Copyright, Veoh non era responsabile

Il defunto portale di video sharing non aveva facilitato la violazione del copyright. Universal Music incassa la seconda sconfitta in sede d'appello. Applicabile il porto sicuro per gli intermediari previsto dal DMCA

Roma – Una vittoria amara, giunta quattro anni dopo il fuoco legale aperto dai vertici di Universal Music Group (UMG). L’ormai ex-portale di video sharing Veoh è stato infine considerato non responsabile delle violazioni del copyright commesse dai suoi utenti . Un semplice intermediario della Rete, protetto dalle calme acque del safe harbor – in italiano, porto sicuro – previsto dal Digital Millennium Copyright Act (DMCA).

Questa la decisione di una corte d’appello di San Francisco, che ha così confermato quanto già stabilito in primo grado. I legali di UMG hanno incassato la seconda sconfitta in aula, dopo aver provato a dimostrare che una piattaforma del calibro di Veoh fosse invischiata fino al collo nelle violazioni del diritto d’autore. Contenuti illeciti caricati dagli utenti, la cui pubblicazione sarebbe stata facilitata dai gestori del portale .

Gli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) hanno ora parlato di una vittoria cruciale anche se dal sapore amaro. Veoh aveva infatti dichiarato bancarotta nel 2010, impossibilitato a sostenere il suo business per i costi della causa intentata da UMG . Una sfida vinta solo dopo la morte online. Secondo il giudice californiano, gli intermediari sono tutelati dalle attuali disposizioni del DMCA.

Un discorso simile a quello fatto da un giudice di New York nella causa Viacom vs. YouTube . E soprattutto un esempio nell’ambito del contestatissimo disegno di legge noto come Stop Online Piracy Act ( SOPA ). EFF ha sottolineato come proprio quest’ultimo rischi di affossare tutte quelle giovani società nel mirino dei signori del diritto d’autore.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno nessuno scrive:
    di cosa hanno paura?
    "I termini specifici dell'accordo sono però confidenziali e non verranno resi pubblici, avverte Mozilla."Questo non è il modo di comportarsi di chi si occupa di software libero! Io sono fermamente convinto che il software libero perda molti punti (nel senso che è libero solo in teoria) se chi lo sviluppa non segue, più o meno seriamente, certi principi generali:http://montyprogram.com/hacking-business-model/Oltretutto Mozilla è sempre stata all'avanguardia della finta libertà, proponendo driver proprietari per default (hanno iniziato a citare le alternative libere solo dopo la nascita di distribuzioni Linux come gNewSense, che rifiutavano il software Mozilla), politiche restrittive del marchio che hanno imposto a Debian di rinominare il "loro" Firefox solo per una questione di icone (!!!!), e vogliamo parlare della geolocazione, disattivabile solo da about:config (quindi solo per utenti esperti)?Ripeto: non è così che ci si comporta, se si vuole fare software libero.
    • ... scrive:
      Re: di cosa hanno paura?
      Potresti dirmi quale e' la voce per disabilitare la geolocalizzazione?
      • nicola gelli scrive:
        Re: di cosa hanno paura?
        - Scritto da: ...
        Potresti dirmi quale e' la voce per disabilitare
        la
        geolocalizzazione?Guarda qui:http://www.geekissimo.com/2011/04/09/disattivare-geolocalizzazione-in-fireox-4-ie-9-google-chrome-10-opera-11/
Chiudi i commenti