Disco Volante vive ancora

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera che descrive le nuove attività della telestreet finita nel mirino del ministero delle Comunicazioni


Roma – Non si ferma l’attività della piccola e vulcanica telestreet senigalliese.
Nonostante i sigilli ed il processo penale in corso , Disco Volante riprende l’attività. Attività che in realtà non si era mai fermata.

Grazie ad un accordo con il quotidiano online senigalliese Vivere Senigallia sarà possibile scaricare dal web i nuovi servizi di Disco Volante mai andati in onda ed una selezione dei migliori filmati già trasmessi.
“Siamo particolarmente vicini a Disco Volante – ha dichiarato Michele Pinto, editore del portale – la libertà di informazione è un valore fondamentale che ci sentiamo in dovere di difendere. Offrire il lavoro di Disco Volante agli abitanti del quartiere Porto, a tutti i senigalliesi e a chiunque lo voglia, seppur in maniera parziale, è un passo importante in questa direzione”.

Si tratta di una soluzione tampone perché la visione di Disco Volante sarà possibile solo per chi dispone di una connessione veloce, dall’ADSL in su, e perché non sarà possibile offrire tutti quei contributi che la telestreet riceve quotidianamente dagli abitanti del quartiere Porto e che rappresentano la sua vera ricchezza.

Ma è un passo avanti ed un passo importante. I servizi di Disco Volante, la cui qualità è testimoniata dalla recente vittoria del premio Ilaria Alpi, saranno nuovamente disponibili a tutti in alta qualità. Ed anche altre telestreet in tutto il paese potranno trasmetterli una volta scaricati dal web.

“Sui filmati non c’è copyright – spiega Enea Discepoli, responsabile di Disco Volante – la filosofia del mondo delle telestreet è quella della condivisione. Tutti possono usare i nostri servizi se ne citano la fonte e se non ne fanno un uso commerciale”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: mah
    - Scritto da: Anonimo
    è una vergogna il servizio messenger
    in sè, non chi ne abusava.
    se un amministraotre di rete o un utente
    lascia attivo quel servizio si merita i
    pop-up finchè non si stufa e non
    impara che certe cagate vanno segate appena
    dopo l'installazione di windowsNon è che ti sbagli con MSN messenger? ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: mah
    - Scritto da: Anonimo
    è una vergogna il servizio messenger
    in sè, non chi ne abusava.
    se un amministraotre di rete o un utente
    lascia attivo quel servizio si merita i
    pop-up finchè non si stufa e non
    impara che certe cagate vanno segate appena
    dopo l'installazione di windowsSei un lamerone di prima categoria, a volte è meglio stare zitti se non si conosce bene un argomento.
  • Anonimo scrive:
    Re: non me lo ricordavo nemmeno :)
    - Scritto da: Anonimo
    ahahahaha :)

    nemmeno ricordavo esistesse questo problema
    ^_______^ma che cosa ridi?
  • Anonimo scrive:
    non me lo ricordavo nemmeno :)
    ahahahaha :)nemmeno ricordavo esistesse questo problema ^_______^
  • Anonimo scrive:
    Re: mah
    peccato che tutta una serie di programmi utilizzano messanger per mandare alert ...
  • Anonimo scrive:
    D Squared
    Una marca d'abbigliamento, oltre che una società sparaspam hehe...
  • Anonimo scrive:
    mah
    è una vergogna il servizio messenger in sè, non chi ne abusava.se un amministraotre di rete o un utente lascia attivo quel servizio si merita i pop-up finchè non si stufa e non impara che certe cagate vanno segate appena dopo l'installazione di windows
Chiudi i commenti