Dell: basta netbook

Anche l'azienda USA decide di staccare la spina ai mini-portatili dalle prestazioni ridotte. Il futuro è degli Ultrabook con caratteristiche super

Roma – Dopo Samsung , anche Dell sceglie di non proseguire con i netbook. Quei mini-computer portatili, piccoli quanto economici, che non possono sostituire un “vero” laptop sul fronte della produttività e che stanno anche perdendo la battaglia contro i tablet.

L’azienda statunitense, diversamente dal colosso coreano, non sembra però interessata a proseguire neppure la commercializzazione delle tavolette. Navigando nello shop estero Dell si scopre infatti che non è più possibile acquistare i netbook della serie Mini , con form-factor da 10 pollici, ma anche i tablet Android della gamma Streak.

Per il momento il direttore marketing Alison Gardner ha confermato soltanto la morte dei netbook, senza chiarire i piani futuri riguardanti i tablet. La Gardner ha specificato che l’ibrido netbook-tablet Inspiron Duo sta vendendo ancora bene e che dal prossimo anno anche Dell si concentrerà sugli ultra-portatili (11,6 e 12 pollici) dalle caratteristiche “super”. I famosi Ultrabook .

Come noto, gli Ultrabook stile MacBook Air sono computer portatili molto potenti ma tutt’altro che economici. A conti fatti sono rimasti davvero pochi produttori (Asus, Acer e Toshiba) a credere ancora nella categoria dei mini-portatili consumer acquistabili con 300 dollari.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • P2P scrive:
    La TV è pirata
    La TV è pirata. Lo Stato è pirata http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/01/pirata-stato-pirata
  • ma ma scrive:
    Questa volta ha vinto Google e con Big G
    Eppure questa leccata l'abbiamo fatta. Ma non si nega l'evidenza.google e' fico ma fa ESATTAMENTE le stesse cose di megaupload, solo che ti sta simpatico.trovo volgare accostare una corporation e i suoi traffici alla difesa della liberta' di pensiero ma immagino che quando qualcuno voglia piacere per forza a qualcun altro certe distorsioni siano prevedibile, purtroppo noiose e superficiali, come questo articolo.
  • madonna fagocitane rchie scrive:
    CRISTO DI DIO!
    XXXXXXX XXXXXXX ma come XXXXX ragionate XXXXX? sto decreto ce lo mette nel XXXX e ce lo spinge fino in gola... DIO XXXXXXXX APRITE GLI OCCHI XXXXX SUCCHIAMINCHIE!
    • sbrotfl scrive:
      Re: CRISTO DI DIO!
      - Scritto da: XXXXXXX fagocitane rchie
      XXXXXXX XXXXXXX ma come XXXXX ragionate XXXXX?
      sto decreto ce lo mette nel XXXX e ce lo spinge
      fino in gola... DIO XXXXXXXX APRITE GLI OCCHI
      XXXXX
      SUCCHIAMINCHIE!+1 :D
  • Guybrush scrive:
    Così a prima vista...
    ...sembra proprio una bella notizia.Sperem.GT
    • madonna fagocitane rchie scrive:
      Re: Così a prima vista...
      - Scritto da: Guybrush
      ...sembra proprio una bella notizia.
      Sperem.

      GTuna notizia di sto XXXXX XXXXX di quel dio XXXXXXXX che si incula gli angeli! ma come XXXXX ragioni? col XXXX?
  • johnny il fenomeno scrive:
    Il principio
    Il principio e', ovviamente, condivisibile; pero', se non ricordo male, due dirigenti della google sono stati condannati, dal tribunale di Milano, per non aver -preventivamente- intercettato e bloccato un video, in un caso di bullismo.Apparentemente sembra un caso di doppiopesismo.
    • Jexx scrive:
      Re: Il principio
      Diciamo così: mano a mano che l'Italia si libera dall'abbraccio soffocante dello psiconano e della sua banda di ladri e mafiosi, la giustizia torna a prevalere.
    • big pacco scrive:
      Re: Il principio
      Non c'è nulla di male a picchiare un bambino mongolo, se lo merita perchè è un inferiore. Noi siamo bestie e l'istinto del più forte prevale sempre. Io stesso mi ritengo una XXXXX inferiore e sono felice se qualcuno mi spacca il XXXX rinfacciandomi la mia inferiorità.
      • maschione scrive:
        Re: Il principio
        - Scritto da: big pacco
        sono felice se qualcuno mi spacca il XXXXMa certo caro, io sono disponibile, dove ci troviamo? Assaporerai 20cm di puro dolore... Oh siiiiiii!
    • lucio scrive:
      Re: Il principio
      Il "doppiopesismo" non c'entra nulla... qui il soggetto è sempre lo stesso.
  • tucumcari scrive:
    ma di cosa parliamo?
    Del fatto che per la prima volta in un tribunale italiano ci si è presi la briga di leggere realmente la legge invece che dargli una interpretazione "ad capocchiam"?Mah! non so se sbaglio io ma mi pare che. Dovrebbe essere la regola non una "notizia".Casomai dovrebbe essere il contrario a "fare notizia".E invece purtroppo siamo a commentare la regola come se fosse eccezione!:'(
    • Attila scrive:
      Re: ma di cosa parliamo?
      Parliamo del fatto che dopo attente rimuginazioni e varie considerazioni tecnico formali, la legge italiana è giunta alla conclusione che se un tizio scippa una borsetta in un centro commerciale, ad pagare non è il padrone del centro commerciale. So che così a prima vista la cosa può sembrare logica ma quando una delle due parti è una azienda chiamata Mediaset bisogna sempre fare molta attenzione.Non escludo personalmente, che se dall'altra parte non ci fosse stata una azienda chiamata "Gogol" le cose avrebbero anche potuto concludersi in modo molto diverso, per esempio con un bel sequestro preventivo permanente e immotivato. - Scritto da: tucumcari
      Del fatto che per la prima volta in un tribunale
      italiano ci si è presi <b
      la briga </b
      di leggere
      realmente la legge invece che dargli una
      interpretazione "ad
      capocchiam"?

      Mah! non so se sbaglio io ma mi pare che.

      Dovrebbe essere la regola non una "notizia".

      Casomai dovrebbe essere il contrario a "fare
      notizia".

      E invece purtroppo siamo a commentare la regola
      come se fosse
      eccezione!
      :'(
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma di cosa parliamo?
        Considera che i servizi di google non stanno fisicamente in italia, chiudere l'intero blogspot, sarebbe controproducente, anche se a bergamo, minaciarono google cosi, per levare un blog sgradito ad un frignone.
      • tucumcari scrive:
        Re: ma di cosa parliamo?
        - Scritto da: Attila
        So che così a prima vista la cosa può sembrare
        logica Anche a seconda è proprio per questo... Che possa fare notizia è una cosa che manda in bestia!
        • Il Gargilli scrive:
          Re: ma di cosa parliamo?
          sono daccordoSi rischia di doversi mettere a discutere "dell'ovvio" .. anche se..[..Non escludo personalmente, che se dall'altra parte non ci fosse stata una azienda chiamata "Gogol" le cose avrebbero anche potuto concludersi in modo molto diverso, per esempio con un bel sequestro preventivo permanente e immotivato..]Si.. sarebbe potuto succedere.. ma solo perchè siamo in italia[..Considera che i servizi di google non stanno fisicamente in italia, chiudere l'intero blogspot, sarebbe controproducente..]Questo è molto interessante, perchè, andando a ben vedere, la Rete, di fatto, obbliga gli utenti a consocre (o quantomeno ad informarsi) le leggi (in materia) di altri paesi. Tanti governanti riuscirono a nascondere al mondo intero episodi di censura, che grazie alla Rete sono letteralmente esplosi, e sono diventati (nella maggior parte dei casi) "controproducenti" appunto per quegli stessi paesi.. Perdonate l'off-topic..
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            mica tanto off topic, perchè questi scontri legali di mediaset contro google ed altri, si basano alla fine sulla minaccia che la rete attuale rapresenta per certi personaggi.
          • pippo75 scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?

            Questo è molto interessante, perchè, andando a
            ben vedere, la Rete, di fatto, obbliga gli utenti
            a consocre (o quantomeno ad informarsi) le leggi
            (in materia) di altri paesi.Per siti amatoriali potrei anche accettarlo, ma per siti commerciali di ditte multinazionali no.Vuoi dare il servizio commerciale in Italia, ti adegui alle leggi. Devo farlo io, devi farlo tu, lo deve fare anche google.Altrimenti tanto vale tornare all'anarchia.
          • tucumcari scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75

            Questo è molto interessante, perchè, andando
            a

            ben vedere, la Rete, di fatto, obbliga gli
            utenti

            a consocre (o quantomeno ad informarsi) le
            leggi

            (in materia) di altri paesi.

            Per siti amatoriali potrei anche accettarlo, ma
            per siti commerciali di ditte multinazionali
            no.
            Vuoi dare il servizio commerciale in Italia, ti
            adegui alle leggi. Devo farlo io, devi farlo tu,
            lo deve fare anche
            google.

            Altrimenti tanto vale tornare all'anarchia.1) Tornare ? in che senso? e comunque... la rete è anarchica (peccato che tu non te ne sia ancora reso conto)2) la rete non opera in italia ne in alcun posto (anche questo dovresti capirlo)3) La legge dice esattamente quello che la sentenza ha detto (fattene una ragione) quelle sono le regole!4) Qualcuno si deve adeguare si... lo faccio io lo fai tu e lo fa pure mediaset (se vuole campare) la legge non è solo quella che ti fa comodo!6) amen!
          • pippo75 scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?

            1) Tornare ? in che senso? e comunque... la rete
            è anarchica (peccato che tu non te ne sia ancora
            reso conto)il fatto che lo pensi non è detto che sia sempre vero.
            2) la rete non opera in italia ne in alcun posto
            (anche questo dovresti capirlo)Non hai letti quello che ho scritto, pazienza.
            3) La legge dice esattamente quello che la
            sentenza ha detto (fattene una ragione) quelle
            sono le regole!Se la legge vale per tutti mi va bene, se è solo per i ricchi no. E non me ne faccio una ragione.
            4) Qualcuno si deve adeguare si... lo faccio io
            lo fai tu e lo fa pure mediaset (se vuole
            campare) la legge non è solo quella che ti fa
            comodo!Non dico che mi faccia comodo, ma se esiste la legge del diritto d'autore, allora prima si modifica questa. Il fatto che una cosa non piaccia non da il diritto di dire che non deve essere considerata.
          • tucumcari scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75

            1) Tornare ? in che senso? e comunque... la
            rete

            è anarchica (peccato che tu non te ne sia
            ancora

            reso conto)

            il fatto che lo pensi non è detto che sia sempre
            vero.Si è sempre vero che tu lo pensi o meno!


            2) la rete non opera in italia ne in alcun
            posto

            (anche questo dovresti capirlo)

            Non hai letti quello che ho scritto, pazienza.Tu non hai letto ne l'articolo ne la legge!


            3) La legge dice esattamente quello che la

            sentenza ha detto (fattene una ragione)
            quelle

            sono le regole!

            Se la legge vale per tutti mi va bene, se è solo
            per i ricchi no. E non me ne faccio una
            ragione.1) mediaset non è certo "i poveri"2) la legge vale per tutti


            4) Qualcuno si deve adeguare si... lo faccio
            io

            lo fai tu e lo fa pure mediaset (se vuole

            campare) la legge non è solo quella che ti fa

            comodo!

            Non dico che mi faccia comodo, ma se esiste la
            legge del diritto d'autore, allora prima si
            modifica questa.La legge (qualunque legge) prevede la responsabilità personale qui chi ha violato la legge (lo dice la sentenza) non è affatto google!

            Il fatto che una cosa non piaccia non da il
            diritto di dire che non deve essere
            considerata.Appunto che ti piaccia o meno non è Google ad avere violato la legge!Lo ha stabilito (come sempre) il tribunale!
          • se la mucca fa mu scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: tucumcari

            1) Tornare ? in che senso? e comunque... la rete
            è anarchica (peccato che tu non te ne sia ancora
            reso
            conto)Non è vero; per rendersene conto basta provare ad aprire questo video:[yt]http://www.youtube.com/watch?v=1uP8bnRJch0 [/yt]p.s. Non c'è proxy che tenga e no, la VPN non vale: se paga; er denaro nun è anarchico manco pe' gnente.
          • se la mucca fa mu scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: se la mucca fa mu
            - Scritto da: tucumcari



            1) Tornare ? in che senso? e comunque... la
            rete

            è anarchica (peccato che tu non te ne sia
            ancora

            reso

            conto)

            Non è vero; per rendersene conto basta provare ad
            aprire questo
            video:


            http://www.youtube.com/watch?v=1uP8bnRJch0



            p.s. Non c'è proxy che tenga e no, la VPN non
            vale: se paga; er denaro nun è anarchico manco
            pe'
            gnente.
          • La mucca non fa mu scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: se la mucca fa mu
            - Scritto da: se la mucca fa mu

            - Scritto da: tucumcari





            1) Tornare ? in che senso? e
            comunque...
            la

            rete


            è anarchica (peccato che tu non te ne
            sia

            ancora


            reso


            conto)



            Non è vero; per rendersene conto basta
            provare
            ad

            aprire questo

            video:





            http://www.youtube.com/watch?v=1uP8bnRJch0







            p.s. Non c'è proxy che tenga e no, la VPN non

            vale: se paga; er denaro nun è anarchico
            manco

            pe'

            gnente.Quale è la parte di A POSTERIORI che non capisci?
          • La mucca non fa mu scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: se la mucca fa mu
            - Scritto da: tucumcari



            1) Tornare ? in che senso? e comunque... la
            rete

            è anarchica (peccato che tu non te ne sia
            ancora

            reso

            conto)

            Non è vero; per rendersene conto basta provare ad
            aprire questo
            video:


            [yt]http://www.youtube.com/watch?v=1uP8bnRJch0
            [/yt]


            p.s. Non c'è proxy che tenga e no, la VPN non
            vale: se paga; er denaro nun è anarchico manco
            pe'
            gnente.il contenuto è bloccato A POSTERIORI non A priori!Sveglia!la mucca non fa MU ha già fatto (passato e a volte pure remoto) MU!
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: La mucca non fa mu
            - Scritto da: se la mucca fa mu

            - Scritto da: tucumcari





            1) Tornare ? in che senso? e
            comunque...
            la

            rete


            è anarchica (peccato che tu non te ne
            sia

            ancora


            reso


            conto)



            Non è vero; per rendersene conto basta
            provare
            ad

            aprire questo

            video:






            [yt]http://www.youtube.com/watch?v=1uP8bnRJch0

            [/yt]





            p.s. Non c'è proxy che tenga e no, la VPN non

            vale: se paga; er denaro nun è anarchico
            manco

            pe'

            gnente.
            il contenuto è bloccato A POSTERIORI non A priori!
            Sveglia!
            la mucca non fa MU ha già fatto (passato e a
            volte pure remoto)
            MU!e una delle XXXXXte di youtube...i blocchi territoriali, riconosce ip e non ti fa vedere il video.
          • gerry scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75
            Altrimenti tanto vale tornare all'anarchia.Altrimenti tanto vale tornare nell'800 (fixed)
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75

            Questo è molto interessante, perchè, andando
            a

            ben vedere, la Rete, di fatto, obbliga gli
            utenti

            a consocre (o quantomeno ad informarsi) le
            leggi

            (in materia) di altri paesi.

            Per siti amatoriali potrei anche accettarlo, ma
            per siti commerciali di ditte multinazionali
            no.
            Vuoi dare il servizio commerciale in Italia, ti
            adegui alle leggi. Devo farlo io, devi farlo tu,
            lo deve fare anche
            google.

            Altrimenti tanto vale tornare all'anarchia.Stai delirando, mi pare ovvio.
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75

            Questo è molto interessante, perchè, andando
            a

            ben vedere, la Rete, di fatto, obbliga gli
            utenti

            a consocre (o quantomeno ad informarsi) le
            leggi

            (in materia) di altri paesi.

            Per siti amatoriali potrei anche accettarlo, ma
            per siti commerciali di ditte multinazionali
            no.
            Vuoi dare il servizio commerciale in Italia, ti
            adegui alle leggi. Devo farlo io, devi farlo tu,
            lo deve fare anche
            google.

            Altrimenti tanto vale tornare all'anarchia.Stai delirando, mi pare ovvio.
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75

            Per siti amatoriali potrei anche accettarlo, ma
            per siti commerciali di ditte multinazionali
            no.
            Vuoi dare il servizio commerciale in Italia, ti
            adegui alle leggi. Devo farlo io, devi farlo tu,
            lo deve fare anche
            google.

            Altrimenti tanto vale tornare all'anarchia.stai delirando.
      • pippo75 scrive:
        Re: ma di cosa parliamo?
        - Scritto da: Attila
        Parliamo del fatto che dopo attente rimuginazioni
        e varie considerazioni tecnico formali, la legge
        italiana è giunta alla conclusione che se un
        tizio scippa una borsetta in un centro
        commerciale, ad pagare non è il padrone del
        centro commerciale.
        e se il centro commerciale è d'accordo con il ladro e chiede una percentuale?
        • Sgabbio scrive:
          Re: ma di cosa parliamo?
          - Scritto da: pippo75

          e se il centro commerciale è d'accordo con il
          ladro e chiede una
          percentuale?La vedo al quanto difficile.
          • pippo75 scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?


            e se il centro commerciale è d'accordo con il

            ladro e chiede una

            percentuale?

            La vedo al quanto difficile.Google la chiede, dovresti leggere la licenza per pubblicare filmati, vuole i diritti sulla "refurtiva".Leggo dai termini da accettare:"lei concede a Google una licenza eterna, irrevocabile, mondiale, priva di royalty e non esclusiva a riprodurre, adattare, modificare, pubblicare, eseguire pubblicamente, visualizzare pubblicamente e distribuire qualsiasi Contenuto che lei trasmette, invia o visualizza su o tramite i Servizi. Questa licenza ha come scopo esclusivo labilitazione di Google a visualizzare, distribuire e promuovere i Servizi e può essere revocata per determinati Servizi come definiti nei Termini Ulteriori di quei Servizi."Forse il supermercato fa lo stesso?
          • tucumcari scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75


            e se il centro commerciale è d'accordo
            con
            il


            ladro e chiede una


            percentuale?



            La vedo al quanto difficile.


            Google la chiede, dovresti leggere la licenza per
            pubblicare filmati, vuole i diritti sulla
            "refurtiva".

            Leggo dai termini da accettare:
            "lei concede a Google una licenza eterna,
            irrevocabile, mondiale, priva di royalty e non
            esclusiva a riprodurre, adattare, modificare,
            pubblicare, eseguire pubblicamente, visualizzare
            pubblicamente e distribuire qualsiasi Contenuto
            che lei trasmette, invia o visualizza su o
            tramite i Servizi. Questa licenza ha come scopo
            esclusivo labilitazione di Google a
            visualizzare, distribuire e promuovere i Servizi
            e può essere revocata per determinati Servizi
            come definiti nei Termini Ulteriori di quei
            Servizi."

            Forse il supermercato fa lo stesso?Certo sono le condizioni di uso della piattaforma!e ovviamente sei tu che carichi qualcosa di illegale che non le rispetti non google!Mica sceglie lei quello che carichi!Sveglia!
          • Ubunto scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75


            e se il centro commerciale è d'accordo
            con
            il


            ladro e chiede una


            percentuale?



            La vedo al quanto difficile.


            Google la chiede, dovresti leggere la licenza per
            pubblicare filmati, vuole i diritti sulla
            "refurtiva".

            Leggo dai termini da accettare:
            "lei concede a Google una licenza eterna,
            irrevocabile, mondiale, priva di royalty e non
            esclusiva a riprodurre, adattare, modificare,
            pubblicare, eseguire pubblicamente, visualizzare
            pubblicamente e distribuire qualsiasi Contenuto
            che lei trasmette, invia o visualizza su o
            tramite i Servizi. Questa licenza ha come scopo
            esclusivo labilitazione di Google a
            visualizzare, distribuire e promuovere i Servizi
            e può essere revocata per determinati Servizi
            come definiti nei Termini Ulteriori di quei
            Servizi."

            Forse il supermercato fa lo stesso?Dovresti leggere meglio, perché:"11.1 <u
            Lei detiene il copyright e qualsiasi altro diritto che lei già possiede sul Contenuto che lei trasmette, invia o visualizza su o tramite i Servizi </u
            . Accettando, inviando o visualizzando il contenuto lei concede a Google una licenza eterna, irrevocabile, mondiale, priva di royalty e non esclusiva a riprodurre, adattare, modificare, pubblicare, eseguire pubblicamente, visualizzare pubblicamente e distribuire qualsiasi Contenuto che lei trasmette, invia o visualizza su o tramite i Servizi. Questa licenza ha come scopo esclusivo labilitazione di Google a visualizzare, distribuire e promuovere i Servizi e può essere revocata per determinati Servizi come definiti nei Termini Ulteriori di quei Servizi."https://accounts.google.com/TOS?loc=IT&hl=itLa frase che tu citi solo parzialmente si riferisce alla cessione di diritti sui contenuti di cui <i
            l'utente <b
            detiene </b
            il copyright </i
            . E non potrebbe essere diversamente.Inoltre il paragrafo 8, ai capitoli 1 e 5 è abbastanza chiaro sul fatto che:"8.1 Lei riconosce che tutte le informazioni (quali file di dati, testi scritti, software di computer, musica, file audio od altri suoni, fotografie, video od altre immagini) a cui Lei può accedere come parte dei, o tramite il suo uso dei, Servizi sono ad esclusiva responsabilità della persona da cui tale contenuto è derivato. A tutte tali informazioni ci si riferisce di seguito come al Contenuto.""8.5 <b
            Lei accetta di essere lunico responsabile </b
            per (e che Google non ha responsabilità nei confronti suoi e di terzi per) qualsiasi Contenuto che lei <u
            crea, trasmette o visualizza </u
            mentre usa i Servizi e come conseguenza delle sue azioni (compresa qualsiasi perdita o danno che Google potrebbe subire) agendo in questo modo."Nota bene che l'8.5 non copre *solo* la responsabilità dell'utente verso le violazioni del copyright, ma si estende alla potenziale lesività di "qualsiasi Contenuto" che egli immette nella piattaforma.Ad ogni modo la sentenza in questione riguarda la piattaforma "Blogger" di Google, a cui oltre al TOS di base vengono applicate ulteriori norme:http://www.blogger.com/content.gche definiscono ulteriormente la non responsabilità di Google ed il divieto di pubblicazione verso materiali di un certo tipo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 dicembre 2011 01.01-----------------------------------------------------------
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            - Scritto da: pippo75


            e se il centro commerciale è d'accordo
            con
            il


            ladro e chiede una


            percentuale?



            La vedo al quanto difficile.


            Google la chiede, dovresti leggere la licenza per
            pubblicare filmati, vuole i diritti sulla
            "refurtiva".

            Leggo dai termini da accettare:
            "lei concede a Google una licenza eterna,
            irrevocabile, mondiale, priva di royalty e non
            esclusiva a riprodurre, adattare, modificare,
            pubblicare, eseguire pubblicamente, visualizzare
            pubblicamente e distribuire qualsiasi Contenuto
            che lei trasmette, invia o visualizza su o
            tramite i Servizi. Questa licenza ha come scopo
            esclusivo labilitazione di Google a
            visualizzare, distribuire e promuovere i Servizi
            e può essere revocata per determinati Servizi
            come definiti nei Termini Ulteriori di quei
            Servizi."

            Forse il supermercato fa lo stesso?Leggi quello che vuoi leggere, se non ti sei preso la briga di leggere TUTTE LE CONDIZIONI d'uso...
          • Nicola scrive:
            Re: ma di cosa parliamo?
            Il piccolo soccombe sempre. Almeno in Italia. Forti con i deboli e deboli con i forti. Guardate come si comporta lo stato con il cittadino. Se sbaglia lo stato il cittadino si attacca. Se sbaglia il cittadino (dichiarazioni varie, f23/24, il censimento(!!!)) deve stare attento che non gli taglino le mani o gli portino via la casa. Idem con patate. vedremo quando succederà ad un blogger piccolino che si vede un contenuto in violazione del DIRITTO D'AUTORE (bisogna quasi tremare nel pronunciarle ste tre parole)
        • tucumcari scrive:
          Re: ma di cosa parliamo?
          - Scritto da: pippo75
          - Scritto da: Attila

          Parliamo del fatto che dopo attente
          rimuginazioni

          e varie considerazioni tecnico formali, la
          legge

          italiana è giunta alla conclusione che se un

          tizio scippa una borsetta in un centro

          commerciale, ad pagare non è il padrone del

          centro commerciale.



          e se il centro commerciale è d'accordo con il
          ladro e chiede una
          percentuale?Lo devi provare è molto semplice! O pensi che basti la tua opinione?
Chiudi i commenti