Costi di ricarica, finalmente il Governo si muove

Il ministro Bersani promette un intervento. In mezzo ad una ridda di reazioni si agita anche l'Autorità TLC. Partito il countdown: le gabelle degli operatori di telefonia mobile sono moribonde. Pare

Roma – Tutti ne parlano, nessuno li vuole. E al coro di voci contrarie ai costi di ricarica per telefoni cellulari si aggiunge l’assolo del Ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani (nella foto in basso): intervenuto alla trasmissione televisiva Ballarò , ha dichiarato di voler chiudere la questione relativa a quel balzello che consiste in “quei 2 euro da pagare su 10 euro di credito”, frase che gli è valsa raffiche di applausi da parte del pubblico.

L’argomento “costi di ricarica” è stato per mesi discusso e sviscerato su più fronti: a partire dalla petizione online varata la scorsa primavera per iniziativa dello studente Andrea D’Ambra , ha vissuto momenti di autentica notorietà e di interessamento istituzionale, fino ad arrivare ad un’ indagine condotta congiuntamente da Antitrust e Agcom , che hanno concluso sull’opportunità, da parte degli operatori, di una rimodulazione di tali costi. Ma ad oggi non è ancora pervenuta, in merito, alcuna decisione “regolatoria”.

Il ministro ha dunque dichiarato di voler porre fine, a livello istituzionale, ad un problema molto sentito dall’utenza, ed evidenziato quasi un anno fa dalla semplice iniziativa di un consumatore.

Il ministro “I gestori devono far pagare le ricariche telefoniche per quello che costano” ha spiegato il ministro Bersani “Le Autorità stanno valutando e verificando se hanno la possibilità di correggere questo meccanismo, altrimenti proporremo al Parlamento una norma , all’interno del prossimo pacchetto sulle liberalizzazioni, che superi quella che è una tassa ridistributiva a rovescio che colpisce soprattutto i giovani. Fosse per me – ha continuato – un provvedimento del genere lo farei ieri, ma tali misure vanno vagliate dal Parlamento”. Bersani ha infine chiarito che l’intervento del Governo sarà attuato con un decreto se l’Autorità non riuscirà a risolvere il problema .

E i consumatori? Da una parte applaudono, dall’altra chiedono i rimborsi . Un’esortazione ad una riforma per eliminare quella “odiosa tassa sulle ricariche dei cellulari” è stata lanciata al Governo da Federconsumatori , che evidenzia: “La filosofia di fondo di questa tassa è iniqua perché chi ha meno paga di più”. E Carlo Rienzi, il presidente di Codacons , chiede al Governo e a Bersani “di far restituire ai gestori telefonici le somme indebitamente percepite gli ultimi tre anni tramite i costi di ricarica dei cellulari, pari a oltre 5 miliardi di euro”.

Altrettanto categorica Altroconsumo , che coglie l’occasione per ribadire la propria posizione in merito: “I costi di ricarica debbono essere aboliti e l’Autorità deve applicare sanzioni agli operatori di telefonia mobile , impedendo loro in futuro di reintrodurre indebiti costi aggiuntivi sulle schede ricaricabili”. E aggiunge: “Considerato l’utile interessamento alla questione da parte del Ministro dello Sviluppo Economico, ci sembra opportuno ricordare a Bersani che esiste però un’altra peculiarità tutta italiana per quanto riguarda la telefonia mobile nel panorama europeo e cioè la tassa di concessione governativa pari a 5,16 Euro per uso personale e 12,91 per uso affari. Quale conseguenza, chi – anche per evitare il costo della ricarica – opta per l’abbonamento, il balzello lo deve pagare direttamente allo Stato : su questo Bersani avrebbe indubbiamente una competenza più diretta ad intervenire!”

Si temono aumenti tariffari
Tutti contenti? Niente affatto. In molti hanno espresso scetticismo sulla possibilità di abolire i costi di ricarica, ipotizzando come probabile conseguenza una ricaduta di tali mancati introiti sulle tariffe applicate dagli operatori. Ma c’è chi assicura un imparziale vigilanza istituzionale: “L’abolizione dei costi fissi delle ricariche dei cellulari non comporterà l’aumento delle tariffe da parte delle compagnie telefoniche, e su questo tema ci sarà il controllo del Governo” ha affermato il sottosegretario all’Economia Mario Lettieri , che ha precisato: “Il governo, con l’abolizione di quelli che erano i diritti a favore dello Stato, manda un messaggio forte alle compagnie, per spingerle alla riduzione dei costi. Ma ovviamente – ha concluso – sarà la concorrenza, e quindi il mercato, a comportare la vera riduzione delle tariffe a favore degli utenti”. Secondo Benedetto Della Vedova , presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia, “il costo di ricarica per i cellulari non piace a nessuno e l’auspicio di una sua cancellazione espresso dal ministro Bersani è del tutto condivisibile. Un provvedimento governativo in tal senso, però, creerebbe un precedente pericoloso di interferenza dell’esecutivo sul libero mercato. E ci auguriamo che il ministro Bersani non vorrà utilizzare l’indubbio consenso popolare di una tale misura per giustificare una politica dirigista”. “Se il comportamento degli operatori presenta profili di illegittimità, dal punto di vista della concorrenza e dei cartelli tra imprese o da quello della trasparenza e della congruità delle tariffe, titolari di eventuali azioni coercitive sono le Autorità indipendenti, non il Governo”.

E anche Della Vedova, come Altroconsumo, propone a Governo e Parlamento di pensare alla cancellazione “dell’iniquo e antistorico balzello della tassa di concessione governativa che grava sugli abbonamenti di telefonia mobile, e che contribuisce a spingere verso il sistema a ricarica la quasi totalità degli utenti”.

Roberto Cota , vice capogruppo della Lega Nord alla Camera, spera “che quella del Ministro non si risolva in una sterile e demagogica sparata mediatica. Auspico invece la realizzazione di interventi utili a portare i costi della telefona mobile in linea con quella degli altri Paesi europei. È ovvio comunque che un simile intervento nel libero mercato – aggiunge – non possa venire direttamente dal Governo, ma semmai dalle Authority preposte, che dovrebbero finalmente farsi sentire”.

“L’annuncio fatto a Ballarò è un fatto molto positivo – ha dichiarato Roberto Poletti , capogruppo dei Verdi in Commissione Cultura alla Camera – ma saremmo potuti arrivare al medesimo risultato molto prima se il ministro Bersani ed il Governo avessero accolto l’emendamento dei Verdi alla Finanziaria 2007, presentato dal capogruppo alla Camera Angelo Bonelli e di cui io stesso ero firmatario, in cui si prevedeva, per l’appunto, la soppressione dei costi fissi di ricarica per i telefonini già dal primo gennaio 2007. Molto più di un annuncio”. “Dispiace – ha continuato Poletti – che il ministro Bersani, nel fare propria questa iniziativa, abbia omesso di menzionare chi da tempo conduce tale battaglia”.

Il riferimento è al promotore della petizione Andrea D’Ambra, che condivide le posizioni espresse da Della Vedova, Cota e Poletti. D’Ambra, nell’annunciare la fondazione di “Generazione Attiva”, associazione nazionale a tutela dei consumatori più giovani di cui è presidente (e co-fondatore con Pietro Foderini, Andrea Roberti, Gianluca Bianchi e Giovanni Donzelli), definisce “tardivo” l’intervento di Bersani, che “se avesse voluto avrebbe potuto intervenire anche prima, sostenendo l’emendamento alla finanziaria presentato dai Verdi” e osserva che le dichiarazioni del ministro Bersani, che ora rimanda la decisione all’Agcom, hanno un sapore di “strumentalizzazione politica”.

Cosa fa il Garante delle TLC?
L’Autorità TLC, dal canto suo, non arriverà ad una decisione definitiva prima della metà di febbraio. Alla pubblicazione (avvenuta ieri) della proposta dell’Authority, in cui si prevedono alcune possibilità di intervento, farà seguito una consultazione pubblica di 30 giorni con operatori e consumatori, per giungere ad una conclusione che potrà essere espressa al prossimo Consiglio utile. Tre le ipotesi di intervento:

– l’eliminazione, “per tutte le offerte, dell’attuale struttura tariffaria a due parti”, che potrebbe lasciare il posto ad “una struttura tariffaria unitaria dove il valore facciale della ricarica corrisponda integralmente al valore di traffico telefonico acquistato”

– la rimodulazione “dell’entità dei contributi di ricarica correnti, eliminandone il carattere regressivo attraverso l’introduzione di criteri di proporzionalità rispetto all’entità del controvalore dei servizi acquistati”, per una maggiore aderenza ai costi effettivamente sostenuti dagli operatori

– una “convivenza” temporanea di almeno un anno delle due ipotesi precedenti.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paola monti scrive:
    disservizio infostrada
    A seguito di un temporale si è verificata una perdita di linea nel mio condominio. L'utenza telecom ha avuto la riparazione del guasto in maniera celere e definitiva; quale utente infostrada è un mese che sto aspettando la soluzione del problema ma, la linea, ripresentatasi a singhiozzo in due occasioni, è muta. L'assistenza tecnica è scadentissima e, appena possibile tornerò a telecom; gli operatori del call center, quando rispondono, sono evasivi e la mia famiglia sta sostenendo notevoli spese per comunicare al cellulare. E' vero che infostrada limita il risarcimento danni a soli 100 euro?
  • frido82 scrive:
    Cheapnet la disavventura continua
    Salve a tutti,avevo già scritto riguardo alla qualità scadente dell'adsl di Cheapnet in un altro posthttp://punto-informatico.it/f/m.aspx?m_id=1781895&m_rid=0Sono infelice di comunicare che dal 29 dicembre 2006 sono senza portante adsl.Così..se prima navigavo lentamente adesso non navigo proprio.I miei piu' vivi complimenti a Cheapnet che continua a fornire un servizio pessimo.CHE SCHIFO.saluti.Federico PaolantoniNick frido82giusto perchè non ho la vergogna di nascondermi dietro un nick.
    • frido82 scrive:
      Re: Cheapnet la disavventura continua
      Salve,per chi si trovasse nella mia stessa situazione consiglio di compilare il formulario S che trovate sul sito dell'AGCOM.http://www.agcom.it/documenti/d_307_03_CONS_All_C.pdfSaluti.
      • frido82 scrive:
        Re: Cheapnet la disavventura continua
        La portante è tornata soltanto il 24 Gennaio.QUASI UN MESE SENZA ADSL.Ma non finisce qui:A Febbraio di nuovo 2 week end di fila senza adsl.Infine tra la fine di febbraio e i primi di Marzo DI NUOVO 11 giorni senza ADSL.In questo momento le cose non sono migliorate :@ perchè ho la portante e navigo come se avessi un 56Kbps.. Un ultima nota.Ho visto che anche in questo forum girano Utenti Master o persone che lavorano per Cheapnet che hanno la possibilità di guadagnare sulle attivazioni dei nuovi clienti... quindi attenzione ai commenti.Se non credete alla mia esperienza.. usate google per cercare.Se ancora non credete.. andate a leggere i post sul forum di cheapnet che è addirittura moderato (quindi buona parte dei post viene censurato).Sono un utente frustrato da una connessione penosa, stanco di essere preso in giro e derubato per il pagamento di un servizio che non ricevo.Raccontare a tutti la mia disavventura è l'unica soddisfazione che mi rimane. EVITATE CHEAPNET ed eviterete di mangiarvi il fegato con le inca**ature.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il problema non è cosi semplice
    Ma succede solo in Italia? Io ho l'impressione di si. Io vivo in germania da un po', in un paesello sperduto nella foresta nera. Ho fatto un contratto adsl base da 1Mbps/128 sempre andato al massimo della banda, 2 problemi in due anni risolti in 4 ore lavorative. Decido di passare ai 6Mbps per via di una offerta vantaggiosa. Contatto Telecom tedesca. Un cordialissimo adetto mi dice che l'offerta è valida solo per i nuovi utenti, ma se rinuncio ai due mesi gratuiti, la può applicare anche ai vecchi utenti. Ok allora accetto, mi viene cambiato il contratto gratuitamente, spedito un kit comprensivo di router wifi nuovo a 10 euro, il downtime è di poco più di 10 minuti ed avvien circa una settimana dopo. Sempre l'addetto mi fa notare che sarebbe inutile passare a 6Mbps perchè nel mio paesello la banda garantita per utente arriva a solo 3MBps. Faccio il contratto per i 2 Mbps. Risparmio quelche euro... anche stavolta viaggio sempre al massimo della velocità a qualsiasi ora. Questa è serietà! Ah!... se non bastasse, se ritoccano i prezzi al ribasso, applicano le nuove tariffe automaticamente... mi sembra di essere in un altro mondo eppure non sono molto distante dall'Italia...Un saluto a tutti.CE
  • chrjs scrive:
    Re: Il problema non è cosi semplice
    Ma non so sinceramente...se tu hai comprato 200kb/s di banda garantita, questa ti deve essere garantita.Se poi non è un problema dell'azienda X ma di Telecom, sarà l'azienda X a lamentarsi con Telecom e chiedere risarcimento a loro.Tu hai fatto contratto con X, del resto non te ne deve importare nulla.Ovvio che se l'azienda X ti ha fatto contratto a banda garantita senza aver fatto lo stesso contratto con Telecom è un errore o rischio che si è presa X, ma di cui deve pagare in prima persona.Questo ovviamente a rigor di logica, a meno che non sia specificatamente dichiarato altro nel contratto.
    • AranBanjo scrive:
      Re: Il problema non è cosi semplice
      Mi spieghi come fai a capire se stai sopra o sotto la BMG ? E non mi dire che navigando vai a meno della BMG oppure che usando un speedtest la linea non va a tappo, perchè questo non vale.grazie
      • chrjs scrive:
        Re: Il problema non è cosi semplice
        Ho capito quello che vuoi dire, ma se io ho una mia macchina X su cui ho acquistato BMG in upload di 1Mb, e una macchina Y su cui ho acquistato una BMG in download di 1Mb, se non riesco a scaricare sempre ad 1Mb direi che a termini di legge devo potermi rifare sulle aziende che mi hanno fornito connessione, magari semplicemente non pagando la rata d'abbonamento.Questo è quello che, secondo me, dovrebbe succedere in un sistema che funziona, e a meno che i contratti non definiscano BMG in altro modo, allora significa che il termine BMG è abusato e quindi ne andrebbe proibito l'utilizzo da parte degli ISP.
        • AranBanjo scrive:
          Re: Il problema non è cosi semplice
          "La disponibilità del servizio è data dai valori di PCR (banda massima) e MCR (banda minima garantita). L'operatore si impegna a configurare un rapporto banda/utenti tale da garantire i valori di MCR richiesti dall'utente. Tale valore definisce la disponibilità minima di banda sul collegamento fornito, non viene in alcun modo garantita la disponibilità di banda al di fuori della rete dell'operatore ne la disponibilità di banda all'interno della rete dell'operatore oltre i valori di MCR dichiarati."
          • chrjs scrive:
            Re: Il problema non è cosi semplice
            Grazie per l'estratto.Ma non ho capito, secondo te è così che un servizio dovrebbe funzionare?E' come se un produttore di DVD dicesse "la garanzia è di 2 anni, ma non garantisco nulla sul decodificatore AC3 perchè l'ha fatto un'altra società".Non vuoi investire in ridondanza? Non vuoi investire in sicurezza? Beh, fai statistiche e dichiara che garantisci una banda minima per un tot% del tempo.Altrimenti non puoi permetterti di definire alcunchè come "banda minima garantita".
  • Anonimo scrive:
    Authority e contratti
    Chiedo venia per la probabile ingenuità della mia domanda: perché l'authority tollera che Telecom tenga in ostaggio l'utente per un anno dalla firma del contratto? Capisco la salvaguardia del periodo per un nuovo impianto o per una prima connessione internet, ma lo sa l'authority che Telecom considera ogni cambio di profilo tariffario alla stregua di un nuovo contratto, e da lì fa decorrere lun nuovo anno di prigionia dell'utente? Fastweb mi aveva offerto un'alternativa per me più conveniente, ma il vantaggio sarebbe stato dissipato dal fatto che Telecom mi avrebbe comunque addebitato il costo della connessione ADSL, in atto da anni, ma con un'opzione tariffaria appena modificata. Perché non viene emanata una norma che obblighi gli operatori a lasciar liberi gli utenti entro - che so - 30 giorni dalla disdetta di qualunque contratto? Altrimenti, dov'è la libertà dell'utente di scegliere tra diverse offerte?
  • Anonimo scrive:
    Siamo un popolo di clementi
    Ho provato diverse volte a convincere amici e conoscenti che non bisogna assolutamente acquistare un'adsl senza banda minima garantita, ma alla fine l'acquistavano lo stesso, fidandosi del marchio noto.Se perdoniamo (anzi premiamo) le prese per i fondelli dei Provider, allora mi dispiace ma ci meritiamo tutte le fregature possibili e immaginabili: peggio per noi!Un pessimista.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il problema non è cosi semplice
    Cosa aspetti a rivolgerti ad un avvocato,è una causa vinta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il problema non è cosi semplice
    Com'è che leggendo il tuo post, ho l'idea che siamo sotto lo stesso provider, tanto simpatico e accattivante, ma che sta decisamente minando la pazienza anche dell'utenza più ragionevole e comprensibile....Magari ti han promesso anche un upgrade di banda gratuto a breve? (non ufficialmente ma nei forum) @^
    • Anonimo scrive:
      Si, dopo che ho fatto la raccomandata
      Si, dopo che ho fatto la raccomandata mi ha promesso che mi avrebbe fatto passare ad un profilo superiore in modo gratuito, proprio stamattina, e fino a che dura il disservizio. Dopotutto sembra che non sia colpa loro ma di Telecom. La proposta non l'ho ricevuto dal provider con 200 kbit/s di banda garantita, ma dall'altro provider con 50 Kbit/s di banda garantita. Io ho due ADSL per lavorare, perchè dovete sapere che ogni tanto si rompe qualche filo (a detta dei tecnici) e per non rimanere qualche giorno senza ADSL ne ho attivati 2 ma ho dovuto sborsare altri 40 euro al mese. Si questa è l'Italia, e non c'è nessuna garanzia. Alla faccia di rilanciare l'economia e di abbassare i costo per essere più competitivi.Da una mia indagine sembra che chi abbia abbandonato il gestore principale risenta molto di più di questi intasamenti e disservizi vari. Sarà colpa della concorrenza oppure tale gestore se la sta prendendo con la concorrenza? Vedremo- Scritto da:
      Com'è che leggendo il tuo post, ho l'idea che
      siamo sotto lo stesso provider, tanto simpatico e
      accattivante, ma che sta decisamente minando la
      pazienza anche dell'utenza più ragionevole e
      comprensibile....

      Magari ti han promesso anche un upgrade di banda
      gratuto a breve? (non ufficialmente ma nei
      forum)

      @^
      • AranBanjo scrive:
        Re: Si, dopo che ho fatto la raccomandat
        HDSL (CVP) flat.Ha SLA ridottissimi, per cui in caso di guasto (raro) ti sistemano il tutto in poche ore. Ovviamente si paga di più :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Si, dopo che ho fatto la raccomandat
          Credo tu abbia idea di quanto costi un circuito permanente, ma anche switchato (SVC), su FrameRelay...Fuori portata per un utente residenziale.E i tempi di intervento son sempre quelli, visto che la tratta e i nodi sono quelli di TI.Il problema, a mio avviso, è la falsa informazione che viene data reclamizzando i vari prodotti DSL approfittando dell'ignoranza semi-generale (20 mega al secondo..e figuremoce ar primo!!)Saluti
  • AranBanjo scrive:
    Re: Il problema non è cosi semplice
    Se il provider ha banda e il blocco avviene durante certe ore solamente, il problema potrebbe essere il collegamento della centrale alla rete ATM. Telecom Italia sta upgradando moltissime centrali dai vecchi 34mb ai 155mb.ciao
    • david74 scrive:
      Re: Il problema non è cosi semplice
      - Scritto da: AranBanjo
      Se il provider ha banda e il blocco avviene
      durante certe ore solamente, il problema potrebbe
      essere il collegamento della centrale alla rete
      ATM. Telecom Italia sta upgradando moltissime
      centrali dai vecchi 34mb ai
      155mb.

      ciaoCiao Aran. Sai per caso quali apparati stanno montando per portare queste centrali a 155 mbps?
      • AranBanjo scrive:
        Re: Il problema non è cosi semplice
        Credo, ma non so, che gli apparati siano sempre i soliti ADM marconi/eriksson. Upgradano proprio il collegamento centrale-
        ATM portanto flussi da 155 o superiori.Ciao
  • AranBanjo scrive:
    Re: Non facciamo di tutta l'erba un fasc
    Congestione del backhaul dove è attestata la tua utenza. Probabilmente c'è un kit a 34mb e lo staranno upgradando a 155 come in molte altre centrali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non facciamo di tutta l'erba un fasc
      - Scritto da: AranBanjo
      Congestione del backhaul dove è attestata la tua
      utenza. Probabilmente c'è un kit a 34mb e lo
      staranno upgradando a 155 come in molte altre
      centrali.Che figoh sto banjo, oh.. :$
  • Anonimo scrive:
    Re: STESSA STORIA CON TELE2
    io ho lo stesso identico problema!ho la 640 di tele2 che a breve dovrebbe passare a 2 mega ma che ora come ora và sempre sotto i 90kbps!
  • Guybrush scrive:
    Allocco? No, ignorante.
    Intanto, perfavore, lasciate in pace gli allocchihttp://it.wikipedia.org/wiki/Alloccocreature deliziose, riservate ed estremamente utili.In secondo luogo questo sfogo pari a quello del "volpone" che compra il telefonino 3 del valore commerciale di 500 eur a 100 eur, credendo che sia suo, invece il contratto prevede ben altre cose.Cose tipo "comodato d'uso per i primi due anni, poi diventa tuo" e il fatto "che mi frega, gli applico un modchip e lo uso con altro operatore" si chiama accesso abusivo a sistema telematico, reato da codice penale.Se l'acquirente avesse ignorato la fretta del commesso e avesse speso (investito) del tempo a leggere il contratto, al contrario, avrebbe evitato questa sola terrificante.Le condizioni di vendita non ti piacciono? Non comprare. Il contratto non ti sembra chiaro? Non firmarlo, portalo da chi ne sa piu' di te (paga un avvocato, anche se per quello ti basta uno studente di giurisprudenza) e fattelo spiegare, poi torna se sei convinto che sia comunque un affare.Non puoi firmare a scatola chiusa, e' stupido.Se il venditore si accorge che a mettere clausole troppo elaborate ottiene un calo delle vendite, sta pur certo che otterrai una semplificazione. Il raggiro non paga (a lungo), ma finche' c'e' qualche insulto alla razza umana che firma senza leggere, be' questo e' il meno che possa capitare.
    GT
    • Edo78 scrive:
      Re: Allocco? No, ignorante.
      Sono completamente d'accordo con te.
    • ciko scrive:
      Re: Allocco? No, ignorante.

      Cose tipo "comodato d'uso per i primi due anni,
      poi diventa tuo" e il fatto "che mi frega, gli
      applico un modchip e lo uso con altro operatore"
      si chiama accesso abusivo a sistema telematico,
      reato da codice
      penale.
      ma che dici?!?e' semplicemente una violazione del contratto che hai firmato, ma non certo un "accesso abusivo a sistema telematico".Magari e' penale lo stesso, ma sono due cose differenti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Allocco? No, ignorante.


        Cose tipo "comodato d'uso per i primi due

        anni, poi diventa tuo" e il fatto "che mi

        frega, gli applico un modchip e lo uso con

        altro operatore" si chiama accesso abusivo

        a sistema telematico, reato da codice

        penale.

        ma che dici?!?
        e' semplicemente una violazione del
        contrattoNo, ti sbagli. Con quel contratto il telefoninonon e' tuo, per cui se lo manometti stai danneggiando una cosa DI PROPRIETA' DI UN ALTRO = accesso abusivo ad un sistema (il telefonino) informatico.E' tutt'altra cosa se il cellulare e' tuo: in quel caso, come consumatore, hai il diritto di usarlo come vuoi, anche cambiargli il sistema operativo ...
        • ciko scrive:
          Re: Allocco? No, ignorante.
          - Scritto da:



          Cose tipo "comodato d'uso per i primi due


          anni, poi diventa tuo" e il fatto "che mi


          frega, gli applico un modchip e lo uso con


          altro operatore" si chiama accesso abusivo


          a sistema telematico, reato da codice


          penale.



          ma che dici?!?

          e' semplicemente una violazione del

          contratto

          No, ti sbagli. Con quel contratto il telefonino
          non e' tuo, per cui se lo manometti stai
          danneggiando una cosa DI PROPRIETA' DI UN ALTRO =
          accesso abusivo ad un sistema (il telefonino)
          informatico.
          E' tutt'altra cosa se il cellulare e' tuo: in
          quel caso, come consumatore, hai il diritto di
          usarlo come vuoi, anche cambiargli il sistema
          operativo
          ...ma non e' un "accesso abusivo" in quanto l'accesso legittimo te lo garantisce il contratto. Lo stesso contratto ti vieta di usarlo con altri operatori e di modificare il bene dato in "comodato" (quindi resta di loro proprieta').lo sblocco e' un'operazione illegittima, ma non un ACCESSO ABUSIVO...
      • Guybrush scrive:
        Re: Allocco? No, ignorante.
        Sei ignorante.Non e' una offesa, ma una mera constatazione di fatto.Quando ottieni il possesso (e bada bene: non ho detto acquisto) di un apparecchio telefonico come un telefonino, non e' detto che sia tuo.Nel caso del telefonino di 3 (ma anche certe offerte di vodafone, tim eccetera) quello che ottieni e' un comodato d'uso per il quale paghi una certa cifra mensile (leggi: traffico obbligatorio, ossia ogni mese devi effettuare almeno tot euro di telefonate, o ti verranno comunque scalate dal credito), cifra che pagherai fino al completo pagamento del telefonio (2 anni, dipende dal contratto).A quel punto acquisti il diritto di proprieta' del telefonino, potrai modificarlo a piacimento e sara' tuo. Fino a quel giorno il telefonino (che e' un vero e proprio computer con tanto di sistema operativo, ergo e' un sistema telematico) appartiene al gestore e se lo manometti/modifichi/alteri in qualsiasi modo commetti un reato da codice penale (art 615ter, se non ricordo male) se poi te lo rivendi... sempre se la memoria non mi tradisce, si chiama appropriazione indebita.Non ho voglia di mettermi a cercare sul codice per dirti quanti anni (si anni) di prigione rischi o quanti euro di multa ti tocca pagare (piu' le spese processuali, piu' i danni da rimborsare al gestore).La legge non ammette ignoranza e se ti comporti con tanta leggerezza, be'... potresti sperimentare di prima mano la certezza del diritto.Dulcis in fundo: se decidi di recedere dal contratto non puoi dare indietro il telefonino, ti tocca finire di pagarlo a prezzo pieno (e forse un pelino maggiorato) sotto forma di penale.Dammi retta: leggili i contratti e se la commessa del negozio ti fa storie... cambia negozio, i soldi sono i tuoi dopotutto ;)
        GT
        • ciko scrive:
          Re: Allocco? No, ignorante.
          - Scritto da: Guybrush
          Sei ignorante.
          Non e' una offesa, ma una mera constatazione di
          fatto.l'ignorante sarai tu... che non sai la differenza tra proprieta' e accesso illegittimo...leggi l'altro post e capisci quello che ho detto....
    • Anonimo scrive:
      Re: Allocco? No, ignorante.
      - Scritto da: Guybrush
      Intanto, perfavore, lasciate in pace gli allocchi
      http://it.wikipedia.org/wiki/Allocco
      creature deliziose, riservate ed estremamente
      utili.

      In secondo luogo questo sfogo pari a quello del
      "volpone" che compra il telefonino 3 del valore
      commerciale di 500 eur a 100 eur, credendo che
      sia suo, invece il contratto prevede ben altre
      cose.

      Cose tipo "comodato d'uso per i primi due anni,
      poi diventa tuo" e il fatto "che mi frega, gli
      applico un modchip e lo uso con altro operatore"
      si chiama accesso abusivo a sistema telematico,
      reato da codice
      penale.

      Se l'acquirente avesse ignorato la fretta del
      commesso e avesse speso (investito) del tempo a
      leggere il contratto, al contrario, avrebbe
      evitato questa sola
      terrificante.

      Le condizioni di vendita non ti piacciono? Non
      comprare. Il contratto non ti sembra chiaro? Non
      firmarlo, portalo da chi ne sa piu' di te (paga
      un avvocato, anche se per quello ti basta uno
      studente di giurisprudenza) e fattelo spiegare,
      poi torna se sei convinto che sia comunque un
      affare.

      Non puoi firmare a scatola chiusa, e' stupido.

      Se il venditore si accorge che a mettere clausole
      troppo elaborate ottiene un calo delle vendite,
      sta pur certo che otterrai una semplificazione.

      Il raggiro non paga (a lungo), ma finche' c'e'
      qualche insulto alla razza umana che firma senza
      leggere, be' questo e' il meno che possa
      capitare.



      GT
      • Guybrush scrive:
        Re: Allocco? No, ignorante.
        - Scritto da:
        [...]
        Tutto giusto, tutto inneccepibile, ma possibile
        che per non tarci solare dobbiamo ricorrere
        sempre all'avocato?Sai cuocere il pane in casa? Se non sai come fare vai dal fornaio.Sai riparare una serratura da solo? Se non sai come fare vai dal fabbro.E cosi' via.Con l'avvocato (ne ho una famiglia piena) rischi di imparare anche qualcosa di utile.Se non ti va di andare dall'avvocato c'e S. Google.
        questo io trovo assurdo non
        che si immettanto prodotti ad cazzum che paiono
        fatti apposta per solare
        l'acquirente.Io invece trovo assurdo che esista gente che preferisce rimanere ignorante, farsi inqlare alla grande da 'sti quattro imbroglioni, piuttosto che aprire un §ottuto libro e capire quello che sta facendo PRIMA di farlo.
        Porto il contratto da un'avvocato, e si, se
        dovessi far cosi' ogni volta, dovrei guadgnare
        6000 euro mese per pagare ogni consulenza che
        chiedo ogni volta che debbo sapere se mi stanno
        per sodomizzare o no, l'assurdita' e' questa,
        cosi' come e' assurdo che ci sia una enorme
        dsparita' di mezzi legali a prezzi onesti, una
        societa' si puo' permettere di avere uno stuolo
        di avvocati, ma
        tu?Se non ti piace l'avvocato comprati un codice civile (sta tutto la'), 35 eur per la versione in DVD e avrai tutto il codice civile, le leggi collegate e le direttive comunitarie in punta di mouse.Pero' stai travisando il senso del mio post:l'assurdita' e' che nel 2007 esiste in Europa gente che e' cosi' facile da fregare che quasi quasi sparare sulla croce rossa diventa un gesto nobile, al confronto.Studia, difenditi come meglio puoi oppure non lamentarti se poi ti raggirano:"chi pecora se fa er lupo se lo magna,ma chi a pecora se mette..."Meditate gente, meditate.
        GT
        • chrjs scrive:
          Re: Allocco? No, ignorante.
          Inculare?Io ho un cell 3 del valore di 300 euro acquistato per 100, di mia proprietà, facendo passaggio del numero.Ho tariffa autoricarica da SMS che mi permette un'autoricarica mensile di circa 30euro.Io spendo circa 30 euro al mese quindi in pratica uso il cellulare gratis, devo solo fare una ricarica all'anno per contratto, anche di 10 euro.Questo per dire che non tutte le offerte sono pacchi, anzi. Ovviamente basta stare un po' accorti.Se volete andate pure dagli avvocati, ma sinceramente per 100 euro per un cell non mi sembra il caso.
          • Guybrush scrive:
            Re: Allocco? No, ignorante.
            Tu hai fatto qualcosa che, a quanto pare, costituisce l'eccezione anziche' la regola.Hai letto il contratto.
            GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Allocco? No, ignorante.
      no no...si tratta semplicemente di TRUFFA LEGALIZZATA...
      • Guybrush scrive:
        Re: Allocco? No, ignorante.
        - Scritto da:
        no no...
        si tratta semplicemente di TRUFFA LEGALIZZATA...
        No, no, al limite circonvezione di incapace (con licenza).Pero' per ottenere di non onorare il contratto dovresti farti riconoscere dal giudice incapace di intendere e di volere, con tutta una serie di sgradevoli effetti collaterali.
        GT
  • mottawa scrive:
    C'era una volta l'ADSL
    Bene,io, modestamente, vi batto tutti e chiedo alla comunità (sono newbie, mi sono appena registrato) un parere.19/7/05: l'user cippalippa(io) stipula contratto ADSL 640 a 20. Era il periodo in cui alcuni operatori (ci siamo capiti) facevano pubblicità infinita sulla flat a 20.25/12/05: ancora non ho l'Adsl funzionante. Disdico, confermemente alle procedure, il contratto adsl con l'operatore a e attivo l'adsl con l'operatore b.20/1/06: l'operatore b mi attiva: HIUPPIIII20/3/06: ma xkè non mi connetto?20/3/06: l'operatore a, introducendosi come cippalippa(io), disdice il mio contratto in essere con l'op b e si autostipula un contratto con se stesso.(q.to lo ha fatto solo x non consentire a cippalippa di denunciarlo)11/1/07: cippalippa, ufficialmente, è coperto da canone adsl con l'operatore a. Tale op, non essendo un cretino, gli regala l'adsl (regala nel senso che non gli fa pagare nulla ma con bias del 99.9999999999999999999% se cippalippa volesse un giorno connettersi avrebbe un false drop)21/3/06: che vadano tutti nel posto in cui siamo soliti recarci la mattina prestoCordialmente,Walter Motta (cippalippa)NB: divertente neh! Purtroppo io spero di essere un informatico e sapete bene magari internet serve a noi!
  • Anonimo scrive:
    con l'ADSL di Tele2 ricevo ma non invio
    E la Telecom mi dice che non posso cambiare finché non mi sbloccano..
    • Edo78 scrive:
      Re: con l'ADSL di Tele2 ricevo ma non in
      - Scritto da:
      E la Telecom mi dice che non posso cambiare
      finché non mi
      sbloccano..Che vuol dire che ricevi ma non invii ???
  • Edo78 scrive:
    ADSL & Autostrade
    Ragazzi, rivoltiamoci tutti, le autosrade ci prendono in giro, dicono che puoi andare fino a 130 km/h ma in tangenziale a milano passi anche ore fermo in coda ... il governo dovrebbe intervenire ...Piantatela di essere ridicoli.È ovvio che se compriamo delle uova fresche devono essere fresche e via dicendo ma pagando il biglietto dell'autostrada non paghiamo per una corsia riservata, pagando il biglietto per un parco giochi non vengo privilegiato e mi faccio le code come tutti.Come mai non vi scagliate anche contro queste situazioni ? Non le trovate intollerabili ? Non vorreste invocare a gran voce il governo affinché risolva la situazione ?Volete un trattamento speciale ? Pagate di più e potrete viaggiare in prima classe, avere l'autista o la banda minima garantita.
    • Anonimo scrive:
      Re: ADSL & Autostrade

      Ragazzi, rivoltiamoci tutti, le autosrade ci
      prendono in giro, dicono che puoi andare fino a
      130 km/h ma in tangenziale a milano passi anche
      ore fermo in coda ... il governo dovrebbe
      intervenireQuotoRitengo assurdo che l'autostrada vada pagata quando la velocità media che si riesce a tenere è inferiore ai 50 km/hPeccato che qui questo discorso sia OT
      • Edo78 scrive:
        Re: ADSL & Autostrade
        - Scritto da:

        Quoto
        Ritengo assurdo che l'autostrada vada pagata
        quando la velocità media che si riesce a tenere è
        inferiore ai 50
        km/h

        Peccato che qui questo discorso sia OTNon è OT.È lo stesso concetto, il semplice fatto che un servizio sia scadente non implica il necessario intervento del governo.Se fai la coda a una delle giostre di gardaland dopo aver pagato il biglietto invochi il governo ? te la prendi con gardaland che vende biglietti sapendo che costringe gli utenti a fare lunghe code ?Questo è ridicolo, se voglio un servizio migliore posso averlo pagando di più.Se hai una adsl con bmg e questa non viene rispettata allora hai tutti i diritti di essere insoddisfatto.Se invece ti aggreghi alla mandria non ti puoi lamentare se viaggi nel "carro bestiame" ...(non mi rivolgo direttamente a te ma a un generico lettore)
  • limaro scrive:
    Furbetti del quartierino
    Mi pare che il problema sia sempre il solito, la forte tendenza a seguire il modello "Furbetti del quartierino".Che fanno i furbetti del quartierino? Millantano poteri e mezzi di cui in realtà non dispongono e cercano di dare il pacco a qualcuno per mantenere o crearsi delle rendite.Tanto i controlli non ci sono e se anche ci sono ci pensa un TAR compiacente a disfare tutto. E gli utenti non hanno alcun potere reale, se non quello di spargere la voce (in realtà assolutamente insufficiente)La Telecom fa la furbetta con i provider e con gli utenti finali.I provider fanno i furbetti con gli utenti (chissà perché anche le ADSL con MCR non sono in realtà minimamente garantite, basta che un piccione faccia una cacchetta sul tetto di una centrale Telecom e loro si sentono giustificati)I politici fanno anche loro i furbetti con grandi proclami: "faremo, provvederemo, svilupperemo" e poi non hanno neanche quel minimo di visione per capire che davvero su questo terreno ci si gioca il futuro.La prossima volta che andremo a votare, mandiamo al governo una coalizione che abbia in programma, al primo capitolo, la tutela del consumatore ed al primo punto del primo capitolo la Class Action.(cylon)
    • uguccione500 scrive:
      Re: Furbetti del quartierino
      - Scritto da: limaro
      Mi pare che il problema sia sempre il solito, la
      forte tendenza a seguire il modello "Furbetti del
      quartierino".
      Che fanno i furbetti del quartierino? Millantano
      poteri e mezzi di cui in realtà non dispongono e
      cercano di dare il pacco a qualcuno per mantenere
      o crearsi delle
      rendite.
      Tanto i controlli non ci sono e se anche ci sono
      ci pensa un TAR compiacente a disfare tutto. E
      gli utenti non hanno alcun potere reale, se non
      quello di spargere la voce (in realtà
      assolutamente
      insufficiente)

      La Telecom fa la furbetta con i provider e con
      gli utenti
      finali.
      I provider fanno i furbetti con gli utenti
      (chissà perché anche le ADSL con MCR non sono in
      realtà minimamente garantite, basta che un
      piccione faccia una cacchetta sul tetto di una
      centrale Telecom e loro si sentono
      giustificati)
      I politici fanno anche loro i furbetti con grandi
      proclami: "faremo, provvederemo, svilupperemo" e
      poi non hanno neanche quel minimo di visione per
      capire che davvero su questo terreno ci si gioca
      il
      futuro.

      La prossima volta che andremo a votare, mandiamo
      al governo una coalizione che abbia in programma,
      al primo capitolo, la tutela del consumatore ed
      al primo punto del primo capitolo la Class
      Action.
      (cylon)...certo...il governo che tutela il consumatore...belle risate da entrambi gli schieramenti secondo me: non gliene frega nulla ll'odierno di governo e non gliene importava nulla al precedente: figurati tu in che mani siamo!
  • Anonimo scrive:
    Il peggio sono i tempi di attivazione
    Il problema delle velocità reale di una ADLS è indubbio, ma il maggiore ostacolo sono i tempi di attivazione di una ADSL al passaggio di gestore.Attualmente sto aspettando da due mesi (DUE MESI) una attivazione Tiscali e il ritardo è dovuto a Telecom... (non sono in una zona sperduta ma a Firenze e avevo l'ADSL da 4 anni).Non esiste nessun potere di pressione da parte del cliente in queste situazioni. I contratti sono sempre ultra blindati, se anche riesci a recedere, dovrai ricominciare da capo con un altro gestore e non hai nessuna assicurazione sui tempi di allaccio. Altro che tassa sulle ricariche della telefonia mobile, questo è il vero ostacolo alla liberalizzazione del mercato. Quando cambio gestore devo avere un tempo massimo di allaccio garantito, altrimenti recesso automatico del contratto e penale a carico del gestore.Ma forse sto solo sognando...di essere in altro paese...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il peggio sono i tempi di attivazion
      Tiscali dice sempre che la colpa è di Telecom. Pure con me l'ha fatto per 4 mesi. Poi ho fatto contratto con NGI. Ho pagato proprio ieri alle 13 e oggi alle 8.31 una email mi ha avvisato che avevo l'ADSL, e così è stato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il peggio sono i tempi di attivazion
      Be' consolati, in ufficio dove lavoro abbiamo ordinato la linea ADSL a Tele2 ai primi di ottobre dell'anno scorso, siccome abbiamo le linee telefoniche in modalita' ISDN, per mettere l'ADSL Telecom deve installare una nuova linea analogica e poi attivare l'ADSL per conto di Tele2.Ad oggi 11 gennaio nessuna traccia ne della nuova linea analogica ne ovviamente dell'ADSL, il servizio assistenza di Tele2 (numero a pagamento) dice che dipende tutto da telecom, il servizio clienti di telecom dice che non e' di loro competenza e di sentire tele2...... e buona notte.Nessuno ha voglia di sbattersi x pochi euro mensili di abbonamento e ti pigliano x il ..... naso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il peggio sono i tempi di attivazion
      sono in attesa che tiscali attivi la mia linea da 26 giorni, e quando chiamo nessuno sa dirmi niente, poi accampano che devono ricevere un autorizzazione dalla telecom, chiamo il 187 e loro non sanno nientenessuna adsl in precedenza su questo numero, copertura a dicembre 2006ho richiesto alice ma hanno fatto svanire la mia richiesta nel nientela linea risulta libera da adslio non so cosa fare, voglio una linea adsl e non me la attaccanostramaledetta telecom
  • Wakko Burner scrive:
    Lamberto (Lamb)!
    (rotfl)(rotfl)(rotfl)Voleva darti dell' allocco per prima, inserendo il suo commento troll direttamente sull' articolo!!Grande Lamb! :D
  • Anonimo scrive:
    Libero ADSL - Governo dove sei?
    La Wind-Infostrada sta prendendo in giro (e sarebbe proprio il caso di dire che sta "truffando") migliaia di Italiani e nessuno fa nulla!!!E' possibile che gli enti preposti non facciano una seria verifica!! Provate a scrivere su google "problemi adsl libero" usciranno tantissime discussioni in altrettanti forum ma nessuno fa veramente qualcosa!! Bisogna boicottare queste aziende che pensano solo ai profitti infischiandosene della qualità e del servizioni verso noi utenti e clienti.NON SOTTOSCRIVETE CONTRATTI LIBERO-INFOSTRADA E SE POTETE DATE DISDETTA QUANTO PRIMA.....VA SEMPRE PEGGIO, uomo avvisato....
    • Anonimo scrive:
      Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
      - Scritto da:

      La Wind-Infostrada sta prendendo in giro (e
      sarebbe proprio il caso di dire che sta
      "truffando") migliaia di Italiani e nessuno fa
      nulla!!!
      E' possibile che gli enti preposti non facciano
      una seria verifica!! Provate a scrivere su google
      "problemi adsl libero" usciranno tantissime
      discussioni in altrettanti forum ma nessuno fa
      veramente qualcosa!! Bisogna boicottare queste
      aziende che pensano solo ai profitti
      infischiandosene della qualità e del servizioni
      verso noi utenti e
      clienti.

      NON SOTTOSCRIVETE CONTRATTI LIBERO-INFOSTRADA E
      SE POTETE DATE DISDETTA QUANTO PRIMA.....VA
      SEMPRE PEGGIO, uomo
      avvisato....Io ho disdetto perché non avevo più connessione da un mese. Mi è arrivata una fattura di 200 ma non la pago.Ho segnalato la cosa al Corecom ma ci vogliono almeno 6 mesi prima che mi convochino :@
      • uguccione500 scrive:
        Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        La Wind-Infostrada sta prendendo in giro (e

        sarebbe proprio il caso di dire che sta

        "truffando") migliaia di Italiani e nessuno fa

        nulla!!!

        E' possibile che gli enti preposti non facciano

        una seria verifica!! Provate a scrivere su
        google

        "problemi adsl libero" usciranno tantissime

        discussioni in altrettanti forum ma nessuno fa

        veramente qualcosa!! Bisogna boicottare queste

        aziende che pensano solo ai profitti

        infischiandosene della qualità e del servizioni

        verso noi utenti e

        clienti.



        NON SOTTOSCRIVETE CONTRATTI LIBERO-INFOSTRADA E

        SE POTETE DATE DISDETTA QUANTO PRIMA.....VA

        SEMPRE PEGGIO, uomo

        avvisato....
        Io ho disdetto perché non avevo più connessione
        da un mese. Mi è arrivata una fattura di 200 ma
        non la
        pago.
        Ho segnalato la cosa al Corecom ma ci vogliono
        almeno 6 mesi prima che mi convochino
        :@...se i 200 euro sono ingiustificati, vai avanti con tutti gli auguri di buona riuscita della causa contro infostrada: a me per allacciarla han lasciato passare oltre 1 mese e mezzo e poi alla fine m'han detto che non era possibile per motivi tecnici: con un altro operatore ho avuto il tutto entro le 96 ore!
      • Anonimo scrive:
        Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
        - Scritto da:

        Io ho disdetto perché non avevo più connessione
        da un mese. Mi è arrivata una fattura di 200 ma
        non la
        pago.Se hai disdetto prima della fine dell'anno di abbonamento, allora credo ci sia davvero poco da fare, perché nel contratto che hai firmato (lo fanno tutti, non solo Libero) c'è scritto che si paga sempre l'intero anno in corso, anche se disdici prima del termine.
        • Anonimo scrive:
          Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          Io ho disdetto perché non avevo più connessione

          da un mese. Mi è arrivata una fattura di 200 ma

          non la

          pago.

          Se hai disdetto prima della fine dell'anno di
          abbonamento, allora credo ci sia davvero poco da
          fare, perché nel contratto che hai firmato (lo
          fanno tutti, non solo Libero) c'è scritto che si
          paga sempre l'intero anno in corso, anche se
          disdici prima del
          termine.Scherzi? Io ho pagato per un servizio. Se per un mese non l'ho avuto (non c'era proprio la portante) il contratto glielo straccio in faccia perché nel contratto c'era scritto che mi avrebbero fornito connessione!Appena si conclude la cosa (ho chiesto anche un rimborso per i giorni in cui ho dovuto lavorare altrove) scrivo a PI un articoletto se è cosa gradita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
      - Scritto da:

      NON SOTTOSCRIVETE CONTRATTI LIBERO-INFOSTRADA E
      SE POTETE DATE DISDETTA QUANTO PRIMA.....VA
      SEMPRE PEGGIO, uomo
      avvisato....Non fare di un erba un fascio.Se a te è andata male, non per questo va male anche a tutti gli altri.A me ad esempio, va benissimo; ho Libero ADSL 4 MB it e se il sito da cui scarico lo permette, la velocità di scarico mi arriva proprio a 4 MBit.E comunque i problemi che hai incontrato tu ed altri utenti ADSL, possono capitare (e sono capitati a molti utenti) con qualsiasi provider.
    • david74 scrive:
      Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
      - Scritto da:

      La Wind-Infostrada sta prendendo in giro (e
      sarebbe proprio il caso di dire che sta
      "truffando") migliaia di Italiani e nessuno fa
      nulla!!!
      E' possibile che gli enti preposti non facciano
      una seria verifica!! Provate a scrivere su google
      "problemi adsl libero" usciranno tantissime
      discussioni in altrettanti forum ma nessuno fa
      veramente qualcosa!! Bisogna boicottare queste
      aziende che pensano solo ai profitti
      infischiandosene della qualità e del servizioni
      verso noi utenti e
      clienti.

      NON SOTTOSCRIVETE CONTRATTI LIBERO-INFOSTRADA E
      SE POTETE DATE DISDETTA QUANTO PRIMA.....VA
      SEMPRE PEGGIO, uomo
      avvisato....Mah... sarò uno dei pochi fortunati allora... ho Tuttoincluso di Infostrada da tre anni ormai, e l'adsl non mi ha mai, e dico mai, dato il minimo problema. Solo quando una ruspa ha tranciato un cavo in fibra ottica che alimentava le linee tra Roma e Napoli sono rimasto senza linea telefonica (e di conseguenza senza adsl), ma di certo non è colpa di Infostrada se l'operatore della ruspa ha tranciato il cavo di notte... ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
      Io, in quasi due anni di connessione, non ho ricevuto alcun danno di cui lamentarmi.Ciao,Piwi
    • Anonimo scrive:
      Re: Libero ADSL - Governo dove sei?
      Io sono stato cliente Libero adsl flat 4 mega per 2 anni, quasi. All'inizio andava discretamente bene. Dopo 20 giorni sono iniziati i problemi. 1 mese e mezzo e torna tutto magicamente a posto, senza che nessuno ti venga a dire che hanno risolto e come era successo. Inutili le decine di telefonate all'assistenza, senza contare le poche volte che sono riuscito a parlare con un essere vivente e senza contare le centinaia di email che ho mandato all'assistenza. Ed è stato un continuo di periodi in cui andava bene e periodi in cui andava a 300 baud!!!!! Fino a quando ho mandato la disdetta oltre il tempo di preavviso. Mi hanno chiamato e per fortuna ho trovato l'unica persona intelligente alla wind. Ha provato a mollarmi libero mini, ma poi ha capito le mie motivazioni e mi ha disdetto il contratto. Sono passato ad Alice flat e sono contentissimo. Sembra di essere passato dal modem 300 baud del C64 alla 2 mega. Cambiate operatore se avete libero. Sto facendo disdire tutti quelli che conosco ed hanno libero. Wind vade retro!!!!
  • aghost scrive:
    Allocco un cacchio!
    Io credo che l'Authority, tanto per cambiare, dovrebbe imporre delle regole chiare a tutela del cosumatore. Ma questo, mi rendo conto, è pura fantascienza in italia.La formula "fino a 20 mb/secondo" dovrebbe essere semplicemente proibita perché non significa nulla. E inganna il consumatore.E' come se nelle etichette alimentari si descrivesse la quantità degli ingredienti "fino a". Ma scherziamo?Perché una tale vaghezza è inaccettabile in tutti gli altri campi mentre per i servizi adsl è la regola? La risposta è ovvia: per favorire i gestori a scapito dei consumatori. E anche questa non è una novità. Ma almeno si abbia il pudore di non giustificare simili scorrettezze commerciali.http://www.aghost.wordpress.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Allocco un cacchio!
      in questa categoria va aperto un discorso a parte per Wind-Infostrada che con la loro connessione Libero ADSL stanno facendo impazzire da mooooolti mesi migliaia e migliaia di utenti con scuse ogni volta differenti ma la sostanza non cambia, in molti giorni la connessione è praticamente ridicola, altro che 4Mbit..... e pensare che in altri paesi europei, con costi inferiori hanno una linea a dir poco sproporzionata rispetto le nostre!!!
      • uguccione500 scrive:
        Re: Allocco un cacchio!
        - Scritto da:
        in questa categoria va aperto un discorso a parte
        per Wind-Infostrada che con la loro connessione
        Libero ADSL stanno facendo impazzire da mooooolti
        mesi migliaia e migliaia di utenti con scuse ogni
        volta differenti ma la sostanza non cambia, in
        molti giorni la connessione è praticamente
        ridicola, altro che 4Mbit..... e pensare che in
        altri paesi europei, con costi inferiori hanno
        una linea a dir poco sproporzionata rispetto le
        nostre!!!...ed è risaputissimo e ammesso dalla stessa infostrada (wind!) che ci sono dei seri filtri su determinate porte e su determinati servizi...e lasciarli senza clienti non sarebbe una buona idea per evitare certi soprusi?????
    • Anonimo scrive:
      Re: Allocco un cacchio!
      Se sai che non potrai dare un servizio, allora non darlo! se no è truffa.
      • AranBanjo scrive:
        Re: Allocco un cacchio!
        Mi sa che non hai letto bene...Non metto in dubbio le pubblicità luccicanti che fanno, ma si dovrebbe capire la questione tecnica prima di sparare a zero :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Allocco un cacchio!
          - Scritto da: AranBanjo
          Mi sa che non hai letto bene...
          Non metto in dubbio le pubblicità luccicanti che
          fanno, ma si dovrebbe capire la questione tecnica
          prima di sparare a zero
          :)Beh, basterebbe dichiararla quando si fa la sberluccicante pubblicità per sentirsi un po' meno presi per il culetto...
          • AranBanjo scrive:
            Re: Allocco un cacchio!
            ehehe, perchè pensi che la maggior parte della gente capirebbe? :D
  • Anonimo scrive:
    altro che allocco: ingannevole.
    per me è pubblicità ingannevole, non deve esserci scritto per forza BMG.quella è una ulteriore garanzia, ma se mi dici VENTI MEGAAAAAAAAAAAAaventi mega sianosenza filtri sui protocolli e i trasferimenti di sorta.
    • Anonimo scrive:
      Re: altro che allocco: ingannevole.
      - Scritto da:
      per me è pubblicità ingannevole, non deve esserci
      scritto per forza
      BMG.

      quella è una ulteriore garanzia, ma se mi dici
      VENTI
      MEGAAAAAAAAAAAAa

      venti mega siano

      senza filtri sui protocolli e i trasferimenti di
      sorta.ma se ti dicono FINO A 20 megaaaaaaaaa, e ti dicono pure che quei 20 mega li puoi raggiungere solo se si verificano n condizioni, torniamo al commento di lamb, tutto sta nell'informarsi e saper leggere i contratti.che poi i rapporti di forza siano squilibrati e quindi le aziende telco facciano il cazzo che vogliono sbattendosene dei clienti è sacrosanto e non se ne dirà mai abbastanza male. ma pane al pane e vino al vino!
      • ilgorgo scrive:
        Re: altro che allocco: ingannevole.
        - Scritto da:
        ma se ti dicono FINO A 20 megaaaaaaaaa, e ti
        dicono pure che quei 20 mega li puoi raggiungere
        solo se si verificano n condizioni, torniamo al
        commento di lamb, tutto sta nell'informarsi e
        saper leggere i
        contratti.Sempre ingannevole è.Se publicizzi una mega internet, e poi per contratto non garantisci la mega internet, la tua pubblicità è ingannevole. Basta reclamizzare 'Collegamento ADSL max 20Mb'IMHO.
    • Anonimo scrive:
      Re: altro che allocco: ingannevole.
      la colpa e pure dei mezzi di informazione trooooppo teneri con i gestori di telefonia specialmente con TELECOM non escludo Punto Informatico dal calderone....
    • AranBanjo scrive:
      Re: altro che allocco: ingannevole.
      - Scritto da:
      per me è pubblicità ingannevole, non deve esserci
      scritto per forza
      BMG.

      quella è una ulteriore garanzia, ma se mi dici
      VENTI
      MEGAAAAAAAAAAAAa

      venti mega siano

      senza filtri sui protocolli e i trasferimenti di
      sorta.Tecnicamente la portante è a 20 mega. E non è sempre così, in quanto ci sono diversi fattori concomitanti che possono influire sulla qualità della linea. I 2 valori principali su quali fare le misurazioni sono l'attenuazione e il margine rumore.Di norma le linee (se non diversamente specificato in fase di attivazione da parte del provider), vengono caricare in rate adaptive, cioè provano ad agganciare il segnale partendo dalla velocità più alta per scendere fino a che i parametri di allineamento risultano soddisfacenti. Sulle 20 mega la velocità minima di aggancio è 4 mega (se non ricordo male).Inoltre 20 mega è la velocità negoziata tra te e la centrale, che poi viaggia su VP fino al kit atm di consegna del tuo provider, che deve essere opportunatamente dimensionato. Da lì in poi, dipende dalla congestione della rete globale, non del tuo provider. Per cui ti sogni di andare _sempre_ a 20 mega in qualunque situazione e da qualunque sito tu stia scaricando.Ciau
  • Anonimo scrive:
    Che dirti?
    Io avevo un'adsl farlocca (Atlanet per fare nomi e cognomi) ed ora ho Alice, mai andato a meno di quello che e' la banda nominale e Alice non ha minimi garantiti, la 20M va' a circa 2Mb/s in download...a buon intenditor...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che dirti?
      Il punto è proprio questo: paghi un bel po di soldi per la banda minima garantita e invece ti ritrovi a 1-2 Kbytes/s a mesi interi.E hanno pure il coraggio di dirti che la colpa è di Telecom, mentre caricano a dismisura i loro VP.Secondo me la tutela serve proprio in questi casi, non quando non ti garantiscono niente!Purtroppo queste sono le connessioni a banda condivisa. Forse solo una truffa e basta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che dirti? [OT]
        - Scritto da:
        E hanno pure il coraggio di dirti che la colpa è
        di Telecom, mentre caricano a dismisura i loro
        VP.Dove trovo maggiori informazioni su cosa sono i VP? Grazie.
      • uguccione500 scrive:
        Re: Che dirti?
        - Scritto da:
        Il punto è proprio questo: paghi un bel po di
        soldi per la banda minima garantita e invece ti
        ritrovi a 1-2 Kbytes/s a mesi
        interi.
        E hanno pure il coraggio di dirti che la colpa è
        di Telecom, mentre caricano a dismisura i loro
        VP.
        Secondo me la tutela serve proprio in questi
        casi, non quando non ti garantiscono
        niente!
        Purtroppo queste sono le connessioni a banda
        condivisa. Forse solo una truffa e
        basta.Io ho una Alice da piu di due anni e mai ho avuto a che ridire sulla banda: sempre impeccabile e ai limiti del dichiarato (intendo verso l'alto! La 1,2 Mega scarica a 158 kb. fissi!)...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che dirti?
          Io ho controllato in altre zone diverse dalla mia centrale Telecom e l'ADSL del mio ISP in quelle zone è molto veloce. Con tlc in caso di problemi devi chiamare il 191, e se non trovi la persona giusta perdi solo tempo.

          Io ho una Alice da piu di due anni e mai ho avuto
          a che ridire sulla banda: sempre impeccabile e ai
          limiti del dichiarato (intendo verso l'alto! La
          1,2 Mega scarica a 158 kb.
          fissi!)...
Chiudi i commenti