Craccata chiave crittografica da 576 bit

Un team internazionale di matematici si è aggiudicato un premio di svariate migliaia di dollari messo in palio da RSA Security craccando, in poco più di tre mesi, una chiave crittografica RSA-576. Già pronta la prossima sfida


Bedford (USA) – Un centinaio di workstation e poco più di tre mesi di elaborazione. Queste le risorse utilizzate da un team di matematici per craccare un codice crittografico di RSA Security basato su di una chiave da 576 bit.

Il team, composto da matematici americani ed europei, si è aggiudicato il premio di 10.000 dollari in palio con il concorso RSA-576 Factoring Challenge. RSA sostiene che questo tipo di sfida, lanciata per la prima volta nel 1991, aiuta la ricerca nel campo del calcolo teorico applicato alla fattorizzazioni di grossi numeri interi.

“Le informazioni ricevute durante questi concorsi costituiscono una risorsa di grande valore sia per chi studia la crittografia, sia per chi deve scegliere il giusto livello di sicurezza”, ha affermato Burt Kaliski, chief scientist and director di RSA Laboratories.

Per risolvere il “cripto-puzzle” di RSA, il gruppo internazionale di esperti si è avvalso delle risorse hardware e software messe a disposizione da vari istituti americani, europei e canadesi: questo a dimostrazione che rompere una chiave RSA da 576 bit in tempi utili non è affatto banale e richiede esperienza e risorse alla portata di pochi. RSA ha spiegato che tale chiave viene oggi impiegata in applicazioni che necessitano di un livello di protezione medio, quali le transazioni su Internet e le connessioni wireless.

“Per livelli di sicurezza più elevati la lunghezza tipica della chiave è di 1024 bit”, ha detto RSA.

Il prossimo concorso Factoring Challenge prevederà la fattorizzazione di una chiave da 640 bit.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non avrà mica il DRM incorporato??
    In questo caso, meglio affrettarsi a comprare gli ultimi P4 in circolazione, forse te li mollano a prezzi ultrascontati!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non avrà mica il DRM incorporato??
      - Scritto da: Anonimo
      In questo caso, meglio affrettarsi a
      comprare gli ultimi P4 in circolazione,
      forse te li mollano a prezzi
      ultrascontati!!!Scherzaci che non abbia la sorpresa :D !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non avrà mica il DRM incorporato??
        Si, ha il DRM incorporato che impedisce a qualunque SO diverso da WinXP di girare.Funziona solo con le licenze regolarmente acquistate dallo zio Bill
        • Anonimo scrive:
          Re: Non avrà mica il DRM incorporato??
          Comprare P4 con quello che costano e considerato che consumano uno sproposito specie con l'ultimo core "Prescott" non mi sembra una buona idea.Mi sa che sei rimasto ancorato alla situazione di mooolti anni fa, quando Intel era il top.Ora se si vuole il prodotto migliore in qualunque fascia di mercato l'unica scelta è AMD che nonostante le vere e proprie leggende metropolitane che ancora ci sono, ha attualmente le cpu più potenti in ogni categoria, Opteron per i server, AthlonFX per le pcu di fascia alta, e AthlonXp per la fascia medio/bassa.Oltrer ad essere più potenti, in alcuni casi in modo eclatante ( Opteron), costano pure parecchio meno dei modelli Intel della stessa fascia di mercato e consumano una quantità di energia inferiore.Chi ne capisce qualcosa da un bel pò ormai compra AMD.Detto questo, mi sa che il DRM o Palladium sia un problema secondario se ti leggi le altre news odierne su pUnto informatico, tra telecamere, biometria e quant'altro non è che un di più " trascurabile" .
Chiudi i commenti