DDoS: il minimo della pena per i gestori di vDOS

I due ragazzi israeliani responsabili del servizio vDOS non finiranno in carcere: hanno gestito uno dei più importanti booter per anni.
I due ragazzi israeliani responsabili del servizio vDOS non finiranno in carcere: hanno gestito uno dei più importanti booter per anni.

I proprietari di vDOS, un servizio che per quattro anni ha consentito a chiunque disposto a mettere mano al portafogli la possibilità di sferrare attacchi DDoS contro risorse Internet in modo da metterle offline, sono stati condannati a sei mesi di servizi alla comunità da una corte israeliana. Yarden Bidani e Itay Huri, entrambi residenti nel paese e arrestati nel 2016 all’età di 18 anni, dovranno anche fare i conti con una sanzione pecuniaria. È il minimo della pena prevista: scampata così la possibilità di reclusione per due anni.

Caso vDOS: la condanna ai due gestori del servizio

Finché la piattaforma è rimasta online ha dato modo di abbattere i siti Web generando richieste fino a 50 Gbps, ben oltre la capacità di gestione di un qualsiasi portale sprovvisto di protezioni specifiche contro le azioni di tipo distributed denial-of-service. Un business capace di fruttare complessivamente circa 600.000 dollari ai due imputati (175.000 dei quali già sequestrati), tramite l’acquisizione di clienti diretti e attraverso la fornitura di API per l’accesso alla propria infrastruttura ad altre piattaforme dello stesso tipo come Vstress, Ustress, PoodleStresser e LizardStresser.

Nel caso è coinvolto anche un giovane residente negli Stati Uniti (Jesse Wu secondo Brian Krebs di Krebs On Security) che avrebbe fornito supporto da oltreoceano sia a vDOS sia ad altri booter operativi con le medesime modalità e con finalità del tutto simili.

Per capire l’impatto del servizio è sufficiente citare che tra l’aprile e il luglio del 2016 ha indirizzato attacchi per una durata complessiva pari a quasi 77.000 ore, provocando down per l’equivalente di circa 8,8 anni.

I documenti pubblicati nei giorni scorsi dalla corte israeliana descrivono l’atteggiamento assunto dai due gestori di vDOS come profondamente diverso: uno si è dimostrato collaborativo in sede d’indagine dichiarandosi pentito per le azioni criminali perpetrate, l’altro per nulla rifiutandosi di partecipare agli incontri di terapia imposti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti