Il ritorno di Debian, sesta puntata

Versione 6.0 per la nota distribuzione GNU/Linux. Per la prima volta il sistema operativo libero viene fornito in due varianti, una con kernel BSD

Roma – Nuova distro “doppia” per la distribuzione libera Debian . Dopo due anni di attesa gli sviluppatori volontari del progetto completano la versione stabile 6.0 (nome in codice “Squeeze”), ma questa volta accanto alla combo GNU/Linux viene introdotta anche la variante Debian GNU/kFreeBSD. Al momento questa nuova proposta “sperimentale” offre limitate funzionalità desktop, ma resta il primo port incluso in un rilascio di Debian a non essere incentrato sul kernel Linux.

Un gran lavoro è stato fatto anche per far sì che il kernel di Linux incluso nella parte “classica” di Debian comprenda solo firmware svincolati dalle licenze. Adesso gli utenti possono scegliere di lavorare con un OS basico completamente libero, utilizzando solo i pacchetti free inclusi nell’archivio principale, o di appoggiarsi anche alle repository proprietarie per forzare la compatibilità hardware.

L’installer 6.0, scaricabile gratuitamente, include comunque gli ambienti desktop GNOME, Xfce e LXDE, le applicazioni KDE Plasma e il supporto ai comuni applicativi server. Come noto, il sistema Debian può girare su dispositivi di ogni tipo, dai palmari ai supercomputer.

Nonostante gli sforzi per rendere la distribuzione Linux ancora più universale, l’arrivo di questo aggiornamento non è stato accolto con applausi ovunque. Secondo ZDNet , la nuova versione del sistema operativo su cui si basa anche Ubuntu non include neppure un passo avanti. Aggiornare da “Lenny” a “Squeeze” sarebbe addirittura irrilevante.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonymous scrive:
    Incapaci..
    .. magari ULTRALAUREATI (perchè son fighi loro e sanno tutto). Come al solito, gente esagitata che suppone di essere l'unica a sapere le cose e l'unica a poter accedere ad un certo tipo di conoscenza. Poi accadono ste XXXXXXcce.Di certo, dopo aver visto come Assange è riuscito ad ottenere i cablogrammi.. è strano meravigliarsi anche di ste cose.
  • Maestro Miyagi scrive:
    Questa la dice lunga ...
    .. su quanto ci si possa fidare delle mail ricevute: per niente!Si suppone, però, che in settori strategici del Governo si abbiano precauzioni in più .. :(P.S. non voglio immaginare che cosa succederebbe se qualche malintenzionato mandasse delle mail con intestazioni credibili, contenenti informative dei servizi di sicurezza con dati completamente fasulli ma verosimili ... Il Foreign Office se la berrebbe? stiamo freschi, allora ..
    • collione scrive:
      Re: Questa la dice lunga ...
      piuttosto questa la dice lunga su quanto utonti sono certi soggetti che invece dovrebbero presidiare la sicurezza di una nazionese questi sono i supergeni statali, allora siamo fregati
Chiudi i commenti