Facebook e la ricevuta di lettura

Gli utenti del sito potranno sapere chi ha letto i post all'interno dei gruppi. Segnali di spunta accompagneranno gli interventi social. E la gestione degli eventi ha un nuovo look da agenda

Roma – Novità annunciate dal gigante Facebook per migliorare l’esperienza di condivisione tra milioni di utenti in blu. Il social network di Mark Zuckerberg ha introdotto delle ricevute di lettura all’interno dei gruppi creati dai vari profili. Piccoli segnali di spunta che innanzitutto indicheranno il numero esatto delle visualizzazioni per un certo post .

In aggiunta , i membri di un gruppo – ad esempio, un nucleo familiare – potranno conoscere l’esatta identità di chi abbia visualizzato un determinato aggiornamento – ad esempio, una cena per le festività – in bacheca. Cliccando sul segnale di spunta si potranno identificare gli utenti che hanno letto il post .

“A partire da oggi, gli utenti di un gruppo potranno capire chi ha visualizzato un post – si legge nel comunicato diramato dal sito in blu – In questo modo potranno rimanere aggiornati sulle attività del gruppo. Ad esempio, in un gruppo sul calcio si potrà pubblicare il nuovo orario per l’allenamento e dunque vedere chi ha recepito il messaggio”.

Quando tutti gli utenti di un gruppo leggono il post, Facebook provvede ad inserire la dicitura “visto da tutti”, in modo da far capire che il messaggio è arrivato pienamente a destinazione.

Oltre alle ricevute di lettura, la piattaforma di Menlo Park ha deciso di dare una decisa spolveratina alla sua feature per la gestione degli eventi. Events è stato infatti trasformato in Calendar , ovvero un agenda dal migliore impatto grafico con la possibilità di consultare gli appuntamenti giorno per giorno . Come appunto in un’agenda, ma dal sapore social.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • arin scrive:
    dove si trovano le password?
    Si può scaricare le'lenco delle password trafugate? Mi piacerebbe analizzarle. SOLO le password, SENZA username, così, per evitare fraintendimenti.
    • asd lol scrive:
      Re: dove si trovano le password?
      - Scritto da: arin
      Si può scaricare le'lenco delle password
      trafugate? Mi piacerebbe analizzarle. SOLO le
      password, SENZA username, così, per evitare
      fraintendimenti.Mi piacerebbe sapere cosa te ne fai di 400.000 e rotti password non cifrate. Si tratta di parole eh, cosa vorresti analizzare?
  • styx scrive:
    mashable
    oi per una volta che non lo linkate, ha informazioni piu complete ... http://mashable.com/2012/07/12/yahoo-voice-hacked-usernames-and-passwords-posted-online/. Almeno cosi si capisce concretamente di che utenze/password stiamo parlando.....
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: mashable
      Roma - Divulgati attraverso il sito di hacking D33D Company più di 450mila nomi utenti e password di utenti Yahoo!.Le credenziali di acXXXXX sono state postate non cifrate, come sembra fossero conservate, e sarebbero originarie di un sottodominio di Yahoo!, apparentemente legato alla piattaforma Yahoo! Voices già nota come Associated Content.
      • styx scrive:
        Re: mashable
        - Scritto da: Luca Annunziata
        Roma - Divulgati attraverso il sito di hacking
        D33D Company più di 450mila nomi utenti e
        password di utenti
        Yahoo!.

        Le credenziali di acXXXXX sono state postate non
        cifrate, come sembra fossero conservate, e
        sarebbero originarie di un sottodominio di
        Yahoo!, apparentemente legato alla piattaforma
        Yahoo! Voices già nota come Associated
        Content. beh ma manca il link alla sorgente :) Nel articolo di mashable c'era.
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: mashable
          sorgente di che? non ho capito
          • styx scrive:
            Re: mashable
            - Scritto da: Luca Annunziata
            sorgente di che? non ho capitola sorgente della notizia. Chi ha pubblicato la password (senza, non esiste alcuna notizia :). Ossia https://d33ds.co/archive/yahoo-disclosure.txt
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: mashable
            in effetti hai ragionee non so perché manchitra l'altro io quel sito non sono ancora riuscito ad aprirlo da stamani
          • styx scrive:
            Re: mashable
            - Scritto da: Luca Annunziata
            in effetti hai ragione

            e non so perché manchi

            tra l'altro io quel sito non sono ancora riuscito
            ad aprirlo da
            stamaniHo avuto un problema di timeout anch'io, poi ci ho messo un proxy davanti e mi si e' aperto. Chissa' magari qualcuno stava gia' filtrando... oppure andandoci diretti dall'italia prendeva una rotta ingolfata. chissa'...Non che ci debba fare alcunche' con quelle informazioni... ero solo curioso... hanno munto un bel po' di accounts, non c'e' che dire...Nel merito cmq l'ho notato perchè molto spesso linkate mashable (che, tra parentesi, a me non piace granche') e molto spesso anche pastebin o affini (dove gli hackers spesso postano le loro bravate, quindi "la sorgente") e invece in questo caso non c'era nessuno dei due. Ma non e' una mancanza grave eh :) avevo solo notato la cosa....
Chiudi i commenti