Cyberwar, accuse statunitensi su Pechino

Washington parla di milioni di documenti rubati alla Camera di Commercio. La Cina smentisce qualsiasi coinvolgimento

Roma – Secondo alcune fonti , cracker cinesi avrebbero avuto accesso alla Camera del Commercio a stelle e strisce rubando dati su 3 milioni di suoi membri .

Pochi i dettagli : tra i dati, sei settimane di email, in particolare di quattro impiegati che si occupavano della politica relativa all’Asia. In ogni caso, poi, sembra che l’attacco fosse ben organizzato e dunque presumibilmente perpetrato da un’organizzazione strutturata.

Se i fatti venissero confermati, si tratterebbe di una delle operazioni di spionaggio informatico di maggior portata emerse finora. Ad essere coinvolti sarebbero stati 300 indirizzi Internet e la fuga di dati è stata interrotta solo disconnettendo e distruggendo i computer infetti e revisionando completamente il sistema di sicurezza della Camera di Commercio.

Un portavoce dell’ambasciata cinese a Washington, Geng Shuang, si è limitato a sottolineare come gli attacchi informatici siano proibiti dalla normativa nazionale e come la Cina stessa sia vittima di offensive. Ha sottolineato, inoltre, come manchino prove del fatto che l’attacco che ha colpito l’istituzione statunitense provenga dalla Cina e come non dovrebbe dunque essere “politicizzato”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • volgare scrive:
    Ben venga!
    Non ho la certezza perchè non ricordo, ma se veoh era quel sito che ti faceva vedere i primi 5 minuti di filmato e poi ti "invitava" a scaricare un loro software per continuare a vedere il resto, beh, ben venga che sia fallito!
  • Guybrush scrive:
    Ricapitoliamo...
    ...prima ti stronco, poi sulla tua tomba ci scrivo che AVEVI ragione tu.Non mi sembra molto corretto.Poi magari sbaglio eh? Pero' mi metto nei panni di chi alla VEOH ci lavorava, prendeva lo stipendio e pagava le tasse.Dopo non ha piu' preso lo stipendio, in compenso ha ricevuto un sussidio dallo stato.Quindi: la condotta di UMG ha danneggiato la VEOH in primis, a seguire i contribuenti americani e per cosa? Mantenere un monopolio che non puo' avere e che comunque dovra' perdere.GT
    • panda rossa scrive:
      Re: Ricapitoliamo...
      - Scritto da: Guybrush
      ...prima ti stronco, poi sulla tua tomba ci
      scrivo che AVEVI ragione
      tu.
      Non mi sembra molto corretto.

      Poi magari sbaglio eh? Pero' mi metto nei panni
      di chi alla VEOH ci lavorava, prendeva lo
      stipendio e pagava le
      tasse.
      Dopo non ha piu' preso lo stipendio, in compenso
      ha ricevuto un sussidio dallo
      stato.
      Quindi: la condotta di UMG ha danneggiato la VEOH
      in primis, a seguire i contribuenti americani e
      per cosa? Mantenere un monopolio che non puo'
      avere e che comunque dovra'
      perdere.Una bella multa di qualche centinaio di milioni di dollari, non ci starebbe male, e farebbe passare la voglia a certi parassiti di usare la giustizia come arma.
Chiudi i commenti