Facebook, la ricerca social allunga i tentacoli

Aggiornamento al Graph Search del sito in blu, che permetterà ai suoi utenti di cercare tutto ciò che è stato condiviso dagli amici. Dai singoli post agli aggiornamenti di stato su determinati argomenti

Roma – Lanciato in una prima versione beta per tutti gli iscritti statunitensi, il motore di ricerca delle connessioni social diventerà ancora più potente e invasivo, con conseguenze che già allarmano gli attivisti per la privacy digitale. L’ambiziosa funzione di Facebook Graph Search permetterà ad un limitato gruppo di utenti-tester di effettuare ricerche basate su tutto ciò che è stato condiviso dagli amici in blu .

Alcuni esempi per chiarire in modo sintetico il funzionamento della nuova feature annunciata dai responsabili dell’azienda di Menlo Park. Se con la prima release di Graph Search era possibile trovare tutti quegli utenti che seguono l’acclamatissima serie televisiva Breaking Bad , le modifiche apportate da Facebook al suo motore social permetteranno di scoprire post, aggiornamenti di stato e semplici attività di sharing legate all’atteso finale di domenica scorsa (ieri in Italia).

Altro esempio , un utente potrà digitare la query post su ballando con le stelle con i miei amici , per avere restituito un flusso di contenuti organizzato per quel determinato programma televisivo. In altre parole, si tratta di una nuova espansione del comando hashtag adottato sulla scia di Twitter per raggruppare le condivisioni a mezzo social network su determinati e popolari argomenti di discussione online.

In aggiunta , i primi tester statunitensi potranno ottenere tutti i post pubblicati da un determinato account (esempio, la Casa Bianca) o un ordine cronologico (tutti i contenuti del 2012) della pubblicazione. In attesa dei feedback da parte dei suoi utenti, Facebook potenzia il Graph Search per risultare ancora più attraente agli inserzionisti, per una profilazione definitiva dei netizen personalizzazione tagliata su misura dei consumatori del web.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vac scrive:
    SIEMENS licenza!?
    Siemens licenzia!? Sì, in europa! In realtà delocalizza (molto in Russia)=
    I nuovi software indistriali SIEMENS fanno assolutamente cag###.
  • vac scrive:
    SIEMENS
    Siemens licenzia... In europa e delocalizza (molto in russia)=
    I nuovi software indistriali SIEMENS fanno assolutamente XXXXXX.
  • tucumcari scrive:
    Lasciati a casa
    Almeno là il sussidio per disoccupati funziona. Non muoiono di fame. Però le politiche della Merkel li obbligano ad accettare lavori mal pagati, se gli vengono offerti.
    • Francesco scrive:
      Re: Lasciati a casa
      Meglio che tenere a casa decine di migliaia di raccomandati pagandoli con quell'aberrazione che è la casse integrazione straordinaria... almeno li mandassero a pulire le aiuole o tappare le buche.
      • cicciobello scrive:
        Re: Lasciati a casa
        E se invece ti mandano a prostituirti? È un lavoro che hai la capacità di fare, quindi non hai scuse per rifiutare (qualche anno fa l'avevano fatto, proprio in Germania)
    • cicciobello scrive:
      Re: Lasciati a casa

      Però le politiche della Merkel li obbligano ad
      accettare lavori mal pagati, se gli vengono
      offerti.Qualche anno fa era ancora peggio: in Germania avevano legalizzato la prostituzione (di per sè, tale scelta aveva anche senso: visto che non c'è modo di eliminarla, legalizzandola per lo meno chi si prostituiva avrebbe avuto diritto ai contributi, ai controlli sanitari, avrebbe pagato le tasse e molto altro); peccato che, con l'obbligo di accettare le offerte di lavoro, capitava che ai disoccupati venisse proposto di andare a prostituirsi (era perfettamente lecito, trattandosi di una professione legale), e se questi rifiutavano perdevano il sussidio di disoccupazione.
      • ciance ciance scrive:
        Re: Lasciati a casa
        - Scritto da: cicciobello

        Però le politiche della Merkel li obbligano
        ad

        accettare lavori mal pagati, se gli vengono

        offerti.

        Qualche anno fa era ancora peggio: in Germania
        avevano legalizzato la prostituzione (di per sè,
        tale scelta aveva anche senso: visto che non c'è
        modo di eliminarla, legalizzandola per lo meno
        chi si prostituiva avrebbe avuto diritto ai
        contributi, ai controlli sanitari, avrebbe pagato
        le tasse e molto altro); peccato che, con
        l'obbligo di accettare le offerte di lavoro,
        capitava che ai disoccupati venisse proposto di
        andare a prostituirsi (era perfettamente lecito,
        trattandosi di una professione legale), e se
        questi rifiutavano perdevano il sussidio di
        disoccupazione.http://www.spiegel.de/international/zeitgeist/outrage-after-job-center-suggests-brothel-job-for-young-woman-in-germany-a-882021.htmlSono state sviste, ma dal tuo commento si capisce che è la normalità.Cazzaro detected.
      • Verzasoft scrive:
        Re: Lasciati a casa
        Fonte?Scusa se te lo chiedo, ma nonostante sia un lavoro legale (e in Germania lo è da un bel po') non è ancora un lavoro statale fornito dallo stato, quindi mi puzza tanto di leggenda metropolitana. Come se mi dicessero di fare la cavia da laboratorio umana: un conto è la prestazione d'opera, un conto è la fruizione del corpo.
      • tucumcari scrive:
        Re: Lasciati a casa
        La storiella è divertente, una leggenda urbana con delle basi credibili. :-)Peccato che è falsa, come quella del VHS che ha vinto sul betamax perché lì c'erano i XXXXX (hint: i XXXXX c'erano anche nel Betamax).A metà dei 70 girava la voce che in Olanda si sposavano fra uomini, e un film come La patata bollente ha fissato per sempre questa leggenda.Oggi i matrimoni omosessuali in Olanda ci sono, come in altri luoghi, ma ci son voluti decenni... e l'Olanda non é stata nemmeno la prima!
    • iRoby scrive:
      Re: Lasciati a casa
      La Germania sta nascondendo i disoccupati con lavori sociali da 2 l'ora, pena la perdita dei contributi previdenziali.Il miracolo tedesco è finito o meglio non c'è mai stato perché si basava sulla diminuzione dei salari, sui licenziamenti e l'occultamento della disoccupazione, ed ora che i BRICS non stanno crescendo, la Germania è esposta ad una crisi micidiale:http://www.libreidee.org/2013/10/barnard-tutta-la-verita-sul-disastro-del-modello-tedesco/http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=712
      • Ricky Portera scrive:
        Re: Lasciati a casa

        La Germania sta nascondendo i disoccupati con
        lavori sociali da 2 l'ora, pena la perdita dei
        contributi
        previdenziali.Tolto che la storia dei 2 l'ora ha l'aria della solita propaganda antitedesca.In ogni caso, se solo l'Italia potesse permettersi di creare lavori da 2  l'ora per nascondere il suo micidiale stato di disoccupazione, sarebbe già un passo avanti...Purtroppo nemmeno quello. :-(
        Il miracolo tedesco è finito o meglio non c'è mai
        stato Hanno truccato anche le statistiche, la Volkswagen non è diventata la terza produttrice di auto. Gli operai tedeschi producevano auto per far vedere che non stavano con le mani in mano, e il governo di notte le distruggeva.
      • il signor rossi scrive:
        Re: Lasciati a casa
        - Scritto da: iRoby
        La Germania sta nascondendo i disoccupati con
        lavori sociali da 2 l'ora, pena la perdita dei
        contributi
        previdenziali.

        Il miracolo tedesco è finito o meglio non c'è mai
        stato perché si basava sulla diminuzione dei
        salari, sui licenziamenti e l'occultamento della
        disoccupazione, ed ora che i BRICS non stanno
        crescendo, la Germania è esposta ad una crisi
        micidiale:

        http://www.libreidee.org/2013/10/barnard-tutta-la-

        http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.certo, uno legge questi articoli e magari ci crede anche, poi mi ricordo che ho colleghi che per fare il mio lavoro di programmatore in Germania con la mia stessa esperienza prendono 2,5 volte il mio stipendio e non 2 euro l'ora. Questo Paolo Barnard non so chi sia, ma non leggo fonti o studi nel suo articolo, ma solo una serie di affermazioni non documentate. Per quanto mi riguarda, il suo articolo ha lo stesso valore di quelli che dicono che non siamo mai andati sulla luna o che Paul McCartney è morto ed è stato sostituito da un sosia.Per inciso, la politica che lui descrive nell'articolo è casomai quella che è stata fatta in Italia (o che si sta tentando di fare).
        • Ricky Portera scrive:
          Re: Lasciati a casa

          certo, uno legge questi articoli e magari ci
          crede anche, iRoby di sicuro.È amico di Paolo Barnard. ;-)
          poi mi ricordo che ho colleghi che
          per fare il mio lavoro di programmatore in
          Germania con la mia stessa esperienza prendono
          2,5 volte il mio stipendio e non 2 euro l'ora.
          Questo Paolo Barnard non so chi sia, E non puoi saperlo dalla fonte più logica, Wikipedia, perché la pagina relativa è bloccata per minacce legali. Assieme a quella di Filippo Facci, Antonio Angelucci e di pochi altri personaggi pubblici. :-)Comunque qualcosa te lo posso dire io (vedi oltre).
          ma non leggo
          fonti o studi nel suo articolo, ma solo una serie
          di affermazioni non documentate. Per quanto mi
          riguarda, il suo articolo ha lo stesso valore di
          quelli che dicono che non siamo mai andati sulla
          luna Senza saperlo, hai enunciato una delle sue affermazioni, fatte in passato. (rotfl)Non so se Paolo Barnard lo sostenga ancora.
        • iRoby scrive:
          Re: Lasciati a casa
          - Scritto da: il signor rossi
          certo, uno legge questi articoli e magari ci
          crede anche, poi mi ricordo che ho colleghi che
          per fare il mio lavoro di programmatore in
          Germania con la mia stessa esperienza prendono
          2,5 volte il mio stipendio e non 2 euro l'ora.Il programmatore è una cosa, gli operai metalmeccanici e la manovalanza più o meno specializzata sono un'altra cosa.I lavori da 2 l'ora vengono proposti ai disoccupati licenziati da poco e per i quali non c'è stata cassa integrazione o è esaurita prima che trovassero un altro lavoro.
          Questo Paolo Barnard non so chi sia, ma non leggo
          fonti o studi nel suo articolo, ma solo una serie
          di affermazioni non documentate. Per quanto miTu hai dei seri problemi di vista o di dissonanza, perché tutto l'articolo è una citazione di fonti. Dall'articolo di Barnard:"Le fonti sono autorevoli, cioé: OCSE, German Institute for Economic Research, Peterson Institute for International Economics, WSJ (Wall Street Journal)"Paolo Barnard è uno dei migliori giornalisti d'inchiesta italiani.La sua Biografia:http://www.paolobarnard.info/chi.phpLo troverai sicuramente negli archivi RAI in molte inchieste.
        • Billo Gatesso e Linusso Torvaldis scrive:
          Re: Lasciati a casa
          Documentati, Google è amico: Hartz minijob. Ovviamente riservati ai cittadini tedeschi a basso reddito (inclusi i pensionati minimi). Fatti apposta per rendere non competitivi gli immigrati a bassa scolarizzazione che infatti abbandonano la Germania al ritmo di 700.000 l'anno. Ci vorrebbe una riforma Hartz in Italia.
Chiudi i commenti