Cyber-crime, colpaccio record da milioni di carte

Con un tempismo che alimenta critiche, una società di transazione finanziaria comunica di aver subito un attacco potenzialmente capace di mettere a rischio i dati di centinaia di milioni di utenti

Roma – Torna l’ incubo TJ Companies , la prospettiva di una compromissione da record di carte di credito, account e informazioni sensibili appartenenti a un numero senza precedenti di utenti. A comunicare la notizia è stata la stessa società interessata, Heartland Payment Systems , specializzata nella gestione di transazioni finanziarie su carte di credito e a debito per oltre 250mila società americane.

Il numero di transazioni gestito da HPS, e quindi l’ipotetica magnitudine della compromissione ammonta a 100 milioni di carte al mese , carte che, si dice ora, potrebbero essere divenute bottino per cyber-criminali senza scrupoli da un tempo potenzialmente piuttosto lungo.

“Abbiamo individuato prove di un’intrusione la scorsa settimana e abbiamo immediatamente notificato la cosa agli ufficiali di polizia federali così come alle società che avevano emesso le carte”, sostiene il CFO di HPS Robert Baldwin, ma a parte le dichiarazioni di circostanza, la vicenda appare tutto fuorché netta nei contorni e nelle cifre.

La breccia è stata aperta attraverso l’installazione surrettizia di un ignoto malware ruba-informazioni , un trojan progettato specificamente per tale scopo e che è riuscito a penetrare nella catena di macchine incaricate di processare i dati dei pagamenti con le carte, ragion per cui a rischio ci sono soprattutto le informazioni registrate nelle bande magnetiche delle suddette carte di credito.

HPS sostiene che il malware, il cui tempo effettivo di “attività” pregressa non è stato ancora quantificato, non avrebbe comunque avuto la possibilità di mettere i suoi sporchi bit su dati come i PIN, i numeri della previdenza sociale USA, indirizzi, contatti telefonici e quant’altro. Anche così, a ogni modo, gli analisti già parlano di quella che è “probabilmente la più grossa violazione che abbiamo mai registrato”, come dice Avivah Litan di Gartner , evidenziando come questa volta i cyber-criminali siano arrivati fino ai sistemi di pagamento cioè “quelli molto più vicini al centro nevralgico” dell’infrastruttura rispetto ai casi precedenti.

Al contrario del recente episodio della catena di alberghi Best Western, insomma, questa volta il problema c’è, è grosso e comporterà conseguenze non indifferenti sulla sicurezza delle carte degli utenti, così come sui business serviti da HPS: già dall’anno scorso la società aveva cominciato a ricevere rapporti su attività fraudolente a danni suoi e dei suoi clienti, e tutto lascia supporre che il malware scovato sui server e questi primi report siano in qualche modo collegati a un’unica matrice criminosa .

E mentre si indaga per gettare luce sulla faccenda, HPS deve fronteggiare anche le critiche di chi accusa la società di aver scelto il grande giorno dell’inaugurazione della presidenza Obama per cercare di mitigare la prevedibile sovraesposizione mediatica e telematica . Tentativo inutile, che non risolve comunque il non secondario problema del collasso di fiducia tra utenza privata e business verso il canale di pagamenti operato da HPS.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • eva macchi scrive:
    sangue amaro mi fa venire
    questa e' una notizia atroce, ma conferma una tendenza che c'e sempre stata nella PA e non solo cioe' quella di dare spazio ai monopoli , che intervenga la'utorita' per la libera concorrenza! e che gli impiegati si rifiutino di utilizzare quegli strumenti che arricchiscono solochi li dona
  • nandone scrive:
    Questa mi giunge nuova
    Collaboro da tempo con l'università RomaTre e sono più che certo che il loro sistema voip non ha NULLA a che fare con microsoft visto che è un sistema unix integrato con le loro centrali telefoniche, e sebbene i risparmi col voip ci siano stati Microsoft non ha contribuito in nessun modo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 gennaio 2009 08.30-----------------------------------------------------------
  • Antonino Gibilisco scrive:
    E si vantano pure?
    Cioè, Brunetta si vanta di aver reso una facoltà piena di computer con windows vista? invece di investire nell'open source? Bah..
    • di passaggio scrive:
      Re: E si vantano pure?
      bah... parli come se è scontato dover investire altrove...si fosse investito altrove qualcuno avrebbe potuto dire "ma xkè nn attenersi a quanto maggiormente diffuso?"...
  • dovella 2 scrive:
    secondo me...
    Scusate un attimo...Ovvio che MS lo fa per guadagnarci qualcosa. I progetti come si fanno? risolvendo un problema! All'Italia tocca il compito di fare da beta-tester in questo caso.Dopodiche ms avrà un prodotto da vendere. Se l'italia lo vorrà comprare lo faccia pure, io ne sarei ben contento (10 milioni a ms è meglio che investirli su un sito webbe)E per i linuxari che si lamentano (che a quanto pare sono tanti): Novell o RedHat potevano fare la stessa cosa, però chissà perchè niente? io chiedo il perchè! Perchè non investono un po' in marketing?
  • CCC scrive:
    vomito
    come da oggetto
  • Finestrato scrive:
    SOLO I MIGLIORI
    ...spacciatori regalano la prima dose :)
  • Andre scrive:
    Dona oggi e GUADAGNA domani....:-)
    B'è che dire...conosciamo tutti come va il mondo...
  • vday scrive:
    Sicuro che sia TUTTO GRATIS????
    ...........(newbie)
  • Marcello Romani scrive:
    Gare d'appalto
    Forse sono rimasto nel secolo scorso... il mondo è cambiato e io non me ne sono accorto, ma una volta non si dovevano fare bandi di gara pubblici per la PA ?Qualcosa del tipo "progetto di informatizzazione / dematerializzazione / vattelapesca per l'università Roma3 con fornitura di x numero di PC, di x numero di lavagne interattive con tali caratteristiche, realizzazione di una LAN wireless così e cosà, ecc.: fate le vostre offerte!"
    • pippo75 scrive:
      Re: Gare d'appalto
      - Scritto da: Marcello Romani
      Forse sono rimasto nel secolo scorso... il mondo
      è cambiato e io non me ne sono accorto, ma una
      volta non si dovevano fare bandi di gara pubblici
      per la PAMagari ho capito male, ma non hanno donato il tutto?Se è vero e ho capito bene, allora ben vengano cose simili per la scuola, ci si lamenta sempre che le scuole non hanno materiale, oggi che l'hanno ci si lamenta ancora?
      • uno qualunque scrive:
        Re: Gare d'appalto
        La tua capacità di analisi non va oltre la giornata corrente vero?Immaginare cosa possa succedere da qui a un paio d'anni? Dai, non è difficile ce la puoi fare...
        • Renji Abarai non loggato scrive:
          Re: Gare d'appalto
          - Scritto da: uno qualunque
          Immaginare cosa possa succedere da qui a un paio
          d'anni? Dai, non è difficile ce la puoi
          fare...Direte che il 2011 sarà l'anno di linux?
          • uno qualunque scrive:
            Re: Gare d'appalto
            Dai, cerca di essere un pò obiettivo. Non vedere solo le cose dal tuo punto di vista.Te lo chiedo seriamente.Pensi che avere dei dubbi sulla legittimità delle buone intenzioni di Microsoft al riguardo sia solo per fare dietrologia?A parte la facile battuta, ma mi sembra che il disegno commerciale che ci sta dietro sia piuttosto evidente.E' come se ti buttassi in una vasca di squali narcotizzati per qualche istante, con un bel cosciotto sanguinolento legato sul dorso.Mi attaccheranno?La domanda non è "se", ma "quando".
          • di passaggio scrive:
            Re: Gare d'appalto
            sembra che parli del diavolo...no comment.
          • uno qualunque scrive:
            Re: Gare d'appalto
            Invece se avessi commentato l'avrei apprezzato di più.E' facile concludere con una sentenza.Ma visto che si fa "pour parlé", potresti anche spiegarmi perché lo sbocco che io immagino nella politica commerciale di Microsoft sia così pessimistico.Ipotizzando che il mio obiettivo sia quello di mantenere la produttività, minimizzando il costo economico e consentendo la fruizione dei contenuti a chiunque, spiegami come con Microsoft tutto ciò si possa realizzare.Non escludo che sia possibile, solo che non saprei come centrare tutti i punti.
          • di passaggio scrive:
            Re: Gare d'appalto
            - Scritto da: uno qualunque
            Invece se avessi commentato l'avrei apprezzato di
            più.
            E' facile concludere con una sentenza.
            Ma visto che si fa "pour parlé", potresti anche
            spiegarmi perché lo sbocco che io immagino nella
            politica commerciale di Microsoft sia così
            pessimistico.
            Ipotizzando che il mio obiettivo sia quello di
            mantenere la produttività, minimizzando il costo
            economico e consentendo la fruizione dei
            contenuti a chiunque, spiegami come con Microsoft
            tutto ciò si possa
            realizzare.
            Non escludo che sia possibile, solo che non
            saprei come centrare tutti i
            punti.la frase "fruizione a chiunque" mi fa solo girare le balle xkè mi sa di fanatico open source..cmq, superato qsto punto, nn credo che qlke migliaio di euro di licenze per una amministrazione siano chissà che...considera che poi c'è la sagra dell'ostrica con tanto di champagne agli ospiti provenienti da altri continenti cn cui s'è fatto un gemellaggio... ecco... basta fare 1 incontro di qsti in meno e ti sei pagato le licenze.Licenze di programmi che, purtroppo o non purtroppo, sono molto diffusi e sono più "amichevoli" per l'utente della PA.Preciso che dire "PA" è dire nulla... e mi stupisco che si sparino sentenze senza contestualizzare.Vorrei sapere che c'azzecca un ufficio anagrafe con un ufficio tecnico, ad esempio. Bisognerebbe puntualizzare di cosa si parla xkè le esigenze sono ben diverse.
        • pippo75 scrive:
          Re: Gare d'appalto

          Immaginare cosa possa succedere da qui a un paio
          d'anni? Dai, non è difficile ce la puoi
          fare...potrebbero arrivare altre ditte a fare gesti simili.In molte scuole dove i fondi scarseggiano sarebbe ben accetto.
        • XYZ scrive:
          Re: Gare d'appalto
          - Scritto da: uno qualunque
          La tua capacità di analisi non va oltre la
          giornata corrente
          vero?
          Immaginare cosa possa succedere da qui a un paio
          d'anni? Dai, non è difficile ce la puoi
          fare...Donare license oggi, per vendere licenze domani. Se poi si applica l'Italico status di "lavoro a progetto" al tutto. Già vedo il film:Tempi Tirannici,Guadagni Tirannici.Vuoi vedere che M$ tra tutto si ciaperà più soldi della buffo-legacy di Italia.it? :DGuardiamo il lato positivo, tralasciando la tipologia, almeno abbiamo assicurata un infrastruttura informatica per i prossimi anni!
        • Gianluca70 scrive:
          Re: Gare d'appalto
          Usando il tuo stile:la tua capacità di analisi invece è pari alle capacità di auto-promozione delle aziende che basano il loro businness su OSS.Tra chi non fa nulla e chi propone closed aggratis, è meglio aggratis, ma tu sei libero di fare, rimettendoci del tuo, oppure sei libero di andare a spronare i tuoi colleghi RH, IBM, SUN, HP etcOoops, a parte i primi, gli altri sono solo interessati a vendere HW, vuoi vedere che anche per quelli vale:"Che sia Francia o Spagna purchè se magna" ?Se va bene a loro, figurati...
          • uno qualunque scrive:
            Re: Gare d'appalto
            Ammetto di essere stato inutilmente sarcastico ma era giusto per sdrammatizzare un attimo :)Ti spiego la mia linea di ragionamento.La mia obiezione nasce dal fatto che in questa infinita battaglia contro gli sprechi, si consegnano le PA ad un'industria privata e questo mi pare un grosso controsenso.Per quanto possa essere comodo perseguire una via del genere che, di fatto, sgrava il committente da ogni ulteriore rogna tecnica, non si può negare che questo approccio lega a doppio filo il committente col fornitore.La beneficenza fatta ora mi sembra essere solamente uno specchio per le allodole e non si può dire che non sia così. L'hardware è gratis. Prima o poi toccherà comunque ricomprarlo.Ma prima o poi le licenze che che gravano su ognuo di quei prodotti, a cominciare dal sistema operativo fino alle applicazioni in uso, cominceranno a reclamare il dovuto e peseranno come un macigno sui conti di gestione.Allora mi chiedo: l'iniziale battaglia contro gli sprechi dov'è andata a finire?Il ministro Brunetta, che mette tornelli dovunque, non poteva riflettere un secondo, essere più lungimirante e andare oltre il beneficio immediato prima di approvare una scelta del genere?Pensate veramente che sia un male, o che non siano applicabili nelle PA, rivolgersi a soluzioni open?Bolzano è la dimostrazione evidente di come sia possibile una gestione del genere.Quindi non sarebbe stato meglio spendere quei soldi per l'hardware, invece di accettarlo come pegno, e investendo nella cultura informatica e nella formazione piuttosto che consegnare pacchi di soldi alla prima multinazionale (ibm, microsoft, chi vi pare) di passaggio?Più posti di lavoro, maggiore consapevolezza degli strumenti tecnologici e degli standard, che secondo me non sono il male assoluto ma permettono di sicuro maggiore sinergia e interoperabilità di un formato chiuso.Lasciando stare i discorsi "il mio marketing è più lungo del tuo", se io dovessi tamponare le emorragie monetarie in questo ambito, onestamente, sarebbe la prima cosa a cui penserei.Col marketing degli altri, io cittadino non ci faccio nulla e quando lo Stato mi presenta il conto di termini di tassazione ulteriore, un pochino mi inXXXXX pure.
          • di passaggio scrive:
            Re: Gare d'appalto
            credo che i costi di licenze nelle PA siano costi molto marginali.Soprattutto nn stanno lì gli sprechi.Inoltre bisogna valutare anche la convenienza di una soluzione nn dal punto di vista economico.
          • uno qualunque scrive:
            Re: Gare d'appalto
            Sono d'accordo.Inffati bisogna trovare il giusto compromesso fra convenienza economica e produttività e dal mio punto di vista è possibile trovare alternative.Ripeto, gli esempi su altre amministrazioni non mancano.Perché non chiediamo a quei signori come fanno?
          • di passaggio scrive:
            Re: Gare d'appalto
            ma nn è per forza che bisogna fare così... chi ti da' la certezza che abbiano fatto meglio? e nn è x forza che bisogna fare tutti uguale.
          • pippo75 scrive:
            Re: Gare d'appalto

            Pensate veramente che sia un male, o che non
            siano applicabili nelle PA, rivolgersi a
            soluzioni open?no, sarebbe un bene, tu cosa proponi?Bello dire, ma a fare qualcosa di più concreto.Purtroppo nell'articolo non si parla di molte cose, ad esempio tutti questi documenti spariti, come e dove sono stati registrati?
            Bolzano è la dimostrazione evidente di come sia
            possibile una gestione del genere.non conosco cosa ha fatto il comune di Bolzano,....
            Quindi non sarebbe stato meglio spendere quei
            soldi per l'hardware, invece di accettarlo come
            pegno, e investendo nella cultura informatica e
            nella formazione piuttosto che consegnare pacchi
            di soldi alla prima multinazionale (ibm,
            microsoft, chi vi pare) di
            passaggio?ma non è stato dato a fondo perduto dalla MS?Se non devono accettare questa, allora anche tutte le altre donazioni di materiale e non devono essere buttate al vento.
            Più posti di lavoro, maggiore consapevolezza
            degli strumenti tecnologici e degli standard, che
            secondo me non sono il male assoluto ma
            permettono di sicuro maggiore sinergia e
            interoperabilità di un formato chiuso.e di preciso, quali sono gli standard di cui parli?Effettivi e teorici.
      • jayjay77 scrive:
        Re: Gare d'appalto
        "Donare" a 500 studenti è solo pubblicità.... hanno risolto il problema delle scuole italiane che vivono in un mondo retrogrado? no? hanno fatto una soluzione replicabile ovunque? no... beh certo a fronte di qualche decina di migliaia di euro è replicabile....E' come se io donassi un piatto di lasagne ad un senza tetto e il ministro dell'interno dicesse che ho fatto una cosa che verrà considerata una "best practice"...Bel gesto, ho sicuramente fatto felice quel senza tetto... peccato che tutti gli altri senza tetto che vogliono quel piatto di lasagne dovranno pagare fior di quattrini per averlo!Non sarebbe meglio allora lavorare per creare un piatto di pasta a basso costo che utilizzi al meglio ciò che la natura ci offre gratuitamente? così non ci sarà un solo senza tetto felicissimo per aver mangiato le lasagne, ma tantissimi senza tetto potranno permettersi almeno un piatto di pasta con quel poco di elemosina che ricevono.
        • Gianluca70 scrive:
          Re: Gare d'appalto
          Usando il tuo stile:1. la PA non è un senza tetto, al massimo è un senza soldi (la scuola pubblica)2. non è solo questione di SW, ci sono di mezzo anche forniture HW, e che io sappia non esiste ancora HW in GPL, quello ancora lo paghi3. la capacità di auto-promozione delle aziende che basano il loro businness su OSS è alquanto scarsa, oppure sperano che siano i Don Quichote come te a fare il lavoro "sXXXXX".Tra chi non fa nulla e chi propone closed aggratis, è meglio aggratis, ma tu sei libero di fare, rimettendoci del tuo, oppure sei libero di andare a spronare i tuoi colleghi RH, IBM, SUN, HP etcOoops, a parte i primi, gli altri sono solo interessati a vendere HW, vuoi vedere che anche per quelli vale:"Che sia Francia o Spagna purchè se magna" ?Se va bene a loro, figurati...
          • jayjay77 scrive:
            Re: Gare d'appalto
            Vai a vedere sul sito dell'istituto Majorana di Gela e vedi cosa hanno con la stessa spesa passando da una soluzione con software MS a software opensource...Ora non diciamo bischerate, MS non è un benefattore non puoi pensare che si metta a regalare HW a tutte le scuole italiane. Quindi un conto è comprare solo HW un altro è comprare HW e licenze... tenuto conto poi dei requisiti minimi su cui devi basare il tuo HW per un sistema piuttosto che per un altro.Sono io il primo a dire che se ti regalano qualcosa fai bene a prenderlo.... non è giusto però che quella soluzione diventi una Best Practice con un decreto ministeriale!E cmq, la cosa che più mi fa imbestialire, è che l'istruzione sia considerata un business...
          • Gianluca70 scrive:
            Re: Gare d'appalto
            - Scritto da: jayjay77
            Vai a vedere sul sito dell'istituto Majorana di
            Gela e vedi cosa hanno con la stessa spesa
            passando da una soluzione con software MS a
            software
            opensource...La spesa è 0 (ZERO), essendo la fornitura HW+SW interamente a carico di MS.Mi stai dicendo che al liceo Majorana hanno avuto aggratis anche un'altra soluzione HW+SW da HP, SUN, NOVELL, o RH?A questo punto basta solo confrontare risultati e TCO sul medio lungo periodo (3-5) e voilà, ci sarebbe poco da dire.

            Ora non diciamo bischerate, MS non è un
            benefattore non puoi pensare che si metta a
            regalare HW a tutte le scuole italiane. Quindi un
            conto è comprare solo HW un altro è comprare HW e
            licenze... tenuto conto poi dei requisiti minimi
            su cui devi basare il tuo HW per un sistema
            piuttosto che per un
            altro.Figurati, invece HP, SUN, DELL, TOSHIBA, RH, NOVELL sono ONLUS...

            Sono io il primo a dire che se ti regalano
            qualcosa fai bene a prenderlo.... non è giusto
            però che quella soluzione diventi una Best
            Practice con un decreto
            ministeriale!Scusa, da quando Best Practice = LEGGE di STATO?Ci pensino le altre aziende a dimostrare che si ottiene lo stesso comprando da loro solo il miserrimo HW.

            E cmq, la cosa che più mi fa imbestialire, è che
            l'istruzione sia considerata un
            business...Welcome to the club! :)Le scuole (private e pubbliche) hanno un budget, quindi fanno muovere business e devono farsi bastare quei soldi per:1. pagare docenti e personale non docente2. pagare il materiale e gli strumenti didattici, inclusi PC e eventualmente SW3. gestire gli immobili, che come purtroppo abbiamo tristemente scoperto, rimangono sempre in fondo alla lista delle speseMS, RH e NOVELL sono interessate al SW, TUTTE LE ALTRE vendono HW, nessuno è un candido benefattore.MS ha fatto la sua mossa, che si muovano anche gli altri, that's all!Ma lamentarsi che ci provi solo MS, è come lamentarsi se qualcuno ci prova con una ragazza solo perchè l'avevi vista anche tu ma aspettavi che fosse LEI a muoversi per prima!Auguri!
          • di passaggio scrive:
            Re: Gare d'appalto
            pubblicità... mera pubblicità...ci si riempie la bocca cn open source (nn voglio denigrare l'open, ma il fatto che venga strumentalizzato per gettare polvere negli occhi e scostare l'attenzione della gente dalle vere cose importanti e dalle grosse somme)
    • pabloski scrive:
      Re: Gare d'appalto
      si questo accadeva prima che la trattativa privata fosse estesa anche alle commesse sulla carta igienica :D
  • dovella scrive:
    Perchè le fidanzate escono dopo il matri
    Perchè le fidanzate si trovano dopo il matrimonio?Tutti i bimbi adesso parlano ma prima perchè non si sono mossi?La maggior parte dei santoni di turno qui sono solo sempre e soltanto un branco d incapaci pronti a spifferare castronerie di ogni genere pur di far sembrare il progetto altrui meno brillante.Fate i fatti piuttosto che perdere tempo ap ostare le vostri futili tesi .
    • uno qualunque scrive:
      Re: Perchè le fidanzate escono dopo il matri
      - Scritto da: dovella
      Fate i fatti piuttosto che perdere tempo ap
      ostare le vostri futili tesi
      .Detto da te, che hai fatto dell'ignoranza la tua bandiera e il tuo simbolo distintivo, è quasi un insulto ma devo inchinarmi di fronte al re dei troll.
    • advange scrive:
      Re: Perchè le fidanzate escono dopo il matri

      Perchè le fidanzate si trovano dopo il matrimonio?Mi preoccuperei di più delle mogli che fanno le sfidanzate (vedi la tua)
      Tutti i bimbi adesso parlano ma prima perchè non
      si sono
      mossi?
      La maggior parte dei santoni di turno qui sono
      solo sempre e soltanto un branco d incapaci
      pronti a spifferare castronerie di ogni genere
      pur di far sembrare il progetto altrui meno
      brillante.Sì, ma non è che è tuo solo perché la MS ti paga per postare stupidaggini: sei l'ultima ruota del carro, quello che vende le enciclopedie porta a porta.
      Fate i fatti piuttosto che perdere tempo ap
      ostare le vostri futili tesi
      .In effetti ti invidio un po': mi piacerebbe essere pagato per scrivere scemenze come fai tu; io lo faccio gratis :-(
    • RealEnneci scrive:
      Re: Perchè le fidanzate escono dopo il matri
      - Scritto da: dovella
      Perchè le fidanzate si trovano dopo il matrimonio?
      Tutti i bimbi adesso parlano ma prima perchè non
      si sono
      mossi?
      La maggior parte dei santoni di turno qui sono
      solo sempre e soltanto un branco d incapaci
      pronti a spifferare castronerie di ogni genere
      pur di far sembrare il progetto altrui meno
      brillante.
      Fate i fatti piuttosto che perdere tempo ap
      ostare le vostri futili tesi
      .Ciao, mi passi il contatto per essere pagato "a XXXXXXXta"?Tanto ormai è solo una questione di soldi, quindi voglio allearmi e fare il finto ignorante, così nel frattempo mi becco qualche euro..Passami i contatti per favore, voglio partecipare
    • pabloski scrive:
      Re: Perchè le fidanzate escono dopo il matri
      uahahahahache ridere, se non ci fossi tu, il web sarebbe pallosoma le cose che scrivi le produci nel tuo cranio o ti arrivano via satellite da Redmond ? :D
  • lalla63 scrive:
    cravatte uguali
    Brunetta e l'AD Microsoft hanno cravatte uguali !!!Un altro regalo ????A parte le battute, mi piacerebbe saper la UE cosa ne pensa sulla posizione di monopolio che Microsoft sta sfruttando ??Ci sono gli estremi per aprire una procedimento contro la Microsoft (un altro) e contro il governo Italiano (anche qua un altro ...... rete4 docet) ??
  • guast scrive:
    Metodo Rothschild
    Non mi sembra niente di nuovo.Quando Rothschild con la Standard Oil arrivò ad avere quasi il monopolio della distribuzione di petrolio in america iniziò a regalare lampade a petrolio.
  • Ignazio Strazio scrive:
    Lasciassero fare agli studenti!
    Se invece di farsi abbindolare da MS spendendo i nostri soldi di contribuenti chiedessero consigli agli studenti questi informerebbero i brunetti e i professoroni che esistono i SO Linux AGGRATIS e il Voip Skipe o simili altrettanto AGGRATIS, e cosi potrebbero anche sfruttare PC un pò vecchiotti che abbondano nelle cantine delle varie facoltà e scuole di ogni genere.....
    • pabloski scrive:
      Re: Lasciassero fare agli studenti!
      si ok, ma poi i professoroni come campano? :Ddevi capire che l'amante costa
      • advange scrive:
        Re: Lasciassero fare agli studenti!

        si ok, ma poi i professoroni come campano? :D

        devi capire che l'amante costaMica è per l'amante: ma allora non hai letto i 5 motivi per comprarsi Office 2007 by Aranzulla.Un imperdibile stupidario che tenta di superare le vette raggiunte ieri da Alessandro Bottoni:http://aranzulla.tecnologia.alice.it/microsoft-office-2007-3640.htmlNon perderlo: ti regalerai diversi minuti di pura comicità demenziale!
        • Dti Revenge scrive:
          Re: Lasciassero fare agli studenti!
          Si è ricoperto di ridicolo soprattutto quando ha parlato male di OpenOffice (gratis, multipiattaforma, estensione normale/proprietraria, exportinpdf, più leggero) giudicandolo non user-friendly.Lamerzulla spero proprio che passi di qui a leggere il mio commento visto che i miei li blocchi sul tuo sito.
          • pabloski scrive:
            Re: Lasciassero fare agli studenti!
            hey un momentoma questo tizio parla a la dovella.....non è che c'è un collegamento tra questi due? :Do forse è lamerzulla ad avere personalità multiple
          • Dti Revenge scrive:
            Re: Lasciassero fare agli studenti!
            Dovella per lo meno è più simpatico e non è un montato.a Lamerzulla troppe attenzioni gli han dato alla testa mi sa
    • pippo75 scrive:
      Re: Lasciassero fare agli studenti!
      - Scritto da: Ignazio Strazio
      Se invece di farsi abbindolare da MS spendendo i
      nostri soldi di contribuenti chiedessero consigli
      agli studenti questi informerebbero i brunetti e
      i professoroni che esistono i SO Linux AGGRATIS e
      il Voip Skipe o simili altrettanto AGGRATIS,benissimo, possono farlo tranquillamente, possono fare anche progetti dove MS non è presente.Pensa a tutta li didattica di scuole media/elementari/superiori dove MS c'entra.Se vogliono farlo possono partire senza aspettare il via del ministro.Anzi molti già lo fanno.
  • Enneci scrive:
    Di cosa vi lamentate?
    Siamo in Italia ragazzi... Il paese dei modaioli ignoranti... dei truzzi.... del grande fratello e del calcio...Emigrare è l'unica soluzione, c'è da vergognarsi di stare in mezzo a cosi tanti dementi, dove ci si fa guidare dalla moda e dall'apparenza...W L'Italiaaaa!!!
  • andy61 scrive:
    vi spiego come funziona il trucco
    OK, mi rendo conto che per molti lettori potrà sembrare un'ovvietà, ma non fa mai male avere un punto di vista diverso.1) Microsoft finanzia a fondo perduto (fatto da verificare anche nel medio e lungo termine) la realizzazione di qualche progetto pilota;2) il risultato alla fine funziona (o perché funziona sul serio, o perché chi deve approvare il collaudo non vuole assumersi la responsabilità di aver sbagliato);3) la volta che c'è l'imprimatur di qualche dirigente o politico di turno (questa volta è il turno di Brunetta), si parte con la replica del progetto in altre realtà; a questo punto si scopre che gli altri progetti non sono omaggiati dal finanziatore filantropo, e quindi qualcuno si rimbocca le maniche, e senza sollevare troppo polverone, inizia a rastrellare milioni di Euro per pagare il tutto;Conseguenze:1) con l'esborso di qualche PC e qualche schermo per fare grande effetto, il filantropo di turno ha messo un ipoteca su tutte le future installazioni;2) a parte i PC inizialmente regalati, tutti gli altri che dovranno adeguarsi alla nuova infrastruttura dovranno essere sostituiti, perché Windows XP non è più supportato e bisogna per forza comprare Vista, e perché Vista non ce la fà girare sull'hardware esistente;3) il contribuente paga;4) si condiziona ulteriormente il mercato, condizionando gli utenti che poi a casa propria continueranno a comperare Windows pre-installato, non perché lo vogliono, ma perché non hanno neppure mai visto le alternative;5) si è persa l'ennesima occasione per dare spazio a società private ed alle università di realizzare un progetto pilota equivalente, con software libero, che preservi gli investimenti già fatti in hardware e software, e che dia una spinta all'innovazione;6) si è persa un'altra occasione per avere un po' di trasparenza nelle scelte, e soprattutto organismi come il CNIPA o sono stati messi da parte, o non hanno saputo fare il proprio mestiere;7) dopo qualche anno il filantropo bussa alla porta del Ministero di turno, e chiede una verifica delle licenze installate; siccome nessuno è in grado di garantire che non ci siano in giro licenze non autorizzate, si provvede all'ennesima sanatoria comprando licenze corporate per mettersi in regola (senza neppure sapere se davvero esistano o meno delle irregolarità).Mi rendo conto che le considerazioni di cui sopra possano ad alcuni apparire un po' pesanti, ma sfido chiunque nella PA a tirare fuori dal cilindro direttive e numeri reali in relazione all'agevolazione dell'adozione del software FLOSS nella PA; in particolare:- la quantità di licenze client e server installate, per ogni tipo di sistema operativo;- le direttive che impongono l'utilizzo di software FLOSS a meno di insormontabili incompatibilità con i servizi da supportare;- i costi sostenuti ogni anno per software proprietario;- i costi sostenuti per promuovere e sviluppare progetti ed infrastrutture su software FLOSS.
    • Renji Abarai scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      Intanto attendo le prove.O sono le solite chiacchiere?
      • Enneci scrive:
        Re: vi spiego come funziona il trucco
        - Scritto da: Renji Abarai
        Intanto attendo le prove.
        O sono le solite chiacchiere?Torna a guardare il grande Fratello... quello è il tuo posto...Oppure se vuoi fare il tecnologico... buttati su facebook...
      • nico scrive:
        Re: vi spiego come funziona il trucco
        - Scritto da: Renji Abarai
        Intanto attendo le prove.
        O sono le solite chiacchiere?Intanto ha ragione, perché è proprio così che funziona. Inoltre, il buon Brunetta (che a me è pure umanamente simpatico), coma al solito, non ha capito che proprio per la funzione che ricopre dovrebbe guardare un pelo al di là della punta del suo naso.Non può pensare di gestire la pubblica amministrazione come un'azienda privata.Certo, risparmiare sui costi e informatizzare la burocrazia è importante, ma le conseguenze di simili operazioni vanno ben valutate al di là di qualche caramella regalata.Mettersi completamente nelle mani di un monopolista come Microsoft magari ti da un ritorno immediato (quelle 2 o 3 operazioni di facciata), i costi però li paghi dopo. Anche per il fatto di legarti mani e piedi ai suoi standard, ai suoi formati proprietari.La pubblica amministrazione a sì l'obbligo di modernizzarsi e informatizzarsi, ma ha anche l'obbligo di rendere poi fruibile i suoi servizi a tutti.E non diventare il primo sponsor di una multinazionale.Molto meglio sta lavorando la PA del Trentino/Alto Adige che, invece, ha ben chiaro questo discorso.P.S.Qui le chiacchere le fai solo tu.
        • J.T. scrive:
          Re: vi spiego come funziona il trucco
          non è comunque illegale per amministrazione pubbliche legarsi a formati proprietari per documentazione e comunicazioni con il pubblico?
          • Franz scrive:
            Re: vi spiego come funziona il trucco
            No, non è illegale perché non esiste nulla (se non una raccomandazione di CNIPA di quando ancora si chiamava AIPA, oltretutto solo riguardo all'archiviazione legale su formato optomagnetico) in merito a formati standard. D'altra parte il governo potrebbe sua sponte dichiarare che intende usare come standard il formato ISO 29500 (e non come qualcuno si auspica l'ISO 26300) che è quello che Microsoft, in maniera piuttosto dubbia, è riuscita a far ufficializzare in contrasto a OpenDocument.Vediamo quante sigle verranno tirate fuori come manovra di evasione per giustificare eventuali accordi da spalmare sulla già sofferente PA.F.
      • Nifft scrive:
        Re: vi spiego come funziona il trucco
        italia.it
      • same scrive:
        Re: vi spiego come funziona il trucco
        - Scritto da: Renji Abarai
        Intanto attendo le prove.
        O sono le solite chiacchiere?hai ragione, ora calati le brache e piegati ad angolo retto.come? ti rifiuti pensando che voglia approfittare di te? sono solo chiacchiere, esegui e poi analizziamo i fattiuna delle prerogative dell'uomo é quella di crearsi modelli del futuro e ragionare in base a quelli, c'é una differenza fra proXXXXX alle intenzioni e tentativo di prevedere i problemi, non credi sia il caso di ragionarci un po' su ?
    • illusion ista scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      beh in Italia a pensar male ci prendi spesso... il tuo ragionemanto non fa una piega, ma non ti aspettare che la gran parte degli itaglioti possa comprenderti.
    • pabloski scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      già e poi Brunetta dice che noi altri siamo fannulloni e deve tagliarci lo stipendiola verità è che i politici italioti non hanno mai lavorato, i veri ed unici fannulloni sono proprio loro
      • advange scrive:
        Re: vi spiego come funziona il trucco

        già e poi Brunetta dice che noi altri siamo
        fannulloni e deve tagliarci lo
        stipendio

        la verità è che i politici italioti non hanno mai
        lavorato, i veri ed unici fannulloni sono proprio
        loroQuindi sei un dipendente pubblico?
        • pabloski scrive:
          Re: vi spiego come funziona il trucco
          noma anche i dipendenti privati sono fannulloni....anzi il mondo è fatto di fannulloni, tutti tranne Brunetta....è questo il Brunetta-pensiero
          • advange scrive:
            Re: vi spiego come funziona il trucco

            no

            ma anche i dipendenti privati sono
            fannulloni....anzi il mondo è fatto di
            fannulloni, tutti tranne
            Brunetta....

            è questo il Brunetta-pensieroNon so quando ci sei arrivato a capire quanto sia ciarlatano; io personalmente due giorni dopo l'investitura a ministro.Esattamente quando proclamò in conferenza stampa che avrebbe pubblicato lo stipendio di tutti i consulenti e dirigenti del suo Ministero, come se fosse un'operazione di grande rinnovamento e trasparenza. Peccato fosse già un obbligo previsto dalla legge Finanziaria 2007 del governo Prodi; che quasi tutte le PA l'avevano già fatto da tempo; e che a nessuna di loro fosse venuta in mente di dirlo in conferenza stampa.[Inutile dire che questi particolari non li troverai su nessun giornale: sono troppo impegnati a fare da megafono ai politici]
    • FANNULLONE scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      - Scritto da: andy61
      OK, mi rendo conto che per molti lettori potrà
      sembrare un'ovvietà, ma non fa mai male avere un
      punto di vista
      diverso.

      1) Microsoft finanzia a fondo perduto (fatto da
      verificare anche nel medio e lungo termine) la
      realizzazione di qualche progetto
      pilota;

      2) il risultato alla fine funziona (o perché
      funziona sul serio, o perché chi deve approvare
      il collaudo non vuole assumersi la responsabilità
      di aver
      sbagliato);

      3) la volta che c'è l'imprimatur di qualche
      dirigente o politico di turno (questa volta è il
      turno di Brunetta), si parte con la replica del
      progetto in altre realtà; a questo punto si
      scopre che gli altri progetti non sono omaggiati
      dal finanziatore filantropo, e quindi qualcuno si
      rimbocca le maniche, e senza sollevare troppo
      polverone, inizia a rastrellare milioni di Euro
      per pagare il
      tutto;

      Conseguenze:
      1) con l'esborso di qualche PC e qualche schermo
      per fare grande effetto, il filantropo di turno
      ha messo un ipoteca su tutte le future
      installazioni;

      2) a parte i PC inizialmente regalati, tutti gli
      altri che dovranno adeguarsi alla nuova
      infrastruttura dovranno essere sostituiti, perché
      Windows XP non è più supportato e bisogna per
      forza comprare Vista, e perché Vista non ce la fà
      girare sull'hardware
      esistente;

      3) il contribuente paga;

      4) si condiziona ulteriormente il mercato,
      condizionando gli utenti che poi a casa propria
      continueranno a comperare Windows pre-installato,
      non perché lo vogliono, ma perché non hanno
      neppure mai visto le
      alternative;

      5) si è persa l'ennesima occasione per dare
      spazio a società private ed alle università di
      realizzare un progetto pilota equivalente, con
      software libero, che preservi gli investimenti
      già fatti in hardware e software, e che dia una
      spinta
      all'innovazione;

      6) si è persa un'altra occasione per avere un po'
      di trasparenza nelle scelte, e soprattutto
      organismi come il CNIPA o sono stati messi da
      parte, o non hanno saputo fare il proprio
      mestiere;

      7) dopo qualche anno il filantropo bussa alla
      porta del Ministero di turno, e chiede una
      verifica delle licenze installate; siccome
      nessuno è in grado di garantire che non ci siano
      in giro licenze non autorizzate, si provvede
      all'ennesima sanatoria comprando licenze
      corporate per mettersi in regola (senza neppure
      sapere se davvero esistano o meno delle
      irregolarità).


      Mi rendo conto che le considerazioni di cui sopra
      possano ad alcuni apparire un po' pesanti, ma
      sfido chiunque nella PA a tirare fuori dal
      cilindro direttive e numeri reali in relazione
      all'agevolazione dell'adozione del software FLOSS
      nella PA; in
      particolare:
      - la quantità di licenze client e server
      installate, per ogni tipo di sistema
      operativo;
      - le direttive che impongono l'utilizzo di
      software FLOSS a meno di insormontabili
      incompatibilità con i servizi da
      supportare;
      - i costi sostenuti ogni anno per software
      proprietario;
      - i costi sostenuti per promuovere e sviluppare
      progetti ed infrastrutture su software
      FLOSS.da dentro la PA ti posso assicurare che è così...anzi no... è pure PEGGIO!!!
    • advange scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      Quello che hai detto è la pura e semplice verità; anzi io sono tra quelli che la classifica come ovvietà. Si finge di regalare per monopolizzare, diventare indispensabile e strozzinare.Riporto (sarà forse la quarta volta che lo faccio su questo forum) la mia esperienza. Si tratta di diversi anni fa (5?) con una grande azienda pubblica; questa aveva un sistema di posta elettronica completamente open source, dai server (RedHat) al client web (Horde). Arriva in CdA (sponsorizzata dal solito politicante di turno, ben oliato - per altro ora è agli arresti per altri motivi) l'offerta MS: sistema di mail completamente gestito da MS, incluso i sistemi di back up, completamente gratuito. In più finanziamenti per 10 mila euro (più o meno) per attività culturali, da decidersi, con sponsorizzazione MS.Ho letto bene le carte dell'offerta:a) era "gratuito" a patto di poter mettere messaggi pubblicitari su messaggi e webmail; altrimenti costava come meno di mezzo milione di euro all'anno.b) MS era proprietaria dei dati; la posta, i backup, tutto apparteneva a MS e non poteva essere modificato in alcun modo dall'ente. In caso di reXXXXX MS si teneva tutta la posta senza garantire la migrazione ad altre soluzionec) Dopo 3 anni e senza parere della controparte, MS poteva variare il costo a carico dell'ente.A corredo: per tentare di dimostrare l'indimostrabile (la convenienza dell'offerta) seguiva una serie di calcoli pseudo - finanziari in puro stile "Get the facts". Calcoli dei costi di backup gonfiati (l'ente aveva già il suo sistema di backup: perché aggiungerlo ai costi?), costi di istruzione del personale (quale? il personale usava già sistemi Unix da anni! semmai era vero il contrario...) e così via.Tutto questo per dirvi che, grazie a me, lo Stato ha risparmiato 1 milione e mezzo di euro, a voler stare stretti. Potete fare una colletta e mandarmi la ricompensa al seguente numero di CC Postale:********Scherzi a parte, questo è il modo di agire di MS; inutile attendersi da Brunetta un atteggiamento diverso.
    • pippo75 scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      Tutto vero, lo ha fatto MS, ma lo stesso discorso possono farlo anche altre ditte.Ma possono farlo anche privati cittadini, non avranno i mezzi per regalare HW, ma SW e consulenza si.Ci stai a portare avanti un progetto open?
      • advange scrive:
        Re: vi spiego come funziona il trucco

        Tutto vero, lo ha fatto MS, ma lo stesso discorso
        possono farlo anche altre
        ditte.

        Ma possono farlo anche privati cittadini, non
        avranno i mezzi per regalare HW, ma SW e
        consulenza
        si.

        Ci stai a portare avanti un progetto open?Se si tratta di diffondere OpenOffice (ma anche FF, Thunderbird e gli altri) nelle scuole, ci sto; anche se di dovesse usare Windows come SO.
        • pippo75 scrive:
          Re: vi spiego come funziona il trucco


          Ci stai a portare avanti un progetto open?
          Se si tratta di diffondere OpenOffice (ma anche
          FF, Thunderbird e gli altri) nelle scuole, ci
          sto; anche se di dovesse usare Windows come
          SO.è un inizio, molte scuole lo stanno già usando.Hai qualche idea in proposito? come pensi di cominciare?Pechè prima di diffondere bisognerebbe preparare e fare in modo che non si bruci in partenza.Per le scuole di progetti non male c'è didattica.org, poi un altro è http://www.pubblicascuola.it.
          • advange scrive:
            Re: vi spiego come funziona il trucco

            è un inizio, molte scuole lo stanno già usando.Molte è diverso da tutte, purtroppo. Bisogna abituare le persone alla libertà fin da giovani.
            Hai qualche idea in proposito? come pensi di
            cominciare?Il progetto va pensato per bene. Per essere sintetici pensavo di cominciare con consulenze gratuite su basi volontarie per le installazioni e le configurazioni.
            Pechè prima di diffondere bisognerebbe preparare
            e fare in modo che non si bruci in
            partenza.Giusto
            Per le scuole di progetti non male c'è
            didattica.org, poi un altro è
            http://www.pubblicascuola.it.Ci darò un'occhiata; al più ci sentiamo via PM.
          • Gianni scrive:
            Re: vi spiego come funziona il trucco
            Secondo me si trovano volenterosi volontari (scusate il gioco di parole) disposti ad investire parte del loro tempo per diffondere software opensource nelle scuole nelle PA e nelle scuole, tenendo corsi e facendo distribuzione.Io sarei uno di quelli.
          • pippo75 scrive:
            Re: vi spiego come funziona il trucco
            - Scritto da: Gianni
            Secondo me si trovano volenterosi volontari
            (scusate il gioco di parole) disposti ad
            investire parte del loro tempo per diffondere
            software opensource nelle scuole nelle PA e nelle
            scuole, tenendo corsi e facendo
            distribuzione.

            Io sarei uno di quelli.Ci si può contattare attraverso la PI Box e magari pensare a qualcosa anche in piccolo.
    • Gianluca70 scrive:
      Re: vi spiego come funziona il trucco
      - Scritto da: andy61
      OK, mi rendo conto che per molti lettori potrà
      sembrare un'ovvietà, ma non fa mai male avere un
      punto di vista
      diverso.

      1) Microsoft finanzia a fondo perduto (fatto da
      verificare anche nel medio e lungo termine) la
      realizzazione di qualche progetto
      pilota;

      2) il risultato alla fine funziona (o perché
      funziona sul serio, o perché chi deve approvare
      il collaudo non vuole assumersi la responsabilità
      di aver
      sbagliato);Scusa, ma se il tutto è aggratis e a fondo perduto per lo stato, perchè dai per scontato che il dirigente di turno non possa dire che NON funziona, nel caso in cui fallisse veramente?
  • G F scrive:
    Titolo errato
    Il titolo corretto dell'articolo dovrebbe essere "La PA omaggia Microsoft".
    • ruppolo scrive:
      Re: Titolo errato
      - Scritto da: G F
      Il titolo corretto dell'articolo dovrebbe essere
      "La PA omaggia
      Microsoft".No, dovrebbe essere "Microsoft corrompe la P.A.". Prova omaggiare qualcosa quando ti fermano per la strada e vedi per quale reato ti potrebbero arrestare...Che massa di IPOCRITI.
  • ICS scrive:
    la crisi
    la MS il software ormai è costretta a regalarlo. In questo periodo di crisi che chissà quanto durerà, chi vuoi che acquisti software closed quando ci sono alternative all'altezza se non superiori nel software open.
    • Renji Abarai scrive:
      Re: la crisi
      si ma qua ha dato anche l'HW.Mi sa che non hai letto tutto l'articolo
      • pabloski scrive:
        Re: la crisi
        in pratica hanno regalato la calza alla PA? solo che l'epifania è passata da un pezzo
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: la crisi
        - Scritto da: Renji Abarai
        si ma qua ha dato anche l'HW.
        Mi sa che non hai letto tutto l'articoloAppunto non gli basta neanche regalare il suo software ormai è ridotta a pagare per la sua adozione.... alla faccia delle politiche commerciali scorrette!
      • Gianni scrive:
        Re: la crisi
        In un Business Case il ROI (Return Of Investment) indica il momento temporale in cui il guadagno ottenuto a fronte di un investimento iniziale è pari all'investimento iniziale stesso.Da quel momento in poi tutto ciò che viene è puro guadagno.MS non regala, investe!E a fronte di un investimento si aspetta un adeguato ritorno.E sarà la spesa pubblica (in questo caso) a fornire questo adeguato ritorno.Il ministro dovrebbe essere garante che quello di MS sia una effettiva donazione e non un investimento fatto sulle tasche dei contribuenti... forse l'ha fatto... forse questa è solo una buona azione del colosso... ai posteri l'ardua sentenza...A pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso ci si indovina.
        • LOL scrive:
          Re: la crisi
          - Scritto da: Gianni
          In un Business Case il ROI (Return Of Investment)
          indica il momento temporale in cui il guadagno
          ottenuto a fronte di un investimento iniziale è
          pari all'investimento iniziale
          stesso.Quello è il ROI = 0
  • paese delle banane scrive:
    paese delle banane
    no comment...siamo il paese delle banane.....piu arretrati del terzo mondobravi i nostri politici ultra settantenni
  • Litie scrive:
    Il nostro Governo
    Da questo governo non ci si poteva aspettare nulla di diverso, di che vi stupite?Hanno privatizzato Alitalia regalandola di fatto hai soliti noti (e lasciando al popolo i debiti da pagare). L'ingresso di XXXXXsoft nella PA è il minore dei mali, pensiamo invece a quando verranno privatizzate tutte le strutture sanitarie (ore pubbliche), i trasporti, la scuola...Ne vedremo delle bella. E poi, avete visto in faccia brunetta? e allora ... :-D
    • ruppolo scrive:
      Re: Il nostro Governo
      - Scritto da: Litie
      L'ingresso di XXXXXsoft nella PA è il
      minore dei mali,È il male peggiore. Chi controlla i sistemi operativi oggi controlla la cultura di un paese.
  • Xilitolo scrive:
    Microsoft dona la struttura hardware...
    ... poi formattiamo tutto ed installiamo Linux.:-D
  • Enjoy with Us scrive:
    Che schifo!
    Se non è questo abuso di posizione dominante non so quale altra situazione possa esserlo!Comunque M$ si metta l'anima in pace potrà anche cercare di comprare i clienti subissandoli di omaggi (tipo la prima bustina dello spacciatore), ma alla fine l'impiego di programmi Oene nella pubblica amministrazione si estenderà sempre di più!
    • Mediamente scrive:
      Re: Che schifo!
      Non credo che sia questa la corretta chiave di lettura. Se non ci si accontenta dei soliti luoghi comuni quale alibi, perche' non chiedersi cosa impedisce a IBM, Oracle, Sun o Red Hat o a qualche comunità open source di mettere a punto un insieme di interventi concreti, gratuiti, scalabili e sostenibili nel tempo, e pragmaticamente finalizzati a incontrare le esigenze della scuola (obiettivi e vincoli)?Non mi sembra che tra Regioni, Comuni, Pubbliche Amministrazioni centrali non siano ampiamente stati stanziati da anni fondi pubblici (ed Europei) a favore di un presunto sviluppo dell'ecosistema di aziende ed operatori locali che vogliano seguire modelli open source di commercializzazione e di business ... il problema e' che questi interventi non sono stati concretizzati in aderenza agli obiettivi, ma sono finiti ad alimentare le tasche di qualche operatore di servizi (anche e soprattutto tra i piu' grandi) legato ai politici locali del momento, oppure sono solo serviti a sostegno dell'agenda politica di uno o piu' soggetti che stanno USANDO il tema open source da qualche anno a questa parte per darsi occasione di referenziabilità e raccolta di consenso. E credo che i segnali chiari che Microsoft sta dando da qualche tempo di non vedere il mondo Open Source come antitetico, ma come una realtà del panorama informatico con la quale collaborare e alla quale offrire strumenti e piattaforma, siano un'opportunità per la microimprenditoria open source italiana di trovare un alleato per giocare un ruolo concreto e competitivamente valido rispetto alle grandi aziende di servizi e soluzioni, multinazionali e anche italiane (sempre le solite), che nella maggior parte dei casi beneficiano di questa contrapposizione ad arte pilotata, ma in effetti ormai ampiamente ridimensionata e ridimensionabile ulteriorrmente, tra Microsoft e Open Source, e continuano a vendere (!!!) alla Pubblica Amministrazione e per fior di quattrini soluzioni, database, aggiornamenti di costosi hardware, e servizi .E intanto il mondo va avanti ... e anche i paradigmi dell'IT stanno cambiando significativamente... e non certo intorno a un modello di commercializzazione o ad una questione pseudo-etica ... siamo certi che i nostri amministratori e decisori stanno preparandosi e stanno creando le condizioni per sfruttare le vere innovazioni al fine di darci i tanto conclamati, altrettanto vituperati, valori di efficienza ed efficacia nei servizi ai cittadini ?non guardiamo il mondo solo in bianco e nero ...
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Che schifo!
        - Scritto da: Mediamente
        Non credo che sia questa la corretta chiave di
        lettura. Se non ci si accontenta dei soliti
        luoghi comuni quale alibi, perche' non chiedersi
        cosa impedisce a IBM, Oracle, Sun o Red Hat o a
        qualche comunità open source di mettere a punto
        un insieme di interventi concreti, gratuiti,
        scalabili e sostenibili nel tempo, e
        pragmaticamente finalizzati a incontrare le
        esigenze della scuola (obiettivi e
        vincoli)?
        Non mi sembra che tra Regioni, Comuni, Pubbliche
        Amministrazioni centrali non siano ampiamente
        stati stanziati da anni fondi pubblici (ed
        Europei) a favore di un presunto sviluppo
        dell'ecosistema di aziende ed operatori locali
        che vogliano seguire modelli open source di
        commercializzazione e di business ... il problema
        e' che questi interventi non sono stati
        concretizzati in aderenza agli obiettivi, ma sono
        finiti ad alimentare le tasche di qualche
        operatore di servizi (anche e soprattutto tra i
        piu' grandi) legato ai politici locali del
        momento, oppure sono solo serviti a sostegno
        dell'agenda politica di uno o piu' soggetti che
        stanno USANDO il tema open source da qualche anno
        a questa parte per darsi occasione di
        referenziabilità e raccolta di consenso.

        E credo che i segnali chiari che Microsoft sta
        dando da qualche tempo di non vedere il mondo
        Open Source come antitetico, ma come una realtà
        del panorama informatico con la quale collaborare
        e alla quale offrire strumenti e piattaforma,
        siano un'opportunità per la microimprenditoria
        open source italiana di trovare un alleato per
        giocare un ruolo concreto e competitivamente
        valido rispetto alle grandi aziende di servizi e
        soluzioni, multinazionali e anche italiane
        (sempre le solite), che nella maggior parte dei
        casi beneficiano di questa contrapposizione ad
        arte pilotata, ma in effetti ormai ampiamente
        ridimensionata e ridimensionabile ulteriorrmente,
        tra Microsoft e Open Source, e continuano a
        vendere (!!!) alla Pubblica Amministrazione e per
        fior di quattrini soluzioni, database,
        aggiornamenti di costosi hardware, e servizi
        .
        E intanto il mondo va avanti ... e anche i
        paradigmi dell'IT stanno cambiando
        significativamente... e non certo intorno a un
        modello di commercializzazione o ad una questione
        pseudo-etica ... siamo certi che i nostri
        amministratori e decisori stanno preparandosi e
        stanno creando le condizioni per sfruttare le
        vere innovazioni al fine di darci i tanto
        conclamati, altrettanto vituperati, valori di
        efficienza ed efficacia nei servizi ai cittadini
        ?
        non guardiamo il mondo solo in bianco e nero ...Appunto vediamo il mondo a colori!M$ sta facendo dell'abuso di posizione dominante la sua ordinaria politica di mercato!I netbook sono un sucXXXXX? Incominciano a montarci sopra Linux? Rimangiamoci la dipartita di XP e vendiamolo a prezzo irrisorio in modo da contrastare l'adozione di Linux!Le varie PA stanno orientandosi verso il software open? Cediamogli gratis il software proprietario, anzi regaliamo pure dell'Hardware già che ci siamo, l'importante è impedire che si allarghi l'adozione di software open!Questa è la verità altro che storie!Fino a pochi mesi fa M$ pretendeva che le scuole pagassero fino in fondo le licenze per i suoi software con sconti per le licenze educational non poi così elevati, visto che ormai open office sta dilagando adesso non fa altro che correre ai ripari!
    • Angelik scrive:
      Re: Che schifo!
      Quoto e straquoto!
  • dovella scrive:
    Solo con Microsoft possiamo sistemare le
    Solo con Microsoft possiamo sistemare le cose in modo sicuro e con pacchetti completi per ogni esigenza.Per la prima volta applaudo la politica Italiana.
    • Gianburrasc a scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      - Scritto da: dovella
      Solo con Microsoft possiamo sistemare le cose in
      modo sicuro e con pacchetti completi per ogni
      esigenza.Certo, e la marmotta incartava i cd d'installazione...
    • alibaba scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      domani vendo caso e mi trasferisco in afghanistan
    • ciccio pasticcio scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      che mondo sarebbe senza dovella..
    • wildeng scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      Bravo dovella e bravo pure super gay... due veri intenditori... Certo è che con questa marchetta M$ si è guadagnata contratti milionari.. In provincia di Bolzano solamente adottando OpenOffice hanno risparmiato un sacco di soldi. Come sempre gli uomini di Al Tappone sono bravi a far aumentare il debito pubblico con delle soluzioni innovative.. E NOI PAGHIAMO!!!! Basta, è ora di finirla...
    • Super_Treje scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      Sei un mito!Perche' non vai anche tu al governo ?Li' tutti sparano cavolate ed e' un peccato che non ci sei anche tu :)
      • advange scrive:
        Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le

        Sei un mito!
        Perche' non vai anche tu al governo ?
        Li' tutti sparano cavolate ed e' un peccato che
        non ci sei anche tu
        :)In verità "dovella" è lo pseudonimo di "Renato Brunetta"
        • Super_Treje scrive:
          Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
          Ed io che pensavo che brunetta volesse veramente risparmiare ed ottimizzare tutto !
    • virgola scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      Ogni tua parola è una staffilata.Credo di amarti...
    • pabloski scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      tempo 1 mese e quelle infrastrutture saranno governate dai russi del Russian Business Network con i loro malefici worm :D
    • uno qualunque scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      Fra i "pacchetti per ogni esigenza" ce ne sarà qualcuno per la stitichezza?
    • ruppolo scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      - Scritto da: dovella
      Solo con Microsoft possiamo sistemare le cose in
      modo sicuro"sicuro"?Hai problemi di sicurezza?Mi sa che MS ti ha fatto il lavaggio del cervello... hai controllato che la tua tazza del XXXXX sia sicura? Attento, eh...
    • advange scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le

      Solo con Microsoft possiamo sistemare le cose in
      modo sicuro e con pacchetti completi per ogni
      esigenza.

      Per la prima volta applaudo la politica Italiana.Cavolo, illuso dal titolo pensavo che avessi scritto: "Solo con Microsoft possiamo sistemare le persone che trollano scrivendo stupidaggini sui forum di tutto il mondo".
    • J.T. scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      ?!?(fubar)
    • Shiba scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      Ignoranti loro e ignoranti tu.
      • sgarletto scrive:
        Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
        Benissimo, ringraziamo MS per il gentile regalo e spieghiamogli che forse il futuro/soluzione è fatta di qualcos'altro.
    • Akiro scrive:
      Re: Solo con Microsoft possiamo sistemare le
      vabbè... sicuro è una parola grossa.
  • fabio scrive:
    tutto in mano a Microsoft
    Presto tutta la mia vita sarà in mano a Microsoft.Credo che scriverò una bella email con elencate tutte le mie proprietà (poche), i miei stipendi (bassi), le scansioni dei miei documenti, i certificati di nascita dei miei figli...Avranno di certo riempito i loro sistemi di backdoors per cui lo saprebbero lo stesso presto o tardi.Tanto vale che glie lo dica io, di mia spontanea volontà, no? Spero che le mazzette pagate per avere questo ruolo siano state davvero convincenti, si è venduta in fondo tutta la nazione e la nazione non costa poco.
  • super gay scrive:
    Con i soldi spazziamo Linux.
    Come godo..............
    • nome e cognome scrive:
      Re: Con i soldi spazziamo Linux.
      - Scritto da: super gay
      Come godo..............c'è chi si accontenta di poco..
      • Intrepido scrive:
        Re: Con i soldi spazziamo Linux.
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: super gay

        Come godo..............

        c'è chi si accontenta di poco..In effetti mica e' strano che un gay goda a prenderlo nel cul...
      • Intrepido scrive:
        Re: Con i soldi spazziamo Linux.
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: super gay

        Come godo..............

        c'è chi si accontenta di poco..Il mio commento dov'e'?
    • Enneci scrive:
      Re: Con i soldi spazziamo Linux.
      - Scritto da: super gay
      Come godo..............Manco fossero soldi tuoi...Se per farti godere ti basta sapere che la M$ si fotte i soldi alla grande... fatti curare...
    • Gabriele scrive:
      Re: Con i soldi spazziamo Linux.
      C'è chi gode quando vede gli altri fare i soldi... prendendoli anche dal suo portafoglio!Tropppppo figoooo!
  • Alessandrox scrive:
    E intanto...
    IBM, SUN, NOVELLStanno a guardare.BAH
    • Gianluca70 scrive:
      Re: E intanto...
      Quoto, ma nota un fatto, hai in pratica citato solo grossi produttori HW, o meglio, aziende che dicono di voler spingere OSS, ma che in realtà il soldo lo fanno ancora sul ferro venduto...... vuoi vedere che anche per quelli vale:"Che sia Francia o Spagna purchè se magna" ?Tanto in questo caso ci sarà da vendere tanti nuovi PC e server, ora i soldi li ha messi MS, ma dopo...E se va bene a loro, figurati...
  • Nifft scrive:
    orrore e raccapriccio
    Brrr! Questo articolo è un autentico film dell'orrore... La MS che regala windows vista... brunetta che parla in inglese di innovazione... brrrr! Vi prego svegliatemi da questo incubo italiano.
  • super gay scrive:
    NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
    Lo stato necessita di basi informatiche solide e ben collaudate. Gestire la pa, non e' come mandare a avanti un centro sociale di periferia. Servono prodotti certificati e certificabili, servono parametri di giudizio e persone reali con cui fare accordi a cui affidare responsabilita'. Tutte cose che lo sgangherato mondo open source non puo' dare e non ha intenzione di offrire, nel pieno rispetto della sua filosofia ciccione con infradito....La concretezza e la capacita' organizzatrice delle aziende closed source, non puo' che umiliare l'imbarazzante sogno lisergico di qualche sfigato cantinaro.Mentre il mondo porduce e va aavanti, il cantinaro crede in una tenace quanto mai vergognosa "visione": cambiare il mondo avendo nulla in mano.Non e' una critica a linux, ma al suo peggior nemico, il nerd che lo usa.Linux perde sempre terreno, sia nei mercati vergini che in quelli ormai consolidati. Semplicemente un sogno in frantumi.
    • boh scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
      hai pienamente ragionenon esiste nessuna azienda seria e responsabile che usi linux.toh al massimo linux sarà usato da qualche server, forse qualche banca usa sistemi *nix, forse gli ISP usano sistemi *nix, forse le dorsali internet girano grazie a server *nix.e proprio un sogno sgangherato...
      • super gay scrive:
        Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
        Lo so che Linux è presente da per tutto, ma me lo sento fallirà.
        • nico scrive:
          Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
          - Scritto da: super gay
          Lo so che Linux è presente da per tutto, ma me lo
          sento
          fallirà.Con quel nick, secondo me non (lo) senti (entrare) nemmeno se fosse lo "zinzin" di John Holmes...
      • Gianluca70 scrive:
        Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
        Fai pure, fai finta di non aver capito, il problema non è nel prodotto, ma nella gestione delle aziende che dicono di voler far businness con l'OSS: in questi casi mi aspetterei contromosse ufficiali, invece niente, perchè?Ti dò un paio di suggerimenti:1. la capacità di auto-promozione delle aziende che basano il loro businness su OSS è veramente scarsa, oppure2. aspettano i Don Quichote come voi per fare aggratis il lavoro "sXXXXX", loro passano dopoTra chi non fa nulla e chi propone closed aggratis, è meglio aggratis, ma tu sei libero di fare, rimettendoci del tuo, oppure sei libero di andare a spronare i tuoi colleghi RH, IBM, SUN, HP etcOoops, a parte i primi, gli altri sono solo interessati a vendere HW, vuoi vedere che anche per quelli vale:"Che sia Francia o Spagna purchè se magna" ?Se va bene a loro, figurati...
    • Gianni scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
      - Scritto da: super gay

      Linux perde sempre terreno, sia nei mercati
      vergini che in quelli ormai consolidati.
      Semplicemente un sogno in
      frantumi.Ad una affermazione come questa devi far seguire dati concreti che la supportino... dimostraci che Linux sta perdendo terreno nei confronti di MS portando dati seri e affidabili... altrimenti sono solo illazioni.Si megnifica l'istituto di lecce che ha ricevuto in "dono" i pc da MS e non si cita l'istituto majorana di gela che ha uno dei più avanzati laboratori informatici del paese tutto basato su software opensource.E' certo che per far partire un progetto opensource ci vuole uno stuolo di persone appassionate e volenterose (chiamali pure nerd cantinari) che si impegnino per far riuscire l'impresa... mentre ammanicarsi con MS è sempre più facile.E' ovvio che qualsiasi iniziativa benefica, anche da parte di MS, è sempre in primo luogo accettabile, meno accetabile è che un ministero faccia un decreto per far diventare una "best practice" una soluzione che non si basa su una metodologia ma su uno specifico prodotto di una azienda privata.Pagare soldi ad un politico è considerata tangente, "donare" HW e SW alla pubblica amministrazione (facendo fare bella figura ad un politico) per ricevere un decreto che faccia la propria azienda una best practice è beneficenza...Brunetta smetta di fare il fannullone facendo fare tutto ad aziende private con soldi pubblici e inizi a pensare a come svincolare migliaia di uffici pubblici da prodotti a pagamento per scrivere tre righe in croce su un doc.
    • virgola scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
      - Scritto da: super gay
      La concretezza e la capacita' organizzatrice
      delle aziende closed source, non puo' che
      umiliare l'imbarazzante sogno lisergico di
      qualche sfigato cantinaro.Che magnifiche figure retoriche!"È come pulirsi il XXXX con la seta. Ne sono affascinato." :)
    • vaccaricarlo scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE

      Lo stato necessita di basi informatiche solide e
      ben collaudate. Gestire la pa, non e' come
      mandare a avanti un centro sociale di periferia.Pienamente d'accordo: infatti in Istat usiamo server Linux!
      Tutte cose che lo sgangherato mondo open source
      non puo' dare Lo "sgangherato mondo open source" fornisce i prodotti che fanno girare TUTTI i principali siti del mondo (v. classifica di Alexa) MS esclusa!Oppure voi non usate Google?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 gennaio 2009 09.40-----------------------------------------------------------
    • pabloski scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
      - Scritto da: super gay
      Lo stato necessita di basi informatiche solide e
      ben collaudate. Gestire la pa, non e' comegià collaudato e verificato come software bacato che piglia worm a destra e a manca
      Servono prodotti certificati e certificabili,e russi in ogni PC
      qualche sfigato cantinaro.Mentre il mondo porduce
      e va aavanti, il cantinaro crede in una tenaceah certo le abbiamo viste le innovazioni di MS, tutta roba copiata da Unix SysV
      Linux perde sempre terreno, sia nei mercati
      vergini che in quelli ormai consolidati.certo certo, la prossima volta prima di parlare informati sul software che gira sul tuo router, magari ti accorgi che è Linuxoh, stai lontano dai videotelefoni Sirio che sono tutti basati su Linux e pure dai router adsl di Alicee dovresti pure evitare quei nuovi frigo intelligenti e visto che ci sei non installare quei marchingegni per la domotica che sono tutti linux based
      • Max Fuffas scrive:
        Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE

        certo certo, la prossima volta prima di parlare
        informati sul software che gira sul tuo router,
        magari ti accorgi che è
        Linux

        oh, stai lontano dai videotelefoni Sirio che sono
        tutti basati su Linux e pure dai router adsl di
        Alice

        e dovresti pure evitare quei nuovi frigo
        intelligenti e visto che ci sei non installare
        quei marchingegni per la domotica che sono tutti
        linux
        basedlinux ai frigo, ai telefoni e ai server gestiti da nerd e MS ai computer degli utenti normali... mi sembra giusto...purtroppo il mondo è fatto al 95% di persone normali e MS fa roba per persone normali. Da li deriva la sua ricchezza.Apple ha fatto la stessa cosa con iPod: ha cominciato a fare prodotti per la massa, che al 99% non capisce neppure una parola di quello che i nerd dicono. già si trovano in difficoltà ad installare un programma su windows, figurati su linux. fai il confornto solo della facilità d'uso di hamachi su win confronto a linux....linux non è adatto ai desktop. è invece ovvio e naturale trovarlo da altre parti. ma ciò non vuole dire nulla, è solo naturale che sia così. almeno fino a che non cambiano radicalmente l'usabilità di linux per desktop.in caso contrario, linux per desktop rimarrà solo un SO per nostalgici illusi.
        • advange scrive:
          Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE

          linux non è adatto ai desktop.d'altro canto non ci sono più le mezze stagioni.Ah, una volta qui era tutta campagna.
        • pabloski scrive:
          Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
          che linux non sia adatto ai desktop è molto opinabile, almeno finchè non mi porterai/rete esempi reali e affermazioni circostanziateper quanto riguarda il discorso del 95% di gente normale, beh, mi pare che pure loro usino i videotelefoni e i router adslquindi sto linux è per smanettoni o per tutti??? non mi pare che per usare il telefono Sirio bisogna installare i driver della cam integrata
        • Gianni scrive:
          Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
          Perchè che difficoltà hai ad installare hamachi su linux?http://ubuntrucchi.wordpress.com/2008/03/23/uninterfaccia-per-hamachi-hamachi-gui/Scarichi ghamachi e lo installi... così come fai per windows.. l'interfaccia poi è la stessa..A me poi viene l'orticaria ogni volta che sento che i programmi si installano più facilmente su windows che su linux... ma cavolo se proprio vuoi fare un esempio farne un'altro! sono d'accordo se dici che le ultime release di alcuni software proprietari (tipo Silverligth.. ad esempio) è più facile che siano compatibili su Win (non a caso) che su linux, ma che sia più facile installarli o rimuoverli prorpio no!Su linux hai un software che ti gestisce appieno questa fase!!! apri un gestore di pacchetti selezioni il programma che vuoi e con un click lo installi!!!Se installi un programma win, quante opzioni ti chiede? quante volte devi cliccare avanti senza capire cosa ti chiede?!
    • Max Fuffas scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE

      Per quanto riguarda il ciccione con gli
      infradito, sai qual è il sistema operativo più
      usato per i missili intelligenti? Indovina? Non è
      bello, però almeno ora lo sai anche
      tu.grazie al glande!... vorrei vedere, che ci dovevano mettere in un missile, Vista?ma per favore...
      • littlegauss scrive:
        Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
        Guarda che un kernel cel'ha anche windows, solo che fa schifo e nessuno ci costruisce sopra. Se fosse utilizzabile un derivato windows, dubito che microsoft si sarebbe fatta sfuggire un appalto militare americano.
    • same scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
      - Scritto da: super gay
      Lo stato necessita di basi informatiche solide e
      ben collaudate. Gestire la pa, non e' come
      mandare a avanti un centro sociale di periferia.
      Servono prodotti certificati e certificabili,
      servono parametri di giudizio e persone reali con
      cui fare accordi a cui affidare responsabilita'.
      Tutte cose che lo sgangherato mondo open source
      non puo' dare e non ha intenzione di offrire, nel
      pieno rispetto della sua filosofia ciccione con
      infradito....
      La concretezza e la capacita' organizzatrice
      delle aziende closed source, non puo' che
      umiliare l'imbarazzante sogno lisergico di
      qualche sfigato cantinaro.acc e ora chi glielo dice a ibm oracle sun redhat novell che hanno sbagliato tutto e che i loro sviluppatori (spesso nomi storici dell'IT) quasi tutti addottorati nelle migliori università sono solo cantinari ciccioni copn infradito incapaci di prendersi responsabilità e le loro corporation sono sgangherate inaffidabili e non certificate ?sarà un duro colpo per loro, poverine, vacci piano mi raccomando
      Mentre il mondo porduce
      e va aavanti, il cantinaro crede in una tenace
      quanto mai vergognosa "visione": cambiare il
      mondo avendo nulla in
      mano.ecco io non so cosa produci tu ma ho un'idea di cosa dovresti tenere in mano in questo momento

      Non e' una critica a linux, ma al suo peggior
      nemico, il nerd che lo
      usa.invidiosetto eh ?
      Linux perde sempre terreno, sia nei mercati
      vergini che in quelli ormai consolidati.
      Semplicemente un sogno in
      frantumi.non leggere troppo get the facts, ti fa male alla vista (e ad altro)
    • pippo calo scrive:
      Re: NIENTE LINUX....C'ERA DA SCOMMETTERE
      il software microsoft non è certificato nè tanto meno microsoft ti garantisce che funzionerà al 100%.quando installi win o office, lo fai a tuo rischio e pericolo. tutto nero su bianco.basta leggersi la licenza.che io sappia nessuno che garantisce il software, altrimenti chi vende i sistemi di backup non servirebbe a nulla e gli hacker sarebbero un mito.
  • boh scrive:
    Cosi Si fa
    Cosi si fa linuxari mannari che non siete altro!dovreste anche voi ammettere che mamma microsoft è una societa no profit il cui unico intento è promuovere l'informatica nel mondo.cito:è stata ancora Microsoft a donare tutta l'infrastruttura hardware e softwarecosi si fa! non come voi linuxari debianisti slackawaresti e gentisti che non capite una cippa di informatica. Se volete che il vostro sistema operativo (vetusto ed inutile) sia usato dovete regalare alla gente dei pc con linux gia installato.Ultima cosa :A tutti coloro che interverranno, spiega, verrà consegnata una chiavetta USB in luogo della tradizionale cartella stampa con tutto il materiale inerente l'evento: anche questo, in qualche modo, è segno che qualcosa sta davvero cambiando.QUESTA E RIVOLUZIONE!signori ormai c'è poco da fare: ammettete la superiorità di Windows su tutti i campi: server, desktop, multimedia, lavoro, produzione, facilita di impallarsi e prendere trashware, facilità d'uso eccetera eccetera.ps: perche questo schifoso sito fatto in ASP non prende questo schifoso captcha chiamato "codice antispam"
    • openSuSE 10.3 scrive:
      Re: Cosi Si fa
      Hai detto bene tutto ma... forse mi sbaglio, ma mi sembra che "boh" fosse sarcastico nel suo commento, infatti dice anche "facilita di impallarsi e prendere trashware" :-)
    • advange scrive:
      Re: Cosi Si fa

      "Neanche gli Dei possono contro la stupidità
      degli Uomini"Era Friedrich Schiller.Sottoscrivo tutto il resto del discorso.
  • dovella scrive:
    vi compreremo tutti.
    cari amici della pubblica amministrazione microsoft vi compra tutti, utilizzerete solo nostri prodotti hhahahahahahahahha con il denaro si vince sempre.
Chiudi i commenti