Diritto alla riparazione: accordo tra le istituzioni UE

Diritto alla riparazione: accordo tra le istituzioni UE

Parlamento e Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla direttiva che garantisce ai consumatori il diritto alla riparazione dei prodotti.
Diritto alla riparazione: accordo tra le istituzioni UE
Parlamento e Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla direttiva che garantisce ai consumatori il diritto alla riparazione dei prodotti.

Al termine dei negoziati avviati a fine novembre 2023, Parlamento e Consiglio europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla direttiva che incentiva la riparazione di prodotti difettosi o rotti. Le nuove regole, proposte dalla Commissione europea quasi un anno fa, consentiranno di ridurre la spazzatura elettronica.

Estensione della garanzia per prodotti riparati

Il cosiddetto diritto alla riparazione si applicherà a lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, frigoriferi, condizionatori, TV, schermi, aspirapolvere, server, data storage, cordless, cellulari/smartphone e tablet. In futuro verranno aggiunti altri prodotti all’elenco.

Il consumatore può scegliere tra sostituzione e riparazione. In quest’ultimo caso, se il difetto si presenta durante i due anni di garanzia legale, i produttori devono offrire un anno aggiuntivo per i dispositivi riparati. Se la garanzia è scaduta, il produttore deve fornire le parti di ricambio gratuitamente o ad un prezzo ragionevole. I consumatori potranno conoscere i prezzi del servizio di riparazione e, nell’attesa, ricevere un altro dispositivo in prestito.

I produttori non possono usare clausole contrattuali o tecniche hardware/software per impedire di utilizzare parti di ricambio di seconda mano o stampate in 3D. Una piattaforma online consentirà di cercare centri di riparazione locali, venditori di beni ricondizionati, acquirenti di articoli difettosi o iniziative di riparazione, come i repair café.

Le nuove regole dovranno ora essere approvate in aula da Parlamento e Consiglio. Entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Gli Stati membri avranno quindi 24 mesi di tempo per recepire la direttiva nelle leggi nazionali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 3 feb 2024
Link copiato negli appunti