Ipotesi Facebook: non si conteranno più i Like

Facebook potrebbe presto nascondere il numero dei Like dei singoli post per evitare confronti ed errate percezioni sul valore dei contenuti.
Facebook potrebbe presto nascondere il numero dei Like dei singoli post per evitare confronti ed errate percezioni sul valore dei contenuti.

Facebook sta considerando una minuscola, quanto enorme, modifica all’interfaccia del proprio social network principale. Alla stregua di quanto in fase di test su Instagram, anche Facebook potrebbe infatti rimuovere il conteggio dei “Mi piace” sui post caricati.

La mossa è importante poiché la metrica dei Like si era negli anni imposta come uno strumento di vanità, di marketing, di autovalutazione, di confronto e molto altro ancora. Il numero dei Like aveva acquisito una sua percezione e quindi un suo significato andando anche ben oltre i semplici meriti o demeriti che una valutazione quantitativa di questo tipo può trasmettere. Ora Facebook avrebbe dato inizio ad una serie di test che dovranno valutare quali potrebbero essere le conseguenze di una mossa simile, sia in termini di community che di pubblicità.

Meno Like, più contenuto

La sensazione trasmessa dal team di Zuckerberg è che dietro questa mossa ci sia il tentativo di togliere pressione agli utenti, così che nessuno possa postare sul network sentendosi eccessivamente sotto osservazione: il numero dei like troppo spesso era considerato come un misuratore di popolarità, scatenando una ridda di confronti e strumenti più o meno leciti (e più o meno assurdi) per gonfiare il proprio social-ego. La rimozione dei numeri alla pubblica vista cancellerebbe questa vuota vetrina, lasciando che ognuno possa vedere, contare e valutare i propri Like, ma senza che tutto ciò possa essere disponibile alla community. Non saranno più i Like a fotografare il successo di un post o di un account, dunque: prepararsi tutti, si cambia modello.

Nessuno sottovaluti questo cambiamento: per piccolo che possa apparire, impatterà su miliardi di news feed e cambierà il modo con cui molti utenti approcceranno il proprio rapporto con il social network. Nelle ambizioni di Facebook, tutto ciò dovrebbe limitare i tentativi strumentali di plasmare al rialzo l’engagement delle proprie bacheche, evitando che si pubblichi o si cancellino post in virtù delle reazioni che raccolgono e della percezione che possono lasciare agli altri. Maggior libertà significa maggior creatività e minor omologazione, cercando di riportare su Facebook quella brillantezza che negli anni è andata perduta tra i “buongiornissimo”, le polemiche, le vuote condivisioni e la ricerca ossessiva del Like.

L’esperimento è in atto: Facebook lo ha confermato a TechCrunch, pur senza rivelare granché su quanto in laboratorio. Non è ancora detto che il numero dei Like possa effettivamente scomparire, ma il solo fatto che Zuckerberg ci sia pensando e lo faccia sapere lascia supporre che i test siano già in fase avanzata e che la scelta sia già stata tutto sommato compiuta.

Sparirà il contatore dei Like e con esso almeno una parte di quell’approccio vanesio che Facebook ha incarnato per milioni e milioni di utenti. La strada verso una piattaforma social più sana passa anche per questi piccoli maquillage, ma necessità altresì di interventi più sostanziali in termini di contenuto. Un colpo al cerchio e uno alla botte, per confermare a Facebook quel che è di Facebook: il trono del Re del social networking.

Fonte: TechCrunch
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 09 2019
Link copiato negli appunti