Contrappunti/ La Internet scomoda

di Massimo Mantellini - Dietro i ripetuti attacchi a Wikipedia e all'anonimato l'urgenza di screditare ogni progetto collaborativo. Perché sono giochini trasparenti ed efficaci. In una parola: scomodi


Roma – Qualcuno a Wikipedia, la più grande enciclopedia del mondo, progetto collaborativo fra i più interessanti della rete internet, si è accorto che un buontempone nei mesi scorsi ha più volte anonimamente editato la voce “podcasting” della enciclopedia, migliorando – per così dire – la reputazione di Adam Curry che del podcasting è uno dei padri. Ma non è tutto qui: si è scoperto che gli IP raccolti, sempre i medesimi, rimandano ad una società di Adam Curry stesso. Viene in mente un episodio simile accaduto qualche tempo fa. Si scoprì che alcuni scrittori americani, anche di discreta fama, passavano il tempo a recensire positivamente, e sotto falso nome, i propri libri sulle pagine apposite su Amazon.

Sono solo due esempi di cosa sia possibile fare, da sempre, su internet, protetti da quella formidabile coperta di Linus che prende il nome di “anonimato”. A questi due esempi ne va aggiunto un terzo, anch’esso recente, che è solo in parte simile. Ha destato molto scalpore negli Stati Uniti la denuncia di John Seigenthaler, 78enne giornalista di Nashville, che con un articolo pubblicato su USAToday ha denunciato la inaffidabilità di Wikipedia e la facilità con la quale chiunque possa utilizzare l’enciclopedia online come strumento di anonima diffamazione. Seigenthaler qualche ragione in effetti ce l’ha: si è casualmente trovato citato su Wikipedia fra gli esecutori degli omicidi sia di John che di Robert Kennedy. Che insomma è un bel record.

Si potrebbe obiettare che i tre esempi citati sono fra loro assai simili. Tutti e tre hanno come comune denominatore l’anonimato. E l’anonimato non ha mai goduto di buon credito ne di buona stampa, per le ragioni che sappiamo. Eppure oggi l’anonimato diventa il grimaldello con il quale si mette in dubbio l’autorevolezza di ogni esperimento collaborativo in rete. Si usano espedienti simili per portare sotto i riflettori il fatto che una enciclopedia editabile da tutti mai non potrà funzionare, che essa mai potrà essere paragonata alle enciclopedie come le abbiamo conosciute fino ad oggi.

In questo sta la differenza: i primi due esempi citati, quelli di Adam Curry e dei recensori interessati su Amazon, possono andare archiviati come guasconate infantili, il terzo, la rivolta del giornalista autorevole diffamato “da Internet” è ben altro. E’ il tentativo di estendere un giudizio di merito individuale o di gruppo.

Così si moltiplicano gli studi scientifici che tentano di misurare quanto Wikipedia sia effettivamente affidabile. Quanto le migliaia di voci che contiene rispondano a “verità”. Quanto le definizioni compilate dagli utenti della rete di tutto il mondo possano essere definite autorevoli, utilizzando come termine di paragone il punto di vista degli esperti delle varie materie.

Sono studi che nascono con una ipotesi di lavoro già in parte destinata alla conferma. Mai, scientificamente parlando, sarà possibile confrontare una qualsiasi voce bibliografica di Wikipedia – che so, “Giulio Cesare” – con l’analogo record della Enciclopedia Britannica. Ma ne siamo certi?

Viviamo in un mondo che ha un disperato bisogno di conferme e punti fermi. Capita che su Internet le conferme siano un po’ meno frequenti ed i punti fermi appaiano discretamente traballanti. Anche se si parla di enciclopedie stiamo occupandoci in realtà di una nuova visione del mondo. Di una novità che richiede un discreto periodo di tempo trascorso in rete prima di poter essere accettata come “normale”.

I giornali americani, New York Times in testa hanno dato molto spazio alla vicenda di John Seigenthaler, magari anche esagerandone un po’ il pathos. E non a caso. La conseguenza immediata a simili polemiche è quella annunciata da Jimmy Wales di Wikipedia secondo la quale dai prossimi giorni non sarà più possibile partecipare alla enciclopedia collettiva in maniera anonima se non in modo limitato. E forse non è un caso che le polemiche si acuiscano oggi, nel momento in cui Wikipedia sta pensando di rendere disponibile gratuitamente i propri contenuti anche al di fuori dal web.

Molti degli strumenti di supervisione di enormi serbatoi di contenuti come Wikipedia devono ancora essere pensati e sperimentati ma è bene ricordare che i due principali sono già on line da tempo. Si chiamano “trasparenza” e “collaborazione”. Si tratta di due valori che non hanno molto spazio oggi nel mondo reale poiché ostacolano ogni sorta di maneggio politico, ideologico e commerciale.

Le grandi pesanti enciclopedie cartacee, nelle librerie delle nostre case, sono piene di grandi e piccole bugie, ben più importanti della diffamazione ad un giornalista in pensione di Nashville coinvolto senza motivo in uno dei grandi misteri americani.

Partendo da presupposti simili, gli studi scientifici sulla autorevolezza di Wikipedia fanno francamente sorridere. Ester Dyson, interpellata dal NYT sul “grave” caso di diffamazione nei confronti di Seigenthaler (che si agita molto sui media americani ma non si è nemmeno preso la briga di risalire agli autori del gesto adducendo risibili difficoltà legali) ha chiuso la vicenda con una dichiarazione sintetica e definitiva:

“Internet ha fatto moltissimo per la verità aumentando le possibilità di discussione su qualsiasi argomento. La trasparenza e la luce del sole sono meglio di un singolo punto di vista che non può essere discusso”.

Amen.

Massimo Mantellini
Manteblog

I precedenti editoriali di M.M. sono qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    NON SERVE PIU'!
    oggi hanno dala loro sistemi informatici ad-hoc per limitare il P2P, ecco perchè ne fanno a meno.qualcuno ha detto che era illegale eh? sarà, comunque soldo porta soldo, i fatti sono evidentissimi, vedi Cisco.
  • Anonimo scrive:
    quale il programma più usato?
    per massimizzare il risultato, qual'è il programma dove ci sono più utenti?io uso limewire.grazie mille.
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno faccia un port C# di Ants
    Ormai stanno stringendo la corda intorno ai software p2p, e presto l'anonimato sarà un diritto che dovremo difendere con i denti.Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma è lentissimo perchè basato su Java.Se qualcuno di voi Microsoftari facesse un facile port in C#, guadagnerebbe almeno il 300% (visto che la Microsoft bara con .net negli accessi hardware).http://antsp2p.sourceforge.net/
    • avvelenato scrive:
      Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
      - Scritto da: Anonimo

      Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma
      è lentissimo perchè basato su Java.
      falso. E' lentissimo perché l'algoritmo scelto è giocoforza lentissimo.
      • xWolverinex scrive:
        Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
        Perdonami, ma una interfaccia utente java e' giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32
        • Anonimo scrive:
          Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
          - Scritto da: xWolverinex
          Perdonami, ma una interfaccia utente java e'
          giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32Se il problema è l'interfaccia allora basta cambiare quella... usando magari le SWT. Un esempio di applicazione Java che usa le SWT può essere questo http://eclipse.org/articles/Article-Image-Viewer/Image_viewer.htmloppure anche lo stesso Eclipse.Il tutto senza rinunciare alla portabilità o al linguaggio e al codice già scritto.
          • Giambo scrive:
            Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
            - Scritto da: Wakko Warner

            Perdonami, ma una interfaccia utente java e'

            giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32

            Se il problema è l'interfaccia allora basta
            cambiare quella... usando magari le SWT. Un
            esempio di applicazione Java che usa le SWT può
            essere questo
            http://eclipse.org/articles/Article-Image-Viewer/I
            oppure anche lo stesso Eclipse.
            Il tutto senza rinunciare alla portabilità o al
            linguaggio e al codice già scritto.Mi hai rubato le parole di bocca :)Oh, potrei denunciarti per questo, no :) ?
        • avvelenato scrive:
          Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
          - Scritto da: xWolverinex
          Perdonami, ma una interfaccia utente java e'
          giocoforza piu' lenta di un eseguibile win32Non voglio negarlo, ma nel complesso del programma non è l'interfaccia l'elemento critico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
      - Scritto da: Anonimo

      Ormai stanno stringendo la corda intorno ai
      software p2p, e presto l'anonimato sarà un
      diritto che dovremo difendere con i denti.

      Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma
      è lentissimo perchè basato su Java.

      Se qualcuno di voi Microsoftari facesse un facile
      port in C#, guadagnerebbe almeno il 300% (visto
      che la Microsoft bara con .net negli accessi
      hardware).

      http://antsp2p.sourceforge.net/non ha niente a che vedere con il linguaggio...volendo migliorare le prestazioni lo si fa in C/C++ ma se l'algoritmo e' gia' pesante per i fatti suoi e' una perdita di tempo cambiare il linguaggio..
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants

      Il mezzo per farlo già esiste, si chiama Ants, ma
      è lentissimo perchè basato su Java.

      Se qualcuno di voi Microsoftari facesse un facile
      port in C#, guadagnerebbe almeno il 300%CLR (su cui è basato C#) e Java sono sistemi equivalenti, usando una virtual machine con compilatore Just-In-Time le prestazioni sono identiche...
      (visto che la Microsoft bara con .net negli accessi
      hardware)CIOÈ??? Puoi spiegare questo vaneggiamento???
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
        ragazzi, ma gli sviluppatori di questo ants mica saranno scemi no?se un porting in c poteva migliorarlo perche mai non lo avrebbero fatto?certo non e' cosi che funziona l'open source, ma quello che voglio dire e' che se ci pensate, garantire l'anonimato comporta per forza una perdita di velocità..vedete mute come ants e vi renderete conto che per adesso non ci sono valide alternative per difendere la privcy...
        • Anonimo scrive:
          Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants

          ragazzi, ma gli sviluppatori di questo ants mica
          saranno scemi no?Beh uno che fa le pagine nere con le scritte in grigio non è di sicuro furbo!!! :D
          se un porting in c poteva migliorarlo perche mai
          non lo avrebbero fatto?Forse perchè non era capace :D Java va bene per giocare, per il resto bisogna essere capaci!
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
            ma svegliatevi, è lent percjè è un sistema macchinoso, prima di arrivare a destinazione fai il giro del mondo 40 volte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno faccia un port C# di Ants
            si cmq farlo in c/c++ almeno si risparmia in termini di memora, che sia java o c# sempre di 30 mega di ram in + si parla ^^
  • Anonimo scrive:
    Parliamo di Libero invece
    Allora questa storia dei filtri sul p2p è vera sì o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo di Libero invece
      esatto! non bloccano il trasferimento, ma limitano la banda a pochi byte al secondo, questo è uno stratagemma per non essere denunciati... :(bisognerebbe fare come qualche tempo fa fecero gli utenti di Telvia, minacciarli in massa di disdetta ed intasare il call-center, per un breve periodo di tempo Telvia rimosse i filtri, ma da qualche mese li ha rimessi.l'unica è passare ad altri provider, ad es Alice è una manna per il p2p
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo di Libero invece
      no il filtro è attivo sempre! :'(
  • Anonimo scrive:
    che img simpatica ^__^
    i sorcetti e il maialetto... :-)heheheh! ^__^
  • Anonimo scrive:
    C'è di peggio del P2P
    Molto peggio, basta guardare questo filmato: http://www.strasbourgcurieux.com/fourrure/a volte penso che le vere "bestie" di questo pianeta siano gli umani.. :s
  • Anonimo scrive:
    Overpeer era ILLEGALE!
    La verità (che PI non sembra voler rimarcare...) è che in base alle leggi recentemente approvate in molti paesi, l'attività di Overpeer era diventata chiaramente illegale. In altri termini, almeno per quanto riguarda questo aspetto, il persecutore si è tagliato la mano con il proprio coltello! Dopo tutto, le leggi valgono per tutti... :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Overpeer era ILLEGALE!
      - Scritto da: Anonimo
      La verità (che PI non sembra voler rimarcare...)
      è che in base alle leggi recentemente approvate
      in molti paesi, l'attività di Overpeer era
      diventata chiaramente illegale. In altri termini,
      almeno per quanto riguarda questo aspetto, il
      persecutore si è tagliato la mano con il proprio
      coltello! Dopo tutto, le leggi valgono per
      tutti...mi sembra che nell articolo ci siano i link alle notizie precedenti che riguardano overpeer e denunce visto che pi ne parla spesso e come pochi di p2ppurtroppo quel che dici non ha molto senso cioe in base alle leggi overpeer era illegale ma dove ? e' stata condannata ? cioe una cosa e' l illegalita sulla carta l altra e' l illegalita in pratica, in italia siamo pieni di cose teoricamente illegali ed in circolo o no ? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Overpeer era ILLEGALE!
      - Scritto da: Anonimo
      La verità (che PI non sembra voler rimarcare...)
      è che in base alle leggi recentemente approvate
      in molti paesi, l'attività di Overpeer era
      diventata chiaramente illegale. In altri termini,
      almeno per quanto riguarda questo aspetto, il
      persecutore si è tagliato la mano con il proprio
      coltello! Dopo tutto, le leggi valgono per
      tutti...
      :D :D :D Se l'azione viene fatta partire da uno stato dove non è illegale e che non ha accordi giudiziari con altri stati anche se compie reati in giro per il mondo non esiste nessuna forma di perseguire i colpevoli fichè se ne restano nel loro paese
    • Anonimo scrive:
      Re: Overpeer era ILLEGALE!
      A norma di codice dove sarebbe il reato o l'illecito ?
  • Anonimo scrive:
    Che si stiano "svegliando"?
    "il numero di persone connesse (contemporaneamente, ndr.) ad una rete di file sharing o ad un network peer-to-peer all'epoca dell'introduzione di Overpeer era inferiore ai 3 milioni. Oggi si stima che, escludendo BitTorrent, il numero sia di quasi 10 milioni"Ecco... ora... se facessero lo stesso tipo di ragionamento anche per le vergognose azioni legali e incominciassero a considerare mezzi più civili come abbassare il costo delle canzoni (su iTunes siamo a 1 euro a canzone... è ridicolo... costa quasi meno acquistare un CD audio!), incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più elastici i copyright, rubando meno agli autori per singola canzone, ecc...
    • eymerich scrive:
      Re: Che si stiano "svegliando"?

      incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più
      elastici i copyright, rubando meno agli autori
      per singola canzone, ecc...Hai mai sentito un artista lamentarsi dell'attuale situazione del ditritto d'autore?Se gli sta bene essere pagati quattro ghelli e scodinzolare per le briciole che passano le major bene.Io per mio conto non ho mai usato software P2P per scambiare materiali protetti da diritto d'autore ... ma in compenso ho lasciato sullo scaffale tanti dischi protetti ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Che si stiano "svegliando"?
        - Scritto da: eymerich
        Hai mai sentito un artista lamentarsi
        dell'attuale situazione del ditritto d'autore?E perché dovrebbero lamentarsi? Anche con la miseria che gli passa la RIAA possono permettersi barconi e auto di lusso. Ora, immagina quanto invece la RIAA ci guadagna. Quando la RIAA dice "dobbiamo proteggere gli autori" sta in realtà dicendo "dobbiamo proteggere i soldi che ci entrano in tasca mentre giriamo i pollici tutto il santo giorno".Facciamo così... visto che gli autori con 1 dollaro a CD ci vivono così bene... facciamo che i CD costano 3 dollari [senza toccare quel dollaro che va agli autori]. Vedrai quanti ne vendono.
        Io per mio conto non ho mai usato software P2P
        per scambiare materiali protetti da diritto
        d'autore ... ma in compenso ho lasciato sullo
        scaffale tanti dischi protetti ...E fai bene. Tuttavia non puoi (né tu né loro) affermare che un ragazzino con 3000 MP3 ha causato una perdita equivalente alla mancata vendita derivante dal non acquisto di 3000 canzoni... neanche se volesse quel ragazzino potrebbe comprare tanti CD.Forse, e dico forse, quel medesimo ragazzino ha evitato di comprare uno o due CD.Sai quanti CD acquistavo io prima di Internet, del P2P e di tutto il resto? Forse 2 all'anno (non sono mai stato un grande apprezzatore di queste cose [preferisco di gran lunga la radio]... come del resto gran parte della gente). E sai quanti _DOPO_? Almeno il doppio... e senza contare i DVD!Recentemente (diciamo negli ultimi 2 anni) CD non ne compro più... ma non perché c'è il P2P... semplicemente per protesta contro le vergognose azioni legali di questi signori... non useranno i *miei* soldi per fare causa a dei dodicenni o per finanziare sistemi anticopia ai danni dei diritti degli utenti.Quindi le loro teorie sono basate sul nulla, la gente non compra perché:1) Costa *TROPPO*2) Gli stipendi sono troppo bassi3) Le priorità sono altreSe abbassano i prezzi (e di molto!) vedranno che rincominceranno a vendere. Anzi... propongo qualcosa di più: l'eliminazione del monopolio del settore della musica. Tolto il monopolio ci penserà poi la concorrenza a ristabilire il giusto prezzo per la musica.==================================Modificato dall'autore il 12/12/2005 1.34.39
        • Anonimo scrive:
          Re: Che si stiano "svegliando"?
          Quando la RIAA dice
          "dobbiamo proteggere gli autori" sta in realtà
          dicendo "dobbiamo proteggere i soldi che ci
          entrano in tasca mentre giriamo i pollici tutto
          il santo giorno".E' non, Wakko. Devi rendere onore ai grandi lavoratori della RIAA. Eh si. loro lavorano tantissimo con in soldi di chi compera cd originali. Loro cercano di corrompere i governi. Pensi che sia un lavoro da niente?Pensare oggi che la RIAA difenda i diritti è assurdo, se ci si è informati un minimo. Loro combattono una guerra per la sopravvivenza (almeno così pensano, poveracci). Loro cercano di defendere i loro interessi. Pensano che basti copiare un mp3 per far sentire un fan appagato. Oramai hanno un idea dei loro prodotti e dei loro utenti così bassa che hanno perso tutte le speranze. Pensano a comprare software che costruisca canzoni di plastica, per artisti di plastica per fare la hit dal momento da mettere nelle pubblicità di Tim e Vodafone. Pensano a creare utenti di plastica per mettersi al riparo da concorrenza e scelte del pubblico.Pensi sia un lavoro da niente convincere la gente che la musica di oggi sia bella e che valga la pena comprarla? Pensi sia facile vendere un cd con 2 canzoni belle, 2 così così e altri 60 minuti di nulla? Far pagare le tasse sui supporti vergini con pesanti e costose azioni di lobby non è roba da tutti. Occorre lavorare sodo.E ripeto: tutto sovvenzionato con i soldi di chi compera cd originali. Consiglio: non comprate cd con rootkit inclusi. Eliminate la vostra dipendenza da artisti di platica. Ci sono tante cose interessanti e divertenti. La maggior parte della musica di oggi è tempo perso. Meglio trovare hobby più divertenti e meno costosi. Le major l'hanno capito di avere spremuto troppo la gallina dalle uova d'oro. A furia di creare artisti finti da bruciare in una estate hanno perso il valore più importante: la qualità. Oggi non hanno più niente che valga la pena di essere pagato. Tengono i prezzi alti solo perchè c'è chi compera lo stesso. Li tengono alti per cercare di far credere di avere tra le mani qualcosa di valore, anche se il valore non c'è. Molti ancora credono che se una cosa costa di più allora vale di più. Non è così. A volte è vero, a volte no. In questo caso è una truffa.Disintossicatevi, siete in tempo. Se proprio non potete fare a meno di un cantante, copiate il cd ed andate ai suoi concerti: lui incasserà comunque, la RIAA capirà che il miglior modo per distribuire la musica non è far pagare 20 Euro il cd e 1 euro l'Mp3. Sono aziende in difficoltà. Non riescono a trovare il modo di aggiornare il priprio business. Diamogli una mano... dobbiamo essere solidali...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?

            Disintossicatevi, siete in tempo. Se proprio non
            potete fare a meno di un cantante, copiate il cd
            ed andate ai suoi concerti: lui incasserà
            comunque, la RIAA capirà che il miglior modo per
            distribuire la musica non è far pagare 20 Euro il
            cd e 1 euro l'Mp3. Sono aziende in difficoltà.
            Non riescono a trovare il modo di aggiornare il
            priprio business. Diamogli una mano... dobbiamo
            essere solidali...io farei cessare le attività coattivamente a tutti quelli che vendono suonerie, come si pretende di vendere 20 secondi di canzone, cover, a due euro? obbligando a una specie di sottoscrizione? tanti anni fa mi pare di aver studiato qualcosa riguardo alla frode dove dicevano che se un bene è venduto al triplo o più del prezzo di mercato, si è stati frodati e si ha diritto a rimborso, quindi se una canzone su itunes mi costa 1 euro, per tre minuti circa, 180 secondi, e 20 secondi di suoneria 2 euro, è abbondantemente sopra il triploma è un pò come ebay: ci mangia dagli inserzionisti truffaldini che a loro pagano comunque le commissioni e se ne vede bene dal mandarli via, così lo stato, su questi prezzi assurdi ci mangia più iva e se ne lava le maniper me, il popolo è caprone, colpevole è la classe politica, presente e passata, di destra sinistra centro ecc ecc, che non ha saputo guidare davvero, per questo come per altre cose più importanti
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            mi sa che è dal popolo caprone che discendono gli altri mali. Le società più evolute socialmente sono quelle che vivono meglio. Quando passano periodi brutti poi si riprendono (guarda l'Italia del dopoguerra). Il problema è quando una civiltà non è in grado di trovare gli anticorpi ai nuovi problemi.Se la gente sapesse scegliere non avremmo suonerie a 2 euro, politici che pensano a problemi immaginari, aziende ladre. Fino a che si fa tutto senza pensare... Comunque per fortuna non tutto è marcio, anzi. Se ci accorgiamo facilmente che qualcosa non va, vuol dire che siamo abituati a stare in una società abituata ad avere cose che funzionano bene. Forse è per questo che ci fanno incazzare le persone che non ragionano. Se fosse la normalità non ci accorgeremmo nemmeno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            Forse fa arrabbiare il fatto che le persone che non ragionano costituiscono il 99% della popolazione?
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo
            Forse fa arrabbiare il fatto che le persone che
            non ragionano costituiscono il 99% della
            popolazione?Statisticamente più probabile il contrario :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo
            mi sa che è dal popolo caprone che discendono gli
            altri mali.E beh, insomma ... il popolo caprone ci mette del suo!http://www.macitynet.it/macity/aA23289/index.shtml
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo
            io farei cessare le attività coattivamente a
            tutti quelli che vendono suonerie, come si
            pretende di vendere 20 secondi di canzone, cover,
            a due euro?Ma ti obbligano a comprarla? No.Allora se uno e' scemo non c'e' mica nulla da fare...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che si stiano "svegliando"?
          - Scritto da: Wakko Warner
          E fai bene. Tuttavia non puoi (né tu né loro)
          affermare che un ragazzino con 3000 MP3 ha
          causato una perdita equivalente alla mancata
          vendita derivante dal non acquisto di 3000
          canzoni... neanche se volesse quel ragazzinoNon è vero che dicano ciò. Se guardi le dichiarazioni di Mazza (FIMI) sui forum di popolodellarete ha sempre negato questo concetto.E in Italia avevano chiesto soluzioni più blande della Urbani, blande ma più efficaci perché applicabili.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo
            Non è vero che dicano ciò. Se guardi le
            dichiarazioni di Mazza (FIMI) sui forum di
            popolodellarete ha sempre negato questo concetto.
            E in Italia avevano chiesto soluzioni più blande
            della Urbani, blande ma più efficaci perché
            applicabili.Io sto parlando della RIAA... e dei messaggi che continuano a sputare sia per radio che al cinema tipo: "scaricare un mp3 equivale a rubare"... e questo lo fanno pure in Italia... non so chi siano i criminali mandanti, ma è certo che fanno dichiarazioni di questo tipo.==================================Modificato dall'autore il 12/12/2005 9.52.44
        • Anonimo scrive:
          Re: Che si stiano "svegliando"?
          - Scritto da: Wakko Warner

          Forse, e dico forse, quel medesimo ragazzino ha
          evitato di comprare uno o due CD.
          io penso che loro (le major) guardino a come sono indirizzati i giovani.. mi spiego meglio;genitore 35 enne: scarica musica a go go da P2P, il figlio impara, si, a fare come il suo genitore.e poi, a parte il fatto che non sono tanti quelli che si possono permettere di avere impianti audio di qualità, la stragrande maggioranza si abitua a "sentire" la musica cosi come capita, si potrebbe fare un confronto diretto con chi non poteva permettersi nemmeno un deck decente, parlo degli anni 80/90.il problema è che.... i-pod, mp3, wma, ecc.. NON sono assolutamente degni di un ascolto in VERA HI-FI, dunque è anche/sopratutto colpa delle major che vendono mondezza a tutti i livelli.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che si stiano "svegliando"?
        - Scritto da: eymerich

        ...Hai mai sentito un artista lamentarsi
        dell'attuale situazione del ditritto d'autore? ...
        ...eh beh... non direi che ci sia un rapporto idilliaco...http://www.usatoday.com/life/music/news/2002-09-15-artists-rights_x.htm
      • avvelenato scrive:
        Re: Che si stiano "svegliando"?
        - Scritto da: eymerich

        incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più

        elastici i copyright, rubando meno agli autori

        per singola canzone, ecc...

        Hai mai sentito un artista lamentarsi
        dell'attuale situazione del ditritto d'autore?
        sì.http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&file=article&sid=820
        Se gli sta bene essere pagati quattro ghelli e
        scodinzolare per le briciole che passano le major
        bene.

        Io per mio conto non ho mai usato software P2P
        per scambiare materiali protetti da diritto
        d'autore ... ma in compenso ho lasciato sullo
        scaffale tanti dischi protetti ...
        la tua soluzione è rinunciare alla musica? efficace direi. Mi sembra quasi di sentire Ruini che propone l'astensione come metodo per sconfiggere l'AIDS.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che si stiano "svegliando"?
          - Scritto da: avvelenato
          http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&fArticolo lunghissimo... ma molto interessante!
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da: avvelenato


            http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&f

            Articolo lunghissimo... ma molto interessante!Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate sotto CC ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo
            Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate sotto
            CC ?E questo che diamine ha a che fare con quanto ha detto?
          • avvelenato scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da: Anonimo

            Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate sotto

            CC ?

            E questo che diamine ha a che fare con quanto ha
            detto?Sono gli stessi che se ti dichiari di sinistra ti dicono "allora come mai sei comunista ma ti compri casa/macchina/ecc. ?"
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da: Anonimo


            Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate
            sotto


            CC ?



            E questo che diamine ha a che fare con quanto ha

            detto?

            Sono gli stessi che se ti dichiari di sinistra ti
            dicono "allora come mai sei comunista ma ti
            compri casa/macchina/ecc. ?"sono gli stessi che pretendono coerenza....o devono dare sempre gli altri?
          • avvelenato scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato



            - Scritto da: Wakko Warner


            - Scritto da: Anonimo



            Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate

            sotto



            CC ?





            E questo che diamine ha a che fare con quanto
            ha


            detto?



            Sono gli stessi che se ti dichiari di sinistra
            ti

            dicono "allora come mai sei comunista ma ti

            compri casa/macchina/ecc. ?"


            sono gli stessi che pretendono coerenza....o
            devono dare sempre gli altri?Non è pretendere coerenza. La coerenza la si deve pretendere rispetto ai princìpi della persona a cui la si pretende, non rispetto alle proprie proiezioni mentali su quella persona lì.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: avvelenato





            - Scritto da: Wakko Warner



            - Scritto da: Anonimo




            Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate


            sotto




            CC ?







            E questo che diamine ha a che fare con
            quanto

            ha



            detto?





            Sono gli stessi che se ti dichiari di sinistra

            ti


            dicono "allora come mai sei comunista ma ti


            compri casa/macchina/ecc. ?"





            sono gli stessi che pretendono coerenza....o

            devono dare sempre gli altri?


            Non è pretendere coerenza. La coerenza la si deve
            pretendere rispetto ai princìpi della persona a
            cui la si pretende, non rispetto alle proprie
            proiezioni mentali su quella persona lì.Coerenza è consequenzialità nelle proprie azioni...
          • avvelenato scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: avvelenato







            - Scritto da: Wakko Warner




            - Scritto da: Anonimo





            Dove sono le canzoni di Coutney
            rilasciate



            sotto





            CC ?









            E questo che diamine ha a che fare con

            quanto


            ha




            detto?







            Sono gli stessi che se ti dichiari di
            sinistra


            ti



            dicono "allora come mai sei comunista ma ti



            compri casa/macchina/ecc. ?"








            sono gli stessi che pretendono coerenza....o


            devono dare sempre gli altri?





            Non è pretendere coerenza. La coerenza la si
            deve

            pretendere rispetto ai princìpi della persona a

            cui la si pretende, non rispetto alle proprie

            proiezioni mentali su quella persona lì.


            Coerenza è consequenzialità nelle proprie
            azioni...appunto, non consequenzialità delle azioni che gli altri proiettano su di una persona. Ritornando al semplice esempio espresso sopra (semplice ma che molti non hanno capito!): uno può essere di sinistra ma non comunista. Il fatto di essere comunista o di spacciarsi per comunista non è una caratteristica della persona alla quale si accusa mancanza di coerenza, ma è una proiezione che un terzo interlocutore attribuisce, spesso scientemente al fine di svilirne le tesi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?

            Presupponi la completa identità tra princìpio e
            persona, il ché se me lo permetti è una cazzata.
            Una persona non è un princìpio; al massimo HA dei
            princìpi.
            Ad esempio (esempio folle) uno può essere nazista
            ma nello stesso tempo credere nel rispetto dello
            stato e delle leggi di cui esso si dota (tranne
            l'apologia al nazismo ovviamente(che tra l'altro
            imho è una legge ingiusta in quanto reato
            d'opinione)). Allora cosa fa: discrimina gli
            ebrei; o rispetta la legge? E' chiaro che ogni
            persona nei propri princìpi e scale di valori ha
            un personale ordine che regola i suoi
            comportamenti (o diciamo che si suppone che li
            abbia; il fatto che poi molti invece si
            comportino piuttosto ad cazzum canis è un altro
            discorso). E quindi non puoi dare ad un comunista
            dell'incoerente solo perché si compra la barca a
            vela.
            Perché credere nell'ideologia X non significa
            necessariamente che bisogna rispettarla da soli
            come dei pirla. Tanto per rimanere nell'esempio.Beh, per me hai le idee un pò confuse (anzi, molto confuse).
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da: Anonimo

            Dove sono le canzoni di Coutney rilasciate sotto

            CC ?

            E questo che diamine ha a che fare con quanto ha
            detto?Ho letto male o parlavamo di p2p :"Muore l'inquinatore del P2P"
        • Anonimo scrive:
          Re: Che si stiano "svegliando"?
          - Scritto da: avvelenato

          - Scritto da: eymerich


          incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più


          elastici i copyright, rubando meno agli autori


          per singola canzone, ecc...



          Hai mai sentito un artista lamentarsi

          dell'attuale situazione del ditritto d'autore?



          sì.
          http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&fNon mi sembra che Courtney stia morendo di fame. Per non parlare della guerra legale che ha scatenato contro i Nirvana per le canzoni del marito....Comunque gli artisti firmano contratti lucrosi a prescindere da quello che vendono,quello che prendono da cd e concerti è un'ulteriore guadagno che va aggiunto al contratto iniziale.


          Se gli sta bene essere pagati quattro ghelli e

          scodinzolare per le briciole che passano le
          major

          bene.



          Io per mio conto non ho mai usato software P2P

          per scambiare materiali protetti da diritto

          d'autore ... ma in compenso ho lasciato sullo

          scaffale tanti dischi protetti ...



          la tua soluzione è rinunciare alla musica?
          efficace direi. Mi sembra quasi di sentire Ruini
          che propone l'astensione come metodo per
          sconfiggere l'AIDS.Non mi sembra siano proprio la stessa cosa ma se si considera un Ipod un bene primario tutto può essere....Comunque senza fare gli estremisti evitare d'andare a letto con la prima/o che capita e che ha fatto lo stesso con altri n-individui se si vogliono evitare spiacevoli sorprese non mi sembra altro che buon senso, anche se lo dice Ruini fatta la tara alle sparate sul matrimonio.
          • avvelenato scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato



            - Scritto da: eymerich



            incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più



            elastici i copyright, rubando meno agli
            autori



            per singola canzone, ecc...





            Hai mai sentito un artista lamentarsi


            dell'attuale situazione del ditritto d'autore?






            sì.


            http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&f
            Non mi sembra che Courtney stia morendo di fame.
            Per non parlare della guerra legale che ha
            scatenato contro i Nirvana per le canzoni del
            marito....argomento ad personam
            Comunque gli artisti firmano contratti lucrosi a
            prescindere da quello che vendono,non è vero sempre
            quello che
            prendono da cd e concerti è un'ulteriore guadagno
            che va aggiunto al contratto iniziale.
            e non conti quel che spendono (e non parlo di lusso, ovviamente, ma di spese gestionali, cose che se avessi letto l'articolo di Courtney anziché sputarci su perché colpevole di esser stata moglie di Kurt...).





            Se gli sta bene essere pagati quattro ghelli e


            scodinzolare per le briciole che passano le

            major


            bene.





            Io per mio conto non ho mai usato software P2P


            per scambiare materiali protetti da diritto


            d'autore ... ma in compenso ho lasciato sullo


            scaffale tanti dischi protetti ...






            la tua soluzione è rinunciare alla musica?

            efficace direi. Mi sembra quasi di sentire Ruini

            che propone l'astensione come metodo per

            sconfiggere l'AIDS.

            Non mi sembra siano proprio la stessa cosa ma se
            si considera un Ipod un bene primario tutto può
            essere....non travisare mie affermazioni dette altrove. Mai detto che un iPod è un bene primario.Sulla musica invece.... beh, bisognerebbe proprio definirlo questo "bene primario". E secondo me da questa definizione potrebbero uscire molte sorprese.
            Comunque senza fare gli estremisti evitare
            d'andare a letto con la prima/o che capita e che
            ha fatto lo stesso con altri n-individui se si
            vogliono evitare spiacevoli sorprese non mi
            sembra altro che buon senso, anche se lo dice
            Ruini fatta la tara alle sparate sul matrimonio.è la soluzione più adottata da chi non rimorchia.Per gli altri:http://it.wikipedia.org/wiki/Preservativo
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?

            http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&f

            Non mi sembra che Courtney stia morendo di fame.

            Per non parlare della guerra legale che ha

            scatenato contro i Nirvana per le canzoni del

            marito....

            argomento ad personam
            Commentavamo un suo articolo o sbaglio :-) ?

            Comunque gli artisti firmano contratti lucrosi a

            prescindere da quello che vendono,

            non è vero sempreE chi lo dice ? Le major fanno in questo modo.


            quello che

            prendono da cd e concerti è un'ulteriore
            guadagno

            che va aggiunto al contratto iniziale.



            e non conti quel che spendono (e non parlo di
            lusso, ovviamente, ma di spese gestionali, cose
            che se avessi letto l'articolo di Courtney
            anziché sputarci su perché colpevole di esser
            stata moglie di Kurt...).Si certo basta crederci, alla voce contratti c' è stata un'amnesia selettiva. Non sputo su nessuno ma il suo comportamento con i Nirvana non mi è piaciuto, non perchè moglie di Cobain ma nonostante sia stata la moglie di Cobain.... non so se mi spiego :-)


            la tua soluzione è rinunciare alla musica?


            efficace direi. Mi sembra quasi di sentire
            Ruini


            che propone l'astensione come metodo per


            sconfiggere l'AIDS.



            Non mi sembra siano proprio la stessa cosa ma se

            si considera un Ipod un bene primario tutto può

            essere....

            non travisare mie affermazioni dette altrove. Mai
            detto che un iPod è un bene primario.
            Sulla musica invece.... beh, bisognerebbe proprio
            definirlo questo "bene primario". E secondo me da
            questa definizione potrebbero uscire molte
            sorprese.C'era poco da travisare :-) comunque prendo che non ci eravamo capiti l'ipod è un bene superfluo per entrambi. Se vuoi sulla musica come bene primario chiediamo a chi ha veramente necessità di beni primari...


            Comunque senza fare gli estremisti evitare

            d'andare a letto con la prima/o che capita e che

            ha fatto lo stesso con altri n-individui se si

            vogliono evitare spiacevoli sorprese non mi

            sembra altro che buon senso, anche se lo dice

            Ruini fatta la tara alle sparate sul matrimonio.

            è la soluzione più adottata da chi non rimorchia.
            Per gli altri:
            http://it.wikipedia.org/wiki/PreservativoEsistono anche i rapporti di coppia stabile, che non riducono il sesso ad una stretta di mano o poco più :-)La teoria del cambio di partner come il cambio di calzini è un altro luogo comune caro ai nostri mass-media che passano per libertà la superficialità dei rapporti umani.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?

            Esistono anche i rapporti di coppia stabile, che
            non riducono il sesso ad una stretta di mano o
            poco più :-)
            La teoria del cambio di partner come il cambio di
            calzini è un altro luogo comune caro ai nostri
            mass-media che passano per libertà la
            superficialità dei rapporti umani.Invece l'astinenza come anti AIDS sono fatti neeeh :D Se permetti con chi e quanti vado a letto sono fatti MIEI e non di Ruini!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo

            Esistono anche i rapporti di coppia stabile, che

            non riducono il sesso ad una stretta di mano o

            poco più :-)

            La teoria del cambio di partner come il cambio
            di

            calzini è un altro luogo comune caro ai nostri

            mass-media che passano per libertà la

            superficialità dei rapporti umani.

            Invece l'astinenza come anti AIDS sono fatti
            neeeh :D
            Se permetti con chi e quanti vado a letto sono
            fatti MIEI e non di Ruini!!!Quanto ad essere efficace è efficace, bisogna vedere quanto è applicabile. La cosa migliore contro l'AIDS è usare la testa: i rapporti a rischio aumentano la possibilità di infezione, il profilattico la riduce (sensibilmente) ma non l'azzera.Per quel che riguiarda Ruini ha tutto il diritto di dire quel che pensa certo avessero distribuito qualche profilattico in più in Africa avrebbero ottenuto risultati migliori. Le crociate di per se non fanno altro che convincere erroneamente la gente che la libertà passa per una pessima gestione dei propri rapporti interpersonali.Comunque con il numero di sieropositivi che cresce ha smesso di essere un problema individuale da un pezzo.
          • avvelenato scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo



            http://www.indie-music.com/modules.php?name=News&f


            Non mi sembra che Courtney stia morendo di
            fame.


            Per non parlare della guerra legale che ha


            scatenato contro i Nirvana per le canzoni del


            marito....



            argomento ad personam



            Commentavamo un suo articolo o sbaglio :-) ?

            la mia intenzione era quella, la tua era di sminuirne l'importanza criticandone l'autore. Apppunto, argomento ad personam.




            Comunque gli artisti firmano contratti
            lucrosi a


            prescindere da quello che vendono,



            non è vero sempre

            E chi lo dice ? Le major fanno in questo modo.
            Intendo dire che non sempre sono lucrosi, quindi le cose stanno anche peggio



            quello che


            prendono da cd e concerti è un'ulteriore

            guadagno


            che va aggiunto al contratto iniziale.






            e non conti quel che spendono (e non parlo di

            lusso, ovviamente, ma di spese gestionali, cose

            che se avessi letto l'articolo di Courtney

            anziché sputarci su perché colpevole di esser

            stata moglie di Kurt...).


            Si certo basta crederci, alla voce contratti c' è
            stata un'amnesia selettiva. Non sputo su nessuno
            ma il suo comportamento con i Nirvana non mi è
            piaciuto, non perchè moglie di Cobain ma
            nonostante sia stata la moglie di Cobain.... non
            so se mi spiego :-)
            sì ma sei ot, chissenefrega di quello che ha fatto! Anche perché dubito tu abbia avuto modo di conoscere la sua situazione meglio di lei, quindi potrebbe anche aver avuto le sue motivazioni. Riprendiamo a parlare dell'articolo o vogliamo parlare pure dei film di Love, e delle apparizioni in tv?



            la tua soluzione è rinunciare alla musica?



            efficace direi. Mi sembra quasi di sentire

            Ruini



            che propone l'astensione come metodo per



            sconfiggere l'AIDS.





            Non mi sembra siano proprio la stessa cosa ma
            se


            si considera un Ipod un bene primario tutto
            può


            essere....



            non travisare mie affermazioni dette altrove.
            Mai

            detto che un iPod è un bene primario.

            Sulla musica invece.... beh, bisognerebbe
            proprio

            definirlo questo "bene primario". E secondo me
            da

            questa definizione potrebbero uscire molte

            sorprese.

            C'era poco da travisare :-) comunque prendo che
            non ci eravamo capiti l'ipod è un bene superfluo
            per entrambi. Se vuoi sulla musica come bene
            primario chiediamo a chi ha veramente necessità
            di beni primari...
            la definizioni di bene primario è fallace. Sto mangiando ravioli in brodo, con ripieno di carne. Sono un bene primario? No, sopravviverei benissimo con una zuppa di farina e del latte allungato. Come fanno per l'appunto le persone alle quali tu intendevi porre il quesito.Al ché si pone un interrogativo: dobbiamo per forza mirare all'ascetismo, all'abbandono delle pulsioni materiali, per accontentarci del minimo per sopravvivere?E' una filosofia che non condivido.Preferisco pensare che l'uomo, con i suoi così disprezzati bisogni secondari desideri elevarsi un pochino rispetto ad un animale che in effetti si limita a mangiare, copulare, e defecare!





            Comunque senza fare gli estremisti evitare


            d'andare a letto con la prima/o che capita e
            che


            ha fatto lo stesso con altri n-individui se si


            vogliono evitare spiacevoli sorprese non mi


            sembra altro che buon senso, anche se lo dice


            Ruini fatta la tara alle sparate sul
            matrimonio.



            è la soluzione più adottata da chi non
            rimorchia.

            Per gli altri:

            http://it.wikipedia.org/wiki/Preservativo

            Esistono anche i rapporti di coppia stabile, che
            non riducono il sesso ad una stretta di mano o
            poco più :-)
            La teoria del cambio di partner come il cambio di
            calzini è un altro luogo comune caro ai nostri
            mass-media che passano per libertà la
            superficialità dei rapporti umani.Falso dualismo tra qualità e quantità. Sai bene che non è affatto detto che i rapporti occasionali debbano essere superficiali. Come è anche vero che un rapporto di coppia stabile possa esserlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?

            la mia intenzione era quella, la tua era di
            sminuirne l'importanza criticandone l'autore.
            Apppunto, argomento ad personam.La mia era una considerazione sulla fonte che citi, è normale se imposti il discorso in modo referenziale. Se poi la fonte risulta poco credibile è un problema di chi la cita. Se vuoi fare una critica al sistema delle major Courtney è l'ultima che si può citare.

            Intendo dire che non sempre sono lucrosi, quindi
            le cose stanno anche peggio
            Per chi ha successo lo sono ed anche parecchio per gli altri il tutto si chiude con il primo contratto estremamente lucroso. Il sistema delle Major si basa sul formarsi una propria scuderia di artisti legati da contratti ferrei ed estremamante remunerativi per chi li firma. Ma questo non viene mai detto.

            Si certo basta crederci, alla voce contratti c'
            è

            stata un'amnesia selettiva. Non sputo su nessuno

            ma il suo comportamento con i Nirvana non mi è

            piaciuto, non perchè moglie di Cobain ma

            nonostante sia stata la moglie di Cobain.... non

            so se mi spiego :-)



            sì ma sei ot, chissenefrega di quello che ha
            fatto! Anche perché dubito tu abbia avuto modo di
            conoscere la sua situazione meglio di lei, quindi
            potrebbe anche aver avuto le sue motivazioni.
            Riprendiamo a parlare dell'articolo o vogliamo
            parlare pure dei film di Love, e delle
            apparizioni in tv?La Love fa parte dello star business come e più di altri. Come già detto la differenza vera per un artista di quel calibro lo fanno i contratti lucrosi che firmano non le spese per i concerti.
            la definizioni di bene primario è fallace. Sto
            mangiando ravioli in brodo, con ripieno di carne.
            Sono un bene primario? No, sopravviverei
            benissimo con una zuppa di farina e del latte
            allungato. Come fanno per l'appunto le persone
            alle quali tu intendevi porre il quesito.Puoi anche vivere a pane ed acqua ma non mi sembra proprio un'alimentazione corretta.Senza Ipod di denutrizione non muore nessuno.
            Al ché si pone un interrogativo: dobbiamo per
            forza mirare all'ascetismo, all'abbandono delle
            pulsioni materiali, per accontentarci del minimo
            per sopravvivere?Tra l'ascetismo ed il superfluo più assoluto ci sono tante vie di mezzo. Il superfluo resta comunque superfluo :-)
            E' una filosofia che non condivido.
            Preferisco pensare che l'uomo, con i suoi così
            disprezzati bisogni secondari desideri elevarsi
            un pochino rispetto ad un animale che in effetti
            si limita a mangiare, copulare, e defecare!Non definirei attaccarsi ad un lettore mp3, estraniandosi dal mondo che ci circonda ,una funzione tanto superiore ;-).Quanto al copulare credo che la definizione di sex symbol appioppata +o- al 90% degli artisti che pubblicano musica non credo sia estranea alla cosa.

            Esistono anche i rapporti di coppia stabile, che

            non riducono il sesso ad una stretta di mano o

            poco più :-)

            La teoria del cambio di partner come il cambio
            di

            calzini è un altro luogo comune caro ai nostri

            mass-media che passano per libertà la

            superficialità dei rapporti umani.

            Falso dualismo tra qualità e quantità. Sai bene
            che non è affatto detto che i rapporti
            occasionali debbano essere superficiali. Come è
            anche vero che un rapporto di coppia stabile
            possa esserlo.Dipende dal concetto che uno ha di superficialità :-), poi ci si può raccontare quel che si vuole. Non insisto perchè siamo OT.
          • avvelenato scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?
            - Scritto da: Anonimo


            la mia intenzione era quella, la tua era di

            sminuirne l'importanza criticandone l'autore.

            Apppunto, argomento ad personam.


            La mia era una considerazione sulla fonte che
            citi, è normale se imposti il discorso in modo
            referenziale. Se poi la fonte risulta poco
            credibile è un problema di chi la cita. Se vuoi
            fare una critica al sistema delle major Courtney
            è l'ultima che si può citare.

            No ciccino, stai volutamente caotizzando il discorso.La domanda di eymerich era "Hai mai sentito un artista lamentarsi dell'attuale situazione del ditritto d'autore?" , tra cui era implicitamente espressa la tesi secondo cui l'attuale modello è accettato dagli artisti attuali.La mia risposta ha smontato la sua tesi.Pochi giri. C'è almeno un artista il cui modello attuale non lo soddisfa. Punto.



            Intendo dire che non sempre sono lucrosi, quindi

            le cose stanno anche peggio



            Per chi ha successo lo sono ed anche parecchio
            per gli altri il tutto si chiude con il primo
            contratto estremamente lucroso. Il sistema delle
            Major si basa sul formarsi una propria scuderia
            di artisti legati da contratti ferrei ed
            estremamante remunerativi per chi li firma. Ma
            questo non viene mai detto.

            L'hai letto l'articolo? suppongo di no. Come mai, se questi contratti sono così lucrosi, le TLC sono dovute andare in bancarotta (e all'epoca in cui l'articolo fu scritto, ovvero quando girava la canzone "no scrub", mi pare che non fossero certo pochi i dischi da loro venduti)?Love definisce "sharecropping", "mezzadria", i contratti che vincolano gli artisti alle majors. E' un quadro ben diverso dal tuo vaneggiare di "contratti lucrosi".



            Si certo basta crederci, alla voce contratti
            c'

            è


            stata un'amnesia selettiva. Non sputo su
            nessuno


            ma il suo comportamento con i Nirvana non mi è


            piaciuto, non perchè moglie di Cobain ma


            nonostante sia stata la moglie di Cobain....
            non


            so se mi spiego :-)






            sì ma sei ot, chissenefrega di quello che ha

            fatto! Anche perché dubito tu abbia avuto modo
            di

            conoscere la sua situazione meglio di lei,
            quindi

            potrebbe anche aver avuto le sue motivazioni.

            Riprendiamo a parlare dell'articolo o vogliamo

            parlare pure dei film di Love, e delle

            apparizioni in tv?

            La Love fa parte dello star business come e più
            di altri. Come già detto la differenza vera per
            un artista di quel calibro lo fanno i contratti
            lucrosi che firmano non le spese per i concerti.

            a questo punto il discorso (il tuo) va a farsi benedire.O parliamo di cose vere, e quindi non dei tuoi presunti contratti lucrosi, oppure posso prendere atto che credi in quest'assurdità, e il discorso finisce qui.


            la definizioni di bene primario è fallace. Sto

            mangiando ravioli in brodo, con ripieno di
            carne.

            Sono un bene primario? No, sopravviverei

            benissimo con una zuppa di farina e del latte

            allungato. Come fanno per l'appunto le persone

            alle quali tu intendevi porre il quesito.

            Puoi anche vivere a pane ed acqua ma non mi
            sembra proprio un'alimentazione corretta.Senza
            Ipod di denutrizione non muore nessuno.

            Puoi vivere benissimo mangiando carne una volta al mese o anche meno. Non lo fai? Secondo quest'utente quahttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1229111&tid=1227970&p=2&r=PI#1229111saresti incoerente. Parli in spregio dei beni superflui e poi ne usufruisci.


            Al ché si pone un interrogativo: dobbiamo per

            forza mirare all'ascetismo, all'abbandono delle

            pulsioni materiali, per accontentarci del minimo

            per sopravvivere?

            Tra l'ascetismo ed il superfluo più assoluto ci
            sono tante vie di mezzo. Il superfluo resta
            comunque superfluo :-)
            La tua definizione di bene primario è "ciò che serve a sopravvivere", no? Quindi ci sono ben poche vie di mezzo.C'è ciò che serve, e ciò che non serve.Tu stai semplicemente svilendo ciò che non serve.



            E' una filosofia che non condivido.

            Preferisco pensare che l'uomo, con i suoi così

            disprezzati bisogni secondari desideri elevarsi

            un pochino rispetto ad un animale che in effetti

            si limita a mangiare, copulare, e defecare!

            Non definirei attaccarsi ad un lettore mp3,
            estraniandosi dal mondo che ci circonda ,una
            funzione tanto superiore ;-).Come no? la possibilità di fruire in modo innovativo di una fonte culturale? cosa ne sai che fra qualche anno a uno, a furia di ascoltare sull'ipod brani scelti randomly tra generi totalmente sconnessi senza soluzione di continuità, gli verrà l'estro di mettere su un gruppo e di inventare un nuovo genere musicale?Stai parlando in spregio di un media: mi ricordi chi criticava la radio o la televisione come strumenti del demonio e predicevano che la lettura sarebbe stata abbandonata da tutti.
            Quanto al copulare
            credo che la definizione di sex symbol appioppata
            +o- al 90% degli artisti che pubblicano musica
            non credo sia estranea alla cosa.

            Dovresti riscrivere questo periodo perché è a dir poco nebuloso. Credi, o non credi? Che sia estranea alla cosa... ma cosa?


            Esistono anche i rapporti di coppia stabile,
            che


            non riducono il sesso ad una stretta di mano o


            poco più :-)


            La teoria del cambio di partner come il cambio

            di


            calzini è un altro luogo comune caro ai nostri


            mass-media che passano per libertà la


            superficialità dei rapporti umani.



            Falso dualismo tra qualità e quantità. Sai bene

            che non è affatto detto che i rapporti

            occasionali debbano essere superficiali. Come è

            anche vero che un rapporto di coppia stabile

            possa esserlo.

            Dipende dal concetto che uno ha di superficialità
            :-), poi ci si può raccontare quel che si vuole.
            Non insisto perchè siamo OT.E poi non ho neanche capito questa svalutazione della superficialità. Che è un atteggiamento molto di moda, assieme al luddismo trendy, di questi tempi; uno degli ennesimi luoghi comuni duri a morire.Svilire la superficialità.Come se la superficie di un entità fosse estranea all'entità stessa. E fosse necessario ignorarla. Affidandosi solo a... qualcos'altro, qualcosa di più "profondo", "dentro" la superficie. Il problema è che, rappresentando la superficie il "primo strato" di una qualsiasi entità, costringendosi ad ignorarla non si potrà mai avere una conoscenza non falsata. Mi piàce immaginare che O. Wilde si riferisse a questo concetto quando espresse il paradosso "superficiali sono le persone che non giudicano dalle apparenze". E quindi viva la superficialità!
          • Anonimo scrive:
            Re: Che si stiano "svegliando"?

            E poi non ho neanche capito questa svalutazione
            della superficialità. Che è un atteggiamento
            molto di moda, assieme al luddismo trendy, di
            questi tempi; uno degli ennesimi luoghi comuni
            duri a morire.
            Svilire la superficialità.Guarda, a me sembra che sia proprio di moda il contrario. Poi uno continua a vivere come più gli aggrada, ma non puoi dire con quello che si "promuove" nei film, nei video musicali o nella pubblicità tenda a svilire la superficialità (il luddismo non ho capito bene cosa c'entra con il discorso precedente).
            Come se la superficie di un entità fosse estranea
            all'entità stessa. E fosse necessario ignorarla.
            Affidandosi solo a... qualcos'altro, qualcosa di
            più "profondo", "dentro" la superficie. Il
            problema è che, rappresentando la superficie il
            "primo strato" di una qualsiasi entità,
            costringendosi ad ignorarla non si potrà mai
            avere una conoscenza non falsata. Mi piàce
            immaginare che O. Wilde si riferisse a questo
            concetto quando espresse il paradosso
            "superficiali sono le persone che non giudicano
            dalle apparenze". E quindi viva la
            superficialità!Qui stai dando del filo da torcere perfino ad Enrico Ghezzi!
    • again scrive:
      Re: Che si stiano "svegliando"?
      Ad una conferenza a Milano della associazione fonografici et (qualcosa del genere...)ad una domanda al responsabiledelle PR di come mai i CD in europa costino molto di più che in america, motivo principale della minore vendita in EU, il responsabile ha addotto come ragione principale le spese di marketing (mercati più piccoli, lingue diverse etc..)chi ha fatto la domanda, per tutta risposta ha ribattuto:"Vuole dire che i soldi spesi in marketing contribuiscono a vendere meno CD"..risposta balbuziente del responsabile del marketing... Antonio
    • Anonimo scrive:
      Re: Che si stiano "svegliando"?
      - Scritto da: Wakko Warner
      "il numero di persone connesse
      (contemporaneamente, ndr.) ad una rete di file
      sharing o ad un network peer-to-peer all'epoca
      dell'introduzione di Overpeer era inferiore ai 3
      milioni. Oggi si stima che, escludendo
      BitTorrent, il numero sia di quasi 10 milioni"

      Ecco... ora... se facessero lo stesso tipo di
      ragionamento anche per le vergognose azioni
      legali e incominciassero a considerare mezzi più
      civili come abbassare il costo delle canzoni (su
      iTunes siamo a 1 euro a canzone... è ridicolo...
      costa quasi meno acquistare un CD audio!),
      incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più
      elastici i copyright, rubando meno agli autori
      per singola canzone, ecc...su iTunes una canzone costa 0,99 euro. Un CD di 20 canzoni NON costa 19,80 euro. Costa comunque (salvo rare eccezioni) 9,99 euro.Ma c'è gente che ancora non l'ha capito?Certo che se ne sente di tutto in giro; per esempio, oggi la figlia della mia compagna mi ha detto che a scuola una sua amichetta dice che l'iPod fa schifo perché PRENDE I VIRUS...Beata ignoranza.
      • avvelenato scrive:
        Re: Che si stiano "svegliando"?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Wakko Warner

        "il numero di persone connesse

        (contemporaneamente, ndr.) ad una rete di file

        sharing o ad un network peer-to-peer all'epoca

        dell'introduzione di Overpeer era inferiore ai 3

        milioni. Oggi si stima che, escludendo

        BitTorrent, il numero sia di quasi 10 milioni"



        Ecco... ora... se facessero lo stesso tipo di

        ragionamento anche per le vergognose azioni

        legali e incominciassero a considerare mezzi più

        civili come abbassare il costo delle canzoni (su

        iTunes siamo a 1 euro a canzone... è ridicolo...

        costa quasi meno acquistare un CD audio!),

        incoraggiare nuove forme d'arte rendendo più

        elastici i copyright, rubando meno agli autori

        per singola canzone, ecc...

        su iTunes una canzone costa 0,99 euro. Un CD di
        20 canzoni NON costa 19,80 euro. Costa comunque
        (salvo rare eccezioni) 9,99 euro.

        Ma c'è gente che ancora non l'ha capito?secondo me è comunque troppo, a meno che non vogliamo ignorare l'evidenza, ovvero che il p2p ha cambiato il modo di fruire della musica e la necessità di essa.

        Certo che se ne sente di tutto in giro; per
        esempio, oggi la figlia della mia compagna mi ha
        detto che a scuola una sua amichetta dice che
        l'iPod fa schifo perché PRENDE I VIRUS...

        Beata ignoranza.C'è anche chi crede che la terra sia piatta, o che Darwin sparasse cazzate. Il mondo è bello perché è vario, o avariato, fai te...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che si stiano "svegliando"?
          Sì, forse 9,99 euro per un CD non è poco, comunque meno di 15 euro è. Certo, se ti piace il cantante in modo particolare, meglio il CD comprato che il CD scaricato.Ma il colmo l'ho visto ieri in un negozio 3: vendono l'ultimo CD di Ramazzotti, in concomitanza al lancio del telefonino che imita l'iPod, a "soli" 29 (dico ventinove) euro.Quindi penso che l'iTunes Music Store non sia tanto criticabile.
  • Anonimo scrive:
    Finalmente è morto. Era ora
    Ucciso dal p2p. La fine che si merita chi si allea con le Multinazionali dell' Impero del Male come le Major.
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente è morto. Era ora
      Ora pro nobis.Devo dire che però la tecnica era simpatica. Peccato che il mondo p2p si muova ad una velocità maggiore di quanto possano fare i bisonti delle corporate.Ad ogni modo il p2p di musica e video rimane un'attività illegale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente è morto. Era ora
        - Scritto da: Anonimo
        Ad ogni modo il p2p di musica e video rimane
        un'attività illegale.... coperta da copy-merda è illegalese è copyleft ot similare è lecita
        • Dark-Angel scrive:
          Re: Finalmente è morto. Era ora
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Ad ogni modo il p2p di musica e video rimane

          un'attività illegale.

          ... coperta da copy-merda è illegale
          se è copyleft ot similare è lecita...ILLECITA...si dice "illecita"diamo alle cose il loro nome please :P
          • Anonimo scrive:
            Re: Finalmente è morto. Era ora
            Infatti.Un conto è l' illecito (parcheggiare davanti alle strisce pedonali).Un conto è l' illegale (investire un pedone).
          • Anonimo scrive:
            Re: Finalmente è morto. Era ora
            - Scritto da: Anonimo
            Infatti.
            Un conto è l' illecito (parcheggiare davanti alle
            strisce pedonali).
            Un conto è l' illegale (investire un pedone).Mi sa che confondi la differenza tra "reato" e "illecito".Quando uno dice che sei un "criminale" se condividi sul p2p roba coperta da copyright gli puoi dire: no non lo sono, perché non sto commettendo nessun reato. Sarebbe come chiamare criminale uno che parcheggia in divieto di sosta.Quando uno dice che sei un "ladro" gli puoi dire che non lo sei perché non stai portando via niente, ma stai semplicemente facendo una copia irregolare.Ma un "illecito" è un atto "illegale", perché appunto è una violazione della "legge".Quindi dire che scaricare roba coperta da copyright è "illegale" è formalmente corretto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Finalmente è morto. Era ora
            Illecito è, genericamente, tutto ciò che è fatto in violazione di legge. Illegale, più specificamente, è aggettivo riferito alle azioni che violano leggi penali.Di conseguenza, condividere materiale protetto da diritti d'autore con software P2P è illegale.Non è comunque furto, non rientrando il comportamento suddetto nell'apposita fattispecie prevista dal codice penale.Saluti,Piwi
          • Anonimo scrive:
            Re: Finalmente è morto. Era ora
            - Scritto da: Dark-Angel

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Ad ogni modo il p2p di musica e video rimane


            un'attività illegale.



            ... coperta da copy-merda è illegale

            se è copyleft ot similare è lecita


            ...ILLECITA...
            si dice "illecita"
            diamo alle cose il loro nome please :Pcome no, ma se è lecita si dice lecita.illecita su roba coperta da copyright, LECITA su tutto il resto.io e tutti gli altri SAPPIAMO dare il loro nome alle cose
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente è morto. Era ora
        su questo (scambio audio video) ci sarebbe da discuterne, perchè se siamo obbligati a pagare il canone rai, perchè non siamo autorizzati poi a scambiarci i programmi trasmessi?allora lo togliessero e io con quei soldi ogni anno mi ci compro dei cofanetti dvd per vedermi le mie serie in santa pace all'orario che voglio io (ma me le devono fare uscire per tutte e per davvero no solo i primi episodi e poi addio)o mi facessero una tv a prova di idiota: con tuner avanzato e hard disk supercapiente dentro, per registrare così da evitare tutto questo sovraccarico di banda su internet, anche se poi i provider si vedrebbero attivate meno adsl ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente è morto. Era ora
      - Scritto da: Anonimo
      Ucciso dal p2p. La fine che si merita chi si
      allea con le Multinazionali dell' Impero del Male
      come le Major.per uno di questi sono morti 4 sistemi di p2p, peròvedi winmx, audiogalaxy, napster, kazaa, grokster, aimster ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente è morto. Era ora
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ucciso dal p2p. La fine che si merita chi si

        allea con le Multinazionali dell' Impero del
        Male

        come le Major.

        per uno di questi sono morti 4 sistemi di p2p,
        però

        vedi winmx, audiogalaxy, napster, kazaa,
        grokster, aimster ...
        Già, ma erano robetta proprietaria e non Open Sorcio come il mulo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Finalmente è morto. Era ora
          Audiogalaxy era una figata, altro che cazzi. E senza Napster non ci sarebbero forse stati gli altri software.Non cominciano con la storia del 'O.S. = figo e closed = merda, per favore.Ciao,Piwi
          • wyxyx scrive:
            Re: Finalmente è morto. Era ora
            L'unico problema di audiogalaxy era la non anteprima, su napster si trovava di tutto di più, ora ci arrangiamo...Sono O.T. :D saluti a tutti!Giancarlo
Chiudi i commenti