Facebook alla conquista dell'intrattenimento?

Ultime indiscrezioni sul gigante in blu. Sarebbero pronti accordi con piattaforme musicali del calibro di Spotify, Rdio e MOG. Gli utenti potranno condividere i propri contenuti preferiti. E di mezzo c'è anche Hulu

Roma – Succulente indiscrezioni , ad annunciare la probabile trasformazione di Facebook in una gigantesca piattaforma di consumo e condivisione multimediale. Alle imminenti F8 Developer Conference verrebbero così svelate ambiziose partnership tra il gigante in blu e svariate piattaforme musicali operative in terra statunitense.

Spotify, Rdio, MOG, Rhapsody . Sono questi i nomi circolati tra gli addetti ai lavori, inclusi nel vasto accordo che porterebbe Facebook a diventare un vero e proprio snodo per contenuti musicali e televisivi. Sempre stando alle indiscrezioni, le suddette piattaforme avrebbero già iniziato ad includere i metadati del sito in blu nei profili dei vari artisti , così come nei loro brani e album da ascoltare in streaming.

Milioni di utenti social potrebbero così aggiornare il proprio status con i contenuti audio delle varie piattaforme, in modo da permettere agli amici di raggiungere con un semplice click i file presenti su Rdio o MOG . Per qualcuno , un’integrazione dettata dalla sempre più pressante esigenza di stracciare l’accresciuta fama di Google Plus.

Il progetto Facebook Music – questo il nome usato dalle varie fonti – verrà corroborato da una seconda partnership per i contenuti televisivi, in particolare con la piattaforma Hulu. Anche qui, gli utenti in blu potrebbero condividere i propri show preferiti, permettendo al social network di partire alla conquista dell’ entertainment globale.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kaiserxol scrive:
    Con tutti i debiti....
    Con tutti i debiti di Groupon han visto solo lungo sul futuro fallimento di questa società. Ma il suo AD è famoso per questo!
Chiudi i commenti