DRM, Macrovision vende licenze a BitTorrent

Firmato un accordo che porterà il DRM della casa californiana nei video venduti online dal nuovo servizio di intrattenimento di Bram Cohen

Santa Clara – È scoppiata la pace tra i paladini del DRM di Macrovision ed i venditori di video online. All’inizio della settimana BitTorrent, Netflix , Movielink ed Instant Media , vale a dire quattro tra le più promettenti aziende nel settore, hanno firmato un accordo per l’adozione di ACP (Analog Copy Protection) nei loro sistema di vendita e noleggio di video su Internet.

Secondo Fred Amoroso , CEO e presidente di Macrovision, questo accordo segna un passo decisivo nella diffusione di servizi di vendita e noleggio online. Secondo Amoroso, l’adozione di sistemi DRM affidabili e user-friendly incoraggia i produttori di video e film a concedere la licenza per la vendita e il noleggio su Internet dei propri contenuti. Una visione condivisa da Andy Leak , CEO di Instant Media: l’obiettivo di fornire un vasto catalogo di scelta ai consumatori sarebbe ora più vicino grazie all’intesa raggiunta.

Macrovision si conferma dunque come una delle più attive fautrici del movimento pro-DRM. Negli ultimi 12 mesi ha stretto accordi con un gran numero di importanti società impegnate nella produzione e commercializzazione di contenuti video: Channel 4 , HIT Entertainment , Sonic Solutions , Tata Sky sono alcuni dei nomi di maggior rilievo.

Una ricerca di Parks Associates , del dicembre 2006, fissa a 7 miliardi di dollari i ricavi previsti dalla vendita dei contenuti video online nel 2010: il 40%, pari a quasi 3 miliardi di dollari, dovrebbe derivare dal noleggio e dal download diretto di contenuti video.

Si tratta quindi di un business in forte espansione, sul quale molti hanno già posto la loro attenzione: martedì l’annuncio di Walmart di un nuovo servizio di download di video e film a pagamento, per non perdere il treno di un mercato nascente e nel quale non si è ancora delineata una leadership.

Anche DVD Forum tenta di saltare a bordo , con la creazione di una nuova tecnologia che permetterebbe il download di DVD dotati di protezioni CSS di nuova concenzione.

È scoppiata la pace quindi, e la notizia ha colto molti di sorpresa. Non più di una settimana fa, Bram Cohen aveva auspicato in una intervista che i DRM potessero essere eliminati in un futuro prossimo dalla sua nuova piattaforma BitTorrent Entertainment Network .

Qualcosa di simile era accaduto il mese scorso: dopo la lettera aperta di Steve Jobs su DRM e mondo della musica e la successiva risposta decisa di Fred Amoroso, alla fine di febbraio Macrovision aveva annunciato un nuovo accordo per la distribuzione online dei giochi prodotti da Walt Disney Internet Group.

Nel frattempo i consumatori mostrano sempre più insofferenza per la presenza dei DRM nei contenuti acquistati, e si moltiplicano le iniziative per eliminare, anche illegalmente, ogni tipo di protezione dai nuovi supporti ad alta definizione.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti