Cracker avrebbe bucato Am-Ex e CartaSì

Questo è quanto affermano secondo Agence France-Press i cybercop indiani che hanno identificato e arrestato un cracker di Nuova Delhi accusato di truffe con carta di credito


Nuova Delhi (India) – La polizia informatica indiana ha identificato e arrestato un giovane smanettone di Nuova Delhi, Chiranjeet Singh, ritenuto autore di una serie di clamorose incursioni informatiche nei sistemi di alcune importanti istituzioni finanziarie straniere.

Stando ad una nota dell’Agence France-Press, le autorità indiane ritengono che lo smanettone abbia utilizzato le informazioni ricavate dai database di banche e altri istituzioni finanziarie per dar vita ad una truffa basata sulla falsificazione delle carte di credito.

La polizia ha fatto irruzione nell’abitazione di Singh sequestrando decine di carte di credito, un portatile, alcuni masterizzatori di CD e cinque telefonini. A quanto pare Singh avrebbe rubato con quelle carte più di 200mila dollari, sebbene la polizia debba ancora completare gli accertamenti.

“Abbiamo iniziato a monitorare le attività di Singh – ha spiegato a AFP uno dei cybercop indiani – dopo che il suo nome era emerso nelle indagini relative a due episodi di frode via carta di credito”. “Abbiamo scoperto – ha aggiunto il poliziotto – che Singh e tre suoi amici erano entrati nei sistemi informativi di istituzioni internazionali del credito. Hanno usato un decifratore per accedere ai dettagli personali dei detentori di carte di credito e da lì hanno realizzato false carte di credito”.

Stando a quanto riportato dall’agenzia di stampa internazionale, tra gli istituti colpiti vi sono American Express, l’italiana CartaSì, la britannica Standard Chartered Bank e la Peoplès Bank americana.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo





    Il fatto è che gli operatori non faranno

    probabilmente mai il passo. Il GPRS
    funziona

    solo se hai un abbonamento mentre il

    wireless funziona e basta.

    Dipende da chi ti da connettivita'. Io posso
    gratuitamente cederti parte della mia banda
    attraverso wi-fi, ma se lo fa un gestore tlc
    mi sa che te lo fa pagare l'abbonamento.E non mi aspetto altro.
    Perchè un

    operatore dovrebbe rinunciare a far pagare

    la connessione sostituendo il GPRS o altro

    con un protocollo che renderebbe più

    difficile la fatturazione?

    E perche' la renderebbe piu' difficile?Dipende. Se fanno pagare al traffico diventa abbastanza facile. Sempre ammesso che il provider possa identificarti senza alcun dubbio. Ma potrebbe diventare poco popolare, esattamente come è impopolare pagare la connessione ad internet in base al traffico. Infatti oggi si paga la connessione per una certa velocità di comunicazione, ma sono sempre più rari quelli che ti fatturano i pacchetti. Con il GPRS invece fanno proprio quello e immagino che con l'UMTS pure.Però significa che devi avere un'username/password tuo per collegarti al sistema wireless e che senza quei dati tu non possa comunicare con nessuno. E non mi pare che attualmente il wireless funzioni così. Se non mi sbaglio ci si collega a una rete locale al quale si ha accesso o direttamente o tramite un'identificatore e una password valida per tutta la rete. Poi eventualmente si può uscire dalla rete locale passando da un firewall, e li si deve immettere username e password (se l'accesso non è libero).In pratica con il sistema attuale chiunque potrebbe usare la rete locale di un fornitore senza pagare una cicca, semplicemente non potrebbe accedere al net. Però a questo punto tutti gli utenti su quella rete locale comunicherebbero a sbafo, basterà avere una carta rete wireless installata sul PC.Quello che devono fare è un sistema nel quale ogni carta wireless si identifica alla rete locale in maniera univoca e possa essere identificata senza ombra di dubbio dal provider. A questo punto potranno fatturare il traffico o quello che vogliono.Ma la cosa non credo che sia così immediata. Per quello dico che complica la fatturazione.(forse però ho solo sparato cavolate).

    Il wireless rimarrà probabilmente
    domestico

    e quindi i limiti saranno comunque sempre

    gli stessi. Però le varie reti domestiche

    potranno interconnettersi e quindi avrai
    una

    grossa rete a bassa potenza.

    Magari il wi-fi rimanesse una tecnologia
    sfruttabile dal basso.
    Invece i provider tlc se ne appropieranno
    stravolgendone le caratteristiche e
    innescando quelle situazioni che a me danno
    tanto fastidio. (Voglio puntualizzare che
    faccio un discorso analogo anche per l'UMTS)Rimarrà una tecnologia sfruttabile dal basso, loro ne creeranno un'altra che spacceranno per migliore. A meno che non riescano a far passare una legge che vieti questo tipo di interconnettività.

    Se invece gli operatori adotteranno il

    sistema wireless allora abbandoneranno le

    altre antenne. Perchè mantenere un parco
    di

    antenne incompatibili? anche la
    manutenzione

    costa.



    Quindi se il wireless avrà successo e
    anche

    gli operatori si piegheranno ci saranno

    buone probabilità che sparirà tutto quanto

    il resto GSM, WAP, GPRS, UMTS visto che il

    wireless potrà probabilmente prendersi

    carico di tutto quanto. A questo punto si

    avranno meno antenne e meno radiazioni.

    Chiaramente però che il wireless come lo

    conosciamo oggi non è molto adatto alla

    voce, quindi bisognerà aspettare un po'

    prima di avere il voice over IP su un

    wireless cittadino.


    Se il wi-fi soppiantera' tutti gli altri
    sistemi non lo so (alla lunga e' probabile)
    ma questo con le radiazioni a poco a che
    fare. Le misure rf in campo sono le stesse,
    anzi se useranno la banda dei 5.6 Ghz le
    cose potrebbero persino peggiorare.
    Comunque se voice over IP non e'
    utilizzabile come dici tu la certezza unica
    e' che per i prossimi decenni vedremo una
    convivenza dei vari sistemi cvon un
    inquinamento rf molto piu' pesante (sempre
    che faccia male, ma ci scommetterei)Giusto. Ma spero che il problema resti limitato nel tempo.
    hola
    crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    Ecco perchè i vari operatori si sforzano
    di

    promuovere ogni standard possibile invece
    di

    concentrarsi a sviluppare in maniera

    capillare il wireless e lasciando perdere

    tutti i vari WAP, GPRS e UMTS.
    Semplicemente

    perchè con questi ultimi possono
    guadagnarci

    un pacco.

    Non dico che tu non abbia ragione, ma la
    connettivita' wi-fi chi la fornira'? Io dico
    gli attuali colossi tlc che gestiscono anche
    la rete cellulare. E costoro pensi che non
    ne faranno un business per guadagnarci un
    pacco di soldi? Anzi, se riusciranno a
    suddividere fisicamente la connettivita'
    dati da quella voice io penso che
    riusciranno a guadagnare anche di piu'. Devo
    comunque ammettere che il pensiero dei 17000
    miliardi buttati dalle aziende tlc per
    l'umts mi rende molto piu' simpatico il
    wi-fi di quello che traspare dai miei
    interventi.Infatti, ma visto che con il wireless come lo è adesso le aziende di tlc non possono fare quello che dici (separare la voce dai dati) e sicuramente tante altre cose, non la promuoveranno mai.Probabilmente inventeranno un nuovo protocollo per un wirelessNG (new generation) che permetta di fatturare tutto e di effettuare il roaming. E quello lo promuoveranno.È in fondo quello che volevano fare con l'UMTS, per quello hanno speso dei miliardi. Cosa credevi, che non pensavano di farceli pagare tutti? e con gli interessi?L'unico modo di avere una connettività wireless come la intendiamo è quella di farcela da sola disseminando degli HUB 802.11x un po' dappertutto e fare si che le varie celle comunichino insieme. In pratica una Internet wireless simile all'internet delle BBS come le si conoscevano agli inizi ma più interconnessa.Se aspettiamo le varie ditte di tlc forse questa cosa la vedranno i nostri nipoti, noi moriremo prima.
    hola
    crack

    p.s.
    Mi hanno dato del fascista, forse vogliono
    capire dalla mia reazione se sono comunista?
    :-))))):-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    -
    Se il wi-fi soppiantera' tutti gli altri
    sistemi non lo so (alla lunga e' probabile)
    ma questo con le radiazioni a poco ///Annamo bene! Manco alle elementari, oh...holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo


    Il fatto è che gli operatori non faranno
    probabilmente mai il passo. Il GPRS funziona
    solo se hai un abbonamento mentre il
    wireless funziona e basta. Dipende da chi ti da connettivita'. Io posso gratuitamente cederti parte della mia banda attraverso wi-fi, ma se lo fa un gestore tlc mi sa che te lo fa pagare l'abbonamento.Perchè un
    operatore dovrebbe rinunciare a far pagare
    la connessione sostituendo il GPRS o altro
    con un protocollo che renderebbe più
    difficile la fatturazione?E perche' la renderebbe piu' difficile?
    Il wireless rimarrà probabilmente domestico
    e quindi i limiti saranno comunque sempre
    gli stessi. Però le varie reti domestiche
    potranno interconnettersi e quindi avrai una
    grossa rete a bassa potenza.Magari il wi-fi rimanesse una tecnologia sfruttabile dal basso.Invece i provider tlc se ne appropieranno stravolgendone le caratteristiche e innescando quelle situazioni che a me danno tanto fastidio. (Voglio puntualizzare che faccio un discorso analogo anche per l'UMTS)
    Se invece gli operatori adotteranno il
    sistema wireless allora abbandoneranno le
    altre antenne. Perchè mantenere un parco di
    antenne incompatibili? anche la manutenzione
    costa.

    Quindi se il wireless avrà successo e anche
    gli operatori si piegheranno ci saranno
    buone probabilità che sparirà tutto quanto
    il resto GSM, WAP, GPRS, UMTS visto che il
    wireless potrà probabilmente prendersi
    carico di tutto quanto. A questo punto si
    avranno meno antenne e meno radiazioni.
    Chiaramente però che il wireless come lo
    conosciamo oggi non è molto adatto alla
    voce, quindi bisognerà aspettare un po'
    prima di avere il voice over IP su un
    wireless cittadino.Se il wi-fi soppiantera' tutti gli altri sistemi non lo so (alla lunga e' probabile) ma questo con le radiazioni a poco a che fare. Le misure rf in campo sono le stesse, anzi se useranno la banda dei 5.6 Ghz le cose potrebbero persino peggiorare.Comunque se voice over IP non e' utilizzabile come dici tu la certezza unica e' che per i prossimi decenni vedremo una convivenza dei vari sistemi cvon un inquinamento rf molto piu' pesante (sempre che faccia male, ma ci scommetterei)holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    ok, ho riletto e ho capito il senso.

    Effettivamente si rischia di non riuscire
    più a staccarsi dal lavoro. Però è in fondo
    una cosa che la gente fa già oggi, si va al
    parco portandosi dietro un dossier o il
    notebook o chissà che altro.
    L'unica cosa che si può sperare è di non
    dover trovare sempre un'alibi per lo stare
    un po' tranquilli ma che lo si possa fare
    semplicemente perchè si ha voglia.
    Io se non voglio essere raggiunto spengo il
    telefonino e me ne sto tranquillo, durante
    le pause ne ho il pieno diritto e spero che
    nessuno mi richieda mai delle scuse
    altrimenti lo mando a quel paese.Beato te che riesci a farlo. Io se non sono impossibilitato non riesco a staccare, e' per questo che voglio proteggere un po di "digital divide" (inteso tra la mia vita e quella del mio pc)
    Chiaro che se si finisce a lavorare 24/24
    perchè finalmente si potrà stendere il
    rapporto alle 23:00 seduti tranquillamente
    sul bordo del letto mentre la moglie/o il
    marito sull'altra sponda del letto scrive il
    suo allora credo che lo psichiatra diventerà
    la norma.Appunto, ed io preferisco spendere i soldi per una vacanza o per comprare una chitarra a mio figlio piuttosto che darli allo psichiatra ;-)holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    Ecco perchè i vari operatori si sforzano di
    promuovere ogni standard possibile invece di
    concentrarsi a sviluppare in maniera
    capillare il wireless e lasciando perdere
    tutti i vari WAP, GPRS e UMTS. Semplicemente
    perchè con questi ultimi possono guadagnarci
    un pacco.Non dico che tu non abbia ragione, ma la connettivita' wi-fi chi la fornira'? Io dico gli attuali colossi tlc che gestiscono anche la rete cellulare. E costoro pensi che non ne faranno un business per guadagnarci un pacco di soldi? Anzi, se riusciranno a suddividere fisicamente la connettivita' dati da quella voice io penso che riusciranno a guadagnare anche di piu'. Devo comunque ammettere che il pensiero dei 17000 miliardi buttati dalle aziende tlc per l'umts mi rende molto piu' simpatico il wi-fi di quello che traspare dai miei interventi.holacrackp.s.Mi hanno dato del fascista, forse vogliono capire dalla mia reazione se sono comunista? :-)))))
  • Anonimo scrive:
    Re: spiagge cosa ?
    - Scritto da: Anonimo
    per carità, ci mancherebbe anche che la
    pubblicità riesca a dannarci anche in
    spiaggia !
    per carità noooooo ...

    un consiglio agli amici di PI e ai lettori:
    quando andrete in vacanza usate il portatile
    solo per scaricare le foto digitali delle
    vostre splendide giornate in spiaggia e al
    mare senza wi-fi ...... e ci mancherebbe

    ah, dimenticavo, e niente telefonino
    scassolino scassolino

    Adieu.
    gr8wings.E quei bei manifesti sul bordo delle spiagge, sui muri delle cabine. E il vucumprà e il coccobello, ...Cosa sono? pubblicità! E quelli se sei in spiaggia te li subisci che tu abbia o meno il wireless.Almeno lo spam lo filtri.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    NOO! :-) Se sono seduto su di una
    panchina


    e' perche' mi voglio rilassare e
    prendere

    il


    fresco, non voglio che il pc mi faccia


    venire in mente che in fondo mi posso


    collegare anche li, e che forse posso


    riguardare il lavoro in vista della

    riunione


    di domani!!


    Se sto seduto su di una panchina voglio


    avere l'alibi con me stesso di non
    poter


    fare un accidenti. Il pc ovunque e' si
    una


    rivoluzione epocale, ma per gli
    psichiatri


    ed i loro conti corrente.



    Qual'è la differenza tra il leggersi PI
    sul

    palmare sopra una panchina o la gazzetta?

    Chiaramente preferisco la gazzetta, ma in

    fondo perchè no?



    Auch! Per trovare la tua risposta ho dovuto
    ravanare di brutto. Ti prego: quota un
    minimo :-) Comunque hai puntualizzato
    sull'aspetto meno importante e ti sei
    lasciato sfuggire il senso (a mio avviso
    chiarissimo) di quello che ho detto

    hola
    crackok, ho riletto e ho capito il senso.Effettivamente si rischia di non riuscire più a staccarsi dal lavoro. Però è in fondo una cosa che la gente fa già oggi, si va al parco portandosi dietro un dossier o il notebook o chissà che altro.L'unica cosa che si può sperare è di non dover trovare sempre un'alibi per lo stare un po' tranquilli ma che lo si possa fare semplicemente perchè si ha voglia.Io se non voglio essere raggiunto spengo il telefonino e me ne sto tranquillo, durante le pause ne ho il pieno diritto e spero che nessuno mi richieda mai delle scuse altrimenti lo mando a quel paese.Chiaro che se si finisce a lavorare 24/24 perchè finalmente si potrà stendere il rapporto alle 23:00 seduti tranquillamente sul bordo del letto mentre la moglie/o il marito sull'altra sponda del letto scrive il suo allora credo che lo psichiatra diventerà la norma.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo







    Un numero esiguo rispetto alla


    popolazione,



    e quando si parla di rivoluzioni

    epocali


    non



    si parla di percentili della

    popolazione.



    Poi i professionisti che possono



    rivoluzionare il proprio lavoro per

    merito



    del wi-fi sono una minoranza del


    percentile



    di cui sopra.





    Proprio come i telefonini negli anni
    '80.


    Eppure hanno rivoluzionato la

    comunicazione


    lo stesso.



    Se il wi-fi rivoluzionera' la
    comunicazione

    lo fara' nei termini di pervasivita che io

    tanto temo. Per il resto il cambiamento
    c'e'

    gia stato con i cellulari, qual'e' questo

    grande e positivo stravolgimento dei
    costumi

    che wireless internet dovrebbe apportare
    in

    piu'?

    Gia' l'umts e' una tragedia con le sue

    telecamerine del ciufolo, ma non bastava

    poi il gprs per quello che veramente e'

    utile?



    hola

    crack

    Il problema non è ne il GPS, ne il WAP, ne
    il GPRS ne l'UMTS.Mi scuso, non volevo scrivere GPS ma GSM.
    Il problema viene da più parti.

    In primis dalla gente vuole connettività, in
    pratica vuole il wireless per collegarsi a
    Internet e avere tutto quello che ha
    normalmente sul PC. E tutto questo lo vuole
    sul telefonino, sul notebook, sul PC di
    casa, in auto, ...

    E poi vengono gli operatori telefonici che
    invece vogliono guadagnare una barca di
    soldi, che con Internet più o meno non
    riescono ad incassare perchè fare pagare il
    traffico sarebbe troppo impopolare e far
    pagare i servizi è praticamente imposibile
    con le versioni attuali dei protocolli IP.

    Quindi cosa fanno? promettono connettività
    usando protocolli strani e incompatibili da
    nazione a nazione, che necessitano di
    roaming, che richiedono l'abbonamento, il
    pagamento al servizio, al volume e chi più
    ne ha più ne metta.
    È evidente che il wireless 802.11x o simile
    è una gran sfida per gli operatori, perchè
    in questo modo gli si rende ancora più
    difficile fatturare le connessioni e il
    trasferimento dei dati.

    Ecco perchè i vari operatori si sforzano di
    promuovere ogni standard possibile invece di
    concentrarsi a sviluppare in maniera
    capillare il wireless e lasciando perdere
    tutti i vari WAP, GPRS e UMTS. Semplicemente
    perchè con questi ultimi possono guadagnarci
    un pacco.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    Sì, le uova si potranno cuocere senza


    metterle in padella... così come i
    nostri


    cervelli :(


    Quante cazzo di onde arriveranno? :°



    Forse addirittura meno se si potrà

    telefonare su IP.

    E perche' mai. Il limite dei 10 milliwat e'
    legato all'uso free domestico. I gestori
    implementeranno una rete con le stesse
    caratteristiche dell'umts prima o poi.
    Amenoche non decidano che l'umts gli e'
    costato troppo per rimettersi completamente
    al wi-fiIl fatto è che gli operatori non faranno probabilmente mai il passo. Il GPRS funziona solo se hai un abbonamento mentre il wireless funziona e basta. Perchè un operatore dovrebbe rinunciare a far pagare la connessione sostituendo il GPRS o altro con un protocollo che renderebbe più difficile la fatturazione?Il wireless rimarrà probabilmente domestico e quindi i limiti saranno comunque sempre gli stessi. Però le varie reti domestiche potranno interconnettersi e quindi avrai una grossa rete a bassa potenza.Se invece gli operatori adotteranno il sistema wireless allora abbandoneranno le altre antenne. Perchè mantenere un parco di antenne incompatibili? anche la manutenzione costa.Quindi se il wireless avrà successo e anche gli operatori si piegheranno ci saranno buone probabilità che sparirà tutto quanto il resto GSM, WAP, GPRS, UMTS visto che il wireless potrà probabilmente prendersi carico di tutto quanto. A questo punto si avranno meno antenne e meno radiazioni.Chiaramente però che il wireless come lo conosciamo oggi non è molto adatto alla voce, quindi bisognerà aspettare un po' prima di avere il voice over IP su un wireless cittadino.
    hola
    crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo




    Un numero esiguo rispetto alla

    popolazione,


    e quando si parla di rivoluzioni
    epocali

    non


    si parla di percentili della
    popolazione.


    Poi i professionisti che possono


    rivoluzionare il proprio lavoro per
    merito


    del wi-fi sono una minoranza del

    percentile


    di cui sopra.



    Proprio come i telefonini negli anni '80.

    Eppure hanno rivoluzionato la
    comunicazione

    lo stesso.

    Se il wi-fi rivoluzionera' la comunicazione
    lo fara' nei termini di pervasivita che io
    tanto temo. Per il resto il cambiamento c'e'
    gia stato con i cellulari, qual'e' questo
    grande e positivo stravolgimento dei costumi
    che wireless internet dovrebbe apportare in
    piu'?
    Gia' l'umts e' una tragedia con le sue
    telecamerine del ciufolo, ma non bastava
    poi il gprs per quello che veramente e'
    utile?

    hola
    crackIl problema non è ne il GPS, ne il WAP, ne il GPRS ne l'UMTS.Il problema viene da più parti.In primis dalla gente vuole connettività, in pratica vuole il wireless per collegarsi a Internet e avere tutto quello che ha normalmente sul PC. E tutto questo lo vuole sul telefonino, sul notebook, sul PC di casa, in auto, ...E poi vengono gli operatori telefonici che invece vogliono guadagnare una barca di soldi, che con Internet più o meno non riescono ad incassare perchè fare pagare il traffico sarebbe troppo impopolare e far pagare i servizi è praticamente imposibile con le versioni attuali dei protocolli IP.Quindi cosa fanno? promettono connettività usando protocolli strani e incompatibili da nazione a nazione, che necessitano di roaming, che richiedono l'abbonamento, il pagamento al servizio, al volume e chi più ne ha più ne metta.È evidente che il wireless 802.11x o simile è una gran sfida per gli operatori, perchè in questo modo gli si rende ancora più difficile fatturare le connessioni e il trasferimento dei dati.Ecco perchè i vari operatori si sforzano di promuovere ogni standard possibile invece di concentrarsi a sviluppare in maniera capillare il wireless e lasciando perdere tutti i vari WAP, GPRS e UMTS. Semplicemente perchè con questi ultimi possono guadagnarci un pacco.
  • Anonimo scrive:
    Re: spiagge cosa ?
    se per te internet e' pubblicita'....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    crack,ho letto tutti i tuoi post per farmi un'idea.... volevo dirti una sola parola:fascistabuona notte,l'ultimo neurone del tuo cervello (ora anche lui partito per le vacanze, ora sei proprio solo)
  • Anonimo scrive:
    spiagge cosa ?
    per carità, ci mancherebbe anche che la pubblicità riesca a dannarci anche in spiaggia !per carità noooooo ...un consiglio agli amici di PI e ai lettori: quando andrete in vacanza usate il portatile solo per scaricare le foto digitali delle vostre splendide giornate in spiaggia e al mare senza wi-fi ...... e ci mancherebbeah, dimenticavo, e niente telefonino scassolino scassolinoAdieu.gr8wings.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate


    Un numero esiguo rispetto alla
    popolazione,

    e quando si parla di rivoluzioni epocali
    non

    si parla di percentili della popolazione.

    Poi i professionisti che possono

    rivoluzionare il proprio lavoro per merito

    del wi-fi sono una minoranza del
    percentile

    di cui sopra.

    Proprio come i telefonini negli anni '80.
    Eppure hanno rivoluzionato la comunicazione
    lo stesso.Se il wi-fi rivoluzionera' la comunicazione lo fara' nei termini di pervasivita che io tanto temo. Per il resto il cambiamento c'e' gia stato con i cellulari, qual'e' questo grande e positivo stravolgimento dei costumi che wireless internet dovrebbe apportare in piu'?Gia' l'umts e' una tragedia con le sue telecamerine del ciufolo, ma non bastava poi il gprs per quello che veramente e' utile?holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Sì, le uova si potranno cuocere senza

    metterle in padella... così come i nostri

    cervelli :(

    Quante cazzo di onde arriveranno? :°

    Forse addirittura meno se si potrà
    telefonare su IP.E perche' mai. Il limite dei 10 milliwat e' legato all'uso free domestico. I gestori implementeranno una rete con le stesse caratteristiche dell'umts prima o poi. Amenoche non decidano che l'umts gli e' costato troppo per rimettersi completamente al wi-fiholacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    NOO! :-) Se sono seduto su di una panchina

    e' perche' mi voglio rilassare e prendere
    il

    fresco, non voglio che il pc mi faccia

    venire in mente che in fondo mi posso

    collegare anche li, e che forse posso

    riguardare il lavoro in vista della
    riunione

    di domani!!

    Se sto seduto su di una panchina voglio

    avere l'alibi con me stesso di non poter

    fare un accidenti. Il pc ovunque e' si una

    rivoluzione epocale, ma per gli psichiatri

    ed i loro conti corrente.

    Qual'è la differenza tra il leggersi PI sul
    palmare sopra una panchina o la gazzetta?
    Chiaramente preferisco la gazzetta, ma in
    fondo perchè no?
    Auch! Per trovare la tua risposta ho dovuto ravanare di brutto. Ti prego: quota un minimo :-) Comunque hai puntualizzato sull'aspetto meno importante e ti sei lasciato sfuggire il senso (a mio avviso chiarissimo) di quello che ho dettoholacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Help su linux e wifi roper
    - Scritto da: Anonimo
    Ne possiamo discutere in privato.
    La mia mail è giuseppe@marullo.net

    Ciaograve errore, mai postare il proprio indirizzo e-mail, altrimenti preparati ad essere spammato.Al limite mandalo come "abcd at def.ge" che fa meno danni.
  • Anonimo scrive:
    WIFI...
    E L'inquinamento elettromagnetico.....? Ai signor di intel...non gli frega niente...se questo può fare male?????????
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo
    Sì, le uova si potranno cuocere senza
    metterle in padella... così come i nostri
    cervelli :(
    Quante cazzo di onde arriveranno? :°Forse addirittura meno se si potrà telefonare su IP.Sparirebbero tutte le antenne cellulari e verrebbero rimpiazzate da antenne Wi-Fi.Il problema è che sicuramente cercheranno il modo di farci pagare anche quelle al byte. E se costeranno quanto gli SMS siamo fottuti. :-(
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    Eccoti alcuni esempi che mi vengono in
    mente:

    - GPS che anzichè costringerti a
    distogliere

    lo sguardo dalla strada sovrappongono la

    mappa in semitrasparenza (già avviene su

    aerei ed elicotteri militari di ultima

    generazione)

    Non e' una innovazioone del wi-fi e non e'
    neppure sta rivoluzione di costume


    - sei seduto nel parco su una panchina, ti

    viene voglia di leggere punto-informatico

    ;-D accendi il tuo palmare e te lo leggi

    NOO! :-) Se sono seduto su di una panchina
    e' perche' mi voglio rilassare e prendere il
    fresco, non voglio che il pc mi faccia
    venire in mente che in fondo mi posso
    collegare anche li, e che forse posso
    riguardare il lavoro in vista della riunione
    di domani!!
    Se sto seduto su di una panchina voglio
    avere l'alibi con me stesso di non poter
    fare un accidenti. Il pc ovunque e' si una
    rivoluzione epocale, ma per gli psichiatri
    ed i loro conti corrente.Qual'è la differenza tra il leggersi PI sul palmare sopra una panchina o la gazzetta?Chiaramente preferisco la gazzetta, ma in fondo perchè no?

    - sei in aereo e torni a casa ma non hai

    mandato le cartoline ai tuoi amici (ti
    stavi

    divertendo troppo), ne mandi di virtuali
    via

    e-mail

    - sei in vacanza e decidi di cambiare

    itinerario e vuoi prenotare un albergo, ti

    colleghi da qualsiasi posto sempre con il

    tuo piccolo palmare e controlli la

    disponibilità senza essere costretto a

    parlare cinese (beh, ovviamente eri in

    vacanza in Cina!)

    E magari per smucinare sulla tastiera del
    tuo pda
    non ti accorgi del panda che sta
    attraversando la strada vestito da guardia
    imperiale inseguito da un bonzo in
    lievitazione.
    Io non voglio diventare come i turisti
    giapponesi che si vedevano da ste parti un
    po di anni fa. Sembravano dei cyborg e
    perdevano meta' del loro tempo per far
    funzionare tutti gli aggeggi che avevano
    perdendosi le cose migliori.


    Questi sono tutti esempi tratti dalla vita

    di tutti i giorni, ma ovviamente in futuro

    chissà quali altre idee potrebbero venirci

    in mente.

    Il senso iniziale del mio post era che il
    presentare il wi-fi come una rivoluzione
    epocale fosse non realistico. Invece la
    pervasivita' dell'elettronica nella vita di
    tutti i giorni non e' purtroppo irrealistica
    (gia' c'e') ma potenzialmente pericolosa.


    hola
    crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo
    ciao,

    - Scritto da: Anonimo

    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la

    gente stia attaccata al pc h24? In qualche

    raro caso sara' anche utile ma per la

    stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco

    piu' che una facezia.

    sbagliatissimo!
    te ragioni mettendo la tua realtà di vita al
    centro,,,,
    ci sono solo nel lavoro un numero enorme di
    categorie che ne trarrebbero enorme
    vantaggio, pensa solo a tutti i
    professionisti che per lavoro sono in
    viaggio praticamente 24h su 24Un numero esiguo rispetto alla popolazione, e quando si parla di rivoluzioni epocali non si parla di percentili della popolazione.Poi i professionisti che possono rivoluzionare il proprio lavoro per merito del wi-fi sono una minoranza del percentile di cui sopra.


    Se escludo le ore che

    passo in ufficio e quelle che passo in

    macchina per arrivarci e quelle che passo
    la

    sera con la mia famiglia a casa o a

    passeggio, ma quando mi dovrei collegare
    col

    wireless, tanto da poter dire che si
    tratta

    di un cambiamento epocale?

    ecco come vedi te ragioni partendo dalla tua
    realtàVoglio sperare che sia la realta' di tutti o della maggior parte possibile, perche' altri modi di campare proprio non mi vengono in mente.

    Il vero grande vantaggio del wi-fi sarebbe

    quello della condivisione di banda dal

    basso: gente che condividele proprie

    connessioni gratuitamente con i vicini di

    casa, fino ,utopisticamente parlando,

    ad arrivare ad una internet inter

    condominiale (:-P)parallela assolutamente

    libera.

    questa è una delle applicazioni per es.
    perche no!?Sono un sostenitore accanito di queste possibilita' che cerco anche di realizzare, ma la possibilita' che questi sistemi si radichino e' scarsa. Gli interessi che tocca e la sostanziale incontrollabilita' la rendono indigesta ai legislatori, e il principio di collaborazione fine a se stessa la rende poco appetibile dagli utenti.



    hola

    crack

    mi meraviglio anche che te ti firmi come
    "crack" e poi hai una visione cosi (a mio
    avviso eh) poco elastica della tecnologiaMi firmo come mi firmo non in base a velleita' informatiche o peggio.Crack sta per rottura, rottura di schemi, di pensiero, di balle... holacrack
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che cazzate
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      ciao,



      - Scritto da: Anonimo


      Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la


      gente stia attaccata al pc h24? In
      qualche


      raro caso sara' anche utile ma per la


      stragrande maggioranza(99,99%) sara'
      poco


      piu' che una facezia.



      sbagliatissimo!

      te ragioni mettendo la tua realtà di vita
      al

      centro,,,,

      ci sono solo nel lavoro un numero enorme
      di

      categorie che ne trarrebbero enorme

      vantaggio, pensa solo a tutti i

      professionisti che per lavoro sono in

      viaggio praticamente 24h su 24

      Un numero esiguo rispetto alla popolazione,
      e quando si parla di rivoluzioni epocali non
      si parla di percentili della popolazione.
      Poi i professionisti che possono
      rivoluzionare il proprio lavoro per merito
      del wi-fi sono una minoranza del percentile
      di cui sopra.Proprio come i telefonini negli anni '80.Eppure hanno rivoluzionato la comunicazione lo stesso.




      Se escludo le ore che


      passo in ufficio e quelle che passo in


      macchina per arrivarci e quelle che
      passo

      la


      sera con la mia famiglia a casa o a


      passeggio, ma quando mi dovrei
      collegare

      col


      wireless, tanto da poter dire che si

      tratta


      di un cambiamento epocale?



      ecco come vedi te ragioni partendo dalla
      tua

      realtà

      Voglio sperare che sia la realta' di tutti o
      della maggior parte possibile, perche' altri
      modi di campare proprio non mi vengono in
      mente.



      Il vero grande vantaggio del wi-fi
      sarebbe


      quello della condivisione di banda dal


      basso: gente che condividele proprie


      connessioni gratuitamente con i vicini
      di


      casa, fino ,utopisticamente parlando,


      ad arrivare ad una internet inter


      condominiale (:-P)parallela
      assolutamente


      libera.



      questa è una delle applicazioni per es.

      perche no!?

      Sono un sostenitore accanito di queste
      possibilita' che cerco anche di realizzare,
      ma la possibilita' che questi sistemi si
      radichino e' scarsa. Gli interessi che tocca
      e la sostanziale incontrollabilita' la
      rendono indigesta ai legislatori, e il
      principio di collaborazione fine a se stessa
      la rende poco appetibile dagli utenti.







      hola


      crack



      mi meraviglio anche che te ti firmi come

      "crack" e poi hai una visione cosi (a mio

      avviso eh) poco elastica della tecnologia

      Mi firmo come mi firmo non in base a
      velleita' informatiche o peggio.
      Crack sta per rottura, rottura di schemi, di
      pensiero, di balle...


      hola
      crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo

    Eccoti alcuni esempi che mi vengono in mente:
    - GPS che anzichè costringerti a distogliere
    lo sguardo dalla strada sovrappongono la
    mappa in semitrasparenza (già avviene su
    aerei ed elicotteri militari di ultima
    generazione)Non e' una innovazioone del wi-fi e non e' neppure sta rivoluzione di costume
    - sei seduto nel parco su una panchina, ti
    viene voglia di leggere punto-informatico
    ;-D accendi il tuo palmare e te lo leggiNOO! :-) Se sono seduto su di una panchina e' perche' mi voglio rilassare e prendere il fresco, non voglio che il pc mi faccia venire in mente che in fondo mi posso collegare anche li, e che forse posso riguardare il lavoro in vista della riunione di domani!!Se sto seduto su di una panchina voglio avere l'alibi con me stesso di non poter fare un accidenti. Il pc ovunque e' si una rivoluzione epocale, ma per gli psichiatri ed i loro conti corrente.
    - sei in aereo e torni a casa ma non hai
    mandato le cartoline ai tuoi amici (ti stavi
    divertendo troppo), ne mandi di virtuali via
    e-mail
    - sei in vacanza e decidi di cambiare
    itinerario e vuoi prenotare un albergo, ti
    colleghi da qualsiasi posto sempre con il
    tuo piccolo palmare e controlli la
    disponibilità senza essere costretto a
    parlare cinese (beh, ovviamente eri in
    vacanza in Cina!)E magari per smucinare sulla tastiera del tuo pda non ti accorgi del panda che sta attraversando la strada vestito da guardia imperiale inseguito da un bonzo in lievitazione.Io non voglio diventare come i turisti giapponesi che si vedevano da ste parti un po di anni fa. Sembravano dei cyborg e perdevano meta' del loro tempo per far funzionare tutti gli aggeggi che avevano perdendosi le cose migliori.
    Questi sono tutti esempi tratti dalla vita
    di tutti i giorni, ma ovviamente in futuro
    chissà quali altre idee potrebbero venirci
    in mente.Il senso iniziale del mio post era che il presentare il wi-fi come una rivoluzione epocale fosse non realistico. Invece la pervasivita' dell'elettronica nella vita di tutti i giorni non e' purtroppo irrealistica (gia' c'e') ma potenzialmente pericolosa.holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    ciao,- Scritto da: Anonimo
    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la
    gente stia attaccata al pc h24? In qualche
    raro caso sara' anche utile ma per la
    stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco
    piu' che una facezia. sbagliatissimo!te ragioni mettendo la tua realtà di vita al centro,,,,ci sono solo nel lavoro un numero enorme di categorie che ne trarrebbero enorme vantaggio, pensa solo a tutti i professionisti che per lavoro sono in viaggio praticamente 24h su 24
    Se escludo le ore che
    passo in ufficio e quelle che passo in
    macchina per arrivarci e quelle che passo la
    sera con la mia famiglia a casa o a
    passeggio, ma quando mi dovrei collegare col
    wireless, tanto da poter dire che si tratta
    di un cambiamento epocale? ecco come vedi te ragioni partendo dalla tua realtà
    Il vero grande vantaggio del wi-fi sarebbe
    quello della condivisione di banda dal
    basso: gente che condividele proprie
    connessioni gratuitamente con i vicini di
    casa, fino ,utopisticamente parlando,
    ad arrivare ad una internet inter
    condominiale (:-P)parallela assolutamente
    libera. questa è una delle applicazioni per es. perche no!?io abito in una casa divisa in 3 appartamenti e con mio padre abbiamo messo su una rete wirless per condividere internet, file e a volte per una partitina a qualche gioco...certo di strada se ne deve ancora fare ma tutte le tecnologie hanno un cammino ed una avoluzione da compiere.

    hola
    crackmi meraviglio anche che te ti firmi come "crack" e poi hai una visione cosi (a mio avviso eh) poco elastica della tecnologiain un altro post vengono sollevati dubbi sulla sicurezza.... va benissimo, sono leciti ma non è questo il punto della discussione ora... anche se cmq una rete wirless già oggi se ben configurata non è che sia cosi facile entrarci per fare il buono e cattivo tempo ehciao
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Help su linux e wifi roper
    Ne possiamo discutere in privato.La mia mail è giuseppe@marullo.netCiao
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    Sì, le uova si potranno cuocere senza metterle in padella... così come i nostri cervelli :(Quante cazzo di onde arriveranno? :°
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate

    Mha. Ripeto la domanda: ma quando lo usi il
    pc? Quando ti serve veramente essere
    collegato in rete al di fuori del posto di
    lavoro o di casa?Eccoti alcuni esempi che mi vengono in mente:- GPS che anzichè costringerti a distogliere lo sguardo dalla strada sovrappongono la mappa in semitrasparenza (già avviene su aerei ed elicotteri militari di ultima generazione)- sei seduto nel parco su una panchina, ti viene voglia di leggere punto-informatico ;-D accendi il tuo palmare e te lo leggi- sei in aereo e torni a casa ma non hai mandato le cartoline ai tuoi amici (ti stavi divertendo troppo), ne mandi di virtuali via e-mail- sei in vacanza e decidi di cambiare itinerario e vuoi prenotare un albergo, ti colleghi da qualsiasi posto sempre con il tuo piccolo palmare e controlli la disponibilità senza essere costretto a parlare cinese (beh, ovviamente eri in vacanza in Cina!)Questi sono tutti esempi tratti dalla vita di tutti i giorni, ma ovviamente in futuro chissà quali altre idee potrebbero venirci in mente.Poi è chiaro che non si deve esagerare. Io p.es. il cellulare lo tengo più spento che acceso, ma quando serve è meglio averlo! Ci sono tantissime volte in cui avrei voluto avere una connessione ad Internet a portata di mano e non potevo averla... se i costi saranno accettabili e la sicurezza pure, stai tranquillo che il Wi-Fi (o tecnologia analoga) si diffonderà a macchia d'olio in tempi davvero brevi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    Beh, a me sembra un evoluzione naturale di Internet come lo è stata per il telefono.Prima si usava solo il telefono fisso, poi è stato inventato il portatile, reazioni: chi ne avrà mai bisogno? forse i managers, forse i medici. Ma sicuramente non la gente comune. Io quando mi allontano dal telefono è per non essere raggiunto, chissà che incubo quando avrò il telefono che mi squilla in tasca.Ora non nessuno si muove più se non ha il telefonino acceso in tasca.Prima si usava Internet unicamente dalla postazione fissa, principalmente per inviare/ricevere e-mail, poi è stato inventato il wireless, reazioni: chi ne avrà bisogno? forse i managers, forse i medici. Ma sicuramente ... (rileggere quanto scritto per il telefonino)Quanto tempo manca prima che più nessuno esca di casa senza l'appliance necessaria al collegamento rete permanente? forse tra 10 anni nessuno riuscirà più a concepire il fatto che non ci sia.È proprio così terribile?si nel caso in cui il sistema si trasformasse in un modo supplementare per tracciare i nostri movimenti e per spillarci quattrini facendoci pagare 1? a byte.no nel caso si trattasse di una vera estensione al net, con tutte le sue libertà (e chiaramente ai rischi) che esso comporta.Vi auguro di vivere in un'epoca interessante.- Scritto da: Anonimo
    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la
    gente stia attaccata al pc h24? In qualche
    raro caso sara' anche utile ma per la
    stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco
    piu' che una facezia. Se escludo le ore che
    passo in ufficio e quelle che passo in
    macchina per arrivarci e quelle che passo la
    sera con la mia famiglia a casa o a
    passeggio, ma quando mi dovrei collegare col
    wireless, tanto da poter dire che si tratta
    di un cambiamento epocale?
    Il vero grande vantaggio del wi-fi sarebbe
    quello della condivisione di banda dal
    basso: gente che condividele proprie
    connessioni gratuitamente con i vicini di
    casa, fino ,utopisticamente parlando,
    ad arrivare ad una internet inter
    condominiale (:-P)parallela assolutamente
    libera.

    hola
    crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo
    Non lo è per nulla.
    Pensa solo, ad esempio, ai medici nelle
    corsie degli ospedali, che possono avere la
    possibilità di utilizzare un tablet pc
    collegato via wireless e controllare tutte
    le cartelle cliniche dei pazienti, con tutti
    i benefici che una scheda digitale può
    fornire rispetto ad una cartacea.
    Innanzitutto non mi pare che questa applicazione abbia a che fare con il succo del discorso che e' l'uso di una rete distribuita e l'influsso sulla societa' della connettibilita' h24. Quello di cui parli e' un uso canonico di una tecnologia contro la quale non ho nulla personalmente. Sono gli usi pervasivi che mi preoccupano. Nello specifico poi qualche problema potrebbe esserci invece. Ad esempio quello della sicurezza, visto che un worm o qualche scriteriato potrebbe in effetti modificare le cartelle digitalizzate. Ma forse non e' una contestazione sufficiente a confutare i vantaggi.holacrack
  • cla scrive:
    [OT] Help su linux e wifi roper
    Scusate se posto qui, spero di non tirarmi addosso le ire di nessuno, ma ho acquistato una scheda wifi della roper (FreeLan) e la mia red hat 8 non me la riconosce ... o almeno penso non me la riconosca. Qualcuno sa che chipset usa la scheda in questione?Grazie e scusate l'OTCla
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo
    ...ed inoltre c'è gente (i disabili
    sensoriali) che con i pc comunica con le
    atre persone. Pensa che cosa potrebbe
    significare per loro (e per chi con loro
    vive e li istruisce) utilizzare un sistema
    wi-fi.Cioe' mi stai dicendo che un disabile potrebbe andare in giro munito di sistema wireless per comunicare con gli altri? Questa per un disabile sarebbe un ottima cosa ma sarebbe subordinata alla diffusione del wi-fi(e o umts) nella societa', cosa che per altri motivi non auspico.holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo
    Evidentemente non hai lungimiranza...Se ne avessi vivrei nel terrore del futuro ;-)
    Ai tempi dei primi telefoni, il direttore
    delle poste (mi pare inglesi), affermò che
    la nuova invenzione sarebbe stata
    assolutamente inutileIl direttore delle poste faceva marketing evidentemente. Il cellulare rappresenta una rivoluzione sociale perche e' un filo diretto continuo con la rete di contatti umani che ognuno di noi ha. Sei sempre reperibile e puoi sempre contattare chiunque. Una cosa non da poco. Ma rispetto a questo il wi-fi (o altra tecnologia similare) che cosa introduce di nuovo? Ripeto che se questo sistema mi permettera' di alienarmi dal controllo classico sulla rete sara' il benvenuto altrimenti non saprei proprio quali vantaggi reali possa portare. Se poi diventera' un sostituto economico delle reti gsm ed umts allora mi rimangero' tutto :-)
    Quando uscirono i primi cellulari, ricordo
    che la gente li utilizzava per chiamare gli
    amici al tavolo accanto in pizzeria; oggi
    non se ne può quasi più fare a meno.
    Idem per i messaggini SMS e per la posta
    elettronica.Dell'utilita' degli SMS e dell'uso che se ne fa potremmo parlarne, ma che la posta elettronica fosse una grande innovazione era chiaro sin dagli anni 70
    Non pensare oggi ai PC portatili, ma pensa a
    domani quando con un palmare o un computer
    indossabile potrai essere in contatto con il
    mondo intero con un auricolare, un piccolo
    visore ed un guanto da realtà virtuale.
    Fantascienza? No,Un incubo, altroche' fantascienza. realtà già oggi e nel giro
    di pochi anni (secondo me non più di dieci),
    i cyberuomini con visore incorporato saranno
    la maggioranza nei paesi ad elevato tenore
    di vita. Del resto, chi oggi ha il vivavoce
    per il cellulare è, nel suo piccolo, già un
    piccolo cyberuomo; aggiungi un monitor
    oculare (già esistente e utilizzato
    nell'industria dai tecnici che controllano
    gli impianti e necessitano di consultare
    documentazioni tecniche mantenendo le mani
    libere) e il futuro è già qui...Per chi? Passi per un tecnico (gia' esistono coase del genere) ma ti pare possibile che ci si metta tutti ad andare in giro con il visore che ti spara decine di alert e info per la strada? Ma che vita di m.... vogliamo costruirci?
    Altro che cazzate! Il Wi-Fi sta dando il via
    alla totale indipendenza delle reti dati
    dalla posizione geografica del terminale;
    come già avviene oggi per i cellulari,
    domani tutto il paese sarà sotto un reticolo
    Wi-Fi (o equivalente) e la cosa mi sembra
    estremamente interessante!Mha. Ripeto la domanda: ma quando lo usi il pc? Quando ti serve veramente essere collegato in rete al di fuori del posto di lavoro o di casa?holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    ...ed inoltre c'è gente (i disabili sensoriali) che con i pc comunica con le atre persone. Pensa che cosa potrebbe significare per loro (e per chi con loro vive e li istruisce) utilizzare un sistema wi-fi.- Scritto da: Anonimo
    Non lo è per nulla.
    Pensa solo, ad esempio, ai medici nelle
    corsie degli ospedali, che possono avere la
    possibilità di utilizzare un tablet pc
    collegato via wireless e controllare tutte
    le cartelle cliniche dei pazienti, con tutti
    i benefici che una scheda digitale può
    fornire rispetto ad una cartacea.


    - Scritto da: Anonimo

    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la

    gente stia attaccata al pc h24? In qualche

    raro caso sara' anche utile ma per la

    stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco

    piu' che una facezia. Se escludo le ore
    che

    passo in ufficio e quelle che passo in

    macchina per arrivarci e quelle che passo
    la

    sera con la mia famiglia a casa o a

    passeggio, ma quando mi dovrei collegare
    col

    wireless, tanto da poter dire che si
    tratta

    di un cambiamento epocale?

    Il vero grande vantaggio del wi-fi sarebbe

    quello della condivisione di banda dal

    basso: gente che condividele proprie

    connessioni gratuitamente con i vicini di

    casa, fino ,utopisticamente parlando,

    ad arrivare ad una internet inter

    condominiale (:-P)parallela assolutamente

    libera.



    hola

    crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    Non lo è per nulla.Pensa solo, ad esempio, ai medici nelle corsie degli ospedali, che possono avere la possibilità di utilizzare un tablet pc collegato via wireless e controllare tutte le cartelle cliniche dei pazienti, con tutti i benefici che una scheda digitale può fornire rispetto ad una cartacea.- Scritto da: Anonimo
    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la
    gente stia attaccata al pc h24? In qualche
    raro caso sara' anche utile ma per la
    stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco
    piu' che una facezia. Se escludo le ore che
    passo in ufficio e quelle che passo in
    macchina per arrivarci e quelle che passo la
    sera con la mia famiglia a casa o a
    passeggio, ma quando mi dovrei collegare col
    wireless, tanto da poter dire che si tratta
    di un cambiamento epocale?
    Il vero grande vantaggio del wi-fi sarebbe
    quello della condivisione di banda dal
    basso: gente che condividele proprie
    connessioni gratuitamente con i vicini di
    casa, fino ,utopisticamente parlando,
    ad arrivare ad una internet inter
    condominiale (:-P)parallela assolutamente
    libera.

    hola
    crack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate

    Non basarti su come usi tu il PC, e
    soprattutto non pensare che ciò che fai tu
    lo fa il 99,99% degli utenti....Guardati
    attorno.Io uso il pc come il 99 (ti abbono lo 0.99 eh) delle persone che ne possiedono uno. Gli usi sani del pc quelli sono, e se il pc dovesse invadere la mia vita per piu' di quello che e' necessario sarebbe una tragedia. Riflettiamo insieme: dove vedi questa rivoluzione sociale nel wi-fi al di la di quella utopistica da me accennata?holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    - Scritto da: Anonimo
    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la
    gente stia attaccata al pc h24? In qualche
    raro caso sara' anche utile ma per la
    stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco
    piu' che una facezia. Se escludo le ore che
    passo in ufficio e quelle che passo in
    macchina per arrivarci e quelle che passo la
    sera con la mia famiglia a casa o a
    passeggio, ma quando mi dovrei collegare col
    wireless, tanto da poter dire che si tratta
    di un cambiamento epocale? Non basarti su come usi tu il PC, e soprattutto non pensare che ciò che fai tu lo fa il 99,99% degli utenti....Guardati attorno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    Esatto... sarà il futuro.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che cazzate
    Evidentemente non hai lungimiranza...Ai tempi dei primi telefoni, il direttore delle poste (mi pare inglesi), affermò che la nuova invenzione sarebbe stata assolutamente inutile visto l'efficientissimo sistema postale di cui disponeva la popolazione. Ovviamente, niente di più sbagliato!Quando uscirono i primi cellulari, ricordo che la gente li utilizzava per chiamare gli amici al tavolo accanto in pizzeria; oggi non se ne può quasi più fare a meno.Idem per i messaggini SMS e per la posta elettronica.Non pensare oggi ai PC portatili, ma pensa a domani quando con un palmare o un computer indossabile potrai essere in contatto con il mondo intero con un auricolare, un piccolo visore ed un guanto da realtà virtuale.Fantascienza? No, realtà già oggi e nel giro di pochi anni (secondo me non più di dieci), i cyberuomini con visore incorporato saranno la maggioranza nei paesi ad elevato tenore di vita. Del resto, chi oggi ha il vivavoce per il cellulare è, nel suo piccolo, già un piccolo cyberuomo; aggiungi un monitor oculare (già esistente e utilizzato nell'industria dai tecnici che controllano gli impianti e necessitano di consultare documentazioni tecniche mantenendo le mani libere) e il futuro è già qui...Altro che cazzate! Il Wi-Fi sta dando il via alla totale indipendenza delle reti dati dalla posizione geografica del terminale; come già avviene oggi per i cellulari, domani tutto il paese sarà sotto un reticolo Wi-Fi (o equivalente) e la cosa mi sembra estremamente interessante!
  • Anonimo scrive:
    Ma che cazzate
    Ma quale rivoluzione. Ma pensano che la gente stia attaccata al pc h24? In qualche raro caso sara' anche utile ma per la stragrande maggioranza(99,99%) sara' poco piu' che una facezia. Se escludo le ore che passo in ufficio e quelle che passo in macchina per arrivarci e quelle che passo la sera con la mia famiglia a casa o a passeggio, ma quando mi dovrei collegare col wireless, tanto da poter dire che si tratta di un cambiamento epocale? Il vero grande vantaggio del wi-fi sarebbe quello della condivisione di banda dal basso: gente che condividele proprie connessioni gratuitamente con i vicini di casa, fino ,utopisticamente parlando,ad arrivare ad una internet inter condominiale (:-P)parallela assolutamente libera. holacrack
Chiudi i commenti