Copyright, tana per i Kiss

Dopo i ripetuti sermoni contro il download illegale da Internet, il canale ufficiale YouTube della rock band si spegne per violazione del diritto d'autore

Roma – Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Potrebbe essere questa la morale che chiude l’ultimo capitolo della storia infinita tra i Kiss e il copyright . Dopo aver scagliato invettive feroci contro i disobbedienti adepti del P2P, sembra che il canale ufficiale YouTube della band hard rock sia stato chiuso per motivi legati alla violazione del diritto d’autore.

“Questo canale è stato chiuso a causa di gravi e reiterate violazioni del regolamento della nostra community e per reclami riguardanti la violazione del copyright”: questo è il messaggio di errore che compare dopo il clic sullo spazio YouTube della band.

Se inizialmente si è pensato a uno scherzetto degli Anonymous , sedicente gruppo di attivisti che recentemente aveva dato il via libera a un imponente attacco di tipo DDoS contro due siti gestiti da Gene Simmons. Ora invece appare chiaro che l’azienda coinvolta nella questione, la S’More Entertainment , sia il legittimo titolare dei diritti su alcuni video e, quindi, l’unica voce autorizzata a pronunciare reclami su possibili abusi riguardanti i videoclip in questione.

Se, dunque, il bassista dei Kiss aveva tutta l’intenzione di sguinzagliare una nutrita schiera di avvocati insieme a una serie di agenti del Federal Bureau of Investigation (FBI) per stanare i responsabili dell’attacco informatico, pare ora che il primo a doversi difendere sia proprio lui. Che avrebbe pubblicato su YouTube video di cui non deteneva formalmente i diritti.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    idea vecchia
    l'aveva fatta vedere anni fa in una trasmissione un attore televisivo, un bellone alla giuliano gemma.... adesso mi sfugge il nome... comunque si usava un molto piu' prosaico tubo di plastica che lasciava uscire il tappo: si premeva, la bottiglia si accartocciava e fine della storia.
    • Valeren scrive:
      Re: idea vecchia
      Aspé che non ho capito come era composto: tubo, tappo...?
      • attonito scrive:
        Re: idea vecchia
        - Scritto da: Valeren
        Aspé che non ho capito come era composto: tubo,
        tappo...?Si l'ho spiegata male, scusa.Allora, due tubi concentrici, quello esterno fisso e quello interno che scorre in quello esterno, a mo' di pistone, ci sei?estrai il tubo inteno, infili la bottiglia, rimetti il tubo interno e lo premi: in questo modo la bottiglia viene compressa.C'era comunque la possibilita che il tappo della bottiglia rimanesse in vista, in modo che dopo la compressione si potesse avvitare il tappo per far restare "sottovuoto" la bottiglia ed impedirle di espandersi.
  • il turista scrive:
    inutility
    Classica inutility per menti deboli telecomandate dal marketing.Le menti meno deboli prima di tutto, se possibile, NON bevono acqua contenute in bottiglie di PET che vagano per mesi prima di essere "consumate" (ma nessuno si è mai chiesto perchè le presigiose marche controllano "alla sorgente" invece delle sopracitate bottiglie?)E se proprio devono acquistarle una volta finite...-staccano l'etichetta di carta/plastica e la riciclano-tolgono tappo e relativa coroncina e li riciclano-mettono la bottiglia sotto il piede, l'appiattiscono e la riciclano... ovvero riciclano tutto e bene a costo 0 (zero).
    • Giovanni Mauri scrive:
      Re: inutility
      Che dici? sarà anche una pilotazione di marketing, ma è sicuramente una buona iniziativa.. ricordo quando installarono una tastiera tipo pianoforte sulle scale della metrò in piazza duomo a milano.. la gente non prendeva le scale mobili preferendo "suonare".. un'iniziativa carina che ha fatto fare un po di moto a chi passava.Lo stesso meccanismo è in parte il motivo per cui scegli una macchina, o una penna, o un vestito, o una cravatta.. perché ti piace.. anche google è usato da molta gente perché è fico.. anche i mac.. non è detto che tutta questa roba debba essere inutile.. se un oggetto è pratico perché non crearlo anche bello?
Chiudi i commenti