Decreto Pisanu, il Garante è solo

Se il Governo allunga di un anno la data retention evitando qualsiasi annuncio, il Garante tenta di sgomitare e farsi sentire. Ma l'appello cade nel vuoto

Roma – Ieri nel Palazzo s’è parlato di tante cose, Papa e rifiuti campani in testa, e non c’è stato proprio spazio, evidentemente, per reagire rapidamente alla lettera che il Garante della Privacy ha inviato a Governo e Parlamento per sollecitare un immediato intervento correttivo sulla registrazione allungata dei dati delle comunicazioni degli italiani.

Come ben sanno i lettori di Punto Informatico , con una mezza riga piazzata nel decreto milleproroghe di fine 2007, il Governo ha esteso di un anno gli effetti più controversi del famigerato Decreto Pisanu sulla data retention, portando a fine 2008 le scadenze di monitoraggio a tappeto che erano state previste in via di urgenza e in chiave antiterrorismo per fine 2007. Una mossa che il Garante ha dimostrato di non aver apprezzato e sulla quale sta tentando di agire.

Nella sua lettera al Presidente della Camera e al Ministro delle politiche comunitarie, l’Autorità parla di “preoccupazione” per la conservazione dei dati. Come noto, grazie all’estensione governativa, la data retention può arrivare a otto anni per i dati telefonici e a tre anni per quelli telematici . Si tratta di informazioni che comprendono qualsiasi elemento della comunicazione (numeri e nomi dei coinvolti, indirizzi email, orari ecc.) con la sola eccezione del contenuto della comunicazione stessa. Dati che in qualsiasi momento, per esigenze di pubblica sicurezza, possono essere trasferiti all’autorità giudiziaria.

“L’Autorità – ricorda il Garante – ha posto l’esigenza che il bilanciamento degli interessi coinvolti sia conforme alle prescrizioni della direttiva comunitaria in materia (la cosiddetta “direttiva Frattini”), e che la direttiva stessa, la quale prevede tempi di conservazione dei dati di traffico sia telefonico che telematico compresi tra un minimo di sei mesi ed un massimo di due anni, sia tempestivamente recepita”. Il recepimento della Direttiva costringerebbe ad una retromarcia sui tempi di conservazione dei dati.

Nella sua lettera al presidente della Camera Fausto Bertinotti, il Garante spiega che quando il “decreto milleproproghe” sarà convertito in legge, è necessario che venga specificato che la data retention andrà avanti fino al recepimento della direttiva e comunque non oltre il 31 dicembre 2008 .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stefano scrive:
    Aspettiamo il prezzo
    Il prezzo è quello che fa di un articolo un bidone. Fino a che non viene fuori il prezzo (definitivo!) non è altro che un'idea.
  • ciliani scrive:
    sciocchezze
    nessuno guarda i film in un francobollino a cristalli liquidi. I tv-fonini sono sempre stati, e saranno sempre, un fallimento. Chi spera di farci un business e' un povero illuso
  • Lillo scrive:
    Il Wireless
    Fantastica invenzione il Wireless, per chi lo ha diffuso nel proprio paese.In Italia di hotspot pubblici c'è ne sono pochissimi. Tutto in mano alle TLC con quelle porcherie di GPRS, Edge e Umts. Forse entro un anno vedremo qualcosa di HDSPA. Ma intanto wifi e wimax latitano perché con voip e skype finalmente le telefonate sarebbero quello che sono già dagli anni '80, un pezzettino di banda su un canale dati. E questo che si chiami nel proprio quartiere o in Australia.
    • pippo scrive:
      Re: Il Wireless
      Guarda che la rete HSDPA, esiste ed è fruibile. La velocità massima che ho raggiunto con Wind è di 55 Kb/s...
  • Masso Elisi scrive:
    Design lascia a desiderare ma forse....
    Il target è quello del video promozionale...adolescenti ultrasmanettoni che lo userebbero per inviarsi in streaming registrazioni di programmi televisivi, per chattare e farsi vedere in videocamera a risoluzioni e qualità migliorate rispetto al cellulare..e quindi la confezione da giocattolino di plastica...aiuta se non altro in resistenza agli urti
    • Adolfo Ronzoni scrive:
      Re: Design lascia a desiderare ma forse....
      C'è una cosa che non mi convince... nelle video-chat non si può avere la barra di progresso, no ? Come si fa a sapere quanto durerà la chat e a visualizzare la barra ? Quando la ragazza si tocca i capelli la barra si vede bene... è una feature innovativissima o è un clamoroso trucco per simulare una videochat con immagini ad alta risoluzione ?Chi lo sa... la cosa è sospettaAdolfo
  • Franz87 scrive:
    Bello...
    Anzi, bellissimo, ma.....Quanto costa?E soprattutto, perchè non c'è Windows sopra???Come faccio senza?Ci faranno andare XP Embedded almeno vero?Sarebbe molto meglio: avete presente come si intoneranno bene le schermate blu con i colori del Mtube?
Chiudi i commenti