Facebook ed il suo Jobs Act

Facebook ed il suo Jobs Act

Il social network annuncia misure a sostegno dei collaboratori che non sono alle sue dirette dipendenze: il salario minimo dovrà garantire loro di poter convivere dignitosamente con i suoi manager e i suoi ingegneri
Il social network annuncia misure a sostegno dei collaboratori che non sono alle sue dirette dipendenze: il salario minimo dovrà garantire loro di poter convivere dignitosamente con i suoi manager e i suoi ingegneri

Sheryl Sandberg, Chief Operating Officer di Facebook, ha annunciato una serie di misure a sostegno dei contractor, quelle persone cioè che non fanno parte dello staff, ma che svolgono una serie di lavori e attività per il sito in blu.

La misura rientra idealmente nella campagna Silicon Valley Rising che cerca di affrontare il nodo della gentrificazione , rappresentato dall’aumento improvviso del costo delle abitazioni e della vita in una determinata zona a causa dell’arrivo di aziende e lavoratori dai salari alti: l’esplosione dell’economia delle aziende ICT ha per esempio trascinato la Bay Area nella ricchezza, lasciando però indietro la popolazione locale e coloro che non riescono ad accedere a posti di lavoro qualificati. Questi si ritrovano, magari, ad essere vicini di casa dei milionari manager di Facebook o dei suoi ben retribuiti ingegneri, facendo spesa negli stessi supermercati e subendo le conseguenze dettate sull’offerta da radicali cambi della domanda.

Così Facebook, proprio nei confronti di tali lavoratori, ha previsto una serie di misure contrattuali: nel dettaglio chiederà alcuni impegni a quelle aziende che mettono a disposizione gli impiegati che collaborano in “maniera sostanziale” con il social network.

Si tratta di esercito di cuochi e inservienti che godranno di un salario minimo fissato a 15 dollari , almeno 15 giorni di ferie pagate, malattia e assenza, e benefit da 4mila dollari a sostegno delle nuove nascite se non ricevono già i congedi retribuiti nel momento in cui diventano genitori.

Quello con il salario minimo a Facebook, per distacco, è dunque adesso colui che ne è al vertice: il giovane CEO – ormai miliardario grazie alle azioni del social network – vuole dare prova della propria sensibilità nei confronti di questo argomento e per questo si è tagliato lo stipendio ad un simbolico dollaro, come il CEO di Google Larry Page.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 mag 2015
Link copiato negli appunti