Corsair svela le DDR3 più veloci

Il produttore americano sta per avviare la produzione di quelli che definisce i moduli di memoria DDR3 più veloci al mondo, con frequenza effettiva di 1,6 GHz. Nel frattempo ha svelato prototipi in grado di raggiungere i 2 GHz

Taipei – Corsair sfrutterà la manifestazione Computex 2007 in pogramma oggi a Taipei per presentare moduli di memoria DDR3 con frequenza di 1.600 MHz (PC3-12800). Il produttore californiano sostiene che queste sono le più veloci memorie DDR3 attualmente in produzione: i moduli tradizionali hanno una frequenza di 1.066 o 1.333 MHz.

Al Computex Corsair toglierà i veli anche ad un prototipo di modulo DDR3 della famiglia Dominator capace di raggiungere i 2 GHz di clock (PC3-16000). Sia le memorie PC3-12800 che quelle PC3-16000 saranno prodotte in tagli da 1 o 2 GB, ma mentre le prime verranno introdotte sul mercato entro le prossime settimane, le seconde potrebbero arrivare nei negozi non prima del prossimo anno.

I moduli PC3-12800 sono composti da chip di memoria DDR3-1600 con frequenza di clock interna di 200 MHz (1.600 MHz effettivi) e clock del bus a 800 MHz (1.600 MHz effettivi), e possono raggiungere transfer rate di picco pari a 12,8 GB al secondo . Le latenze dei chip DDR3-1600 prodotti da Corsair sono di 10-8-8-24 contro 9-9-9-24 dei modelli DDR3-1333 dello stesso produttore.

Le memorie PC3-12800 possono già essere utilizzate in congiunzione con il chipset P35 di Intel , ma il pieno supporto arriverà con il lancio, previsto per l’autunno, del chipset X38 Express.

Stando ai benchmark condotti da diversi laboratori indipendenti, la differenza di performance tra i chip DDR2 più veloci e le memorie DDR3 non è così marcato con gli attuali PC: utilizzando le normali applicazioni per l’ufficio, poi, la differenza diventa ancor più marginale.

Il prezzo dei moduli PC3-12800 non è ancora noto, ma ci si attende che sarà notevolmente più elevato di quello delle attuali DDR2.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Shu scrive:
    Se va tutto bene...
    ... lo standard MMC e` identico (elettricamente) allo standard SD, e tutti i lettori SD sono anche lettori MMC.Inoltre il formato e` aperto, quindi esistono driver per qualsiasi cosa (e se non esistono basta copiare i sorgenti di Linux o di BSD).Questa memory card potrebbe essere usata benissimo su tutti i dispositivi con lettore SD che non supportano il nuovo formato SDHC, sfondando il limite di 4 Gb di cui finora hanno sofferto. Col vantaggio che e` anche USB, quindi non servira` portarsi dietro adattatori per trasferire i dati al notebook quando si e` in viaggio.Palmari, macchine fotografiche, lettori mp3 e PMP, e un sacco di apparecchi gia` esistenti potrebbero avere nuova vita da queste schede. Non vedo l'ora che siano in commercio.Bye.
  • rrddvv scrive:
    esistono già!
    Io ne ho una da 1Gb da più di un anno, ma ne esistono anche da 2Gb o 512 Mb.eccole:http://dasyndicate.sweell.com/item/2007/3/12/sandisk-ultra-ii-sd-plus-con-connettore-usb
  • Roberto scrive:
    Sembra fragile
    A me sembra un accrocco un po' improvvisato e dall'aspetto molto fragile e delicato.Dalla foto le saldature sembrano in vista, ma forse quello è solo un prototipo.Peccato lo standard Smartmedia non abbia più sostituito il floppy disk, era davvero molto pratico ed economico.
  • selidori scrive:
    Già visto
    Se la grande novità è il connettore USB integrato si è già visto sulle Compact Flash della Lexar.Certo era un USB1.1, ma comunque non è una novità:http://www.chl.it/w3obj/h/default/$productDetails?session=hCH7DsUijJhWdXji)jUK5A__&A_CodArt=13689
Chiudi i commenti