Cyber-attacchi, le vittime devono parlare

La SEC distribuisce una nuova serie di regole comportamentali per le società quotate in Borsa e cadute vittima di attacchi. Spunta l'obbligo della divulgazione dettagliata anche per gli incidenti avvenuti in passato

Roma – I membri del Congresso statunitense avevano richiesto nuove regole per la trasparenza riguardo agli attacchi informatici subiti dalle aziende, e la Securities and Exchange Commission (SEC) ha finalmente risposto con la pubblicazione di linee guida e obblighi specifici da adottare in caso di “rischi alla cyber-sicurezza e cyber-incidenti”.

Le linee guida pongono una serie di condizioni per la pubblicazione di dettagli su eventuali incidenti informatici, condizioni vincolanti per le aziende private quotate in Borsa e che saranno utili a valutarne l’affidabilità e le pratiche di sicurezza.

In particolare la SEC prevede ora che una azienda comunichi i rischi di un possibile attacco “se questi problemi sono compresi tra i fattori più significativi che rendono un investimento nell’azienda speculativo o rischioso”. Spetterà alle aziende valutare con attenzione l’importanza di questi fattori, e quindi la eventuale necessità di informare il pubblico sulla questione.

La trasparenza sui cyber-attacchi e i rischi di cyber-attacchi non sarà a ogni modo obbligatoria in tutti i casi, e le nuove regole della SEC dovrebbero appunto servire a stabilire quando l’obbligo sussiste e quando invece la vittima potrà non informare il pubblico.

Una delle regole che più fa discutere è certamente la possibilità per le aziende di vedersi costrette a fornire rapporti dettagliati in merito a incidenti già avvenuti in passato: se una società è già stata colpita da un malware che ha rubato dati sensibili degli utenti, suggerisce la SEC, comunicare che “esiste un rischio” di cyber-attacco non basterà, ma occorrerà fornire tutti i particolari dell’incidente subito.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    Gli USA on vogliono concorrenza
    Gia' c'e' la CIA e l'FBI a spiare gli statunitensi, e ovvio che il Governo voglia mantenere tale attivita' a livello monopolistico.
  • Anonimo scrive:
    Huawei
    vedo che molti di voi citano le chiavette usb...Non conoscete affatto Huawei.E' leader insieme ad ericsson nella costruzioni di infrastrutture per telecom operator e gia' oggi in italia le reti vodafone telecom 3g etc si basano su prodotti huawei.
    • claudio scrive:
      Re: Huawei
      Specifico: 1/4 di Vodafone, 1/4 di Telecom, è in corso la gara fra Ericsson e Huawei per l'intera rete Wind. H3G è tutta Ericsson.
      • quota scrive:
        Re: Huawei
        - Scritto da: claudio
        Specifico: 1/4 di Vodafone, 1/4 di Telecom, è in
        corso la gara fra Ericsson e Huawei per l'intera
        rete Wind. H3G è tutta
        Ericsson.Poi il restante è Nokia siemens... praticamente siamo in mano a tutti paesi stranieri... saranno gli americani maniaci o siamo noi fessi?
        • claudio scrive:
          Re: Huawei
          Non sono sicuro ma la divisione delle reti dovrebbe essere così:Vodafone (25% Huawei; 25% Ericsson; 50% Nokia Siemens Network)Wind (10% Huawei; 40% Ericsson; 50% Nokia Siemens Network - In futuro 100% Ericsson o 100% Huawei)Tim (25% Huawei; 50% Ericsson; 25% Nokia Siemens Network)H3G (100% Ericsson)I rapporti sono diversi anche in base alla generazione (2g o 3g) ho fatto una media probabile, ma non ci sono dati ufficialiNSN e Ericsson hanno una grande affidabilità, ma la Huawei offre i suoi apparati quasi gratuitamente alle telecom mobiliIl mercato è sempre stato dominato dall'Europa con l'eccezione della Canadese Nortel molto popolare negli USA che è fallita e che ha permesso in particolare ad Ericsson di espandere il mercato oltre oceano.Ora c'è l'avvento dei "copioni" Huawei (ormai sono 3 anni che girano), apparati e sw di gestione molto simile a quelli Ericsson. C'è anche la New Entry Cinese ZTE, che ancora non è riuscita ed entrare nel mercato italiano anche se ci sta provando da almeno un anno.La prima decade di questo secolo aveva diviso l'intero mercato mondiale in 4 fette (Ericsson, Siemens, Nokia e Nortel) ad Ericsson 1/3 il resto diviso dagli altri 3. Prezzi fissi e alti con una sorta di cartello. Ericsson ha cominciato a mangiarsi sempre più terreno, soprattutto negli USA portando la Nortel al fallimento, mentre l'arrivo della Huawei a fatto crollare i prezzi dell'HW costringendo a vedere le politiche di tutti gli altri, che tra l'altro hanno obbligato Nokia e Siemens ad unirsi. L'Esempio H3G/Ericsson (Copertura di tutta la rete e presa in carico di tutta la sua gestione e manutenzione) sta diventando l'obbiettivo di tutti gli operatori che cercano di coprire le "perdite" del hw vendendoci sopra i servizi di gestione.Tutto questo dovrebbe porta ad una diminuzione dei prezzi.
  • grubbolo scrive:
    Stupid white man
    Non c'è da stupirsi: qualunque decisione presa o comportamento tenuto dagli Americani è spiegabile con la paura.
  • Grande Problema scrive:
    gli USA sanno bene cosa è spiare
    Attraverso le proprie aziende, pensano che i cinesi potrebbero fare il gioco sXXXXX perchè a occhio e croce loro è una vita che lo stanno facendo, secondo me c'è gente che tutti i giorni si sveglia con la commozione agli occhi pensando a FB, Google, MS, ai PC con dei chippini che magari hanno on board 2 istruzioncine di quelle giuste, qualunque cosa installi, per non parlare di cellulari, altri apparecchi, presto pure i frigoriferi intelligenti con IPV6, in rete e indirizzo univoco, il governo saprà che vi scade lo Yogurt ancora prima che voi apriate la porta del frigo.Gli spioni di stato sono dei sentimentali, immagino le vertigini che provano i vecchi, ai tempi che furono dovevano addestrarsi a torturare la gente, noiosi pedinamenti, piazzare cimici, mo' tutti corrono a raccontare i cacchi loro e di tutti spontaneamente, anche le cose più riservate e intime. Un sogno fatto realtà, oltre la realtà.E i poveri XXXXXXXXX come me che avvertono che è meglio usare un pò di prudenza che vengono presi per il c...., ma come Gmail è unaXXXXXta, 10 anni di mail accumulate, comodossimo, dropbox evviva, i back up e la connessione permamente 24/24 7/7 un sogno ...
    • krane scrive:
      Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
      - Scritto da: Grande Problema
      Attraverso le proprie aziende, pensano che i
      cinesi potrebbero fare il gioco sXXXXX perchè a
      occhio e croce loro è una vita che lo stanno
      facendo, secondo me c'è gente che tutti i giorni
      si sveglia con la commozione agli occhi pensando
      a FB, Google, MS, ai PC con dei chippini che
      magari hanno on board 2 istruzioncine di quelle
      giuste, qualunque cosa installi, per non parlare
      di cellulari, altri apparecchi, presto pure i
      frigoriferi intelligenti con IPV6, in rete e
      indirizzo univoco, il governo saprà che vi scade
      lo Yogurt ancora prima che voi apriate la porta
      del
      frigo.

      Gli spioni di stato sono dei sentimentali,
      immagino le vertigini che provano i vecchi, ai
      tempi che furono dovevano addestrarsi a torturare
      la gente, noiosi pedinamenti, piazzare cimici,
      mo' tutti corrono a raccontare i cacchi loro e di
      tutti spontaneamente, anche le cose più riservate
      e intime. Un sogno fatto realtà, oltre la
      realtà.

      E i poveri XXXXXXXXX come me che avvertono che è
      meglio usare un pò di prudenza che vengono presi
      per il c...., ma come Gmail è unaXXXXXta, 10 anni
      di mail accumulate, comodossimo, dropbox evviva,
      i back up e la connessione permamente 24/24 7/7
      un sogno ...Guarda che c'e' uno studio europeo del 2000 che dimostra quanto abbiamo perso economicamente a causa dello spionaggio industriale effettuato da Echelon ai nostri danni. Lo stesso studio consigliava la criptazione per ogni messaggio inerente il mondo del lavoro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 ottobre 2011 12.00-----------------------------------------------------------
    • JackRackham scrive:
      Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
      Forse dovreste proprio dare via il computer e disdire l'adsl, altrimenti non sarete mai sicuri...E il cellulare? Via pure quello che ormai col GPS sanno pure dove siete.E da domani solamente prelievi allo sportello, niente bancomat e niente carta di credito che poi vi tracciano. Anzi, da domani i soldi dentro il materasso che le banche poi chissà come incrociano le vostre operazioni.Occhio pure quando andate a fare la spesa che nei supermercati ci sono le telecamere.Anzi, non uscite proprio di casa che ormai ste telecamere sono ovunque, ce ne sono 3 anche nel mio garage!E quando siete a casa scollegate tutti gli elettrodomestici e non utilizzate luce, acqua e gas, che poi dai contatori riescono a capire che siete a casa e anche che elettrodomestico state utilizzando.Forse avete visto troppi film... va bene la riservatezza ma facciamo che non scada nella paranoia, che è una malattia seria. E ricordatevi che l'unico modo per salvaguardare completamente la propria riservatezza è il barbonaggio. Fate voi.--JackRackham
      • krane scrive:
        Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
        - Scritto da: JackRackham
        Forse dovreste proprio dare via il computer e
        disdire l'adsl, altrimenti non sarete mai
        sicuri...
        E il cellulare? Via pure quello che ormai col GPS
        sanno pure dove siete.
        E da domani solamente prelievi allo sportello,
        niente bancomat e niente carta di credito che poi
        vi tracciano. Anzi, da domani i soldi dentro il
        materasso che le banche poi chissà come
        incrociano le vostre operazioni.
        Occhio pure quando andate a fare la spesa che nei
        supermercati ci sono le telecamere.
        Anzi, non uscite proprio di casa che ormai ste
        telecamere sono ovunque, ce ne sono 3 anche nel
        mio garage!
        E quando siete a casa scollegate tutti gli
        elettrodomestici e non utilizzate luce, acqua e
        gas, che poi dai contatori riescono a capire che
        siete a casa e anche che elettrodomestico state
        utilizzando.
        Forse avete visto troppi film... va bene la
        riservatezza ma facciamo che non scada nella
        paranoia, che è una malattia seria.http://www.privacy.it/ueechelon.htmlLeggilo, poi parlaci ancora del confine tra paranoia e realta'.
        • JackRackham scrive:
          Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
          - Scritto da: krane
          http://www.privacy.it/ueechelon.html
          Leggilo, poi parlaci ancora del confine tra
          paranoia e realta'.Però poi tutti a compilare il modulo del censimento dell'ISTAT a testa bassa perchè sennò c'è la multa...--JackRackham
          • krane scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: JackRackham
            - Scritto da: krane

            http://www.privacy.it/ueechelon.html

            Leggilo, poi parlaci ancora del confine tra

            paranoia e realta'.
            Però poi tutti a compilare il modulo del
            censimento dell'ISTAT a testa bassa perchè sennò
            c'è la multa...Stiamo parlando del nostro paese e del nostro continente. Hai presente la differenza ?
            JackRackham
      • Grande Problema scrive:
        Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
        Dillo agli USA che si fanno tutte ste pare per un fornitore che ha inondato di chiavette un fracco di gente ...E dopo sempre sta' rottura, uno avverte di un pericolo e dice di usare la zucca e sembra chiedere tanto, sempre la solita storia e allora butta via questo e butta via quello e torna all'età della pietra. No, basta evitare i servizi cloud, usare crittografia, stare un pò attento a che programmi usi e non mettere in rete nemmeno mezzo dato sensibile o lontanamente tale e nemmeno tante di quelle putt.... che un pezzettino alla volta consentono di costruire dati sensibili ... Ma che non usare Facebook è un sacrificio tanto grosso? Pulire la cache, magari usare TOR ecc. fa svenire?Fai tu una bella cosa, comperati un bulldozer spiana casa o appartamento e costruisciti una bella scatola di vetro in mezzo a una piazza dove chiunque può vedere cosa fai e quando e mettiti al naso un bel GPS, e non dimenticare di metterti una webcam in testa connessa a 3G che non vorrai mica che non sappiamo in ogni secondo cosa fai, dove sei, cosa dici?
        • JackRackham scrive:
          Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
          - Scritto da: Grande Problema
          E dopo sempre sta' rottura, uno avverte di un
          pericolo e dice di usare la zucca e sembra
          chiedere tantoOvviamente non è che vado a distribuire il numero della mia carta di credito al primo che passa, sono anche io a conoscenza di sistemi come TOR o i vari algortimi di criptazione alla TrueCrypt (e li uso pure!).
          Fai tu una bella cosa, comperati un bulldozer
          spiana casa o appartamento e costruisciti una
          bella scatola di vetro in mezzo a una piazza dove
          chiunque può vedere cosa fai e quando e mettiti
          al naso un bel GPS, e non dimenticare di metterti
          una webcam in testa connessa a 3G che non vorrai
          mica che non sappiamo in ogni secondo cosa fai,
          dove sei, cosa dici?E una volta che sanno dove sono e cosa dico, che caxxo ci fanno?Sono registrato all'anagrafe, ho fatto il militare, ho un lavoro stabile e ho famiglia: lo stato italiano ha le mie impronte digitali, sa dove abito, sa dove lavoro, sa con chi sono sposato, sa dove tengo i soldi e sa dove vanno a scuola i miei figli. Hanno già tutti i dati che gli servono, senza andare a curiosare sul mio account Google o sul mio Dropbox.Stai sicuro che se capiti in mezzo a qualche impiccio serio, il tuo problema non sarà ne' il cloud computing, ne' facebook.Certo, se poi hai qualcosa di serio da nascondere è un altro discorso.--JackRackham
          • Grande Problema scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            Potrei andare a vedermi FB per vedere che hai scritto che il governatore della regione X è un gran co.... e tutti quelli del suo partito dei ladri. Magari un post di 10 anni fa quando non te ne fregava nullaLa ditta di cui sei proprietario oggi non piglia nessuna commessa dalla regione dove comanda ancora quel tipo ...Potrei andare a leggermi un foglio xls dove tieni nota delle spese e guarda a caso hai prenotato una crociera per 2 settimane in un certo periodo, poi magari un post di 3 anni fa dove dici che quelli che vendono impianti di allarme sono tutti quattro ladri e che tu non spenderai mai un centesimo, poi uno dell'altro ieri dove mi racconti che hai appena comperato un quadro da 10.000 euro ...Potrei verificare che sei un tifoso sfegatato dell'Inter, che hai una bimba di due anni, che ti piace fare le vacanze in camper, poi arrivo bel bello con una sciarpa dell'Inter di cui mi dichiaro tifosissimo (e sono de Milan), comincio a parlarti del fatto che dormo poco perchè la piccola è inquieta ma che comunque tra un pò vado in vazanza con il mio camperone ... E una chiacchiera tira l'altra e tu ti ritrovi con una fornitura di cancelleria che non sai nemmeno perchè l'hai comperata, il venditore era tanto simpatico ...Su dai un pò di fantasia di cosa ci si può fare con quello che lasci in giro.Lo so pure io che ci sono le cimici, le intercettazioni, basi di dati sparse qua e là ecc. ecc. Ma tu vuoi pure facilitargli il lavoro e a un numero di persone molto più largo del necessario???Su usa più precauzioni che puoi e tieni molto al tuo anonimato e alla tua privacy, che i cacchi tuoi sono solo cacchi tuoi e ricordati di quando eri un ragazzetto e mammina ti chiedeva dove andavi e tu rispondevi "con amici" "amici chi?" "amici" "a fare che?" "cose" "ma si può almeno sapere a che ora torni?" "non lo so, presto, comunque non ti preoccupare, quando torno vuol dire che sono arrivato". Ed era la tua mamma. Perchè siete tutti desiderosi di mettere in giro i fattacci vostri anche in favore di gente che se potesse vi porterebbe via fino all'ultimo centesimo e vi ridurrebbe in schiavitu' (e ce n'è tanta in giro così)?
          • Grande Problema scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            Sai Internet vuol dire rete di reti interconnesse, è raggiungibile dappertutto, se qui sono scarsi magari sono un pò più bravi in Pakistan o in USA, se la Polizia Postale non ce la fa magari una azienda privata ha personale o consulenti più capaci. Che poi i dati interessino abbastanza dovrebbe ricordarcelo le intercettazioni illegali di Telecom, le intrusioni negli uffici del Lazio e tante altre situazioni. Se non sono bravi adesso lo saranno magari tra 5 anni e i pc hanno una buona memoria, basta fare qualche back up, le capacità di immagazzinamento aumentano e spostare un dato è uno scherzo, e non devi nemmeno rimuovere l'originale.Mai sottovalutare un potenziale avversario. E certo pure la social engineering dà risultati, Mitnick ci ha campato a vita e tutti pensano chissà che tecnico eccelso fosse e invece era soprattutto uno sparapalle.Io la TV non la guardo quasi mai, poche trasmissioni, ma tu ti immedesimi troppo in Jackass.
          • claudio scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            Non ho mai avuto qualcosa da nascondere, non compro mai cose che mi vengono offerte, compro solo quello che cerco analizzando diverse offerte e valutando le opinioni degli utenti. Preferisco avere pubblicità vicina ai miei interessi che fatta caso. Ma soprattutto con tutta la corruzione e tutta l'evasione che c'è in Italia se fossimo più controllati anche da noi stessi gli onesti avrebbero solo da guadagnarci.
          • JackRackham scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: Grande Problema
            Su dai un pò di fantasia di cosa ci si può fare
            con quello che lasci in giro.Il tipo di "disinvoltura" di cui parli nei tuoi esempi prescinde da Internet. Se sei così generoso di informazioni e commenti sul tuo privato, lo fai pure al bar con gli amici per fare lo sborone.Un mio amico è proprietario di un bar e non hai idea di quello che gli racconta la gente, altro che Facebook...
            Perchè siete tutti desiderosi di mettere in giro
            i fattacci vostriNo no, non fraintendermi... Io non è che ignoro le basilari norme di sicurezza e riservatezza. Io semplicemente non ne faccio una malattia che mi impedisce di vivere con alcune comodità, utilizzo Facebook, GMail, Dropbox e Google Docs. E ovviamente prendo delle precauzioni, come fa (o dovrebbe fare) chiunque nella vita reale.Tu non usi GMail e/o sistemi cloud? Ricordati che QUALSIASI webmail, a partire da GMail, passando per Yahoo e Hotmail e arrivando alle varie Alice, Libero e Tiscali sono dei sistemi cloud.Scarichi tutto in locale tramite POP? Allora basta venire a casa tua e rubarti il computer, così l'eventuale ladro si trova tutto insieme. Oppure adesso mi vieni a dire che TUTTO il tuo sistema operativo è criptato con TrueCrypt?
            anche in favore di gente che
            se potesse vi porterebbe via fino all'ultimo
            centesimo e vi ridurrebbe in schiavitu'Mi spieghi chi è sta gente? Se mi rispondi "loro" sei pronto per essere internato! :)--JackRackham
          • krane scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: JackRackham
            - Scritto da: Grande Problema


            Su dai un pò di fantasia di cosa ci si può
            fare

            con quello che lasci in giro.

            Il tipo di "disinvoltura" di cui parli nei tuoi
            esempi prescinde da Internet. Se sei così
            generoso di informazioni e commenti sul tuo
            privato, lo fai pure al bar con gli amici per
            fare lo
            sborone.

            Un mio amico è proprietario di un bar e non hai
            idea di quello che gli racconta la gente, altro
            che
            Facebook...


            Perchè siete tutti desiderosi di mettere in
            giro

            i fattacci vostri

            No no, non fraintendermi... Io non è che ignoro
            le basilari norme di sicurezza e riservatezza. Io
            semplicemente non ne faccio una malattia che mi
            impedisce di vivere con alcune comodità, utilizzo
            Facebook, GMail, Dropbox e Google Docs. E
            ovviamente prendo delle precauzioni, come fa (o
            dovrebbe fare) chiunque nella vita
            reale.

            Tu non usi GMail e/o sistemi cloud? Ricordati che
            QUALSIASI webmail, a partire da GMail, passando
            per Yahoo e Hotmail e arrivando alle varie Alice,
            Libero e Tiscali sono dei sistemi
            cloud.

            Scarichi tutto in locale tramite POP? Allora
            basta venire a casa tua e rubarti il computer,
            così l'eventuale ladro si trova tutto insieme.
            Oppure adesso mi vieni a dire che TUTTO il tuo
            sistema operativo è criptato con
            TrueCrypt?


            anche in favore di gente che

            se potesse vi porterebbe via fino all'ultimo

            centesimo e vi ridurrebbe in schiavitu'

            Mi spieghi chi è sta gente? Se mi rispondi "loro"
            sei pronto per essere internato!
            JackRackhamCome dimostrato dal rapporto su echelon: l'utilizzo di email pubbliche, principalmente americane, da parte di dirigenti e lavoratori di diverse grandi ditte italiane e' stato passibile in passato di spionaggio che ha consentito a ditte americare di prendere appalti internazionali per svariati milioni di dollari (o euro).
          • JackRackham scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: krane
            Come dimostrato dal rapporto su echelon:
            l'utilizzo di email pubbliche, principalmente
            americane, da parte di dirigenti e lavoratori di
            diverse grandi ditte italiane e' stato passibile
            in passato di spionaggio che ha consentito a
            ditte americare di prendere appalti
            internazionali per svariati milioni di dollari (o
            euro).Si, ho capito, ma li si parla di spionaggio industriale a livello internazionale. Al contrario di quello che ci aveva promesso l'attuale presidente del consiglio, in italia non siamo tutti imprenditori e non capisco per quale motivo dovremmo tutti vivere nell'incubo di essere intercettati come se lo fossimo.Se poi Marchionne passa documenti riservati in chiaro usando Dropbox o invia i contratti con la webmail di Libero questo non lo so e sinceramente non credo che sia un problema che dobbiamo risolvere noi.Inoltre, il concetto di Cloud applicato alle email esiste dal 1986 quando è stato inventato il protocollo IMAP e quello applicato ai file esiste dal 1971 quando è stato inventato il protocollo FTP o, se lo ritieni troppo vetusto, dal 2007 quando è stato completato il lavoro sul sistema WebDAV.Il fatto che oggi lo chiamino "Cloud" è puramente una scelta di marketing che serve da specchietto per le allodole per quelli che sono troppo giovani o troppo allocchi per capire che l'informatica non nasce con l'iPhone.Per concludere, con la tua email privata corri gli stessi rischi di intercettazione e hackeraggio di quella che tu definisci "email pubblica" in quanto i protocolli di comunicazione sono gli stessi e sono attaccabili nello stesso identico modo, solo che ne caso di una webmail devi attaccare un server HTTP mentre nel caso di una mailbox "tradizionale" devi attaccare un server POP3/IMAP.Quindi come puoi vedere il problema si pone sul fatto che le informazioni circolano su Internet e, a rigore di logica e di paranoia, l'unica soluzione sensata sarebbe quella di smettere di usare Internet. Ma ricordati che lo spionaggio industriale esisteva prima ancora che la inventassero Internet.Torno a ripetere, stare attenti è d'obbligo ma occhio che la paranoia è una malattia seria.--JackRackham
          • krane scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: JackRackham
            - Scritto da: krane

            Come dimostrato dal rapporto su echelon:

            l'utilizzo di email pubbliche, principalmente

            americane, da parte di dirigenti e lavoratori

            di diverse grandi ditte italiane e' stato

            passibile in passato di spionaggio che ha

            consentito a ditte americare di prendere appalti

            internazionali per svariati milioni di

            dollari (o euro).
            Si, ho capito, ma li si parla di spionaggio
            industriale a livello internazionale. Al
            contrario di quello che ci aveva promesso
            l'attuale presidente del consiglio, in italia non
            siamo tutti imprenditori e non capisco per quale
            motivo dovremmo tutti vivere nell'incubo di
            essere intercettati come se lo fossimo.Quando mandi una lettera di lavoro o una ad un amico la seconda la mandi senza busta ?
            Se poi Marchionne passa documenti riservati in
            chiaro usando Dropbox o invia i contratti con la
            webmail di Libero questo non lo so e sinceramente
            non credo che sia un problema che dobbiamo
            risolvere noi.Il fatto che non siamo abituati normalmente a criptare (strano la corrispondenza pero' la nascondiamo nelle buste) e' causa di danno, si possiamo risolvere abituandoci a criptare e sarebbe un guadagno di milioni di euro in appalti e conseguente indotto per noi.
            Inoltre, il concetto di Cloud applicato alle
            email esiste dal 1986 quando è stato inventato il
            protocollo IMAP e quello applicato ai file esiste
            dal 1971 quando è stato inventato il protocollo
            FTP o, se lo ritieni troppo vetusto, dal 2007
            quando è stato completato il lavoro sul sistema
            WebDAV.
            Il fatto che oggi lo chiamino "Cloud" è puramente
            una scelta di marketing che serve da specchietto
            per le allodole per quelli che sono troppo
            giovani o troppo allocchi per capire che
            l'informatica non nasce con l'iPhone.
            Per concludere, con la tua email privata corri
            gli stessi rischi di intercettazione e
            hackeraggio di quella che tu definisci "email
            pubblica" in quanto i protocolli di comunicazione
            sono gli stessi e sono attaccabili nello stesso
            identico modo, solo che ne caso di una webmail
            devi attaccare un server HTTP mentre nel caso di
            una mailbox "tradizionale" devi attaccare un
            server POP3/IMAP.
            Quindi come puoi vedere il problema si pone sul
            fatto che le informazioni circolano su Internet
            e, a rigore di logica e di paranoia, l'unica
            soluzione sensata sarebbe quella di smettere di
            usare Internet. Ma ricordati che lo spionaggio
            industriale esisteva prima ancora che la
            inventassero Internet.Quindi non hai mai sentito parlare di mail criptate, pgp, reti criptate... Lo sai che le comunicazioni dello stato vaticano sono completamente cifrate ? Ah, gia ma loro sono illuminatidadddio quindi posso fare queste magie, non come noi poveri mortali.
            Torno a ripetere, stare attenti è d'obbligo ma
            occhio che la paranoia è una malattia
            seria.La paranoia non e' dimostrata da fatti, lo spionaggio e' un fatto dimostrato.
          • JackRackham scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: krane
            Quando mandi una lettera di lavoro o una ad un
            amico la seconda la mandi senza busta ?No, la mando con la busta perchè senza l'ufficio postale la rifiuterebbe. Sei al corrente del fatto che le Poste Italiane possono aprire la tua corrispondenza? Sei al corrente che Poste Italiane dichiara un tasso FISIOLOGICO di perdita della corrispondenza del 5% del quale, per legge, possono tranquillamente non risponderne a nessuno? Fossi in te comincerei a criptare anche le cartoline.
            Il fatto che non siamo abituati normalmente a
            criptare (strano la corrispondenza pero' la
            nascondiamo nelle buste)Tu mi sa che sei giovane eh?
            Quindi non hai mai sentito parlare di mail
            criptate, pgp, reti criptate...Ho cominciato a usare e studiare pgp da PRIMA che indagassero Zimmerman, fatti due conti...
            Lo sai che le
            comunicazioni dello stato vaticano sono
            completamente cifrate ? Ah, gia ma loro sono
            illuminatidadddio quindi posso fare queste magie,
            non come noi poveri mortali.Ma tu pensi di avere la scienza infusa in testa o cosa? Questo è un forum di informatica, alcuni sono dei semplici appassionati, ma parecchi ci si guadagnano da vivere, di "magia" vanne a parlare agli utenti Apple...
            La paranoia non e' dimostrata da fatti, lo
            spionaggio e' un fatto dimostrato.La paranoia non è dimostrata dai fatti? Ok, semplicemente non sai di cosa parli. Ti cito qualche riga da Wikipedia, poi ti consiglierei di approfondire parlandone con uno psicologo (per tua cultura, non per andare in analisi).Poi la chiudo qui perchè rischiamo di aprire un flame senza senso!http://it.wikipedia.org/wiki/Paranoia"Nel significato corrente più abituale il termine "paranoia" indica una contingenza di disturbo mentale lucido, caratterizzato dalla convinzione delirante del paziente di essere perseguitato.Il sistema di credenze di tipo persecutorio viene elaborato dal paziente in modo lucido e sistematico.Esempi piuttosto comuni sono la convinzione di essere pedinati e spiati, di essere avvelenati, di avere una qualche malattia prodotta da azioni nocive di persecutori."Saluti,--JackRackham
          • krane scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            - Scritto da: JackRackham
            - Scritto da: krane

            Quando mandi una lettera di lavoro o una

            ad un amico la seconda la mandi senza busta ?
            No, la mando con la busta perchè senza l'ufficio
            postale la rifiuterebbe.Non c'e' alcun regolamento del genere, altrimenti le cartoline non potrebbero essere inviate, e' una semplice questione di abitudine.
            Sei al corrente del fatto che le Poste Italiane
            possono aprire la tua corrispondenza?Mi sembra che non capisci la differenza tra essere controllati nel proprio paese dalle forze di polizia preposte, la lettura da parte di chichessia dei fatti tuoi e la lettura da parte di persone maliziose.
            Sei al corrente che Poste Italiane dichiara
            un tasso FISIOLOGICO di perdita della
            corrispondenza del 5% del quale, per
            legge, possono tranquillamente
            non risponderne a nessuno? Fossi
            in te comincerei a criptare anche le
            cartoline.

            Il fatto che non siamo abituati normalmente a

            criptare (strano la corrispondenza pero' la

            nascondiamo nelle buste)
            Tu mi sa che sei giovane eh?HahahahahahahhaGrazie, veramente...

            Quindi non hai mai sentito parlare di mail

            criptate, pgp, reti criptate...
            Ho cominciato a usare e studiare pgp da PRIMA che
            indagassero Zimmerman, fatti due conti...E non lo usi e non lo fai usare... Peccato.

            Lo sai che le

            comunicazioni dello stato vaticano sono

            completamente cifrate ? Ah, gia ma loro sono

            illuminatidadddio quindi posso fare queste

            magie, non come noi poveri mortali.
            Ma tu pensi di avere la scienza infusa in testa o
            cosa? Questo è un forum di informatica, alcuni
            sono dei semplici appassionati, ma parecchi ci si
            guadagnano da vivere, di "magia" vanne a parlare
            agli utenti Apple...Strano che tu che sai non vada anche a citta' del vaticano a spiegare che perdono tempo, oppure che non spieghi a noi perche' secondo te perdono tutto quel tempo a criptare. Dovresti inoltre sapere che i mezzi tecnici ci sono e non e' un problema utilizzarlo.

            La paranoia non e' dimostrata da fatti, lo

            spionaggio e' un fatto dimostrato.
            La paranoia non è dimostrata dai fatti? Vuoi nascondere che lo spionaggio non e' supportato dai fatti parlando della paranoia ?Poi io leggo uno studio dell'unione europea che parla di danni economici dovuti allo pionaggio, mica invento.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 ottobre 2011 15.17-----------------------------------------------------------
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: gli USA sanno bene cosa è spiare
            contenuto non disponibile
      • attonito scrive:
        Re: gli USA sanno bene cosa è spiare

        Forse avete visto troppi film... e tu hai perso troppo tempo ad inseguire il bianconiglio per vedere come funziona il mondo vero....
  • malto scrive:
    non è un problema
    si compreranno chi vince l'appalto :D
    • Il Gargilli scrive:
      Re: non è un problema
      Ah ah ah! vero! :DBella anche la paranoia nei confronti della Huawei.. perchè se così fosse, davvero, allora bisognerebbe ritirare dal commercio tutte quelle internet key (e non solo) che le varie compagnie "adottano" per la loro fottuta e finta banda largaAloha!
      • tucumcari scrive:
        Re: non è un problema
        - Scritto da: Il Gargilli
        Ah ah ah! vero! :D

        Bella anche la paranoia nei confronti della
        Huawei.. perchè se così fosse, davvero, allora
        bisognerebbe ritirare dal commercio tutte quelle
        internet key (e non solo) che le varie compagnie
        "adottano" per la loro fottuta e finta banda
        larga

        Aloha!oh beh... per essere finta è finta "la banda larga" ma proprio per questo non è lei a essere "fottuta" bensi i clienti. ;) ;)
      • mmmm scrive:
        Re: non è un problema
        lì parlano di una rete per le emergenze, tu di una rete dati a uso domestico, che cmq non credo neanche sia criptata un gran che... le eventuali cimici all'interno della chiavetta sono l'ultimo dei miei problemi...
Chiudi i commenti