E se l'iPhone fosse una creatura Prada?

Presentato da Prada e da LG il telefonino fashion completamente touch screen. Come l'iPhone di Apple

Roma – Eccolo, svelato nelle sue forme lineari e rigorose, il cellulare di LG Electronics griffato Prada . Anticipato poco più di un mese fa , The Prada Phone by LG fa notizia sicuramente per la sua natura “tecno-fashion”, ma anche per l’innegabile somiglianza con l’iPhone che Apple ha presentato al mondo, in anteprima, la scorsa settimana .

LG e Prada sono però in vantaggio: la commercializzazione dell’iPhone inizierà a giugno (negli States), mentre il KE850 (questa la sigla del nuovo LG) sarà messo in vendita alla fine di febbraio 2007, al prezzo di 600 euro.

Il nuovo dispositivo Il produttore coreano ha così ben donde di presentarlo come il primo telefono al mondo totalmente touch screen, visto che sarà anche il primo a comparire sul mercato. E questo nonostante due presentazioni molto vicine tra loro, quasi contemporanee, che renderebbero i due apparecchi praticamente gemelli, avvalorando le voci che, sulla rete, parlano di due smartphone separati alla nascita .

Anche “The PRADA Phone by LG” è dominato da un’interfaccia touch screen avanzata che elimina la necessità di una tradizionale tastiera. Il display LCD è particolarmente ampio per dare modo all’utente di “spaziare” tra le varie funzioni e applicazioni, tra cui si trova la fotocamera da 2 Megapixel con ottica Schneider-Kreuznach. Sebbene sia sottile (solo 12 mm), l’apparecchio non si fa mancare caratteristiche multimediali aggiuntive, come il lettore MP3 e lo slot per la scheda di memoria esterna. Ma non dispone di WiFi.

Queste le caratteristiche dell’apparecchio:

– Touch Screen Capacitivo
– Riproduttore Musicale (MP3, AAC, AAC+, WMA, RA)
– Funzioni musicali in multitasking (menu, messaggistica)
– Riproduttore Video (MPEG4, H.263, H.264)
– Interfaccia utente Macromedia Flash UI
– Visualizzatore di documenti (ppt, doc, xls, pdf, txt )

Specifiche tecniche
– EDGE Tri-Band (900/1800/1900MHz)
– Dimensioni: 98,8 x 54 x 12 mm
– Fotocamera CMOS da 2Megapixel con LED Flash
– Slot per scheda di memoria esterna (Micro SD)
– Batteria Li-ion 800mAh
– Bluetooth 2.0, connettività USB 2.0 e Memoria di Massa USB

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stefano D'Angelo scrive:
    BitAge ed autenticazione
    Sarei curioso di sapere come fa a considerarsi legale ed a norma di legge l'autenticazione attraverso sms?La legge specifica chiaramente che è necessario acquisire copia del documento...forse un sms oggi funge anche da carta d'identità??
  • Anonimo scrive:
    completamente illegale
    la legge pisanu (legge antiterrorismo) prescrive che gli operatori debbano ricevere una fotocopia del documento dell'utente.Da nessuna parte si legge che sia sufficiente inviare un sms, delegando cosi' il riconoscimento ad un operatore mobile estraneo.Tutti gli operatori che autenticano gli utenti senza preventivamente ricevere la fotocopia sono ILLEGALI.Basta leggere la legge.
  • tit1982 scrive:
    BITAGE: come regge economicamente?
    Non riesco a capire come possa essere sostenibile nel tempo il modello economico. L'esercente riceve gratuitamente da BITAGE l'HW per l'hot-spot e si compra liberamente sul mercato connettivita' INTERNET di tipo DSL. Possibile che tuto questo si ripaghi con proventi pubblicitari?
  • Anonimo scrive:
    Autenticazione tramite SMS: legale?
    Ecco cosa dice Pisanu: b) identificare chi accede ai servizi telefonici e telematici offerti, prima dell'accesso stesso o dell'offerta di credenziali di accesso, acquisendo i dati anagrafici riportati su un documento di identita', nonche' il tipo, il numero e la riproduzione del documento presentato dall'utente;Sono d'accordo che un autenticazione tramite sms e' piu comoda di una strach card + documento di identita', ma non mi sembra che la procedura soddisfi il punto b).Qui si dice espressamente che il gestore deve acquisire il documento di identita', il tipo, il numero e si parla di "riproduzione del documento presentato dall'utente".Non mi risulta che mandando un sms cio' avvenga e non mi si dica che se ho una sim telefonica devo pur aver lasciato un documento a qualcuno, perche' se l'ho fatto il documento l'ho dato a WIND o TIM o VODAFONE o 3G e non certo a BITAGE.E un cittadino straniero con una sim straniera?Io sono contrario a complicare l'accesso ai free-hotspot come dice Pisanu, ma se c'e' una legge e questa deve essere rispettata, ebbene a mio avviso un sistema di autenticazione online tramite sms non e' legale.Attendo commenti...
Chiudi i commenti