Digital Services Act: accordo previsto entro oggi

Digital Services Act: accordo previsto entro oggi

Entro stasera dovrebbe essere sottoscritto l'accordo tra Parlamento e Consiglio sul Digital Services Act, legge "gemell" del Digital Markets Act.
Entro stasera dovrebbe essere sottoscritto l'accordo tra Parlamento e Consiglio sul Digital Services Act, legge "gemell" del Digital Markets Act.

A fine marzo era stato raggiunto l’accordo tra Parlamento europeo e Consiglio dell’Unione europea sul Digital Markets Act (DMA). Oggi toccherà alla legge “gemella”, nota come Digital Services Act (DSA), approvata a gennaio dal Parlamento. Quando entrerà in vigore, le Big Tech dovranno rispettare una serie di obblighi per evitare pesantissime sanzioni.

Digital Services Act: Meta rischia multe milionarie

Il Digital Services Act include vari obblighi per le piattaforme online, in particolare per i social network. Meta, Twitter e YouTube dovranno implementare misure specifiche per contrastare la diffusione di contenuti nocivi (come le molestie) e fake news. Le autorità nazionali potranno chiedere l’eliminazione di prodotti, servizi o contenuti illegali entro il minor tempo possibile. La legge richiede inoltre maggiore trasparenza sul funzionamento degli algoritmi che suggeriscono i contenuti (video, prodotto, notizia e altri).

Le Big Tech dovranno fornire maggiori informazioni sull’uso dei dati degli utenti per le pubblicità mirate e non potranno usare tecniche di targeting che rivelano i dati personali di minori e individui vulnerabili a scopo pubblicitario. Le piattaforme di grandi dimensioni dovranno anche offrire un sistema di raccomandazione non basato sulla profilazione.

Il DSA prevede inoltre che i termini d’uso dei servizi siano scritti in linguaggio più comprensibile. Gli utenti potranno avviare una class action e chiedere un risarcimento per eventuali danni derivanti dal mancato rispetto degli obblighi. In caso di violazione della legge, le aziende rischiano sanzioni fino al 6% delle entrate globali e, in caso di violazioni ripetute, il ban dal mercato europeo. Il DSA ha ricevuto anche l’endorsement da Hillary Clinton.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 apr 2022
Link copiato negli appunti