Credito d'imposta fino al 100%: come richiederlo con myPOS

Credito d'imposta fino al 100%: come richiederlo con myPOS

Anche myPOS, in quanto prestatore di servizi di pagamento, permette di richiedere il credito d'imposta fino al 100%.
Anche myPOS, in quanto prestatore di servizi di pagamento, permette di richiedere il credito d'imposta fino al 100%.

Il credito d’imposta – citando il sito web ufficiale dell’Agenzia delle Entrate – è «un’agevolazione destinata agli imprenditori o lavoratori autonomi» che hanno utilizzato il POS per accettare pagamenti elettronici. Introdotto con la legge 157/2019, permette quindi di richiedere un credito d’imposta del 30% sui costi di commissione per i servizi di pagamento digitali.

Il decreto fiscale 99/2021 ha previsto un aumento di questo credito, dal 30% al 100% per le commissioni pagate nel periodo dal 1 luglio 2021 al 30 giugno. Sempre, naturalmente, se l’esercente rispetti determinati requisiti. Se sei un cliente myPOS – o stai pensando di diventarlo – ecco come richiedere il credito d’imposta e quali sono i requisiti necessari per presentare domanda.

A chi è destinato il credito d’imposta?

Il credito d’imposta del 30% è un’agevolazione rivolta alle attività che mettono a disposizione un servizio di pagamento tracciabile e che nell’anno precedente abbiano fatturato massimo 400 mila euro. Quello del 100%, invece, è riservato agli esercenti con terminali di pagamento collegati a registratori telematici e che abbiano accumulato ricavi e compensi per un importo inferiore ai 400 mila euro.

Fare richiesta è semplicissimo: basta compilare l’apposito modello F24 dell’Agenzia delle Entrate in cui si dichiarano i costi di commissione pagati ai prestatori di servizi di pagamento. Anche myPOS, in quanto prestatore di servizio, permette ai suoi utenti di usufruire del bonus POS: ciò non cambierà nulla sulle commissioni, che rimarranno invariate all’1,20% + 0,05 euro.

pagamenti POS

Perché scegliere un POS mobile myPOS senza canone

Terminali completamente autonomi, che non necessitano di essere collegati a nessun altro dispositivo per accettare i pagamento. Ma soprattutto: senza canone mensile né annuale, solo il costo una tantum del dispositivo e le commissioni per transazione. Parliamo di myPOS, una piattaforma innovativa nel settore dei pagamenti elettronici, che permette a chiunque di adeguarsi alla normativa senza l’obbligo di affidarsi a un istituto bancario o di aprire un conto corrente per l’utilizzo.

Il denaro ricevuto da un pagamento elettronico, infatti, con myPOS vengono istantaneamente accreditati all’interno di un conto esercente multi-valuta con IBAN dedicati e da qui possono essere trasferiti altrove. I terminali myPOS sono dotati di connettività internet gratuita grazie alla scheda SIM inclusa nel prezzo – ma è disponibile anche la connessione via Wi-Fi – e sono in grado di accettare qualsiasi tipologia di pagamento. I costi partono da un minimo di 39 euro e le commissioni per transazione sono pari a 1,20% è 0,05 euro per tutte le soluzioni proposte dal servizio.

myPOS è la soluzione più adatta per coloro che cercano un POS mobile, senza canone mensile o annuale, con buone commissioni per transazione e che vogliano richiedere il credito d’imposta in sicurezza. A questo link puoi visualizzare l’ampia gamma di terminali a disposizione e tutte le caratteristiche incluse.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 gen 2023
Link copiato negli appunti