Dal group Google Video è partito un worm

Lo ha annunciato l'azienda sul proprio blog, spiegando che portatori del celebre codice informatico Kama Sutra erano alcuni post pubblicati sulla lista di Google Video. Le scuse dell'azienda. Problemi anche su MySpace

Roma – Kama Sutra è un worm che nei primi mesi dell’anno ha preoccupato molti ma fatto pochi danni: pur essendo lentamente scivolato agli ultimi posti delle classifiche per diffusione in Internet, nei giorni scorsi ha fatto la sua ricomparsa in un luogo inatteso, quello della mailing list associata a Google Video.

Come spiega il Google Video Team in un post sul blog di Google Video: “Martedì sera tre post sono stati pubblicati nel group del blog di Google Video che non avrebbero dovuto essere pubblicati. Un problema che è stato affrontato e risolto”.

Il motivo per cui Google è intervenuto sta tutto nel fatto, come spiega l’azienda, che “alcuni di questi post possono aver contenuto un virus noto come W32/Kapster.A@mm, un mass mailing worm (meglio noto come Kama Sutra , ndr.). Se ritieni di aver scaricato questo virus dal gruppo o da un messaggio email, ti raccomandiamo di far girare il tuo antivirus per rimuoverlo”.

Nella nota il team di Google Video si scusa “per qualsiasi inconveniente” legato alla diffusione di quei post e assicura che “stiamo prendendo provvedimenti per assicurare che non possa accadere di nuovo”. Va detto che a quella mailing list partecipano più di 50mila utenti, ai quali non è richiesta alcuna registrazione per partecipare e i cui archivi sono liberi e pubblicamente accessibili.

In queste ore intanto da Websense viene segnalata la disseminazione su alcuni profili di utenti MySpace di alcuni video apparentemente a contenuto erotico che sembrano diffusi tramite YouTube.com ma che invece portano, chi vi clicchi, sopra al sito YouTube.info. Qui, per visionare i video viene richiesto di scaricare una licenza ad hoc, che è in realtà un programma, la Zango Cash Toolbar, che molte società di sicurezza ritengono pericolosa per la privacy degli utenti.

Altri dettagli di questa vicenda sono descritti su questa pagina e un pezzo interessante è uscito su InformationWeek .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il Premio WWW è una buffonata
    Un sistema basato sul voto "popolare" di utenti che devono per forza registrarsi ai servizi del sole24ore e pagare un sovrapprezzo per inviare un sms.I risultati poi, sono spesso imbarazzanti. Basta fare un giro nelle classifiche per rendersi conto del livello generale.E' veramente molto triste vedere un operatore del calibro del Sole24ore spendersi per un'iniziativa di così scadente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Premio WWW è una buffonata

      E' veramente molto triste vedere un operatore
      del calibro del Sole24ore spendersi per
      un'iniziativa di così scadente.Vero, questo premio risenbte ormai della vecchiaia : è nato quando su internet eravamo in pochi ( ha già almeno 7 anni, mi pare) e non è mai stato rinnovato.CMQ mi ha fatto più effetto vedere "Vota it.wikipedia.org al Premio WWW 2006 ... " sul sito it.Wikipedia.org !!!ma che senso ha??!!?!BOH!
  • Anonimo scrive:
    le parole hanno un significato.
    non sono affatto d'accordo con la conclusione.dire che è - Una preoccupazione che, stando alle verifiche di PI di questi giorni, non ha però ragion d'essere - è sbagliato.La ragion d'essere c'è; semmai si può dire che conforta sapere che non succede... ma formalmente si sottoscrive un contratto che dice così, quindi la ragion d'essere c'è, anzi, le verifiche tutt'al più evidenziano un comportamento che non ha ragion d'essere, visto quanto scritto in un regolamento formale.Poi ben venga se non ti spammano... però quello è un regolamento.
    • Anonimo scrive:
      Re: le parole hanno un significato.
      - Scritto da:
      non sono affatto d'accordo con la conclusione.

      dire che è - Una preoccupazione che, stando alle
      verifiche di PI di questi giorni, non ha però
      ragion d'essere - è
      sbagliato.

      La ragion d'essere c'è; semmai si può dire che
      conforta sapere che non succede... ma formalmente
      si sottoscrive un contratto che dice così, quindi
      la ragion d'essere c'è, anzi, le verifiche
      tutt'al più evidenziano un comportamento che non
      ha ragion d'essere, visto quanto scritto in un
      regolamento
      formale.

      Poi ben venga se non ti spammano... però quello è
      un
      regolamento.dopo la storiaccia dei dialers non ci si può più fidare di nessuno :@
    • Anonimo scrive:
      Re: le parole hanno un significato.
      Hai ragione sul significato delle parole. Per cui rileggiamo ...indicare la propria preferenza per un sito via SMS significa ricevere esclusivamente in ritorno un SMS di conferma dal costo di 0,50 euro. Questo accade per ogni voto espresso con questa modalità: ciò vuol dire che inviando 10 voti, per fare un esempio, si ricevono 10 SMS di questo tipo. E guarda caso effettivamente c'e' un costo "per ciascun SMS inviato all'utente" ed e' pure un "servizio di informazioni via SMS" che ha un costo fisso di 0,50 euro.Quindi: 1 voto, un SMS inviato all'utente come servizio informazioni a 0,50 euro.Fine e per giunta verificato.Come vedi non solo le parole hanno un significato.Perfino i fatti.
Chiudi i commenti