Debian 7, la distro col fischio

Wheezy arriva due anni dopo la release precedente. Rivista l'intera gerarchia per migliorare il supporto multiarchitettura

Roma – Ci sono voluti più di 24 mesi per preparare una nuova versione della distribuzione Linux più ortodossa che c’è, ma alla fine Debian 7 ha rispettato la tabella di marcia che gli stessi sviluppatori avevano anticipato : con il rilascio di Wheezy avvenuto lo scorso sabato si completa una profonda rivistazione dell’intero universo Debian, che resta un punto di riferimento per una larga fetta di utenza professionale e ribadisce l’approccio conservativo fin qui tenuto dalla community che l’anima. I dettagli sui pacchetti aggiornati e le novità essenziali sono contenuti nel post sul blog ufficiale che comunica il rilascio.

Debian 7 è una distribuzione profondamente ripensata per garantire supporto multiarchitettura: l’intera gerarchia del filesystem è stata rivista per garantire in questo senso la massima interoperabilità, così che sulla stessa macchina possano ad esempio girare pacchetti compilati a 32 o 64bit senza che si verifichino fastidiosi problemi di dipendenze non risolte o risolte in modo errato. Debian supporta inoltre molte architetture, come ad esempio i386, X86-64, PowerPC, SPARC, MIPS, ia64 e ARM. La sua proverbiale solidità ne fa un punto di partenza eccellente per lavori professionali.

Tra le altre novità di Wheezy figurano: l’adozione di Gnome 3.4 come interfaccia grafica di default, l’aggiornamento al kernel Linux 3.2 , l’adozione di un nuovo meccanismo di installazione che consente di controllare il processo tramite la voce ( per garantire a tutti di poter utilizzare Debian su una macchina non dotata di interfaccia specifica). Irrobustito anche il supporto alla creazione di cloud private, in particolare agli strumenti OpenStack e Xen Cloud Platform (XCP). ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxsix scrive:
    Motorola, boh?
    http://www.tomshw.it/cont/news/il-prossimo-google-nexus-potrebbe-essere-realizzato-da-lg/45412/1.htmlBoh.
    • sbrotfl scrive:
      Re: Motorola, boh?
      - Scritto da: maxsix
      http://www.tomshw.it/cont/news/il-prossimo-google-

      Boh.Occhio occhio! Sono eoni che non ti fai vedere, ma ora che c'è una notizia su motorola non hai messo un post MA BEN DUE!!! A casa da scuola oggi? ;)
      • maxsix scrive:
        Re: Motorola, boh?
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: maxsix


        http://www.tomshw.it/cont/news/il-prossimo-google-



        Boh.

        Occhio occhio! Sono eoni che non ti fai vedere,
        ma ora che c'è una notizia su motorola non hai
        messo un post MA BEN DUE!!! Nessun post interessante ultimamente.Sembra che PI sia stretto dalla bramosità del M5S da una parte e della Boldrini dall'altra.Invero 2 temi indifferenti e di poca importanza.E si che di spunti ce ne sono stati.
  • maxsix scrive:
    Ce lo, ce lo, mi manca
    Altra figurina per Google dell'album "Rogne con l'UE 2012-2013".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 maggio 2013 20.22-----------------------------------------------------------
  • benkj scrive:
    epic fail
    Indendo l'acquisizione di Motorola da parte di Google dopo aver perso i brevetti Nortel... ancora non ho capito cosa vogliono farsene.
    • maxsix scrive:
      Re: epic fail
      - Scritto da: benkj
      Indendo l'acquisizione di Motorola da parte di
      Google dopo aver perso i brevetti Nortel...
      ancora non ho capito cosa vogliono
      farsene.Se lo chiedono in molti.Tranquillo.
  • Enjoy with Us scrive:
    Ma come mai...
    ... se ne accorgono solo quando a richiedere il pagamento di royalty è motorola e non apple o M$?A me questi comportamenti difformi fanno pensare male!
    • benkj scrive:
      Re: Ma come mai...
      Quando si parla di tecnologie standard è giusto che siano concesse a condizioni FRAND. Microsoft sviluppa tecnologie chiuse e le impone come standard per abuso di posizione dominante. E' diversa la cosa...
      • collione scrive:
        Re: Ma come mai...
        - Scritto da: benkj
        Microsoft sviluppa tecnologie chiuse e le impone
        come standard per abuso di posizione dominante.è decisamente peggiore direiil problema è che:1. emerite panzane diventano brevetti2. non c'è un proXXXXX legislativo che permette di separare FRAND da ciò che FRAND non èad esempio se standardizzi una tua tecnologia presso l'ISO, allora i relativi brevetti diventano FRANDse invece brevetti il doppio click ( che è uno standard de facto in quanto ad usabilità di una GUI ) allora non sei sottoposti alle condizioni FRANDquesto è il vero assurdo ( oddio, magari ci sarebbe da discutere sull'idiozia di rendere brevettabile il software )
        • tucumcari scrive:
          Re: Ma come mai...
          - Scritto da: collione
          questo è il vero assurdo ( oddio, magari ci
          sarebbe da discutere sull'idiozia di rendere
          brevettabile il software
          )Non c'è niente da discutere hai già detto tutto quello che c'era da dire è una idiozia...
        • nome e cognome scrive:
          Re: Ma come mai...

          2. non c'è un proXXXXX legislativo che permette
          di separare FRAND da ciò che FRAND non
          èAncora? Certo che c'è un proXXXXX legislativo ... quando tu stipuli un contratto con un ente tipo ISO, DIN, etc per la standardizzazione della tua invenzione accetti la clausola FRAND.
          ad esempio se standardizzi una tua tecnologia
          presso l'ISO, allora i relativi brevetti
          diventano
          FRANDEsattamente. Vuoi che diventino standard ISO?
          se invece brevetti il doppio click ( che è uno
          standard de facto in quanto ad usabilità di una
          GUI ) allora non sei sottoposti alle condizioni
          FRANDBravo. E' il motivo per cui bisogna rendere merito a chi riesce ad imporre uno standard de facto senza passare per gli organismi internazionali. Microsoft l'ha fatto con FAT, nessuno obbligava i produttori a scegliere questo filesystem: hanno voluto la via veloce, scegliendo la compatibilità ora è giusto che paghino. Potevano scegliere ext ... e imporlo (o provare a) come standard.
          • Izio01 scrive:
            Re: Ma come mai...
            - Scritto da: nome e cognome

            Bravo. E' il motivo per cui bisogna rendere
            merito a chi riesce ad imporre uno standard de
            facto senza passare per gli organismi
            internazionali. Microsoft l'ha fatto con FAT,
            nessuno obbligava i produttori a scegliere questo
            filesystem: hanno voluto la via veloce,
            scegliendo la compatibilità ora è giusto che
            paghino. Potevano scegliere ext ... e imporlo (o
            provare a) come
            standard.Microsoft l'ha fatto abusando della posizione dominante nel mercato dei PC: attacca una chiavetta ext3 a un sistema Windows e non la vedi. Solo per questo motivo hanno usato tutti FAT32.Però rompono le OO a Google se non dà la precedenza ai suoi concorrenti nella ricerca sul web o se decide di non supportare le schifezze M$ stile Exchange su Android. Boh, guarda, io sono basito e spero sempre che un domani qualcuno inizi anche a legnare in egual modo M$.
          • collione scrive:
            Re: Ma come mai...
            - Scritto da: nome e cognome
            Ancora? Certo che c'è un proXXXXX legislativo ...
            quando tu stipuli un contratto con un ente tipo
            ISO, DIN, etc per la standardizzazione della tua
            invenzione accetti la clausola FRAND.non è un proXXXXX legislativo quello, è semmai un contratto tra privati
            Bravo. E' il motivo per cui bisogna rendere
            merito a chi riesce ad imporre uno standard de
            facto senza passare per gli organismi
            internazionali. Microsoft l'ha fatto con FAT,
            nessuno obbligava i produttori a scegliere questo
            filesystem: hanno voluto la via veloce,l'ha fatto tramite l'infame politica di lock-in che tutti ben conosciamo
            scegliendo la compatibilità ora è giusto che
            paghino. Potevano scegliere ext ... e imporlo (o
            provare a) come
            standard.si certo e poi glielo vai a dire tu a milioni di utenti di cambiare filesystem dall'oggi al domani?ragionando come fai tu non dovevo smembrare la Standard Oil ( in fondo Rockfeller impose uno standard de-facto perchè è più intelligente degli altri, giusto!?! ), la AT&T, la IBM, ecc...essere fanboy ok, ma non scriviamo panzane
Chiudi i commenti