lidl seduti su un gradino a bere
            birra e organizzare qualche
            furto.

            TOR non è che uno strumento come gli altri per
            cercare di proteggere un minimo la propria
            privacy.

            Le minacce all'occidente sono quasi tutte
            fasulle. Come molto fumosi sono questi video di
            Al Quaeda che arrivano puntualissimi poco prima
            dell'11/9 proprio per massimizzare l'effetto
            amplificato dall'anniversario
            dell'evento.

            Il fatto è che l'azione mediatica dei governi che
            vogliono il controllo sull'informazione per poter
            meglio indirizzare commercio e industria, e
            accrescere il potere politico è talmente
            pressante e ossessiva che ormai ha paura dei
            terroristi islamici pure l'abitante di
            Boccachiavica in provincia di Mantova, che mai e
            poi mai andrà nella metropolitana di Londra, o
            volerà negli
            USA.

            Ma quello che più mi deprime è il fatto che il
            cittadino di Boccachiavica sarà disposto ad
            andare a votare per svendere la propria libertà,
            per paura di minacce che non lo toccheranno mai
            nella sua insulza vita di campagna (con tutto il
            rispetto per la vita di campagna e i
            contadini).

            C'è un problema di fondo di proporzioni che la
            gente non riesce a comprendere quando la sua
            mente è offuscata e non va aldilà del box che
            contiene il cinescopio del proprio
            televisore.
            E cioè che ogni anno in qualsiasi paese muoiono
            ben oltre quelle 3000 persone morte negli
            attentati dell'11/9. E che quelle 3000 persone
            non valgono l'annullamento di diritti e libertà
            di milioni di altri individui in tutto il
            mondo.

            Senza contare che se realmente organizzati da
            fanatici islamici, perché ci sono grossi dubbi e
            cose poco chiare in tutti questi attentati specie
            quello nella metropolitana di Londra del quale si
            hanno pochi dettagli sulla dinamica
            dell'attentato, l'incazzatura dei fanatici
            islamici non arriva così casuale, per una pazzia
            collettiva mistico-religiosa, ma dopo decenni di
            sfruttamento e impoverimento delle popolazioni
            medio-orientali che hanno ricchezze come il
            petrolio che devono essere depredate dalle
            multinazionali, e ben poco resta a loro per
            migliorare le proprie condizioni di
            vita.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            questo e quello se gli va male e non riescono ad
            ottenere il risultato
            prefisso.
            ti sei dimenticato il risultato desinenza e suffisso...
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            E la classica tattica della sinistra con cui si
            indottrinano gli adepti come te è quello di dare
            fumo negli occhi alla gente dicendo che ciò che
            la sinistra ha fatto è stato fatto dagli
            avversari, è un classico che si ripete nella
            storia, i comunisti e derivati '68ini fanno le
            porcate e poi accusano le destre di aver commesso
            questo e quello se gli va male e non riescono ad
            ottenere il risultato
            prefisso.ma certo, come le bombe in Italia tra gli anni 70 e gli 80 vero?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Ma per favore !
            Le sinistre sono dietro il tentato colpo di stato
            dell' 11 Settembre 2001. Gli attentati furono
            organizzati ai tempi del '68ino Clinton, fu
            l'amministrazione Clinton a permettere ai
            terroristi islamici di invadere il paese come mai
            prima, fu l'amministrazione Clinton a mettere a
            capo dei servizi segreti e militari persone che
            impedissero ogni reazione nel giorno
            dell'attacco.


            E la classica tattica della sinistra con cui si
            indottrinano gli adepti come te è quello di dare
            fumo negli occhi alla gente dicendo che ciò che
            la sinistra ha fatto è stato fatto dagli
            avversari, è un classico che si ripete nella
            storia, i comunisti e derivati '68ini fanno le
            porcate e poi accusano le destre di aver commesso
            questo e quello se gli va male e non riescono ad
            ottenere il risultato
            prefisso.Mmhh.. anche stasera ti sei "scordato" di prendere le pillole, eh?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            Ma tutte queste minchiate te le detta qualcuno o sono tutta farina del tuo sacco?Mi pari Emilio Fede...
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy

          La questione è completamente diversa. L'uso di
          TOR non consente alla legge né a chi la deve far
          rispettare di intervenire in ogni caso, sia che
          commetta reato che non lo commetta. L'utilizzo
          della macchina per fare la rapina, o delle armi o
          di quello che vuoi non pone il delinquente al di
          fuori della legge. TOR, se lasciato prosperare,
          crea eserciti di persone che vivono fuori dal
          controllo della legge.
          Nessuno dei seri oppositori di TOR prospetta un
          futuro di controllo globalizzato, ma nemmeno un
          futuro in cui non vi possa essere nessuna forma
          di controllo. C'è un abisso tra le due
          cose.Sarebbe come togliere la segretezza del voto, nelle urne e in parlamento. E' nel mondo reale che serve la prevenzione, dove si agisce, non in quello virtuale, dove si conosce e si comunica. Nel mondo reale nessuno si sognerebbe di intercettare per legge le tue comunicazioni private, in rete sì. Perché? Perché la rete è più controllabile non perché è più pericolosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy

      in automatico la privacy di chi lo usa al di
      sopra di qualsiasi forma controllo.fiko
      Questo non
      può essere ammissibile in nessuno stato.pekke
      • anonimo anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da:

        in automatico la privacy di chi lo usa al di

        sopra di qualsiasi forma controllo.
        fiko


        Questo non

        può essere ammissibile in nessuno stato.
        pekkeLOL
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy
      - Scritto da:
      Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è
      nell'interesse collettivo la violazione parziale,
      limitata a pochi soggetti autorizzati, della
      privacy di qualcuno, questa non può e non deve
      essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone
      in automatico la privacy di chi lo usa al di
      sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non
      può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta
      quindi la decisione tedesca, e speriamo nella
      messa al bando per legge di
      TORLa tua privacy ti permette di scrivere minchiate senza che te ne renda conto.
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è

        nell'interesse collettivo la violazione
        parziale,

        limitata a pochi soggetti autorizzati, della

        privacy di qualcuno, questa non può e non deve

        essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone

        in automatico la privacy di chi lo usa al di

        sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non

        può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta

        quindi la decisione tedesca, e speriamo nella

        messa al bando per legge di

        TOR

        La tua privacy ti permette di scrivere minchiate
        senza che te ne renda
        conto.Non uso TOR né altri sistemi di anonimizzazione e quindi non sono anonimo.Sulle offese lascio stare, tanto chi offende gli altri in realtà offende sé stesso.
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          Non può essere messa sopra ogni altra cosa.
          Se
          è


          nell'interesse collettivo la violazione

          parziale,


          limitata a pochi soggetti autorizzati, della


          privacy di qualcuno, questa non può e non deve


          essere negata. TOR impedisce tutto questo e
          pone


          in automatico la privacy di chi lo usa al di


          sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non


          può essere ammissibile in nessuno stato.
          Giusta


          quindi la decisione tedesca, e speriamo nella


          messa al bando per legge di


          TOR



          La tua privacy ti permette di scrivere minchiate

          senza che te ne renda

          conto.

          Non uso TOR né altri sistemi di anonimizzazione e
          quindi non sono
          anonimo.

          Sulle offese lascio stare, tanto chi offende gli
          altri in realtà offende sé
          stesso.Sei anonimo in senso lato, sul forum nessuno sa chi sei.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Non può essere messa sopra ogni altra cosa.

            Se

            è



            nell'interesse collettivo la violazione


            parziale,



            limitata a pochi soggetti autorizzati, della



            privacy di qualcuno, questa non può e non
            deve



            essere negata. TOR impedisce tutto questo e

            pone



            in automatico la privacy di chi lo usa al di



            sopra di qualsiasi forma controllo. Questo
            non



            può essere ammissibile in nessuno stato.

            Giusta



            quindi la decisione tedesca, e speriamo
            nella



            messa al bando per legge di



            TOR





            La tua privacy ti permette di scrivere
            minchiate


            senza che te ne renda


            conto.



            Non uso TOR né altri sistemi di anonimizzazione
            e

            quindi non sono

            anonimo.



            Sulle offese lascio stare, tanto chi offende gli

            altri in realtà offende sé

            stesso.

            Sei anonimo in senso lato, sul forum nessuno sa
            chi
            sei.Non ha nessuna rilevanza con il discorso.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            Non può essere messa sopra ogni altra
            cosa.


            Se


            è




            nell'interesse collettivo la violazione



            parziale,




            limitata a pochi soggetti autorizzati,
            della




            privacy di qualcuno, questa non può e non

            deve




            essere negata. TOR impedisce tutto questo
            e


            pone




            in automatico la privacy di chi lo usa al
            di




            sopra di qualsiasi forma controllo. Questo

            non




            può essere ammissibile in nessuno stato.


            Giusta




            quindi la decisione tedesca, e speriamo

            nella




            messa al bando per legge di




            TOR







            La tua privacy ti permette di scrivere

            minchiate



            senza che te ne renda



            conto.





            Non uso TOR né altri sistemi di
            anonimizzazione

            e


            quindi non sono


            anonimo.





            Sulle offese lascio stare, tanto chi offende
            gli


            altri in realtà offende sé


            stesso.



            Sei anonimo in senso lato, sul forum nessuno sa

            chi

            sei.

            Non ha nessuna rilevanza con il discorso.Hai qualcosa da nascondere forse?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:





            Non può essere messa sopra ogni altra

            cosa.



            Se



            è





            nell'interesse collettivo la violazione




            parziale,





            limitata a pochi soggetti autorizzati,

            della





            privacy di qualcuno, questa non può e
            non


            deve





            essere negata. TOR impedisce tutto
            questo

            e



            pone





            in automatico la privacy di chi lo usa
            al

            di





            sopra di qualsiasi forma controllo.
            Questo


            non





            può essere ammissibile in nessuno stato.



            Giusta





            quindi la decisione tedesca, e speriamo


            nella





            messa al bando per legge di





            TOR









            La tua privacy ti permette di scrivere


            minchiate




            senza che te ne renda




            conto.







            Non uso TOR né altri sistemi di

            anonimizzazione


            e



            quindi non sono



            anonimo.







            Sulle offese lascio stare, tanto chi offende

            gli



            altri in realtà offende sé



            stesso.





            Sei anonimo in senso lato, sul forum nessuno
            sa


            chi


            sei.



            Non ha nessuna rilevanza con il discorso.

            Hai qualcosa da nascondere forse?A polizia e magistrati no, infatti non uso TOR.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:











            - Scritto da:






            Non può essere messa sopra ogni altra


            cosa.




            Se




            è






            nell'interesse collettivo la
            violazione





            parziale,






            limitata a pochi soggetti autorizzati,


            della






            privacy di qualcuno, questa non può e

            non



            deve






            essere negata. TOR impedisce tutto

            questo


            e




            pone






            in automatico la privacy di chi lo usa

            al


            di






            sopra di qualsiasi forma controllo.

            Questo



            non






            può essere ammissibile in nessuno
            stato.




            Giusta






            quindi la decisione tedesca, e
            speriamo



            nella






            messa al bando per legge di






            TOR











            La tua privacy ti permette di scrivere



            minchiate





            senza che te ne renda





            conto.









            Non uso TOR né altri sistemi di


            anonimizzazione



            e




            quindi non sono




            anonimo.









            Sulle offese lascio stare, tanto chi
            offende


            gli




            altri in realtà offende sé




            stesso.







            Sei anonimo in senso lato, sul forum nessuno

            sa



            chi



            sei.





            Non ha nessuna rilevanza con il discorso.



            Hai qualcosa da nascondere forse?

            A polizia e magistrati no, infatti non uso TOR.Non sono gli unici che possono accedere a queste informazioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            A polizia e magistrati no, infatti non uso TOR.

            Non sono gli unici che possono accedere a queste
            informazioni.Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio gestore di telefonia possiede i miei log. Fa tutto parte di un sistema equo di controllo che non mi pone al di fuori della legge.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            A polizia e magistrati no, infatti non uso
            TOR.



            Non sono gli unici che possono accedere a queste

            informazioni.

            Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio gestore
            di telefonia possiede i miei log. Fa tutto parte
            di un sistema equo di controllo che non mi pone
            al di fuori della
            legge.Stai inconsciamente trollando.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            A polizia e magistrati no, infatti non uso

            TOR.





            Non sono gli unici che possono accedere a
            queste


            informazioni.



            Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio gestore

            di telefonia possiede i miei log. Fa tutto parte

            di un sistema equo di controllo che non mi pone

            al di fuori della

            legge.

            Stai inconsciamente trollando.Veramente mi sto inconsciamente convincendo delle mie trollate :s
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            Bella battuta :D
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            A polizia e magistrati no, infatti non uso
            TOR.



            Non sono gli unici che possono accedere a queste

            informazioni.

            Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio gestore
            di telefonia possiede i miei log. Fa tutto parte
            di un sistema equo di controllo che non mi pone
            al di fuori della
            legge.questa frase non ha alcun senso, quale sarebbe il nesso tra il controllo del tuo traffico da parte di enti esterni ed il fatto che tu non ti ponga al di fuori della legge?il punto era molto semplice, impossibile da capire in altro modo, ovvero chi controlla il controllore? chi mi garantisce che tali informazioni non siano passate/vendute a enti esterni?ti faccio un bell'esempio"è fondamentale poter creare una banche dati per controllare l'andamento del credito dei singoli cittadini al fine di potersi tutelare in fase di trattativa per l'emissione del credito da parte degli enti preposti"qualche anno dopo: le informazioni possono circolare liberamente tra soggetti privati, negli stati uniti l'ondata moralizzatrice neoconservatrice dice che un buon cittadino (sic) deve essere capace di gestire bene il proprio creditooggi chi assume per qualunque tipo di lavoro, di routine chiede un estratto conto della gestione del credito di chi deve intervistare: "chi non è capace di gestire oculatamente il proprio credito, non è capace di gestire il lavoro per l'azienda"e siamo ancora ad un esempio banaleconcordo con chi ha scritto che stai solo trollando
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            A polizia e magistrati no, infatti non uso

            TOR.





            Non sono gli unici che possono accedere a
            queste


            informazioni.



            Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio gestore

            di telefonia possiede i miei log. Fa tutto parte

            di un sistema equo di controllo che non mi pone

            al di fuori della

            legge.

            questa frase non ha alcun senso, quale sarebbe il
            nesso tra il controllo del tuo traffico da parte
            di enti esterni ed il fatto che tu non ti ponga
            al di fuori della
            legge?
            La possibilità di esser identificato nel caso commetta degli illeciti.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            A polizia e magistrati no, infatti non uso


            TOR.







            Non sono gli unici che possono accedere a

            queste



            informazioni.





            Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio
            gestore


            di telefonia possiede i miei log. Fa tutto
            parte


            di un sistema equo di controllo che non mi
            pone


            al di fuori della


            legge.



            questa frase non ha alcun senso, quale sarebbe
            il

            nesso tra il controllo del tuo traffico da parte

            di enti esterni ed il fatto che tu non ti ponga

            al di fuori della

            legge?



            La possibilità di esser identificato nel caso
            commetta degli
            illeciti.
            quello che hai scritto è che se PI ha il tuo IP e se lo ha anche l'ISP, fa tutto quanto parte di un sistema equo (sic) che non ti pone al di fuori della leggela storia ci insegna che non importa quale sia il sistema di controllo, per chi vuole commettere un illecito è molto più semplice pagare qualche liretta per eliminare, rendere inutilizzabili o addirittura imputare a terzi le prove, piuttosto che cercare di aggirare il sistemail sistema da solo una falsa sicurezza di non permettere ad alcuno di porsi fuori dal controllo, questa falsa sicurezza rende ancora peggiore la situazione di chi si ritrova ad essere imputato con prove artefatte ed è invece molto pratico per chi vuole cancellarlesenza poi considerare il fatto che mentre prima di internet poteva essere più o meno complesso alterare le prove nel mondo reale, oggi si possono creare ad arte un sacco di nuove prove con internet (che possono oltetutto essere usate anche nel mondo reale)siamo sempre al solito "chi controlla il controllore" che ormai a furia di ripeterlo è diventata una litanua vuota ed incomprensibile alla maggior parte della gentepurtroppo rimane il problema principale, specialmente in un paese fatto di piccoli e grossi furbi e furbetti abituati da sempre a manipolare le cose a proprio vantaggio
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            A polizia e magistrati no, infatti non
            uso



            TOR.









            Non sono gli unici che possono accedere a


            queste




            informazioni.







            Fa nulla se PI ha il mio IP, o se il mio

            gestore



            di telefonia possiede i miei log. Fa tutto

            parte



            di un sistema equo di controllo che non mi

            pone



            al di fuori della



            legge.





            questa frase non ha alcun senso, quale sarebbe

            il


            nesso tra il controllo del tuo traffico da
            parte


            di enti esterni ed il fatto che tu non ti
            ponga


            al di fuori della


            legge?






            La possibilità di esser identificato nel caso

            commetta degli

            illeciti.



            quello che hai scritto è che se PI ha il tuo IP e
            se lo ha anche l'ISP, fa tutto quanto parte di un
            sistema equo (sic) che non ti pone al di fuori
            della
            legge

            la storia ci insegna che non importa quale sia il
            sistema di controllo, per chi vuole commettere un
            illecito è molto più semplice pagare qualche
            liretta per eliminare, rendere inutilizzabili o
            addirittura imputare a terzi le prove, piuttosto
            che cercare di aggirare il
            sistema
            Il tuo problema è che cercare di aggirare il sistema, corrompendo o pagando chi che sia, è un reato in sé.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Il tuo problema è che cercare di aggirare il
            sistema, corrompendo o pagando chi che sia, è un
            reato in
            sé.Allora dillo, ci stai allegramente prendendo per i fondelli.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Il tuo problema è che cercare di aggirare il

            sistema, corrompendo o pagando chi che sia, è un

            reato in

            sé.

            Allora dillo, ci stai allegramente prendendo per
            i
            fondelli.Se non sai replicare non serve che intervieni.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Il tuo problema è che cercare di aggirare il


            sistema, corrompendo o pagando chi che sia, è
            un


            reato in


            sé.



            Allora dillo, ci stai allegramente prendendo per

            i

            fondelli.

            Se non sai replicare non serve che intervieni.Neanche tu vai forte: se tizio per portare a termine un'azione criminosa compie l'azione X, non mi puoi obiettare che l'azione X è un reato! Ne sta x commettere uno, cosa vuoi che gliene freghi di commetterne due... come dire: se stai scappando in auto dopo aver fatto una rapina in banca, non ti fermi di certo di fronte al divieto di passare col rosso.. o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            Il tuo problema è che cercare di aggirare il



            sistema, corrompendo o pagando chi che sia,
            è

            un



            reato in



            sé.





            Allora dillo, ci stai allegramente prendendo
            per


            i


            fondelli.



            Se non sai replicare non serve che intervieni.

            Neanche tu vai forte: se tizio per portare a
            termine un'azione criminosa compie l'azione X,

            non mi puoi obiettare che l'azione X è un reato!
            Ne sta x commettere uno, cosa vuoi che gliene
            freghi di commetterne due... come dire: se stai
            scappando in auto dopo aver fatto una rapina in
            banca, non ti fermi di certo di fronte al divieto
            di passare col rosso.. o
            no?Tizio commette un reato anche se commette solo l'azione X, senza far nient'altro in aggiunta. Perché devi proseguire nella catena dei reati a tuo piacimento?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:




            Il tuo problema è che cercare di aggirare
            il




            sistema, corrompendo o pagando chi che
            sia,

            è


            un




            reato in




            sé.







            Allora dillo, ci stai allegramente prendendo

            per



            i



            fondelli.





            Se non sai replicare non serve che intervieni.



            Neanche tu vai forte: se tizio per portare a

            termine un'azione criminosa compie l'azione X,



            non mi puoi obiettare che l'azione X è un reato!

            Ne sta x commettere uno, cosa vuoi che gliene

            freghi di commetterne due... come dire: se stai

            scappando in auto dopo aver fatto una rapina in

            banca, non ti fermi di certo di fronte al
            divieto

            di passare col rosso.. o

            no?

            Tizio commette un reato anche se commette solo
            l'azione X, senza far nient'altro in aggiunta.
            Perché devi proseguire nella catena dei reati a
            tuo
            piacimento?Il tuo problema è che l'azione X (Tor) non è e non può (di diritto, di fatto non sia mai) reato SOLO perché potrebbe aiutare a commettere un reato. Soprattutto per il fatto che non impedisce di contrastare quel reato in altri modi, impedisce soltanto che il delinquente che entra in banca debba presentare i documenti allo sportello. Il tuo problema è che vuoi fare di ogni connessione internet uno sportello di banca, quando internet è nel migliore dei casi un bordello dove nessuno vuole presentare i propri documenti (e a ragione) quando è sufficiente che gli sportelli delle banche non accettino clienti anonimizzati con Tor.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:





            Il tuo problema è che cercare di
            aggirare

            il





            sistema, corrompendo o pagando chi che

            sia,


            è



            un





            reato in





            sé.









            Allora dillo, ci stai allegramente
            prendendo


            per




            i




            fondelli.







            Se non sai replicare non serve che
            intervieni.





            Neanche tu vai forte: se tizio per portare a


            termine un'azione criminosa compie l'azione X,





            non mi puoi obiettare che l'azione X è un
            reato!


            Ne sta x commettere uno, cosa vuoi che gliene


            freghi di commetterne due... come dire: se
            stai


            scappando in auto dopo aver fatto una rapina
            in


            banca, non ti fermi di certo di fronte al

            divieto


            di passare col rosso.. o


            no?



            Tizio commette un reato anche se commette solo

            l'azione X, senza far nient'altro in aggiunta.

            Perché devi proseguire nella catena dei reati a

            tuo

            piacimento?


            Il tuo problema è che l'azione X (Tor) non è e
            non può (di diritto, di fatto non sia mai) reato
            SOLO perché potrebbe aiutare a commettere un
            reato. ALT. Non ho detto questo. TOR dovrebbe essere bandito se non permette l'identificazione delle persone agli organi competenti, a prescindere da altre considerazioni. Quindi non in quanto mezzo per commettere potenzialmente crimini, ma in quanto mezzo per celare con certezza la propria identità alle autorità.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:






            Il tuo problema è che cercare di

            aggirare


            il






            sistema, corrompendo o pagando chi che


            sia,



            è




            un






            reato in






            sé.











            Allora dillo, ci stai allegramente

            prendendo



            per





            i





            fondelli.









            Se non sai replicare non serve che

            intervieni.







            Neanche tu vai forte: se tizio per portare a



            termine un'azione criminosa compie l'azione
            X,







            non mi puoi obiettare che l'azione X è un

            reato!



            Ne sta x commettere uno, cosa vuoi che
            gliene



            freghi di commetterne due... come dire: se

            stai



            scappando in auto dopo aver fatto una rapina

            in



            banca, non ti fermi di certo di fronte al


            divieto



            di passare col rosso.. o



            no?





            Tizio commette un reato anche se commette solo


            l'azione X, senza far nient'altro in aggiunta.


            Perché devi proseguire nella catena dei reati
            a


            tuo


            piacimento?





            Il tuo problema è che l'azione X (Tor) non è e

            non può (di diritto, di fatto non sia mai) reato

            SOLO perché potrebbe aiutare a commettere un

            reato.

            ALT. Non ho detto questo. TOR dovrebbe essere
            bandito se non permette l'identificazione delle
            persone agli organi competenti, a prescindere da
            altre considerazioni. Quindi non in quanto mezzo
            per commettere potenzialmente crimini, ma in
            quanto mezzo per celare con certezza la propria
            identità alle
            autorità.
            E' esattamente la stessa cosa. Perché, a cosa serve l'identità se non per identificare l'autore di un reato? Per mandarti gli auguri di buon compleanno?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:






            Il tuo problema è che cercare di

            aggirare


            il






            sistema, corrompendo o pagando chi che


            sia,



            è




            un






            reato in






            sé.











            Allora dillo, ci stai allegramente

            prendendo



            per





            i





            fondelli.









            Se non sai replicare non serve che

            intervieni.







            Neanche tu vai forte: se tizio per portare a



            termine un'azione criminosa compie l'azione
            X,







            non mi puoi obiettare che l'azione X è un

            reato!



            Ne sta x commettere uno, cosa vuoi che
            gliene



            freghi di commetterne due... come dire: se

            stai



            scappando in auto dopo aver fatto una rapina

            in



            banca, non ti fermi di certo di fronte al


            divieto



            di passare col rosso.. o



            no?





            Tizio commette un reato anche se commette solo


            l'azione X, senza far nient'altro in aggiunta.


            Perché devi proseguire nella catena dei reati
            a


            tuo


            piacimento?





            Il tuo problema è che l'azione X (Tor) non è e

            non può (di diritto, di fatto non sia mai) reato

            SOLO perché potrebbe aiutare a commettere un

            reato.

            ALT. Non ho detto questo. TOR dovrebbe essere
            bandito se non permette l'identificazione delle
            persone agli organi competenti, a prescindere da
            altre considerazioni. Quindi non in quanto mezzo
            per commettere potenzialmente crimini, ma in
            quanto mezzo per celare con certezza la propria
            identità alle
            autorità.
            come la posta nella sua forma attualebandiamo anche quella?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            ALT.raus
            Non ho detto questo. TOR dovrebbe essere
            bandito se non permette l'identificazione
            delle
            persone agli organi competenti,stavo per fare ironia su competenti poi ho ripensato e ho detto mah qualcuno di competente ognitanto c'e
            a prescindere da
            altre considerazioni.ecco qui non ci siamo
            Quindi non in quanto mezzo
            per commettere potenzialmente crimini, ma in
            quanto mezzo per celare con certezza la
            propria
            identità alle
            autorità./me si arrende davanti a delle convizioni cosi radicate
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Il tuo problema è che cercare di aggirare il
            sistema, corrompendo o pagando chi che sia, è un
            reato in
            sé.ma quello che mi chiedo con tutti questi reati qualche colpevole ognitanto va in prigione ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Il tuo problema è che cercare di aggirare il

            sistema, corrompendo o pagando chi che sia, è un

            reato in

            sé.
            ma quello che mi chiedo con tutti questi reati
            qualche colpevole ognitanto va in prigione
            ?????nel mondo reale raramente, in quello virtuale tra un pò ci andranno le nonnine e le dodicenni che copiano gli emmepittrè
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            senza poi considerare il fatto che mentre prima di internet poteva essere più o meno complesso alterare le prove nel mondo reale, oggi si possono creare ad arte un sacco di nuove prove con internet (che possono oltetutto essere usate anche nel mondo reale)QQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQQ
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            La possibilità di esser identificato nel caso
            commetta degli
            illeciti.e i casi irrisolti ??????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            e siamo ancora ad un esempio banalesembra banaleaggiungi magari una visita medica prima di assumerti e hai un pezzo del puzzle quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:









            - Scritto da:











            - Scritto da:






            Non può essere messa sopra ogni altra


            cosa.




            Se




            è






            nell'interesse collettivo la
            violazione





            parziale,






            limitata a pochi soggetti autorizzati,


            della






            privacy di qualcuno, questa non può e

            non



            deve






            essere negata. TOR impedisce tutto

            questo


            e




            pone






            in automatico la privacy di chi lo usa

            al


            di






            sopra di qualsiasi forma controllo.

            Questo



            non






            può essere ammissibile in nessuno
            stato.




            Giusta






            quindi la decisione tedesca, e
            speriamo



            nella






            messa al bando per legge di






            TOR











            La tua privacy ti permette di scrivere



            minchiate





            senza che te ne renda





            conto.









            Non uso TOR né altri sistemi di


            anonimizzazione



            e




            quindi non sono




            anonimo.









            Sulle offese lascio stare, tanto chi
            offende


            gli




            altri in realtà offende sé




            stesso.







            Sei anonimo in senso lato, sul forum nessuno

            sa



            chi



            sei.





            Non ha nessuna rilevanza con il discorso.



            Hai qualcosa da nascondere forse?

            A polizia e magistrati no, infatti non uso TOR.dicevano lo stesso gli ebrei prima che fossero promulgate le leggi razziali, poi di punto in bianco qualche milione di persone avevano qualche cosa da nascondereper contro qualche altro milione di persone continuava a non avere nulla da nascondere, il loro menefreghismo e l'assenza di una loro reazione erano d'altra parte già state tenute in conto da chi voleva il controllo totaleil popolo bue è bravo a sproloquiare al bar poi finché non gli si toccano le sue cose è solo vile
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            Solita menata trita e ritrita del nazismo quando non si hanno controargomentazioni valide.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Solita menata trita e ritrita del nazismo quando
            non si hanno controargomentazioni
            valide.già... come se fosse stata solo una passeggiata di salute o una cosa così lontana che forse non è mai successaparlare senza fare i conti con la propria storia è come formulare una tesi senza tenere conto delle evidenze sperimentali, cioè aria fritta
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Solita menata trita e ritrita del nazismo quando

            non si hanno controargomentazioni

            valide.

            già... come se fosse stata solo una passeggiata
            di salute o una cosa così lontana che forse non è
            mai
            successa

            parlare senza fare i conti con la propria storia
            è come formulare una tesi senza tenere conto
            delle evidenze sperimentali, cioè aria
            frittaPrimo: evita di parlare di evidenze sperimentali, la storia non è scienza.Secondo: io parlo argomentando, non usando il facile rifugio del nazismo/comunismo/*ismo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Solita menata trita e ritrita del nazismo
            quando


            non si hanno controargomentazioni


            valide.



            già... come se fosse stata solo una passeggiata

            di salute o una cosa così lontana che forse non
            è

            mai

            successa



            parlare senza fare i conti con la propria storia

            è come formulare una tesi senza tenere conto

            delle evidenze sperimentali, cioè aria

            fritta

            Primo: evita di parlare di evidenze sperimentali,
            la storia non è
            scienza.Non fare il pedante, so benissimo che la storia non è scienza. Ma come per la scienza formulare teorie senza tenere conto delle evidenze sperimentali non serve a nulla, perché quasi sicuramente la teoria non permetterà di prevedere un bel niente, anche parlare di politica senza tenere conto della storia non serve a un bel niente.
            Secondo: io parlo argomentando, non usando il
            facile rifugio del
            nazismo/comunismo/*ismo.che sia un facile rifugio è solo una tua opinione e quindi facilmente contestabile e falsificabile
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Solita menata trita e ritrita del nazismo quando
            non si hanno controargomentazioni
            valide.Ci piacerebbe sentire anche le tue di argomentazioni valide, visto che finora ti sei limitato a porre obiezioni, anche un po' alla fallo di segugio, a volte.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Solita menata trita e ritrita del nazismo quando

            non si hanno controargomentazioni

            valide.

            Ci piacerebbe sentire anche le tue di
            argomentazioni valide, visto che finora ti sei
            limitato a porre obiezioni, anche un po' alla
            fallo di segugio, a
            volte.Le mie argomentazioni le ho espresse per tutto il forum. Sulla validità o meno è un tuo parere personale, quindi falsificabile. La menata del nazismo io la trovo trita e ritrita, non porta a nessuna parte ed è inutile, oltre che dannosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Solita menata trita e ritrita del nazismo
            quando


            non si hanno controargomentazioni


            valide.



            Ci piacerebbe sentire anche le tue di

            argomentazioni valide, visto che finora ti sei

            limitato a porre obiezioni, anche un po' alla

            fallo di segugio, a

            volte.

            Le mie argomentazioni le ho espresse per tutto il
            forum. Sulla validità o meno è un tuo parere
            personale, quindi falsificabile. La menata del
            nazismo io la trovo trita e ritrita, non porta a
            nessuna parte ed è inutile, oltre che
            dannosa.No, non solo non hai espresso argomentazioni limitandoti solo a porre obiezioni, ma la fai di continuo. Magari sei anche uno degli altri anonimi che ti da contro, così giusto per fare da contraddittorio. Vecchia storia.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Solita menata trita e ritrita del nazismo

            quando



            non si hanno controargomentazioni



            valide.





            Ci piacerebbe sentire anche le tue di


            argomentazioni valide, visto che finora ti sei


            limitato a porre obiezioni, anche un po' alla


            fallo di segugio, a


            volte.



            Le mie argomentazioni le ho espresse per tutto
            il

            forum. Sulla validità o meno è un tuo parere

            personale, quindi falsificabile. La menata del

            nazismo io la trovo trita e ritrita, non porta a

            nessuna parte ed è inutile, oltre che

            dannosa.

            No, non solo non hai espresso argomentazioni
            limitandoti solo a porre obiezioni, ma la fai di
            continuo. Magari sei anche uno degli altri
            anonimi che ti da contro, così giusto per fare da
            contraddittorio. Vecchia
            storia.Proposta: bandire TOR per legge.Argomentazione: tutela della privacy deve sottostare alla possibilità di identificazione da parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi di anonimizzazione totali sono da bandire. Come vedi è una proposta, non un'obiezione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Proposta: bandire TOR per legge.
            Argomentazione: tutela della privacy deve
            sottostare alla possibilità di identificazione da
            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi di
            anonimizzazione totali sono da bandire. Come vedi
            è una proposta, non
            un'obiezione.La tua proposta è stata respintaSBAM.Avanti il prossimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Proposta: bandire TOR per legge.

            Argomentazione: tutela della privacy deve

            sottostare alla possibilità di identificazione
            da

            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi di

            anonimizzazione totali sono da bandire. Come
            vedi

            è una proposta, non

            un'obiezione.

            La tua proposta è stata respinta
            SBAM.
            Avanti il prossimo.Sinceramente non mi interessa se tu respingi o no la mia proposta. Non ero molto interessato al tuo giudizio personale, rispondevo più che altro per buona educazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:




            Proposta: bandire TOR per legge.


            Argomentazione: tutela della privacy deve


            sottostare alla possibilità di identificazione

            da


            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi
            di


            anonimizzazione totali sono da bandire. Come

            vedi


            è una proposta, non


            un'obiezione.



            La tua proposta è stata respinta

            SBAM.

            Avanti il prossimo.

            Sinceramente non mi interessa se tu respingi o no
            la mia proposta. Non ero molto interessato al tuo
            giudizio personale, rispondevo più che altro per
            buona
            educazione.No guarda tu è dalle 17, quando me ne sono andato io, che continui con l'analogia di TOR e delle credenziali false.Questa analogia è falsa, TOR funziona come la posta nel mondo reale dove le forse di polizia non possono risalire ex-post a chi commette un reato (e il reato viene rilevato ex-post, il fatto in internet di poter controllare il traffico immediatamente in uscita da un IP, in real-time, equivarrebbe ad avere sempre un agente davanti ad ogni cassetta della posta che apre la missiva e ne controlla dettagliatamente il contenuto).Quindi da un falso hai montato un castello di fallace per sostenere una posizione inqualificabile ed insostenibile.La tua non è buona educazione, è solo un misero tentativo di far valere delle ragioni che non stanno ne in cielo ne in terra.Hai ragione: ci vuole proprio un giro di vite che limiti la libertà dei cittadini, la mia proposta per esempio è di togliere seduta stante il diritto di voto a tutte le persone faziose, capsziose e un pò banalotte.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:






            Proposta: bandire TOR per legge.



            Argomentazione: tutela della privacy deve



            sottostare alla possibilità di
            identificazione


            da



            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi

            di



            anonimizzazione totali sono da bandire. Come


            vedi



            è una proposta, non



            un'obiezione.





            La tua proposta è stata respinta


            SBAM.


            Avanti il prossimo.



            Sinceramente non mi interessa se tu respingi o
            no

            la mia proposta. Non ero molto interessato al
            tuo

            giudizio personale, rispondevo più che altro per

            buona

            educazione.

            No guarda tu è dalle 17, quando me ne sono andato
            io, che continui con l'analogia di TOR e delle
            credenziali
            false.
            Con l'uso di TOR e il cercare di non fornire la propria identità nella vita reale, prego. Ho usato più volte anche l'esempio del passamontagna. Paragone perfettamente calzante, che tu lo voglia o no.
            Questa analogia è falsa, TOR funziona come la
            posta ALT. Lo scopo principale dell'uso della posta non è quello di rendere anonima la comunicazione, contrariamente all'uso di TOR, che è un servizio aggiuntivo il cui unico scopo è quello di anonimizzare la comunicazione in Internet. E, se per caso la posta (o anche i corrieri espresso) cominciasse a venire usata principalmente come servizio di anonimizzazione dai cittadini per mandare pacchi bomba o lettere minatorie, vedresti come pure con il servizio postale verrebbero introdotti controlli al fine di garantire l'assenza di anonimato.
            Quindi da un falso hai montato un castello di
            fallace per sostenere una posizione
            inqualificabile ed
            insostenibile.
            Il castello non è assolutamente fallace. TOR serve a rendere le persone anonime in Internet, ssempre e comunque, impedendo anche alle forze dell'ordine di risalire alla vera identità dei messaggi. E' questo il suo SCOPO e tale rimane, e non lo so può negare. Il suo equivalente nella vita reale non sarebbe consentito.
            La tua non è buona educazione, Rispondere con tono educato ad una persona che risponde con il tuo tono ed i tuoi modi, scusa se te lo dico, ma io continuo a ritenerla buona educazione. Non credere che molti altri ti avrebbero risposto così educatamente.

            Hai ragione: ci vuole proprio un giro di vite che
            limiti la libertà dei cittadini, la mia proposta
            per esempio è di togliere seduta stante il
            diritto di voto a tutte le persone faziose,
            capsziose e un pò
            banalotte.Classica risposta arrogante che vedo troppo, troppo spesso qui su PI, e che si commenta da sola.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            - Scritto da:








            Proposta: bandire TOR per legge.




            Argomentazione: tutela della privacy deve




            sottostare alla possibilità di

            identificazione



            da




            parte della polizia, quindi TOR ed i
            sistemi


            di




            anonimizzazione totali sono da bandire.
            Come



            vedi




            è una proposta, non




            un'obiezione.







            La tua proposta è stata respinta



            SBAM.



            Avanti il prossimo.





            Sinceramente non mi interessa se tu respingi o

            no


            la mia proposta. Non ero molto interessato al

            tuo


            giudizio personale, rispondevo più che altro
            per


            buona


            educazione.



            No guarda tu è dalle 17, quando me ne sono
            andato

            io, che continui con l'analogia di TOR e delle

            credenziali

            false.



            Con l'uso di TOR e il cercare di non fornire la
            propria identità nella vita reale, prego. Ho
            usato più volte anche l'esempio del
            passamontagna. Paragone perfettamente calzante,
            che tu lo voglia o
            no.dai vediamola di finirla perché mi sono anche stufato, il passamontagna è completamente un'altra cosa altro che calzantenon a caso per il passamontagna c'é una legge, mentre per controllare l'identità di chi ficca una lettera nella cassetta della posta non c'é un bel niente

            Questa analogia è falsa, TOR funziona come la

            posta

            ALT. Lo scopo principale dell'uso della posta non
            è quello di rendere anonima la comunicazione,
            contrariamente all'uso di TOR, che è un servizio
            aggiuntivo il cui unico scopo è quello di
            anonimizzare la comunicazione in Internet.uno degli scopi della posta è quello di permettere la comunicazione anonima, che sia quello principale o meno è assolutamente irrilevantecome bonus l'uso di TOR permette anche di non rendere disponibile il contenuto agli intermediari che lo veicolano e ciò e poco praticabile con la posta ordinaria
            E, se per caso la posta (o anche i corrieri
            espresso) cominciasse a venire usata
            principalmente come servizio di anonimizzazione
            dai cittadini per mandare pacchi bomba o lettere
            minatorie, vedresti come pure con il servizio
            postale verrebbero introdotti controlli al fine
            di garantire l'assenza di
            anonimato.se mio nonne avesse avuto 5 palle, sarebbe stato un flippercome puoi ben vedere la posta è già stata utilizzata per fare attentati e non è cambiato niente (antrace)ennesimo futile tentativo di dimostrare l'indimostrabile

            Quindi da un falso hai montato un castello di

            fallace per sostenere una posizione

            inqualificabile ed

            insostenibile.



            Il castello non è assolutamente fallace. TOR
            serve a rendere le persone anonime in Internet,
            ssempre e comunque, impedendo anche alle forze
            dell'ordine di risalire alla vera identità dei
            messaggi. E' questo il suo SCOPO e tale rimane, e
            non lo so può negare. Il suo equivalente nella
            vita reale non sarebbe
            consentito.Il suo equivalente nella vita reale è la posta ed è assolutamente consentita, la tua distinzione fra funzione primaria e non è assolutamente ridicola oltre che irrilevante

            La tua non è buona educazione,

            Rispondere con tono educato ad una persona che
            risponde con il tuo tono ed i tuoi modi, scusa se
            te lo dico, ma io continuo a ritenerla buona
            educazione. Non credere che molti altri ti
            avrebbero risposto così
            educatamente.e forse sarebbe stato meglio così, almeno non avrei continuato inutilmente e stupidamente a conversare con uno che continua a cercare di distorcere le cose



            Hai ragione: ci vuole proprio un giro di vite
            che

            limiti la libertà dei cittadini, la mia proposta

            per esempio è di togliere seduta stante il

            diritto di voto a tutte le persone faziose,

            capsziose e un pò

            banalotte.

            Classica risposta arrogante che vedo troppo,
            troppo spesso qui su PI, e che si commenta da
            sola.tanto quanto si commentano da sole le tue inutili forzature per porre analogie che non stanno ne in cielo ne in terra
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:



            Con l'uso di TOR e il cercare di non fornire la

            propria identità nella vita reale, prego. Ho

            usato più volte anche l'esempio del

            passamontagna. Paragone perfettamente calzante,

            che tu lo voglia o

            no.

            dai vediamola di finirla perché mi sono anche
            stufato, Problema tuo.
            il passamontagna è completamente
            un'altra cosa altro che
            calzante
            Non è completamente un'altra cosa. Lo scopo è rendere ANONIMO l'individuo. Nelle rapine non lo usano per farsi belli. Nelle manifestazioni tipo G8 di genova non lo usavano per spiriro di fratellanza. Lo usavano per rendersi ANONIMI. TOR rende ANONIMI gli individui. Per definizione. Hai poco cosa dire che hanno scopi diversi. Più tu andrai avanti a dire che non calza senza dimostrare alcunché più andrò avanti a riaffermare che il passamontagna ha lo stesso scopo di TOR, poiché questa è la realtà.
            non a caso per il passamontagna c'é una legge,Perché nel 95% dei casi chi indossa un passamontagna per strada vuole rendersi anonimo.
            mentre per controllare l'identità di chi ficca
            una lettera nella cassetta della posta non c'é un
            bel
            niente
            Perché nel 99% dei casi chi spedisce una lettera non si rende anonimo e non vuole farlo.


            Questa analogia è falsa, TOR funziona come la


            posta



            ALT. Lo scopo principale dell'uso della posta
            non

            è quello di rendere anonima la comunicazione,

            contrariamente all'uso di TOR, che è un servizio

            aggiuntivo il cui unico scopo è quello di

            anonimizzare la comunicazione in Internet.

            uno degli scopi della posta è quello di
            permettere la comunicazione anonima, che sia
            quello principale o meno è assolutamente
            irrilevante
            Non è assolutamente irrilevante. Nel tuo mondo non saranno rilevanti queste cose. Poche cose vengono regolamentate senza una reale necessità sociale. Quando la necessità sociale si presenta vengono create leggi per regolamentare un fenomeno. Se ci sono quattro gatti che usano la macchina, stai tranquillo che non ci sarà nessuna legge che ne regolamenta l'uso. Se i 4 gatti diventano milioni e i problemi insorgono, tranquillo che viene creata la legge. Vale così anche per i nuovi usi di vecchi strumenti. Quindi nel momento in cui un fenomeno diventa pericoloso socialmente, tranquillo che viene creata una legge che lo regolamenta.

            E, se per caso la posta (o anche i corrieri

            espresso) cominciasse a venire usata

            principalmente come servizio di anonimizzazione

            dai cittadini per mandare pacchi bomba o lettere

            minatorie, vedresti come pure con il servizio

            postale verrebbero introdotti controlli al fine

            di garantire l'assenza di

            anonimato.

            se mio nonne avesse avuto 5 palle, sarebbe stato
            un
            flipper

            come puoi ben vedere la posta è già stata
            utilizzata per fare attentati e non è cambiato
            niente
            (antrace)
            Quattro lettere in croce. Ed avevano già cominciato a mettere maggiori controlli. Se il fenomeno si fosse diffuso oltre un certo margine, vedi come cambiava anche la posta negli stati uniti. Per legge. Negare questo è essere poco lungimiranti.
            ennesimo futile tentativo di dimostrare
            l'indimostrabile
            Veramente non c'è nulla da dimostrare, TOR è un passamontagna in internet.

            Il castello non è assolutamente fallace. TOR

            serve a rendere le persone anonime in Internet,

            ssempre e comunque, impedendo anche alle forze

            dell'ordine di risalire alla vera identità dei

            messaggi. E' questo il suo SCOPO e tale rimane,
            e

            non lo so può negare. Il suo equivalente nella

            vita reale non sarebbe

            consentito.

            Il suo equivalente nella vita reale è la posta ed
            è assolutamente consentita, la tua distinzione
            fra funzione primaria e non è assolutamente
            ridicola oltre che
            irrilevante
            E' un tuo parere personale negato in molti casi dalla realtà il fatto che la funzione primaria di un oggetto o di un servizio non incidano sulla sua regolamentazione. La macchina la posso usare anche come arma per uccidere come funzione secondaria, eppure nessuna legge prevede il porto d'armi per un'automobile. Una pistola la posso usare per creare buchi nelle lattine come effetto secondario. Eppure devo avere il porto d'armi per portala con me.Negli USA sono stati condannate ditte che producevano software p2p poiché nonostante scambiarsi file sia in generale legale si è ritenuto che lo scopo di tali sw, nell'intenzione della ditta creatrice fosse proprio quello dello scambio di sw protetto da diritto d'autore. Come vedi nel mondo reale lo scopo, funzione primaria o come vuoi chiamarla, conta, eccome.

            e forse sarebbe stato meglio così, almeno non
            avrei continuato inutilmente e stupidamente a
            conversare con uno che continua a cercare di
            distorcere le
            cose
            Se non hai voglia di discutere puoi sempre smettere. Nessuno ti obbliga a continuare. Se continui, sei almeno pregato di mantenere un tono civile.

            Classica risposta arrogante che vedo troppo,

            troppo spesso qui su PI, e che si commenta da

            sola.

            tanto quanto si commentano da sole le tue inutili
            forzature per porre analogie che non stanno ne in
            cielo ne in
            terraE' un parere tuo che non credo assolutamente corrisponda al vero.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            il passamontagna è completamente

            un'altra cosa altro che

            calzante



            Non è completamente un'altra cosa. Lo scopo è
            rendere ANONIMO l'individuo. Nelle rapine non lo
            usano per farsi belli. Nelle manifestazioni tipo
            G8 di genova non lo usavano per spiriro di
            fratellanza. Lo usavano per rendersi ANONIMI. TOR
            rende ANONIMI gli individui. Per definizione. Hai
            poco cosa dire che hanno scopi diversi. Più tu
            andrai avanti a dire che non calza senza
            dimostrare alcunché più andrò avanti a
            riaffermare che il passamontagna ha lo stesso
            scopo di TOR, poiché questa è la
            realtà.Non capisci che quando usi internet non sei tu, fisicamente presente, sono informazioni che passano. Semplicemente eviti di far sapere che quelle informazioni partono da te. Lo stesso anonimato che hai quando fai una telefonata da una cabina o quando spedisci una lettera senza mittente e stesso anonimato che ti garantisce la polizia a chi denuncia dei reati. E soprattutto lo stesso anonimato che hai quando vai a votare e che hanno i parlamentari e senatori quando votano ogni giorno alla camera e al senato


            non a caso per il passamontagna c'é una legge,

            Perché nel 95% dei casi chi indossa un
            passamontagna per strada vuole rendersi
            anonimo. E poi fa freddo in internet.


            mentre per controllare l'identità di chi ficca

            una lettera nella cassetta della posta non c'é
            un

            bel

            niente



            Perché nel 99% dei casi chi spedisce una lettera
            non si rende anonimo e non vuole
            farlo.Perché il 90% è spazzatura




            Questa analogia è falsa, TOR funziona come
            la



            posta





            ALT. Lo scopo principale dell'uso della posta

            non


            è quello di rendere anonima la comunicazione,


            contrariamente all'uso di TOR, che è un
            servizio


            aggiuntivo il cui unico scopo è quello di


            anonimizzare la comunicazione in Internet.



            uno degli scopi della posta è quello di

            permettere la comunicazione anonima, che sia

            quello principale o meno è assolutamente

            irrilevante



            Non è assolutamente irrilevante. Nel tuo mondo
            non saranno rilevanti queste cose. Poche cose
            vengono regolamentate senza una reale necessità
            sociale. Quando la necessità sociale si presenta
            vengono create leggi per regolamentare un
            fenomeno. Se ci sono quattro gatti che usano la
            macchina, stai tranquillo che non ci sarà nessuna
            legge che ne regolamenta l'uso. Se i 4 gatti
            diventano milioni e i problemi insorgono,
            tranquillo che viene creata la legge. Vale così
            anche per i nuovi usi di vecchi strumenti. Quindi
            nel momento in cui un fenomeno diventa pericoloso
            socialmente, tranquillo che viene creata una
            legge che lo
            regolamenta.Come ti è stato spiegato altrove non esiste questa necessità. Solo che ti hanno inculcato tanta paura (oppure lavori nella polizia?)



            E, se per caso la posta (o anche i corrieri


            espresso) cominciasse a venire usata


            principalmente come servizio di
            anonimizzazione


            dai cittadini per mandare pacchi bomba o
            lettere


            minatorie, vedresti come pure con il servizio


            postale verrebbero introdotti controlli al
            fine


            di garantire l'assenza di


            anonimato.



            se mio nonne avesse avuto 5 palle, sarebbe stato

            un

            flipper



            come puoi ben vedere la posta è già stata

            utilizzata per fare attentati e non è cambiato

            niente

            (antrace)



            Quattro lettere in croce. Ed avevano già
            cominciato a mettere maggiori controlli. Se il
            fenomeno si fosse diffuso oltre un certo margine,
            vedi come cambiava anche la posta negli stati
            uniti. Per legge. Negare questo è essere poco
            lungimiranti.Non passa l'antrace su Tor.


            ennesimo futile tentativo di dimostrare

            l'indimostrabile



            Veramente non c'è nulla da dimostrare, TOR è un
            passamontagna in
            internet.Ripetilo come un mantra e forse al posto della cipollona metteranno il passamontagna



            Il castello non è assolutamente fallace. TOR


            serve a rendere le persone anonime in
            Internet,


            ssempre e comunque, impedendo anche alle forze


            dell'ordine di risalire alla vera identità dei


            messaggi. E' questo il suo SCOPO e tale
            rimane,

            e


            non lo so può negare. Il suo equivalente
            nella


            vita reale non sarebbe


            consentito.



            Il suo equivalente nella vita reale è la posta
            ed

            è assolutamente consentita, la tua distinzione

            fra funzione primaria e non è assolutamente

            ridicola oltre che

            irrilevante



            E' un tuo parere personale negato in molti casi
            dalla realtà il fatto che la funzione primaria di
            un oggetto o di un servizio non incidano sulla
            sua regolamentazione. La macchina la posso usare
            anche come arma per uccidere come funzione
            secondaria, eppure nessuna legge prevede il porto
            d'armi per un'automobile. Una pistola la posso
            usare per creare buchi nelle lattine come effetto
            secondario. Eppure devo avere il porto d'armi per
            portala con
            me.
            Negli USA sono stati condannate ditte che
            producevano software p2p poiché nonostante
            scambiarsi file sia in generale legale si è
            ritenuto che lo scopo di tali sw, nell'intenzione
            della ditta creatrice fosse proprio quello dello
            scambio di sw protetto da diritto d'autore. Come
            vedi nel mondo reale lo scopo, funzione primaria
            o come vuoi chiamarla, conta,
            eccome.L'uso illegale di Tor non è certo la sua funzione primaria e poi dipende dal punto di vista. E se lo diventasse sarebbe probabilmente perché la funzione primaria delle leggi è diventata la repressione (Come in Cina) Per contrastare i reati seri, non c'è probabilissimamente bisogno di abolire l'anonimato.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Non capisci che quando usi internet non sei tu,
            fisicamente presente, sono informazioni che
            passano.E quindi? Il mondo in cui viviamo è un mondo di informazioni. Tra l'agire ed il trasmettere informazioni c'è poca o nulla differenza. Il votare è una trasmissione di informazioni. I soldi sono informazione. Il processore del tuo computer non è nient'altro che informazione congelata. Sw congelato. Tra l'agire ed il trasmettere informazioni c'è sempre meno differenza.
            Lo stesso
            anonimato che hai quando fai una telefonata da
            una cabinaAlmeno con la cabina riesci a capire che chi chiama non era in packistan ma a milano centrale, in via montenapoleone.
            lo stesso anonimato che hai quando vai a votare e
            che hanno i parlamentari e senatori quando votano
            ogni giorno alla camera e al
            senato

            In democrazia il voto è anonimo per definizione. Non c'entra nulla con il resto.






            Non è assolutamente irrilevante. Nel tuo mondo

            non saranno rilevanti queste cose. Poche cose

            vengono regolamentate senza una reale necessità

            sociale. Quando la necessità sociale si presenta

            vengono create leggi per regolamentare un

            fenomeno. Se ci sono quattro gatti che usano la

            macchina, stai tranquillo che non ci sarà
            nessuna

            legge che ne regolamenta l'uso. Se i 4 gatti

            diventano milioni e i problemi insorgono,

            tranquillo che viene creata la legge. Vale così

            anche per i nuovi usi di vecchi strumenti.
            Quindi

            nel momento in cui un fenomeno diventa
            pericoloso

            socialmente, tranquillo che viene creata una

            legge che lo

            regolamenta.

            Come ti è stato spiegato altrove non esiste
            questa necessità. Solo che ti hanno inculcato
            tanta paura (oppure lavori nella
            polizia?)La necessità forse non esiste allo stato attuale. TOR viene usato da quattro gatti. Se dovesse diffondersi troppo, trovo invece del tutto sensato regolare tramite leggi l'uso di queste tecnologie. Io non trovo così ammissibile l'uso esteso di TOR in una società civile. E in cina? E nella ditattura della papuasia? Certo, ma a quel punto non parliamo di società che si possano definire democratiche. Nella nostra società sono pronto a scommettere quello che vuoi che l'uso esteso di TOR equivarrebbe all'impunità estesa per tutta una serie di reati, che avrebbero poco o nulla a che fare con la libertà di espressione di cui tanto si vantano i creatori di TOR, e questo lo trovo tutto tranne che positivo.



            Quattro lettere in croce. Ed avevano già

            cominciato a mettere maggiori controlli. Se il

            fenomeno si fosse diffuso oltre un certo
            margine,

            vedi come cambiava anche la posta negli stati

            uniti. Per legge. Negare questo è essere poco

            lungimiranti.

            Non passa l'antrace su Tor.L'antrace no. Furti, violazione di sistemi informatici magari vitali per la società, vendita di filmati con stupri di bambini di 2 anni si.

            L'uso illegale di Tor non è certo la sua funzione
            primaria e poi dipende dal punto di vista. L'uso primario di TOR è nascondere l'identità. Ti ricordo che tutto è partito dalle tue frasi sull'inifluenza della funzione primaria della posta (spedire lettere) rispetto a quella di TOR (rendere anonimi), perché entrambe consentono la spedizioni anonime.
            E se
            lo diventasse sarebbe probabilmente perché la
            funzione primaria delle leggi è diventata la
            repressione Oppure perché gli utenti si sono fatti furbi, vedi anonimizzazione del p2p fini di scambio di materiale protetto da diritto d'autore. Per quanto possano essere odiose le leggi sul diritto d'autore, non hanno nulla a che fare con la libertà di espressione negata in cina o da altre parti.
            di abolire l'anonimato.Abolire TOR non equivale ad abolire completamente l'anonimato
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            Non capisci che quando usi internet non sei tu,

            fisicamente presente, sono informazioni che

            passano.

            E quindi? Il mondo in cui viviamo è un mondo di
            informazioni. Tra l'agire ed il trasmettere
            informazioni c'è poca o nulla differenza. Il
            votare è una trasmissione di informazioni. I
            soldi sono informazione. Il processore del tuo
            computer non è nient'altro che informazione
            congelata. Sw congelato. Tra l'agire ed il
            trasmettere informazioni c'è sempre meno
            differenza.
            MA che sv congelato! Per piacere! Per quanto si assottigli la differenza sarà sempre una differenza.


            Lo stesso

            anonimato che hai quando fai una telefonata da

            una cabina

            Almeno con la cabina riesci a capire che chi
            chiama non era in packistan ma a milano centrale,
            in via
            montenapoleone.Anonimato.


            lo stesso anonimato che hai quando vai a votare
            e

            che hanno i parlamentari e senatori quando
            votano

            ogni giorno alla camera e al

            senato




            In democrazia il voto è anonimo per definizione.
            Non c'entra nulla con il
            resto.C'entra eccome. Non è anonimo per definizione il voto, è anonimo per un ben preciso motivo. Lo stesso motivo per cui se io voglio affermare in rete certe idee non conformi al Potere. Naturalmente l'informazione anonima sarà meno attendibile, le idee no. Tor è uno strumento di democrazia.











            Non è assolutamente irrilevante. Nel tuo mondo


            non saranno rilevanti queste cose. Poche cose


            vengono regolamentate senza una reale
            necessità


            sociale. Quando la necessità sociale si
            presenta


            vengono create leggi per regolamentare un


            fenomeno. Se ci sono quattro gatti che usano
            la


            macchina, stai tranquillo che non ci sarà

            nessuna


            legge che ne regolamenta l'uso. Se i 4 gatti


            diventano milioni e i problemi insorgono,


            tranquillo che viene creata la legge. Vale
            così


            anche per i nuovi usi di vecchi strumenti.

            Quindi


            nel momento in cui un fenomeno diventa

            pericoloso


            socialmente, tranquillo che viene creata una


            legge che lo


            regolamenta.



            Come ti è stato spiegato altrove non esiste

            questa necessità. Solo che ti hanno inculcato

            tanta paura (oppure lavori nella

            polizia?)

            La necessità forse non esiste allo stato attuale.
            TOR viene usato da quattro gatti. Se dovesse
            diffondersi troppo, trovo invece del tutto
            sensato regolare tramite leggi l'uso di queste
            tecnologie. Io non trovo così ammissibile l'uso
            esteso di TOR in una società civile. E in cina? E
            nella ditattura della papuasia? Certo, ma a quel
            punto non parliamo di società che si possano
            definire democratiche. Le società democratiche si nutrono di idee democratiche. Se tu controlli tutta l'informazione e controllare la rete oggi significa questo, le idee non sono più così democratiche. Nella nostra società sono
            pronto a scommettere quello che vuoi che l'uso
            esteso di TOR equivarrebbe all'impunità estesa
            per tutta una serie di reati, che avrebbero poco
            o nulla a che fare con la libertà di espressione
            di cui tanto si vantano i creatori di TOR, e
            questo lo trovo tutto tranne che
            positivo.Intanto concentrati sulla libertà di espressione. Quando la rete era un fenomeno marginale il controllo globale della stessa era democraticamente ammissibile. Da quando è diventato il principale strumento di informazione non si può lasciare che le idee democratiche siano veicolate come ai tempi della carboneria.






            Quattro lettere in croce. Ed avevano già


            cominciato a mettere maggiori controlli. Se il


            fenomeno si fosse diffuso oltre un certo

            margine,


            vedi come cambiava anche la posta negli stati


            uniti. Per legge. Negare questo è essere poco


            lungimiranti.



            Non passa l'antrace su Tor.

            L'antrace no. Furti, violazione di sistemi
            informatici magari vitali per la società, vendita
            di filmati con stupri di bambini di 2 anni si.I punti nevralgici del sistema non sono collegati ad internet (alrimenti la colpa è di chi li ha collegati). Ti darei ragione per la pedopornografia, ma mi dovresti spiegare come potrebbero avvenire delle transazioni economiche in modo anonimo attraverso internet e Tor. Dal momento che tu ti identifichi per pagare e o essere pagato, l'anonimato si annulla.




            L'uso illegale di Tor non è certo la sua
            funzione

            primaria e poi dipende dal punto di vista.

            L'uso primario di TOR è nascondere l'identità. Ti
            ricordo che tutto è partito dalle tue frasi
            sull'inifluenza della funzione primaria della
            posta (spedire lettere) rispetto a quella di TOR
            (rendere anonimi), perché entrambe consentono la
            spedizioni
            anonime.Sbagliato. Per uso primario devi intendere lo scopo primario. Altrimenti quello sarebbe l'unico scopo quando è ovvio che non lo è per nessuno.

            E se

            lo diventasse sarebbe probabilmente perché la

            funzione primaria delle leggi è diventata la

            repressione

            Oppure perché gli utenti si sono fatti furbi,
            vedi anonimizzazione del p2p fini di scambio di
            materiale protetto da diritto d'autore. Per
            quanto possano essere odiose le leggi sul diritto
            d'autore, non hanno nulla a che fare con la
            libertà di espressione negata in cina o da altre
            parti.Non commento perché non ho ancora un'idea precisa su cosa sia il diritto d'autore



            di abolire l'anonimato.

            Abolire TOR non equivale ad abolire completamente
            l'anonimatoLasciamo perdere
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Non capisci che quando usi internet non sei

            tu, fisicamente presente, sono informazioni

            che passano.
            E quindi? Il mondo in cui viviamo è un mondo
            di informazioni. Tra l'agire ed il trasmettere
            informazioni c'è poca o nulla differenza. Il
            votare è una trasmissione di informazioni. I
            soldi sono informazione. Il processore del tuo
            computer non è nient'altro che informazione
            congelata. Sw congelato. Tra l'agire ed il
            trasmettere informazioni c'è sempre meno
            differenza.E fin qui sono anche daccordo...

            Lo stesso anonimato che hai quando fai una

            telefonata da una cabina
            Almeno con la cabina riesci a capire che chi
            chiama non era in packistan ma a milano
            centrale, in via montenapoleone.Ok, e se e' in packistan ? Che ci vuole ? Chiedi a un amico che va in vacanza di fare una chiamata, ci si organizza...

            lo stesso anonimato che hai quando vai a

            votare e che hanno i parlamentari e senatori

            quando votano ogni giorno alla camera e al

            senato
            In democrazia il voto è anonimo per
            definizione. Non c'entra nulla con il resto.Si invece, chiediti perche' il voto DEVE essere anonimo e cosa succede quando non lo e'.


            Non è assolutamente irrilevante. Nel tuo


            mondo non saranno rilevanti queste cose.


            Poche cose vengono regolamentate senza


            una reale necessità sociale. Quando la


            necessità sociale si presenta vengono


            create leggi per regolamentare un


            fenomeno. Se ci sono quattro gatti che


            usano la macchina, stai tranquillo che


            non ci sarà nessuna legge che ne


            regolamenta l'uso. Veramente per le auto ci sono leggi fin dai primi tempi, soprattutto in USA.


            Se i 4 gatti diventano milioni e i


            problemi insorgono, tranquillo che viene


            creata la legge. Vale così anche per i


            nuovi usi di vecchi strumenti.


            Quindi nel momento in cui un fenomeno


            diventa pericoloso socialmente,


            tranquillo che viene creata una


            legge che lo regolamenta.



            Come ti è stato spiegato altrove non esiste

            questa necessità. Solo che ti hanno

            inculcato tanta paura (oppure lavori

            nella polizia?)
            La necessità forse non esiste allo stato
            attuale.Ci fai qualche esempio di una necessita' del genere avvenuta nel passato ?Ma non ipotesi, please, link.
            TOR viene usato da quattro gatti. Se dovesse
            diffondersi troppo, trovo invece del tutto
            sensato regolare tramite leggi l'uso di
            queste tecnologie. Io non trovo così
            ammissibile l'uso esteso di TOR in una
            società civile. Definisci "soceta' civile" : ti ricordo il rapporto dell'unione europea su echelon, se avessimo criptato di piu' TUTTI gli usa avrebbero fatto molti meno affari negli ultimi anni.
            E in cina? E nella ditattura della papuasia? Guarda che ci sono esempi anche molto piu' vicini: leggiti il rapporto europeo su eechelon.
            Certo, ma a quel punto non parliamo di
            società che si possano definire democratiche.
            Nella nostra società sono pronto a
            scommettere quello che vuoi che l'uso
            esteso di TOR equivarrebbe all'impunità
            estesa per tutta una serie di reati, che
            avrebbero poco o nulla a che fare con la
            libertà di espressione di cui tanto si
            vantano i creatori di TOR, equesto
            lo trovo tutto tranne che positivo.Lo stesso discorso si potrebbe fare delle armi da fuoco, delle palestre di lotta, eppure non avviene, come mai ?


            Quattro lettere in croce. Ed avevano già


            cominciato a mettere maggiori controlli. Mi sembra che nessuno fermava la gente che imbucava le lettere, ne' si e' preteso che non si spedissero piu' lettere senza mittente.


            Se il fenomeno si fosse diffuso oltre un


            certo margine, vedi come cambiava anche


            la posta negli stati uniti. Per legge.


            Negare questo è essere poco lungimiranti.

            Non passa l'antrace su Tor.
            L'antrace no. Furti, violazione di sistemi
            informatici magari vitali per la società,
            vendita di filmati con stupri di bambini
            di 2 anni si.Passano anche molte cose utili, soprattutto in regime di concorrenza economica... Un po' come nelle poste.

            L'uso illegale di Tor non è certo la sua

            funzione primaria e poi dipende dal punto

            di vista.
            L'uso primario di TOR è nascondere l'identità. L'uso primario di un'arma e' uccidere.. Chiudiamo le fabbriche di armi ! Perche' non succede ?
            Ti ricordo che tutto è partito dalle tue
            frasi sull'inifluenza della funzione primaria
            della posta (spedire lettere) rispetto a
            quella di TOR (rendere anonimi), perché
            entrambe consentono la spedizioni anonime.Infatti, e io (un altro) continuo a sostenerlo.

            E se lo diventasse sarebbe probabilmente

            perché la funzione primaria delle leggi è

            diventata la repressione
            Oppure perché gli utenti si sono fatti furbi,
            vedi anonimizzazione del p2p fini di scambio
            di materiale protetto da diritto d'autore.
            Per quanto possano essere odiose le leggi sul
            diritto d'autore, non hanno nulla a che fare
            con la libertà di espressione negata in cina
            o da altre parti.Se ad abbastanza gente non piacciono andrebbero cambiare, e' cosi' che dovrebbe funzionare la democrazia, non che si allungano i termini di scadenza dei copyrigt ogni volta che sta per scadere quello su Topolino (e' cosi, controllate le date).

            di abolire l'anonimato.
            Abolire TOR non equivale ad abolire
            completamente l'anonimatoIn compenso abolire l'anonimato e' indice di dittatura.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Lo stesso discorso si potrebbe fare delle armi
            da
            fuoco, delle palestre di lotta, eppure non
            avviene, come mai
            ?perche almeno alcune arti marziali vengono insegnate a solo un determinato tipo di allievi per esempio stessa cosa per il resto
            In compenso abolire l'anonimato e' indice di
            dittatura.specie se il dittatore vuole sapere cosa fa il popolo ma il popolo non ha il diritto di sapere cosa fa il capo quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Poche cose
            vengono regolamentate senza una reale
            necessità
            sociale.HAHAHAHAHA
            Quando la necessità sociale si presenta
            vengono create leggi per regolamentare un
            fenomeno.quasi sempre sbagliate quindi
            Quindi
            nel momento in cui un fenomeno diventa
            pericoloso
            socialmente,pericoloso per chi di preciso ?????
            tranquillo che viene creata una
            legge che lo
            regolamenta.ah gli interessi quindi
            vedi nel mondo reale lo scopo, funzione
            primaria
            o come vuoi chiamarla, conta,
            eccome.si dipende come tira la giornata a chi decide quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            postale verrebbero introdotti controlli al
            fine
            di garantire l'assenza di
            anonimato.ma spiegateme perche ce l'avete tanto con la privacy e l'anonimato con tutti i problemi che ci sono nel mondo proprio sulla privacy e l'anonimato insomma
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            postale verrebbero introdotti controlli al
            fine

            di garantire l'assenza di

            anonimato.
            ma spiegateme perche ce l'avete tanto con la
            privacy e l'anonimato con tutti i problemi che ci
            sono nel mondo proprio sulla privacy e
            l'anonimato
            insommaPerché hanno guardato troppi telegiornali e gli è stata inculcata la paura. Ora difendono la sicurezza credendo di fare qualcosa di utile per sé e per i propri figli. Si sentono degli eroi civili
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Proposta: bandire TOR per legge.
            Argomentazione: tutela della privacy deve
            sottostare alla possibilità di identificazione da
            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi di
            anonimizzazione totali sono da bandire. Come vedi
            è una proposta, non
            un'obiezione.Proposta non motivata. (Infatti per avere connessioni sicure non serve togliere di mezzo Tor, servono soltanto connessioni sicure.)dunque respinta due volteRISBAM
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:


            Proposta: bandire TOR per legge.

            Argomentazione: tutela della privacy deve

            sottostare alla possibilità di identificazione
            da

            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi di

            anonimizzazione totali sono da bandire. Come
            vedi

            è una proposta, non

            un'obiezione.


            Proposta non motivata. (Infatti per avere
            connessioni sicure non serve togliere di mezzo
            Tor, servono soltanto connessioni
            sicure.)La tutela della privacy riguarda due aspetti, di cui uno è l'anonimato. Le connessioni sicure riguardano l'altro aspetto, che però è garantito costituzionalmente.
            dunque respinta due volte
            RISBAMVedo che hai grossi problemi. Se non altro di egocentrismo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            Proposta: bandire TOR per legge.


            Argomentazione: tutela della privacy deve


            sottostare alla possibilità di identificazione

            da


            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi
            di


            anonimizzazione totali sono da bandire. Come

            vedi


            è una proposta, non


            un'obiezione.





            Proposta non motivata. (Infatti per avere

            connessioni sicure non serve togliere di mezzo

            Tor, servono soltanto connessioni

            sicure.)

            La tutela della privacy riguarda due aspetti, di
            cui uno è l'anonimato. Le connessioni sicure
            riguardano l'altro aspetto, che però è garantito
            costituzionalmente.


            dunque respinta due volte

            RISBAM

            Vedo che hai grossi problemi. Se non altro di
            egocentrismo.L'anonimato è garantito dalla costituzione quando decido di scrivere una lettera non firmata e nel cuore stesso della democrazia, l'urna! Il voto non solo è segreto, è anche anonimo. Quindi prova a digerire questa analogia: andare in rete è come andare a votare. O questa: Votare e affermare le proprie idee è esattamente la stessa cosa! Quest'ultima non è solo un analogia è quasi una identità semantica(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:






            Proposta: bandire TOR per legge.



            Argomentazione: tutela della privacy deve



            sottostare alla possibilità di
            identificazione


            da



            parte della polizia, quindi TOR ed i sistemi

            di



            anonimizzazione totali sono da bandire. Come


            vedi



            è una proposta, non



            un'obiezione.








            Proposta non motivata. (Infatti per avere


            connessioni sicure non serve togliere di mezzo


            Tor, servono soltanto connessioni


            sicure.)



            La tutela della privacy riguarda due aspetti, di

            cui uno è l'anonimato. Le connessioni sicure

            riguardano l'altro aspetto, che però è garantito

            costituzionalmente.




            dunque respinta due volte


            RISBAM



            Vedo che hai grossi problemi. Se non altro di

            egocentrismo.

            L'anonimato è garantito dalla costituzione Il rispetto della segretezza della comunicazione eccetto casi eccezionali stabiliti dalla magistratura. Ecco cosa è garantito dalla costituzione. La comunicazione può rimanere segreta anche se non anonima.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Il rispetto della segretezza della comunicazione
            eccetto casi eccezionali stabiliti dalla
            magistratura. non dalla costituzione quindi
            Ecco cosa è garantito dalla
            costituzione. potere ai giudici ??????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            L'anonimato è garantito dalla costituzione

            Il rispetto della segretezza della comunicazione
            eccetto casi eccezionali stabiliti dalla
            magistratura. Ecco cosa è garantito dalla
            costituzione. La comunicazione può rimanere
            segreta anche se non
            anonima.L'anonimato è garantito dalla costituzione perché quando decido di scrivere una lettera non firmata la costituzione me lo garantisce. Non dice espressamente anonimato dice libertà. E nel cuore stesso della democrazia, l'urna! Il voto non solo è segreto, è anche anonimo. Anzi è solo anonimo e non segreto. Quindi continua a digerire questa analogia: andare in rete è come andare a votare. Votare è come manifestare le proprie idee in rete.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Il voto
            non solo è segreto, è anche anonimo.Non sempre.Se tutti quelli del tuo seggio hanno votato il tuo stesso partito, gli scrutatori hanno l'elenco dei nomi, cognomi, codici fiscali, verificati con documento alla mano dei votanti.E' capitato in alcuni piccoli paesi dove anni fa la lega aveva il 100%
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Il voto

            non solo è segreto, è anche anonimo.

            Non sempre.
            Se tutti quelli del tuo seggio hanno votato il
            tuo stesso partito, gli scrutatori hanno l'elenco
            dei nomi, cognomi, codici fiscali, verificati con
            documento alla mano dei
            votanti.
            E' capitato in alcuni piccoli paesi dove anni fa
            la lega aveva il
            100%E' un rischio che uno sa di correre, ma basta uno che non abbia votato uguale ed ecco che tutti i voti ritornano anonimi. Anche in internet c'è lo stesso rischio (più basso) che tutti si colleghino ad uno stesso server!
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Proposta: bandire TOR per legge.astenzione
            Argomentazione: tutela della privacy deve
            sottostare alla possibilità di identificazione
            da
            parte della polizia,/me balza dalla sedia e borbotta furiosamente con la schiuma alla bocca
            quindi TOR ed i sistemi di
            anonimizzazione totali sono da bandire. Come
            vedi
            è una proposta, non
            un'obiezione.l'obiezione e stata registrata al verbale e la proposta e stata respinta quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            leggiti quella sugli omosessuali in america
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            leggiti quella sugli omosessuali in america :-o
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            A polizia e magistrati no, infatti non uso TOR.non ti fidi delle persone ma di polizia e magistrati si
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          Non può essere messa sopra ogni altra cosa.
          Se
          è


          nell'interesse collettivo la violazione

          parziale,


          limitata a pochi soggetti autorizzati, della


          privacy di qualcuno, questa non può e non deve


          essere negata. TOR impedisce tutto questo e
          pone


          in automatico la privacy di chi lo usa al di


          sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non


          può essere ammissibile in nessuno stato.
          Giusta


          quindi la decisione tedesca, e speriamo nella


          messa al bando per legge di


          TOR



          La tua privacy ti permette di scrivere minchiate

          senza che te ne renda

          conto.

          Non uso TOR né altri sistemi di anonimizzazione e
          quindi non sono
          anonimo.Quindi puoi tranquillamente scrivere il tuo Nome e Cognome , telefono, data di nascita, luogo di nascita .Forza tanto non hai nulla da nascondere ...
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Quindi puoi tranquillamente scrivere il tuo Nome
            e Cognome , telefono, data di nascita, luogo di
            nascita
            .


            Forza tanto non hai nulla da nascondere ...Questo non c'entra nulla.Tu sai che il tuo numero di carta di credito è registrato nella banca accanto al tuo nome, ma non daresti il numero di carta ad uno sconosciuto.Il punto è che della banca ti devi fidare. Dello sconosciuto no.Allo stesso modo lui si fida della magistratura (che è l'unica che può ottenere i dati sulla sua navigazione) ma non di te.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Quindi puoi tranquillamente scrivere il tuo Nome

            e Cognome , telefono, data di nascita, luogo di

            nascita

            .





            Forza tanto non hai nulla da nascondere ...

            Questo non c'entra nulla.
            Tu sai che il tuo numero di carta di credito è
            registrato nella banca accanto al tuo nome, ma
            non daresti il numero di carta ad uno
            sconosciuto.
            Il punto è che della banca ti devi fidare. Dello
            sconosciuto
            no.

            Allo stesso modo lui si fida della magistratura
            (che è l'unica che può ottenere i dati sulla sua
            navigazione) ma non di te.beh certo ne ha tutte le ragioni, tanto la magistratura e i servizi in questo paese non ci hanno mai dato da pensare....
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            beh certo ne ha tutte le ragioni, tanto la
            magistratura e i servizi in questo paese non ci
            hanno mai dato da
            pensare....E' irrilevante.Preferisce fidarsi della magistratura (che è mediamente onesta) piuttosto che di sconosciuti.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            beh certo ne ha tutte le ragioni, tanto la

            magistratura e i servizi in questo paese non ci

            hanno mai dato da

            pensare....

            E' irrilevante.
            Preferisce fidarsi della magistratura (che è
            mediamente onesta) piuttosto che di
            sconosciuti.Visto l'uso distorto delle leggi speciali durante gli anni di piombo, preferisco che certe leggi non siano nemmeno a disposizione della magistratura.Se serve qualche cosa, che sia un potenziamento dell'organico che si occupa delle indagini nel mondo reale.Oltretutto proviamo ad immaginare un controllo di massa, ci sarebbe un esplosione del numero di chiamate in correità da verificare poi in sede di giudizio, con una conseguente dilatazione dei tempi dei processi (che è già uno scandalo), dei costi dei processi per poi dichiarare la maggior parte dei chiamati in causa innocenti.No, sono sempre più convinto che oltre ad essere un'idea ignobile dal punto di vista dei diritti, lo è anche dal punto di vista pratico.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            mi devo fidare di tutti voi sconosciuti " è una cazzata.Per la cronaca, io non mi fido di nessuno dei due.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            mi devo fidare di tutti
            voi sconosciuti " è una
            cazzata.

            Per la cronaca, io non mi fido di nessuno dei due.irrilevante un para di balle, io non sto questionando sul fatto di dare le generalità in un forum (analogia che anche io trovo stupida), sto questionando in generale sulla fiducia alla magistratura che è uno dei capisaldi di chi propone il controllo completo
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            irrilevante un para di balle, io non sto
            questionando sul fatto di dare le generalità in
            un forum (analogia che anche io trovo stupida),
            sto questionando in generale sulla fiducia alla
            magistratura che è uno dei capisaldi di chi
            propone il controllo
            completoIrrilevante eccome, visto che il tutto è nato dall'ennesimo richiesta di nome e cognome su PI.Quanto alla magistratura, è un altro discorso, ma ammetterai che l'immaginario collettivo possa dare più fiducia ad un magistrato che a una persona qualunque?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            beh certo ne ha tutte le ragioni, tanto la

            magistratura e i servizi in questo paese non ci

            hanno mai dato da

            pensare....

            E' irrilevante.
            Preferisce fidarsi della magistratura (che è
            mediamente onesta) piuttosto che di
            sconosciuti.Della magistratura ti devi fidare per forza perché ha il coltello dalla parte del manico, ma non ha il coltello dalla parte del manico perché ti devi moralmente fidare. Ce l'ha e basta
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Della magistratura ti devi fidare per forza
            perché ha il coltello dalla parte del manico, ma
            non ha il coltello dalla parte del manico perché
            ti devi moralmente fidare. Ce l'ha e
            bastainteressante riflessione
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Il punto è che della banca ti devi fidare. Dello
            sconosciuto
            no.a volte faresti meglio a fare il contrario quindi
            Allo stesso modo lui si fida della magistratura
            (che è l'unica che può ottenere i dati sulla sua
            navigazione) ma non di
            te.spiegami perche questa fiducia ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Il punto è che della banca ti devi fidare. Dello

            sconosciuto

            no.
            a volte faresti meglio a fare il contrario quindiquindi tu il tuo numero di carta d icredito preferisci scriverlo su un cesso al posto di darlo alla tua banca?

            Allo stesso modo lui si fida della magistratura

            (che è l'unica che può ottenere i dati sulla sua

            navigazione) ma non di

            te.
            spiegami perche questa fiducia ?????Se tu dovessi dare a qualcuno una pistola carica tenendola per la punta e rivolta verso di te, e dovessi scegliere se darla a:-ad uno sconosciuto-ad un magistratochi sceglieresti?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Il punto è che della banca ti devi fidare.
            Dello


            sconosciuto


            no.

            a volte faresti meglio a fare il contrario
            quindi

            quindi tu il tuo numero di carta d icredito
            preferisci scriverlo su un cesso al posto di
            darlo alla tua
            banca?




            Allo stesso modo lui si fida della
            magistratura


            (che è l'unica che può ottenere i dati sulla
            sua


            navigazione) ma non di


            te.

            spiegami perche questa fiducia ?????

            Se tu dovessi dare a qualcuno una pistola carica
            tenendola per la punta e rivolta verso di te, e
            dovessi scegliere se darla
            a:
            -ad uno sconosciuto
            -ad un magistrato

            chi sceglieresti?Se abitassi in Cina magari a uno sconosciuto
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            -ad uno sconosciuto

            -ad un magistrato



            chi sceglieresti?

            Se abitassi in Cina magari a uno sconosciutomagari.magari no.Chi lo sa?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            -ad uno sconosciuto


            -ad un magistrato





            chi sceglieresti?



            Se abitassi in Cina magari a uno sconosciuto

            magari.
            magari no.
            Chi lo sa?
            anche in Italia. Forse vado per intuizione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy



            Il punto è che della banca ti devi fidare.
            Dello


            sconosciuto


            no.

            a volte faresti meglio a fare il contrario
            quindi

            quindi tu il tuo numero di carta d icredito
            preferisci scriverlo su un cesso al posto di
            darlo alla tua
            banca?su che hai capito benissimo cosa intendevo quindi
            Se tu dovessi dare a qualcuno una pistola
            carica
            tenendola per la punta e rivolta verso di te,
            e
            dovessi scegliere se darla
            a:
            -ad uno sconosciuto
            -ad un magistrato

            chi sceglieresti?la differenza tra me e te e che per e indifferente se punto o mi viene puntata adosso una pistola non provo nulla lo stesso quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            chi sceglieresti?
            la differenza tra me e te e che per e
            indifferente se punto o mi viene puntata adosso
            una pistola non provo nulla lo stesso
            quindiintendevo dire che se si dovesse scegliere tipo vedi una fotografia e devi scegliere se essere chi viene sparato o chi spara il 99% della popolazione sceglierebbe dentro di se di essere chi spara (anche se non lo ammetterebbe in pubblico)a me questa scelta e del tutto indifferente intendevo questo quindia questo punto puoi capire che dare una pistola a uno sconosciuto o a un magistrato per me ha lo stesso valorequindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Non può essere messa sopra ogni altra cosa.

            Se

            è



            nell'interesse collettivo la violazione


            parziale,



            limitata a pochi soggetti autorizzati, della



            privacy di qualcuno, questa non può e non
            deve



            essere negata. TOR impedisce tutto questo e

            pone



            in automatico la privacy di chi lo usa al di



            sopra di qualsiasi forma controllo. Questo
            non



            può essere ammissibile in nessuno stato.

            Giusta



            quindi la decisione tedesca, e speriamo
            nella



            messa al bando per legge di



            TOR





            La tua privacy ti permette di scrivere
            minchiate


            senza che te ne renda


            conto.



            Non uso TOR né altri sistemi di anonimizzazione
            e

            quindi non sono

            anonimo.

            Quindi puoi tranquillamente scrivere il tuo Nome
            e Cognome , telefono, data di nascita, luogo di
            nascita
            .


            Forza tanto non hai nulla da nascondere ...Argomento illogico. Oppure fai finta di non capire.
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy
      - Scritto da:
      Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è
      nell'interesse collettivo la violazione parziale,
      limitata a pochi soggetti autorizzati, della
      privacy di qualcuno, questa non può e non deve
      essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone
      in automatico la privacy di chi lo usa al di
      sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non
      può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta
      quindi la decisione tedesca, e speriamo nella
      messa al bando per legge di
      TORQuoto quanto hai scritto, nessuno può essere potenzialmente al di sopra della legge, ne va dell'interesse collettivo.Tor garantisce l'immunità (non ai nodi d'uscita come si è visto), e nessuno dovrebbe essere immune alle leggi dello stato democratico in cui vive.Ciao ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da: casteredandblue

        - Scritto da:

        Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è

        nell'interesse collettivo la violazione
        parziale,

        limitata a pochi soggetti autorizzati, della

        privacy di qualcuno, questa non può e non deve

        essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone

        in automatico la privacy di chi lo usa al di

        sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non

        può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta

        quindi la decisione tedesca, e speriamo nella

        messa al bando per legge di

        TOR

        Quoto quanto hai scritto, nessuno può essere
        potenzialmente al di sopra della legge, ne va
        dell'interesse
        collettivo.
        Tor garantisce l'immunità (non ai nodi d'uscita
        come si è visto), e nessuno dovrebbe essere
        immune alle leggi dello stato democratico in cui
        vive.

        Ciao ;)Anche tu non hai nulla da nascondere?
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da: casteredandblue

        - Scritto da:

        Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è

        nell'interesse collettivo la violazione
        parziale,

        limitata a pochi soggetti autorizzati, della

        privacy di qualcuno, questa non può e non deve

        essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone

        in automatico la privacy di chi lo usa al di

        sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non

        può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta

        quindi la decisione tedesca, e speriamo nella

        messa al bando per legge di

        TOR

        Quoto quanto hai scritto, nessuno può essere
        potenzialmente al di sopra della legge, ne va
        dell'interesse
        collettivo.
        Tor garantisce l'immunità (non ai nodi d'uscita
        come si è visto), e nessuno dovrebbe essere
        immune alle leggi dello stato democratico in cui
        vive.
        Inutile che snoccioli quella che è solo una (banalotta) opinione come se fosse una grande verità giuridico/politica.L'anonimato è sempre stato una garanzia costituzionale per ovvie ragioni, lo stesso dicasi per il diritto a vivere in uno stato che non applica sistematicamente il controllo preventivo.D'altra parte volessimo parlare per analogie banalotte come le tue, potremmo anche ipotizzare uno stato che applica il controllo preventivo totale ed estende il concetto di apologia a qualunque illecito e reato. A quel punto il governo si ridurrebbe solo a funzioni di gestione economica e lo stato sarebbe, appunto, uno stato di polizia. Purtroppo per te, e per tutti gli esegeti dello stato di polizia, il contratto sociale che da vita allo stato si basa su ben altri presupposti. E meno male dico io.Si vedono lontano un miglio i pischelli che sono cresciuti all'ombra dello yuppismo sfrenatoo che non si sono mai presi la briga di studiare neanche un pò la storia politica contemporanea.Ne devi mangiare ancora così di biscotti prima di poterti mettere a pontificare sullo stato.
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy
          - Scritto da:
          Inutile che snoccioli quella che è solo una
          (banalotta) opinione come se fosse una grande
          verità
          giuridico/politica.

          L'anonimato è sempre stato una garanzia
          costituzionale per ovvie ragioni, lo stesso
          dicasi per il diritto a vivere in uno stato che
          non applica sistematicamente il controllo
          preventivo.
          Art. 15La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge. Quindi si parla di segretezza della corrispondenza, non di anonimato. Non sono due cose coincidenti. La segretezza della corrispondenza significa che nessun esterno, eccetto la magistratura, può verificare il contenuto della corrispondenza.Ed il secondo punto dell'articolo 15, per poter essere messo in pratica, deve prevedere la possibilità della magistratura di violare la segretezza della tua comunicazione, e quindi implicitamente non consente l'anonimato globale.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            La libertà e la segretezza della corrispondenza e
            di ogni altra forma di comunicazione sono
            inviolabili.

            La loro limitazione può avvenire soltanto per
            atto motivato dell'autorità giudiziaria con le
            garanzie stabilite dalla
            legge.

            Quindi si parla di segretezza della
            corrispondenza, non di anonimato. Non sono due
            cose coincidenti. La segretezza della
            corrispondenza significa che nessun esterno,
            eccetto la magistratura, può verificare il
            contenuto della
            corrispondenza.

            Ed il secondo punto dell'articolo 15, per poter
            essere messo in pratica, deve prevedere la
            possibilità della magistratura di violare la
            segretezza della tua comunicazione, e quindi
            implicitamente non consente l'anonimato
            globale.falso.Tu scrivi *deve prevedere* ma la legge dice *può avvenire*.Cerca sul vocabolario la differenza tra potere e dovere
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:


            La libertà e la segretezza della corrispondenza
            e

            di ogni altra forma di comunicazione sono

            inviolabili.



            La loro limitazione può avvenire soltanto per

            atto motivato dell'autorità giudiziaria con le

            garanzie stabilite dalla

            legge.



            Quindi si parla di segretezza della

            corrispondenza, non di anonimato. Non sono due

            cose coincidenti. La segretezza della

            corrispondenza significa che nessun esterno,

            eccetto la magistratura, può verificare il

            contenuto della

            corrispondenza.



            Ed il secondo punto dell'articolo 15, per poter

            essere messo in pratica, deve prevedere la

            possibilità della magistratura di violare la

            segretezza della tua comunicazione, e quindi

            implicitamente non consente l'anonimato

            globale.

            falso.
            Tu scrivi *deve prevedere* ma la legge dice *può
            avvenire*.
            Cerca sul vocabolario la differenza tra potere e
            dovere
            Perché possa avvenire si devono prevedere modi per eliminare, in certe situazioni, l'anonimato. E comunque, come ho già detto, anonimato != segretezza della comunicazione. La comunicazione può non essere anonima ma il contenuto può essere segreto.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            La libertà e la segretezza della
            corrispondenza

            e


            di ogni altra forma di comunicazione sono


            inviolabili.





            La loro limitazione può avvenire soltanto
            per


            atto motivato dell'autorità giudiziaria con le


            garanzie stabilite dalla


            legge.





            Quindi si parla di segretezza della


            corrispondenza, non di anonimato. Non sono due


            cose coincidenti. La segretezza della


            corrispondenza significa che nessun esterno,


            eccetto la magistratura, può verificare il


            contenuto della


            corrispondenza.





            Ed il secondo punto dell'articolo 15, per
            poter


            essere messo in pratica, deve prevedere la


            possibilità della magistratura di violare la


            segretezza della tua comunicazione, e quindi


            implicitamente non consente l'anonimato


            globale.



            falso.

            Tu scrivi *deve prevedere* ma la legge dice *può

            avvenire*.

            Cerca sul vocabolario la differenza tra potere e

            dovere



            Perché possa avvenire si devono prevedere modi
            per eliminare, in certe situazioni, l'anonimato.
            E comunque, come ho già detto, anonimato !=
            segretezza della comunicazione. La comunicazione
            può non essere anonima ma il contenuto può essere
            segreto. La Costituzione (leggi bene) non impedisce affatto l'anonimato semplicemente non lo garantisce. La tua idea non è proprio applicabile per la corrispondenza normale e sarebbe inutilmente applicabile per la rete, dove per una necessità tecnica ogni postazione ha un indirizzo IP. Prima delle leggi antiterrorismo ti informo che Tor era perfettamente inutile per chi scriveva da un internet point... Allora non avevi nulla da dire immagino
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:






            La libertà e la segretezza della

            corrispondenza


            e



            di ogni altra forma di comunicazione sono



            inviolabili.







            La loro limitazione può avvenire soltanto

            per



            atto motivato dell'autorità giudiziaria con
            le



            garanzie stabilite dalla



            legge.







            Quindi si parla di segretezza della



            corrispondenza, non di anonimato. Non sono
            due



            cose coincidenti. La segretezza della



            corrispondenza significa che nessun esterno,



            eccetto la magistratura, può verificare il



            contenuto della



            corrispondenza.







            Ed il secondo punto dell'articolo 15, per

            poter



            essere messo in pratica, deve prevedere la



            possibilità della magistratura di violare la



            segretezza della tua comunicazione, e quindi



            implicitamente non consente l'anonimato



            globale.





            falso.


            Tu scrivi *deve prevedere* ma la legge dice
            *può


            avvenire*.


            Cerca sul vocabolario la differenza tra
            potere
            e


            dovere






            Perché possa avvenire si devono prevedere modi

            per eliminare, in certe situazioni, l'anonimato.

            E comunque, come ho già detto, anonimato !=

            segretezza della comunicazione. La comunicazione

            può non essere anonima ma il contenuto può
            essere

            segreto.


            La Costituzione (leggi bene) non impedisce
            affatto l'anonimato semplicemente non lo
            garantisce.Guarda che è ciò che stavo cercando di dire. Non sono io quello che ha tirato fuori il diritto all'anonimato nella costituzione.
            Prima delle leggi antiterrorismo ti informo
            che Tor era perfettamente inutile per chi
            scriveva da un internet point... Allora non avevi
            nulla da dire
            immaginoSono sempre stato favorevole all'identificazione tramite carta d'identità degli utenti degli internet point (ma contrario alla conservazione dei dati relativi alla navigazione), quando ancora non si parlava di terrorismo, quindi non puoi rinfacciarmi nulla da questo punto di vista.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Inutile che snoccioli quella che è solo una

            (banalotta) opinione come se fosse una grande

            verità

            giuridico/politica.



            L'anonimato è sempre stato una garanzia

            costituzionale per ovvie ragioni, lo stesso

            dicasi per il diritto a vivere in uno stato che

            non applica sistematicamente il controllo

            preventivo.




            Art. 15

            La libertà e la segretezza della corrispondenza e
            di ogni altra forma di comunicazione sono
            inviolabili.

            La loro limitazione può avvenire soltanto per
            atto motivato dell'autorità giudiziaria con le
            garanzie stabilite dalla
            legge.

            Quindi si parla di segretezza della
            corrispondenza, non di anonimato. Non sono due
            cose coincidenti. La segretezza della
            corrispondenza significa che nessun esterno,
            eccetto la magistratura, può verificare il
            contenuto della
            corrispondenza.

            Ed il secondo punto dell'articolo 15, per poter
            essere messo in pratica, deve prevedere la
            possibilità della magistratura di violare la
            segretezza della tua comunicazione, e quindi
            implicitamente non consente l'anonimato
            globale.ma LOL!certo, allora facciamo così: visto e considerato che l'autorità giudiziaria non è in grado di dare a sua volta garanzie (vedi ancora una volta Espresso), stralciamo l'articolo finché non sarà in grado di farlo
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy
      Sono d'accordo pienamente.E credo che molti di quelli che leggono PI la pensino così.Peccato che nel forum saremo riempiti come al solito dagli insulti di quelli che si dichiarano "democratici" (solo se si è sempre d'accordo con loro...).
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da:
        Sono d'accordo pienamente.
        E credo che molti di quelli che leggono PI la
        pensino
        così.
        Peccato che nel forum saremo riempiti come al
        solito dagli insulti di quelli che si dichiarano
        "democratici" (solo se si è sempre d'accordo con
        loro...).Si e io non mi stupisco che ci siano molti che la pensano come voi due.D'altra parte ci sono anche centinaia di migliaia di persone che pensano sia giusto marciare su Roma per la devoluzione e che vanno a osannare un carro di carnevale con cui hanno fatto la presa del campanile di San Marco...
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy
      - Scritto da:
      Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è
      nell'interesse collettivo la violazione parziale,
      limitata a pochi soggetti autorizzati, della
      privacy di qualcuno, questa non può e non deve
      essere negata.Quando io spedisco una lettera (snail-mail) anonima nessuno mi controlla! E non c'e' modo di risalire proprio a me.Immagino che questa sia la prossima cosa contro la quale protesterai, giusto?
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da:
        - Scritto da:


        Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è

        nell'interesse collettivo la violazione
        parziale,

        limitata a pochi soggetti autorizzati, della

        privacy di qualcuno, questa non può e non deve

        essere negata.

        Quando io spedisco una lettera (snail-mail)
        anonima nessuno mi controlla! E non c'e' modo di
        risalire proprio a
        me.
        Immagino che questa sia la prossima cosa contro
        la quale protesterai,
        giusto?Se l'utilizzo di questa possibilità venisse reso comune e causasse problemi alla società (truffe, adescamenti di minori, invio costante e diffuso di pacchi bomba) verrebbero presi provvedimenti anche in quel senso. Questo ovviamente accadrebbe anche con TOR se non venisse usato in modo quasi sistematico per evadere alle proprie responsabilità di fronte alla legge. Non si può pensare che i diritti e gli interessi del singolo siano al di sopra di quelli della collettività.
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy

          comune e causasse problemi alla società (truffe,
          adescamenti di minori, invio costante e diffuso
          di pacchi bomba) verrebbero presi provvedimenti
          anche in quel senso.sono problemi causati dalla societa stessacosa facciamo eliminiamo la societa cosi eliminiamo i problemi (io favorevole) ??????
    • Riot scrive:
      Re: La tutela della privacy

      Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è
      nell'interesse collettivo la violazione parziale,
      limitata a pochi soggetti autorizzati, della
      privacy di qualcuno, questa non può e non deve
      essere negata. TOR impedisce tutto questo e pone
      in automatico la privacy di chi lo usa al di
      sopra di qualsiasi forma controllo. Questo non
      può essere ammissibile in nessuno stato. Giusta
      quindi la decisione tedesca, e speriamo nella
      messa al bando per legge di
      TORLa ricerca della sicurezza (alias controllo) non può essere messa sopra ogni cosa. Se è nell'interesse di pochi o di pochissimi non si può privare l'intera popolazione di questa libertà fondamentale. Non può esistere qualcosa che sia solo *un po'* controllato o solo *un po'* censurato come non può esistere una donna ce sia solo *un po'* in cinta. Una simile violazione dei diritti dei cittadini non può essere ammissibile in nessuno stato democratico. Antidemocratica e palesemente ipocrita la decisione tedesca, speriamo in un ritorno dei valori della democrazia che stanno ormai perdendosi nel mito.
    • Anonimo scrive:
      Re: La tutela della privacy
      - Scritto da:
      Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è
      nell'interesse collettivo i singoli indivitui costituiscono la collettività.
      la violazione parziale,
      limitata a pochi soggetti autorizzati, della
      privacy di qualcuno, questa non può e non deve
      essere negata.bravo, ma c'è il solito who watch the watchers ?fino ad ora i nostri controllori presso le compagnie di telecomunicazioni si sono rivelati orribili. hai mai letto i **VARI** servizi sull'Espresso? per quanto tu possa non amarlo, non può permettersi di scrivere falsità. Le informazioni sono in balia di cani e porci e alcune intercettazioni vengono fatte così, per metter via che non si sa mai se un domani possono tornare utili per forzare volontà di qualcuno
      TOR impedisce tutto questo e pone
      in automatico la privacy di chi lo usa al di
      sopra di qualsiasi forma controllo. nessuno controlla nessuno, esatto.
      Questo non
      può essere ammissibile in nessuno stato. HEIL COMPAGNO! OBBEDIAMOTIQuesta tua ultima motivazione che ci spiega perchè non deve essere ammissibile ci convince e ci mette tutti a posto. Grazie kameradcompagno, invieremo un encomio al partito.
      Giusta
      quindi la decisione tedesca, e speriamo nella
      messa al bando per legge di
      TORgiustissima, si. mi hai convinto!ottime le argomentazioni del tipo "bene così"
      • Anonimo scrive:
        Re: La tutela della privacy
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Non può essere messa sopra ogni altra cosa. Se è

        nell'interesse collettivo

        i singoli indivitui costituiscono la collettività.

        Anche le singole cellule del mio corpo costituiscono una collettività, ovvero me, eppure la sopravvivenza di me come individuo è più importante della sopravvivenza delle singole cellule, che sono sacrificabili. Idem per lo stato e le collettività di individui.
        • Anonimo scrive:
          Re: La tutela della privacy
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          Non può essere messa sopra ogni altra cosa.
          Se
          è


          nell'interesse collettivo



          i singoli indivitui costituiscono la
          collettività.





          Anche le singole cellule del mio corpo
          costituiscono una collettività, ovvero me, eppure
          la sopravvivenza di me come individuo è più
          importante della sopravvivenza delle singole
          cellule, che sono sacrificabili. Idem per lo
          stato e le collettività di
          individui.E se qualcuno decidesse che per il bene della collettività quello sacrificabile sei tu come reagiresti? Obbediresti senza nemmeno chiedere il perché?Rispondi please
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Non può essere messa sopra ogni altra cosa.

            Se

            è



            nell'interesse collettivo





            i singoli indivitui costituiscono la

            collettività.









            Anche le singole cellule del mio corpo

            costituiscono una collettività, ovvero me,
            eppure

            la sopravvivenza di me come individuo è più

            importante della sopravvivenza delle singole

            cellule, che sono sacrificabili. Idem per lo

            stato e le collettività di

            individui.

            E se qualcuno decidesse che per il bene della
            collettività quello sacrificabile sei tu come
            reagiresti? Obbediresti senza nemmeno chiedere il
            perché?
            Rispondi pleaseSe effettivamente fosse così, sarebbe giusto che venissi sacrificato, nonostante le mie eventuali obbiezioni. Basta essere consci che non si è al centro del mondo, ma esistono cose più importanti di te. Quindi se il tuo interesse va a scontrarsi con quello del resto del mondo, è l'interesse del resto del mondo a dover prevalere, non il tuo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Se effettivamente fosse così, sarebbe giusto che
            venissi sacrificato, nonostante le mie eventuali
            obbiezioni. Basta essere consci che non si è al
            centro del mondo, ma esistono cose più importanti
            di te. Quindi se il tuo interesse va a scontrarsi
            con quello del resto del mondo, è l'interesse del
            resto del mondo a dover prevalere, non il
            tuo.Beh, certo, se ho tutti contro sicuramente prevarrebbe il "loro" interesse, ma se per caso, giusto per continuare il paragone, venissi giudicato "sacrificabile" per errore, o al posto di qualcun'altro, non protesteresti? Non proveresti a far rivalutare la decisione? E in ultima analisi, non proveresti a sfuggire al tuo destino?E se invece di te se la pigliassero con i tuoi familiari?Ti ricordo che in Argentina, Cile, e in *tutti* gli stati dell'america latina, ad un certo punto l' "autorità" costituita decideva che taluni dovevano essere sacrificati e li faceva sparire. Magari tua moglie o i tuoi figli. Che magari non avevano fatto nulla di male se non possedere libri, o dischi.Bello no?Altro che essere al centro del mondo!Io sinceramente ad una collettività che agisce così non vorrei far parte per niente al mondo.Devi renderti conto che una collettività è e continua a rimanere un insieme di singoli, quindi se i singoli non sono tutelati non lo è nemmeno la collettività, se puoi passare sopra ai suoi membri quando quanto e come ti pare.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            Se effettivamente fosse così, sarebbe giusto che

            venissi sacrificato, nonostante le mie eventuali

            obbiezioni. Basta essere consci che non si è al

            centro del mondo, ma esistono cose più
            importanti

            di te. Quindi se il tuo interesse va a
            scontrarsi

            con quello del resto del mondo, è l'interesse
            del

            resto del mondo a dover prevalere, non il

            tuo.

            Beh, certo, se ho tutti contro sicuramente
            prevarrebbe il "loro" interesse, ma se per caso,
            giusto per continuare il paragone, venissi
            giudicato "sacrificabile" per errore, o al posto
            di qualcun'altro, non protesteresti? Non
            proveresti a far rivalutare la decisione? E in
            ultima analisi, non proveresti a sfuggire al tuo
            destino?Gli errori possono capitare, se non sono sistematici e sotto una certa soglia. Certo, probabilmnente protesterei ma il principio è corretto: sono sacrificabile e devo gidicarmi tale.
            E se invece di te se la pigliassero con i tuoi
            familiari?Idem. Comunque parlavo di sacrificio per il benessere della collettività. Già il fatto che usi il termine PIGLIASSERO indica che questo non avviene. Se c'è l'esigenza, l'interesse dei singoli deve essere messo da parte.Esempio: esproprio. O anche lo stesso carcere.
            Ti ricordo che in Argentina, Cile, e in *tutti*
            gli stati dell'america latina, ad un certo punto
            l' "autorità" costituita decideva che taluni
            dovevano essere sacrificati e li faceva sparire.
            Magari tua moglie o i tuoi figli. Allora decidi: non mi sento più parte di quella comunità ma di un'altra (esempio: partigiani). Poi però dovresti disposto a sacrificarti se la comunità dei partigiani lo richiede.Però qua, da come parli, mi sembra tanto che non importa di che comunità si parli, l'importante è che non esista mai la possibilità del sacrificio, del fatto che i tuoi interessi vengano dopo quelli della comunità. E questo, personalemente, non lo trovo per nulla positivo.
            Devi renderti conto che una collettività è e
            continua a rimanere un insieme di singoli, quindi
            se i singoli non sono tutelati non lo è nemmeno
            la collettività, se puoi passare sopra ai suoi
            membri quando quanto e come ti
            pare.Dissento completamente. L'insieme presenta proprietà che i singoli non possiedono. Un atomo da solo è un atomo. Miliardi di atomi sono il tuo computer. Una formica da sola è una formica, un essere semplice senza alcuna intelligenza. Milioni di formiche formano una comunità sotto molti aspetti dotata di un'intelligenza di gram lunga superiore a quella delle singole formiche. Una goccia d'acqua è nulla. Miliardii di gocce d'acqua formano laghi, mari, pioggia, scavano la roccia, ecc.Una delle così importanti nella vita è sapersi collocare in relazione ed in armonia con il resto dell'universo e di chi ci circonda. Pensando solo a se stessi ed ai propri interessi non troverai mai il tuo posto nell'universo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Una delle così importanti nella vita è sapersi
            collocare in relazione ed in armonia con il resto
            dell'universo e di chi ci circonda. Pensando solo
            a se stessi ed ai propri interessi non troverai
            mai il tuo posto
            nell'universo.Ella!Mi hai fatto sentire in colpa O)
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:





            Se effettivamente fosse così, sarebbe giusto
            che


            venissi sacrificato, nonostante le mie
            eventuali


            obbiezioni. Basta essere consci che non si è
            al


            centro del mondo, ma esistono cose più

            importanti


            di te. Quindi se il tuo interesse va a

            scontrarsi


            con quello del resto del mondo, è l'interesse

            del


            resto del mondo a dover prevalere, non il


            tuo.



            Beh, certo, se ho tutti contro sicuramente

            prevarrebbe il "loro" interesse, ma se per caso,

            giusto per continuare il paragone, venissi

            giudicato "sacrificabile" per errore, o al posto

            di qualcun'altro, non protesteresti? Non

            proveresti a far rivalutare la decisione? E in

            ultima analisi, non proveresti a sfuggire al tuo

            destino?

            Gli errori possono capitare, se non sono
            sistematici e sotto una certa soglia. Certo,
            probabilmnente protesterei ma il principio è
            corretto: sono sacrificabile e devo gidicarmi
            tale.


            E se invece di te se la pigliassero con i tuoi

            familiari?

            Idem. Comunque parlavo di sacrificio per il
            benessere della collettività. Già il fatto che
            usi il termine PIGLIASSERO indica che questo non
            avviene. Se c'è l'esigenza, l'interesse dei
            singoli deve essere messo da
            parte.
            Esempio: esproprio. O anche lo stesso carcere.


            Ti ricordo che in Argentina, Cile, e in *tutti*

            gli stati dell'america latina, ad un certo punto

            l' "autorità" costituita decideva che taluni

            dovevano essere sacrificati e li faceva sparire.

            Magari tua moglie o i tuoi figli.

            Allora decidi: non mi sento più parte di quella
            comunità ma di un'altra (esempio: partigiani).
            Poi però dovresti disposto a sacrificarti se la
            comunità dei partigiani lo
            richiede.

            Però qua, da come parli, mi sembra tanto che non
            importa di che comunità si parli, l'importante è
            che non esista mai la possibilità del sacrificio,
            del fatto che i tuoi interessi vengano dopo
            quelli della comunità. E questo, personalemente,
            non lo trovo per nulla
            positivo.



            Devi renderti conto che una collettività è e

            continua a rimanere un insieme di singoli,
            quindi

            se i singoli non sono tutelati non lo è nemmeno

            la collettività, se puoi passare sopra ai suoi

            membri quando quanto e come ti

            pare.

            Dissento completamente. L'insieme presenta
            proprietà che i singoli non possiedono. Un atomo
            da solo è un atomo. Miliardi di atomi sono il tuo
            computer. Una formica da sola è una formica, un
            essere semplice senza alcuna intelligenza.
            Milioni di formiche formano una comunità sotto
            molti aspetti dotata di un'intelligenza di gram
            lunga superiore a quella delle singole formiche.
            Una goccia d'acqua è nulla. Miliardii di gocce
            d'acqua formano laghi, mari, pioggia, scavano la
            roccia,
            ecc.

            Una delle così importanti nella vita è sapersi
            collocare in relazione ed in armonia con il resto
            dell'universo e di chi ci circonda. Pensando solo
            a se stessi ed ai propri interessi non troverai
            mai il tuo posto
            nell'universo.Parole che condivido in pieno, quelle di questo post e dei tuoi precedenti.Aggiungo: quando si fa parte di una grande comunità, non se ne possono solo sfruttare i diritti senza mai rispettarne i doveri, tra questi vi è il sacrificio per far sì che la vita della comunità continui e migliori e si difenda dalle insidie esterne.
          • borg_troll scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Posso capire se espropri ad un ricco industriale
            una delle sue 100 fabbriche a beneficio della
            collettivitàIl ricco industriale beneficia la collettività creando ricchezza, commercio e posti di lavoro. Togliergli una fabbrica danneggia tutti.
            ma se espropri (e non risarcisci)
            ad un contadino la sua unica casa per farci
            passare la ferrovia o l'autostrada, lo capisco
            molto
            meno.Gli espropri sono sempre risarciti, di norma. Poi che il valore stabilito da chi espropria non sia proprio quello che l'espropriato si aspetta, é un altro discorso.
            Ma a te che importa: hai sbattuto uno in mezzo
            alla strada perché tanti possano andare in giro
            più comodamente. Bella collettività di
            stronzi.
            Cosa ti aspetti? Ormai abbiamo finito di credere nel "bene" e nel "male". Ci sono soltanto utili e perdite. Se un contadino in mezzo alla strada significa cento persone che stanno meglio, il contadino deve fare le valigie.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da: borg_troll


            Posso capire se espropri ad un ricco industriale

            una delle sue 100 fabbriche a beneficio della

            collettività

            Il ricco industriale beneficia la collettività
            creando ricchezza, commercio e posti di lavoro.
            Togliergli una fabbrica danneggia
            tutti.Ma tu che ne sai del motivo per cui gliela togli. Era un esempio. Ho anche specificato che era a beneficio della collettività... xkè vai a sindacare anche le ipotesi di un esempio! Non ci siamo.
            Cosa ti aspetti? Ormai abbiamo finito di credere
            nel "bene" e nel "male". Ci sono soltanto utili e
            perdite. Se un contadino in mezzo alla strada
            significa cento persone che stanno meglio, il
            contadino deve fare le
            valigie.Tipo russia di stalin. E' questo che vuoi?Va' che sei strano eh.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Il ricco industriale beneficia la collettività
            creando ricchezza, commercio e posti di
            lavoro.
            Togliergli una fabbrica danneggia
            tutti.si ma vuoi mettere il gusto di toglierla ?????
            Gli espropri sono sempre risarciti, di norma. chi espropria decide anche il valore bella legge
            Poi
            che il valore stabilito da chi espropria non
            sia
            proprio quello che l'espropriato si aspetta, é
            un
            altro
            discorso.come diceva una pubblicita ci sono cose che non si comprano
            Cosa ti aspetti? Ormai abbiamo finito di
            credere
            nel "bene" e nel "male". Ci sono soltanto
            utili e
            perdite. Se un contadino in mezzo alla strada
            significa cento persone che stanno meglio, il
            contadino deve fare le
            valigie.e io che pensavo fossi un'animo buono
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:
            Una delle così importanti nella vita è sapersi
            collocare in relazione ed in armonia con il resto
            dell'universo e di chi ci circonda.Ma... come!? Pensavo di essere su Punto Informatico, e mi trovo un santone?Poi vuoi anche l'offerta? :p
            Pensando solo
            a se stessi ed ai propri interessi non troverai
            mai il tuo posto nell'universo.E' curioso che, sostanzialmente, il nocciolo del capitalismo sostenga esattamente il contrario.Ma... allora devi essere un comunista, non c'e' dubbio!!! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Una delle così importanti nella vita è sapersi

            collocare in relazione ed in armonia con il
            resto

            dell'universo e di chi ci circonda.

            Ma... come!? Pensavo di essere su Punto
            Informatico, e mi trovo un
            santone?
            Poi vuoi anche l'offerta?
            :p


            Pensando solo

            a se stessi ed ai propri interessi non troverai

            mai il tuo posto nell'universo.

            E' curioso che, sostanzialmente, il nocciolo del
            capitalismo sostenga esattamente il
            contrario.
            Ma... allora devi essere un comunista, non c'e'
            dubbio!!!
            :DComincio a pensarlo anch'io, tipo un veteroleninista guarda cosa risponde al mio post a proposito degli espropri.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            proprio interesse, per definizione nei modelli
            economici è completamente razionale questo dovrebbe spiegare qualcosa sulla validita di quelle teorie
            (tranne
            poi,
            in altri modelli, ipotizzare cose come il
            bisogno
            indotto e usare nella pubblicità metodi che
            funzionano solo se devi vendere ad un
            irrazionale). Direi che è quasi autistico il
            consumatore modello
            capitalista.non puoi crescre all'infinito in un mondo con risorse finite
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            proprio interesse, per definizione nei modelli

            economici è completamente razionale
            questo dovrebbe spiegare qualcosa sulla validita
            di quelle
            teorie


            (tranne
            poi,

            in altri modelli, ipotizzare cose come il

            bisogno

            indotto e usare nella pubblicità metodi che

            funzionano solo se devi vendere ad un

            irrazionale). Direi che è quasi autistico il

            consumatore modello

            capitalista.
            non puoi crescre all'infinito in un mondo con
            risorse
            finiteL'economia studia lo sfruttamento di risorse finite, non infinite. Non ci può essere per definizione economia in presenza di risorse infinite.Il problema dell'economia al limite è un altro: qualsiasi risorsa ha un costo, che dipende si dalla sua scarsità o abbondanza, ma ha comunque un costo regolato dal mercato. Questo porta ad aborti di pensiero come il dare un prezzo all'intera biosfera terrestre.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy


            non puoi crescre all'infinito in un mondo

            con

            risorse

            finite

            L'economia studia lo sfruttamento di risorse
            finite, non infinite. Non ci può essere per
            definizione economia in presenza di risorse
            infinite.bhe hai ragione non intedevo questo comunque
            Il problema dell'economia al limite è un
            altro:
            qualsiasi risorsa ha un costo, che dipende si
            dalla sua scarsità o abbondanza, ma ha
            comunque
            un costo regolato dal mercato. Questo porta ad
            aborti di pensiero come il dare un prezzo
            all'intera biosfera
            terrestre.quindi regolare il prezzo dal mercato e un po lo stesso come regolarlo dal regime comunista e sempre artificiale
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Gli errori possono capitare, se non sono
            sistematici e sotto una certa soglia.parlando di vite umane insomma
            Allora decidi: non mi sento più parte di
            quella
            comunità ma di un'altra (esempio: partigiani).
            Poi però dovresti disposto a sacrificarti se
            la
            comunità dei partigiani lo
            richiede.e diverso e lo sai
            Dissento completamente. L'insieme presenta
            proprietà che i singoli non possiedono. Un
            atomo
            da solo è un atomo. Miliardi di atomi sono il
            tuo
            computer. Una formica da sola è una formica,
            un
            essere semplice senza alcuna intelligenza.
            Milioni di formiche formano una comunità sotto
            molti aspetti dotata di un'intelligenza di
            gram
            lunga superiore a quella delle singole
            formiche.
            Una goccia d'acqua è nulla. Miliardii di gocce
            d'acqua formano laghi, mari, pioggia, scavano
            la
            roccia,
            ecc.un'atomo ha solo diverse forme tutto qui resta sempre un'atomo quindi
            Una delle così importanti nella vita è sapersi
            collocare in relazione ed in armonia con il
            resto
            dell'universo e di chi ci circonda.HAHAHAHAHAscusa se rido
            Pensando solo
            a se stessi ed ai propri interessi non
            troverai
            mai il tuo posto
            nell'universo.comincio a chiedermi se non hai ragione quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Gli errori possono capitare, se non sono

            sistematici e sotto una certa soglia.
            parlando di vite umane insomma
            Parlando di umani gli errori esisteranno sempre. I medici commettono errori e muoiono persone per i loro errori. Per verificare se lavorano bene oppure no usano metodi simili a quelli descritti sopra. Eppure non credo consideri negativi i medici.


            Dissento completamente. L'insieme presenta

            proprietà che i singoli non possiedono. Un

            atomo

            da solo è un atomo. Miliardi di atomi sono il

            tuo

            computer. Una formica da sola è una formica,
            un

            essere semplice senza alcuna intelligenza.

            Milioni di formiche formano una comunità sotto

            molti aspetti dotata di un'intelligenza di
            gram

            lunga superiore a quella delle singole

            formiche.

            Una goccia d'acqua è nulla. Miliardii di gocce

            d'acqua formano laghi, mari, pioggia, scavano

            la

            roccia,

            ecc.
            un'atomo ha solo diverse forme tutto qui resta
            sempre un'atomo
            quindi
            Un atomo è un atomo. Gode di alcune proprietà. Un insieme di atomi gode di propietà che non appartengono al singolo atomo. Questo accade per quasi tutti i sistemi complessi. Presentano macroproprietà non presenti nel singolo. Un neurone non fa nulla se non tramsettere secondo certe leggi impulsi elettrici. Miliardi di neuroni consentono di pensare. Un neurone però non pensa. Il cervello umano gode di proprietà che il singolo neurone non ha.

            Una delle così importanti nella vita è sapersi

            collocare in relazione ed in armonia con il

            resto

            dell'universo e di chi ci circonda.
            HAHAHAHAHA
            scusa se rido Fai pure, non è un problema mio.


            Pensando solo

            a se stessi ed ai propri interessi non
            troverai

            mai il tuo posto

            nell'universo.
            comincio a chiedermi se non hai ragione quindi
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            Parlando di umani gli errori esisteranno
            sempre.
            I medici commettono errori e muoiono persone
            per
            i loro errori. Per verificare se lavorano bene
            oppure no usano metodi simili a quelli
            descritti
            sopra. Eppure non credo consideri negativi i
            medici.in quel caso un'errore puo essere accettabile perche comunque in assenza di un'operazione magari sarebbe morto lo stesso ma e una cosa diversa da quello che dicevi tu quindi

            un'atomo ha solo diverse forme tutto qui

            resta

            sempre un'atomo

            quindi



            Un atomo è un atomo. Gode di alcune proprietà.
            Un
            insieme di atomi gode di propietà che non
            appartengono al singolo atomo.restano sempre un insieme di atomi o no ?????
            Questo accade per
            quasi tutti i sistemi complessi. Presentano
            macroproprietà non presenti nel singolo. Un
            neurone non fa nulla se non tramsettere
            secondo
            certe leggi impulsi elettrici. Miliardi di
            neuroni consentono di pensare. Un neurone però
            non pensa. Il cervello umano gode di proprietà
            che il singolo neurone non ha.il cervello umano non esisterebbe senza il neuroneso che dirai i neuroni nascono e muoiono ecc
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            Parlando di umani gli errori esisteranno

            sempre.

            I medici commettono errori e muoiono persone

            per

            i loro errori. Per verificare se lavorano bene

            oppure no usano metodi simili a quelli

            descritti

            sopra. Eppure non credo consideri negativi i

            medici.
            in quel caso un'errore puo essere accettabile
            perche comunque in assenza di un'operazione
            magari sarebbe morto lo stesso ma e una cosa
            diversa da quello che dicevi tu
            quindi
            E' uguale uguale, se sai vedere un po' oltre il tuo naso. Non licenzio = ditta fallisce = tutti a casa = fine della società (equivalente a morte del malato). Non mando soldati in guerra = paese conquistato = fine dello stato.






            Un atomo è un atomo. Gode di alcune proprietà.

            Un

            insieme di atomi gode di propietà che non

            appartengono al singolo atomo.
            restano sempre un insieme di atomi o no ?????
            Certo che sì. Tu sei ANCHE un insieme di atomi. Ma sei ANCHE un individuo. Non esiste un punto di vista unico del mondo, ti stai fissando troppo su una visione a senso unico del mondo che non corrisponde comunque alla Vero.

            Questo accade per

            quasi tutti i sistemi complessi. Presentano

            macroproprietà non presenti nel singolo. Un

            neurone non fa nulla se non tramsettere
            secondo

            certe leggi impulsi elettrici. Miliardi di

            neuroni consentono di pensare. Un neurone però

            non pensa. Il cervello umano gode di proprietà

            che il singolo neurone non ha.
            il cervello umano non esisterebbe senza il neurone
            so che dirai i neuroni nascono e muoiono eccIl cervello umano è un entità diversa dal neurone. Nella tua vita probabilmente avrai cambiato la quasi totalità delle cellule, avrai sostituito la quasi totalità degli atomi del tuo corpo e pure sei sempre rimasto te stesso. Questo vuol dire che tu non sei solo l'insieme dei tuoi atomi, se qualcosa di diverso. Di molto diverso. Se non ci arrivi, se non riesci ad avere anche una visione olistica del mondo mi sembra inutile continuare la discussione. Senza offese, eh.
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Parlando di umani gli errori esisteranno


            sempre.


            I medici commettono errori e muoiono persone


            per


            i loro errori. Per verificare se lavorano bene


            oppure no usano metodi simili a quelli


            descritti


            sopra. Eppure non credo consideri negativi i


            medici.

            in quel caso un'errore puo essere accettabile

            perche comunque in assenza di un'operazione

            magari sarebbe morto lo stesso ma e una cosa

            diversa da quello che dicevi tu

            quindi



            E' uguale uguale, se sai vedere un po' oltre il
            tuo naso. Non licenzio = ditta fallisce = tutti a
            casa = fine della società (equivalente a morte
            del malato). Sì ma in cima alla ditta c'è l'individuo egoista che tu stigmatizzi, quindi qui ti contraddici perché non guardi oltre il tuo di naso. L'individuo che licenzia può farlo per il bene della ditta ma può farlo anche per puro interesse personale. A volte poi sono le ditte che sono dei relitti che è meglio che falliscano. L'importante in una democrazia è che alla fine non prevalgano gli interessi di pochi ma di tutti, ma di tutti tutti, senza inutili sacrifici in nome di ciò che non esisteNon mando soldati in guerra = paese
            conquistato = fine dello
            stato.Magari se Saddam non mandava i soldati in guerra poteva anche andare meglio di com'è andata.










            Un atomo è un atomo. Gode di alcune proprietà.


            Un


            insieme di atomi gode di propietà che non


            appartengono al singolo atomo.

            restano sempre un insieme di atomi o no ?????



            Certo che sì. Tu sei ANCHE un insieme di atomi.
            Ma sei ANCHE un individuo. Stesso discorso per la società. Tu sei anche un insieme di doveri sociali ma sei anche l'individuo che giustifica e legittima con il suo diritto quei doveriNon esiste un punto di
            vista unico del mondo, ti stai fissando troppo su
            una visione a senso unico del mondo che non
            corrisponde comunque alla
            Vero.E tu ti sei fissato sul punto di vista della collettibvità, che non esiste in sé stesso, separato dal punto di vista dell'individuo
            Il cervello umano è un entità diversa dal
            neurone. Nella tua vita probabilmente avrai
            cambiato la quasi totalità delle cellule, avrai
            sostituito la quasi totalità degli atomi del tuo
            corpo e pure sei sempre rimasto te stesso. Infatti, le leggi e le società cambiano. l'individuo resta.Questo
            vuol dire che tu non sei solo l'insieme dei tuoi
            atomi, se qualcosa di diverso. Di molto diverso.
            Se non ci arrivi, se non riesci ad avere anche
            una visione olistica del mondo mi sembra inutile
            continuare la discussione. Senza offese,
            eh.Capito allora?
          • Anonimo scrive:
            Re: La tutela della privacy

            E' uguale uguale, se sai vedere un po' oltre
            il
            tuo naso.ho un naso grande che vuoi farci
            Non licenzio = ditta fallisce = tutti a
            casa = fine della società (equivalente a morte
            del malato).bhe vedi il lato positivo piu tempo per tutti per riflettere
            Non mando soldati in guerra = paese
            conquistato = fine dello
            stato.lo stato viene solo sostituito con un'altro stato quindi
            Certo che sì. Tu sei ANCHE un insieme di
            atomi.
            Ma sei ANCHE un individuo. Non esiste un punto
            di
            vista unico del mondo, ti stai fissando troppo
            su
            una visione a senso unico del mondo che non
            corrisponde comunque alla
            Vero.non sono gli atomi a rendermi un individuoper esempio gli atomi sono anche in un pezzo di marmo per esempio ma il pezzo non pensa quindi

            il cervello umano non esisterebbe senza il
            neurone

            so che dirai i neuroni nascono e muoiono ecc

            Il cervello umano è un entità diversa dal
            neurone.pensa a un frattale quindi
            Nella tua vita probabilmente avrai
            cambiato la quasi totalità delle cellule,
            avrai
            sostituito la quasi totalità degli atomi del
            tuo
            corpo e pure sei sempre rimasto te stesso. per fortuna
            Questo
            vuol dire che tu non sei solo l'insieme dei
            tuoi
            atomi, se qualcosa di diverso. Di molto
            diverso.si ma non e un'insieme di atomi a rendermi diverso
            Se non ci arrivi, se non riesci ad avere anche
            una visione olistica del mondo mi sembra
            inutile
            continuare la discussione.ci arrivo
            Senza offese,
            eh.mi offendo difficilmente quindi