Debian s'è fatta l'amante: FreeBSD

Alcuni sviluppatori di Debian hanno rilasciato una nuova versione di questo storico sistema operativo open source: utilizza il kernel di FreeBSD al posto di quello Linux. Tra i vantaggi citati, una minore vulnerabilità ai brevetti

Roma – Linux non è più il solo kernel amato da Debian . Nella vita dello storico sistema operativo open source è recentemente entrato il kernel di FreeBSD , e da questo sodalizio è appena nata una nuova distribuzione chiamata kFreeBSD .

Sul sito del progetto, kFreeBSD viene descritto come “un port che consiste di uno spazio utente GNU che usa la libreria C GNU e un kernel FreeBSD sottostante, abbinati con il normale insieme di pacchetti Debian”. In buona sostanza, kFreeBSD è una distribuzione di Debian, seppure ancora incompleta, che utilizza il “cuore” di FreeBSD al posto di Linux.

Il piccolo team di sviluppo che si sta occupando di questo port afferma che il kernel di FreeBSD può fornire diversi vantaggi rispetto a quello di Linux, soprattutto in ambito server: ad esempio, il supporto alla Network Driver Interface Specification ( NDIS ) e, potenzialmente, al file system ZFS di Sun.

“Il kernel di FreeBSD potrebbe fornire supporto a componenti hardware che Linux non supporta, oppure fornire un supporto migliore (con meno bug)”, si legge sul sito della distribuzione. “Alcuni utenti sostengono che kFreeBSD offra migliori performance e/o stabilità (specialmente nell’area disco/filesystem)”.

Secondo gli sviluppatori, poi, FreeBSD sarebbe meno vulnerabile di Linux ad eventuali ritorsioni legali da parte di Microsoft o di altri giganti del closed source: di conseguenza, kFreeBSD potrebbe fornire una valida alternativa alla versione classica di Debian in caso di contenziosi legali relativi alle proprietà intellettuali.

Dal momento che, come tradizione, Debian utilizza esclusivamente software libero (a parte poche eccezioni), gli sviluppatori della nuova distribuzione affermano di aver “ripulito” il kernel di FreeBSD da ogni driver proprietario.

kFreeBSD può essere scaricato dai link forniti qui per architetture i386 e AMD64. Attualmente è ancora considerato “non stabile e sperimentale”, e manca di una localizzazione italiana.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francososo scrive:
    Seoul registrare disconnetere azzerare
    Seoul registrare disconnetere azzerare il traffico internet ! cosi suona meglio no ? @^
  • antonio montemurro scrive:
    l'ipocrisia della società.
    La cosa che mi lascia perplesso è che prima incoraggiano i cittadini a farsi l'adsl ad alta velocita per (cito testualmente le varie pubblicità) SCARICARE FILM E MUSICA velocemente. Ci lucrano e mandano avanti l'economia di tutta una serie di industrie, dalle compagnie di telecomunicazioni ai produttori di hd/cd rom alle riviste del settore (con in copertina il mulo e lo slogan "I SEGRETI PER SCARICARE TUTTO") e hardware vario (dai minipc che consumano poco a router vari) su cui si chiude un occhio sulla PALESE pubblicità e l'uso che ne consigliano, poi però devono fare la bella faccia e XXXXXare i cittadini.Quindi per mandare avanti l'economia si incita a farlo, però poi è illegale e sei perseguito e spiato come usi la rete. (uno può anche essere tranquillo e con la coscienza a posto, ma è il concetto che urta).Mi ricorda un po' l'ipocrisia sulle sigarette.Lo stato sà che è una droga (perchè alla fine quello è, sei dipendente da una sostanza tossica) e che devasta l'organismo , ma per soldi (diretti e indiretti) ne detiene addirittura il monopolio.E andiamo avanti così. Trattati come polli.Poi vabbeh.. il fatto che tale notizia venga dal paese più tecnologizzato (basti pensare ai robot che vogliono mettere in campo come poliziotti) fa pensare..
    • ILBaK scrive:
      Re: l'ipocrisia della società.
      Hai ragione ma credo che il fine ultimo di questa ideologia (da Sarkozy in poi) sia poter richiedere controlli e sanzioni su chiunque: Creare un qualcosa che giustifichi la possibilità di spiare i grandi movimenti di dati e poter tenere sotto scacco la piccola utenza (che è quella che subirà davvero le ritorsioni più pesanti).La "pirateria" è una scusa che però trova l'appoggio di grandi investitori quali le lobby dell'intrattenimento...Temo che quando tutto questo arriverà in Italia ci saranno cori di "l'avevo detto", ma nessuno avrà mai organizzato una manifestazione seria per dimostrare cosa ne pensano davvero gli utenti del web...
      • antonio montemurro scrive:
        Re: l'ipocrisia della società.
        certamente. La mia era solo una prima constatazione su qualcosa che "evidentemente" non và.Poi i motivi possono essere molteplici.Ai politici il controllo della rete fa gola, poche storie.Ormai stanno perdendo (ok..non ancora..ma con la prossima generazione di sicuro, se non crescono con zero cultura come stanno provando a ridurli) l'egemonia della Tv/giornali come mezzo di informazione e vogliono poter controllare e veicolare le informazioni della rete. Se poi a questo ci possono aggiungere un sistema per incamerare soldi e aumentare lo spauracchio della rete come cosa "cattiva,pericolosa e criminosa" per le persone giustificando le loro mani impastate nella marmellata dando la colpa agli utenti.. beh.. il quadro direi che è completo.
        • ILBaK scrive:
          Re: l'ipocrisia della società.
          Sì, concordo con il tuo pensiero...Credo che in Italia ci sia ancora l'egemonia della televisione e mantenerla è uno dei motivi principali di questo improvviso interesse al blocco di Internet...Quello che mi turba è un discorso più ampio: Arrivare ad un domani in cui davvero tutti questi progetti saranno realtà, un giorno in cui alla Carlucci stringeranno le mani per la legge che porta il suo nome... E noi? Cosa avremo fatto per mantenere integro uno strumento unico nella storia, come Internet? Invito sempre a porsi questa domanda adesso, penso sarebbe costruttivo utilizzare la nostra rabbia adesso e non dopo per dire "l'avevo detto"... :)
          • antonio montemurro scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            già non votare queste persone sarebbe qualcosa.Ma in un mondo ormai col cervello annebbiato che VUOLE questo e anzi lo applaude.. cosa ci resta da fare?Se solo provi a ribbellarti, indipendentemente dal tuo pensiero vieni sommerso da "comunista" o "ecco il solito della sinistra!". Il lavaggio del cervello è ormai arrivato alla fine e io che ho sempre adorato il computer, la sua nicchia iniziale i sogni e la libertà di espressione della rete, sorridendo al pensiero dei pecoroni che si facevano soggiogare dalla tv, mi ritrovo a veder crollare e vedere quello che pensavo fosse impossibile. Vedersi bloccare qualcosa di enorme, di splendido grazie al nonpensiero della maggior parte della gente. Gente che è contenta se le notizie sono filtrate, manipolate e surrogate. Gente che ha poco tempo e quel poco tempo non vuole "sprecarlo" a sentire come và veramente il mondo. Non vuole sentire le brutte notizie, che sono la REALTA' che essi stessi permettono e creano. NO. Preferiscono stordirsi con tette e sederi di plastica in tv e picchiarsi e insultarsi fra simili per uno stupido pallone calciato da persone pagate MILIONI e pure OSANNATE per questo.
          • MegaLOL scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            Sorridevi, eh? Adesso RIDIAMO noi!HAHAHAHAHAHAHAHAHA!I tuoi sogni di perdente sono annegati in una fossa settica e i bastioni della sfiga CROLLANO sotto i colpi di stato e industria riuniti!HAHAHAHAHAHAHAHAHA!Adesso non fai più lo spavaldo, eh? Hai finito di atteggiarti a superiore perchè avevi un collegamento all'internacchio! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)La SCONFITTA brucia, eh? ABITUATI!!!!
          • antonio montemurro scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            il problema di fondo è che l'ignorante (nel senso più generale) è una manna per il capitalismo perchè con poco prodotto e poco o nullo sforzo a livello di idee progettuali/marketing riesci a monetizzare molto.Vedi le suonerie ridicole, vedi qualsiasi prodotto di moda dove ormai a vendere è il marchio e non la singola idea, vedi le solite pubblicità dove vengono riprodotti i soliti meccanismi che puntano ai bassi istinti (sesso e potere) e potrei andare avanti per ore.In politica è lo stesso. Basta dare l'illusione di "dare" quello che la gente chiede , fare l'aria simpatia da giocoliere/buffone e il 90% delle persone l'hai conquistato. Senza sforzarsi di sistemare veramente le cose, senza scontentare nessun industriale, nessun pezzo grosso. Anzi.. a loro dai effettivamente qualcosa perchè contano e possono servirti, alla "plebaglia" del popolo (perchè così ci vedono) solo fumo degli occhi perchè per loro siamo semplici burattini da usare per i loro obiettivi. E se ancora dopo anni di promesse elettorali andate a vuoto ancora ci caschiamo.. beh.. evidentemente qualcosa non và..
          • MegaLOL scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            - Scritto da: antonio montemurro
            ecco.. poi vedi i "troll",gente che preferisce
            buttare il proprio tempo a far finta di dare
            addosso per "divertirsi" (ma che divertimento è?)
            anzichè, per una volta, fermarsi e riflettere
            insieme seriamente su quello che sta
            accadendo.
            Fare finta? Io mi sto divertendo un mondo a vedere l'internacchio fatto a pezzi! (rotfl)(rotfl)(rotfl)Con grande sollazzo io sputazzo e strombazzo sulle facce brufolose di voi nerdini sfigati mentre piangete e strillate a vedere i vostri patetici sogni di onnipotenza affondare nell'Oceano delle Feci!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!
          • 01234 scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            ajuto... :|mi preoccupa un po',questo qui...
          • Paolo Brini scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            - Scritto da: ILBaK
            Sì, concordo con il tuo pensiero...
            Credo che in Italia ci sia ancora l'egemonia
            della televisione e mantenerla è uno dei motivi
            principali di questo improvviso interesse al
            blocco di
            Internet...

            Quello che mi turba è un discorso più ampio:
            Arrivare ad un domani in cui davvero tutti questi
            progetti saranno realtà, un giorno in cui alla
            Carlucci stringeranno le mani per la legge che
            porta il suo nome... E noi? Cosa avremo fatto per
            mantenere integro uno strumento unico nella
            storia, come Internet? Invito sempre a porsi
            questa domanda adesso, penso sarebbe costruttivo
            utilizzare la nostra rabbia adesso e non dopo per
            dire "l'avevo detto"...
            :)Unitevi attivamente alla coalizione europea presente in quasi tutti i Paesi Membri: l'ultimo e unico baluardo contro queste vessazioni è il Parlamento Europeo (o almeno una parte di esso), che il 5 maggio dovrà decidere sul Telecoms Package. Veicolate la vostra rabbia in iniziative concrete da mettere in atto immediatamente. Abbiamo assoluto bisogno di persone che inviino e-mail a parlamentari e giornalisti, nonché blogger che diffondano la notizia della seconda campagna di mobilitazione che è stata pubblicizzata anche qui su Punto Informatico ieri e che è parte in tutta Europa fra stanotte e domani. Inoltre anche scrivere in forum, blog, social network ecc. è utile.Sito di riferimento in Italia http://www.scambioetico.eu.Sito di repository, dossier e altro: http://www.laquadrature.netSito indipendente di informazione: http://www.iptegrity.comPer gli amanti di Facebook: http://www.facebook.com/groups.php?ref=sb#/group.php?gid=51594088844 (in italiano)http://www.facebook.com/group.php?gid=73537262931 (aggiornato da 4 organizzazioni della coalizione, in inglese)
          • Antonio Montemurro scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            Grazie.. controllo subito i link su facebook e gli altri.Finalmente qualcuno che propone qualcosa di costruttivo.Gli "altri" non meritano nemmeno di ricevere una virgola di risposta e di considerazione.Grazie Infinite :)
          • Paolo Brini scrive:
            Re: l'ipocrisia della società.
            - Scritto da: Antonio Montemurro
            Grazie.. controllo subito i link su facebook e
            gli
            altri.

            Finalmente qualcuno che propone qualcosa di
            costruttivo.

            Gli "altri" non meritano nemmeno di ricevere una
            virgola di risposta e di
            considerazione.


            Grazie Infinite :)Grazie a te.
  • MegaLOL scrive:
    SFIGATI, NON AVETE SCAMPO!
    HAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHA!La Dottrina Sarkozy si estende a macchia d'olio non solo in Europa, ma nel MONDO INTERO! Questa è un'immensa, multinazionale CAGATA sulla faccia degli SFIGATI malati di INTERNACCHIO!!!HAHAHAHAHAHAHAHA!E ora come la mettiamo? Ricordate quando berciavate "non ci fermeranno mai" e altri bla bla bla senza senso con tanta sicumera?HAHAHAHAHAHAHAHA!Dove sono le vostre armettine tecnologiche ora, nerdini?HAHAHAHAHAHAHAHA!Da nessuna parte! Siete SCONFITTI!HAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHA!
  • Alessio scrive:
    La Carlucci...
    ...ha per caso fatto qualche viaggio in Sud Corea di recente?
    • Anonymous scrive:
      Re: La Carlucci...
      - Scritto da: Alessio
      ...ha per caso fatto qualche viaggio in Sud Corea
      di
      recente?Sanno tutti che la corea del sud è un'altra repubblica delle banane. Basta vedere le recenti risposte date dalla controparte del Nord, qualora all'ONU non piacciano i test missilistici.Sinceramente vedo la legge Sarcosì in maniera alquanto liberticida e dittatoriale.
Chiudi i commenti