Decreto Pisanu, addio. Con riserva

Nel pacchetto sicurezza si parla di non prorogare il decreto Pisanu. Certa, tuttavia, solo la fine dell'obbligo di licenza da chiedere al questore. Per tutto il resto c'è un disegno di legge

Roma – Il ministro degli Interni Maroni e il Presidente del Consiglio Berlusconi hanno presentato le nuove misure in materia di sicurezza dei cittadini : fra di esse, le disposizioni relative alle reti WiFi e alla carta d’identità elettronica.

Il pacchetto sicurezza approvato dal Consiglio dei Ministri è costituito da un decreto legge e da un disegno di legge: il primo entra in vigore da subito, il secondo deve attendere i tempi e l’iter parlamentare. E nel secondo dovrebbero rientrare le nuove disposizioni relative alla regolamentazione delle reti WiFi.

Sulla necessità di superare gli ostacoli alle procedure per le reti WiFi posti dal decreto Pisanu il Ministro era già intervenuto : Maroni conferma ora che la norma sarà abolita non sarà prorogata, lasciando quindi liberi i titolari degli esercizi commerciali di mettere a disposizione dei propri avventori risorse di connettività senza l’esigenza di richiedere una speciale licenza al questore né di identificarli attraverso carta d’identità .

La scadenza della norma, tuttavia, dovrebbe riguardare solo la parte dell’articolo 7 del decreto relativo all’obbligo di richiesta di licenza specifica e non tutte le altre regole (dall’identificazione degli utenti che effettuano l’accesso alla registrazione dei dati di navigazione): secondo quanto stabilito al momento della sua approvazione, infatti, queste sono efficaci a tempo indeterminato e, dunque, possono venir meno solo per effetto di un’espressa abrogazione.

Il Ministro non ha tuttavia specificato nulla a tal proposito, ma ha comunque parlato di “liberalizzazione dal primo gennaio, senza bisogno di registrazione, carta di identità ecc.” con il Governo che si assume il compito di valutare “da qui a dicembre quali siano gli adeguati standard di sicurezza” nell’ottica di predisporre comunque obblighi in questo senso “in capo naturalmente a chi fornisce il servizio di connettività” (avendo ancora una volta sottolineato l’equilibrio necessario tra liberalizzazione ed esigenze di sicurezza).

Secondo quanto riferito dal Ministro, dunque, la non conferma del decreto dovrebbe essere sufficiente a garantire dal 1 gennaio ai cittadini la libertà di “collegarsi ai sistemi WiFi senza le restrizioni introdotte 5 anni fa e che oggi sono superate dall’evoluzione tecnologica”.

In ogni caso, comunque, occorre restare alla finestra per capire effettivamente i passaggi di questa decadenza/abolizione e quali obblighi saranno previsti per chi fornisce la connessione. A tal proposito, nel caso in cui fosse davvero necessaria una specifica abolizione, essendo la materia inserita nel disegno di legge e non nel decreto dovrebbe seguire i tempi del dibattito parlamentare (il Ministro dice “entro la fine di questa legislatura, sperando prima”).

Al momento, c’è chi ipotizza due diversi livelli di responsabilità : un livello per gli esercenti (bar, ristoranti, negozi vari) che offrono una rete “aperta al pubblico” ed una per quelle “in luogo pubblico”: nel primo caso gli obblighi sarebbero pochi e simili a quelli di altri paesi, trattandosi solo di predisporre sistemi di sicurezza informatica per evitare di essere perseguibili per eventuali illeciti commessi online dai propri utenti (rischio che corrono anche i singoli utenti che lasciano aperta la propria rete WiFi); nel secondo, invece, la normativa italiana avrebbe molte specificità e prevederebbe per i responsabili (da ipotizzare comuni e amministrazioni pubbliche in genere) oneri molto più pesanti .

Per quanto riguarda gli “obblighi di sicurezza in capo a chi fornisce il servizio”, si ipotizza un modello che renda obbligatoria una rete con password, in modo da individuare gli utenti al momento del login. Alcuni osservatori , per esempio, parlano di un sistema di identificazione via SMS con l’utente che fornisce il proprio numero di cellulare per ricevere una password (metodo, peraltro, già parzialmente utilizzabile con una circolare di aggiornamento del decreto), e in modo simile a quanto previsto dal modello Cassinelli .

Intanto fioccano già i primi commenti: per il procuratore nazionale Antimafia, Piero Grasso, l’accesso libero alle postazioni WiFi e agli internet point porterebbe a “ridurre moltissimo la possibilità di individuare tutti coloro che commettono reati attraverso Internet. Dietro queste reti WiFi e internet point – ha sottolineato – ci si può nascondere benissimo nella massa degli utenti non più identificabili e si possono trovare anche terroristi, pedofili e mafiosi”.

Plauso, invece, dal ministro della Gioventù Giorgia Meloni, e dal responsabile comunicazioni del Partito Democratico, Paolo Gentiloni: “Alla fine – sottolinea – sono state ascoltate le voci che da ogni parte sostenevano la mancanza di risultati del decreto Pisanu nella lotta al il terrorismo e i danni provocati allo sviluppo di Internet senza fili”. Lo stesso Gentiloni, evocando il dubbio che non tutte le disposizioni siano soggette a scadenza, ha parlato di una proposta abrogativa che comincia il suo iter alla Camera martedì prossimo e che va “comunque avanti anche per verificare che l’annuncio di oggi corrisponda ai concreti atti normativi delle prossime settimane”.

Sicuramente nel disegno di legge, poi, le disposizioni riguardanti la nuova carta d’identità elettronica per tutti i cittadini : si chiude la sperimentazione che ha visto negli ultimi anni un centinaio di comuni come cavie e si apre un nuovo capitolo che intende portare il documento ad essere valido sin dalla nascita in quanto valido non solo per l’identificazione ma anche per la sicurezza. Obiettivo di medio termine è il voto elettronico. Obiettivo di breve termine, la registrazione delle impronte digitali di cui Maroni ha parlato esplicitamente assicurando che gli strumenti necessari alla loro raccolta saranno messi a disposizione di tutti i comuni.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • spiritum scrive:
    Non male
    Dopo un pomeriggio d'uso, per lo più sui soliti siti per il raffronto con il browser di default, devo dire che non è niente male. HTC Desire
    • BigFoot scrive:
      Re: Non male
      Se la beta 2 (devo ancora provarla) è pesante quanto la prima testata il mese scorso e subito disinstallata non ci siamo proprio...Nexus One con Froyo(quello di default resta ancora il migliore).
Chiudi i commenti