Facebook, azzardo social

Tutti gli utenti maggiorenni del Regno Unito potranno pagare con soldi veri per il bingo e le slot machine virtuali di una nuova app sviluppata con Gamesys e Jackpotjoy.com. La nuova frontiera dopo i credits?
Tutti gli utenti maggiorenni del Regno Unito potranno pagare con soldi veri per il bingo e le slot machine virtuali di una nuova app sviluppata con Gamesys e Jackpotjoy.com. La nuova frontiera dopo i credits?

Nella continua espansione di Facebook, un accordo che farà saltare il banco dei nuovi pagamenti social. Con Bingo & Slots Friendzy, tutti gli utenti maggiorenni del Regno Unito potranno giocare d’azzardo con soldi veri , abbandonando i classici Credits già ampiamente sfruttati dal social network di Menlo Park per le varie transazioni videoludiche.

Sviluppata per conto della catena Jackpotjoy.com – franchise della società di produzione Gamesys – l’applicazione in blu permetterà di puntare con sterline fruscianti, per tutti gli iscritti che hanno raggiunto i 18 anni d’età. Mistero sui dettagli finanziari dell’accordo con Gamesys e Jackpotjoy, rimasti avvolti nel segreto aziendale.

Non è chiaro se Facebook abbia imposto lo stesso rapporto di percentuali (30/70) finora adottato per le transazioni gestite con i crediti in blu. Prima di poter accedere alle sale d’azzardo virtuali, gli account sul social network dovranno passare per un controllo automatico dell’età, oltre che dell’effettiva residenza nel Regno Unito .

C’è chi ha sottolineato come la scelta d’Albione sia azzeccata sotto diversi punti di vista. Innanzitutto per la sua lingua globale, oltre che per la forte passione registrata fra i cittadini britannici per giochi come il bingo o le slot machine . La piattaforma di Mark Zuckerberg ha assicurato che i flussi di dati e denari saranno perfettamente sicuri.

Il tutto, con l’auspicio che altri flussi si trasformino presto in variabili impazzite: dal lancio dei credits, Facebook non è riuscita a registrare aumenti colossali nel valore delle transazioni tramite moneta virtuale. Nell’ultimo anno, il social network non ha superato la soglia dei 200 milioni di dollari a partire dai 180 dei trimestri passati .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 08 2012
Link copiato negli appunti