Facebook: il file sharing sono io

Acquistata drop.io, per aumentare le possibilità di condivisione sul social network

Roma – Facebook ha acquisito la maggior parte degli asset e delle tecnologie di Drop.io , start-up nata con l’intento di fornire agli utenti strumenti per condividere privatamente file attraverso un’interfaccia drag-and-drop e servizi aggiuntivi di chiamata e fax per garantire al contempo un certo livello di coordinamento e comunicazione.

Per gli utenti di Drop.io significa che entro il 15 dicembre dovranno rimuovere i file che hanno lasciato sul servizio: dopo quella data verranno cancellati e la piattaforma passata a Facebook. Il fondatore della start-up Sam Lessin passerà anch’egli al social network .

Lessin, d’altronde, è anche un ex compagno di Harvard di Mark Zuckerberg e, secondo quanto raccontato da David Krikpatrick nel libro “The Facebook Effect”, avrebbe avuto un ruolo cruciale nei primi giorni del social network , anche tramite gli investimenti del padre.

Dopo l’acquisto di Hot Potato (i cui cervelli hanno recentemente portato al brevetto di alcune tecnologie per la geolocalizzazione), Facebook punta dunque a integrare nuove funzionalità alla sua piattaforma con la medesima strategia: acquisire piccole aziende per poi chiuderle e trasferire il loro know-how e i loro uomini migliori.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • la policy in persona scrive:
    Acqua
    Questo articolo fa acqua da tutte le parti. (ghost)
  • HotHello scrive:
    hoax
    Non c'e' nessuna possibilita' che l'acqua da sola possa alimentare un simile orologio. In realta' l'acqua funge da elettrolita per una batteria interna basata su un anodo di zinco che lentamente si dissolve.Finito lo zinco vi ritrovate un rifiuto da 30$, niente piu'.
  • HotHello scrive:
    hoax
    Non c'e' nessuna possibilita' che l'acqua da sola possa alimentare un simile orologio. In realta' l'acqua funge da elettrolita per una batteria interna basata su un anodo di zinco che lentamente si dissolve.Finito lo zinco vi ritrovate un rifiuto da 30$, niente piu'.
    • acno scrive:
      Re: hoax
      Ne abbiamo gia' discusso ampiamente.E non e' un hoax, ma un "gadget" che dalle mie parti chiamiamo piu' affettuosamente "ciaffi".
  • edeccociqui scrive:
    Ragazzi...
    Ma questo è un blog, non un sito di chimica...Vi viene fornita la notizia di un oggetto che esiste e che è stato recensito allo stesso modo in altri migliaia di blog internazionali, oltretutto le fonti non riportano nulla sul funzionamento dell'oggetto.Per cui se la cosa vi incuriosisce, leggete e poi andate in modo autonomo alla ricerca delle informazioni e delle curiosità che vi arrovellano il cervello... I blog funzionano così...Non potete pensare di avere sempre la pappa pronta, senza fare neanche il minimo sforzo...
    • Gome e Nocome scrive:
      Re: Ragazzi...
      - Scritto da: edeccociqui
      Ma questo è un blog, non un sito di chimica...Questa è internet. punto. :P
      Vi viene fornita la notizia di un oggetto che
      esiste e che è stato recensito allo stesso modo
      in altri migliaia di blog internazionali,
      oltretutto le fonti non riportano nulla sul
      funzionamento
      dell'oggetto.Una notizia fuorviante.
      Per cui se la cosa vi incuriosisce, leggete e poi
      andate in modo autonomo alla ricerca delle
      informazioni e delle curiosità che vi arrovellano
      il cervello... I blog funzionano
      così...

      Non potete pensare di avere sempre la pappa
      pronta, senza fare neanche il minimo
      sforzo...E quindi la mettiamo pronta, qui a disposizione di tutti.Il punto è: truffare la gente sfruttandone l'ignoranza è immorale, e in alcuni casi illegale. Purtroppo ci sono cose per cui la gente, con l'attitudine che presenti, non la rende immorale nè illegale. Tutti si scandalizzano per la Vanna Marchi che fa sciogliere il sale in acqua e dice che hai il malocchio, ma è forse diverso quando ti vendono prodotti omeopatici che sono acqua distillata, chiropratici che ti vendono prestazioni e risultati non possibili, i braccialetti del potere, gli schermi antiradiazioni del cellulare, il sangue di san gennaro che è solo un composto tissotropico ?Nessuno pretende che uno sappia tutto, è impossibile. Si chiede solo del sano scetticismo e verifica dei fatti e delle fonti, come ad un proXXXXX per omicidio, come quando scrivi qualcosa su wikipedia, come quando compri una macchina e ne controlli il motore prima di pagare.Sfruttare l'ignoranza degli altri per guadagnare soldi, potere o controllo è immorale e ingiusto, e io come persona faccio quello che è giusto per combattere questo sfruttamento: informare.
    • Biso scrive:
      Re: Ragazzi...
      Ma questo non è blog! E' una testata giornalistica e ci si aspetta che informi correttamente e puntualmente su quello che scrive...
      • ma smettila scrive:
        Re: Ragazzi...
        i tuoi commenti sono.esagerati e fuori luogo. scomodare addirittura il codice di autoregolamentazione commerciale... ma guarda che nn stanno vendendo nulla qua! fai una cosa, prova a denunciarli...ma nella vita nn hai proprio nulla da fare?
        • Gome e Nocome scrive:
          Re: Ragazzi...
          - Scritto da: ma smettila
          i tuoi commenti sono.esagerati e fuori luogo.Non vedo perchè.
          scomodare addirittura il codice di
          autoregolamentazione commerciale...è un articolo con contenuto in un qualche modo pubblicitario, e l'articolo viene descritto con caratteristiche che di fatto non possiede.
          ma guarda che
          nn stanno vendendo nulla qua!Al contrario, viene scritto il prezzo e c'è un link diretto a un sito di vendita.
          fai una cosa, prova
          a denunciarli...ma nella vita nn hai proprio
          nulla da
          fare?Vivere al meglio, crescere mia figlia, avvertire il mio prossimo perchè non venga truffato. e tu ?
  • ecoGreen scrive:
    Una puntualizzazione
    A water powered clock, despite its name, is actually not powered by water[1]. It is quite different from a water clock or clepsydra (Greek kleptein, to steal; hydro, water) which is operated by means of a regulated flow of liquid.In a water powered clock, water is actually used as the conducting agent that completes the electrical circuit for the clock. A slowly dissolving piece of Zinc is used as the source of energy that powers the clock[2]. Usage life will vary depending on the amount of Zinc, which could be from months to several years[3].[edit] References1.^ http://answers.yahoo.com/question/index?qid=20071123033259AAp8Nwp2.^ http://blog.onlineclock.net/water-powered-clock-myth/3.^ http://www.amazon.com/Bedol-Water-Powered-Clock/product-reviews/B001E0IMC8/ref=cm_cr_dp_hist_1?ie=UTF8&showViewpoints=0&filterBy=addOneStar
  • duddi scrive:
    molto carino ma
    1) non hai davvero spiegato come fa a fare quello che fa.2) redazia: come mai 7gadgets e non la sezione di gadget di PI?
    • panda rossa scrive:
      Re: molto carino ma
      - Scritto da: duddi
      1) non hai davvero spiegato come fa a fare quello
      che
      fa.
      2) redazia: come mai 7gadgets e non la sezione di
      gadget di
      PI?Pubblicita' occulta al nuovo winsozz. :$
      • attonito scrive:
        Re: molto carino ma
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: duddi

        1) non hai davvero spiegato come fa a fare
        quello

        che

        fa.

        2) redazia: come mai 7gadgets e non la sezione
        di

        gadget di

        PI?

        Pubblicita' occulta al nuovo winsozz. :$e ad Apple, nokia e tutti gli altri "partner commerciali".... leggere veloce, il post sara' cassato tra 3.... 2.... 1..... ZAP!!!!
  • Antony scrive:
    Ma leggete i commenti prima di postare?
    Inutile urlare "alla bufala"!Un utente ha già postato ieri alle 17:00 un link, dello stesso PI, in cui si spiega il funzionamento di una "pila ad acqua". Qui si usa lo stesso principio.Smettete di dire stupidaggini dal mattino a sera ed informatevi LEGGENDO!Link trovato dall'utente "zuzzurro": http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevettate-batterie-ad-acqua.aspx
    • desyrio scrive:
      Re: Ma leggete i commenti prima di postare?
      - Scritto da: Antony
      Inutile urlare "alla bufala"!
      Un utente ha già postato ieri alle 17:00 un link,
      dello stesso PI, in cui si spiega il
      funzionamento di una "pila ad acqua". Qui si usa
      lo stesso
      principio.

      Smettete di dire stupidaggini dal mattino a sera
      ed informatevi
      LEGGENDO!

      Link trovato dall'utente "zuzzurro":
      http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevettL'unico post che parla di bufala è stato fatto prima delle 17.00 di ieri.Tutti gli altri perlopiù sono incuriositi (o confusi) proprio perchè il link che citi non c'è nell'articolo...
    • funferdelk scrive:
      Re: Ma leggete i commenti prima di postare?
      - Scritto da: Antony
      Inutile urlare "alla bufala"!
      Un utente ha già postato ieri alle 17:00 un link,
      dello stesso PI, in cui si spiega il
      funzionamento di una "pila ad acqua". Qui si usa
      lo stesso
      principio.se il link fosse nell'articolo sarebbe un'altra cosa.
    • Gome e Nocome scrive:
      Re: Ma leggete i commenti prima di postare?
      - Scritto da: Antony
      Inutile urlare "alla bufala"!
      Un utente ha già postato ieri alle 17:00 un link,
      dello stesso PI, in cui si spiega il
      funzionamento di una "pila ad acqua". Qui si usa
      lo stesso
      principio.

      Smettete di dire stupidaggini dal mattino a sera
      ed informatevi
      LEGGENDO!

      Link trovato dall'utente "zuzzurro":
      http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevette se tu avessi letto i commenti di quell'articolo avresti trovato questo commento miohttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=376848&m=3025705#p3025705in cui spiego perchè non è come credi.
    • acno scrive:
      Re: Ma leggete i commenti prima di postare?
      Non mi sembra che sia quello il meccanismo usato.Li si parla di pila elettrocinetica, mentre questa dovrebbe funzionare come una comune pila. Un mio amico ha un orologio simile e all'interno ci sono solo una barra di rame, una di zinco e l'acqua. Non sono un chimico quindi non chiedetemi un dettaglio le reazioni coinvolte, ma il principio di funzionamento e' quello descritto qui':http://it.wikipedia.org/wiki/Protezione_catodicaDiciamo che e' una cosa nota da tempo, la novita' sta che mentre prima l'energia in gioco era insufficente per la quasi totalita' degli usi, ora le nuove tecnologie a basso consumo permetto di sfruttarla.Non aspettatevi pero' di far funzionare un cellulare con questo sistema :-)
      • acno scrive:
        Re: Ma leggete i commenti prima di postare?
        Aggiungo questi due link piu' pertinenti alla'argomento:http://it.wikipedia.org/wiki/Cella_galvanicahttp://it.wikipedia.org/wiki/Potenziale_standard_di_riduzione
  • Gome e Nocome scrive:
    Disinformazione
    Mi piacerebbe che PI, in quanto testata giornalistica, verificasse l'attendibilità di certi "miracoli scientifici". Questo oggetto, salvo verifica, è il solito aggeggio con due elettrodi (che fanno da batteria) e l'acqua che fa da elettrolita. Chi si ritenesse "eccologgico" comprando questo coso, in verità si troverebbe con l'amara sorpresa di doverlo buttare via ("non funziona piu'") quando gli elettrodi si saranno inevitabilmente consumati.Ora, si potebbero fare alcune coniderazioni1) gli elettrodi possono essere sovrastimati, in modo da fornire energia per anni. Ok, però ogni tanto occorre cambiare l'acqua, il che vuol dire che si butta nel lavandino una quantità, anche se minima comunque non nulla, di ioni zinco e rame (gli elettrodi più probabili). Piccola, ok, ma se tutti avessero questo orologio, non sarebbe più così piccola. Il fatto che sia sovradimensionato implica che si è usato molto più materiale dello stretto necessario a farlo funzionare. Il rame costa molto per essere estratto, raffinato e lavorato.2) gli orologi richiedono una batteria a bottone, in genere inquinanti. Esiste la raccolta differenziata per tali batterie. Inoltre, esistono anche orologi che vanno con batterie AA o AAA ricaricabili. Una raccomandazione è che se dovete usare batterie, prendetele ricaricabili.
    • attonito scrive:
      Re: Disinformazione
      - Scritto da: Gome e Nocome
      Mi piacerebbe che PI, in quanto testata
      giornalistica, verificasse l'attendibilità di
      certi "miracoli scientifici". Questo oggetto,
      salvo verifica, è il solito aggeggio con due
      elettrodi (che fanno da batteria) e l'acqua che
      fa da elettrolita. Chi si ritenesse "eccologgico"
      comprando questo coso, in verità si troverebbe
      con l'amara sorpresa di doverlo buttare via ("non
      funziona piu'") quando gli elettrodi si saranno
      inevitabilmente
      consumati.
      Ora, si potebbero fare alcune coniderazioni

      1) gli elettrodi possono essere sovrastimati, in
      modo da fornire energia per anni. Ok, però ogni
      tanto occorre cambiare l'acqua, il che vuol dire
      che si butta nel lavandino una quantità, anche se
      minima comunque non nulla, di ioni zinco e rame
      (gli elettrodi più probabili). Piccola, ok, ma se
      tutti avessero questo orologio, non sarebbe più
      così piccola. Il fatto che sia sovradimensionato
      implica che si è usato molto più materiale dello
      stretto necessario a farlo funzionare. Il rame
      costa molto per essere estratto, raffinato e
      lavorato.

      2) gli orologi richiedono una batteria a bottone,
      in genere inquinanti. Esiste la raccolta
      differenziata per tali batterie. Inoltre,
      esistono anche orologi che vanno con batterie AA
      o AAA ricaricabili. Una raccomandazione è che se
      dovete usare batterie, prendetele
      ricaricabili.ma che, ti metti a discutere con quelli di PI? ma lascia prerdere....
      • Gome e Nocome scrive:
        Re: Disinformazione
        - Scritto da: attonito
        ma che, ti metti a discutere con quelli di PI? ma
        lascia
        prerdere....No, non lascio perdere. La gente viene truffata con queste cose, e faccio ciò che è giusto fare: informo.
        • panda rossa scrive:
          Re: Disinformazione
          - Scritto da: Gome e Nocome
          - Scritto da: attonito

          ma che, ti metti a discutere con quelli di PI?
          ma

          lascia

          prerdere....

          No, non lascio perdere. La gente viene truffata
          con queste cose, e faccio ciò che è giusto fare:
          informo.Fai bene, ma qui su questo forum e' tempo perso.Quelli furbi non si fanno XXXXXXX, quelli non furbi si sono gia' fatti XXXXXXX da un pezzo (e vanno pure in giro dicendo che gli piace!)N.B.Ogni riferimento sottinteso a utenti e sistemi operativi non e' affatto casuale.
          • duddi scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Gome e Nocome

            - Scritto da: attonito


            ma che, ti metti a discutere con quelli di PI?

            ma


            lascia


            prerdere....



            No, non lascio perdere. La gente viene truffata

            con queste cose, e faccio ciò che è giusto fare:

            informo.

            Fai bene, ma qui su questo forum e' tempo perso.io invece ringrazio sentitamente, se fosse stato per te, dunque, non sarei stato informato.quindi ringrazio molto chi ha dato l'informazione iniziale.
        • attonito scrive:
          Re: Disinformazione
          - Scritto da: Gome e Nocome
          - Scritto da: attonito

          ma che, ti metti a discutere con quelli di PI?

          ma lascia prerdere....

          No, non lascio perdere. La gente viene truffata
          con queste cose, e faccio ciò che è giusto fare:
          informo.hanno il tasto "censura" dalla parte del mouse, mi meraviglio non abbiano gia brasato via il 3d. Si vede chestamane il censore non ha ancora smaltito la sbornia....
      • Vindicator scrive:
        Re: Disinformazione
        - Scritto da: attonito
        ma che, ti metti a discutere con quelli di PI? ma
        lascia
        prerdere....ormai è prassi, purtroppo.
    • scoreggia potente scrive:
      Re: Disinformazione
      Ottimo commento. Molto meglio di quella XXXXXXX che è l'articolo. "Orologio alimentato dall'acqua"... ma per favore...
    • desyrio scrive:
      Re: Disinformazione
      - Scritto da: Gome e Nocome
      Mi piacerebbe che PI, in quanto testata
      giornalistica, verificasse l'attendibilità di
      certi "miracoli scientifici". Questo oggetto,
      salvo verifica, è il solito aggeggio con due
      elettrodi (che fanno da batteria) e l'acqua che
      fa da elettrolita. Chi si ritenesse "eccologgico"
      comprando questo coso, in verità si troverebbe
      con l'amara sorpresa di doverlo buttare via ("non
      funziona piu'") quando gli elettrodi si saranno
      inevitabilmente
      consumati.
      Ora, si potebbero fare alcune coniderazioni

      1) gli elettrodi possono essere sovrastimati, in
      modo da fornire energia per anni. Ok, però ogni
      tanto occorre cambiare l'acqua, il che vuol dire
      che si butta nel lavandino una quantità, anche se
      minima comunque non nulla, di ioni zinco e rame
      (gli elettrodi più probabili). Piccola, ok, ma se
      tutti avessero questo orologio, non sarebbe più
      così piccola. Il fatto che sia sovradimensionato
      implica che si è usato molto più materiale dello
      stretto necessario a farlo funzionare. Il rame
      costa molto per essere estratto, raffinato e
      lavorato.

      2) gli orologi richiedono una batteria a bottone,
      in genere inquinanti. Esiste la raccolta
      differenziata per tali batterie. Inoltre,
      esistono anche orologi che vanno con batterie AA
      o AAA ricaricabili. Una raccomandazione è che se
      dovete usare batterie, prendetele
      ricaricabili.Grazie per la spiegazione, in effetti sono rimasto esterrefatto da questo articolo ai limiti del paranormale...PI: "Curiosi di sapere come possa funzionare, senza alcun tipo di alimentazione?" Lettore: si!PI: "Usa l'acqua."Lettore: :s
      • attonito scrive:
        Re: Disinformazione

        PI: "Curiosi di sapere come possa funzionare,
        senza alcun tipo di alimentazione?"

        Lettore: si!
        PI: "Usa l'acqua."
        Lettore: :ssiamo al limite di cabala, misticismo e vampiri.... bravi PI!
        • krane scrive:
          Re: Disinformazione
          - Scritto da: attonito

          PI: "Curiosi di sapere come possa funzionare,

          senza alcun tipo di alimentazione?"

          Lettore: si!

          PI: "Usa l'acqua."

          Lettore: :s
          siamo al limite di cabala, misticismo e
          vampiri.... bravi PI!Bookmark diretto al forum e passa la paura, qualcuno legge ancora le notizie qui ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: attonito


            PI: "Curiosi di sapere come possa funzionare,


            senza alcun tipo di alimentazione?"



            Lettore: si!


            PI: "Usa l'acqua."


            Lettore: :s


            siamo al limite di cabala, misticismo e

            vampiri.... bravi PI!

            Bookmark diretto al forum e passa la paura,
            qualcuno legge ancora le notizie qui
            ?Certo che no. Si legge il titolo, al massimo il sottotitolo, poi si va nel forum a leggere i commenti. (ghost)
          • attonito scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: attonito



            PI: "Curiosi di sapere come possa
            funzionare,



            senza alcun tipo di alimentazione?"





            Lettore: si!



            PI: "Usa l'acqua."



            Lettore: :s




            siamo al limite di cabala, misticismo e


            vampiri.... bravi PI!



            Bookmark diretto al forum e passa la paura,

            qualcuno legge ancora le notizie qui

            ?

            Certo che no. Si legge il titolo, al massimo il
            sottotitolo, poi si va nel forum a leggere i
            commenti.
            (ghost)io l'articolo (vabbeh, articolo...) me lo sono letto un paio di volte, poi, constatato che si trattava della solita PI-ata, sono venuto a postare...
      • duddi scrive:
        Re: Disinformazione
        - Scritto da: desyrio
        PI: "Curiosi di sapere come possa funzionare,
        senza alcun tipo di alimentazione?"

        Lettore: si!
        PI: "Usa l'acqua."
        Lettore: :sahahahah :Desatto!!!! è quello che ho pensato! :Dgrazie per chi ha specificato.
    • acno scrive:
      Re: Disinformazione
      Potrebbe anche essere corretto come ragionamento, se non fosse che rame e zinco sono due metalli diffusissimi e innocui, ogni lamiera o struttura in ferro esposta all'aria e' di norma zincata, gran parte delle grondaie sono in rame, molte statue sono in bronzo, gran parte dei tubi per gli impianti di riscaldamento e condizionamento sono in rame. Puoi immaginare quanti sali e ioni di questi metalli finiscono nel terreno e nei fiumi ogni giorno.Quindi vuoi dire che e' meglio buttare via delle pile che un po' d'acqua e una quantita' risibile di rame e zinco ?Inoltre, il dispositivo non e' altro che una pila ricaricabile, quindi quando dici di usare orologi con pile ricaricabili, non fai altro che consigliare questo orologio :-)Riassumendo, l'unica "critica" che si puo' fare all'articolo e' di pubblicizzare apertamente un prodotto specifico.
      • panda rossa scrive:
        Re: Disinformazione
        - Scritto da: acno
        Inoltre, il dispositivo non e' altro che una pila
        ricaricabile, quindi quando dici di usare
        orologi con pile ricaricabili, non fai altro che
        consigliare questo orologio
        :-)Ottimo.Ma a questo punto perche' non approfondire e non descrivere una semplice applicazione da farsi in casa come esperimento, prendendo un bicchiere d'acqua, due elettrodi, un led, e vedere che si accende?Potrebbe essere una cosa divertente per i bambini...
        • acno scrive:
          Re: Disinformazione
          L'energia prodotta e' piccolissima, non credo sia sufficiente per alimentare un led, a meno di usare elettrodi molto grandi o aumentare l'acidita' dell'acqua, ma a quel punto avremmo una rudimentale vera pila.Vedi la mia risposta a Antony...
          • Gome e Nocome scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: acno
            L'energia prodotta e' piccolissima, non credo sia
            sufficiente per alimentare un led, a meno di
            usare elettrodi molto grandila dimensione degli elettrodi non c'entra.La differenza di potenziale dipende da due cose1) natura degli elettrodi (e.g. rame/zinco)2) il "discharge potential", che è una sorta di barriera da vincere per far avvenire la reazione, ed è sottrattivo. Questo dipende dal materiale ma anche dalla struttura (e.g. porosa, liscia) degli elettrodi.per alimentare un LED hai bisogno di due cose:- superare il potenziale di attivazione del led- sufficiente corrente (flusso di elettroni)Se non ottieni queste due cose con una sola batteria, puoi metterne due in serie (per aumentare la differenza di potenziale), o in parallelo (per aumentare la corrente). Quindi è possibile alimentare un led con questa batteria, semplicemente te ne servono quattro: due coppie in parallelo, con i membri di ciascuna coppia in serie. Il potenziale ottenuto è intorno ai 3 V, e la corrente dovrebbe essere sufficiente. Vado a spanne eh...
            o aumentare
            l'acidita' dell'acqua, ma a quel punto avremmo
            una rudimentale vera
            pila.L'acidità la rende più conduttiva, quindi sì, questo aiuta, ma solo perchè la non acidità non aiuta.

            Vedi la mia risposta a Antony...
          • Gome e Nocome scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: Gome e Nocome
            La differenza di potenziale dipende da due cose

            1) natura degli elettrodi (e.g. rame/zinco)
            2) il "discharge potential", che è una sorta di
            barriera da vincere per far avvenire la reazione,
            ed è sottrattivo. Questo dipende dal materiale ma
            anche dalla struttura (e.g. porosa, liscia) degli
            elettrodi.beh dipende anche da altro per essere precisi. La concentrazione degli ioni del metallo in soluzione, la temperatura, la concentrazione di altri ioni estranei alla reazione... ma non esageriamo
          • acno scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: Gome e Nocome
            - Scritto da: acno

            L'energia prodotta e' piccolissima, non credo
            sia

            sufficiente per alimentare un led, a meno di

            usare elettrodi molto grandi

            la dimensione degli elettrodi non c'entra.
            La differenza di potenziale dipende da due cose..........
            Se non ottieni queste due cose con una sola
            batteria, puoi metterne due in serie (per
            aumentare la differenza di potenziale), o in
            parallelo (per aumentare la corrente). Quindi è
            possibile alimentare un led con questa batteria,
            semplicemente te ne servono quattro: due coppie
            in parallelo, con i membri di ciascuna coppia in
            serie. Il potenziale ottenuto è intorno ai 3 V, e
            la corrente dovrebbe essere sufficiente......La dimensione degli elettrodi c'entra perche' aumenta la corrente disponibile e quindi l'energia, equivalente a metterne due o piu' in parallelo come dici poi anche tu.Di nuovo, dubito che mantendo le dimensione accettabili, l'energia disponibile sia sufficiente per accendere un led. Dipende poi anche da cosa si intende per accendere, magari lo si potrebbe far lampeggiare, di sicuro non si faranno grandi cose. Bisognerebbe fare qualche esperimento.
          • Gome e Nocome scrive:
            Re: Disinformazione
            - Scritto da: acno
            La dimensione degli elettrodi c'entra perche'
            aumenta la corrente disponibile e quindi
            l'energia, equivalente a metterne due o piu' in
            parallelo come dici poi anche
            tu.Sì hai ragione. La corrente dipende dall'area immersa degli elettrodi.
            Di nuovo, dubito che mantendo le dimensione
            accettabili, l'energia disponibile sia
            sufficiente per accendere un led. Dipende poi
            anche da cosa si intende per accendere, magari lo
            si potrebbe far lampeggiare, di sicuro non si
            faranno grandi cose. Bisognerebbe fare qualche
            esperimento.Sempre fare esperimenti! La vita è sperimentazione.
      • lupo alberto scrive:
        Re: Disinformazione
        Innanzi tutto il rame non è affatto innocuo:http://www.atsdr.cdc.gov/toxprofiles/tp.asp?id=206&tid=37Seconda cosa, la quantità di materiale consumata è la stessa di una pila dato che la reazione chimica è la stessa, e comunque una pila può venire riciclata.Sul funzionamento però penso si tratta di una pila a concentrazione, ovvero un elettrodo immerso in una soluzione molto concentrata e un altro in una soluzione molto diluita (l'acqua per l'appunto).Comunque mi sembra una truffa bella e buona se uno vuole essere ecologico farebbe meglio ad utilizzare un orologio meccanico o al limite solare...
      • funferdelk scrive:
        Re: Disinformazione
        - Scritto da: acno
        Potrebbe anche essere corretto come ragionamento,
        se non fosse che rame e zinco sono due metalli
        diffusissimi e innocui, ogni lamiera o struttura
        in ferro esposta all'aria e' di norma zincata,
        gran parte delle grondaie sono in rame, molte
        statue sono in bronzo, gran parte dei tubi per
        gli impianti di riscaldamento e condizionamento
        sono in rame. Puoi immaginare quanti sali e ioni
        di questi metalli finiscono nel terreno e nei
        fiumi ogni
        giorno.

        Quindi vuoi dire che e' meglio buttare via delle
        pile che un po' d'acqua e una quantita' risibile
        di rame e zinco
        ?

        Inoltre, il dispositivo non e' altro che una pila
        ricaricabile, quindi quando dici di usare
        orologi con pile ricaricabili, non fai altro che
        consigliare questo orologio
        :-)

        Riassumendo, l'unica "critica" che si puo' fare
        all'articolo e' di pubblicizzare apertamente un
        prodotto
        specifico.non è certo l'unica.ma anche di non dire come funziona, cosa essenziale in un articolo.è una smaccata pubblicità.e passi.ma mi devi dire cosa c'è di davvero fico in un prodotto e dirmi COME ottiene questo risultato.comunque il tuo commento è utile e mi piacerebbe vedere una risposta pertinente e seria.grazie per averlo fatto
      • acno scrive:
        Re: Disinformazione
        - Scritto da: Gome e Nocome
        - Scritto da: acno....

        Inoltre, il dispositivo non e' altro che una
        pila

        ricaricabile, quindi quando dici di usare

        orologi con pile ricaricabili, non fai altro che

        consigliare questo orologio

        Non esattamente. una pila ricaricabile si
        ricarica reintroducendo corrente nel sistema da
        una fonte esterna. Non puoi ricaricare una pila
        rame-zinco.....Intendevo che fino a che ci sono gli elettrodi, basta cambiare l'acqua per "ricaricare" la pila.
  • alien scrive:
    Sig. Volta forse?
    2 metalli tipo zinco e rame come elettrodi e l'acqua che fa da conduttore.... si produce una piccola energia cmq capace di alimentare l'orologio...
  • user scrive:
    nessuna novità c'era già in italia da te
    da tempo nei negozi anche in italia avete preso un granchio
  • angros scrive:
    Acqua Watch del Mulino Bianco
    Ve lo ricordate? Io ce lo avevo... orologio da polso alimentato ad acqua (si caricava lavandosi le mani)Non è una novità.
    • bertuccia scrive:
      Re: Acqua Watch del Mulino Bianco
      - Scritto da: angros
      Ve lo ricordate? Io ce lo avevo... orologio da
      polso alimentato ad acqua (si caricava lavandosi
      le
      mani)

      Non è una novità.capito, non mi ricordavo di quell'orologiomi ha ingannato l'immagine del serbatoioa) molto grandeb) parzialmente vuoto
    • user scrive:
      Re: Acqua Watch del Mulino Bianco
      c'è la pubblicità su youtube http://www.youtube.com/watch?v=Qx8-RZruYXo
    • Gome e Nocome scrive:
      Re: Acqua Watch del Mulino Bianco
      - Scritto da: angros
      Ve lo ricordate? Io ce lo avevo... orologio da
      polso alimentato ad acqua (si caricava lavandosi
      le
      mani)

      Non è una novità.Non era alimentato ad acqua. Era alimentato da piccoli elettrodi interni (che si consumano, scaricandosi) e c'era un forellino che consentiva all'acqua di entrare. L'acqua (non distillata) permette il contatto elettrico tra i due elettrodi e consente la produzione di corrente. quando "ricaricavi" semplicemente pulivi il piccolo serbatoio interno con nuova acqua, sostituendo quella che era diventato troppo satura dei prodotti della reazione elettrochimica per fornire energia sufficiente. Non si può produrre energia elettrochimica dall'acqua e basta, come non si può produrre energia da un peso al piano terra. Chiunque vi dica diversamente è un truffatore.Ora, se usa un generatore gravitazionale (come un orologio a cucù) non lo so, ma dubito fortemente che un etto di acqua (al massimo) scendendo di pochi centimetri, sia in grado di fornire abbastanza energia per tenere vivo un orologio per molto tempo. Chiunque abbia un orologio a cucù sa che va ricaricato ogni giorno. Va bene, un cucù è meccanico e l'elettronica consuma poco, ma basta un po' di fisica per capire che è improbabile.Supponiamo che ci sia un etto d'acqua (100 g = 0.1 kg) e che scenda di 10 cm = 0.1 m. La fisica dice che l'energia prodotta sarà m*g*delta_h = 0.1 * 9.81 * 0.1 = 0.0981 Joule =circa= 0.1 W*sil che vuol dire che questo tipo di aggeggio può alimentare qualcosa che consumi un Watt per un solo decimo di secondo. Un orologio da polso consuma un microwatt = 10^-6 watt ( vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Orders_of_magnitude_%28power%29 ) il che vuol dire che il tempo massimo e' pari a 10000 secondi, che sono 2.7 ore. Questo assumendo completa conversione dell'energia gravitazionale in elettrica, il che è impossibile sotto tutti i punti di vista.In pratica, è una XXXXXXXX.Altro sull'orologio ad acquahttp://blog.onlineclock.net/water-powered-clock-myth/
  • docdoc scrive:
    Bufala?
    Ma scusate, qualcuno sa come fa a generare corrente dall'acqua questa sveglia? Non viene spiegato neanche nel sito linkato all'articolo, e questo e' quanto ho trovato su un altro sito per un prodotto analogo:The internal converter simply extracts electrons from water (or other liquid) molecules and provides a steady stream of electrical current acting as a fuel cell to generate power to the clock.Estrae elettroni dalle molecole d'acqua?... La fisica direbbe che per poterlo fare occorre in lavoro, quindi energia. Per cui se qualcuno ha trovato una spiegazione SCIENTIFICA (e non la descrizione sul sito che vende sta robaccia) magari potrebbe postarla?
    • FridayChild scrive:
      Re: Bufala?
      io avevo un orologio a frutta... conficcavi degli elettrodi in un paio di mele, e funzionava. l'unico problema e' che durava pochi giorni. pero' penso che il principio sia lo stesso per cui non dovrebbe essere una bufala, in fondo sono solo pochi millivolt, ma per me dura poco
      • Gome e Nocome scrive:
        Re: Bufala?
        - Scritto da: FridayChild
        io avevo un orologio a frutta... conficcavi degli
        elettrodi in un paio di mele, e funzionava.
        l'unico problema e' che durava pochi giorni.
        pero' penso che il principio sia lo stesso per
        cui non dovrebbe essere una bufala, in fondo sono
        solo pochi millivolt, ma per me dura
        pocoL'orologio a frutta usa il liquido (e i suoi contenuti) per rendere possibile una reazione elettrochimica tra gli elettrodi che gli conficchi dentro. Non è la frutta che genera la differenza di potenziale. Sono gli elettrodi.
  • bertuccia scrive:
    correzione
    in realtà usa l'acqua più la gravità
    • angros scrive:
      Re: correzione
      - Scritto da: bertuccia
      in realtà usa l'acqua più la gravitàNon credo... credo che sfrutti l'acqua in una sorta di micropila, come l'acqua watch:http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20090126202919AA53ZJF
    • zuzzurro scrive:
      Re: correzione
      http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevettate-batterie-ad-acqua.aspxStrano dare una risposta ad un articolo di PI... con un articolo di PI! :D
      • panda rossa scrive:
        Re: correzione
        - Scritto da: zuzzurro
        http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevett

        Strano dare una risposta ad un articolo di PI...
        con un articolo di PI!
        :DComplimenti per l'ottima ricerca in archivio.Direi che abbiamo risolto il mistero!
        • Gome e Nocome scrive:
          Re: correzione
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: zuzzurro


          http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevett



          Strano dare una risposta ad un articolo di PI...

          con un articolo di PI!

          :D

          Complimenti per l'ottima ricerca in archivio.
          Direi che abbiamo risolto il mistero!non direi proprio...scetticismo figlioli, scetticismo.
      • francoecicc io scrive:
        Re: correzione
        - Scritto da: zuzzurro
        http://punto-informatico.it/376848/PI/News/brevett

        Strano dare una risposta ad un articolo di PI...
        con un articolo di PI!
        :DPWNED :D
  • Claudio vercesi scrive:
    acqua
    Interessante... ma come funziona?Postate almeno un link per approfondire grazie!
    • bertuccia scrive:
      Re: acqua
      - Scritto da: Claudio vercesi
      Interessante... ma come funziona?
      Postate almeno un link per approfondire grazie!l'unico modo che mi viene in mente è che l'acqua defluisca nella vaschetta sottostante..insomma energia idroelettrica
      • angros scrive:
        Re: acqua

        l'unico modo che mi viene in mente è che l'acqua
        defluisca nella vaschetta
        sottostante..

        insomma energia idroelettricaEsisteva già un orologio che sfruttava quel principio: si chiamava clessidra.
        • bertuccia scrive:
          Re: acqua
          - Scritto da: angros

          Esisteva già un orologio che sfruttava quel
          principio: si chiamava clessidra.beh il caso che ipotizzavo era un po' diverso! :D
Chiudi i commenti