Eni ed Enel, assieme verso l'idrogeno verde

Eni ed Enel, assieme verso l'idrogeno verde

Eni e Enel scommettono assieme sull'idrogeno annunciando lo sviluppo di due elettrolizzatori a energia pulita per la produzione di idrogeno verde.
Eni e Enel scommettono assieme sull'idrogeno annunciando lo sviluppo di due elettrolizzatori a energia pulita per la produzione di idrogeno verde.

L’idrogeno è una frontiera raggiungibile e rappresenterebbe una autentica rivoluzione per il mondo dell’energia, ma i limiti nello sviluppo di questa tecnologia (e di tutta la sua filiera) pongono ostacoli importanti che fino ad oggi non hanno consentito di sbloccare tutto il potenziale che vi si concentra. Se però nomi come Eni e Enel preannunciano una cooperazione finalizzata proprio allo sviluppo dell’idrogeno, allora significa che qualcosa di importante sta per accadere.

Eni e Enel, obiettivo idrogeno

L’annuncio congiunto dei due gruppi spiega che le due società cammineranno a braccetto per “sviluppare progetti di idrogeno verde attraverso elettrolizzatori alimentati da energia rinnovabile“. Gli elettrolizzatori, nello specifico, “saranno posizionati nelle vicinanze di due delle raffinerie Eni presso cui l’idrogeno verde possa rappresentare la migliore opzione di decarbonizzazione“. Un progetto di conversione, dunque, che non solo ha un valore prospettico basato sull’energia ad idrogeno, ma che punta altresì a sostituire la filiera tradizionale con una ad energia pulita.

I progetti in essere sono quantificati ciascuno in un potenziale da 10MW e dovrebbero iniziare ad erogare idrogeno verde entro il 2022/2023. Così Claudio Descalzi, amministratore delegato Eni: “Questa collaborazione per lo sviluppo dell’idrogeno verde rientra nella più ampia strategia di transizione energetica di Eni. Il nostro obiettivo è quello di accelerare la riduzione della nostra impronta carbonica, implementando le migliori soluzioni applicabili a basse emissioni di CO2, verdi o blu, per ridurre le nostre emissioni dirette e fornire prodotti bio ai nostri clienti“. Dello stesso avviso Francesco Starace, CEO Enel: “Siamo interessati ad esplorare con Eni il promettente settore dell’idrogeno verde. Insieme, abbiamo identificato un paio di siti da cui iniziare con i primi progetti. Il sistema generale che abbiamo in mente funzionerà come un circuito chiuso in cui l’elettrolizzatore alimentato da energia rinnovabile e la raffineria saranno presso lo stesso sito, evitando così la costruzione di complesse infrastrutture di trasporto per l’idrogeno. Desideriamo vedere l’idrogeno verde rifornire i processi di raffineria e bioraffineria di Eni e stiamo lavorando per avere il primo sistema operativo prima della fine del nostro attuale piano triennale“.

Nelle cosiddette celle elettrolitiche l’acqua viene attraversata da una corrente elettrica che la dissocia in ioni H+ e OH, questi corrono rispettivamente verso il catodo e l’anodo dove si formano da un lato idrogeno e dall’altro ossigeno gassosi. Per mantenerci puliti, occorre che l’energia per l’elettrolisi provenga da una fonte rinnovabile come, per esempio, il sole. L’idrogeno prodotto in questo modo può essere considerato una delle risorse ideali per alimentare auto elettriche; per farle funzionare dobbiamo riavvolgere il nastro e lo facciamo all’interno delle celle a combustibile (o fuel cells). Qui accade l’inverso di ciò che abbiamo visto nelle celle elettrolitiche; l’idrogeno in forma molecolare H2, che abbiamo faticosamente ottenuto, viene spezzato nei due atomi H+ caricati positivamente ed elettroni. Sono proprio questi che, passando per un circuito esterno, forniscono una corrente che alimenta il motore elettrico. Una volta che questi tornano al catodo della cella insieme agli ioni positivi di idrogeno, questi si combinano con l’ossigeno comodamente fornito dell’aria producendo… di nuovo acqua!

Michela Bellettato

Eni, in particolare, avrebbe sul tavolo ulteriori progetto similari sia in Italia che nel Regno Unito, facendo quindi dell’idrogeno una scommessa vera e propria in quello che potrà essere un futuro con baricentro spostato verso l’energia pulita. In Italia il braccio di ferro che doveva stabilire se scommettere sull’idrogeno “verde” o quello “blu” (con stoccaggio di CO2) sembra essere stato vinto da Enel, che ha così tirato a bordo Eni su questa scommessa virtuosa al 100% e per la quale ci si attende anche una cospicua mano dagli investimenti europei. Un progetto lungimirante, insomma, che fin dai prossimi anni potrà restituire i primi frutti e dar vita ad un nuovo modo di intendere l’energia.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 12 2020
Link copiato negli appunti