Cracking ad alta quota: si può fare?

Un ricercatore di sicurezza avrebbe confessato i suoi tentativi (riusciti) di compromissione dei sistemi informatici degli aerei di linea. E' solo impegno per migliorare le cose, dice l'interessato

Roma – Stando a quanto sostiene l’FBI, Chris Roberts sarebbe responsabile del cracking di almeno un volo di linea , della compromissione del computer di bordo e l’invio di un comando capace di modificare il comportamento del velivolo. Roberts, neanche a dirlo, controbatte alle accuse dicendo di essere stato male interpretato.

Le capacità di cracking ad alta quota di Roberts sarebbero state rivelate dallo stesso ricercatore a Mark Hurley, agente dell’FBI che ha poi proceduto al sequestro dell’attrezzatura del cracker inclusiva di chiavette USB, un portatile MacBook Pro e un tablet iPad Air.

Roberts, fondatore della security company One World Labs, è stato interpellato dall’FBI già due volte nel corso degli ultimi mesi: il suo tentativo di cracking aereo riuscito rappresenterebbe la prova concreta della veridicità degli allarmi recentemente lanciati da un discusso rapporto del Government Accountability Office (GAO) statunitense sulla “crackabilità” dei voli di linea.

Il ricercatore avrebbe “confessato” di sua spontanea volontà di aver eseguito l’hacking dei sistemi informatici di bordo di decine di aerei Airbus e Boeing nel corso degli ultimi anni; nel caso aperto dall’agente Hurley, Roberts avrebbe compromesso il Thrust Management Computer del suo volo riuscendo a inviare un comando (“CLB”) per far salire di quota l’aereo.

Roberts si difende dalle accuse dell’FBI, dicendo di essere vittima di una citazione fuori contesto: il ricercatore è impegnato da 5 anni con l’unico obiettivo di migliorare la sicurezza degli aerei di linea, ha spiegato Roberts, e la semplificazione del Bureau avrebbe ridotto questo lavoro in un solo paragrafo di testo. La stessa community dei ricercatori di sicurezza sembra smentire l’FBI, invitando alla prudenza: per crackare un aereo in volo è un’operazione estremamente complessa e richiede la concorrenza di numerosi fattori che non sembrano emergere dal resoconto delle autorità riguardo all’operatori di Roberts.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sg@bbio scrive:
    FAIL
    Considerando l'esborso di denaro necessario per usare l'aggeggio, credo che fallirà.
    • ... scrive:
      Re: FAIL
      Per quanto mi riguarda è già fallito. Niente di meglio di un classico monitor 4K, rigorosamente piatto.Caschetti e/o occhiali da ebete se li possono tenere.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: FAIL
        Il problema non è la tecnologia in se, visto che funziona.Ma come l'hanno conciato su! Per usarlo, devi spendere una fortuna di HW, questo limita di forza il numero di potenziali fruitori.
        • ... scrive:
          Re: FAIL
          * i5 4590 = 184 euro (+ altri 100 per una mobo decente = 284 euro)* r9 290 = 280 euro* 12gb ddr3 1600 cl7 = 126 euro= 690 euro.Non mi sembra proprio una "fortuna".
          • rockroll scrive:
            Re: FAIL
            - Scritto da: ...
            * i5 4590 = 184 euro (+ altri 100 per una mobo
            decente = 284
            euro)
            * r9 290 = 280 euro
            * 12gb ddr3 1600 cl7 = 126 euro

            = 690 euro.

            Non mi sembra proprio una "fortuna".OOO... OO... O.Culus... Oh Cielo, la scimmia monta, corro a comprarlo!PS: non di sola CPU+GPU+MoBo è fatto un PC.
          • ... scrive:
            Re: FAIL
            - Scritto da: rockroll
            PS: non di sola CPU+GPU+MoBo è fatto un PC.Infatti ci stavano anche le ram, nel caso non te ne fossi accorto.Si suppone, ovviamente, che case e perifiche varie uno ce li abbia già.Ma anche se così non fosse, essendo quelle le parti più econonomiche, basta aggiungere 100-150 euro al totale.
    • saverio_ve scrive:
      Re: FAIL
      - Scritto da: Sg@bbio
      Considerando l'esborso di denaro necessario per
      usare l'aggeggio, credo che
      fallirà.Non credo che il costo del pc sia un problema, esistono montagne di videogiocatori che hanno configurazioni simili o maggiori.Tutto starà nel valutare il numero e la qualità dei titoli compatibili e l'usabilità dell'aggeggio...Se ad esempio pesa un quintale e ti viene il torcicollo, oppure dopo 10 min ti viene la labirintite... potrebbe essere un problema.Però il fascino del progetto è indubbio.
Chiudi i commenti